Roger unico a vincere 8 Wimbledon ATP, Copertina

Wimbledon: Roger Federer perfetto, domina in tre set Marin Cilic (con un problema al piede) e vince l’ottavo titolo a Wimbledon senza perdere un set nel torneo. Record leggendario per lo svizzero (di M. Mazzoni)

16/07/2017 18:17 113 commenti
Roger Federer classe 1981, n.3 del mondo da domani
Roger Federer classe 1981, n.3 del mondo da domani

Leggenda. Roger Federer si regala l’ottavo titolo a Wimbledon (e 19esimo Slam), sconfiggendo Marin Cilic in tre set. Una vittoria secca, netta, a certificare un torneo perfetto in cui non ha perso un set, dimostrando una superiorità assoluta su tutti i rivali. Torna al successo nel suo torneo, dopo il titolo 2012 e le finali perse vs. Djokovic nel 2014 e 2015. Incredulo Roger con la coppa in mano, è felice stupito. Dopo lo stop dello scorso anno imposto da problemi fisici importanti, riteneva molto difficile ritrovare il suo livello e provare a vincere. C’è riuscito, dominando, giocando un tennis fantastico. Un tennis che solo lui è grado di giocare così completo e cristallino. Chapeau. Purtroppo la finale non è stata bella, troppo netto il divario con Marin, che dopo un inizio molto solido ha accusato un problema al piede, che l’ha debilitato e portato anche alle lacrime in campo a metà del secondo set, forse più per frustrazione che dolore. Bravo il croato nella premiazione, non ha fatto alcun accenno al problema, accettando con assoluta classe il verdetto del campo. E bravo anche Roger, che ha esultato in modo misurato, e reso merito al rivale per il grande torneo disputato, seppur sfortunato per l’esito finale.

Federer era partito più teso, con il servizio che non ingranava bene, il dritto più corto, e con meno aggressività, quando nel pre-match si ipotizzava invece un Roger sprint per far pesare a Cilic il divario di classe e soprattutto esperienza in “questa” finale. A metà primo set la zampata di Federer, un primo strappo che si è rivelato subito decisivo perché ha sciolto lo svizzero, diventato praticamente perfetto alla battuta, e molto continuo alla risposta e con i drive negli scambi. Il break immediato ad inizio secondo set ha di fatto chiuso il match, anche perché s’è manifestato il problema di Cilic, che però non pareva visivamente debilitato nella corsa. Il suo pianto a dirotto al cambio di campo resterà probabilmente l’immagine più forte di una finale che è tecnicamente scivolata via troppo facile, quasi senza agonismo. Un Federer sontuoso vs. un rivale non al massimo. Tanto che Roger in fondo ha finito per giocare una seconda parte di match quasi modesta, tenendo ritmi solidi al servizio, rispondendo in modo continuo, ma senza lasciar partire quelle accelerazioni imprendibili e giocate sensazionali, forse per non esagerare contro un avversario debilitato. Purtroppo Cilic non ha potuto esprimere la sua massima efficienza, ma la sensazione è che un Federer così centrato, veloce e preciso, avrebbe comunque sconfitto il rivale anche se al meglio. Cilic ha servito troppo male, ha ricavato poco dalla battuta, e solo tenendo ritmi infernali con la prima avrebbe potuto impensierire e sconfiggere Roger (come, infatti, accadde a NY2014 e l’anno scorso, quando ebbe ben 3 match point a Wimbledon). Resta un po’ di amaro in bocca per una partita che prometteva molto e che invece è stata un assolo dello svizzero. Era probabilmente il destino a guidare questa impresa, l’ottava sinfonia di Federer. Roger ha vinto il suo 19esimo Slam a 14 anni di distanza dal primo. Un’impresa epocale, come i tantissimi numeri e record strappati in questo torneo. Federer è leggenda, lo era anche ieri, lo è ancor più oggi. E la sensazione è che non abbia alcuna voglia di fermarsi… Ecco la cronaca della finale.

