Fed Cup 2017 Copertina, Davis/FedCup

Fed Cup: Italia vs Slovacchia. Le convocate italiane. Non c’è la Vinci. L’Italia si affida a Errani, Schiavone, Paolini e Trevisan

01/02/2017 12:19 175 commenti
Sara Errani classe 1987, n.47 del mondo
Sara Errani classe 1987, n.47 del mondo

Tathiana Garbin pochi minuti fa ha diramato le convocazioni per la sfida tra Italia-Slovacchia valida come primo turno del World Group 2 di Federation Cup in programma a Forlì tra dieci giorni (11-12 febbraio, terra rossa).

Non ci sarà Roberta Vinci che ha preferito meno impegni in questo inizio di stagione in quello che dovrebbe essere il suo ultimo anno nel circuito.

La Garbin ha convocato: Sara Errani, Francesca Schiavone, Jasmine Paolini e Martina Trevisan.
Per la Paolini e la Trevisan, rispettivamente 21 e 23 anni, è la prima convocazione in Fed Cup.
Non ci sarà Karin Knapp con problemi al ginocchio e Camila Giorgi.


TAG: , , , , , ,

175 commenti. Lasciane uno!

Ugolotti (Guest) 12-02-2017 23:52

Andrebbe multata anche la Vinci
Non si snobba così la Fed cup

175
Ugolotti (Guest) 12-02-2017 23:47

@ usta (#1761318)

174
Piw (Guest) 02-02-2017 14:10

Scritto da decor

Scritto da tommaso

Scritto da decor

Scritto da Fabblack
@ decor (#1761334)
Tuttavia, dopo dieci mesi, non si ha ancora notizia di cause intentate presso il Tribunale Civile.
Ripeto poi che sul sito stesso della FIT risulta ultimo tesseramento Giorgi 2011: fosse vero, non avrebbero competenza neanche per la squalifica e multa di che trattasi.
Ed avrebbero fatto giocare per tre anni in Fed una non tesserata.

Ma ti rendi conto di quello che dici?
Camila non sarebbe tesserata solo perché non risulta sul sito?
Ma di che stiamo parlando?
Di fatti o di opinioni?
Voi tifosi acerrimi e’ ora che la smettete perché la fate diventare insopportabile così facendo!

si suppone comunque che un canale digitale ufficiale di una Federazione affiliata al Comitato Olimpico, nel 2017, sia aggiornato

Appunto. Lo supponi tu.

bravo Decor. Solo che con gli invasati supporters è un tantino complesso ragionare

173
tommaso (Guest) 02-02-2017 13:48

Scritto da decor

Scritto da tommaso

Scritto da decor
Voi

Scritto da tommaso

Scritto da biglebowsky
Ma davvero credete che esista il fantomatico “Contratto”, una sorta di accordo, al momento non esibito, in cui si sancisce il rapporto tra Camila Giorgi e la FIT come unico caso mondiale in cui un’atleta è tenuto a rifondere cifre milionarie per aver scelto di non giocare una partita di tennis. In cui ci sarebbe un impegno (forse vergato con il sangue) a non mancare mai nella sua lunga vita un solo match della mitica Fed Cup pena la rovina economica? E che l’abbiano firmato? E che, anche fossero così stupidi, non sarebbe considerato illegale da qualsiasi tribunale del mondo civile?

Considera che la Federazione ha a disposizione un sito, dei canali social, una televisione e un ufficio stampa. Esiste il contratto? Ricevono critiche per il loro comportamento? Bene, zittiscano tutti e mostrino questo inattaccabile contratto, magari davanti ad un giudice e costringano i Giorgi a pagare tutti e subito.

Voi due e’ ora che la piantate con la storia che non esiste un contratto solo perché non viene reso pubblico. Ma vi rendete conto?
Ma per quale motivo si devono rendere noti i contenuti di un contratto?
O pensate che sia arrivata a Tirrenia solo sulla base di una chiacchierata?
Ma siete seri???

Ne sai a pacchi di giurisdizione eh? Nel momento in cui si chiedono dei soldi davanti a un giudice perché “c’è un contratto”, il suddetto deve saltare fuori. Se no io vado da un giudice e dico che tu hai firmato un contratto in cui mi cedi la casa e 100 mula euro. Eh ma mica te lo faccio vedere il contratto!!!

Si. Salta fuori all’opinione pubblica. Ma per piacere. Se smetti di scrivere queste cavolate fai un favore prima a te stesso.

Non all’opinione pubblica, certo che no. Ma sono in ballo da 10 mesi e ancora non sono arrivati ad una soluzione? Se questo contratto c’è ed è così inattaccabile perché non abbiamo una sentenza (civile, non sportiva)?

E poi “l’opinione pubblica” che commenta “i Giorgi devono pagare, c’è il contratto!!!!” non dovrebbero essere i primi felici del fatto che questo contratto salti fuori e zittisca gli ultras una volta per tutte?

172
decor (Guest) 02-02-2017 13:24

Scritto da tommaso

Scritto da decor

Scritto da Fabblack
@ decor (#1761334)
Tuttavia, dopo dieci mesi, non si ha ancora notizia di cause intentate presso il Tribunale Civile.
Ripeto poi che sul sito stesso della FIT risulta ultimo tesseramento Giorgi 2011: fosse vero, non avrebbero competenza neanche per la squalifica e multa di che trattasi.
Ed avrebbero fatto giocare per tre anni in Fed una non tesserata.

Ma ti rendi conto di quello che dici?
Camila non sarebbe tesserata solo perché non risulta sul sito?
Ma di che stiamo parlando?
Di fatti o di opinioni?
Voi tifosi acerrimi e’ ora che la smettete perché la fate diventare insopportabile così facendo!

si suppone comunque che un canale digitale ufficiale di una Federazione affiliata al Comitato Olimpico, nel 2017, sia aggiornato

Appunto. Lo supponi tu.

171
decor (Guest) 02-02-2017 13:23

Scritto da tommaso

Scritto da decor
Voi

Scritto da tommaso

Scritto da biglebowsky
Ma davvero credete che esista il fantomatico “Contratto”, una sorta di accordo, al momento non esibito, in cui si sancisce il rapporto tra Camila Giorgi e la FIT come unico caso mondiale in cui un’atleta è tenuto a rifondere cifre milionarie per aver scelto di non giocare una partita di tennis. In cui ci sarebbe un impegno (forse vergato con il sangue) a non mancare mai nella sua lunga vita un solo match della mitica Fed Cup pena la rovina economica? E che l’abbiano firmato? E che, anche fossero così stupidi, non sarebbe considerato illegale da qualsiasi tribunale del mondo civile?

Considera che la Federazione ha a disposizione un sito, dei canali social, una televisione e un ufficio stampa. Esiste il contratto? Ricevono critiche per il loro comportamento? Bene, zittiscano tutti e mostrino questo inattaccabile contratto, magari davanti ad un giudice e costringano i Giorgi a pagare tutti e subito.

Voi due e’ ora che la piantate con la storia che non esiste un contratto solo perché non viene reso pubblico. Ma vi rendete conto?
Ma per quale motivo si devono rendere noti i contenuti di un contratto?
O pensate che sia arrivata a Tirrenia solo sulla base di una chiacchierata?
Ma siete seri???

Ne sai a pacchi di giurisdizione eh? Nel momento in cui si chiedono dei soldi davanti a un giudice perché “c’è un contratto”, il suddetto deve saltare fuori. Se no io vado da un giudice e dico che tu hai firmato un contratto in cui mi cedi la casa e 100 mula euro. Eh ma mica te lo faccio vedere il contratto!!!

Si. Salta fuori all’opinione pubblica. Ma per piacere. Se smetti di scrivere queste cavolate fai un favore prima a te stesso.

170
proio 02-02-2017 13:04

Schiavone si fomenta e su terra porta a casa 2 punti

169
usta (Guest) 02-02-2017 11:58

Scritto da grazie re Roger
Errani mezza infortunata e schiavone a oltre fine carriera,fate giocare le giovani…..retrocediamo?chissenefrega…..

Sarebbe la decisione migliore. Ma siamo tutti strasicuri che non la seguiranno 😆
In campo errani e schiavone sembra che facciano un pensierino su lea pericoli:lol:

168
tommaso (Guest) 02-02-2017 11:45

Scritto da decor
Voi

Scritto da tommaso

Scritto da biglebowsky
Ma davvero credete che esista il fantomatico “Contratto”, una sorta di accordo, al momento non esibito, in cui si sancisce il rapporto tra Camila Giorgi e la FIT come unico caso mondiale in cui un’atleta è tenuto a rifondere cifre milionarie per aver scelto di non giocare una partita di tennis. In cui ci sarebbe un impegno (forse vergato con il sangue) a non mancare mai nella sua lunga vita un solo match della mitica Fed Cup pena la rovina economica? E che l’abbiano firmato? E che, anche fossero così stupidi, non sarebbe considerato illegale da qualsiasi tribunale del mondo civile?

Considera che la Federazione ha a disposizione un sito, dei canali social, una televisione e un ufficio stampa. Esiste il contratto? Ricevono critiche per il loro comportamento? Bene, zittiscano tutti e mostrino questo inattaccabile contratto, magari davanti ad un giudice e costringano i Giorgi a pagare tutti e subito.

Voi due e’ ora che la piantate con la storia che non esiste un contratto solo perché non viene reso pubblico. Ma vi rendete conto?
Ma per quale motivo si devono rendere noti i contenuti di un contratto?
O pensate che sia arrivata a Tirrenia solo sulla base di una chiacchierata?
Ma siete seri???

Ne sai a pacchi di giurisdizione eh? Nel momento in cui si chiedono dei soldi davanti a un giudice perché “c’è un contratto”, il suddetto deve saltare fuori. Se no io vado da un giudice e dico che tu hai firmato un contratto in cui mi cedi la casa e 100 mula euro. Eh ma mica te lo faccio vedere il contratto!!!

167
tommaso (Guest) 02-02-2017 11:43

Scritto da Piw

Scritto da decor

Scritto da t.o.
Dato che nessuno ha prove di ciò che ha animato questa querelle cerchiamo almeno di dare ordine alle cose che “sembrano” certe.
Camila non ha rispettato un contratto. E’ un contratto con valenza economica. Deciderà il tribunale Civile.
Camila non ha rispettato il Regolamento Fit che prevede sanzioni ben specificate sia nei tempi sia nelle cifre. E il Tribunale Sportivo l’ha condannata ad una multa (commisurata alla sua posizione in classifica) e a 9 mesi di sospensione dall’attività federale. Tutto questo è legittimo e giusto.
…non è lesa maestà ricordare che non sempre si è stati così “pignoli nell’applicazione di una norma.
Sul fatto che Camila non ami giocare la Fed dissento. E ho le mie valide ragioni. Camila con Tatiana Capitano giocherebbe più che volentieri. Molto più volentieri che con Barazzutti.
Sul “famoso” contratto (che nessuno ha ancora pubblicato) c’è molta letteratura.
Tutti gli atleti hanno contratti con la federazione…e tutti prendono soldi, benefit, cure e logistica (commisurati al loro profilo di prospetto). Tutte le atlete che hanno fatto trafila in Italia (anche le 2 moschettiere Flavia e Sara prima di emigrare in spagna) hanno ricevuto denaro e cure da parte della federazione (che sia a Tirrenia o in un circolo affiliato).
La federazione ha investito su Sara, Roberta, Flavia, Francesca da quando avevano 10 o 12 anni …senza sapere che sarebbero (per fortuna ma non sempre per merito Fit) diventate le campionesse che sono. Tutte le giocatrici italiane hanno comunque un debito di riconoscenza verso la federazione….Camila no.
Camila la sua scalata in classifica l’ha fatta tutta a spese sue.
Anche “contro” due WC negate a Roma proprio dalla Fit che fu costretta a cambiare i criteri di assegnazione un anno per l’altro proprio. A criteri invertiti Camila avrebbe avuto due WC anzichè nessuna.
Forse questo c’è scritto nel contratto.
Mi paghi gli arretrati.
E ti prendi una giocatrice giovane e di medio alta classifica. Ottimo testimonial della tua TV. Una che comincia a farti prendere soldi…altrimenti perchè la fai Madrina e in diretta mondiale dell’estrazione del tabellone degli internazionali…
…ottimo prospetto (già pronto) da “…curare…”
…Ma camila non vuole ne Corrado allenatore ne un amico di Binaghi a fargli da Manager
…e se fosse andata così?
PS: la Fed vale quello che vale e Roberta ha fatto benissimo a chiedere di essere esonerata…e bene ha fatto Tatiana a non convocarla… Per Sara…conoscendo Binaghi, il ricatto della WC di Roma ci sta tutto…ma questo è solo quello che penso io

Ma ti rendi conto delle cavolate che scrivi???

caro adecor se questo si rendesse conto di quello dice,stai tranquillo che non scriverebbe per niente. Questo supporter to scriveve che la camila sarebbe entrata in top 12 dopo gli AO 15……. Devo dire altro

Magari in italiano…

166
tommaso (Guest) 02-02-2017 11:43

Scritto da decor

Scritto da Fabblack
@ decor (#1761334)
Tuttavia, dopo dieci mesi, non si ha ancora notizia di cause intentate presso il Tribunale Civile.
Ripeto poi che sul sito stesso della FIT risulta ultimo tesseramento Giorgi 2011: fosse vero, non avrebbero competenza neanche per la squalifica e multa di che trattasi.
Ed avrebbero fatto giocare per tre anni in Fed una non tesserata.

