Il torneo challenger di Padova Challenger, Copertina

Challenger Padova: Presentazione del torneo

25/06/2015 13:53 9 commenti
Stefano Napolitano classe 1995, n.351 ATP
Stefano Napolitano classe 1995, n.351 ATP

Sono Napolitano, Giacalone, Travaglia ed il sudcoreano Lee le wild card del tabellone principale. A Matteo Berrettini (in dubbio) l’invito per le qualificazioni.
Si assottiglia sempre di più l’arco temporale che precede l’avvicinamento alla tanto attesa seconda edizione del torneo ATP Challenger maschile “2001 Team – Città di Padova”, torneo con montepremi complessivo di 50,000$ più ospitalità che avrà luogo dal 27 giugno al 5 luglio sui campi in terra rossa del Centro Sportivo 2000.

Come di consueto, a pochi giorni dallo start ufficiale della manifestazione, il Settore Tecnico della Federazione Italiana Tennis ha reso noti gli inviti per il tabellone principale e quello di qualificazione. Le scelte, ponderate in virtù della concomitanza con il torneo di Wimbledon, sono state favorevoli a Stefano Napolitano, Omar Giacalone, Stefano Travaglia ed il coreano Duck Hee Lee per il main draw, mentre per quanto riguarda il tabellone delle qualificazioni l’invito è ricaduto sul romano Matteo Berrettini. La rimanente wild card a disposizione della FIT per l’ultimo giocatore da invitare nel quadro cadetto, e le due wild card del doppio, saranno invece direttamente comunicate dal tecnico federale Umberto Rianna.

Per Stefano Napolitano, biellese nato nell’aprile del 1995, sarà la prima volta a Padova, in una prima parte di stagione più che convincente che lo ha visto ben figurare, e raggiungere sempre il secondo turno, nei Challenger italiani di Vercelli, Torino e Mestre. Allenato da papà Cosimo, l’azzurro ha inoltre colto proprio quest’anno il primo successo in carriera in un torneo di categoria ITF, lo scorso marzo in Israele. Già numero 351 del ranking ATP, Napolitano rappresenta uno dei prospetti più interessanti del panorama nazionale.

Omar Giacalone, ventitré anni, giocherà invece a Padova appena il suo secondo Challenger stagionale, dopo essersi presentato al via del torneo di Vercelli dello scorso aprile. Numero 376 del mondo, l’allievo di Francesco Aldi sta vivendo un buon momento di forma che lo ha portato, non più tardi di una settimana fa, a raggiungere le semifinali del torneo ITF di Napoli.

La terza wild card è andata invece a Stefano Travaglia. Il marchigiano, che proverà a dare continuità al suo brillante tennis dopo i numerosi infortuni, ha vinto la concorrenza di Luca Vanni, impegnato nel suo sogno di qualificazione nel main draw di Wimbledon. Per Travaglia, invece, la chance di rimettersi in gioco ad alti livelli dopo la buona prova offerta la settimana passata a Perugia. Numero 323 del ranking ATP, ha un best ranking da top-200 e proprio da Padova potrà dar inizio alla nuova scalata verso il tennis che conta.

La quarta ed ultima wild card per il tabellone principale è invece stata assegnata al diciassettenne Duck Hee Lee, nell’ambito dell’accordo tra FIT ed ITF per lo “junior master initiative”. Classe 1998, è il secondo giocatore più giovane ad entrare nella classifica ATP. Il tennista sudcoreano è sordo dalla nascita, ma la disabilità non gli ha impedito di farsi strada nel tennis che conta: già tre i tornei del circuito ITF vinti in questa stagione.
Un talento di sicuro avvenire che impreziosirà di lustro una già elettrizzante entry list.

Per Matteo Berrettini invece, classe 1996, la preziosa opportunità di giocarsi tutte le sue carte nel draw cadetto, tabellone nel quale ha già dimostrato di sapersi ben destreggiare quest’anno nella sua Roma dove, dopo la qualificazione, raggiunse addirittura il secondo turno. L’allievo di Vincenzo Santopadre, ancora incerto se potrà o meno onorare l’invito poiché impegnato con gli esami di maturità, risulterebbe essere uno dei giocatori da seguire con più attenzione nel torneo patavino.

