Garbin capitana di Fed Cup: una scelta da applausi

05/10/2016 08:00 35 commenti
Tathiana Garbin nella foto
Tathiana Garbin nella foto

È successo quello che molti tifosi auspicavano, un cambio che per tanti era necessario e che sembrava non arrivare mai: Corrado Barazzutti ha lasciato il ruolo di capitano non giocatore dell’Italia di Federation Cup e l’ex tennista veneta Tathiana Garbin è stata designata per l’importante ruolo.

Dopo 15 anni di successi e trionfi al femminile, Barazzutti ha quindi detto addio, senza lasciare però la panchina Davis: 15 anni in cui ha forgiato una generazione di campionesse che con lui in panchina sono diventate donne, per un bottino incredibile di 4 Fed Cup, alzate al cielo nel 2006, 2009, 2010 e 2013. Una generazione di fenomeni in gonnella, con l’imbarazzo delle scelte da mandare in campo: Francesca Schiavone, Flavia Pennetta, Roberta Vinci e Sara Errani solo per citare le più presenti.
Un cambio però si diceva fosse necessario perché una campionessa ha già appeso la racchetta al chiodo, una è notevolmente scesa di rendimento, un’altra non sa se ritirarsi e l’ultima vive una crisi di gioco: alla Garbin l’ingrato ma stimolante compito di rifondare un movimento, cercare di ricucire il difficile rapporto con Camila Giorgi senza dimenticare Karin Knapp e soprattutto le nuove leve, da motivare e far crescere. Esattamente come fece Barazzutti anni fa con le sue ragazze.

La scelta ha fatto inizialmente storcere il naso ad alcuni, tifosi che volevano la Pennetta o la Schiavone sulla panchina: la campionessa di New York 2015 sembra però vivere al meglio il suo status familiare di moglie lontano dal campo e non sente alcuna esigenza di ricoprire al momento ruoli federali mentre la Schiavo non ha ancora smarrito la voglia di lottare in campo. Superata anche la candidatura della Farina: si è optato per una ex giocatrice totalmente involucrata nella Federtennis, una che conosce bene il sistema e potrà cercare di tirare l’Italtennis fuori dal pantano.

Mi piace inoltre l’idea di una scelta al femminile, perché i vari profili maschili come Galimberti, Nargiso o Furlan li vedrei meglio per la futura panchina Davis.

La Garbin da anni lavora con le giovani e giovanissime, motivo per cui non la vedo come una traghettatrice ma come una scelta azzeccata e che potrà dare i suoi frutti sul medio-lungo termine: Pieri, Rosatello, Matteucci, Ferrando, Paolini, sono tutte tenniste in erba che Tathiana conosce e che saprà valorizzare.
Il compito è sicuramente simile a una sfida ma il prestigio e la fama che se ne possono ricavare sono sicuramente il miglior incentivo possibile: e allora forza Tathiana, mai come in questo momento il nostro tifo deve essere unito, non fazioso o in cerca di provocazioni.


Alessandro Orecchio


TAG: , , ,

35 commenti. Lasciane uno!

Shuzo (Guest) 10-10-2016 14:07

Sono convinto anche io che la scelta della Garbin sia assolutamente azzeccata, proprio perché è già impegnata da anni nel sostenere le giovani leve a farsi strada nel circuito e in questo momento la squadra italiana di Fed Cup ha proprio bisogno di nuove leve. Aver dato a Tathiana un più ampio raggio di azione, era la cosa più logica da fare.
Mi auguro che venga ben sostenuta dagli altri tecnici e dai dirigenti della FIT, oltre che dalle ex-compagne di squadra. Infatti Flavia, come anche Francesca o Roberta o anche Mara Santangelo, possono comunque fornire il loro apporto affinché il lavoro di Tathiana abbia successo nel rilancio di nuove leve e nel formare un nuovo team vincente.

35
Luca_nl 07-10-2016 23:42

Aggiungo a quanto scritto da Alessandro Orecchio, che Tathiana Garbin nel 2013 ha conquistato la European Summer Cups Under 18, evento per il quale è stata, assieme alle ragazze, anche premiata dal Presidente del Consiglio Letta.

PS: anche se si tratta di Fed Cup Under 18 europea, è la più prestigiosa manifestazione Under18 a squadre a livello mondiale, in quanto la Fed Cup Junior si svolge solo a livello di Under 16.

Auguroni Tathiana.

34
Phoedrus (Guest) 06-10-2016 14:10

Per la precisione, Binaghi ha fatto riferimento alla maglia azzurra.

