Gioia Barbieri: quando è giusto dire addio

19/06/2016 08:30 26 commenti
Gioia Barbieri classe 1991, n.370 WTA
Gioia Barbieri classe 1991, n.370 WTA

“Un amore folle, viscerale, inspiegabile”: Gioia Barbieri nel suo lungo e toccante messaggio social descrive così il suo rapporto con il tennis, richiamo difficile da non ascoltare, se non impossibile ma che lei ha deciso di mettere da parte per “esplorare nuovi mari”.

Classe 1991, 25 anni il prossimo luglio, la Barbieri saluta così il circuito professionistico per dedicarsi a qualcosa magari di meno stimolante ma senza dubbio vissuto con più certezze: da una foto a fine post si capisce la sua volontà di spostare i propri interessi nel mondo dell’azienda immobiliare di famiglia, una realtà che sicuramente sarà meno precaria del tennis pro, decisamente più precario a certi livelli. Personalmente non posso che fare un sentito applauso a Gioia, autrice di una scelta difficile ma che capisco perfettamente.
Arrivata al best ranking di numero 170 in singolare, la Barbieri può vantare nella sua già terminata carriera otto tornei ITF più una finale in doppio l’anno scorso con Karin Knapp a Katowice. Chi la conosce bene afferma che l’idea le ronzava nella testa da più di un anno, esattamente dagli Internazionali d’Italia 2015, quando all’indomani di una sconfitta aveva deciso di prendersi un break di 2 mesi.

Qui non si tratta di potenziale, di mezzi fisici o atletici sufficienti o meno per essere una professionista di buon livello: qui si tratta di un sogno cullato fin da bambina che francamente non può essere raggiunto. La top200 per Gioia non poteva diventare un nuovo obiettivo, lei che dopo le proficue esperienze con Galimberti e Pistolesi viveva da un anno e mezzo un periodo di involuzione e di crollo verticale in classifica (attualmente fuori dalle prime 350). L’ambizione di tornare vicina al suo best ranking forse non era così forte e sicuramente la posizione attuale non poteva renderla felice o fiera. Meglio guardare in faccia la realtà: troppo lontana dal tennis che conta, quel tennis che lei ha sempre visto come ideale punto di arrivo e che allo stato attuale dei fatti era impossibile raggiungere.

Da una parte la necessità di essere onesti con sé stessi e accettare una realtà, anche se fa male, dall’altra però il sogno che hai alimentato, che è cresciuto con te, che ti ha fatto faticare ogni giorno per ore sul campo da tennis e che decidi di prendere e riporre nel cassetto. La vita può essere dura, meglio lavorare oggi per il futuro, lavorare fra gli affetti e l’amore di chi ti aiuterà a superare l’addio al tuo amato, il tuo tennis. Buona fortuna Gioia, per te inizia adesso un nuovo capitolo di questo magnifico viaggio chiamato vita.


Alessandro Orecchio


TAG: , ,

26 commenti. Lasciane uno!

Sandro (Guest) 20-06-2016 11:43

Da quando ha iniziato a collaborare con Pistolesi ed ha abbandonato Galimberti un vero disastro

26
Gianmaria (Guest) 20-06-2016 00:19

Venticinque anni sono tanti per pensare di scalare…ha fatto bene.

25
Shuzo (Guest) 19-06-2016 22:01

Difficile dare una valutazione su un qualcosa di cui sai troppo poco. Mi auguro solo che l’idea di lavorare nell’attività di famiglia sia una buona scelta per lei. Spesso decisioni come questa nascondo tanti tranelli e insidie. In ogni caso auguro a Gioia di essere felice e di vivere una vita piena di soddisfazioni. Qualora poi la scelta di lavoro fatta non si dovesse rivelare azzeccata, le auguro di essere comunque in grado di trovare un’alternativa.
In bocca al lupo, Gioia!!!!!

24
Luca_nl 19-06-2016 20:24

Scelta da rispettare senza fare tanti commenti, troppi davvero fuori luogo.

Auguroni per il futuro.

23
Picchio (Guest) 19-06-2016 17:49

Pistolesi? Ma con pistolesi è proprio iniziata la crisi… Non ha vinto più un match povera ragazza

22
arnaldo (Guest) 19-06-2016 16:22

Basta.ne abbiamo gia’parlato.buona fortuna.

21
silviuzz (Guest) 19-06-2016 15:01

Volendo può anche rimanere in tema ed insegnare partendo dai più piccoli. A volte sono quelli che danno soddisfazioni e t fanno amare questo sport.

