Giorni da Future Copertina, Future, Generica

Giorni da Futures: sei azzurri al secondo turno. All’interno il commento post partita di Brancaccio, Reitano e Vavassori

06/04/2016 00:38 2 commenti
La giornata italiana nei future
La giornata italiana nei future

Stanno per terminare i primi turni dei futures, sparsi per il globo, di questa settimana. All’appello, per quanto riguarda gli italiani, manca il derby azzurro in Tunisia tra Antonio Campo e Julian Ocleppo (che porterà a sette il numero dei tennisti azzurri al secondo turno) e Sasha Merzetti contro la tds n°3 Vorster in Egitto.

La sorpresa di questo primo turno è sicuramente Raul Brancaccio che, nonostante qualche acciacco, riesce ad approdare al secondo turno, dopo esser stato sorteggiato come lucky loser per il main draw. Il tennista originario di Napoli ha battuto per 6-1 4-6 6-2 lo spagnolo Pla Malfeito, n°629 Atp mostrando costanti segnali di crescita che lo stanno proiettando a competere anche a livello futures. Vittoria sofferta, invece, per Matteo Viola in Cina, che batte il 19enne Zhou, n°1173 Atp con il punteggio di 1-6 7-6 6-1. Il tennista veneto soffre terribilmente il cinese per un set e mezzo, trovandosi, in poco meno di un’ora, sotto di un set e due break. A questo punto arriva la rimonta dell’azzurro che inizia a giocare come sa e soffia il servizio al cinese per due volte riportando il punteggio in parità sul 5-5. Nell’undicesimo gioco del secondo set ultimo rischio corso da Matteo Viola che annulla un match point portando il set al tie break dominato da Viola per 7-0. Il terzo set è in discesa per l’italiano, il cinese è ormai scarico e Viola se lo aggiudica agevolmente per 6-1.

Da Doha non arrivano buone notizie dagli azzurri, infatti vengono eliminati sia Frigerio che Vigani. Netta la sconfitta del lombardo contro il forte russo Karlovskiy, n°7 del seeding, sempre in controllo di un match mai in discussione. Esce a testa alta dal torneo invece il trentino Joy Vigani, battuto dal tedesco Kahlke, n°891 Atp. Primo set giocato quasi alla perfezione dal giovane ’96 azzurro, che concede solo due palle break nel game di apertura, breakkando il suo avversario nel turno successivo, mantenendo il vantaggio fino alla fine del set. Nel secondo il tedesco sale di livello, mentre Joy non riesce più ad impensierire Kahlke al servizio. Nel terzo purtroppo il brissinese cala vistosamente lasciando strada al tedesco che si impone per 3-6 6-3 6-1.

Del Futures F4 di Italia, in corso di svolgimento a San Carlo Cavanese, sui campi della Scuola Tennis Gonetta, ve ne stiamo parlando giornalmente con un resoconto dettagliato della giornata tennistica.

In esclusiva per i lettori di livetennis abbiamo contattato Raul Brancaccio (classe 1997), Stefano Reitano (classe 1997), alla prima partita in un tabellone principale di un futures, e Andrea Vavassori (classe 1995).