33
Carl 06-10-2016 11:09

@ tommaso (#1708586)

Bisogna ammettere che il regolamento di Fed Cup non è proprio immediatamente comprensibile a chi non segue con assiduità il tennis femminile.
Io stesso devo sovente consultare il sito ufficiale della Fed Cup per verificare le mie informazioni, ed a proposito del sito c’è anche da aggiungere che non è precisamente amichevole per il visitatore occasionale, occorre un po’ di pratica e perspicacia per orientarsi tra i vari menu non ben articolati.

32
tommaso (Guest) 06-10-2016 09:05

Scritto da biglebowsky

Scritto da Tafanus

Scritto da Il Biscottone Spagnolo

Scritto da antonios
Una scelta da applausi durata 6 ore. Il tempo che la nuova capitana di Fed Cup trovasse il modo di accusare la Giorgi di non essere attaccata alla maglia azzurra. Che novità, che pensiero originale. Non ricordo casi analoghi di Commissari Tecnici in qualsiasi altro sport che nel giorno dell’insediamento abbiano fatto dichiarazioni simili a proposito di un atleta con il quale si era creata una frattura. Nemmeno Conte con Balotelli è arrivato a tanto. Il buon senso, che evidentemente non è patrimonio di chi frequenta la FIT, avrebbe dovuto spingere la Garbin a temporeggiare di fronte alls domanda inevitabile su Camila Giorgi. Bastava un “vedremo”, “proverò a capire”, “è una situazione che non conosco, datemi tempo”. Invece no. Fin da subito si sgombra il campo dagli equivoci con una dichiarazione di fedeltà a Binaghi. Piena continuità con Barazzutti in questo, secondo il principio “forte con i deboli e debole con i forti”. Il nuovo capitano di Fed Cup accusa di “alto tradimento” la retorica della maglia azzurra funziona sempre, la migliore giocatrice italiana nel rapporto età/ranking. Ovviamente chi ha già dimostrato di essere attaccata alla maglia azzurra farà come gli pare. Quindi giocheremo in Fed Cup con Pieri e Matteucci,o chi per loro, quindi retrocederemo di sicuro in serie B ma sventolando la maglia azzurra. Non sono un tifoso della Giorgi ma mi auguro davvero che faccia rodere il fegato a chi continua in Fit a sparare su una ragazza che, avrà commesso mille errori, ma non merita certo la lapidazione mediatica.

in pratica non cambierà nulla. E sinceramente mi stupirei molto del contrario. P.S. ma la squadra italiana di FedCup non è già in serie B?

No, biscottone, non è in serie B, ma im world group, così costituito:
Rep. Ceca
Olanda
Francia
Romania
Germania
Russia
Italia
Svizzera

hai dato un informazione inesatta che mi permetto di correggere
l’Italia, al momento, è in World Group 2 (serie B) con
Russia
Taipei
Romania
Belgio
Ukraina
Australia
Slovacchia
il World Group (serie A) è composto da
Spagna Bielorussia Germania Usa Francia Rep Ceca Olanda Svizzera

E guocheremo contro la slovacchia. Tafanus ha comunicato quello dello scorso anno, dimenticandosi una intera edizione di Fed Cup

31
tommaso (Guest) 05-10-2016 23:16

Scritto da Tafanus

Scritto da Il Biscottone Spagnolo

Scritto da antonios
Una scelta da applausi durata 6 ore. Il tempo che la nuova capitana di Fed Cup trovasse il modo di accusare la Giorgi di non essere attaccata alla maglia azzurra. Che novità, che pensiero originale. Non ricordo casi analoghi di Commissari Tecnici in qualsiasi altro sport che nel giorno dell’insediamento abbiano fatto dichiarazioni simili a proposito di un atleta con il quale si era creata una frattura. Nemmeno Conte con Balotelli è arrivato a tanto. Il buon senso, che evidentemente non è patrimonio di chi frequenta la FIT, avrebbe dovuto spingere la Garbin a temporeggiare di fronte alls domanda inevitabile su Camila Giorgi. Bastava un “vedremo”, “proverò a capire”, “è una situazione che non conosco, datemi tempo”. Invece no. Fin da subito si sgombra il campo dagli equivoci con una dichiarazione di fedeltà a Binaghi. Piena continuità con Barazzutti in questo, secondo il principio “forte con i deboli e debole con i forti”. Il nuovo capitano di Fed Cup accusa di “alto tradimento” la retorica della maglia azzurra funziona sempre, la migliore giocatrice italiana nel rapporto età/ranking. Ovviamente chi ha già dimostrato di essere attaccata alla maglia azzurra farà come gli pare. Quindi giocheremo in Fed Cup con Pieri e Matteucci,o chi per loro, quindi retrocederemo di sicuro in serie B ma sventolando la maglia azzurra. Non sono un tifoso della Giorgi ma mi auguro davvero che faccia rodere il fegato a chi continua in Fit a sparare su una ragazza che, avrà commesso mille errori, ma non merita certo la lapidazione mediatica.

in pratica non cambierà nulla. E sinceramente mi stupirei molto del contrario. P.S. ma la squadra italiana di FedCup non è già in serie B?

