Notizie dal Mondo Copertina, Generica

Steve Simon parla della mancata Wild card alla Sharapova per il Roland Garros: “non condivido le basi sulle quali la FFT ha poggiato la sua decisione di non assegnare wild card. Lei ha rispettato e pagato le sanzioni imposte dal CAS”

17/05/2017 12:27 33 commenti
Steve Simon parla della mancata Wild card alla Sharapova per il Roland Garros
Steve Simon parla della mancata Wild card alla Sharapova per il Roland Garros

Steve Simon, Capo della WTA, ha parlato della mancata assegnazione della Wild card a Maria Sharapova per il Roland Garros.

“Le wild-card sono offerte a discrezione esclusiva dei tornei. Io supporto completamente i giocatori che ricevono wildcard e a loro auguro le migliori fortune. Saranno due settimane entusiasmanti al Roland Garros.”

“Quello che non condivido sono le basi sulle quali la FFT ha poggiato la sua decisione di non assegnare wild card a Maria Sharapova. Lei ha rispettato e pagato le sanzioni imposte dal CAS. Il “tennis anti-doping program” è un protocollo condiviso e supportato dai tornei dello Slam, da WTA, ITF e ATP. Per qualsiasi membro di questo programma non ci sono ragioni di penalizzare un giocatore al di là delle sanzioni già inflitte con le ultime sentenze”.


TAG: ,

33 commenti. Lasciane uno!

Claudio (Guest) 18-05-2017 11:42

Non ribaltare la frittata
Non ricevere una WC non è punizione ma un MANCATO PRIVILEGIO
O lei o chi per lei pensa che è un obbligo PRIVILEGIARLA tutte le settimane?

33
Il pagante (Guest) 18-05-2017 00:33

Scritto da simone

Scritto da Il pagante

Scritto da Simone
Io mi chiedo come sia possibile continuare a non capire.
Quando uno sportivo professionista si macchia di una violazione delle normative antidoping marca un solco definitivo tra il passato e il futuro.
Visto che siamo una società democratica che tende a riabilitare, non diamo la sanzione più dura (la radiazioni) ma permettiamo che, dopo aver scontato una squalifica, si possa rientrare.
Ma questo non significa che si è uguali a chi non ha mai commesso infrazioni!!
Questo è un egualitarismo errato e dannoso.
Ti permettiamo di rientrare ma anche dopo aver pagato la macchia la avrai sempre, per questo non ti si concede la WC

Scusa ma secondo te è democratico che uno sia marchiato a vita per un errore? A me non sembra…

Semplicemente non è democratico ritenere tutti uguali, è proprio un ragionamento scorretto.
Se io commetto un reato, una volta scontata la pena è giusto e doveroso che io rientri in società e non sia discriminato.
Questo però non toglie che moralmente, chi non ha mai commesso alcun reato ma magari la subito, sia considerato su un piano differente.
La Sharapova ha lo stesso diritto di qualsiasi altra atleta di gareggiare e anche se il caso ricevere WC, ma dal punto di vista morale non possiamo trattarla come chi non ha sbagliato mai.

Allora secondo te va perdonata nella forma ma non nella sostanza… allora ribadisco cosa conta fare scontare le squalifiche? Mah per me è un doppiopesismo un po’ ipocrita. Comunque per carità, ognuno la pensa a modo suo

32
Bibi (Guest) 18-05-2017 00:03

@ Iceromeo (#1847771)

Congratulazioni, probabilmente sei l’unica persona che non ha colto l’ironia (e ci avevo pure messo l’emoticon…)
E comunque non fare il furbo, qui si è parlato di discriminazione, non di curriculum. Fatto salvo che uno da le motivazioni che vuole (conosco qualcuno che l’ha negata per vecchiaia…),quale parte della frase di Giudicelli sarebbe discriminatoria di preciso?