20
lallo (Guest) 19-06-2016 14:03

Scritto da ago
Però anche sta storia che un buon tennista quando finisce col professionismo muore di fame non credo sia vera. Dubito che se volesse una ex top 200 durerebbe fatica a lavorare in un circolo d’élite

Verissimo. e se dotati di vera passione è un lavoro che può dare grandi soddisfazioni.

19
lallo (Guest) 19-06-2016 14:00

Scritto da gbuttit

Scritto da Tiziano p

Scritto da Tiziano p
Ma sinceramente ritirarsi non ancorà 25enne mi fa davvero pensare a se abbia veramente tutta questa passione per il tennis…la classifica attuale non è nulla di che ma con dei buoni risultati anche solo i tornei da 25.000 e 50.000 le avrebbe permesso do tornare nelle 200 o posizioni vicine al suo N

Al suo Br…è finita la voglia di faticare…Non c è più davvero quella passione e amore te ci rimette ad esempio Karin tutte le volte che si infortuna e torna dopo mesi…..ovviamente è solo un mio pensiero…Non sapendo che magari ci potrebbero essere altri problemi..

Il tennis é uno sport professionistico, con ciò che guadagni ci devi campare ed inoltre doveresti riuscire a mettere qualcosa da parte perchè é una professione di breve durata.
Karin, nonostante gli infortuni, ha guadagnato più di 2 milioni di dolari, é normale che voglia riprendere a giocare… la Barbieri 136.000 dollari in totale, togli le spese (coach, trasferte ecc..) cosa resta? Praticamente nulla, anzi penso sia in perdita…. ed in più se giochi solo a tennis professionalmente non hai la possibilità di cercare alternative di lavoro… quindi direi decisione inevitabile, poi se ha la passione continuerà a giocare, ma non “professionalmente”.

18
fedex (Guest) 19-06-2016 13:54

Avra’ avuto i suoi motivi, d’altra parte un altro posto di lavoro ce l’ha per cui…Dispiace xche’ x me resta una brava e bella persona

17
Miiiii (Guest) 19-06-2016 13:37

Scritto da ago
Però anche sta storia che un buon tennista quando finisce col professionismo muore di fame non credo sia vera. Dubito che se volesse una ex top 200 durerebbe fatica a lavorare in un circolo d’élite

Ma infatti..

16
magilla (Guest) 19-06-2016 13:25

Scritto da fabio
@ Tiziano p (#1625885)
decisione ineccepibile,perchè è la sua decisione ,ha capito che non avrebbe raggiunto i risultati che si era prefissa,bisogna saper fare i conti con la realtà,cosa ad esempio che non riesce a fare ancora Quinzi ,che tre anni or sono sognava di vincere uno Slaml,e invece non ha raggiunto nemmeno la finale di un Challenger ,.comunque ognuno è libero di fare come crede,brava Gioia

a te il crederci sempre arrendersi mai ti fa solletico!…..cmq a parte le battute……se a 25 anni si pensa già’ che i propri sogni sono irrealizzabili : COMPLIMENTI PER IL CARATTERE ;)

15
Sottile 19-06-2016 13:19

Ma saranno pure cavoli suoi???

14
Tiziano p (Guest) 19-06-2016 12:37

Scritto da fabio
@ Tiziano p (#1625885)
decisione ineccepibile,perchè è la sua decisione ,ha capito che non avrebbe raggiunto i risultati che si era prefissa,bisogna saper fare i conti con la realtà,cosa ad esempio che non riesce a fare ancora Quinzi ,che tre anni or sono sognava di vincere uno Slaml,e invece non ha raggiunto nemmeno la finale di un Challenger ,.comunque ognuno è libero di fare come crede,brava Gioia

Cosa c’entra quinzi qui??sono 2 paragoni completamente diversi….e poi seguendo i ragionamenti di alcuni…la balducci e la gatto M.dovevano ritirarsi già da un sacco…

13
l Occhio di Sauron 19-06-2016 12:04

addio e tante belle cose

12
carlitos (Guest) 19-06-2016 11:24

Ha cambiato perche per campare devi guadagnare

11
fabio (Guest) 19-06-2016 11:20

@ Tiziano p (#1625885)

decisione ineccepibile,perchè è la sua decisione ,ha capito che non avrebbe raggiunto i risultati che si era prefissa,bisogna saper fare i conti con la realtà,cosa ad esempio che non riesce a fare ancora Quinzi ,che tre anni or sono sognava di vincere uno Slaml,e invece non ha raggiunto nemmeno la finale di un Challenger ,.comunque ognuno è libero di fare come crede,brava Gioia