No, biscottone, non è in serie B, ma im world group, così costituito:
Rep. Ceca
Olanda
Francia
Romania
Germania
Russia
Italia
Svizzera

Biscottone, ascolta me: l’Italia di Fed Cup giocherà in “serie B”.

Il Tafanus è andato sul sito della Fed Cup (o su Wikipedia) e non si è accorto di aver copincollato i partecipanti alla Fed Cup DUEMILASEDICI. Gli capita spesso di prendere topiche clamorose del genere, salvo poi non ammetterlo. Le squadre citate da lui sono quelle partecipanti al World Group del 2016.

Scommetto che finirà così: Rep Ceca-Romania 3-2, Germania-Svizzera 2-3, Francia-Italia 4-1 (unico punto della Giorgi), Olanda-Russia 3-1.

E adesso arriviamo alla tua domanda: sì, nel 2017 l’Italia, dopo aver perso gli spareggi contro la Spagna (4-0), giocherà nel World Group II. Siamo anche già stati sorteggiati con la Slovacchia.

Mi stupisce che Tafanus sia rimasto al 2016, dopo aver parlato in lungo e in largo delle scelte della Federazione per tutto un anno. Uno può anche copincollare l’anno sbagliato, ma dimenticarsi di colpo i risultati di tutta una stagione, lui che è tenutario di un blog dedicato al tennis femminile…

30
biglebowsky 05-10-2016 22:52

Scritto da Tafanus

Scritto da Il Biscottone Spagnolo

Scritto da antonios
Una scelta da applausi durata 6 ore. Il tempo che la nuova capitana di Fed Cup trovasse il modo di accusare la Giorgi di non essere attaccata alla maglia azzurra. Che novità, che pensiero originale. Non ricordo casi analoghi di Commissari Tecnici in qualsiasi altro sport che nel giorno dell’insediamento abbiano fatto dichiarazioni simili a proposito di un atleta con il quale si era creata una frattura. Nemmeno Conte con Balotelli è arrivato a tanto. Il buon senso, che evidentemente non è patrimonio di chi frequenta la FIT, avrebbe dovuto spingere la Garbin a temporeggiare di fronte alls domanda inevitabile su Camila Giorgi. Bastava un “vedremo”, “proverò a capire”, “è una situazione che non conosco, datemi tempo”. Invece no. Fin da subito si sgombra il campo dagli equivoci con una dichiarazione di fedeltà a Binaghi. Piena continuità con Barazzutti in questo, secondo il principio “forte con i deboli e debole con i forti”. Il nuovo capitano di Fed Cup accusa di “alto tradimento” la retorica della maglia azzurra funziona sempre, la migliore giocatrice italiana nel rapporto età/ranking. Ovviamente chi ha già dimostrato di essere attaccata alla maglia azzurra farà come gli pare. Quindi giocheremo in Fed Cup con Pieri e Matteucci,o chi per loro, quindi retrocederemo di sicuro in serie B ma sventolando la maglia azzurra. Non sono un tifoso della Giorgi ma mi auguro davvero che faccia rodere il fegato a chi continua in Fit a sparare su una ragazza che, avrà commesso mille errori, ma non merita certo la lapidazione mediatica.

in pratica non cambierà nulla. E sinceramente mi stupirei molto del contrario. P.S. ma la squadra italiana di FedCup non è già in serie B?