31
simone (Guest) 17-05-2017 22:39

Scritto da Il pagante

Scritto da Simone
Io mi chiedo come sia possibile continuare a non capire.
Quando uno sportivo professionista si macchia di una violazione delle normative antidoping marca un solco definitivo tra il passato e il futuro.
Visto che siamo una società democratica che tende a riabilitare, non diamo la sanzione più dura (la radiazioni) ma permettiamo che, dopo aver scontato una squalifica, si possa rientrare.
Ma questo non significa che si è uguali a chi non ha mai commesso infrazioni!!
Questo è un egualitarismo errato e dannoso.
Ti permettiamo di rientrare ma anche dopo aver pagato la macchia la avrai sempre, per questo non ti si concede la WC

Scusa ma secondo te è democratico che uno sia marchiato a vita per un errore? A me non sembra…

Semplicemente non è democratico ritenere tutti uguali, è proprio un ragionamento scorretto.
Se io commetto un reato, una volta scontata la pena è giusto e doveroso che io rientri in società e non sia discriminato.
Questo però non toglie che moralmente, chi non ha mai commesso alcun reato ma magari la subito, sia considerato su un piano differente.
La Sharapova ha lo stesso diritto di qualsiasi altra atleta di gareggiare e anche se il caso ricevere WC, ma dal punto di vista morale non possiamo trattarla come chi non ha sbagliato mai.

30
stefre Innoway … (Guest) 17-05-2017 22:25

Giudicelli e` solo un prestanome, una figura di paglia che agisce in nome e per conto dell’ITF la quale non ha accettato la riduzione della squalifica disposta dal CAS e che al contrario continua puntigliosamente a far la guerra a Maria; sarebbe il caso di chiedersi il perche` …

29
Sandrone (Guest) 17-05-2017 20:58

Se i giudici non volevano creare tutto questo putiferio avrebbero dovuto darle una squalifica inferiore ad un anno,a questo modo non avrebbe dovuto ripartire da zero.
Ma così non è stato e adesso è questione di rispetto delle sentenze e tutt’al più sono stati gli organizzatori di Madrid e Roma a non rispettarle.
La Timea svizzera è stata la più chiara di tutti: alla fine si tratta di una questione di culo.

28
Nico (Guest) 17-05-2017 20:29

Scritto da Carl
L’intervento di Simon era doveroso.
Giudicelli può dare le Wc a chi gli pare, va bene anche uno scarso francese squalificato per scommesse, anzi più le dà a scarsi francesi meglio è per tutti gli altri.
Ma non può, e da qui la reazione di Simon, dire che loro, e solo loro sono i difensori integerrimi ed adamantini della legalità.
Questo vuol dire gettare disprezzo sugli altri tornei, e Simon giustamente li difende, difende gli altri tornei, più che Maria.

Sappiamo tutti perché gli altri tornei hanno dato la wild card a Maria, lo stesso motivo per cui il Roland Garros non ha avuto bisogno di dargliela.
Quindi no quello che dici non ha senso, la scelta da difendere eticamente è quella dei francesi, non l’opportunismo economico degli altri

27
Carl 17-05-2017 19:43

L’intervento di Simon era doveroso.

Giudicelli può dare le Wc a chi gli pare, va bene anche uno scarso francese squalificato per scommesse, anzi più le dà a scarsi francesi meglio è per tutti gli altri.

Ma non può, e da qui la reazione di Simon, dire che loro, e solo loro sono i difensori integerrimi ed adamantini della legalità.

Questo vuol dire gettare disprezzo sugli altri tornei, e Simon giustamente li difende, difende gli altri tornei, più che Maria.

26
Il pagante (Guest) 17-05-2017 17:48

Scritto da Simone
Io mi chiedo come sia possibile continuare a non capire.
Quando uno sportivo professionista si macchia di una violazione delle normative antidoping marca un solco definitivo tra il passato e il futuro.
Visto che siamo una società democratica che tende a riabilitare, non diamo la sanzione più dura (la radiazioni) ma permettiamo che, dopo aver scontato una squalifica, si possa rientrare.
Ma questo non significa che si è uguali a chi non ha mai commesso infrazioni!!
Questo è un egualitarismo errato e dannoso.
Ti permettiamo di rientrare ma anche dopo aver pagato la macchia la avrai sempre, per questo non ti si concede la WC

Scusa ma secondo te è democratico che uno sia marchiato a vita per un errore? A me non sembra…

25
Lazzu 17-05-2017 17:24

Scritto da Tiz
L’ho già detto e lo ribadisco: Maria ha pagato fin troppo per quello che è successo. Punto. Questo rifiuto di concederle la wcard sa di accanimento ed è una decisione ingiusta e anche controproducente per il torneo (che perde una star) e per tutto il tennis femminile che ha assolutamente bisogno di personaggi. Secondo lo schema mentale di chi ha preso questa allucinante decisione Maria dovrebbe ricominciare dai tornei di paese. Semplicemente assurdo oltrechè assolutamente ridicolo. Come se il Real Madrid fosse costretto a ricominciare dal campionato dilettanti!!!
A mio parere la WTA doveva riservare a Maria il ranking protetto come si fa per gli infortunati, altrimenti la squalifica anziché di un anno diventa del doppio….