Ma ti rendi conto di quello che dici?
Camila non sarebbe tesserata solo perché non risulta sul sito?
Ma di che stiamo parlando?
Di fatti o di opinioni?
Voi tifosi acerrimi e’ ora che la smettete perché la fate diventare insopportabile così facendo!

si suppone comunque che un canale digitale ufficiale di una Federazione affiliata al Comitato Olimpico, nel 2017, sia aggiornato

165
decor (Guest) 02-02-2017 11:41

Scritto da Fabblack
@ decor (#1761334)
Tuttavia, dopo dieci mesi, non si ha ancora notizia di cause intentate presso il Tribunale Civile.
Ripeto poi che sul sito stesso della FIT risulta ultimo tesseramento Giorgi 2011: fosse vero, non avrebbero competenza neanche per la squalifica e multa di che trattasi.
Ed avrebbero fatto giocare per tre anni in Fed una non tesserata.

Ma ti rendi conto di quello che dici?
Camila non sarebbe tesserata solo perché non risulta sul sito?
Ma di che stiamo parlando?
Di fatti o di opinioni?
Voi tifosi acerrimi e’ ora che la smettete perché la fate diventare insopportabile così facendo!

164
Piw (Guest) 02-02-2017 11:35

Scritto da decor

Scritto da t.o.
Dato che nessuno ha prove di ciò che ha animato questa querelle cerchiamo almeno di dare ordine alle cose che “sembrano” certe.
Camila non ha rispettato un contratto. E’ un contratto con valenza economica. Deciderà il tribunale Civile.
Camila non ha rispettato il Regolamento Fit che prevede sanzioni ben specificate sia nei tempi sia nelle cifre. E il Tribunale Sportivo l’ha condannata ad una multa (commisurata alla sua posizione in classifica) e a 9 mesi di sospensione dall’attività federale. Tutto questo è legittimo e giusto.
…non è lesa maestà ricordare che non sempre si è stati così “pignoli nell’applicazione di una norma.
Sul fatto che Camila non ami giocare la Fed dissento. E ho le mie valide ragioni. Camila con Tatiana Capitano giocherebbe più che volentieri. Molto più volentieri che con Barazzutti.
Sul “famoso” contratto (che nessuno ha ancora pubblicato) c’è molta letteratura.
Tutti gli atleti hanno contratti con la federazione…e tutti prendono soldi, benefit, cure e logistica (commisurati al loro profilo di prospetto). Tutte le atlete che hanno fatto trafila in Italia (anche le 2 moschettiere Flavia e Sara prima di emigrare in spagna) hanno ricevuto denaro e cure da parte della federazione (che sia a Tirrenia o in un circolo affiliato).
La federazione ha investito su Sara, Roberta, Flavia, Francesca da quando avevano 10 o 12 anni …senza sapere che sarebbero (per fortuna ma non sempre per merito Fit) diventate le campionesse che sono. Tutte le giocatrici italiane hanno comunque un debito di riconoscenza verso la federazione….Camila no.
Camila la sua scalata in classifica l’ha fatta tutta a spese sue.
Anche “contro” due WC negate a Roma proprio dalla Fit che fu costretta a cambiare i criteri di assegnazione un anno per l’altro proprio. A criteri invertiti Camila avrebbe avuto due WC anzichè nessuna.
Forse questo c’è scritto nel contratto.
Mi paghi gli arretrati.
E ti prendi una giocatrice giovane e di medio alta classifica. Ottimo testimonial della tua TV. Una che comincia a farti prendere soldi…altrimenti perchè la fai Madrina e in diretta mondiale dell’estrazione del tabellone degli internazionali…
…ottimo prospetto (già pronto) da “…curare…”
…Ma camila non vuole ne Corrado allenatore ne un amico di Binaghi a fargli da Manager
…e se fosse andata così?
PS: la Fed vale quello che vale e Roberta ha fatto benissimo a chiedere di essere esonerata…e bene ha fatto Tatiana a non convocarla… Per Sara…conoscendo Binaghi, il ricatto della WC di Roma ci sta tutto…ma questo è solo quello che penso io

Ma ti rendi conto delle cavolate che scrivi???

caro adecor se questo si rendesse conto di quello dice,stai tranquillo che non scriverebbe per niente. Questo supporter to scriveve che la camila sarebbe entrata in top 12 dopo gli AO 15……. Devo dire altro

163
grazie re Roger (Guest) 02-02-2017 09:02

Errani mezza infortunata e schiavone a oltre fine carriera,fate giocare le giovani…..retrocediamo?chissenefrega…..

162
Fabblack 02-02-2017 08:28

@ decor (#1761334)

Tuttavia, dopo dieci mesi, non si ha ancora notizia di cause intentate presso il Tribunale Civile.
Ripeto poi che sul sito stesso della FIT risulta ultimo tesseramento Giorgi 2011: fosse vero, non avrebbero competenza neanche per la squalifica e multa di che trattasi.
Ed avrebbero fatto giocare per tre anni in Fed una non tesserata.

161
decor (Guest) 02-02-2017 08:02

Voi

Scritto da tommaso

Scritto da biglebowsky
Ma davvero credete che esista il fantomatico “Contratto”, una sorta di accordo, al momento non esibito, in cui si sancisce il rapporto tra Camila Giorgi e la FIT come unico caso mondiale in cui un’atleta è tenuto a rifondere cifre milionarie per aver scelto di non giocare una partita di tennis. In cui ci sarebbe un impegno (forse vergato con il sangue) a non mancare mai nella sua lunga vita un solo match della mitica Fed Cup pena la rovina economica? E che l’abbiano firmato? E che, anche fossero così stupidi, non sarebbe considerato illegale da qualsiasi tribunale del mondo civile?

Considera che la Federazione ha a disposizione un sito, dei canali social, una televisione e un ufficio stampa. Esiste il contratto? Ricevono critiche per il loro comportamento? Bene, zittiscano tutti e mostrino questo inattaccabile contratto, magari davanti ad un giudice e costringano i Giorgi a pagare tutti e subito.

Voi due e’ ora che la piantate con la storia che non esiste un contratto solo perché non viene reso pubblico. Ma vi rendete conto?
Ma per quale motivo si devono rendere noti i contenuti di un contratto?
O pensate che sia arrivata a Tirrenia solo sulla base di una chiacchierata?
Ma siete seri???

160
decor (Guest) 02-02-2017 07:55

Scritto da t.o.
Dato che nessuno ha prove di ciò che ha animato questa querelle cerchiamo almeno di dare ordine alle cose che “sembrano” certe.
Camila non ha rispettato un contratto. E’ un contratto con valenza economica. Deciderà il tribunale Civile.
Camila non ha rispettato il Regolamento Fit che prevede sanzioni ben specificate sia nei tempi sia nelle cifre. E il Tribunale Sportivo l’ha condannata ad una multa (commisurata alla sua posizione in classifica) e a 9 mesi di sospensione dall’attività federale. Tutto questo è legittimo e giusto.
…non è lesa maestà ricordare che non sempre si è stati così “pignoli nell’applicazione di una norma.
Sul fatto che Camila non ami giocare la Fed dissento. E ho le mie valide ragioni. Camila con Tatiana Capitano giocherebbe più che volentieri. Molto più volentieri che con Barazzutti.
Sul “famoso” contratto (che nessuno ha ancora pubblicato) c’è molta letteratura.
Tutti gli atleti hanno contratti con la federazione…e tutti prendono soldi, benefit, cure e logistica (commisurati al loro profilo di prospetto). Tutte le atlete che hanno fatto trafila in Italia (anche le 2 moschettiere Flavia e Sara prima di emigrare in spagna) hanno ricevuto denaro e cure da parte della federazione (che sia a Tirrenia o in un circolo affiliato).
La federazione ha investito su Sara, Roberta, Flavia, Francesca da quando avevano 10 o 12 anni …senza sapere che sarebbero (per fortuna ma non sempre per merito Fit) diventate le campionesse che sono. Tutte le giocatrici italiane hanno comunque un debito di riconoscenza verso la federazione….Camila no.
Camila la sua scalata in classifica l’ha fatta tutta a spese sue.
Anche “contro” due WC negate a Roma proprio dalla Fit che fu costretta a cambiare i criteri di assegnazione un anno per l’altro proprio. A criteri invertiti Camila avrebbe avuto due WC anzichè nessuna.
Forse questo c’è scritto nel contratto.
Mi paghi gli arretrati.
E ti prendi una giocatrice giovane e di medio alta classifica. Ottimo testimonial della tua TV. Una che comincia a farti prendere soldi…altrimenti perchè la fai Madrina e in diretta mondiale dell’estrazione del tabellone degli internazionali…
…ottimo prospetto (già pronto) da “…curare…”
…Ma camila non vuole ne Corrado allenatore ne un amico di Binaghi a fargli da Manager
…e se fosse andata così?
PS: la Fed vale quello che vale e Roberta ha fatto benissimo a chiedere di essere esonerata…e bene ha fatto Tatiana a non convocarla… Per Sara…conoscendo Binaghi, il ricatto della WC di Roma ci sta tutto…ma questo è solo quello che penso io

Ma ti rendi conto delle cavolate che scrivi???

159
usta (Guest) 02-02-2017 06:07

Male la vinci. sei la n.1? in questo momento ci devi essere, la n.2 viene da un infortunio e non sai in che condizioni sia. le altre sono ragazzine inadatte a giocare ma solo a fare esperienza (a parte francy ovvimente che va bene come terza da tenere come spauracchio) ma ancora una volta come anche l’anno scorso, salta la convocazione. Male,a prescindere dal caso giorgi che è differente. Io ho sentito che la vinci prima delle olimpiadi ha accettato di rigiocare a rio con la errani a patto sostanzialmente che non le “rompessero i gabasisi” in quest’edizione. ed evidentemente la fit avrebbe accettasto!! tra l’altro l’impegno suo a rio in doppio, me lo ricordo bene e non è stato, uso un eufemismo, allo spasimo! 😆

158
Koko (Guest) 01-02-2017 23:53

Scritto da Koko

Scritto da biglebowsky
Ma davvero credete che esista il fantomatico “Contratto”, una sorta di accordo, al momento non esibito, in cui si sancisce il rapporto tra Camila Giorgi e la FIT come unico caso mondiale in cui un’atleta è tenuto a rifondere cifre milionarie per aver scelto di non giocare una partita di tennis. In cui ci sarebbe un impegno (forse vergato con il sangue) a non mancare mai nella sua lunga vita un solo match della mitica Fed Cup pena la rovina economica? E che l’abbiano firmato? E che, anche fossero così stupidi, non sarebbe considerato illegale da qualsiasi tribunale del mondo civile?

Esatto! Sul piano giuridico ci sono le cosidette clausole vessatorie che impediscono l’applicabilità patti diabolici!

