Resoconto da Bergamo Challenger, Copertina

Kravchuk, un milanista in paradiso

11/02/2015 21:04 8 commenti
Konstantin Kravchuk classe 1985, n.204 ATP
Konstantin Kravchuk classe 1985, n.204 ATP

Grande sorpresa al Trofeo FAIP-Perrel: va fuori la prima testa di serie Andreas Beck, battuto dal russo Konstantin Kravchuk, 30enne che tifa per il Milan. “Posso ancora entrare tra i top-100: il mio esempio è Victor Estrella. Se il Kazakistan mi avesse fatto una proposta…”

Un milanista in paradiso. Quando ha tirato l’ultimo dritto vincente, Konstantin Kravchuk ha lanciato un grido e ha preso a saltellare come un canguro. A quasi 30 anni (li compirà tra una decina di giorni) sa ancora entusiasmarsi come un ragazzino. Il russo ha causato una gran sorpresa al Trofeo FAIP-Perrel di Bergamo. Con il punteggio di 6-3 7-6 ha battuto Andreas Beck, testa di serie numero 1, ed è diventato il personaggio del giorno. Konstantin ha un curioso legame con il nostro paese: tifa Milan, fortissimamente Milan. Ma com’è possibile, visto che viene dalla Russia? “Facile: mi è sempre piaciuto guardare il calcio, sin da piccolo. Quando ero bambino sono cresciuto guardando le partite del Milan, era la generazione dei Gullit e dei Van Basten. Da allora, ogni volta che è possibile lo seguo con passione. Anche oggi che sta attraversando un momento difficile, ma in fondo è la vita”. La stessa vita che da dieci anni lo tiene attaccato al tennis, pur senza grandi risultati. A Bergamo ha mostrato un tennis solido, completo in ogni zona del campo, perfetto per disinnescare l’artiglieria di Andreas Beck, che pure si trova a meraviglia sul Play-It. Un break nel primo set e un paio di grandi giocate nel tie-break (eccezionale un dritto incrociato sul 5-5) gli sono bastati per acciuffare gli ottavi, dove se la vedrà con un altro tedesco, Daniel Brands. “Bergamo è un torneo molto competitivo, sono tutti forti. Conosco Andreas sin da quando eravamo junior. L’anno scorso ci eravamo affrontati proprio a Bergamo e aveva vinto lui. Il suo tipo di gioco, dunque, non è stato una sorpresa per me. La chiave? Sono rimasto sempre concentrato e ho provato a vincere tutti i punti”.

Ciò che affascina, nei giocatori come Kravchuk, è l’immutata passione dopo una lunga carriera ai margini del grande tennis. Magari vanno in pari con le spese, però continuano a macinare chilometri in cerca di soddisfazioni. “In effetti per me è già un lungo viaggio – racconta il moscovita – vado in giro da 10 anni ma mi piace molto giocare e viaggiare. Perchè lo faccio? Sono convinto di poter ottenere qualcosa di più rispetto a quello che ho già avuto. Ho degli obiettivi ben precisi: entrare nei top-150 entro metà anno e poi acciuffare i primi 100. Dopodichè, vorrei restarci fino al mio ultimo giorno da professionista. Mi piacerebbe imitare il dominicato Victor Estrella, che ha cinque anni più di me e ha appena vinto il suo primo titolo ATP”. Kravchuk viene da un paese, la Russia, che negli ultimi 20 anni ha sfornato tanti ottimi giocatori ma oggi è un po’ in crisi, tanto da retrocedere nella Serie B di Coppa Davis. A marzo sfideranno la Danimarca. “Io ci sarò, siamo favoriti perchè loro non hanno grandi giocatori. E’ vero, in questo momento siamo un po’ in difficoltà, ma c’è una nuova generazione che sta venendo su bene. Penso ad Andrey Rublev, numero 1 junior l’anno scorso, a Karen Kachanov e a Roman Safiullin, recente vincitore dell’Australian Open junior. Hanno avuto qualche difficoltà nei primi tornei da professionisti, ma credo che entro un paio d’anni entreranno tra i top-100 e la Russia tornerà nel World Group. Ovviamente cercheremo di riuscirci prima!”.