Ranking protetto? Ma stiamo scherzando?
Come si puo anche solo paragonare una giocatrice che perde posti in classifica perche si è fatta male con una giocatrice che perde posti perche squalificata per DOPING?

24
Iceromeo (Guest) 17-05-2017 17:08

Scritto da Bibi

Scritto da biglebowsky

Scritto da Luigi44
Da queste parole si evince la lobby che la WTA ha fatto in favore della cara dopata per farle avere tutte le wild cards che ha già avuto e che avrà nei prossimi tornei. Il “priest face” Steve Simon poteva anche non dire nulla, avrebbe fatto miglior figura

Simon aveva il dovere di intervenire in quanto sharapova è stata discriminata, ci vuole tanto a capirlo?

Non credo ai miei occhi. Discriminata per la mancata concessione della WC?
E le altre 10.000 (circa) tenniste in attività che non l’hanno ricevuta allora? Che mondo malvagio

@Bibi (#1847723)

Guarda, è il commento più stupido che abbia mai letto. Ma le altre tenniste hanno lo stesso Curriculum?
Diamola alla Paolini, alla Trevisan. Posso capire il discorso Schiavone – vincitrice del RG – e anche Errani – Finalista – ma non tutto è comparabile. C’è chi ha scritto pagine di storia

23
gianfranco (Guest) 17-05-2017 17:01

Quello di Steve Simon è proprio un ragionamento del cass. 😳

22
Bibi (Guest) 17-05-2017 16:23

Scritto da biglebowsky

Scritto da Luigi44
Da queste parole si evince la lobby che la WTA ha fatto in favore della cara dopata per farle avere tutte le wild cards che ha già avuto e che avrà nei prossimi tornei. Il “priest face” Steve Simon poteva anche non dire nulla, avrebbe fatto miglior figura

Simon aveva il dovere di intervenire in quanto sharapova è stata discriminata, ci vuole tanto a capirlo?

Non credo ai miei occhi. Discriminata per la mancata concessione della WC?
E le altre 10.000 (circa) tenniste in attività che non l’hanno ricevuta allora? Che mondo malvagio 🙂

21
Marcus91 17-05-2017 16:11

Io davvero non capisco, come ci sia gente che continui ad essere in disaccordo con la FFT, che ha fatto vedere quanto è superiore a questi giochi dove un’atleta scorretta, dopo una squalifica ridicola, dovrebbe essere incensata al suo ritorno….che mondo brutto.
Simon fa vedere quanto la WTA sia schiava dei giocatori più forti e non si rende conto, che parlando a vanvera si perderà sempre più credibilità….ma a loro importa zero, l’importante è che ci siano i soldi che girano…

20
tommaso (Guest) 17-05-2017 16:02

Esatto: si può non dare la WC alla Sharapova, non si può darne una motivazione scorretta…

19
Woz_ 17-05-2017 15:13

@ Simone (#1847495)

@ francesco (#1847557)

la Lucic ha aperto bocca nel momento in cui ha “vinto”, come mai non è stata costretta a tacere di nuovo? perchè ha aperto la fogna tanto per sparare m***a addosso alla Sharapova, quanto tutte le altre che si sono lamentate da Gennaio ad oggi.