Il massimo ottenibile per interrompere il tutto è il classico chi avuto ha avuto ha avuto e chi ha dato ha dato ha dato..! 😛

157
Koko (Guest) 01-02-2017 23:45

Scritto da biglebowsky
Ma davvero credete che esista il fantomatico “Contratto”, una sorta di accordo, al momento non esibito, in cui si sancisce il rapporto tra Camila Giorgi e la FIT come unico caso mondiale in cui un’atleta è tenuto a rifondere cifre milionarie per aver scelto di non giocare una partita di tennis. In cui ci sarebbe un impegno (forse vergato con il sangue) a non mancare mai nella sua lunga vita un solo match della mitica Fed Cup pena la rovina economica? E che l’abbiano firmato? E che, anche fossero così stupidi, non sarebbe considerato illegale da qualsiasi tribunale del mondo civile?

Esatto! Sul piano giuridico ci sono le cosidette clausole vessatorie che impediscono l’applicabilità patti diabolici! 😮

156
Sandro G. 01-02-2017 23:26

volevo tranquillizzare molti di voi utenti sulla Schiavone, ed anche sulle sue finanze 😆 si trova ancora a Taiwan si è presa un paio di giorni per elaborare l’ennesima uscita di primo turno… sembra serena con tanta voglia di reagire, di non deprimersi… penso che la trasferta in Nazionale possa solo farle bene… credo che se le verrà data la possibilità di essere la 2 singolarista e quindi di giocare ..eh beh penso che lei stessa ne trarrà giovamento per i tornei a venire … e l’ultimo anno sarebbe un giusto saluto alla Fed Cup, se lo merita a mio avviso! le Giovani tenniste vivranno una bella esperienza di tennis che in futuro (si spera) diventerà per loro un fatto definitivo!

vi metto il link video, Schiavone Taiwan : https://www.facebook.com/FrancescaSchiavoneOfficial/videos/1348253635244566/

155
Koko (Guest) 01-02-2017 23:12

Ammettiamo che la Giorgi sia stata legata da un obbligo contrattuale ma esso come poteva realmente imporre una sorta di schiavismo partecipativo ad un evento sportivo? Se Camila ad esempio avesse paventato una indisposizione di difficile riscontro immediato sarebbe stata sottoposta a visita fiscale o bastava un certificato medico? E con quale coraggio si convoca qualcuno che non è disposto a partecipare con un obbligo esplicito nell’ambito di una prestazione sportiva di alto livello in cui la convinzione nel dare tutto è elemento essenziale? In altri termini come imporre a Camila di fare un partitone per portare il punto magari con la testa altrove e contro-voglia? Barazzutti per primo come CT avrebbe dovuto evitare la convocazione di una tennista mal disposta a rispondere pur se vincolata con un contratto esageratamente coercitivo. Ritengo che se ne debba assumere le responsabilità.

154
t.o. (Guest) 01-02-2017 22:50

Dato che nessuno ha prove di ciò che ha animato questa querelle cerchiamo almeno di dare ordine alle cose che “sembrano” certe.

Camila non ha rispettato un contratto. E’ un contratto con valenza economica. Deciderà il tribunale Civile.

Camila non ha rispettato il Regolamento Fit che prevede sanzioni ben specificate sia nei tempi sia nelle cifre. E il Tribunale Sportivo l’ha condannata ad una multa (commisurata alla sua posizione in classifica) e a 9 mesi di sospensione dall’attività federale. Tutto questo è legittimo e giusto.
…non è lesa maestà ricordare che non sempre si è stati così “pignoli nell’applicazione di una norma.

Sul fatto che Camila non ami giocare la Fed dissento. E ho le mie valide ragioni. Camila con Tatiana Capitano giocherebbe più che volentieri. Molto più volentieri che con Barazzutti.

Sul “famoso” contratto (che nessuno ha ancora pubblicato) c’è molta letteratura.
Tutti gli atleti hanno contratti con la federazione…e tutti prendono soldi, benefit, cure e logistica (commisurati al loro profilo di prospetto). Tutte le atlete che hanno fatto trafila in Italia (anche le 2 moschettiere Flavia e Sara prima di emigrare in spagna) hanno ricevuto denaro e cure da parte della federazione (che sia a Tirrenia o in un circolo affiliato).
La federazione ha investito su Sara, Roberta, Flavia, Francesca da quando avevano 10 o 12 anni …senza sapere che sarebbero (per fortuna ma non sempre per merito Fit) diventate le campionesse che sono. Tutte le giocatrici italiane hanno comunque un debito di riconoscenza verso la federazione….Camila no.
Camila la sua scalata in classifica l’ha fatta tutta a spese sue.
Anche “contro” due WC negate a Roma proprio dalla Fit che fu costretta a cambiare i criteri di assegnazione un anno per l’altro proprio. A criteri invertiti Camila avrebbe avuto due WC anzichè nessuna.

Forse questo c’è scritto nel contratto.
Mi paghi gli arretrati.
E ti prendi una giocatrice giovane e di medio alta classifica. Ottimo testimonial della tua TV. Una che comincia a farti prendere soldi…altrimenti perchè la fai Madrina e in diretta mondiale dell’estrazione del tabellone degli internazionali…
…ottimo prospetto (già pronto) da “…curare…”
…Ma camila non vuole ne Corrado allenatore ne un amico di Binaghi a fargli da Manager
…e se fosse andata così?
PS: la Fed vale quello che vale e Roberta ha fatto benissimo a chiedere di essere esonerata…e bene ha fatto Tatiana a non convocarla… Per Sara…conoscendo Binaghi, il ricatto della WC di Roma ci sta tutto…ma questo è solo quello che penso io

153
Carl 01-02-2017 22:36

Come succede quando invece della luna si guarda il dito, se c’è argomento di discussione nelle convocazioni odierne è: perché c’è la Errani e non c’è la Vinci?

Qualcuno ha una risposta razionale? OK, potevano esserci entrambe, ma perché una sì ed una no?

Direi che entrambe meritano lo stesso rispetto, se ci sono due pesi e due misure, loro sono comunque nella stessa categoria, hanno in carriera risultati almeno equivalenti, quindi non sarebbe giustificato nessun favoritismo (a meno che essere testimonial FIT non abbia il suo peso, spero di no).

Se guardiamo lo stato di forma, ovvio che la Vinci sta molto meglio, sta vincendo in Russia mentre Sara è ancora alle prese col polpaccio.

E’ per non interferire con gli impegni professionali? La Vinci non ha nessun impegno per le date di Fed, la Errani avrebbe le qualificazioni di Doha.

Allora perché in squadra c’è la Errani, quando tutti i ragionamenti portavano a preferire la Vinci? Perfino il capitano slovacco è rimasto stupito della cosa.

Due sole possibilità: o non è vero che ci sono due pesi e due misure, ma sono tre livelli, e Vinci conta più di Errani, è più importante per la federazione che la Vinci tenti di rientrare tra le prime 20, piuttosto che la Errani cerchi di difendere la sua posizione nelle 50.
Se è così la mia legge sperimentale galileiana va affinata aggiungendo il terzo livello.

Ma l’altra possibilità, che spero sia la vera, è che la Errani si sia spontaneamente offerta, magari incentivata da una possibile WC a Roma, sacrificando almeno per un po’ la sua carriera alla chiamata in nazionale.

Se è così non posso che farle i miei complimenti, chapeau.
(anche se con poca modestia ricordo di aver ventilato questa possibilità in tempi non sospetti).

E se poi in questa scelta c’era anche sotto sotto l’idea maliziosa di farsi apprezzare più della Vinci, ci sta, e c’è riuscita.

152
andreandre 01-02-2017 22:32

@ Giuseppespartano (#1761169)

ma dai, è ovvio che avrebbe scelto la Giorgi. 1)perchè è più avanti di lei in classifica, e sappiamo che questo è il criterio principale di Barazzutti 2) come poteva sapere il capitano prima della partita che la Schiavone avrebbe messo in grosse difficoltà nel primo set la Muguruza? e chi ti dice che la Giorgi non l’avrebbe messa più in difficoltà?

151
GI2 (Guest) 01-02-2017 22:14

Scritto da Piw

Scritto da Giovanni
In bocca al lupo alle ragazze, che le nuove possano integrarsi e creare un gruppo compatto (aspettando magari le Pieri) e che le veterane possano togliersi questa soddisfazione dopo le ultime brucianti sconfitte

bravo, le pieri sono due ragazze umili,intelligenti e di prospettiva,anche paolini e le under 16 ci daranno grandi soddisfazioni,dopo le nostre 4 campionesse e la knapp. Puntiamo sul nostro vivaio e lasciamo perdere i giorgi.

Concordo lasciamo spazio alle giovani che facciano esperienza. D’altronde anche i riscontri storici ci dicono che, dopo anni di vacche grasse, seguono anni di vacche magre. Ce ne faremo una ragione, entreremo nel tunnel ma prima o dopo rivedremo il sole.

150
Carl 01-02-2017 22:11

Scritto da Miiiiiiii

Scritto da Carl
Legittimo il dubbio che la Errani, essendo nella sgradevole situazione di dover scegliere tra nazionale e torneo di Doha, abbia privilegiato la nazionale per non perdere la possibilità di una WC a Roma.

Se questo dubbio è legittimo, decade naturalmente la tua teoria galileiana, nello specifico al punto:

– motivi diversi, di carriera, opportunità od altro, saranno accettati se la richiedente ha un BR in carriera entro le top10, in caso contrario saranno respinti

La sua validità è durata ben 20 minuti, ed è curioso che a sconfessarla sia stato proprio il suo “ideatore” (ciò che fa dubitare delle sue capacità scientifiche ).

No, se lei non ha chiesto di essere esentata, come da me ventilato, la legge supposta è ancora valida.
Prova a rileggere e vedrai che non c’è contraddizione.

Mi sembra che siamo scarsini a logica, nè?

149
Carl 01-02-2017 22:05

Mi auguro che la Vinci, terminato il torneo a S. Pietroburgo (mi auguro con una vittoria) e visto che nei giorni in cui si disputa la Fed Cup è libera da impegni professionali, almeno vada a Forlì a tifare per le nostre ragazze.

148
Nino88 (Guest) 01-02-2017 21:50

Avrei optato per la linea verde: Paolini, Trevisan, Jessica Pieri e Rosatello

147
gbuttit 01-02-2017 21:02

Scritto da Virgili Federer 6-1 6-0

Scritto da gbuttit

Scritto da Virgili Federer 6-1 6-0

Scritto da pinkfloyd

Scritto da tommaso

Scritto da Virgili Federer 6-1 6-0
Ma scusate… e la storia della patria, della bandiera, della fed cup che viene prima di tutto, degli egoismi individuali che devono cedere il passo allo spirito di squadra, di quanto è bella la competizione a squadre, di quanto sono cattivi quelli che pensano alla classifica … e che succede ??… Andiamo a giocare con una squadra che vista in controluce è un guscio vuoto … l’unica ad essere in forma è la Vinci …e lei che fa…. ma figuratevi – mi direte – si straccia le vesti e si butta nella battaglia, come sa fare un vero patriota … E invece NO … zitta zitta … alla chetichella, spegne la luce, chiude la porta, fa le valigie e se ne va a coltivare il proprio orticello, lasciando la patria in balia dei barbari invasori, senza che alcuno batta ciglio.
Signori miei questa è l’Italia dove i potenti fanno quello che vogliono e vengono comunque giustificati ed applauditi, e gli altri scontano la pena per tutti, perché potenti non sono.
Fatevene una ragione.

Eh no, se hai giocato 10 anni in Fed Cup il discorso decade. È la regola.

Si continuano a fare considerazoni e confronti come se il “caso Giorgi” non esistesse. Quando invece, le altre ragazze, non hanno mai avuto contenziosi con la Fit. Né contratti né vincoli né prestiti.
E il “due pesi e due misure” è una fesseria, perché non sono vicende paragonabili.
Se una delle altre avesse “rinunciato” a 24 anni, allora ci stava il paragone, pulito, lineare, incontrovertibile.
Oppure se la Giorgi, a 33 anni, non avesse potuto rinunciare, a sua volta.
Come vedi negli altri Paesi c’è buon senso, se una non vuol giocare non gioca, partendo dal presupposto che non ci sono vincoli né obblighi.
Sennò diventerebbe discutibile e “complicato” anche altrove, non credere.

Appunto:
– se un neo assunto non timbra il cartellino viene crocifisso in sala mensa;
– se a non timbrare il cartellino è qualcuno che ha dato tanto all’azienda e viaggia nei piani alti, si chiude un occhio tutti insieme appassionatamente;
– se timbrare il cartellino è una cosa doverosa, lo è per il giovanotto di belle speranza e per il big di turno, ed entrambi dovrebbero essere sanzionati in caso di violazione.