Si inizia alle 14.09 orario di Londra, con Cilic al servizio. Seconda, Roger entra a tutta di rovescio, scaricando una risposta violenta al centro. Marin non contiene. 0-15. Da sinistra, il croato mette una bella prima esterna, 15 pari. Silenzio sul centrale, il pubblico è consapevole che l’incontro di oggi potrebbe essere storico. Cilic tenta di aggredire, ma il dritto fila lungo. Si salva col servizio, ma si va subito ai vantaggi. Aggressivo Marin, muove lo score, 1-0, ed anche alla risposta si fa sentire. 0-15. Federer non fa la differenza col servizio, si scambia e Cilic “monta” sopra la palla dello svizzero, 15-30. Roger intuisce che di là dalla rete c’è un giocatore molto caldo, centrato, convinto. Intuisce che deve accorciare al massimo i tempi di gioco, per non permettergli di imbastire scambi ed entrare di potenza. Rischia pure una seconda al centro Roger, primo doppio fallo del match. Vantaggi. Bene al servizio, Federer impatta 1 pari. C’è partita. Il braccio di Federer sembra più teso, alcuni dritti in corsa finiscono in rete sulle bordate violente dal fondo di Cilic, che continua a servire bene. 2-1 per il croato. Quarto game, impressiona la determinazione del croato, come spinge e segua un piano tattico molto preciso: aggredire subito, spingere a tutta, rischiare. Al contrario non ingrana la prima del sette volte campione… secondo doppio fallo in due turni di servizio. Non facendo la differenza con il servizio, nello scambio la potenza di Marin è devastante. Un grande dritto cross gli procura la prima palla break del match, ma risponde male, in rete, di rovescio. Roger continua a giocare con solo la seconda, e si “accontenta” di scambiare di rovescio, contiene. Si salva Federer, 2 pari. Quinto game. Roger per la prima volta cambia ritmo da sinistra, Cilic sbaglia. Segue uno scambio rocambolesco, una palla più corta diventa una schermaglia a rete, cade Marin e Roger tocca a chiudere. 0-30. Troppa fretta per il croato, sente il momento… il dritto in spinta vola lungo… 6 punti di fila Federer e 0-40. Cancella le prime due con la prima di servizio, ma si “incarta” con i piedi sulla diagonale di rovescio, spedendo in rete un rovescio sulla pressione di Roger. Break Federer, avanti 3-2. Troppi errori col rovescio da parte del croato, quello che è mediamente il suo colpo più sicuro. Federer però non riesce ancora a ricavare molto col servizio, e rischia nello scambio, con un atteggiamento quantomeno “timido” per quello visto nell’intero torneo. Sente, probabilmente, anche lui la tensione. Consolida il break con un buon turno di servizio, variando molto le rotazioni. 4-2. Vola 40-0 Cilic, ma subisce la rimonta dello svizzero, tra una risposta clamorosa ed una smorzata da favola. Si va ai vantaggi, resta in scia Marin, 3-4. Roger fila via in sicurezza, 5-3, e punge alla risposta, cambiando ritmo all’improvviso. 30 pari, a due punti dal primo set lo svizzero. Cilic avanza, prova a chiudere a rete, “para”, ma il secondo passante di rovescio è una fucilata imprendibile. 30-40, set point Federer! Una prima potente e precisa salva Marin. Risponde a tutta Roger, Marin non contiene, secondo set point. Doppio fallo! Federer chiude il primo set 6-3. Un set meritato, in crescendo per lo svizzero. Crescendo soprattutto col servizio, e via via più veloce coi piedi e sciolto con i colpi. Cilic male con la prima (solo 49% in campo), ed incapace di sfruttare la palla break strappata.

