Resoconto da Brescia Challenger, Copertina

“Italiani a Brescia, parola d’ordine: Consapevolezza”

17/11/2015 00:55 2 commenti
Luca Vanni classe 1985,  n.115 ATP
Luca Vanni classe 1985, n.115 ATP

“Il segreto è la consapevolezza”. Parole di Fabio Gorietti al termine del vittorioso match del “suo” Luca Vanni su Josef Kovalik. Il successo del toscano, giunto nettamente con il punteggio di 6-4 6-2, ha certificato quello che da alcune settimane sembrava ormai palese: “Lucone” ha raggiunto una velocità di crociera da Top-150 e, a breve, la speranza è che possa (ri)trovare quella da Top-100.

Per velocità di crociera si intende quel livello medio sotto il quale non si finisce mai. “Nelle scorse stagioni Luca aveva molti alti e bassi – racconta coach Gorietti, direttore tecnico insieme a Fabrizio Alessi della Tennis Training di Foligno – così come l’altro mio allievo Thomas Fabbiano. Quest’anno abbiamo cercato di lavorare molto sulla consapevolezza, instaurando nella loro testa il valore tennistico reale”. E recentemente Vanni ha dimostrato di gestire con una certa disinvoltura incontri con tennisti di caratura a lui leggermente inferiore. Entrare nei 100 con Brescia e Andria non sarà affatto semplice e servirà almeno un exploit in uno di questi due tornei. Il livello, però, è quello giusto. La velocità di crociera ispira fiducia.

Discorso simile si può fare, con le debite proporzioni, anche per quanto concerne Gianluca Mager. Il ligure, oggi sconfitto 6-4 6-7 6-3 da Dustin Brown in un match bello nonostante i pochissimi scambi, ha palesato una evidentissima crescita sotto l’aspetto dell’atteggiamento: sempre concentrato, grintoso, consapevole dei propri mezzi, sia nei momenti positivi che di difficoltà. Il match è girato su pochissimi punti, ma Mager è stato bravissimo a rimanere agganciato al tedesco nonostante ace e servizi vincenti piovessero da ogni dove (e verso ogni direzione). Coach Diego Nargiso può essere fiducioso, il bambino (tennisticamente) è diventato ragazzo. E presto sarà uomo.

Chiosa su chi oggi ha fatto della consapevolezza la propria arte. Ma non per il match odierno, vinto per il ritiro di Youzhny sul 4-2 del primo set, quanto piuttosto per la crescita umana e tennistica che si intravede nei suoi occhi.

“Arna” non è ormai soltanto un giocatore di alto livello, è un uomo consapevole del proprio essere, delle proprie qualità. La scalata verso la Top-100 dovrà riprendere nel 2016, e non sarà facile realizzare questa impresa nella trasferta australiana, sempre particolarmente complicata per via di entry list da mission impossible e avversari già molto pronti dal punto di vista fisico. Ma Andrea è pronto, sa cosa lo aspetta: niente vacanze, preparazione, voglia di emergere, sacrifici, lavoro, Australia…


Da Brescia, Alessandro Nizegorodcew


TAG: , , , , ,

2 commenti

fra_STP (Guest) 17-11-2015 15:55

quindi è sicuro che Vanni giocherà ad Andria?

2
andrea (Guest) 17-11-2015 01:12

Vai Lucone!!!!!

1