Se parli di timbrare il cartellino si, quello é obbligatorio per tutti, non c’é discrezionalità.
Ma se parliamo di una cosa a discrezione dell’azienda come chiedere un permesso “non dovuto” allora mi sembra normale che ad uno appena arrivato magari non venga concesso, mentre ad uno che da tanti anni é in azienda, magari ha sacrificato diversi week end per l’azienda ecc.. invece si.
Oppure se viene richiesto un giorno di ferie per un ponte ma qualcuno deve comunque lavorare perchè l’azienda non può chiudere del tutto, magari viene concesso a chi lavora da anni e non all’ultimo arrivato e non ci trovo nulla di male nè di strano…

Quindi non stiamo parlando di regole ed infrazioni…ma di sanzioni affidate alla libera discrezionalità della federazione che decide quello che vuole e stabilisce la responsabilità colpevole non in base alla condotta, che in sé è neutra, ma a seconda della persona che compie la stessa condotta, che è l’unica cosa che essenzialmente rileva. Mi sembra tutto sempre più abominevole.

No, stiamo parlando del fatto che alla Giorgi non é stata concessa la deroga per saltare la fed cup mentre ad altre si (ma in ben altre situazioni)
Una volta che la deroga non é stata concessa lei era obbligata a partecipare, non lo ha fatto ed allora scattano le sanzioni (queste automatiche, non discrezionali)

146
tommaso (Guest) 01-02-2017 20:43

Scritto da biglebowsky
Ma davvero credete che esista il fantomatico “Contratto”, una sorta di accordo, al momento non esibito, in cui si sancisce il rapporto tra Camila Giorgi e la FIT come unico caso mondiale in cui un’atleta è tenuto a rifondere cifre milionarie per aver scelto di non giocare una partita di tennis. In cui ci sarebbe un impegno (forse vergato con il sangue) a non mancare mai nella sua lunga vita un solo match della mitica Fed Cup pena la rovina economica? E che l’abbiano firmato? E che, anche fossero così stupidi, non sarebbe considerato illegale da qualsiasi tribunale del mondo civile?

Considera che la Federazione ha a disposizione un sito, dei canali social, una televisione e un ufficio stampa. Esiste il contratto? Ricevono critiche per il loro comportamento? Bene, zittiscano tutti e mostrino questo inattaccabile contratto, magari davanti ad un giudice e costringano i Giorgi a pagare tutti e subito.

145
Luca C (Guest) 01-02-2017 20:20

2 pesi e 2 misure.
Finché la FIT non applicherà criteri uguali per tutti, invece di fare accordi economici privati, non ci libereremo da queste polemiche

144
Fabblack 01-02-2017 20:14

@ Giuseppespartano (#1761169)

Viceversa, si deve anche dire che l’unico match vinto dall’Italia in Fed Cup 2016 è stato Giorgi-Mladenovic.
Per la verità sono stati anche gli unici due set vinti in 9 match.

143
Giuseppespartano (Guest) 01-02-2017 19:21

Scritto da andreandre

Scritto da Carl

Scritto da andreandre

Scritto da Carl

Scritto da andreandre
@ scherma70 (#1760789)
@ jade (#1760794)
Ci avrei messo la mano sul fuoco che sarebbero saltati fuori commenti così pressapochisti…come se l’impegno dato negli anni di Vinci e Giorgi alla nazionale sia stato lo stesso…puah

Sei perdonato per la tua ammirevole abnegazione, ma ti sfugge il punto chiave: contro la Spagna non era affatto necessaria nè utile la presenza della Giorgi, avrebbe fatto panchina, e se per disgrazia fatta scendere in campo non avrebbe certo fatto meglio della Vinci e della Schiavone.
Invece per la prossima sfida la Vinci sarebbe stata utilissima se non indispensabile, come anche per l’incontro con la Francia a Marsiglia, dove abbiamo perso anche per l’assenza della Vinci (non è garantito che avremmo vinto, ma decisamente avremmo avute molte possibilità in più).
In sostanza, pur con tutta la deferenza per la straordinaria carriera della Vinci, se l’Italia corre ora il rischio addirittura di scendere al Group 1 ne ha più responsabilità la Vinci, che in 3 anni non ha dato neanche un punto alla nazionale, e si defila anche adesso, che non la Giorgi, che nello stesso periodo i suoi 3 punticini li ha dati.
Ed onestamente la Vinci poteva fare molto di più, la Giorgi più di così no.

A te sfugge che la Giorgi era sì indispensabile in Spagna, altrimenti non avrebbe giocato la Schiavone…non trovi? Inoltre Roberta se fosse andata in Francia non avrebbe mai vinto a San Pietroburgo. Dopo aver rinunciato al Master B nel 2013 doveva rinunciare anche al suo primo Premier e alla top10? Penso che le sue rinuncie le abbia già fatte. é più onorevole e importante per la reputazione dell’Italtennis le vittorie nei tornei o la fed cup? ecco, su questo ci sono due correnti di pensiero: c’è chi dice (quando si vinceva) che la fed cup non contasse niente, e c’è chi dice (al momento è il pensiero che va più di moda) che la fed cup conti di più dei tornei.

Vuoi dire che la colpa della retrocessione è della Schiavone, e quindi indirettamente della Giorgi?
Barazzutti già sapeva dello stiramento 2×8 mm della Errani che le avrebbe impedito di giocare, e la Schiavone era in combutta con la vespa che l’ha punta?
Questa è dietrologia. Al momento dell’ufficializzazione della formazione, 16 giorni prima dell’incontro, la presenza della Giorgi appariva del tutto superflua.
Poteva solo servire a condividere l’onere della sconfitta.

il dietrologista sei tu visto che mi metti in bocca parole non dette. Non voglio assolutamente dire che è colpa della Schiavone se siamo retrocessi. Semplicemente che,tra Schaivone e la Giorgi, il capitano avrebbe scelto la Giorgi. E tutto il resto che c’entra?le riserve serviranno a qualcosa o no?Altrimenti, convochiamo solo2 giocatrici visto che le altre sono superflue

Tra schiavone e Giorgi,il capitano avrebbe scelto giorgi?
E perché scusa si sarebbe dovuta fare una cosa del genere?
Nella sconfitta senza se e senza ma contro la Spagna, chi ha giocato meglio tra le italiane è stata proprio schiavone.
Tra le 3 partite giocate, (il doppio praticamente non si è giocato,per il ritiro della coppia italiana ), nella partita giocata da schiavone,l’italiana ha messo più in difficoltà muguruza, rispetto a Vinci.
È l’unica che è andata vicino a strappare un set alla spagnola ( anche se probabilmente non sarebbe cambiato l’esito della partita)
Se avessimo tolto anche schiavone,su una superficie come la terra…

142
biglebowsky (Guest) 01-02-2017 19:20

Ma davvero credete che esista il fantomatico “Contratto”, una sorta di accordo, al momento non esibito, in cui si sancisce il rapporto tra Camila Giorgi e la FIT come unico caso mondiale in cui un’atleta è tenuto a rifondere cifre milionarie per aver scelto di non giocare una partita di tennis. In cui ci sarebbe un impegno (forse vergato con il sangue) a non mancare mai nella sua lunga vita un solo match della mitica Fed Cup pena la rovina economica? E che l’abbiano firmato? E che, anche fossero così stupidi, non sarebbe considerato illegale da qualsiasi tribunale del mondo civile?

141
Maxi (Guest) 01-02-2017 18:43

Scritto da Tafanus

Scritto da Ghigno
La differenza tra la vinci e la giorgi oppure quando hanno declinato errani, schiavone e pennetta sta nel fatto che la giorgi ha stipulato un contratto con la federazione. le pagava tanti soldini per campare durante la stagione, ma l’unica cosa che voleva la fit era che partecipava sempre alla fed.cup. Poí per una decina di anni le nostre hanno sempre messo davanti la fed.cup mentre lei dopo 3/4 anni ha dato il primo ben servito. Dopo tutte queste considerazioni si poteva meglio gestire la situazione con camila giorgi, meglio lanciare delle giovani a fare un’esperienza a questo punto invece della schiavone

Ti corrego: non dopo tre/quattro anni, ma dopo sei partite giocate in tutto e per tutto: tre vinte, tre perse.

7 partite non 6

3 vittorie con:
Madison Keys (2014)
Alizé Cornet (2015)
Kiki Mladenovic (2016)

4 sconfitte con:
Petra Kvitova (2014)
Caroline Garcia (2015)
Serena Williams (2015)
Caroline Garcia (2016)

140
tommaso (Guest) 01-02-2017 18:42

Scritto da Piw

Scritto da Giovanni
In bocca al lupo alle ragazze, che le nuove possano integrarsi e creare un gruppo compatto (aspettando magari le Pieri) e che le veterane possano togliersi questa soddisfazione dopo le ultime brucianti sconfitte

bravo, le pieri sono due ragazze umili,intelligenti e di prospettiva,anche paolini e le under 16 ci daranno grandi soddisfazioni,dopo le nostre 4 campionesse e la knapp. Puntiamo sul nostro vivaio e lasciamo perdere i giorgi.

Credi veramente in quello che hai detto? Provi a quantificare (top50? Vittoria di un Premier? Di uno Slam? Di tre Fed Cup) le “grandi soddisfazioni” che daranno “le Under16, le Pieri e la Paolini”?

Così, per capire cosa ci aspettiamo da loro che Camila, che dobbiamo “lasciar perdere”, non ci possiamo aspettare.

139
Tafanus 01-02-2017 18:16

Scritto da Ghigno
La differenza tra la vinci e la giorgi oppure quando hanno declinato errani, schiavone e pennetta sta nel fatto che la giorgi ha stipulato un contratto con la federazione. le pagava tanti soldini per campare durante la stagione, ma l’unica cosa che voleva la fit era che partecipava sempre alla fed.cup. Poí per una decina di anni le nostre hanno sempre messo davanti la fed.cup mentre lei dopo 3/4 anni ha dato il primo ben servito. Dopo tutte queste considerazioni si poteva meglio gestire la situazione con camila giorgi, meglio lanciare delle giovani a fare un’esperienza a questo punto invece della schiavone

Ti corrego: non dopo tre/quattro anni, ma dopo sei partite giocate in tutto e per tutto: tre vinte, tre perse.

138
Miiiiiiii (Guest) 01-02-2017 18:04

Scritto da gbuttit

Scritto da Virgili Federer 6-1 6-0

Scritto da pinkfloyd

Scritto da tommaso

Scritto da Virgili Federer 6-1 6-0
Ma scusate… e la storia della patria, della bandiera, della fed cup che viene prima di tutto, degli egoismi individuali che devono cedere il passo allo spirito di squadra, di quanto è bella la competizione a squadre, di quanto sono cattivi quelli che pensano alla classifica … e che succede ??… Andiamo a giocare con una squadra che vista in controluce è un guscio vuoto … l’unica ad essere in forma è la Vinci …e lei che fa…. ma figuratevi – mi direte – si straccia le vesti e si butta nella battaglia, come sa fare un vero patriota … E invece NO … zitta zitta … alla chetichella, spegne la luce, chiude la porta, fa le valigie e se ne va a coltivare il proprio orticello, lasciando la patria in balia dei barbari invasori, senza che alcuno batta ciglio.
Signori miei questa è l’Italia dove i potenti fanno quello che vogliono e vengono comunque giustificati ed applauditi, e gli altri scontano la pena per tutti, perché potenti non sono.
Fatevene una ragione.

Eh no, se hai giocato 10 anni in Fed Cup il discorso decade. È la regola.

Si continuano a fare considerazoni e confronti come se il “caso Giorgi” non esistesse. Quando invece, le altre ragazze, non hanno mai avuto contenziosi con la Fit. Né contratti né vincoli né prestiti.
E il “due pesi e due misure” è una fesseria, perché non sono vicende paragonabili.
Se una delle altre avesse “rinunciato” a 24 anni, allora ci stava il paragone, pulito, lineare, incontrovertibile.
Oppure se la Giorgi, a 33 anni, non avesse potuto rinunciare, a sua volta.
Come vedi negli altri Paesi c’è buon senso, se una non vuol giocare non gioca, partendo dal presupposto che non ci sono vincoli né obblighi.
Sennò diventerebbe discutibile e “complicato” anche altrove, non credere.