No, biscottone, non è in serie B, ma im world group, così costituito:
Rep. Ceca
Olanda
Francia
Romania
Germania
Russia
Italia
Svizzera

hai dato un informazione inesatta che mi permetto di correggere

l’Italia, al momento, è in World Group 2 (serie B) con

Russia
Taipei
Romania
Belgio
Ukraina
Australia
Slovacchia

il World Group (serie A) è composto da

Spagna Bielorussia Germania Usa Francia Rep Ceca Olanda Svizzera

29
Tafanus 05-10-2016 21:05

Scritto da Il Biscottone Spagnolo

Scritto da antonios
Una scelta da applausi durata 6 ore. Il tempo che la nuova capitana di Fed Cup trovasse il modo di accusare la Giorgi di non essere attaccata alla maglia azzurra. Che novità, che pensiero originale. Non ricordo casi analoghi di Commissari Tecnici in qualsiasi altro sport che nel giorno dell’insediamento abbiano fatto dichiarazioni simili a proposito di un atleta con il quale si era creata una frattura. Nemmeno Conte con Balotelli è arrivato a tanto. Il buon senso, che evidentemente non è patrimonio di chi frequenta la FIT, avrebbe dovuto spingere la Garbin a temporeggiare di fronte alls domanda inevitabile su Camila Giorgi. Bastava un “vedremo”, “proverò a capire”, “è una situazione che non conosco, datemi tempo”. Invece no. Fin da subito si sgombra il campo dagli equivoci con una dichiarazione di fedeltà a Binaghi. Piena continuità con Barazzutti in questo, secondo il principio “forte con i deboli e debole con i forti”. Il nuovo capitano di Fed Cup accusa di “alto tradimento” la retorica della maglia azzurra funziona sempre, la migliore giocatrice italiana nel rapporto età/ranking. Ovviamente chi ha già dimostrato di essere attaccata alla maglia azzurra farà come gli pare. Quindi giocheremo in Fed Cup con Pieri e Matteucci,o chi per loro, quindi retrocederemo di sicuro in serie B ma sventolando la maglia azzurra. Non sono un tifoso della Giorgi ma mi auguro davvero che faccia rodere il fegato a chi continua in Fit a sparare su una ragazza che, avrà commesso mille errori, ma non merita certo la lapidazione mediatica.

in pratica non cambierà nulla. E sinceramente mi stupirei molto del contrario. P.S. ma la squadra italiana di FedCup non è già in serie B?

No, biscottone, non è in serie B, ma im world group, così costituito:

Rep. Ceca
Olanda
Francia
Romania
Germania
Russia
Italia
Svizzera

28
Carl 05-10-2016 18:47

Mi pare che si sia un po’ divagato.
Riprendo e confermo il mio primo pensiero riguardo l’articolo di Orecchio.

Dissento clamorosamente dall’affermazione che Barazzutti abbia “forgiato una generazione di campionesse che con lui in panchina sono diventate donne”.

Tutto il resto mi lascia sostanzialmente indifferente, ma questa patente di grande Maestro di tennis ed ancor più di vita farebbe ridere anche Corrado stesso.

Ho sempre rispettato le opinioni espresse da Orecchio, e spesso le ho condivise, anche dissociandomi da cori di proteste, come rispetto ancora chi c’è dietro a quelle opinioni, ma questa la trovo semplicemente grottesca.

27
gio (Guest) 05-10-2016 18:34

@ zedarioz (#1708118)

A cena forse no, ma al matrimonio è andata. Le ho viste ridere e scherzare insieme si tweettano e retweettano frequentemente. Cosa c’è che non sappiamo su di loro?

26
Olaf (Guest) 05-10-2016 17:55

Scritto da antonios
Una scelta da applausi durata 6 ore. Il tempo che la nuova capitana di Fed Cup trovasse il modo di accusare la Giorgi di non essere attaccata alla maglia azzurra. Che novità, che pensiero originale. Non ricordo casi analoghi di Commissari Tecnici in qualsiasi altro sport che nel giorno dell’insediamento abbiano fatto dichiarazioni simili a proposito di un atleta con il quale si era creata una frattura. Nemmeno Conte con Balotelli è arrivato a tanto. Il buon senso, che evidentemente non è patrimonio di chi frequenta la FIT, avrebbe dovuto spingere la Garbin a temporeggiare di fronte alls domanda inevitabile su Camila Giorgi. Bastava un “vedremo”, “proverò a capire”, “è una situazione che non conosco, datemi tempo”. Invece no. Fin da subito si sgombra il campo dagli equivoci con una dichiarazione di fedeltà a Binaghi. Piena continuità con Barazzutti in questo, secondo il principio “forte con i deboli e debole con i forti”. Il nuovo capitano di Fed Cup accusa di “alto tradimento” la retorica della maglia azzurra funziona sempre, la migliore giocatrice italiana nel rapporto età/ranking. Ovviamente chi ha già dimostrato di essere attaccata alla maglia azzurra farà come gli pare. Quindi giocheremo in Fed Cup con Pieri e Matteucci,o chi per loro, quindi retrocederemo di sicuro in serie B ma sventolando la maglia azzurra. Non sono un tifoso della Giorgi ma mi auguro davvero che faccia rodere il fegato a chi continua in Fit a sparare su una ragazza che, avrà commesso mille errori, ma non merita certo la lapidazione mediatica.