Il tennis russo ha una tradizione importante, ma sta attraversando un momento difficile, soprattutto sul piano economico: secondo il presidente federale Shamil Tarpischev, hanno un budget di appena 8 milioni di dollari. L’invasione del Kazakistan, che ha comprato i migliori giocatori, ha reso la situazione ancor più complicata. E’ interessante conoscere l’opinione di un giocatore che ha vissuto da vicino la perdita dei vari Kukushkin, Golubev e Korolev. “Se un giocatore non viene particolarmente aiutato dalla sua nazione, l’offerta del Kazakistan è una bella chance per proseguire la carriera. Ottengono i finanziamenti necessari per attività, allenamenti e tutto il resto. I miei colleghi hanno accettato perchè in quel momento la Russia non poteva aiutarli”. E se il Kazakistan avesse bussato anche alla porta di Kravchuk? “Lo ammetto, avrei accettato. Tuttavia amo molto giocare per il mio paese. In questo momento la Russia sta cercando di darci una mano, poi gioco in Coppa Davis che è sempre stato il mio sogno. Devo dire dopo l’arrivo del Kazakistan la situazione in Russia è un po’ cambiata, siamo più seguiti, ma il Kazakistan può comunque pagare di più”. Nel frattempo, è approdato ai quarti Benoit Paire, tra i più attesi del torneo. L’ex top-25 ha vinto una lunga battaglia contro Ilija Bozoljac. Oltre che con l’avversario, Paire ha dovuto combattere con se stesso e un po’ di nervosismo. A un certo punto se l’è presa con arbitro, pubblico e persino incordatori. Ma la sua classe superiore è emersa alla distanza contro un avversario sempre pittoresco per i vistosi occhiali e il dritto a due mani. Paire ha regalato al pubblico uno splendido quarto di finale contro Farrukh Dustov, che in mattinata aveva contenuto gli ardori di Maxime Authom. Sarà un match degno di un torneo ATP.


TAG: , , ,

8 commenti

Carlo (Guest) 12-02-2015 15:40

@ IO SBANDY Se lo Seppi Cosa Bollelli in Pentola (#1262660)

Sì vede che ne sai ben poco di tennis. .

8
Davide1977 (Guest) 11-02-2015 23:59

Si chiamava PANATTENKO, non Panattolenko 😀

7
IO SBANDY Se lo Seppi Cosa Bollelli in Pentola (Guest) 11-02-2015 22:07

Grande sorpresa il n.204 che butta fuori il 112, boh ?
Allora grande sorpresa se Nadal o Federer battono Djokovic ???

6
IO SBANDY Se lo Seppi Cosa Bollelli in Pentola (Guest) 11-02-2015 22:05

Forza Lecco !

5
IO SBANDY Se lo Seppi Cosa Bollelli in Pentola (Guest) 11-02-2015 22:03

Fantastici questi articoli ! Ma quale match degno di un torneo ATP ? Ma stiamo scherzando ? Qui il livello sarà quello di una semifinale di un torneo del Grande Slam. Io fossi in Kravchuk mi offenderei … !
Ho provato a chiamare per prenotare una camera in hotel, che volevo rimanere a Bergamo a dormire … ma non ce ne sono più. Tutte occupate dalle migliaia di tifosi che arriveranno dalla grande nazione di grandi tradizioni tennistiche come la Russia.
Ma vogliamo dimenticarci delle 27 coppe Davis vinte dalla Russia, dei titoli dello slam vinti dai russi McEnrov, Connorsov, Edberov, Beckerovski, Bjorn Borgin, Panattolenko ? :mrgreen:

4
TENNIS (Guest) 11-02-2015 21:47

Forza As Roma!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

3
riccardo (Guest) 11-02-2015 21:22

Forza Inter!

2
grandepaci (Guest) 11-02-2015 21:10

grande se poi milanista ancora dipiu ehehehe 😉

1