Appunto:
– se un neo assunto non timbra il cartellino viene crocifisso in sala mensa;
– se a non timbrare il cartellino è qualcuno che ha dato tanto all’azienda e viaggia nei piani alti, si chiude un occhio tutti insieme appassionatamente;
– se timbrare il cartellino è una cosa doverosa, lo è per il giovanotto di belle speranza e per il big di turno, ed entrambi dovrebbero essere sanzionati in caso di violazione.

Se parli di timbrare il cartellino si, quello é obbligatorio per tutti, non c’é discrezionalità.
Ma se parliamo di una cosa a discrezione dell’azienda come chiedere un permesso “non dovuto” allora mi sembra normale che ad uno appena arrivato magari non venga concesso, mentre ad uno che da tanti anni é in azienda, magari ha sacrificato diversi week end per l’azienda ecc.. invece si.
Oppure se viene richiesto un giorno di ferie per un ponte ma qualcuno deve comunque lavorare perchè l’azienda non può chiudere del tutto, magari viene concesso a chi lavora da anni e non all’ultimo arrivato e non ci trovo nulla di male nè di strano…

Su questo punto tanti non ci sentono, non capisco come sia possibile.

Evidentemente scegliere come esempio una grave mancanza, anziché uno dei casi che hai riportato tu (molto più attinenti al caso in questione), può agevolmente portare alle conclusioni desiderate, cosa altrimenti impossibile.

137
Piw (Guest) 01-02-2017 17:42

Scritto da Giovanni
In bocca al lupo alle ragazze, che le nuove possano integrarsi e creare un gruppo compatto (aspettando magari le Pieri) e che le veterane possano togliersi questa soddisfazione dopo le ultime brucianti sconfitte

bravo, le pieri sono due ragazze umili,intelligenti e di prospettiva,anche paolini e le under 16 ci daranno grandi soddisfazioni,dopo le nostre 4 campionesse e la knapp. Puntiamo sul nostro vivaio e lasciamo perdere i giorgi.

136
Giovanni 01-02-2017 17:33

In bocca al lupo alle ragazze, che le nuove possano integrarsi e creare un gruppo compatto (aspettando magari le Pieri) e che le veterane possano togliersi questa soddisfazione dopo le ultime brucianti sconfitte 😉

135
tommaso (Guest) 01-02-2017 17:25

Scritto da Virgili Federer 6-1 6-0

Scritto da pinkfloyd

Scritto da tommaso

Scritto da Virgili Federer 6-1 6-0
Ma scusate… e la storia della patria, della bandiera, della fed cup che viene prima di tutto, degli egoismi individuali che devono cedere il passo allo spirito di squadra, di quanto è bella la competizione a squadre, di quanto sono cattivi quelli che pensano alla classifica … e che succede ??… Andiamo a giocare con una squadra che vista in controluce è un guscio vuoto … l’unica ad essere in forma è la Vinci …e lei che fa…. ma figuratevi – mi direte – si straccia le vesti e si butta nella battaglia, come sa fare un vero patriota … E invece NO … zitta zitta … alla chetichella, spegne la luce, chiude la porta, fa le valigie e se ne va a coltivare il proprio orticello, lasciando la patria in balia dei barbari invasori, senza che alcuno batta ciglio.
Signori miei questa è l’Italia dove i potenti fanno quello che vogliono e vengono comunque giustificati ed applauditi, e gli altri scontano la pena per tutti, perché potenti non sono.
Fatevene una ragione.

Eh no, se hai giocato 10 anni in Fed Cup il discorso decade. È la regola.

Si continuano a fare considerazoni e confronti come se il “caso Giorgi” non esistesse. Quando invece, le altre ragazze, non hanno mai avuto contenziosi con la Fit. Né contratti né vincoli né prestiti.
E il “due pesi e due misure” è una fesseria, perché non sono vicende paragonabili.
Se una delle altre avesse “rinunciato” a 24 anni, allora ci stava il paragone, pulito, lineare, incontrovertibile.
Oppure se la Giorgi, a 33 anni, non avesse potuto rinunciare, a sua volta.
Come vedi negli altri Paesi c’è buon senso, se una non vuol giocare non gioca, partendo dal presupposto che non ci sono vincoli né obblighi.
Sennò diventerebbe discutibile e “complicato” anche altrove, non credere.

Appunto:
– se un neo assunto non timbra il cartellino viene crocifisso in sala mensa;
– se a non timbrare il cartellino è qualcuno che ha dato tanto all’azienda e viaggia nei piani alti, si chiude un occhio tutti insieme appassionatamente;
– se timbrare il cartellino è una cosa doverosa, lo è per il giovanotto di belle speranza e per il big di turno, ed entrambi dovrebbero essere sanzionati in caso di violazione.

Su questo punto tanti non ci sentono, non capisco come sia possibile. È tanto semplice mettere al posto del neo assunto la Giorgi, di quello al piano alto una giocatrice X, del cartellino la convocazione e della cosa doverosa il rispondere o meno…

134
Miiiiiiii (Guest) 01-02-2017 16:41

Scritto da Carl

Legittimo il dubbio che la Errani, essendo nella sgradevole situazione di dover scegliere tra nazionale e torneo di Doha, abbia privilegiato la nazionale per non perdere la possibilità di una WC a Roma.

Se questo dubbio è legittimo, decade naturalmente la tua teoria galileiana, nello specifico al punto:

– motivi diversi, di carriera, opportunità od altro, saranno accettati se la richiedente ha un BR in carriera entro le top10, in caso contrario saranno respinti

La sua validità è durata ben 20 minuti, ed è curioso che a sconfessarla sia stato proprio il suo “ideatore” (ciò che fa dubitare delle sue capacità scientifiche :mrgreen:).

133
Piw (Guest) 01-02-2017 16:30

Scritto da gbuttit

Scritto da Virgili Federer 6-1 6-0

Scritto da pinkfloyd

Scritto da tommaso

Scritto da Virgili Federer 6-1 6-0
Ma scusate… e la storia della patria, della bandiera, della fed cup che viene prima di tutto, degli egoismi individuali che devono cedere il passo allo spirito di squadra, di quanto è bella la competizione a squadre, di quanto sono cattivi quelli che pensano alla classifica … e che succede ??… Andiamo a giocare con una squadra che vista in controluce è un guscio vuoto … l’unica ad essere in forma è la Vinci …e lei che fa…. ma figuratevi – mi direte – si straccia le vesti e si butta nella battaglia, come sa fare un vero patriota … E invece NO … zitta zitta … alla chetichella, spegne la luce, chiude la porta, fa le valigie e se ne va a coltivare il proprio orticello, lasciando la patria in balia dei barbari invasori, senza che alcuno batta ciglio.
Signori miei questa è l’Italia dove i potenti fanno quello che vogliono e vengono comunque giustificati ed applauditi, e gli altri scontano la pena per tutti, perché potenti non sono.
Fatevene una ragione.

Eh no, se hai giocato 10 anni in Fed Cup il discorso decade. È la regola.

Si continuano a fare considerazoni e confronti come se il “caso Giorgi” non esistesse. Quando invece, le altre ragazze, non hanno mai avuto contenziosi con la Fit. Né contratti né vincoli né prestiti.
E il “due pesi e due misure” è una fesseria, perché non sono vicende paragonabili.
Se una delle altre avesse “rinunciato” a 24 anni, allora ci stava il paragone, pulito, lineare, incontrovertibile.
Oppure se la Giorgi, a 33 anni, non avesse potuto rinunciare, a sua volta.
Come vedi negli altri Paesi c’è buon senso, se una non vuol giocare non gioca, partendo dal presupposto che non ci sono vincoli né obblighi.
Sennò diventerebbe discutibile e “complicato” anche altrove, non credere.

Appunto:
– se un neo assunto non timbra il cartellino viene crocifisso in sala mensa;
– se a non timbrare il cartellino è qualcuno che ha dato tanto all’azienda e viaggia nei piani alti, si chiude un occhio tutti insieme appassionatamente;
– se timbrare il cartellino è una cosa doverosa, lo è per il giovanotto di belle speranza e per il big di turno, ed entrambi dovrebbero essere sanzionati in caso di violazione.

Se parli di timbrare il cartellino si, quello é obbligatorio per tutti, non c’é discrezionalità.
Ma se parliamo di una cosa a discrezione dell’azienda come chiedere un permesso “non dovuto” allora mi sembra normale che ad uno appena arrivato magari non venga concesso, mentre ad uno che da tanti anni é in azienda, magari ha sacrificato diversi week end per l’azienda ecc.. invece si.
Oppure se viene richiesto un giorno di ferie per un ponte ma qualcuno deve comunque lavorare perchè l’azienda non può chiudere del tutto, magari viene concesso a chi lavora da anni e non all’ultimo arrivato e non ci trovo nulla di male nè di strano…

amico lascia perdere,non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire. Se questi non capiscono che chi è sotto contratto(vantaggiossimo per i giorgi) deve rispondere a domanda,che ci perdi tempo a fare? Chi difende quei due che di italiano hanno ben poco,o è supporter o è contro il presidente Binaghi e Federazione.

132
Virgili Federer 6-1 6-0 (Guest) 01-02-2017 16:29

Scritto da gbuttit

Scritto da Virgili Federer 6-1 6-0

Scritto da pinkfloyd

Scritto da tommaso

Scritto da Virgili Federer 6-1 6-0
Ma scusate… e la storia della patria, della bandiera, della fed cup che viene prima di tutto, degli egoismi individuali che devono cedere il passo allo spirito di squadra, di quanto è bella la competizione a squadre, di quanto sono cattivi quelli che pensano alla classifica … e che succede ??… Andiamo a giocare con una squadra che vista in controluce è un guscio vuoto … l’unica ad essere in forma è la Vinci …e lei che fa…. ma figuratevi – mi direte – si straccia le vesti e si butta nella battaglia, come sa fare un vero patriota … E invece NO … zitta zitta … alla chetichella, spegne la luce, chiude la porta, fa le valigie e se ne va a coltivare il proprio orticello, lasciando la patria in balia dei barbari invasori, senza che alcuno batta ciglio.
Signori miei questa è l’Italia dove i potenti fanno quello che vogliono e vengono comunque giustificati ed applauditi, e gli altri scontano la pena per tutti, perché potenti non sono.
Fatevene una ragione.

Eh no, se hai giocato 10 anni in Fed Cup il discorso decade. È la regola.

Si continuano a fare considerazoni e confronti come se il “caso Giorgi” non esistesse. Quando invece, le altre ragazze, non hanno mai avuto contenziosi con la Fit. Né contratti né vincoli né prestiti.
E il “due pesi e due misure” è una fesseria, perché non sono vicende paragonabili.
Se una delle altre avesse “rinunciato” a 24 anni, allora ci stava il paragone, pulito, lineare, incontrovertibile.
Oppure se la Giorgi, a 33 anni, non avesse potuto rinunciare, a sua volta.
Come vedi negli altri Paesi c’è buon senso, se una non vuol giocare non gioca, partendo dal presupposto che non ci sono vincoli né obblighi.
Sennò diventerebbe discutibile e “complicato” anche altrove, non credere.

Appunto:
– se un neo assunto non timbra il cartellino viene crocifisso in sala mensa;
– se a non timbrare il cartellino è qualcuno che ha dato tanto all’azienda e viaggia nei piani alti, si chiude un occhio tutti insieme appassionatamente;
– se timbrare il cartellino è una cosa doverosa, lo è per il giovanotto di belle speranza e per il big di turno, ed entrambi dovrebbero essere sanzionati in caso di violazione.

Se parli di timbrare il cartellino si, quello é obbligatorio per tutti, non c’é discrezionalità.
Ma se parliamo di una cosa a discrezione dell’azienda come chiedere un permesso “non dovuto” allora mi sembra normale che ad uno appena arrivato magari non venga concesso, mentre ad uno che da tanti anni é in azienda, magari ha sacrificato diversi week end per l’azienda ecc.. invece si.
Oppure se viene richiesto un giorno di ferie per un ponte ma qualcuno deve comunque lavorare perchè l’azienda non può chiudere del tutto, magari viene concesso a chi lavora da anni e non all’ultimo arrivato e non ci trovo nulla di male nè di strano…

Quindi non stiamo parlando di regole ed infrazioni…ma di sanzioni affidate alla libera discrezionalità della federazione che decide quello che vuole e stabilisce la responsabilità colpevole non in base alla condotta, che in sé è neutra, ma a seconda della persona che compie la stessa condotta, che è l’unica cosa che essenzialmente rileva. Mi sembra tutto sempre più abominevole.