Pienamente d’accordo!!!

25
Marco (Guest) 05-10-2016 17:42

Scritto da Koko
Dobbiamo distinguere tra la simpatia naturale della Garbin e la sua effettiva capacità tecnica e da CT. Per il primo aspetto non ci sono dubbi che la sua capacità empatica sia molto elevata ma per capire il suo effettivo valore come selezionatrice e suggeritrice tattica occorre la prova del campo come unico giudice. Anche Nargiso nella dialettica e nel parlare di tennis può essere molto simpatico e spigliato ma non mi risulta di estremo successo come allenatore.

Il suo effettivo valore come selezionatrice e suggeritrice tattica?
La selezione la farà in base ai risultati e classifica, come farebbe chiunque altro..
E i suggerimenti tattici lo saprà dare in base alla propria ventennale esperienza ad alto livello (lei dovrebbe avere all’incirca quarant’anni) Ci metterà come sempre la propria visione del gioco, che poi alla fine rimane quella aggressiva di quando era ventenne, con il contributo della maturazione successiva, ma con il suo nuovo compito non potrà imcidere più di tanto sotto questo aspetto, sull’aspetto tattico, perché ogni giocatrice selezionata sara’ già impostata in un certo modo.
Alla fine l’unico aspetto rilevante è quello empatico motivazionale.

24
Giuli (Guest) 05-10-2016 17:20

@ Carl (#1708174)

Retrocedere con o senza Giorgi non cambia la sostanza!

23
Koko (Guest) 05-10-2016 17:09

La Giorgi balla da sola! 😛

22
Giuli (Guest) 05-10-2016 16:57

Povera Giorgi,era talmente ben integrata nella squadra azzurra,che le hanno fatto dire che non avrebbe più giocato il doppio,mentre lei voleva disperatamente giocarlo! :mrgreen:

21
antonios 05-10-2016 16:37

Scritto da Fabblack
@ Il Biscottone Spagnolo (#1708276)
Forse intendeva “retrocederemo in serie C”.

Si il concetto è quello 😉

20
Luciano.N94 05-10-2016 16:31

Scritto da zedarioz

Scritto da Carl
Per piacere, che Barazzutti abbia “forgiato una generazione di campionesse che con lui in panchina sono diventate donne”, lasciando intendere che i successi delle ragazze italiane siano merito suo, è una assurdità pazzesca! (volevo usare la più calzante affermazione di Fantozzi, ci siamo capiti)
E se Tathiana ha un mandato chiaro è proprio quello di tenere più lontana possibile la Giorgi.
Il resto, se resta qualcosa, si potrebbe anche condividere.

Effettivamente dall’articolo sembra che il capitano di fed cup sia un ruolo che incide molto sulle carriere delle giocatrici. In realtà serve solo come stimolo per far affezionare le giocatrici alla competizione a squadre, per creare spirito di gruppo, come Barazzutti ha indubbiamente saputo fare (sappiamo benissimo che la Schiavone di sua spontanea volontà non sarebbe mai neanche andata a cena con la Pennetta e viceversa, e Corrado è stato bravo a farle concentrare su un obiettivo comune). Se le giovani diventeranno forti oppure la Giorgi farà i miglioramenti che non ha mai fatto, non dipenderà in nessun modo da quello che farà la Garbin, ma dal lavoro che faranno le varie giocatrici coi propri allenatori. Stop.

Ma che stai dicendo?Al centro federale,quando erano ancora minorenni andavano in discoteca insieme.Il rapporto c’era eccome.

19
Fabblack 05-10-2016 15:47

@ Il Biscottone Spagnolo (#1708276)

Forse intendeva “retrocederemo in serie C”.

18
Il Biscottone Spagnolo (Guest) 05-10-2016 15:31

la storia FIT-Giorgi mi ricorda quella del marito che per fare dispetto alla moglie….. si insomma, mi avete capito

