Intervista a Lorenzo Musetti: “Un giorno Sogno Wimbledon, ma per il momento devo ancora lavorare sodo con il mio coach!”

16/05/2017 08:14 7 commenti
Lorenzo Musetti classe 2002
Lorenzo Musetti classe 2002

La sconfitta al primo turno degli Internazionali Under 18 “Città di Santa Croce” Mauro Sabatini non scalfisce minimamente lo strepitoso 2017 di Lorenzo Musetti. Il giovanissimo classe 2002 carrarese, allenato a La Spezia da Simone Tartarini presso lo Junior San Benedetto, è letteralmente esploso nei “Grade 2” precedenti al “Grade 1” del Cerri: a Firenze è giunto ai quarti di finale, a Salsomaggiore è arrivata una clamorosa finale. Grazie a questi risultati, Musetti è attualmente il terzo tennista italiano con il miglior piazzamento nel ranking internazionale ITF under 18: davvero niente male, pensando che la classifica comprende anche atleti di tre anni più vecchi rispetto a Lorenzo…

Sei uno dei più giovani partecipanti al torneo, ma nonostante questo stai ottenendo risultati eccellenti: ti aspettavi questo exploit così precoce?

Prima di Firenze non pensavo di ottenere questi risultati così velocemente: fino ad allora avevo partecipato a tornei solamente di Grado 4 e 5. I quarti raggiunti alle Cascine mi hanno dato enorme fiducia e la finale a Salsomaggiore è frutto di questa crescita, anche se non mi aspettavo di giungere sino alla finale.



A Santa Croce purtroppo la tua scia vincente si è interrotta…

Ci tenevo molto a far bene qui, anche per ringraziare gli organizzatori per la wild card ricevuta. Ho ancora possibilità di incrementare il mio ranking per entrare nelle qualificazioni di Wimbledon. Giocare un giorno nel Grand Slam sull’erba londinese è il mio sogno: iniziare a assaporarlo con il torneo Juniores sarebbe bellissimo… La sconfitta a Santa Croce non ci voleva, ma posso già rifarmi la prossima settimana al Bonfiglio.



Non hai mai nascosto di avere obiettivi importanti per il futuro: altri tuoi connazionali, dopo una brillante carriera giovanile, non sono riusciti a confermare le aspettative successivamente. Per te questo è motivo di pressione o di stimolo?

Avere alte aspettative comporta sempre dover sopportare delle pressioni, fa parte del gioco e di quello che sperò sarà il mio lavoro: se non fossi consapevole di questa cosa, dovrei fare altro nella vita. Tuttavia sono molto tranquillo e so che c’è bisogno di tempo per crescere: anche se dovessi affrontare delle difficoltà e i risultati non arrivassero subito, non mi scoraggerei di certo.



Per chi ancora non ti conoscesse, che tipo di giocatore sei?

Mi piace essere aggressivo da fondo campo, costruendomi il punto con il diritto. Fisicamente sto crescendo e quest’anno ho lavorato molto da questo punto di vista. Sul lato mentale devo ancora migliorare per quanto riguarda la continuità all’interno del match e evitare troppi cali di tensione. Con il mio maestro Simone Tartarini, che mi segue da quando sono piccolo, ho intenzione di proseguire su questa strada anche in futuro.



Quest’anno stai iniziando a capire cosa significa essere un professionista: riesci a conciliare i tuoi impegni tennistici con la vita “normale” di un ragazzo di quindici anni?

Frequento il liceo linguistico e per fortuna ho ottimi voti: i professori mi vengono incontro con le assenze, ma da parte mia ci metto tanto impegno per andare bene anche a scuola. Tra gli studi e, soprattutto, gli allenamenti e i tornei, di tempo libero ce n’è poco per vedere i miei amici o uscire. Questo è il percorso che ho scelto e non vivo tutto ciò come un sacrificio, ma come degli step necessari per raggiungere gli obiettivi che mi sono prefissato.


TAG: ,

7 commenti

e-team (Guest) 16-05-2017 18:55

Scritto da ealesia
I risultati a questa età non valgono molto,magari diventerà un buon professionista un giocatore che oggi prende un doppio 6/0 da musetti,i passaggi di un adolescente,il fisico che cambia,la testa…la fortuna…troppe variabili,quindi per me non ha nessun valore,gli auguro tutto il bene del mondo come lo auguro a tutti i ragazzini che ci provano ogni giorno…..faccio un esempio:Lorenzi a 15 anni aveva almeno 50 ragazzi più bravi e talentuosi di lui,ora dove sono?pero Lorenzi può dire a 36 anni di essere stato il numero 1 in Italia,top 40 e tanti complimenti

E’ giusto…..a questa età Musetti deve crescere e fare tanta esperienza, io per primo mi auguro diventi un professionista di livello ma prima di lui ci sono ragazzi più grandi che speriamo diventino dei top player…

7
ealesia (Guest) 16-05-2017 15:02

I risultati a questa età non valgono molto,magari diventerà un buon professionista un giocatore che oggi prende un doppio 6/0 da musetti,i passaggi di un adolescente,il fisico che cambia,la testa…la fortuna…troppe variabili,quindi per me non ha nessun valore,gli auguro tutto il bene del mondo come lo auguro a tutti i ragazzini che ci provano ogni giorno…..faccio un esempio:Lorenzi a 15 anni aveva almeno 50 ragazzi più bravi e talentuosi di lui,ora dove sono?pero Lorenzi può dire a 36 anni di essere stato il numero 1 in Italia,top 40 e tanti complimenti

6
Ken_Rosewall 16-05-2017 12:41

Parla già come un uomo saggio…potenza del tennis! 😉

5
cataflic (Guest) 16-05-2017 11:24

Bella la frase sulle pressioni, molto saggia…reggere la pressione è un colpo che un tennista pro deve avere e spero rimarrà di questa opinione anche in futuro…per ora di pressioni vere ne ha avute poche.

4
Palmeria (Guest) 16-05-2017 10:30

Peccato per la sconfitta di ieri, sarebbe potuto entrare nelle quali del RG!
Con lui e Nardi possiamo sognare in grande.

3
mariano (Guest) 16-05-2017 10:05

Purtroppo statisticamente è difficile che avrà una grande carriera.
Il passaggio al professionismo è molto difficile e quasi nessuno ce la fa ad avere una grande carriera
Troppi giocatori e troppe accademie in tutto il mondo
Sport ricco mi ci ficco!!!

2
Gianni (Guest) 16-05-2017 09:19

Predestinato, avrà una grande carriera

1