Secondo set, Federer alla battuta. Trova il primo Ace del match, segno di come la prima adesso è entrata in ritmo dopo un avvio più incerto. La curva esterna da destra è clamorosa per velocità e precisione, Cilic pare inerme. A zero Roger tiene il servizio, 1-0, mentre nei turni di battuta il croato continua ad andare a strappi, come la sua prima. 30 pari. Roger entra con la risposta, ma Cilic regala un altro rovescio di scambio, errore gratuito e gravissimo, perché è immediata chance per Roger di scappare via. Scambio fotocopia: risposta precisa di Federer, ma errore gratuito di rovescio cross, largo. Break Federer, 2-0 avanti. Resta molto concentrato il campionissimo, sguardo serio, non concede, come in altre occasioni, molto allo spettacolo con accelerazioni a tutto rischio, bellissime, ma un tennis più scarno, razionale e solido. Soprattutto vincente. Un altro Ace esterno da destra gli vale il punto del 3-0, e quinto game consecutivo. Arriva improvvisamente il medico in campo, Cilic è visibilmente scosso, in lacrime. Non è si avvertito dal campo un problema fisico, eccetto la (piccola) caduta nel finale del primo set, che però sembrava assolutamente innocua. Torna al servizio il croato, sospinto da un applauso convinto di tutto il pubblico, che vuole una grande finale. Ci prova Marin, con prime potenti ed avanzando, per accorciare gli scambi. Si salva con una volee bassa tanto bella quanto fortunata. Muove lo score nel set, 1-3. Adesso Federer deve essere bravo a non distrarsi, e continuare a giocare il suo tennis, che fin qua l’ha portato in vantaggio. Il 7 volte campione continua a martellare il dritto del rivale con la prima esterna, ricavando alti dividendi, e testando con varie rotazioni il rovescio del croato, oggi non così stabile. 4-1 Federer. Adesso gli scambi sono rari, Marin tende di aggrapparsi alla prima di servizio, prendendosi il massimo del rischio. Roger, forte del vantaggio, prova ad entrare e pungere, riuscendoci spesso. Si va ai vantaggi. La seconda è docile, Federer trova una risposta di rovescio splendida, ma sulla quale il croato non prova nemmeno ad intercettare, impietrito. Palla break. Si salva Cilic, risposta larga di Roger. Altra risposta bloccata dello svizzero, il croato è in una zona scomoda e sbaglia di rovescio. Seconda chance per Roger. Ed il break arriva, Cilic non riesce a tenere in campo una volee in allungo. 5-1 Federer, ad un passo dal volare due set avanti. In sicurezza Roger serve preciso e chiude, Marin pare adesso in totale disarmo. Il gap tra i due, dopo un buon inizio, s’è fatto enorme, sul piano tecnico ma soprattutto della intensità. 6-1 Federer, un set dominato totalmente, con Cilic via via quasi scomparso dal campo come presenza. Al cambio di campo, torna il dottore. Confabula con il croato, gli da una pasticca ed il fisio lavora sul piede sinistro, già fasciato. Sarà quello il problema fisico che l’ha portato in lacrime, e calare l’intensità? Oppure è stato un crollo emotivo per come la partita gli è scappata di mano? Non è sembrato così lento o in difficoltà negli spostamenti il croato, il proseguo del match dirà.

Terzo set, Cilic alla battuta, ed il suo miglior servizio torna sul centre court. A quindici tiene il servizio, 1-0. Roger resta assai concentrato, 1 pari. Terzo game, Cilic sbaglia, 0-30. Qua Federer è timido, non entra nello scambio, Marin invece è preciso. 30 pari, ma la prima non va. Si va ai vantaggi. Fretta, troppa fretta del croato, ha alzato il livello rispetto al secondo set ma resta falloso, come nel dritto d’attacco in uscita dal servizio che gli costa la palla break. La cancella con un serve and volley di qualità. 2-1 Cilic. Roger si imballa, commette un paio di errori banali, si torna ai vantaggi in uno suo turno di servizio dopo molto tempo. Ace da destra, scambio governato col dritto da sinistra. 2 pari. Il set avanza seguendo i servizi, Cilic pare rinvigorito, fa il pugno verso il suo angolo e serve meglio (due prime su tre in campo, quando nei primi due set era sotto al 50%). Roger controlla i suoi servizi col pilota automatico, sempre con un tennis più solido che splendente.

Settimo game, una risposta maligna provoca l’errore di Marin, che peggiora la situazione affossando un dritto banale in rete, perdendo il tempo. 15-40, due palle break fondamentali per Roger. Errore in fotocopia… altro dritto in rete, facendo scendere troppo la palla. Break Federer, avanti 4-3 e servizio, a soli due games dalla Leggenda. Il cielo è sempre più scuro, la pioggia avanza verso Wimbledon, ma Roger corre, corre verso la sua ottava coppa. La prima martella, i suoi piedi anticipano le palle del croato. Un “C’mon” urlato a pieni polmoni sottolinea il dritto vincente di Roger, 5-3 avanti. Cilic resta in scia, 4-5, Federer va a servire per alzare l’ottava coppa dei Championship. Tensione, anche per un campione come lui… un rovescio di scambio fila lungo. Ace da sinistra, a tutta velocità (solo il settimo del match). Solita curva da destra, ingestibile per Marin, sottolineata dal pugno dello svizzero. Altra botta al centro, 40-15, due Championships point Federer. Sul primo bravo Cilic a tirare un cross insidioso, con Roger che finisce lungo. Ace! Al centro, imprendibile. E’ l’ottavo titolo di Wimbledon. E’ leggenda. Nessun altro tennista ha vinto 8 volte i Championship. Era il suo obiettivo di inizio stagione, tornare competitivo per provare a vincere Wimbledon. Ha giocato una stagione da sogno, iniziata con la vittoria straordinaria a Melbourne, continuata sul cemento USA ed oggi santificata sui sacri prati di Wimbledon. Dove tutto è iniziato, e dove oggi si è scritta una pagina veramente storica del nostro sport. Chapeau Roger.

