Vittoria di Novak ATP, Copertina

Masters 1000 Madrid: Djokovic supera in tre set Murray, vincendo il suo secondo titolo alla Caja Magica

08/05/2016 20:56 36 commenti
Novak Djokovic classe 1987, n.1 del mondo
Novak Djokovic classe 1987, n.1 del mondo

Djokovic c’è. Dopo la “pausa” di Monte Carlo, Novak torna alla vittoria a Madrid superando in tre set Andy Murray e strappando il quinto titolo stagionale e secondo alla Caja Magica madrileña. E’ stata una finale interessante, più di molte altre loro sfide, soprattutto grazie ad un terzo set ad alta tensione, con buona qualità ed intensità. La partita è andata a strappi: troppo perfetto Djokovic nel primo set, molto attento e preciso Murray nel secondo. Nel terzo c’è stata intensità e qualità da parte di entrambi, con buoni momenti di spettacolo nonostante i due giochino un po’ a “specchio”, e quindi non ci sia un contrasto ad aiutare lo show. Alla fine la vittoria del n.1 è stata meritata, perché è stato più intenso, preciso e continuo. Però stavolta Murray ha perso davvero di poco, incapace di sfruttare alcune chance importanti nel finale del terzo set che avrebbero potuto regalarci un’altra storia. Dopo la partenza troppo lenta, lo scozzese è stato intenso, ha lottato ed è stato capace di prendere l’iniziativa e rompere il muro del serbo, con forza. Rispetto a Djokovic continua a pagare la minore continuità della sua intensità, e qualche errore in spinta che ha pesato molto nell’economia di un match giocato punto su punto nel finale. Dovrebbe ricavare di più anche dal servizio, e ogni volta che lo smarrisce va in difficoltà. In generale, Djokovic è riuscito a giocare con maggior continuità con i piedi molto vicini alla riga di fondo, prendendo il comando dello scambio, facendo correre Murray ed entrando di potenza col dritto e col rovescio nel primo spiraglio utile. Soprattutto nel primo set dal centro è stato spietato a chiudere con pallate di dritto micidiali, ed ha regalato ben poco. Ha concesso 5 minuti nel secondo che gli sono costati il set, ma poi nel terzo ha ritrovato un livello molto alto, ed ha vinto con merito, ma ha rischiato. Non è ancora al 100%, si vede da qualche piccola pausa nella spinta, da qualche errore nello scambio, da qualche incertezza. Ma resta di gran lunga il tennista più forte, quasi imbattibile, anche sul rosso. Ecco la cronaca della finale 2016 di Madrid.

 

Si inizia con Murray al servizio. I due si conoscono alla perfezione, tanto che Novak sa benissimo di dover sfruttare la sua straordinaria abilità alla risposta contro la battuta non sempre continua ed efficace dello scozzese. Andy prova ad aprire gli angoli, ma Novak c’è, e sale 15-40, due palle break immediate. Comanda il n.1, ma sbaglia in rete col dritto la prima; chiude a rete benissimo sulla seconda, chiamato avanti da un back corto. Break Djokovic, 1-0 avanti. Murray male come percentuale di prime, fattore spesso decisivo nelle loro sfide. Il serbo tiene il servizio, salendo 2-0.

Nel terzo gioco la prima dello scozzese inizia a prendere ritmo, arriva anche il primo Ace. Vince il primo gioco del match, muovendo il punteggio, 2-1. Djokovic controlla i tempi di gioco, muove di più gli angoli e fa correre Murray, costretto a giocare con i piedi non così vicini alla riga di fondo, ed incapace da quella posizione di fare la differenza con i suoi drive. 3-1 Djokovic, molto sicuro in campo.

