Notizie dal Mondo Copertina, Generica

Le scuse di Max Eisenbud a Caroline Wozniacki

07/05/2017 17:30 6 commenti
Caroline Wozniacki nella foto
Caroline Wozniacki nella foto

Max Eisenbud si scusa con Caroline Wozniacki e la sua famiglia.
“Sono molto dispiaciuto e spero mi possiate perdonare. Non è stato il momento che più mi ha reso orgoglioso nella mia vita, perché durante l’intervista sono stato davvero stupido e non razionale.”

Il padre-coach della Wozniacki, Piotr, non accetta le scuse: “Se fosse davvero un uomo si sarebbe scusato anche in pubblico per aver detto quelle cose”.


L’attacco alla Wozniacki


TAG: ,

6 commenti

Luca_nl 07-05-2017 21:49

Scritto da francesco
si è scusato con la Wozniacki e non con la Radwanska?

Forse perchè la critica fatta da Woz non era tanto campata in aria, visto che aveva detto che il torneo tedesco iniziava con le Qualifiche e Maria alla data delle qualifiche era ancora squalificata, e quindi sarebbe stato più corretto aspettare ancora una settimana.

La Radwanska era stata più drastica, niente W.C. ricominci dai tornei minori.

6
francesco (Guest) 07-05-2017 21:12

si è scusato con la Wozniacki e non con la Radwanska?

5
lallo (Guest) 07-05-2017 19:22

Boh! Io apprezzo molto la Woz ma nelle parole del manager della Sharapova avevo trovato sì parecchio cattivo gusto (vecchie? a 26anni… etc) ma misto ad una discreta dose di realtà. Una cosa è certa: non è difficile scusarsi di persona. Il manager veda di applicarsi per farlo. Piotr poteva evitare di rimestare nella polemica. Carolina si sa difendere benissimo da sola. Propongo immediata mediazione di Sasha Bajn. Che a occhio mi pare un vero gentleman.

4
Shuzo (Guest) 07-05-2017 18:40

Il padre della Wozniacki ha tutto il diritto di non perdonare l’agente della Sharapova, questo Eisenbund. Tuttavia non mi sembra che le giocatrici attaccate da quest’uomo siano state più tenere verso la Sharapova.
La realtà è che ognuno di noi può sbagliare e commettere sciocchezze (io compreso). Come ognuno di noi quando sbaglia, desidererebbe che gli altri fossero comprensivi con lui, anche noi dovremmo sforzarci di essere comprensivi verso gli errori degli altri.
Certo, essere comprensivi verso chi ci ha ucciso un familiare o rovinato la vita, è sicuramente quasi impossibile (benché alcuni ci riescano). Tuttavia, sforzarci di farlo almeno verso chi ha sbagliato senza danneggiare noi o senza averci fatto qualcosa di realmente tremendo, forse, se non è doveroso, è sicuramente qualcosa che ci renderebbe persone migliori.

3
Luis (Guest) 07-05-2017 18:29

Tra Eisembud ed il padre di Caroline è una bella lotta. Secondo me Piotr è antipaticissimo.

2
sg (Guest) 07-05-2017 18:00

Ho letto alcuni passaggi della sentenza cas sharapova.
In particolare, al punto 100 “…The Panel wishes to emphasize that based on the evidence, the Player did not endeavour to mask or hide her use of Mildronate and was in fact open about it to many in her entourage and based on a doctor’s recommendation, that she took the substance with the good faith belief that it was appropriate and compliant with the relevant rules and her anti-doping obligations…”.
La sentenza chiarisce che la Sharapova non ha sbagliato in malafede, infatti non ha nascosto l’uso di questa sostanza, ma è stata negligente e questo errore lo ha giustamente pagato.

Le giocatrici che dichiarano che la Sharapova non può essere un esempio per i giovani che si avvicinano a questo sport perchè ha fatto uso di dpoing o non hanno letto la sentenza o sono in malafede.

1