17
Il Biscottone Spagnolo (Guest) 05-10-2016 15:29

Scritto da antonios
Una scelta da applausi durata 6 ore. Il tempo che la nuova capitana di Fed Cup trovasse il modo di accusare la Giorgi di non essere attaccata alla maglia azzurra. Che novità, che pensiero originale. Non ricordo casi analoghi di Commissari Tecnici in qualsiasi altro sport che nel giorno dell’insediamento abbiano fatto dichiarazioni simili a proposito di un atleta con il quale si era creata una frattura. Nemmeno Conte con Balotelli è arrivato a tanto. Il buon senso, che evidentemente non è patrimonio di chi frequenta la FIT, avrebbe dovuto spingere la Garbin a temporeggiare di fronte alls domanda inevitabile su Camila Giorgi. Bastava un “vedremo”, “proverò a capire”, “è una situazione che non conosco, datemi tempo”. Invece no. Fin da subito si sgombra il campo dagli equivoci con una dichiarazione di fedeltà a Binaghi. Piena continuità con Barazzutti in questo, secondo il principio “forte con i deboli e debole con i forti”. Il nuovo capitano di Fed Cup accusa di “alto tradimento” la retorica della maglia azzurra funziona sempre, la migliore giocatrice italiana nel rapporto età/ranking. Ovviamente chi ha già dimostrato di essere attaccata alla maglia azzurra farà come gli pare. Quindi giocheremo in Fed Cup con Pieri e Matteucci,o chi per loro, quindi retrocederemo di sicuro in serie B ma sventolando la maglia azzurra. Non sono un tifoso della Giorgi ma mi auguro davvero che faccia rodere il fegato a chi continua in Fit a sparare su una ragazza che, avrà commesso mille errori, ma non merita certo la lapidazione mediatica.

in pratica non cambierà nulla. E sinceramente mi stupirei molto del contrario. P.S. ma la squadra italiana di FedCup non è già in serie B?

16
Viktor (Guest) 05-10-2016 15:14

Barazzutti non ha forgiato nulla. Si è trovato in mano quattro campionesse. Al massimo si può dire che è stato bravo a gestirle.

15
vecchiogiovi (Guest) 05-10-2016 15:07

Non capisco. L’articolo di Orecchio mi pare condivisibile. Non capisco l’estremizzazione del pensiero, non ha detto che le ragazze le ha fatte Barazzutti. Quanto alla FIT, come quasi tutte le Federazioni sportive italiane, è un covo di permalosi supponenti. Io la Giorgi non la lascerei perdere, cercherei di far ragionare il padre, mettendolo di fronte al ritardo tra i risultati attesi da un talento (Camila lo è) e quelli non conseguiti perchè non ha una base tecnica adeguata (Camila non sa nulla di tattica, non ha punti nella saccoccia), pensare ai 300.000 dati comportandosi così significa cercare di perderli del tutto. Il movimento non si giudica dalle punte, ma dal livello medio in età tra i sedici e i diciotto anni, e qui mi pare che si noti la nostra posizione.

14
Koko (Guest) 05-10-2016 15:00

Dobbiamo distinguere tra la simpatia naturale della Garbin e la sua effettiva capacità tecnica e da CT. Per il primo aspetto non ci sono dubbi che la sua capacità empatica sia molto elevata ma per capire il suo effettivo valore come selezionatrice e suggeritrice tattica occorre la prova del campo come unico giudice. Anche Nargiso nella dialettica e nel parlare di tennis può essere molto simpatico e spigliato ma non mi risulta di estremo successo come allenatore.

13
antonios 05-10-2016 14:53

Una scelta da applausi durata 6 ore. Il tempo che la nuova capitana di Fed Cup trovasse il modo di accusare la Giorgi di non essere attaccata alla maglia azzurra. Che novità, che pensiero originale. Non ricordo casi analoghi di Commissari Tecnici in qualsiasi altro sport che nel giorno dell’insediamento abbiano fatto dichiarazioni simili a proposito di un atleta con il quale si era creata una frattura. Nemmeno Conte con Balotelli è arrivato a tanto. Il buon senso, che evidentemente non è patrimonio di chi frequenta la FIT, avrebbe dovuto spingere la Garbin a temporeggiare di fronte alls domanda inevitabile su Camila Giorgi. Bastava un “vedremo”, “proverò a capire”, “è una situazione che non conosco, datemi tempo”. Invece no. Fin da subito si sgombra il campo dagli equivoci con una dichiarazione di fedeltà a Binaghi. Piena continuità con Barazzutti in questo, secondo il principio “forte con i deboli e debole con i forti”. Il nuovo capitano di Fed Cup accusa di “alto tradimento” la retorica della maglia azzurra funziona sempre, la migliore giocatrice italiana nel rapporto età/ranking. Ovviamente chi ha già dimostrato di essere attaccata alla maglia azzurra farà come gli pare. Quindi giocheremo in Fed Cup con Pieri e Matteucci,o chi per loro, quindi retrocederemo di sicuro in serie B ma sventolando la maglia azzurra. Non sono un tifoso della Giorgi ma mi auguro davvero che faccia rodere il fegato a chi continua in Fit a sparare su una ragazza che, avrà commesso mille errori, ma non merita certo la lapidazione mediatica.