Si scambia molto sulla diagonale del rovescio, il colpo migliore di entrambi, ma la palla del serbo è più lunga, continua e penetrante. Prova a cambiare ritmo Andy, ma i risultati sono modesti, tanto che quando si gira sulla diagonale di dritto l’errore è dietro l’angolo. 0-30. Altro brutto errore di Murray col dritto, una pallaccia centrale che vola via lunga. 15-40, doppia chance di doppio break, quasi un set point per il n.1, che non si fa pregare… Entra in campo col rovescio cross, e chiude di dritto in avanzamento. Senza tremare, senza pietà. Break Djokovic, 4-1, che serve bene, martella col dritto ed è precisissimo col rovescio. Non concede nulla nei suoi turni di servizio, comodamente sale 5-1, e non si vede come Murray possa invertire l’inerzia del match, visto che alla risposta non riesce a scardinare il tennis del n.1. Sale almeno la sua percentuale di prime, e resta in scia sul 5-2. Djokovic serve per chiudere il primo set, e non si vede alcun accenno di crepa nella “macchina infernale” del suo tennis. Prime precise, drive lunghi ed angolati, in poco più di un minuto mostra un campionario della sua eccellenza e solidità, incassando il primo set per 6-2. Un parziale totalmente dominato, con un superiorità sul n.2 del mondo davvero netta.

Secondo set, Murray ancora alla battuta, e stavolta serve meglio, cercando di entrare subito in campo a chiudere, con zero attendismo a tanta aggressività, quella che gli è mancata nel primo set. A 15 vince il game, muovendo lo score. Il problema di Andy resta l’incapacità di essere incisivo nei game di risposta. Djokovic non concede niente, spinge in sicurezza con entrambi i fondamentali, avanzando dopo ogni colpo e chiudendo. 1 pari.

Adesso almeno l’intensità nel tennis di Murray è cresciuta, come nel secondo punto del terzo game, quando lo scozzese chiude di forza dopo uno scambio duro, a tutta corsa ed angoli aperti. Sale 2-1 Andy, e prova a rispondere in modo più aggressivo (anche se al centro) nel quarto gioco. Un paio di errori di “Nole” lo portano sul 15-40, le prime due palle break concesse nel match. Gioca con coraggio la prima, tirando un rovescione cross all’angolino, ma sbagliando malamente il dritto a chiudere in avanzamento; ci pensa Djokovic, con un doppio fallo, a regalare il break a Murray. Un gioco insolito, un passaggio a vuoto improvviso, con 4 errori. 3-1 Murray, che però gioca molto male i primi punti del quinto gioco, crollando 0-30. Si riprende ritrovando la prima, grazie a due Ace ed altri servizi potenti al centro tiene il servizio, salendo 4-1. Piccolo reset per Novak, che nonostante qualche smorzata di troppo (non proprio ben giocate…) si rimette a macinare il suo tennis, 4-2. Murray adesso c’è, riesce a governare i ritmi dello scambio dopo il servizio, ha trovato maggiore profondità nei suoi colpi e discreta sicurezza. 5-2 Murray.

La faccia di “Nole” segna più tensione, avverte che il rivale adesso è piamente in partita, e che un terzo difficile set è molto probabile. Con una buona prima ed un dritto potente sale 3-5, la pressione ora è tutta su Andy, chiamato a chiudere il secondo set con il servizio. Trema leggermente, si prende qualche rischio, e anche grazie a qualche incertezza di Novak si porta sul 40-15, due set point. Con una palla corta improvvisa sorprende il n.1, chiudendo 6-3 un set meritato, in cui è stato bravo a monetizzare il piccolo momento no di Djokovic.