131
Maxi (Guest) 01-02-2017 16:17

Io spero solo che Sara sia a posto fisicamente, e che giochi solo se non sente dolore.

130
andreandre 01-02-2017 16:17

Scritto da Carl

Scritto da andreandre

Scritto da Carl

Scritto da andreandre
@ scherma70 (#1760789)
@ jade (#1760794)
Ci avrei messo la mano sul fuoco che sarebbero saltati fuori commenti così pressapochisti…come se l’impegno dato negli anni di Vinci e Giorgi alla nazionale sia stato lo stesso…puah

Sei perdonato per la tua ammirevole abnegazione, ma ti sfugge il punto chiave: contro la Spagna non era affatto necessaria nè utile la presenza della Giorgi, avrebbe fatto panchina, e se per disgrazia fatta scendere in campo non avrebbe certo fatto meglio della Vinci e della Schiavone.
Invece per la prossima sfida la Vinci sarebbe stata utilissima se non indispensabile, come anche per l’incontro con la Francia a Marsiglia, dove abbiamo perso anche per l’assenza della Vinci (non è garantito che avremmo vinto, ma decisamente avremmo avute molte possibilità in più).
In sostanza, pur con tutta la deferenza per la straordinaria carriera della Vinci, se l’Italia corre ora il rischio addirittura di scendere al Group 1 ne ha più responsabilità la Vinci, che in 3 anni non ha dato neanche un punto alla nazionale, e si defila anche adesso, che non la Giorgi, che nello stesso periodo i suoi 3 punticini li ha dati.
Ed onestamente la Vinci poteva fare molto di più, la Giorgi più di così no.

A te sfugge che la Giorgi era sì indispensabile in Spagna, altrimenti non avrebbe giocato la Schiavone…non trovi? Inoltre Roberta se fosse andata in Francia non avrebbe mai vinto a San Pietroburgo. Dopo aver rinunciato al Master B nel 2013 doveva rinunciare anche al suo primo Premier e alla top10? Penso che le sue rinuncie le abbia già fatte. é più onorevole e importante per la reputazione dell’Italtennis le vittorie nei tornei o la fed cup? ecco, su questo ci sono due correnti di pensiero: c’è chi dice (quando si vinceva) che la fed cup non contasse niente, e c’è chi dice (al momento è il pensiero che va più di moda) che la fed cup conti di più dei tornei.

Vuoi dire che la colpa della retrocessione è della Schiavone, e quindi indirettamente della Giorgi?
Barazzutti già sapeva dello stiramento 2×8 mm della Errani che le avrebbe impedito di giocare, e la Schiavone era in combutta con la vespa che l’ha punta?
Questa è dietrologia. Al momento dell’ufficializzazione della formazione, 16 giorni prima dell’incontro, la presenza della Giorgi appariva del tutto superflua.
Poteva solo servire a condividere l’onere della sconfitta.

il dietrologista sei tu visto che mi metti in bocca parole non dette. Non voglio assolutamente dire che è colpa della Schiavone se siamo retrocessi. Semplicemente che,tra Schaivone e la Giorgi, il capitano avrebbe scelto la Giorgi. E tutto il resto che c’entra?le riserve serviranno a qualcosa o no?Altrimenti, convochiamo solo2 giocatrici visto che le altre sono superflue

129
Carl 01-02-2017 16:16

Scritto da pinkfloyd

Scritto da Carl

Scritto da pinkfloyd
Come vedi negli altri Paesi c’è buon senso, se una non vuol giocare non gioca, partendo dal presupposto che non ci sono vincoli né obblighi.
Sennò diventerebbe discutibile e “complicato” anche altrove, non credere.

Presupposta sbagliato, dal momento che i vincoli e gli obblighi ci sono a prescindere dai contratti, basta leggere i regolamenti FIT, presumibilmente simili a quelli degli altri paesi, che si applicano a tutti i tesserati.
Se Paolini, Trevisan o chi per loro si permettesse di rifiutare questa convocazione, sarebbe condannata come Bolelli ed esclusa da ogni attività nazionale FIT, nello specifico dalle prequali.
Legittimo il dubbio che la Errani, essendo nella sgradevole situazione di dover scegliere tra nazionale e torneo di Doha, abbia privilegiato la nazionale per non perdere la possibilità di una WC a Roma.

Io non ho mai sentito nessuna storia analoga negli altri Paesi, eppure di rinunce ce ne sono ogni giorno.
A parte queste cose tecniche-regolamentari (che io non conosco ) ribadisco che è una questione particolare, questa della Giorgi.
Poi Paolini et company saranno orgogliose di giocare in Nazionale, non vedo perché dovrebbero rinunciare, anche se ho capito che volevi ribadire la questione “regolamentare”.
Ciao.

Una pallida analogia c’è stata l’anno scorso quando Sharapova ha manifestato l’intenzione di non giocare in nazionale, ed il presidente del comitato olimpico l’ha minacciata di esclusione dai giochi.
Maria abbozzò, ma mal gliene incorse, visto che i giochi comunque non ha potuto farli, ma è un’altra storia.

Poi francamente non credo che problemi simili sorti in altre nazioni facciano tanta notizia, come anche tutte queste nostre discussioni contino niente all’estero.

Per il resto hai capito bene, era solo un esempio.

128
gbuttit 01-02-2017 16:12

Scritto da Virgili Federer 6-1 6-0

Scritto da pinkfloyd

Scritto da tommaso

Scritto da Virgili Federer 6-1 6-0
Ma scusate… e la storia della patria, della bandiera, della fed cup che viene prima di tutto, degli egoismi individuali che devono cedere il passo allo spirito di squadra, di quanto è bella la competizione a squadre, di quanto sono cattivi quelli che pensano alla classifica … e che succede ??… Andiamo a giocare con una squadra che vista in controluce è un guscio vuoto … l’unica ad essere in forma è la Vinci …e lei che fa…. ma figuratevi – mi direte – si straccia le vesti e si butta nella battaglia, come sa fare un vero patriota … E invece NO … zitta zitta … alla chetichella, spegne la luce, chiude la porta, fa le valigie e se ne va a coltivare il proprio orticello, lasciando la patria in balia dei barbari invasori, senza che alcuno batta ciglio.
Signori miei questa è l’Italia dove i potenti fanno quello che vogliono e vengono comunque giustificati ed applauditi, e gli altri scontano la pena per tutti, perché potenti non sono.
Fatevene una ragione.

Eh no, se hai giocato 10 anni in Fed Cup il discorso decade. È la regola.

Si continuano a fare considerazoni e confronti come se il “caso Giorgi” non esistesse. Quando invece, le altre ragazze, non hanno mai avuto contenziosi con la Fit. Né contratti né vincoli né prestiti.
E il “due pesi e due misure” è una fesseria, perché non sono vicende paragonabili.
Se una delle altre avesse “rinunciato” a 24 anni, allora ci stava il paragone, pulito, lineare, incontrovertibile.
Oppure se la Giorgi, a 33 anni, non avesse potuto rinunciare, a sua volta.
Come vedi negli altri Paesi c’è buon senso, se una non vuol giocare non gioca, partendo dal presupposto che non ci sono vincoli né obblighi.
Sennò diventerebbe discutibile e “complicato” anche altrove, non credere.

Appunto:
– se un neo assunto non timbra il cartellino viene crocifisso in sala mensa;
– se a non timbrare il cartellino è qualcuno che ha dato tanto all’azienda e viaggia nei piani alti, si chiude un occhio tutti insieme appassionatamente;
– se timbrare il cartellino è una cosa doverosa, lo è per il giovanotto di belle speranza e per il big di turno, ed entrambi dovrebbero essere sanzionati in caso di violazione.

Se parli di timbrare il cartellino si, quello é obbligatorio per tutti, non c’é discrezionalità.
Ma se parliamo di una cosa a discrezione dell’azienda come chiedere un permesso “non dovuto” allora mi sembra normale che ad uno appena arrivato magari non venga concesso, mentre ad uno che da tanti anni é in azienda, magari ha sacrificato diversi week end per l’azienda ecc.. invece si.
Oppure se viene richiesto un giorno di ferie per un ponte ma qualcuno deve comunque lavorare perchè l’azienda non può chiudere del tutto, magari viene concesso a chi lavora da anni e non all’ultimo arrivato e non ci trovo nulla di male nè di strano…

127
Carl 01-02-2017 16:08

Scritto da Thetis.
@ IOeCO (#1760963)
Sara è campionessa uscente di Dubai che si gioca la settimana successiva a Doha

Tutti sanno che Doha e Dubai si scambiano i tornei ad anni alterni, l’anno scorso si è giocato prima il premier a Dubai, vinto da Errani, e poi il premier5 a Doha, vinto da CSN.
Quest’anno prima a Doha si gioca il premier, poi a Dubai il premier5.

Cambia la sede, ma il torneo è lo stesso.

126
pinkfloyd 01-02-2017 16:07

Scritto da Carl

Scritto da pinkfloyd
Come vedi negli altri Paesi c’è buon senso, se una non vuol giocare non gioca, partendo dal presupposto che non ci sono vincoli né obblighi.
Sennò diventerebbe discutibile e “complicato” anche altrove, non credere.

Presupposta sbagliato, dal momento che i vincoli e gli obblighi ci sono a prescindere dai contratti, basta leggere i regolamenti FIT, presumibilmente simili a quelli degli altri paesi, che si applicano a tutti i tesserati.
Se Paolini, Trevisan o chi per loro si permettesse di rifiutare questa convocazione, sarebbe condannata come Bolelli ed esclusa da ogni attività nazionale FIT, nello specifico dalle prequali.
Legittimo il dubbio che la Errani, essendo nella sgradevole situazione di dover scegliere tra nazionale e torneo di Doha, abbia privilegiato la nazionale per non perdere la possibilità di una WC a Roma.

Io non ho mai sentito nessuna storia analoga negli altri Paesi, eppure di rinunce ce ne sono ogni giorno.
A parte queste cose tecniche-regolamentari (che io non conosco ) ribadisco che è una questione particolare, questa della Giorgi.
Poi Paolini et company saranno orgogliose di giocare in Nazionale, non vedo perché dovrebbero rinunciare, anche se ho capito che volevi ribadire la questione “regolamentare”.
Ciao.

125
Carl 01-02-2017 16:02

Scritto da andreandre

Scritto da Carl

Scritto da andreandre
@ scherma70 (#1760789)
@ jade (#1760794)
Ci avrei messo la mano sul fuoco che sarebbero saltati fuori commenti così pressapochisti…come se l’impegno dato negli anni di Vinci e Giorgi alla nazionale sia stato lo stesso…puah

Sei perdonato per la tua ammirevole abnegazione, ma ti sfugge il punto chiave: contro la Spagna non era affatto necessaria nè utile la presenza della Giorgi, avrebbe fatto panchina, e se per disgrazia fatta scendere in campo non avrebbe certo fatto meglio della Vinci e della Schiavone.
Invece per la prossima sfida la Vinci sarebbe stata utilissima se non indispensabile, come anche per l’incontro con la Francia a Marsiglia, dove abbiamo perso anche per l’assenza della Vinci (non è garantito che avremmo vinto, ma decisamente avremmo avute molte possibilità in più).
In sostanza, pur con tutta la deferenza per la straordinaria carriera della Vinci, se l’Italia corre ora il rischio addirittura di scendere al Group 1 ne ha più responsabilità la Vinci, che in 3 anni non ha dato neanche un punto alla nazionale, e si defila anche adesso, che non la Giorgi, che nello stesso periodo i suoi 3 punticini li ha dati.
Ed onestamente la Vinci poteva fare molto di più, la Giorgi più di così no.

A te sfugge che la Giorgi era sì indispensabile in Spagna, altrimenti non avrebbe giocato la Schiavone…non trovi? Inoltre Roberta se fosse andata in Francia non avrebbe mai vinto a San Pietroburgo. Dopo aver rinunciato al Master B nel 2013 doveva rinunciare anche al suo primo Premier e alla top10? Penso che le sue rinuncie le abbia già fatte. é più onorevole e importante per la reputazione dell’Italtennis le vittorie nei tornei o la fed cup? ecco, su questo ci sono due correnti di pensiero: c’è chi dice (quando si vinceva) che la fed cup non contasse niente, e c’è chi dice (al momento è il pensiero che va più di moda) che la fed cup conti di più dei tornei.