10
ago (Guest) 19-06-2016 10:55

Però anche sta storia che un buon tennista quando finisce col professionismo muore di fame non credo sia vera. Dubito che se volesse una ex top 200 durerebbe fatica a lavorare in un circolo d’élite

9
santuzzo (Guest) 19-06-2016 10:45

Scritto da rip
Leggendo l’articolo mi e’ venuto il diabete…

8
magilla (Guest) 19-06-2016 10:34

Scritto da rip
Leggendo l’articolo mi e’ venuto il diabete…

concordo……se tutte quelle come lei dovessero ritirarsi giocherebbero si e no solo le top 100…..avere la pappa garantita dalla famiglia è il male dei giovani di questa generazione accompagnata da mancanza di spirito di sacrificio e modestia….
si sogna una vita da protagonista e ci si accontenta del nulla!….galimberti e pistoleri ringraziano per il tempo perso!…e pure io che da tifoso ho cmq creduto in un suo recupero fino a ieri!

7
Guido (Guest) 19-06-2016 09:49

Però il posto nell’azienda di famiglia non glie lo toglieva nessuno. Avesse voglia davvero poteva continuare altri 2-3 anni, ma evidentemente non ha più voglia. Ci sta anche questo.

6
gbuttit 19-06-2016 09:26

Scritto da Tiziano p

Scritto da Tiziano p
Ma sinceramente ritirarsi non ancorà 25enne mi fa davvero pensare a se abbia veramente tutta questa passione per il tennis…la classifica attuale non è nulla di che ma con dei buoni risultati anche solo i tornei da 25.000 e 50.000 le avrebbe permesso do tornare nelle 200 o posizioni vicine al suo N

Al suo Br…è finita la voglia di faticare…Non c è più davvero quella passione e amore te ci rimette ad esempio Karin tutte le volte che si infortuna e torna dopo mesi…..ovviamente è solo un mio pensiero…Non sapendo che magari ci potrebbero essere altri problemi..

Il tennis é uno sport professionistico, con ciò che guadagni ci devi campare ed inoltre doveresti riuscire a mettere qualcosa da parte perchè é una professione di breve durata.
Karin, nonostante gli infortuni, ha guadagnato più di 2 milioni di dolari, é normale che voglia riprendere a giocare… la Barbieri 136.000 dollari in totale, togli le spese (coach, trasferte ecc..) cosa resta? Praticamente nulla, anzi penso sia in perdita…. ed in più se giochi solo a tennis professionalmente non hai la possibilità di cercare alternative di lavoro… quindi direi decisione inevitabile, poi se ha la passione continuerà a giocare, ma non “professionalmente”.

5
Giuli (Guest) 19-06-2016 08:58

@ Tiziano p (#1625885)

NON ha smesso di giocare a tennis, si è resa conto che non avrebbe potuto più progredire!Intraprenderà quindi una nuova strada a cui si dedicherà con tutta la passione di cui è capace!

4
Tiziano p (Guest) 19-06-2016 08:47

Scritto da Tiziano p
Ma sinceramente ritirarsi non ancorà 25enne mi fa davvero pensare a se abbia veramente tutta questa passione per il tennis…la classifica attuale non è nulla di che ma con dei buoni risultati anche solo i tornei da 25.000 e 50.000 le avrebbe permesso do tornare nelle 200 o posizioni vicine al suo N

Al suo Br…è finita la voglia di faticare…Non c è più davvero quella passione e amore te ci rimette ad esempio Karin tutte le volte che si infortuna e torna dopo mesi…..ovviamente è solo un mio pensiero…Non sapendo che magari ci potrebbero essere altri problemi..

3
Tiziano p (Guest) 19-06-2016 08:45

Ma sinceramente ritirarsi non ancorà 25enne mi fa davvero pensare a se abbia veramente tutta questa passione per il tennis…la classifica attuale non è nulla di che ma con dei buoni risultati anche solo i tornei da 25.000 e 50.000 le avrebbe permesso do tornare nelle 200 o posizioni vicine al suo N

2
rip (Guest) 19-06-2016 08:37

Leggendo l’articolo mi e’ venuto il diabete…

1

Lascia un commento