Terzo set, Djokovic alla battuta. E la battuta gira bene, lunga, spesso al centro per non dare angolo; ma Andy adesso risponde di più, risponde meglio. C’è partita. Si arriva ai vantaggi e Novak rischia una seconda per non dare chance al rivale. Si carica intuendo il momento importante. 1-0 Djokovic, sarà Murray a rincorrere, …e rincorre anche on court. Il serbo entra bene alla risposta, aggredisce e mangia campo, portandosi 0-30. Andy serve bene, reagisce, ma sul 15-30 subisce il forcing e concende due palle break assai delicate. Si scambia sulla diagonale di rovescio, tanto, con “Nole” che guadagna mezzo metro di campo ad ogni colpo, sino all’affondo decisivo, che porta Murray all’errore in difesa estrema. Break Djokovic, subito avanti nel terzo set, 2-0, ma c’è lotta perché Murray non molla, anzi intensifica la sua spinta rischiando di più fin dalla risposta. Sul 30 pari dal centro del campo mette enorme pressione al serbo, che spedisce lungo un dritto in contro balzo. Palla break per Murray, che trasforma grazie ad un altro doppio fallo di Novak, eccessivo il rischio sulla seconda. 2-1 Djokovic, è il momento migliore del match per intensità, ed è un ottimo momento per lo scozzese, molto aggressivo e deciso a non perdere l’iniziativa. Commette il primo doppio fallo del match, ma impatta sul 2 pari il conto dei game, dando l’impressione in questo momento di essere assolutamente competitivo. Segue un gioco perfetto di Novak, che domina ogni situazione ed in meno di un minuto sale 3-2. Sesto game, sale la tensione. Murray si incaponisce nel contropiede, ne sbaglia due consecutivi e Djokovic vola 15-40, due chance di break. Si prende di forza il gioco il n.1, con un rovescio lungo linea improvviso eccezionale per qualità e momento in cui l’ha tirato. Da campione. Break Djokovic, 4-2. La mente corre verso lo strappo decisivo, ma Andy non ci sta. Intensifica la sua spinta, rimette tutto, soffre e ringhia, salendo 15-30. Gli scambi sono sempre più duri, intensi, ma i due si concedono un siparietto niente male nonostante la tensione: Djokovic si prende uno warning per ritardo al servizio, ma Andy lo difende, dicendo di esser stato lui a ritardare l’inizio del gioco, davvero chapeau allo scozzese. Novak serve bene, e chiude il game, salendo 5-2. Lo scozzese serve per allungare il match e concedersi una chance di rientrare, tentando un ultimo disperato assalto. Rischia molto, rischia troppo, e la battuta non lo assiste più. Sul 30 pari arriva il secondo doppio fallo del match, che consegna il match point a Djokovic. Un Ace lo salva, ed altri servizi precisi lo portano 3-5. Novak serve per chiudere il match, ma avverte la tensione. Tre errori banali per la sua classe concedono un inaspettato 0-40 ad Andy, tre chance per rientrare in partita, ma le spreca, soprattutto l’ultima, davvero buttata al vento. Non demorde lo scozzese, continua a spingere e se ne procura altre quattro, forzando all’errore il n.1. Se le gioca bene Djokovic, con la massima attenzione e precisione. Era l’ultimo treno del match per Murray: Novak inserisce il pilota automatico e soffrendo oltre 13 minuti nel game chiude con un errore di dritto del rivale. Djokovic torna alla vittoria, da domani sarà al Foro Italico, ma con la mente sicuramente a Parigi, per scrivere la storia.

 

Marco Mazzoni

@marcomazz



La partita punto per punto

ATP Madrid
Novak Djokovic [1]
6
3
6
Andy Murray [2]
2
6
3
Vincitore: N. DJOKOVIC

N. Djokovic SRB - A. Murray GBR
02:06:13
2 Aces 10
3 Double Faults 2
72% 1st Serve % 71%
43/59 (73%) 1st Serve Points Won 36/53 (68%)
12/23 (52%) 2nd Serve Points Won 7/22 (32%)
8/10 (80%) Break Points Saved 2/6 (33%)
13 Service Games Played 13
17/53 (32%) 1st Return Points Won 16/59 (27%)
15/22 (68%) 2nd Return Points Won 11/23 (48%)
4/6 (67%) Break Points Won 2/10 (20%)
13 Return Games Played 13
55/82 (67%) Total Service Points Won 43/75 (57%)
32/75 (43%) Total Return Points Won 27/82 (33%)
87/157 (55%) Total Points Won 70/157 (45%)

1 Ranking 2
28 Age 28
Belgrade, Serbia Birthplace Glasgow, Scotland
Monte-Carlo, Monaco Residence London, England
6’2″ (187 cm) Height 6’3″ (190 cm)
172 lbs (78 kg) Weight 185 lbs (84 kg)
Right-Handed Plays Right-Handed
2003 Turned Pro 2005
28/2 Year to Date Win/Loss 13/4
4 Year to Date Titles 0
63 Career Titles 35
$98,227,621 Career Prize Money $43,827,241


TAG: , , , , ,

36 commenti. Lasciane uno!

alexalex 09-05-2016 13:44

@ cataflic (#1594939)

Murray ha fatto anche peggio di così! ho visto finali contro djokovoc in cui non è mai stato in partita! In altre terminate al terzo, nell’ultimo parziale è stato sepolto! questa volta no!