12
angelux79 (Guest) 05-10-2016 13:58

Scritto da Reax
@ Marco (#1708160)
Tu lo conosci bene Orecchio vero? Un po’ di educazione ogni tanto non guasterebbe…vuoi dissentire con l’articolo? Perfetto però senza Toni aspri e fuori luogo

Ho pensato e avrei voluto dire la stessa cosa di Reax. sminuire gli altri per esaltare se stessi, tipico sport italico.

11
Reax (Guest) 05-10-2016 13:44

@ Marco (#1708160)

Tu lo conosci bene Orecchio vero? Un po’ di educazione ogni tanto non guasterebbe…vuoi dissentire con l’articolo? Perfetto però senza Toni aspri e fuori luogo

10
Carl 05-10-2016 13:24

Scritto da Giangi
Se possibile, un riavvicinamento ci sarà . Come successo in passato per alcuni giocatori in Davis.

Il riavvicinamento sarebbe stato possibile e come giustamente rilevi è già avvenuto, se lo strappo si fosse fermato alla rinuncia della Giorgi ed alle contestazioni contrattuali da parte FIT.
Tutte cose che col tempo e dopo una sentenza del tribunale o un compromesso si superano.

Quello che non si supera sono le offese gratuite lanciate alla Giorgi dai massimi esponenti della FIT quando lo strappo era già avvenuto e le cose già in mano agli avvocati.
E’ con quelle dichiarazioni che la FIT ha formulato una vera e propria “fatwa” verso la Giorgi, senza che ce ne fosse nessuna necessità nè utilità.

E questo non è mai successo con nessun altro.

Non vedo come si possano rimangiare quelle accuse e muovere loro, la FIT, un primo passo, non vedo come la Giorgi possa dimenticarle e muovere lei un primo passo, e questo anche dopo che la querelle contrattuale sarà stata, in modo o nell’altro sanata, anche se con i tempi della giustizia italiana.

9
Marco (Guest) 05-10-2016 13:13

Scritto da zedarioz

Scritto da Carl
Per piacere, che Barazzutti abbia “forgiato una generazione di campionesse che con lui in panchina sono diventate donne”, lasciando intendere che i successi delle ragazze italiane siano merito suo, è una assurdità pazzesca! (volevo usare la più calzante affermazione di Fantozzi, ci siamo capiti)
E se Tathiana ha un mandato chiaro è proprio quello di tenere più lontana possibile la Giorgi.
Il resto, se resta qualcosa, si potrebbe anche condividere.

Effettivamente dall’articolo sembra che il capitano di fed cup sia un ruolo che incide molto sulle carriere delle giocatrici. In realtà serve solo come stimolo per far affezionare le giocatrici alla competizione a squadre, per creare spirito di gruppo, come Barazzutti ha indubbiamente saputo fare (sappiamo benissimo che la Schiavone di sua spontanea volontà non sarebbe mai neanche andata a cena con la Pennetta e viceversa, e Corrado è stato bravo a farle concentrare su un obiettivo comune). Se le giovani diventeranno forti oppure la Giorgi farà i miglioramenti che non ha mai fatto, non dipenderà in nessun modo da quello che farà la Garbin, ma dal lavoro che faranno le varie giocatrici coi propri allenatori. Stop.

Infatti così stanno le cose.
Orecchio, che ha poca esperienza di tennis, dice che Tathiana saprà valorizzare le varie ragazze, ma in realtà sarà cruciale ciò che ha fatto con loro fino ad oggi, più che da oggi in poi..

In particolare poi, indipendentemente da chi le segue, queste ragazze, hanno avuto fino ad oggi quel fondamentale spirito di sacrificio che ha avuto la Garbin quando aveva la loro età?