Marco Mazzoni

@marcomazz





La partita punto per punto

GS Wimbledon
M. Cilic [7]
3
1
4
R. Federer [3]
6
6
6
Vincitore: R. Federer

M. Cilic HRV – R. Federer SUI
5 Aces 8
3 Doubles Faults 2
16 Winners 23
23 Unforced Errors 8
12/23 (52%) Net Points Won 6/8 (75%)
60% 1st Serves In 76%
35/54 (65%) 1st Serve Points Won 43/53 (81%)
14/36 (39%) 2nd Serve Points Won 12/17 (71%)
5/10 (50%) Break Points Saved 1/1 (100%)
27/70 (39%) 1st Return Pts Won 55/90 (61%)
5/17 (29%) 2nd Return Pts Won 22/36 (61%)
0/1 (0%) Break Points Won 5/10 (50%)
49/90 (54%) Total Service Pts Won 55/70 (79%)
15/70 (21%) Total Return Pts Won 41/90 (46%)
64/160 (40%) Total Points Won 96/160 (60%)
101 mins Duration 101 mins
198 kph / 123 mph Avg. 1st Serve Speed 182 kph / 113 mph
154 kph / 96 mph Avg. 2nd Serve Speed 160 kph / 99 mph
216 kph / 134 mph Fastest Serve 198 kph / 123 mph

6 Ranking 5
28 Age 35
Medjugorje, Bosnia-Herzegovina Birthplace Basel, Switzerland
Monte-Carlo, Monaco Residence Switzerland
6’6″ (198 cm) Height 6’1″ (185 cm)
196 lbs (89 kg) Weight 187 lbs (85 kg)
Right-Handed Plays Right-Handed
2005 Turned Pro 1998
23/13 Year to Date Win/Loss 24/2
1 Year to Date Titles 4
17 Career Titles 92
$18,141,309 Career Prize Money $104,445,185


TAG: , , ,

113 commenti. Lasciane uno!

gamesetmax 17-07-2017 09:46

Scritto da Alberto Bonimba

Scritto da gamesetmax
Lo odiate tanto ma vi mancherà l’arrotino quando anche lui metterà via la racchetta e ci sarà il vero e proprio cambio generazionale ringraziamo di vederli ancora in attività questi fenomeni, perché finora la next-gen che ci è stata proposta tra giocatori ancora immaturi o che già si sono stufati di giocare, lascia un po’ a desiderare.

A me il Robottino proprio non mi manchera’ !! Quando Roger smettera’ non seguiro’ piu’ il Tennis o se lo faro’ ma in maniera distaccata, un altro come lui non lo vedremo piu’ perche’ passeranno moltissimi anni.

Contento tu!

113
Replica | Quota | 0
Bisogna essere registrati per votare un commento!
Haas78 (Guest) 17-07-2017 09:14

@ MAURO (#1899244)

Gli interessa di sicuro, chissà che una volta tocchi anche a lui 😉

112
Replica | Quota | 0
Bisogna essere registrati per votare un commento!
Alberto Bonimba (Guest) 17-07-2017 07:50

Scritto da gamesetmax
Lo odiate tanto ma vi mancherà l’arrotino quando anche lui metterà via la racchetta e ci sarà il vero e proprio cambio generazionale ringraziamo di vederli ancora in attività questi fenomeni, perché finora la next-gen che ci è stata proposta tra giocatori ancora immaturi o che già si sono stufati di giocare, lascia un po’ a desiderare.