Vuoi dire che la colpa della retrocessione è della Schiavone, e quindi indirettamente della Giorgi?
Barazzutti già sapeva dello stiramento 2×8 mm della Errani che le avrebbe impedito di giocare, e la Schiavone era in combutta con la vespa che l’ha punta?

Questa è dietrologia. Al momento dell’ufficializzazione della formazione, 16 giorni prima dell’incontro, la presenza della Giorgi appariva del tutto superflua.

Poteva solo servire a condividere l’onere della sconfitta.

124
Maxi (Guest) 01-02-2017 15:59

Scritto da Fabblack
@ Carl (#1760985)
Comma 22:
chiunque è pazzo, può essere esentato dalle missioni di guerra.
Tuttavia, chi chiede di essere esentato dalle missioni di guerra, non è pazzo.

Questa proviene dagli Sturmtruppen!! 😆

123
pinkfloyd 01-02-2017 15:59

Scritto da Virgili Federer 6-1 6-0

Scritto da pinkfloyd

Scritto da tommaso

Scritto da Virgili Federer 6-1 6-0
Ma scusate… e la storia della patria, della bandiera, della fed cup che viene prima di tutto, degli egoismi individuali che devono cedere il passo allo spirito di squadra, di quanto è bella la competizione a squadre, di quanto sono cattivi quelli che pensano alla classifica … e che succede ??… Andiamo a giocare con una squadra che vista in controluce è un guscio vuoto … l’unica ad essere in forma è la Vinci …e lei che fa…. ma figuratevi – mi direte – si straccia le vesti e si butta nella battaglia, come sa fare un vero patriota … E invece NO … zitta zitta … alla chetichella, spegne la luce, chiude la porta, fa le valigie e se ne va a coltivare il proprio orticello, lasciando la patria in balia dei barbari invasori, senza che alcuno batta ciglio.
Signori miei questa è l’Italia dove i potenti fanno quello che vogliono e vengono comunque giustificati ed applauditi, e gli altri scontano la pena per tutti, perché potenti non sono.
Fatevene una ragione.

Eh no, se hai giocato 10 anni in Fed Cup il discorso decade. È la regola.

Si continuano a fare considerazoni e confronti come se il “caso Giorgi” non esistesse. Quando invece, le altre ragazze, non hanno mai avuto contenziosi con la Fit. Né contratti né vincoli né prestiti.
E il “due pesi e due misure” è una fesseria, perché non sono vicende paragonabili.
Se una delle altre avesse “rinunciato” a 24 anni, allora ci stava il paragone, pulito, lineare, incontrovertibile.
Oppure se la Giorgi, a 33 anni, non avesse potuto rinunciare, a sua volta.
Come vedi negli altri Paesi c’è buon senso, se una non vuol giocare non gioca, partendo dal presupposto che non ci sono vincoli né obblighi.
Sennò diventerebbe discutibile e “complicato” anche altrove, non credere.

Appunto:
– se un neo assunto non timbra il cartellino viene crocifisso in sala mensa;
– se a non timbrare il cartellino è qualcuno che ha dato tanto all’azienda e viaggia nei piani alti, si chiude un occhio tutti insieme appassionatamente;
– se timbrare il cartellino è una cosa doverosa, lo è per il giovanotto di belle speranza e per il big di turno, ed entrambi dovrebbero essere sanzionati in caso di violazione.

Appunto un bel niente, direi 🙂

Comunque vabbè ragazzi, se dobbiamo far finta che questa sia una vicenda “ordinaria” e lineare, facciamo pure, tanto il mondo continua a girare lo stesso.
Tanto Camila alla Fed Cup avrebbe rinunciato lo stesso ed ogni volta sarebbe stato un peso giocarla e, se non lo ha fatto (o lo ha fatto per quel poco che lo ha fatto) nemmeno “sotto contratto”, allora vuol dire che doveva andare così.

Per l’ennesima volta dico che sarebbe meglio iniziare o re-iniziare a parlare di lei in quanto “tennista” che è la sua attività principale, fino a prova contraria.

122
Sandro G. 01-02-2017 15:59

Scusate eh. .. mi pare ovvio che la Schiavone sia stata convocata per essere la seconda singolarista… non è che la Errani da sola può giocare tutti e quattro i match in programma. .. eh per quanto sia bello vedere due giovani tenniste del futuro Italiano, dubito possano essere schierite in singolo… a meno che Francesca non dia ad una di loro la possibilità di giocare. .. puo anche darsi che giochino direttamente il doppio… poi certo tutto e possibile, eh cmq le scelte finali spettano solo alla Garbin… a noi altri non resta che commentare in negativo o positivo. .. cordialmente.

Ps, contro la Spagna quando ci giocammo lo spareggio.. la Schiavo stava quasi per battere la Muguruza… e di sicuro fu quella che giocò meglio perché un nazionale lei si è sempre gasata molto. .. ma qualcuno tende a dimenticare.

121
Carl 01-02-2017 15:48

Scritto da pinkfloyd
Come vedi negli altri Paesi c’è buon senso, se una non vuol giocare non gioca, partendo dal presupposto che non ci sono vincoli né obblighi.
Sennò diventerebbe discutibile e “complicato” anche altrove, non credere.

Presupposta sbagliato, dal momento che i vincoli e gli obblighi ci sono a prescindere dai contratti, basta leggere i regolamenti FIT, presumibilmente simili a quelli degli altri paesi, che si applicano a tutti i tesserati.

Se Paolini, Trevisan o chi per loro si permettesse di rifiutare questa convocazione, sarebbe condannata come Bolelli ed esclusa da ogni attività nazionale FIT, nello specifico dalle prequali.

Legittimo il dubbio che la Errani, essendo nella sgradevole situazione di dover scegliere tra nazionale e torneo di Doha, abbia privilegiato la nazionale per non perdere la possibilità di una WC a Roma.

120
Fabblack 01-02-2017 15:45

@ Carl (#1760985)

Comma 22:
chiunque è pazzo, può essere esentato dalle missioni di guerra.
Tuttavia, chi chiede di essere esentato dalle missioni di guerra, non è pazzo.

119
Miiiiiiii (Guest) 01-02-2017 15:41

@ LuchinoVisconti (#1760973)

proprio nessun sacrificio non direi, visto che avrebbe gli stessi motivi per cui Roby (in tabellone) ha declinato

118
Thetis. 01-02-2017 15:38

@ IOeCO (#1760963)

Sara è campionessa uscente di Dubai che si gioca la settimana successiva a Doha

117
andreandre 01-02-2017 15:36

Scritto da Carl

Scritto da andreandre
@ scherma70 (#1760789)
@ jade (#1760794)
Ci avrei messo la mano sul fuoco che sarebbero saltati fuori commenti così pressapochisti…come se l’impegno dato negli anni di Vinci e Giorgi alla nazionale sia stato lo stesso…puah

Sei perdonato per la tua ammirevole abnegazione, ma ti sfugge il punto chiave: contro la Spagna non era affatto necessaria nè utile la presenza della Giorgi, avrebbe fatto panchina, e se per disgrazia fatta scendere in campo non avrebbe certo fatto meglio della Vinci e della Schiavone.
Invece per la prossima sfida la Vinci sarebbe stata utilissima se non indispensabile, come anche per l’incontro con la Francia a Marsiglia, dove abbiamo perso anche per l’assenza della Vinci (non è garantito che avremmo vinto, ma decisamente avremmo avute molte possibilità in più).
In sostanza, pur con tutta la deferenza per la straordinaria carriera della Vinci, se l’Italia corre ora il rischio addirittura di scendere al Group 1 ne ha più responsabilità la Vinci, che in 3 anni non ha dato neanche un punto alla nazionale, e si defila anche adesso, che non la Giorgi, che nello stesso periodo i suoi 3 punticini li ha dati.
Ed onestamente la Vinci poteva fare molto di più, la Giorgi più di così no.

A te sfugge che la Giorgi era sì indispensabile in Spagna, altrimenti non avrebbe giocato la Schiavone…non trovi? Inoltre Roberta se fosse andata in Francia non avrebbe mai vinto a San Pietroburgo. Dopo aver rinunciato al Master B nel 2013 doveva rinunciare anche al suo primo Premier e alla top10? Penso che le sue rinuncie le abbia già fatte. é più onorevole e importante per la reputazione dell’Italtennis le vittorie nei tornei o la fed cup? ecco, su questo ci sono due correnti di pensiero: c’è chi dice (quando si vinceva) che la fed cup non contasse niente, e c’è chi dice (al momento è il pensiero che va più di moda) che la fed cup conti di più dei tornei.

116
gbuttit 01-02-2017 15:36

Scritto da tommaso

Scritto da Piw

Scritto da tommaso

Scritto da livio71
e quindi adesso arriverà una multa alla Vinci? si puo’ non amare la Giorgi e criticarla…ma in questo caso mi sento di darle ragione

Cerchiamo di fare chiarezza per favore? NO, nessuna multa alla Vinci perché non ha RIFIUTATO una convocazione, ma semplicemente NON È STATA CONVOCATA. Multata, per quale motivo?
Camila invece è stata multata perché, pur avendo chiesto di essere esentata, È STATA CONVOCATA e di conseguenza ha RIFIUTATO la convocazione.
Sono due cose ben diverse. Ed È GIUSTO che la Vinci possa chiedere di non essere convocata come È GIUSTO che Camila venga multata se non risponde alla convocazione.
L’ingiustizia sta nel comportamento della Federazione quando convoca ugualmente una giocatrice che aveva chiesto di essere esentata e che comunque non sarebbe scesa in campo in quel week end (a meno di ammettere implicitamente che fosse preferibile, su terra, una Giorgi ad una tra Errani e Pennetta, cosa che la Federazione MAI avrebbe fatto). Poi la palla passa a Camila: rifiuti la convocazione? Multa. Vieni lo stesso? Equivale a dire che abbassi il capo di fronte alla voce grossa di Binaghi & co. Ecco, diciamo che in questo senso sto con Camila.

ancora parli, per i giorgi c’era un contratto in essere ben preciso,non lo hanno rispettato. Al mio paese si paga.

Se sapessi leggere, ti accorgeresti che è ESATTAMENTE quello che ho detto. C’era un contratto, non l’ha rispettato, è giusto che paghi. L’ho scritto anche in maiuscolo per farlo vedere meglio.
Ciò non toglie che si può sempre chiedere una deroga, Camila l’ha fatto e la Federazione si è dimostrata ottusa. A questo punto dico che l’onestà non paga. Se Camila fosse andata dal medico di famiglia e si fosse fatta fare un certificato medico per non essere disponibile (pur essendo in salute) avrebbe potuto saltare la convocazione. È il mondo in cui l’hanno vinta i furbi, insomma?

Se avesse avuto un certificato medico avrebbe evitato la convocazione, ma non avrebbe neanche potuto partecipare al torneo che ha disputato… quindi in sostanza non avrebbe ottenuto nulla… ed infatti secondo te perchè ha provato (lei o chi per lei) la strada della richiesta di esenzione invece che quella del certificato medico? Perchè é una specie di santa integerrima o perchè era l’unica strada per eventualmente giocare il torneo senza sanzioni?

115
Virgili Federer 6-1 6-0 (Guest) 01-02-2017 15:35

Scritto da mitch
Scusate, ma questo benedetto contratto tra la Giorgi e la Federazione l’ha mai visto nessuno? È stato pubblicato da qualche parte? Perché se è così non ci sono discussioni e va rispettato per quello che dice il contratto. Altrimenti si fanno solo supposizioni, spesso basate sul tifo personale per una o per l’altra.

Avente mai sentito parlare di dichiarazioni unilaterali??
Ora, se fossero incontestate varrebbe il principio per cui la non contestazione vale come prova.
Ma i Giorgi hanno sempre detto che la questione contrattuale è in mano agli avvocati e quindi hanno contestato la propria presunta responsabilità contrattuale.
Ergo per ciò che se sappiamo, nel contrasto tra le parti, la questione del contratto è aria fritta, e comunque opera su un piano esclusivamente patrimoniale e non ha nulla a che vedere con l’obbligo di rispondere alla chiamata per la Fed Cup che non ha una fonte contrattuale e che con il contratto non c’entra una beneamata cippa.