36
Scrotal (Guest) 09-05-2016 10:02

Scritto da cataflic
Bah
Le loro sfide sembrano scritte a copione
Parte Nole bene, poi reagisce Andy, poi lotta alla pari e in due palle c’è la zampata nale di Nole che termina in testa…..bravi eh, ma che noia che barba!

veramente in finale sui masters 1000 erano 4 a testa negli head2head, quindi non è proprio così.

35
Mrs Nobody 09-05-2016 10:01

Scritto da Fabio

Scritto da Mrs Nobody

Scritto da Mrs Nobody

Scritto da Fabio
Oh madonna che .alle con questi commenti inneggianti alla noia!!!
1. Lo scopo del gioco è vincere più punti/game/set/match dell’avversario, non mi pare siano assegnati punti in base alla bellezza
2. Sono sicuro che molti di voi lo dicono senza aver visto la partita
3. La maggior parte che lo dice..è tifosa di federer..e non sopporta che il suo immenso campione (ma non certo l’unico, visto che il tennis c’era prima e ci sarà anche dopo roger) non sia più al top! E che mega superato da altri
4. Chi vince è più forte di chi perde, sempre, in qualunque città e in qualcunque superficie

Straquoto tutto!

Poi per me è più affascinante vedere giocatori con stili diversi scontrarsi e primeggiare a turno

Per me è bello vedere l’eccellenza in uno sport…e nole lo è

Hai ragione ;)

34
bad_player (Guest) 09-05-2016 08:56

Scritto da Paolo
@ Gabbo (#1594778)
Il tennis attuale e’ questo non esiste piu’ quello Che vedevi tu per cui cosa vuoi

Hai ragione al 100%. Inoltre se non gli piace basta non guardarlo. Un po’ come ha fatto per la partita di ieri :mrgreen:

33
pastrocchio 09-05-2016 08:13

Scritto da JG

Io penso che Nole ha vinto contro Kei e contro Andy per pochino, ha stato debole in alcuni momenti in entrambe partite, é piu umano dal scorso anno, veramente. non so si lui puoi vincere a Paris, é meno forte dal 2013-2015 ma Rafa e piu debole anche e no so se Stan o Andy

Nole è favorito ma sarà dura, ricordiamo che non ha mai vinto li e un motivo ci sarà.

vittoria RG:

Nole 35%
Rafa 25%
Andy 20%
Stan 10%
Kei 5%
Roger 4%
Fabio 1% :mrgreen:

32
pastrocchio 09-05-2016 08:07

@ cataflic (#1594939
a volte c’è un massacro :twisted:

31
cataflic (Guest) 09-05-2016 07:41

Bah
Le loro sfide sembrano scritte a copione
Parte Nole bene, poi reagisce Andy, poi lotta alla pari e in due palle c’è la zampata nale di Nole che termina in testa…..bravi eh, ma che noia che barba!

30
JG (Guest) 09-05-2016 02:12

Io penso che Nole ha vinto contro Kei e contro Andy per pochino, ha stato debole in alcuni momenti in entrambe partite, é piu umano dal scorso anno, veramente. non so si lui puoi vincere a Paris, é meno forte dal 2013-2015 ma Rafa e piu debole anche e no so se Stan o Andy

29
pastrocchio 09-05-2016 00:18

Scritto da Gabbo
Due che giocano solo a fondo… fanno una bella partita? Forse per la giovane età nessuno di voi credo che sappia cos’è il vero tennis.

sono in totale disaccordo er mille motivi.
una partita lottata da due giocatori che sono ai massimi livelli per me non è mai noiosa, per il fatto stesso che rappresenta il meglio che quello sport può dare in quel momento.
Nole e Andy son due giocatori che sanno attendere ma anche attaccare con prepotenza quando vogliono e certi loro scambi possono diventare entusiasmanti.
sono molto più nooisi certi bombardieri tra i quali non si vede uno scambio
è bellissimo vedere anche la capacità difensiva di un giocatore

28
radar 09-05-2016 00:08

@ TheDude (#1594841)

Non posso che essere d’accordo.