A me il Robottino proprio non mi manchera’ !! Quando Roger smettera’ non seguiro’ piu’ il Tennis o se lo faro’ ma in maniera distaccata, un altro come lui non lo vedremo piu’ perche’ passeranno moltissimi anni.

111
Replica | Quota | 0
Bisogna essere registrati per votare un commento!
Antonio (Guest) 17-07-2017 01:03

È bello leggere tutti questi commenti celebrativi Roger è un grande e merita questo ed altro. Ma siete gli stessi che esaltate Zverev e osate paragonarlo allo svizzero. Vi si dovrebbe incendiare la tAstiera ogni volta che vi passa per la testa un pensiero simile

110
Replica | Quota | 0
Bisogna essere registrati per votare un commento!
alexalex 17-07-2017 00:46

Scritto da Alberto Bonimba

Scritto da alexalex

Scritto da Alberto Bonimba

Scritto da alexalex

Scritto da Alberto Bonimba

Scritto da Beh
@ Alberto Bonimba (#1899284)
Il migliore per cosa scusa? Perché ha piu slam degli altri? Perché è stato numero uno per 4 anni dove avversari degni di questo nome ce n’era qualcuno e basta? (Roddick, Philippoussis, Gonzalez e company, per carità buoni giocatori ma non competitivi come quelli di adesso). Oppure il migliore perché piace il suo stile? A parte che il migliore di sempre non si può affermare per le solite cose dei materiali, delle epoche diverse ecc. ma se a te non piace un tipo di gioco non è detto che il giocatore che pratica questo tipo di gioco non vale, ce la fai ad arrivarci o te lo devo spiegare come i bambini? E inoltre, non è che quello che dicono i giornalisti è Bibbia. Imparate a ragionare con la vostra testa e non con quella degli altri.

Ahahahah…..sei simpatico !!

Su una cosa Beh ha ragione da vendere! Il meglio non è solo quello che piace a noi!

Infatti non piace solo a noi ma a tutte le persone che capiscono di tennis e sono milioni….

Federer ha milioni di tifosi che pensano che il suo gioco sia arte, che non capiscono una mazza di tecnica e prenderebbero in mano una racchetta come una mazzetta da muratore! E non sanno neppure che Roger gioca il suo diritto arrotato in topspin proprio come l’odiato “arrotino”.

Bravo….si vede che hai studiato il tennis !!

Provo anche a giocarlo!

109
Replica | Quota | 0
Bisogna essere registrati per votare un commento!
Alberto Bonimba (Guest) 17-07-2017 00:12

Scritto da alexalex

Scritto da Alberto Bonimba

Scritto da alexalex

Scritto da Alberto Bonimba

Scritto da Beh
@ Alberto Bonimba (#1899284)
Il migliore per cosa scusa? Perché ha piu slam degli altri? Perché è stato numero uno per 4 anni dove avversari degni di questo nome ce n’era qualcuno e basta? (Roddick, Philippoussis, Gonzalez e company, per carità buoni giocatori ma non competitivi come quelli di adesso). Oppure il migliore perché piace il suo stile? A parte che il migliore di sempre non si può affermare per le solite cose dei materiali, delle epoche diverse ecc. ma se a te non piace un tipo di gioco non è detto che il giocatore che pratica questo tipo di gioco non vale, ce la fai ad arrivarci o te lo devo spiegare come i bambini? E inoltre, non è che quello che dicono i giornalisti è Bibbia. Imparate a ragionare con la vostra testa e non con quella degli altri.

Ahahahah…..sei simpatico !!

Su una cosa Beh ha ragione da vendere! Il meglio non è solo quello che piace a noi!

Infatti non piace solo a noi ma a tutte le persone che capiscono di tennis e sono milioni….

Federer ha milioni di tifosi che pensano che il suo gioco sia arte, che non capiscono una mazza di tecnica e prenderebbero in mano una racchetta come una mazzetta da muratore! E non sanno neppure che Roger gioca il suo diritto arrotato in topspin proprio come l’odiato “arrotino”.

Bravo….si vede che hai studiato il tennis !!

108
Replica | Quota | 0
Bisogna essere registrati per votare un commento!
gamesetmax 17-07-2017 00:03

Lo odiate tanto ma vi mancherà l’arrotino quando anche lui metterà via la racchetta e ci sarà il vero e proprio cambio generazionale 😉 ringraziamo di vederli ancora in attività questi fenomeni, perché finora la next-gen che ci è stata proposta tra giocatori ancora immaturi o che già si sono stufati di giocare, lascia un po’ a desiderare.