18
Tiz (Guest) 17-05-2017 15:11

L’ho già detto e lo ribadisco: Maria ha pagato fin troppo per quello che è successo. Punto. Questo rifiuto di concederle la wcard sa di accanimento ed è una decisione ingiusta e anche controproducente per il torneo (che perde una star) e per tutto il tennis femminile che ha assolutamente bisogno di personaggi. Secondo lo schema mentale di chi ha preso questa allucinante decisione Maria dovrebbe ricominciare dai tornei di paese. Semplicemente assurdo oltrechè assolutamente ridicolo. Come se il Real Madrid fosse costretto a ricominciare dal campionato dilettanti!!!
A mio parere la WTA doveva riservare a Maria il ranking protetto come si fa per gli infortunati, altrimenti la squalifica anziché di un anno diventa del doppio….

17
Ale85 (Guest) 17-05-2017 14:51

Non ho capito le colleghe posso sputare fango a non finire e va bene, ma lui deve stare zitto solo perché era favorevole alla wc??? In tutto questo lei continua a non dire nulla e fa bene, lo dimostrerà in campo quanto vale…

16
Phoedrus (Guest) 17-05-2017 14:35

Scritto da Simone
Io mi chiedo come sia possibile continuare a non capire.
Quando uno sportivo professionista si macchia di una violazione delle normative antidoping marca un solco definitivo tra il passato e il futuro.
Visto che siamo una società democratica che tende a riabilitare, non diamo la sanzione più dura (la radiazioni) ma permettiamo che, dopo aver scontato una squalifica, si possa rientrare.
Ma questo non significa che si è uguali a chi non ha mai commesso infrazioni!!
Questo è un egualitarismo errato e dannoso.
Ti permettiamo di rientrare ma anche dopo aver pagato la macchia la avrai sempre, per questo non ti si concede la WC

15
Il pagante (Guest) 17-05-2017 14:35

Scritto da francesco
@ Luigi44 (#1847529)
STRAQUOTONE
la Lucic ha detto che ci sono membri interni alla WTA che obbligano le tenniste a tacere sulla questione Sharapova…qui c’è qualcosa di molto losco dietro. la federazione francese merita solo applausi

Già si è visto quanto tacciono… ma se da inizio anno è tutto uno starnazzare continuo!!! Pensassero ad allenarsi e alla loro carriera, piuttosto

14
Lo straniero (Guest) 17-05-2017 14:07

Caro Steve,

No c´é regione di penalizzarla ulteriormente, ma perche´ favorirla?

13
ska (Guest) 17-05-2017 13:39

@ Carl (#1847560)

Come non concordare ?
E’ come la pubblicità che ti dice Biscotti senza Olio di palma ma non ti dice cosa hanno messo al suo posto

E’ evidente inoltre che la WTA ritiene, ed a ragione, la siberiana come una risorsa, nonche come una socia. E giustamente la “difende”.

12
adriano (Guest) 17-05-2017 13:33

il capo WTA campa si dovrebbe occupare dei tornei WTA infatti stoccarda e Roma hanno dato la WC a Maria ITF decide in proprio .

E’ come se Salvini volesse regolare le primarie del PD

Ma mi faccia il piacere !!!!!!!!!!!!!!!

11
Carl 17-05-2017 13:28

E’ lo stesso errore commesso dalla FIT.

Le decisioni sugli inviti sono a discrezione degli organizzatori, e non sindacabili.

Dove sia gli italiani che i francesi hanno sbagliato, e lo evidenzia correttamente Simon, è nel voler dare una giustificazioni ad inviti non dati, per la FIT a Schiavone, per FFT a Sharapova.

Dovevano semplicemente diramare la lista degli invitati senza commenti ipocriti.

Semmai Giudicelli avrebbe dovuto motivare le WC assegnate, non quelle non assegnate, e spiegare perché ritiene che i francesi gratificati dell’invito possano fare molto meglio del Gianni Mina da lui sbertucciato recentemente.

10
francesco (Guest) 17-05-2017 13:23

@ Luigi44 (#1847529)

STRAQUOTONE
la Lucic ha detto che ci sono membri interni alla WTA che obbligano le tenniste a tacere sulla questione Sharapova…qui c’è qualcosa di molto losco dietro. la federazione francese merita solo applausi

9
Shuzo (Guest) 17-05-2017 13:21

Scritto da radar
Le wild card sono inviti.
Come tali sono a discrezione degli organizzatori.
Non sono dovute o rifiutate a priori.
Per chi non ha la classifica, come Maria, non si può sostenere che sia stata sfavorita.
Ricordo anni fa quando il Tour, manifestazione che gestisce un certo numero di inviti per quelle squadre che non possono entrare direttamente, rifiutò l’invito a Pantani e alla sua squadra dopo i fatti di Madonna di Campiglio: il Pirata non era “visto bene” e non era “ben accetto”.
Nel frattempo però l’Epo scorreva a fiumi e Armstrong dominava da dopato.
In Francia sono diventati molto sensibili sul doping, dopo quegli scandali sul ciclismo (Armstrong, Festina, ecc..) e cercano e fanno di tutto, pur di dare l’immagine di manifestazioni pulite, anche se poi l’armadio continua ad essere pieno di scheletri..