114
andreandre 01-02-2017 15:31

@ Carl (#1760985)

sostituirei nell’ultima legge “ha un BR in carriera entro le top10” con “ha dimostrato nel passato di aver sacrificato un po’ la carriera per la fed cup” (ad esempio rinunciando ad un Master B quando si è nell’orbita della top10)

113
Virgili Federer 6-1 6-0 (Guest) 01-02-2017 15:30

Scritto da pinkfloyd

Scritto da tommaso

Scritto da Virgili Federer 6-1 6-0
Ma scusate… e la storia della patria, della bandiera, della fed cup che viene prima di tutto, degli egoismi individuali che devono cedere il passo allo spirito di squadra, di quanto è bella la competizione a squadre, di quanto sono cattivi quelli che pensano alla classifica … e che succede ??… Andiamo a giocare con una squadra che vista in controluce è un guscio vuoto … l’unica ad essere in forma è la Vinci …e lei che fa…. ma figuratevi – mi direte – si straccia le vesti e si butta nella battaglia, come sa fare un vero patriota … E invece NO … zitta zitta … alla chetichella, spegne la luce, chiude la porta, fa le valigie e se ne va a coltivare il proprio orticello, lasciando la patria in balia dei barbari invasori, senza che alcuno batta ciglio.
Signori miei questa è l’Italia dove i potenti fanno quello che vogliono e vengono comunque giustificati ed applauditi, e gli altri scontano la pena per tutti, perché potenti non sono.
Fatevene una ragione.

Eh no, se hai giocato 10 anni in Fed Cup il discorso decade. È la regola.

Si continuano a fare considerazoni e confronti come se il “caso Giorgi” non esistesse. Quando invece, le altre ragazze, non hanno mai avuto contenziosi con la Fit. Né contratti né vincoli né prestiti.
E il “due pesi e due misure” è una fesseria, perché non sono vicende paragonabili.
Se una delle altre avesse “rinunciato” a 24 anni, allora ci stava il paragone, pulito, lineare, incontrovertibile.
Oppure se la Giorgi, a 33 anni, non avesse potuto rinunciare, a sua volta.
Come vedi negli altri Paesi c’è buon senso, se una non vuol giocare non gioca, partendo dal presupposto che non ci sono vincoli né obblighi.
Sennò diventerebbe discutibile e “complicato” anche altrove, non credere.

Appunto:
– se un neo assunto non timbra il cartellino viene crocifisso in sala mensa;
– se a non timbrare il cartellino è qualcuno che ha dato tanto all’azienda e viaggia nei piani alti, si chiude un occhio tutti insieme appassionatamente;
– se timbrare il cartellino è una cosa doverosa, lo è per il giovanotto di belle speranza e per il big di turno, ed entrambi dovrebbero essere sanzionati in caso di violazione.

112
gbuttit 01-02-2017 15:29

Scritto da tommaso

Scritto da gbuttit
Se sono un neo assunto e dopo una settimana dall’assunzione chiedo un giorno di permesso (che non sia strettamente necessario) probabilmente non me lo danno e mi guardano pure male, se sto in azienda da 20 anni me lo concedono tranquillamente…

Prova a parlarne con un qualsiasi avvocato del lavoro e fai questo esempio. È il motivo per cui poi si accettano stage in cui ci si va a perdere e coupon al posto del giusto salario… ma qui il discorso si amplia troppo.

Non c’entrano gli avvocati del lavoro, si parla di una cosa a discrezione dell’azienda… se una cosa é dovuta, non c’é da discutere, spetta e deve essere concessa ( anche se sei al primo giorno di lavoro), se una cosa é a discrezione, non é dovuta può essere concessa o meno, eventualmente é un favore che l’azienda ti concede e su questo si possono creare queste apparenti discriminazioni, che discriminazioni non sono… e gli avvocati del lavoro in questo caso hanno ben poco da fare.

111
giuliano da viareggio (Guest) 01-02-2017 15:23

Scritto da erminio
@ giuliano da viareggio (#1760922)
perché?

Perchè sono tremendamente deluso e sfiduciato dalla dirigenza FIT che lascia a casa una giocatrice che può giocarsela con chiunque con buone possibilità di portare due punti proprio nel periodo di magra del tennis femminile!! E’ INCONCEPIBILE!!

110
mitch (Guest) 01-02-2017 15:19

Scusate, ma questo benedetto contratto tra la Giorgi e la Federazione l’ha mai visto nessuno? È stato pubblicato da qualche parte? Perché se è così non ci sono discussioni e va rispettato per quello che dice il contratto. Altrimenti si fanno solo supposizioni, spesso basate sul tifo personale per una o per l’altra.

109
andreandre 01-02-2017 15:18

Scritto da michewoz25
non e molto carino che non partecipi pero per certi versi io la capisco. a questa eta è giusto che riduca i tornei, certose sceglieva la fed piuttosto che san pietroburgo sarebbe stato meglio,ma comunque doveva difendere il titolo. Enon dimentichiamoci che nel 2013 tra l’impresa con panova la vittoria su kvitova e safarova e le vittorie in doppio e in singolare contro hampton da infortunata è stata fondamentale
@ LuchinoVisconti (#1760871)
@ Virgili Federer 6-1 6-0 (#1760924)

Praticamente Roberta ha spezzato l’imbattibilità della Repubblica Ceca che altrimenti durerebbe dal 2011 ad oggi.

108
pinkfloyd 01-02-2017 15:18

Scritto da tommaso

Scritto da Virgili Federer 6-1 6-0
Ma scusate… e la storia della patria, della bandiera, della fed cup che viene prima di tutto, degli egoismi individuali che devono cedere il passo allo spirito di squadra, di quanto è bella la competizione a squadre, di quanto sono cattivi quelli che pensano alla classifica … e che succede ??… Andiamo a giocare con una squadra che vista in controluce è un guscio vuoto … l’unica ad essere in forma è la Vinci …e lei che fa…. ma figuratevi – mi direte – si straccia le vesti e si butta nella battaglia, come sa fare un vero patriota … E invece NO … zitta zitta … alla chetichella, spegne la luce, chiude la porta, fa le valigie e se ne va a coltivare il proprio orticello, lasciando la patria in balia dei barbari invasori, senza che alcuno batta ciglio.
Signori miei questa è l’Italia dove i potenti fanno quello che vogliono e vengono comunque giustificati ed applauditi, e gli altri scontano la pena per tutti, perché potenti non sono.
Fatevene una ragione.

Eh no, se hai giocato 10 anni in Fed Cup il discorso decade. È la regola.

Si continuano a fare considerazoni e confronti come se il “caso Giorgi” non esistesse. Quando invece, le altre ragazze, non hanno mai avuto contenziosi con la Fit. Né contratti né vincoli né prestiti.

E il “due pesi e due misure” è una fesseria, perché non sono vicende paragonabili.
Se una delle altre avesse “rinunciato” a 24 anni, allora ci stava il paragone, pulito, lineare, incontrovertibile.
Oppure se la Giorgi, a 33 anni, non avesse potuto rinunciare, a sua volta.

Come vedi negli altri Paesi c’è buon senso, se una non vuol giocare non gioca, partendo dal presupposto che non ci sono vincoli né obblighi.
Sennò diventerebbe discutibile e “complicato” anche altrove, non credere.

107
Carl 01-02-2017 15:16

La fisica, come le altre scienze, ha le sue leggi.
Ma non sono leggi scritte e note a priori, sono leggi che noi umani cerchiamo di capire e formulare basandoci sui fatti che osserviamo e sugli esperimenti, e cercando di inquadrarli in modelli matematici che chiamiamo leggi, pronti comunque a modificarle qualora emergessero nuove evidenze.

Applicando quindi il metodo scientifico secondo i dettami di Galileo, desumo dai fatti noti la legge che governa la formazione della nazionale italiana, pronto a perfezionare la mia ipotesi di lavoro a fronte di nuove esperienze.

Al momento la legge vigente, secondo me, e come dimostrata dai fatti, è la seguente:

– la formazione si fa in base allo stretto ordine di classifica

– in fase di consultazione ogni giocatrice darà o meno la sua disponibilità, in caso negativo motivandola

– motivi di ordine fisico/medico vengono accettati senza riserve, purché la giocatrice si astenga dal giocare altre partite nelle stesse date

– motivi diversi, di carriera, opportunità od altro, saranno accettati se la richiedente ha un BR in carriera entro le top10, in caso contrario saranno respinti

– l’accettazione o il rifiuto dell’esenzione alla convocazione viene decisa esclusivamente in base ai criteri sopraelencati, essendo irrilevante l’importanza del ruolo per cui si è convocati, semplice riserva o elemento chiave per il successo dell’incontro

Questa legge è valida finchè non c’è un fatto che non sia spiegabile con essa, nel qual caso deve essere modificata.

106
Piw (Guest) 01-02-2017 15:12

@ LuchinoVisconti (#1760930)

chi mi sbugiarda luchino,ma per piacere.
Ti dico solo rottura unilaterale del contratto. Caro visconti

105
Mats 01-02-2017 15:11

@ tommaso (#1760868)

Cosa vuol dire che la Giorgi in Spagna non serviva? In Spagna c´erano la Schiavone e la Vinci che non era al meglio a causa della tendinite. Ovvio che serviva. Comunque si fa tanto parlare della Vinci (e non di tutte le altre che hanno chiesto di essere esonerate) solo perché proprio la Giorgi l´ha tirata in ballo nel momento di chiedere l´esonero (e questo tra compagne di squadra – diciamocelo – non é simpatico).

Comunque per quanto riguarda la FedCup io avrei puntato sulle giovani: le veterane hanno dato e sono a fine carriera, la Giorgi non é disponibile, la Garbin dovrebbe creare un gruppo con altre.

104
michewoz25 (Guest) 01-02-2017 15:11

non e molto carino che non partecipi pero per certi versi io la capisco. a questa eta è giusto che riduca i tornei, certose sceglieva la fed piuttosto che san pietroburgo sarebbe stato meglio,ma comunque doveva difendere il titolo. Enon dimentichiamoci che nel 2013 tra l’impresa con panova la vittoria su kvitova e safarova e le vittorie in doppio e in singolare contro hampton da infortunata è stata fondamentale
@ LuchinoVisconti (#1760871)

@ Virgili Federer 6-1 6-0 (#1760924)

103
LuchinoVisconti (Guest) 01-02-2017 15:10

Riprendendo un mio precedente commento: certo che se la Errani avesse (putacaso) già ottenuto una WC per Doha, allora la sua convocazione avrebbe ben altro significato, con proprio nessun sacrificio da parte sua.

102
Virgili Federer 6-1 6-0 (Guest) 01-02-2017 15:10

Scritto da andreandre

Scritto da Virgili Federer 6-1 6-0
Ma scusate… e la storia della patria, della bandiera, della fed cup che viene prima di tutto, degli egoismi individuali che devono cedere il passo allo spirito di squadra, di quanto è bella la competizione a squadre, di quanto sono cattivi quelli che pensano alla classifica … e che succede ??… Andiamo a giocare con una squadra che vista in controluce è un guscio vuoto … l’unica ad essere in forma è la Vinci …e lei che fa…. ma figuratevi – mi direte – si straccia le vesti e si butta nella battaglia, come sa fare un vero patriota … E invece NO … zitta zitta … alla chetichella, spegne la luce, chiude la porta, fa le valigie e se ne va a coltivare il proprio orticello, lasciando la patria in balia dei barbari invasori, senza che alcuno batta ciglio.
Signori miei questa è l’Italia dove i potenti fanno quello che vogliono e vengono comunque giustificati ed applauditi, e gli altri scontano la pena per tutti, perché potenti non sono.
Fatevene una ragione.

Duque la Vinci è in forma quando c’è la Fed Cup. Quando non c’è la Fed cup è al tramonto, in crisi nera, si deve ritirare. Mettetevi d’accordo

Mai detta una cosa del genere. E’ la più forte tennista che abbiamo in questo momento, e credo che sia sotto gli occhi di tutti, e questo amplifica alla ennesima potenza il discorso di cui sopra, sotto tutti i punti di vista.

101