Ma hai anche scritto che reputi il Nole del 2011 migliore di quello attuale: su questo non sono d’accordo.
È vero che allora Federer, Nadal e Murray erano ad un livello più alto dell’attuale, ma secondo me il Djokovic del 2015 e l’attuale rappresentano l’apice della carriera del serbo, che per esperienza, sicurezza e convinzione (che solo i risultati e le vittorie creano e cementano) è arrivato ad un’eccellenza che non possedeva in passato, neppure nel magnifico 2011.

Allora la prima sconfitta arrivò nella semifinale del Roland Garros contro Federer, in quella che fu, forse, la migliore partita giocata dallo svizzero su terra battuta.

Quest’anno non considero la sconfitta con Lopez (maturata per forfait..); è vero ha perso da Vesely a Montecarlo (equiparabile però al classico incidente di percorso dovuto a distrazione, perché se giocano 100 volte contro, Novak vince 99 volte..), ma esiste un solo modo per certificare questo Djokovic come il più forte di sempre: vincere a Parigi e realizzare il Grande Slam.

27
pastrocchio 09-05-2016 00:04

Scritto da alexalex
@ Fabio (#1594790)
Ps: se c’è qualcosa di noioso può essere il fatto che nelle finali ci sia quasi sempre un uomo, e che il più costante dei suoi avversari, cioè quello di stasera, sia solo il primo dei secondi! Purtroppo quella fra djokovic e murray non può essere definita una rivalità, la bilancia pende troppo a favore di uno dei due.

26
Palmeria (Guest) 09-05-2016 00:00

Da nadaliano a cui non piacciono i big server, vi dico che lo scopo è VINCERE!!!

se volete lo spettacolo andate a guardarvi le esibizioni..

25
alexalex 08-05-2016 23:41

@ Fabio (#1594790)

Ps: se c’è qualcosa di noioso può essere il fatto che nelle finali ci sia quasi sempre un uomo, e che il più costante dei suoi avversari, cioè quello di stasera, sia solo il primo dei secondi! Purtroppo quella fra djokovic e murray non può essere definita una rivalità, la bilancia pende troppo a favore di uno dei due.

24
alexalex 08-05-2016 23:32

Scritto da Fabio
Oh madonna che .alle con questi commenti inneggianti alla noia!!!
1. Lo scopo del gioco è vincere più punti/game/set/match dell’avversario, non mi pare siano assegnati punti in base alla bellezza
2. Sono sicuro che molti di voi lo dicono senza aver visto la partita
3. La maggior parte che lo dice..è tifosa di federer..e non sopporta che il suo immenso campione (ma non certo l’unico, visto che il tennis c’era prima e ci sarà anche dopo roger) non sia più al top! E che mega superato da altri
4. Chi vince è più forte di chi perde, sempre, in qualunque città e in qualcunque superficie

Punto 1: quoto e lo sostengo da anni!
Punto 2: quoto, alcuni denigratori di nadal, per esempio, pensano ancora che giochi in canottiera!
Punto 3: non sono del tutto d’accordo, spesso chi fa questi commenti sono solo nostalgici del serve&volley. Ho visto repliche di sfide serve&volley a Wimbledon e preferisco di gran lunga una partita su terra come quella di stasera!
Punto 4: quoto e non c’è nulla da aggiungere!