Già, questioni di punti di vista. Per Simon la Sharapova ha pagato per il suo sbaglio e credendo alla sua buona fede, ritiene che non sia il caso di continuare a mettere il dito nella piaga.
Per gli organizzatori del Roland Garros, l’immagine della Sharapova è irrimediabilmente macchiata, come quella di chi si è sporcato la fedina penale. A volte, almeno verso chi non ha commesso reati violenti, specie se forse ha sbagliato in buona fede, un po’ di clemenza non guasterebbe.
La mia impressione è che nessuno è tanto inclemente quanto chi ha i suoi scheletri nell’armadio!

8
biglebowsky (Guest) 17-05-2017 13:21

Scritto da Luigi44
Da queste parole si evince la lobby che la WTA ha fatto in favore della cara dopata per farle avere tutte le wild cards che ha già avuto e che avrà nei prossimi tornei. Il “priest face” Steve Simon poteva anche non dire nulla, avrebbe fatto miglior figura

Simon aveva il dovere di intervenire in quanto sharapova è stata discriminata, ci vuole tanto a capirlo?

7
Nico (Guest) 17-05-2017 13:04

@ radar (#1847510)

Esatto, è a discrezione degli organizzatori, che senso ha indignarsi?
Se c’è scelta la devi rispettare, altrimenti lo dicano chiaro e tondo che la Wild card le va data a priori, patetici

6
Luigi44 (Guest) 17-05-2017 12:59

Da queste parole si evince la lobby che la WTA ha fatto in favore della cara dopata per farle avere tutte le wild cards che ha già avuto e che avrà nei prossimi tornei. Il “priest face” Steve Simon poteva anche non dire nulla, avrebbe fatto miglior figura

5
radar 17-05-2017 12:47

Le wild card sono inviti.
Come tali sono a discrezione degli organizzatori.
Non sono dovute o rifiutate a priori.
Per chi non ha la classifica, come Maria, non si può sostenere che sia stata sfavorita.

Ricordo anni fa quando il Tour, manifestazione che gestisce un certo numero di inviti per quelle squadre che non possono entrare direttamente, rifiutò l’invito a Pantani e alla sua squadra dopo i fatti di Madonna di Campiglio: il Pirata non era “visto bene” e non era “ben accetto”.
Nel frattempo però l’Epo scorreva a fiumi e Armstrong dominava da dopato.

In Francia sono diventati molto sensibili sul doping, dopo quegli scandali sul ciclismo (Armstrong, Festina, ecc..) e cercano e fanno di tutto, pur di dare l’immagine di manifestazioni pulite, anche se poi l’armadio continua ad essere pieno di scheletri..

4
Gabriele da Firenze 17-05-2017 12:41

Magari premiare con la wild card una giocatrice onesta e non ex-dopata…ma forse per quest’uomo è troppo pensare così…

3
Simone (Guest) 17-05-2017 12:39

Io mi chiedo come sia possibile continuare a non capire.
Quando uno sportivo professionista si macchia di una violazione delle normative antidoping marca un solco definitivo tra il passato e il futuro.
Visto che siamo una società democratica che tende a riabilitare, non diamo la sanzione più dura (la radiazioni) ma permettiamo che, dopo aver scontato una squalifica, si possa rientrare.
Ma questo non significa che si è uguali a chi non ha mai commesso infrazioni!!
Questo è un egualitarismo errato e dannoso.
Ti permettiamo di rientrare ma anche dopo aver pagato la macchia la avrai sempre, per questo non ti si concede la WC

2
ska (Guest) 17-05-2017 12:38

Mi sembra ragionevole.

1