Brancaccio: “sono partito come un missile, sbagliando veramente poco, molto concentrato e molto attivo con le gambe. Il primo set ho avuto palle per chiudere 6-0 il parziale ma alla fine ho chiuso 6-1 il primo set. Il secondo si era messo bene sul 2-1 e servizio mio ma ho iniziato a risentire del problema alla schiena e quindi battevo troppo piano per questi livelli, e ho subito tanti break anche se il punteggio alla fine è stato equilibrato. Il game al servizio sul 5-4 è stato il più duro di tutto il match perché siamo andati ai vantaggi e ho avuto tante palle per andare sul 5-5 ma non le ho sfruttate e quindi il secondo set è finito 6-4 per l’avversario. Io stavo giocando molto bene e quindi volevo cogliere l’occasione di portare a casa il match e quindi mi sono rimesso in moto e ho iniziato subito in vantaggio 1-0 e servizio. Il primo game del terzo set è stata la svolta della partita perché abbiamo avuto entrambi palle per portarci sul 1-0 ma sono stato attento sulla risposta e a prendere l’iniziativa sugli scambi ed ho avuto la meglio nel primo game. Da lì è andato tutto come speravo perché ho riacceso il livello che avevo nel primo set e sono andato 4-0 per me al terzo con due break. Poi gli ultimi game sono stati equilibrati e siamo andati sul 5-2 per me e servizio. L’ultimo game ho avuto la fortuna di servire per il match con palle nuove e ho approfittato di quel vantaggio e ho chiuso il match al terzo 6-2 con un giocatore che era molto solido e sbagliava poco, che in classifica è il numero n°629 ATP. Sono contento per il buon tennis espresso oggi in campo e la grande concentrazione e l’alta intensità che mi ha portato ad una vittoria tutto sommato meritata, la gioia è doppia se penso che dopo la sconfitta con De Minaur ero già pronto per la partenza, ma il direttore del torneo mi ha bloccato dicendomi che c’erano due lucky loser nel tabellone principale e mi ha chiesto se volevo che rientrassi tra i sorteggiati nonostante il problema alla schiena, io ho accettato perché comunque avverto fastidio soprattutto al servizio, alla fine tra gli otto eliminati che potevano rientrare in tabellone, sono stato sorteggiato io e quindi la fortuna è andata dalla mia parte, e oggi posso dire che ne è valsa la pena. Al secondo turno affronteró un giocatore molto esperto, Ortega Olmedo, numero 4 del seeding e attualmente n°328 ATP”.

Reitano: “il match di oggi penso sia stata una buona partita, in cui nel primo set ero abbastanza contratto e non sono riuscito ad esprimermi al meglio, nel secondo set invece si, grazie al break al secondo game che mi ha permesso di giocare più sciolto ed essere più aggressivo, ma nel terzo set ho preso break al secondo game e ho perso un po’ di fiducia soprattutto con il dritto. Sono comunque contento di questo torneo, considerando che mi alleno solo sulla terra, anche se penso di potermi esprimere meglio sul cemento, ho vinto abbastanza agevolmente i due turni di qualificazione e per la prima volta sono entrato nel main draw ed ho fatto un match quasi alla pari con un buon giocatore, n°498 ATP, molto esperto. Spero che questo torneo mi dia un po’ di fiducia che ultimamente mi è mancata. Come tipologia di giocatore penso di essere un contrattaccante, anche se sto cercando di essere più aggressivo e prendere più spesso il gioco in mano, il servizio è un colpo che ho migliorato ma penso che sia il fondamentale su cui devo lavorare di più per poter competere ad un buon livello, il rovescio è il colpo più naturale e che sento più sicuro mentre con il dritto a volte sbaglio ancora qualcosina”.

Vavassori: “sono abbastanza soddisfatto del match di oggi. Io e Luca ci conosciamo fin da quando siamo piccoli, siamo cresciuti insieme e ogni volta è sempre una lotta, lui ha giocato molto bene oggi. Io sono contento perché ho servito davvero bene, peccato solo per tante palle break non sfruttate 1 su 11 è una percentuale troppo bassa. Ho giocato due ottimi tie break e sono contento della rimonta nel secondo set. Ora sfiderò Boutillieur, un francese testa di serie n°7 del tabellone, che purtroppo non ho mai visto giocare”.


Antonio Galizia


TAG:

2 commenti

Polly (Guest) 06-04-2016 10:07

Oggi è dura sia per Vavassori che per Raul Brancaccio, speriamo riescano a sovvertire il pronostico. Inoltre spero in una buona prestazione di Merzetti!

2
Kiko (Guest) 06-04-2016 00:45

Bravi Vavassori e Brancaccio

1