23
Fabio (Guest) 08-05-2016 23:15

Scritto da Mrs Nobody

Scritto da Mrs Nobody

Scritto da Fabio
Oh madonna che .alle con questi commenti inneggianti alla noia!!!
1. Lo scopo del gioco è vincere più punti/game/set/match dell’avversario, non mi pare siano assegnati punti in base alla bellezza
2. Sono sicuro che molti di voi lo dicono senza aver visto la partita
3. La maggior parte che lo dice..è tifosa di federer..e non sopporta che il suo immenso campione (ma non certo l’unico, visto che il tennis c’era prima e ci sarà anche dopo roger) non sia più al top! E che mega superato da altri
4. Chi vince è più forte di chi perde, sempre, in qualunque città e in qualcunque superficie

Straquoto tutto!

Poi per me è più affascinante vedere giocatori con stili diversi scontrarsi e primeggiare a turno

Per me è bello vedere l’eccellenza in uno sport…e nole lo è

22
TheDude 08-05-2016 22:55

@ radar (#1594809)

Come ho detto già qualche volta, Murray dall’operazione alla schiena non è più stato lo stesso giocatore, è evidente. Ora è un ottimo giocatore, ma è anche un po’ limitato, e infatti i suoi scontri diretti con Nole parlano chiaro, a volte fa anche partita pari per lunghi tratti (altre viene completamente asfaltato), ma alla fine la perde sempre, questo è il suo limite ora. E’ riuscito in qualche modo a vincerne una sola, con enorme fatica, e nel periodo dell’anno in cui da sempre Djokovic rende meno.

E’ facile dire “Nole gran campione, Murray gran perdente”, ma bisogna considerare anche questo. E’ chiaro come quell’episodio lo abbia condizionato, mentre Djokovic negli ultimi anni è sempre stato a posto fisicamente. A parti invertite, la storia degli ultimi due anni e mezzo avrebbe potuto essere molto diversa. Non che io voglia togliere meriti a Nole, ma nella vita esiste anche la fortuna.

21
Mrs Nobody 08-05-2016 22:31

Scritto da Mrs Nobody

Scritto da Fabio
Oh madonna che .alle con questi commenti inneggianti alla noia!!!
1. Lo scopo del gioco è vincere più punti/game/set/match dell’avversario, non mi pare siano assegnati punti in base alla bellezza
2. Sono sicuro che molti di voi lo dicono senza aver visto la partita
3. La maggior parte che lo dice..è tifosa di federer..e non sopporta che il suo immenso campione (ma non certo l’unico, visto che il tennis c’era prima e ci sarà anche dopo roger) non sia più al top! E che mega superato da altri
4. Chi vince è più forte di chi perde, sempre, in qualunque città e in qualcunque superficie

Straquoto tutto!

Poi per me è più affascinante vedere giocatori con stili diversi scontrarsi e primeggiare a turno

20
Mrs Nobody 08-05-2016 22:29

Nole recupera a Madrid dove non difendeva niente i 1000 punti persi a Montecarlo, chapeau

19
Mrs Nobody 08-05-2016 22:28

Scritto da Fabio
Oh madonna che .alle con questi commenti inneggianti alla noia!!!
1. Lo scopo del gioco è vincere più punti/game/set/match dell’avversario, non mi pare siano assegnati punti in base alla bellezza
2. Sono sicuro che molti di voi lo dicono senza aver visto la partita
3. La maggior parte che lo dice..è tifosa di federer..e non sopporta che il suo immenso campione (ma non certo l’unico, visto che il tennis c’era prima e ci sarà anche dopo roger) non sia più al top! E che mega superato da altri
4. Chi vince è più forte di chi perde, sempre, in qualunque città e in qualcunque superficie

Straquoto tutto!

18
Alex the zombi 08-05-2016 22:05

Gabbo si è giocato su terra rossa e non è che fai serve and volley…
Murray e Djoko sono campioni di stile e di personalità quanto Roger tranquillo

17
radar 08-05-2016 22:04

Murray ha perso 12 degli ultimi 13 confronti con Djokovic e 15 degli ultimi 17: ha vinto la finale a Montreal l’anno scorso e la finale di Wimbledon nel 2013.

Fino alla finale degli Us Open 2012 (vinta da Andy) il loro H2H recitava 9 a 7 per Nole: quasi in parità.

