Notizie dal Mondo Copertina, Generica

Petra Kvitova: “sono riuscita a muovere le dita e quello è stato il più bel regalo di Natale che potessi mai desiderare”

27/12/2016 13:50 5 commenti
Petra Kvitova nella foto
Petra Kvitova nella foto

Petra Kvitova ha concesso una conferenza stampa nella quale è apparsa sorridente e piuttosto serena, nonostante il trauma dell’aggressione subita pochi giorni prima in casa propria per mano di un individuo armato di coltello.

In seguito all’operazione, necessaria per intervenire sulla ferita provocata e che le costerà svariati mesi d’assenza dal circuito, la ceca si è presentata di fronte ai giornalisti con mezzo braccio coperto.

Petra ha confermato che tutto vada bene e, fortunatamente, ha avuto modo di fornire rassicurazioni in merito alle proprie condizioni. “Ieri, durante la visita del dottore, sono riuscita a muovere le dita e quello è stato il più bel regalo di Natale che potessi mai desiderare”, ha commentato, prima di ringraziare i fans per l’appoggio mostrato e di chiedere il rispetto della sua privacy di lì in avanti.


Edoardo Gamacchio


TAG: ,

5 commenti

Marcus91 27-12-2016 18:38

Vai Petra!!

5
Luca96 27-12-2016 16:52

In bocca al lupo Petra! Mai abbattersi di fronte alle difficoltà,ma rialzarsi e continuare a lottare 😉

4
Sottile (Guest) 27-12-2016 15:35

Non ci sono più parole per commentare quello che ogni giorno accade nel mondo. Ma almeno questo farabutto vigliacco che si è approfittato di una donna lo hanno arrestato? Io lo darei in pasto alla folla inselvaggita, tipo vecchio west….
Detto questo, formulo i miei migliori auguri a Petra, campionessa nella vita prima ancora che nello sport. Ti aspettiamo in campo tra qualche mese, ancora più forte di prima 😛

3
stankosky 27-12-2016 14:17

Mai stato un suo estimatore, ma dopo questa disavventura tiferò sempre per lei!! Buon anno Petra!!!

2
radar 27-12-2016 14:11

Oltre che una grande tennista è una gran bella persona: sempre solare e sorridente.
E questo vale più degli Slam vinti, perché anche nelle difficoltà, non ci si piange addosso, ma si guarda avanti.
Ti aspettiamo a Wimbledon!

1