8
Giangi (Guest) 05-10-2016 12:45

Francamente questo andare sempre contro la federazione i suoi uomini e le sue scelte lo trovo monotono o peggio.
A prescindere dal tono dell’articolo e da frasi che possono essere esagerate, è comunque innegabile che l’apporto di Barazzuti nei successi delle ragazze ci sia stato : fare gruppo tra le ragazze anche ammettendo per la prima volta i vari coach nel ritiro, ritirando su la Schiavone in un periodo importante, inventando la coppia Errani Vinci quando nessuno avrebbe dato un euro per la errani doppista, dando consigli durante la partita importanti e soprattutto adeguati alla giocatrice di turno, gestendo al meglio le convocazioni.
Che poi che negli ultimi due anni in Fed Cup ( come forse anche in Davis) abbia mostrato la corda, questo ci sta.
Ed era giusto cambiare.
La Garbin per i vari motivi ricordati nell’articolo era la migliore scelta.
Sulla Giorgi è inutile fare polemica, è stata lei (il padre) la prima ad impuntarsi e a dimostrare il suo non attaccamento alla maglia dell’Italia – e su questo punto non ci sono dubbi.
Ma sono sicuro che la Garbin non la terrà lontana a prescindere , come neanche la Federazione, in fondo, pur non avendo sfondato come alcuni pensavano è sempre al momento anni luce avanti le giovani seconde linee.
Se possibile, un riavvicinamento ci sarà . Come successo in passato per alcuni giocatori in Davis.

7
Gianni (Guest) 05-10-2016 12:30

Scritto da Carl
Per piacere, che Barazzutti abbia “forgiato una generazione di campionesse che con lui in panchina sono diventate donne”, lasciando intendere che i successi delle ragazze italiane siano merito suo, è una assurdità pazzesca! (volevo usare la più calzante affermazione di Fantozzi, ci siamo capiti)
E se Tathiana ha un mandato chiaro è proprio quello di tenere più lontana possibile la Giorgi.
Il resto, se resta qualcosa, si potrebbe anche condividere.

La Giorgi ha deciso di non fare parte del Team di Fed Cup.
Consapevole dele sue scelte, di tutto quello che ha ricevuto dalla FIT (300 mila euro in 2 anni, staff, rimborsi e centro per allenarsi) e di tutto quello che la FIT le ha richiesto indietro. Quindi non serve un mandato per tenerla lontana perche’ e’ lei che ha deciso cosa fare. Dici che e’ stata l’unica a vincere una partita di Fed lo scorso anno?Peggio ancora visto che non ha voluto far parte dello spareggio per non retrocedere (per fare le quali a Stoccarda!)e siamo retrocessi. Io preferisco 1000 volte perdere con chi sente l’orgoglio di giocare per l’Italia piuttosto che una che gioca per contratto.

6
zedarioz 05-10-2016 12:28

Scritto da Carl
Per piacere, che Barazzutti abbia “forgiato una generazione di campionesse che con lui in panchina sono diventate donne”, lasciando intendere che i successi delle ragazze italiane siano merito suo, è una assurdità pazzesca! (volevo usare la più calzante affermazione di Fantozzi, ci siamo capiti)
E se Tathiana ha un mandato chiaro è proprio quello di tenere più lontana possibile la Giorgi.
Il resto, se resta qualcosa, si potrebbe anche condividere.

Effettivamente dall’articolo sembra che il capitano di fed cup sia un ruolo che incide molto sulle carriere delle giocatrici. In realtà serve solo come stimolo per far affezionare le giocatrici alla competizione a squadre, per creare spirito di gruppo, come Barazzutti ha indubbiamente saputo fare (sappiamo benissimo che la Schiavone di sua spontanea volontà non sarebbe mai neanche andata a cena con la Pennetta e viceversa, e Corrado è stato bravo a farle concentrare su un obiettivo comune). Se le giovani diventeranno forti oppure la Giorgi farà i miglioramenti che non ha mai fatto, non dipenderà in nessun modo da quello che farà la Garbin, ma dal lavoro che faranno le varie giocatrici coi propri allenatori. Stop.

5
Carl 05-10-2016 10:11

Per piacere, che Barazzutti abbia “forgiato una generazione di campionesse che con lui in panchina sono diventate donne”, lasciando intendere che i successi delle ragazze italiane siano merito suo, è una assurdità pazzesca! (volevo usare la più calzante affermazione di Fantozzi, ci siamo capiti)

E se Tathiana ha un mandato chiaro è proprio quello di tenere più lontana possibile la Giorgi.

Il resto, se resta qualcosa, si potrebbe anche condividere.

4
sons of garanganga 05-10-2016 09:43

Ottima scelta, era ora!

3
Bibi (Guest) 05-10-2016 09:00

Si trova già una gatta da pelare mica da ridere: che fare sulla figlia di Sergio Giorgi?

2
Sottile 05-10-2016 08:32

Nargiso no ti prego, ha già provato a rovinare Mager. La Garbin avrà un compito arduo dopo gli strabilianti risultati delle nostre ragazze negli anni passati. Prima di applaudire quindi, attendiamo i risultati nel medio termine…

1