Numeri impietosi nelle ultime 3 stagioni, che sanciscono una supremazia imbarazzante del numero 1, non intaccata da un gioco speculare che impedisce al serbo di giocare incisivo, ma che non gli vieta di uscire dal campo vincitore.

Il Murray di Madrid era di livello eppure ha perso: non si vede come il britannico, sulla carta il più serio rivale di Djokovic col calo di Federer e Nadal, possa avere la meglio contro di lui.

16
Sylvandor 08-05-2016 21:50

@ Phoedrus (#1594753)

Tra l’altro li ha fatti TUTTI al centro. E non capisco come Nole non se ne sia accorto. Murray ha giocato la gran parte dei suoi servizi al centro.

15
Paolo (Guest) 08-05-2016 21:47

@ Gabbo (#1594778)

Il tennis attuale e’ questo non esiste piu’ quello Che vedevi tu per cui cosa vuoi

14
Fabio (Guest) 08-05-2016 21:46

Oh madonna che .alle con questi commenti inneggianti alla noia!!!
1. Lo scopo del gioco è vincere più punti/game/set/match dell’avversario, non mi pare siano assegnati punti in base alla bellezza
2. Sono sicuro che molti di voi lo dicono senza aver visto la partita
3. La maggior parte che lo dice..è tifosa di federer..e non sopporta che il suo immenso campione (ma non certo l’unico, visto che il tennis c’era prima e ci sarà anche dopo roger) non sia più al top! E che mega superato da altri
4. Chi vince è più forte di chi perde, sempre, in qualunque città e in qualcunque superficie

13
pastrocchio 08-05-2016 21:41

roger n 1!!!

12
Paolo (Guest) 08-05-2016 21:38

@ geppy (#1594779)

Che seccia mamma Mia… vi attaccate a tutto pur di denigrare un grandissimo campione

11
ale98 (Guest) 08-05-2016 21:36

Bella finale: Nole a un gran livello al primo set, poi la reazione di Murray nel secondo mentre al terzo sicuramente c’è stata più lotta ma poi nel momento in cui Murray doveva rientrare sul 5-3 0-40 si è fatto recuperare senza che Nole facesse granché e dopo aver sprecato altre opportunità ha perso il match.. Da questa finale si vede comunque come Nole quest’anno sia un po’ più umano rispetto all’anno scorso, insomma un secondo set così Nole non lo avrebbe mai giocato lo scorso anno, anche se per ora continua a vincere e questa alla fine è l’unica cosa che conta.

10
geppy (Guest) 08-05-2016 21:30

Sicuramente sarò smentito, ma sono convinto di una cosa: Djokovic non vincerà neanche quest’anno il Roland Garros.

9
Gabbo 08-05-2016 21:29

Due che giocano solo a fondo… fanno una bella partita? Forse per la giovane età nessuno di voi credo che sappia cos’è il vero tennis.

8
pantera96 08-05-2016 21:19

Figura …..di Gabbo!!!!

7
Elio 08-05-2016 21:13

Scritto da Gabbo
Djokovic e Murray… la morte del tennis!

Un grande esperto come te… :grin: :idea: :roll:

6
isyde 08-05-2016 21:11

se non fosse stato per l’ultimo game, avremmo dovuto svegliare gli spettatori a schiaffi :mrgreen:
bravo al vincitore
( anche la premiazione, risicata al minimo… se ci fosse stato Nadal, avrebbero fatto entrare le ballerine di flamenco)

5
Phoedrus (Guest) 08-05-2016 21:08

10 ace di Murray su 75 punti giocati al servizio?
Ma tolti questi, ha fatto solo 26 punti contro 17 quando gli e’ entrata la prima.
Non aveva molte speranze nello scambio.

4
fritz.n1 08-05-2016 21:07

Scritto da Gabbo
Djokovic e Murray… la morte del tennis!

ma hai visto la partita almeno ..bellissima :wink:

3
Dac (Guest) 08-05-2016 21:02

Grande Nole.

2
Gabbo 08-05-2016 21:00

Djokovic e Murray… la morte del tennis!

1

Lascia un commento