In attesa di conoscere gli ultimi inviti, sono state resi noti i nomi delle due wild card offerte dal circolo per il tabellone cadetto. Le scelte sono ricadute su due allievi che si allenano presso la 2001 Team Tennis Academy: il ventiquattrenne Michele Longo, classifica nazionale 2.4 ed il ventenne Lorenzo Schmid, anch’egli 2.4.
La seconda edizione del torneo di Via Pioveghetto promette già spettacolo. Sabato 27 il via agli incontri del tabellone di qualificazione con ingresso gratuito per tutti. Da lunedì si inizierà a far sul serio con i migliori interpreti del tennis internazionale pronti a darsi battaglia per l’ambito trofeo.


TAG: ,

9 commenti. Lasciane uno!

El92 26-06-2015 09:32

Scritto da dan

Scritto da El92

Scritto da arnaldo
Ricordo che a Padova si paga il biglietto d’ingresso.buon divertimento.

E io lo pago
Esiste un problema per pagare un servizio a me offerto?

Certo, se in tutto il resto d’Italia non lo paghi…fai tu…io da mona (sono veneto) non passo…e non è questione dei dieci euro…l’ argomento è stato già trattato, ma forse non capisci la questione…o sei un organizzatore…

Io organizzatore 😆
Sono un semplice cittadino appassionato del tennis, che quando va a vedere allo stadio una partita di calcio paga, e lo fa altrettanto volentieri per una partita di tennis.
Tutto lì

9
arnaldo (Guest) 26-06-2015 08:19

Capirai….dopo Vicenza e mestre dove l’ingresso era gratuito…..e dove c’erano alla fine gli stessi giocatori……anch’io sto a casa…e tanti altri del mio circolo che ci volevano andare….viaggio,mangi….paghi pure il biglietto……fai due conti….meglio rimanere fermi…..
Se vuoi far pagare l biglietto….devi alzare il livello ed avere giocatori un attimino piu’ importanti…..ricordo a Mestre quando il challenger era un 100mila…..ricordo un anno c’era Muster (primi 10)…..fate Vobis……meditate…..

8
dan (Guest) 26-06-2015 08:14

Scritto da Stan81
@ dan (#1380937)
Perché a Genova il biglietto per le farsi finali non si paga? E a Napoli? A Perugia? A Como? A Todi? Brescia?
Se non vuoi sganciare vai a vedere la serie C

Anche tu non hai capito il senso…e so bene che semifinali e finali si pagano, durante la settimana però solo a Padova (magari anche da qualche altra parte che mi sfugge?)…dovrebbe esserci uniformità…se non ci arrivi non è colpa mia…mamma mia…

7
Stan81 (Guest) 26-06-2015 00:17

@ dan (#1380937)
Perché a Genova il biglietto per le farsi finali non si paga? E a Napoli? A Perugia? A Como? A Todi? Brescia?
Se non vuoi sganciare vai a vedere la serie C

6
da.ferretti93 25-06-2015 23:29

Come fa a essere wc md travaglia che é md a bustoarrsizio?a

5
dan (Guest) 25-06-2015 23:03

Scritto da El92

Scritto da arnaldo
Ricordo che a Padova si paga il biglietto d’ingresso.buon divertimento.

E io lo pago
Esiste un problema per pagare un servizio a me offerto?

Certo, se in tutto il resto d’Italia non lo paghi…fai tu…io da mona (sono veneto) non passo…e non è questione dei dieci euro…l’ argomento è stato già trattato, ma forse non capisci la questione…o sei un organizzatore…

4
El92 25-06-2015 22:30

Scritto da arnaldo
Ricordo che a Padova si paga il biglietto d’ingresso.buon divertimento.

E io lo pago
Esiste un problema per pagare un servizio a me offerto?

3
arnaldo (Guest) 25-06-2015 21:14

Ricordo che a Padova si paga il biglietto d’ingresso.buon divertimento.

2
chobin 25-06-2015 16:26

Sapete se Adelchi proverà le quali?

1