Circuito Challenger Challenger, Copertina, Generica

Il Challenger di Cordenons “premiato” a Londra. Il torneo 2016 ha superato la soglia dei 10 mila spettatori in una settimana

09/11/2016 10:53 8 commenti
Il Challenger di Cordenons "premiato" a Londra
Il Challenger di Cordenons "premiato" a Londra

Una formula che funziona. Uno spettacolo che catalizza sempre di più gli appassionati della racchetta non soltanto del Friuli Venezia Giulia, ma di tutto il Triveneto. Così l’Atp Challenger di Cordenons si è conquistato un importante riconoscimento: la direttrice del torneo, Serena Raffin, è stata infatti invitata a Londra assieme ai rappresentanti degli altri tornei del circuito che hanno superato le 10 mila presenze nel corso della settimana di gare. Lo scorso agosto sui campi di viale del Benessere si calcola siano transitate dalle 15 alle 20 mila persone, per assistere allo show offerto da Lorenzi, Mayer e gli altri campioni, tra cui il giapponese Taro Daniel, vincitore dell’edizione 2016, che si sono iscritti al tabellone principale.

Grazie a questi numeri, Raffin è stata chiamata dall’Atp a presenziare al prestigioso Barclays World Tour Final, che si disputerà alla “The 02 Arena” della capitale britannica dal 13 al 20 novembre (sarà presente il 15 e il 16). “E’ un riconoscimento che condivido con tutto lo staff – commenta Raffin – in particolare con il direttore del circolo, Claudio Bortoletto. Siamo felici che la qualità dei giocatori, l’organizzazione e, perché no, pure il fatto di continuare con la formula dell’ingresso gratuito, abbiano fatto registrare un numero di presenze così importante e sempre più numeroso”.

Sulla scia del successo registrato dalla tredicesima edizione dell’Acqua Dolomia tennis cup, l’Eurosporting si cimenterà a breve in una rassegna altrettanto importante a livello femminile. Dal 26 novembre al 3 dicembre, infatti, il club cordenonese ospiterà un torneo indoor internazionale, circuito Itf, riservato alle migliori racchette emergenti del tennis in rosa, che avranno proprio a Cordenons l’opportunità di conquistare punti preziosi per scalare la classifica del ranking mondiale. Il torneo, alla prima edizione, prenderà il nome di “Friuli Venezia Giulia tennis cup“.


TAG: ,

8 commenti

Pollicino (Guest) 09-11-2016 15:24

Complimenti, speriamo cresca anche il torneo femminile.

8
Pollicino (Guest) 09-11-2016 15:23

Scritto da Luca Martin
E Genova?
Quest’anno ha offerto uno spettacolo di tutto rispetto (a me personalmente mi ha divertito tanto).
Quanto a presenze credo fosse anche meglio di quello di Cordenons.

Sono due cose diverse. Non confonderle.
Genova concorre abitualmente per il miglior challenger al mondo.

7
ffedee 09-11-2016 14:09

@ Luca Martin (#1727989)

ma infatti mi pare avessero raggiunto le 38.000 presenze

6
manuel (Guest) 09-11-2016 13:54

si

5
io (Guest) 09-11-2016 13:51

Scritto da Luca Martin
E Genova?
Quest’anno ha offerto uno spettacolo di tutto rispetto (a me personalmente mi ha divertito tanto).
Quanto a presenze credo fosse anche meglio di quello di Cordenons.

“credo fosse” non ha nessun senso in riferimento a questo articolo. O hai i dati, oppure niente. E se hanno chiamato gli organizzatori di Cordenons e non quelli di Genova… (o dici che non hanno guardato i dati prima?).

PS “a me mi ha divertito” non si può sentire….

4
io (Guest) 09-11-2016 13:48

@ luca14 (#1727927)

Certo, ma mica è facile tenere in piedi un torneo per anni senza far pagare il pubblico. Direi che questo fatto, lungi dallo sminuirli, aumenta i meriti degli organizzatori. Senza contare l’importante lavoro di promozione dello sport che si fa in questo modo, soprattutto prezioso in uno sport come il tennis, che in Italia continua disgraziatamente ad essere uno sport per ricchi (con i risultati che vediamo a livello professionistico).

3
Luca Martin (Guest) 09-11-2016 13:42

E Genova?
Quest’anno ha offerto uno spettacolo di tutto rispetto (a me personalmente mi ha divertito tanto).
Quanto a presenze credo fosse anche meglio di quello di Cordenons.

2
luca14 (Guest) 09-11-2016 11:14

L ingresso gratuito ovviamente fa la differenza…

1

Lascia un commento