107
Replica | Quota | 0
Bisogna essere registrati per votare un commento!
RogerFan 16-07-2017 23:32

Scritto da alexalex

Scritto da RogerFan
È un onore vedere Nadaliani omaggiare Roger, ricordiamocelo quando Rafa vincerà.

Invece anche oggi i soliti elementi, anziché omaggiare come merita il loro idolo, si perdono in confronti, frasi fatte e nello sminuire l’eterno rivale. Firse perché tutto quello che sanno di sport è “Federer è il tennis”, “Nadal fa l’arrotino”, “la Juve ruba!”.

Pensare che Roger vorrebbe giocare ogni torneo contro Rafa, ogni torneo. E non certo perchè lo batte, anzi, la storia ci dice il contrario. E vorrebbe giocare contro Nole. I grandi vogliono i grandi.

106
Replica | Quota | 1
Bisogna essere registrati per votare un commento!
alexalex 16-07-2017 23:30

Scritto da Alberto Bonimba

Scritto da alexalex

Scritto da Alberto Bonimba

Scritto da Beh
@ Alberto Bonimba (#1899284)
Il migliore per cosa scusa? Perché ha piu slam degli altri? Perché è stato numero uno per 4 anni dove avversari degni di questo nome ce n’era qualcuno e basta? (Roddick, Philippoussis, Gonzalez e company, per carità buoni giocatori ma non competitivi come quelli di adesso). Oppure il migliore perché piace il suo stile? A parte che il migliore di sempre non si può affermare per le solite cose dei materiali, delle epoche diverse ecc. ma se a te non piace un tipo di gioco non è detto che il giocatore che pratica questo tipo di gioco non vale, ce la fai ad arrivarci o te lo devo spiegare come i bambini? E inoltre, non è che quello che dicono i giornalisti è Bibbia. Imparate a ragionare con la vostra testa e non con quella degli altri.

Ahahahah…..sei simpatico !!

Su una cosa Beh ha ragione da vendere! Il meglio non è solo quello che piace a noi!

Infatti non piace solo a noi ma a tutte le persone che capiscono di tennis e sono milioni….

Federer ha milioni di tifosi che pensano che il suo gioco sia arte, che non capiscono una mazza di tecnica e prenderebbero in mano una racchetta come una mazzetta da muratore! E non sanno neppure che Roger gioca il suo diritto arrotato in topspin proprio come l’odiato “arrotino”.

105
Replica | Quota | 0
Bisogna essere registrati per votare un commento!
alexalex 16-07-2017 23:27

Scritto da pallecorte
@ alexalex (#1899472)
Ma cosa “che c’entra”. Ma ce l’hai un cervello per ragionare? Sono tre le superfici, tre.
Ripeti insieme a me: tre superfici.
Clay.
Hard.
Grass.
Il migliore è quello che vince tanto su più superfici possibili.
Non inventiamo cazzate adesso, per favore.

Senti, stai pure tranquillo, non sono scemo e non invento cazzate. 20 slam sono 20 slam, ovunque vengano vinti! Ma è inutile discuterne, perché Nadal non pareggerà mai il conto, ma 10 Roland Garros bastano a consegnarlo alla leggenda di questo sport!

104
Replica | Quota | 0
Bisogna essere registrati per votare un commento!
Mar (Guest) 16-07-2017 23:20

Eh ti capisco la verità è dura

103
Replica | Quota | 0
Bisogna essere registrati per votare un commento!
pallecorte (Guest) 16-07-2017 23:09

@ Mar (#1899507)

Non posso credere che tu abbia scritto una cosa del genere.

102
Replica | Quota | 0
Bisogna essere registrati per votare un commento!
pallecorte (Guest) 16-07-2017 23:08

@ alexalex (#1899472)

Ma cosa “che c’entra”. Ma ce l’hai un cervello per ragionare? Sono tre le superfici, tre.
Ripeti insieme a me: tre superfici.
Clay.
Hard.
Grass.
Il migliore è quello che vince tanto su più superfici possibili.
Non inventiamo cazzate adesso, per favore.

101
Replica | Quota | 0
Bisogna essere registrati per votare un commento!