Da Milano: Il racconto di giornata dall’amico becu rules

21/06/2016 07:55 12 commenti
Il piemontese Matteo Donati ha disputato un ottimo match d'esordio all'Aspria Tennis Cup 2016 battendo in due set il belga Coppejans - Foto Francesco Peluso
Il piemontese Matteo Donati ha disputato un ottimo match d'esordio all'Aspria Tennis Cup 2016 battendo in due set il belga Coppejans - Foto Francesco Peluso

Bellissima giornata, anche contando in molti casi gli avversari di spessore affrontati dai nostri, a dimostrazione che il movimento a livello di giovani è in decisa crescita e che mai come oggi abbiamo tanti prospetti interessanti – poi forse non tutti arriveranno – e che questa ‘competizione’ positiva può solo generare un ulteriore volano di effetti positivi. Mi permetto di dire la mia sui ‘ragazzi’, in ordine di prospettiva.

1) Donati – secondo me il più dotato, una testa tennistica notevole, una buona dose di aggressività, completo, serve bene, qualche limite di mobilità, un fisico ancora in ‘progress’. Il dubbio più grosso è la sua integrità fisica. Se non avesse auto tutti i problemi che lo hanno condizionato dall’agosto scorso, penso sarebbe già a ridosso dei top100.

2) Sonego – un grande fighter, grande senso della lotta, anche lui giocatore abbastanza completo, e nonostante ciò ancora abbastanza grezzo, quindi con buoni margini di miglioramento. Serve bene, deve migliorare la seconda, e rispetto alle potenzialità del suo servizio prende ancora troppi break in ogni partita. Siccome la garra nel tennis conta, penso che anche lui potrà fare almeno una discreta carriera.

3) Eremin – l’anziano tra i giovani – servizio devastante, braccio spaventoso soprattutto sul rovescio, si è quasi fermato per qualche anno, sembrava mancargli qualcosa perché mettesse a posto i pezzi del suo gioco. Ora sembra che l’equazione stia cominciando a quadrare e gli ultimi mesi ne certificano il salto di livello. Fin troppo ‘fisicato’ se la testa lo supporta ha la pesantezza di palla per giocarsela a livello ancora superiore.

4) Mager – giocatore per molti versi simile ad Eremin, bel braccio, più mobile, sembra dal punto di vista caratteriale quello più difficile da far salire di livello per consentirgli maggiore costanza di risultati. Il talento c’è, speriamo che si faccia trascinare dall’onda del movimento

5) Napolitano – altro bel servizio, molto più solido che in passato, ancora qualche problema tecnico soprattutto sul diritto, però ha cominciato a giocarsela discretamente a livello challenger – livello dove solo l’anno scorso prendeva spesso delle stese

6) GQ – grande la promessa – Si è detto e scritto fin troppo, spero e credo che con il coach austriaco possa ripartire e risalire la china abbastanza in fretta. Sicuramente, rispetto al fisico perfetto per il tennis, a livello tecnico si porta dietro un sacco di difetti, deve cercare di migliorare molto, per recuperare il tempo perduto, a partire da un servizio totalmente insufficiente. Al momento ancora ingiudicabile per certi livelli

7) Gli altri giovani – Vavassori, Di Nicola, Massara mi sembrano abbiano fatto già bei progressi ed il prossimo anno potrebbero essere pronti per diventare tennisti di livello challenger. Basso ottimo in questi giorni è stato troppo a lungo ai box per fare proiezioni, speriamo che questi giorni siano la regola e non l’eccezione

7) I giovanissimi – Pellegrino, Dalla Valle, Guerrieri per citarne alcuni – hanno già cominciato a fare discreta esperienza nel circuito professionistico senza perdersi troppo nei tornei junior, e già hanno fatto risultati importanti.


TAG: ,

12 commenti. Lasciane uno!

Andrea Ignazzi (Guest) 21-06-2016 13:05

Trovo giusto dire che per certi versi Mager e Eremin si somiglino (pesantezza di palla) nn trovo corretto dire che Mager sia più mobile di Eremin. Al momento a mio avviso Mager è meno rapido e meno veloce, seppur tra i due non ci sia un abisso. Entrambi per motivi diametralmente opposti non sono schegge. Va fatto un plauso al progetto over 18 che a mio avviso è portato avanti in maniera mirabile da Rianna in primis e ottimo il jolly Galimberti pescato in corsa, scelte indovinate. Ogni tanto qualche merito alla FIT va dato

12
biglebowsky (Guest) 21-06-2016 11:19

c’è sicuramente un bel fermento, esclusivamente nel maschile, nella fascia di età 20-24.
oltre ai quattro moschettieri 95/96 che sono complessivamente un po’ indietro rispetto alle legittime aspettative che suscitarono da junior (quinzi, baldi e napo sono stati contemporaneamente 1-4-9 nel ranking-boys e donati poco dietro solo per il “ritardo” a livello fisico, cosa che ricapiterà tra “cent’anni”), sono molto vicini anche quelli elencati nel thread fino al punto 6.
Sono 8 (aggiungiamo basso) giocatori di tennis già praticamente professionisti sotto ogni punto di vista eccetto, per quasi tutti, quello economico che ha una certa importanza.
non mi pare che tra di loro ci sia il “crack”, il potenziale campione in grado di competere ad altissimi livelli, ma forse qualcuno potrebbe ambire ad una carriera alla seppi (dal punto di vista degli obiettivi) che è tanta roba nel difficilissimo mondo del tennis maschile del 2016 e seguenti e qualcuno ambire ad entrare nei top 100 (altro obiettivo non così scontato).
perchè, come certamente sapete tutti, ce ne sono veramente molti in giro di livello molto simile, in qualche caso già parecchio avanti e in pochi casi praticamente irraggiungibili (thiem, kirgios, zverev e compagnia cantante).
aggiungo (anch’io ieri ho visto un po’ di live all’harbour e sono impressioni personali) che mi sembrano tutti ragazzi molto positivi in senso lato e questo è un altro motivo per essere fiduciosi che qualcosa venga fuori.

aggiungo che se un talent scout fosse capitato ieri a vedere il torneo direttamente da marte, penserebbe che eremin sia di gran lunga il migliore di tutti. evidentemente non gioca sempre a quel livello altrimenti sarebbe inspiegabile la sua carriera fino a questo momento, pur considerando gli infortuni.
allo stesso talent scout non potrebbe però sfuggire che con quella massa muscolare bestiale (ha due quadricipiti che thiem è una merdina), per preservarsi da infortuni muscolari occorra un preparatore con i contro….fiocchi e una buona dose di fortuna..

p.s.: non è stato citato baldi, che aspetterei un attimo a dare per morto; la testa ha dei limiti evidenti ma il tennis non è inferiore a qualcuno di quelli citati…..e a volte (non sempre) l’età aiuta in questo aspetto.

11
Nadaliano 21-06-2016 10:13

Donati è forte forte, senza sfighe a livello fisico lo vedo giocare a livello ATP nel medio-lungo termine.

10
erminio (Guest) 21-06-2016 10:01

Scritto da Manuele
@ erminio (#1627236)
É un termine associato spesso agli argentini e agli ispanico in genere, nello sport. Racchiude grinta, tenacia e attaccamento al match di solito.

grazie!

9
e-team (Guest) 21-06-2016 09:50

@ serp (#1627241)

Bonadio è bravo ma al momento è distante anni luce dai sopra citati….

8
Reax (Guest) 21-06-2016 09:42

Bellíssimo reportage!!!

7
alfredo94 21-06-2016 09:39

Quinzi sesto non si può vedere , nonostante abbia giocato poco quest’anno ha fatto più o meno gli stessi punti di eremin e Sonego ,i più in forma, mentre lui é in un periodo abbastanza di sfiducia ,colpisce la palla con molto controllo, raramente spinge ma quando lo fa è davvero un martello con entrambi i fondamentali. Per me come prospettiva é secondo solo a donati , Napolitano ha fatto molti punti però non mi convince più di tanto e poi caratterialmente fin troppo molle.Poi può succedere tutto magari quinzi non vince più in partita , o rimane intorno a questa classifica a 25/26 anni e si ritira, però se avrà uno staff che gli dia fiducia , lo stimoli a migliorare sia come colpi che fisicamente,in cui ha notevoli margini per la sua struttura di base , potrà diventare un ottimo giocatore Atp da top 50 stabile .
Il match di oggi è davvero interessante perché affronta un giocatore ultra-solido sembra aver ritrovato la forma da Parigi in poi , quinzi per fare partita sarà costretto a spingere ,se si limiterà a palleggiare credo abbia quasi zero chance e rischi la stesa.

6
Manuele (Guest) 21-06-2016 09:09

@ erminio (#1627236)

É un termine associato spesso agli argentini e agli ispanico in genere, nello sport. Racchiude grinta, tenacia e attaccamento al match di solito.

5
serp (Guest) 21-06-2016 09:07

@ serp (#1627241)

Bonadio ovviamente

4
serp (Guest) 21-06-2016 09:06

Fra gli altri giovani aggiungerei Bonario

3
erminio (Guest) 21-06-2016 08:53

é un bel riassunto, grazie.
“Garra”? Per me é un nuovo vocabolo, penso sia come dire “grinta”?

2
gido 21-06-2016 07:59

come già scritto nel post: analisi molto lucida! Grazie Becu

1

Lascia un commento