Test Antidoping 2014 ATP, Copertina, Generica, WTA

ITF: I controlli Antidoping nel 2014. Seppi, Errani e Vinci i più controllati d’Italia

04/02/2015 10:34 8 commenti
Sara Errani e Roberta Vinci n.1 del mondo in doppio
Sara Errani e Roberta Vinci n.1 del mondo in doppio

Sono stati resi noti dall’ITF i dati sui controlli Antidoping nel 2014.

Tutti i giocatori sono stati controllati almeno una volta.
Sara Errani e Roberta Vinci sono state le italiane più controllate con più di 7 test in competizione e altrettanto fuori dalle competizioni.

Flavia Pennetta è stata controllata dalle 4 alle 6 volte nelle competizioni e più di sette volte al di fuori dei tornei.
Camila Giorgi ha avuto più di 7 controlli durante le competizioni ma nessuno al di fuori dei tornei.

Andreas Seppi è il più controllato italiano nel maschile (più di sette volte nei tornei e al di fuori dalle competizioni).
Fabio Fognini, n.1 italiano, ha avuto dai 4 ai 6 controlli nei tornei e più di sette volte nelle competizioni

Novak Djokovic (7+ e 7+ al di fuori delle competizioni), Roger Federer (7+ e 7+ al di fuori delle competizioni), Rafael Nadal (4-6 e 7+ al di fuori delle competizioni), Stan Wawrinka (7+ e 7+ al di fuori delle competizioni).

Nel circuito femminile, Petra Kvitova è stata testata più di 14 volte. Per Serena Williams e Maria Sharapova, tra i 4 e i 6 test durante i tornei, e almeno 7 fuori dalle competizioni.

I Test Antidoping nel 2014 – Clicca Qui



I dati del 2014


TAG: , , , , , , , , , ,

8 commenti

Andrew Moss (Guest) 15-02-2015 22:05

Thought you might be interested in some more analysis of the ITF stats here.

https://cleaningthelines.wordpress.com/2015/02/14/38-analysis-of-the-itfs-2014-anti-doping-programme/

For me, 2014 was further improvement on 2013 with more out-of-competition testing. More needs to be done outside of the top 50 but otherwise, not bad at all.

8
Koko (Guest) 04-02-2015 16:14

Dovrebbero controllare più a tappeto le Williams! La tendenza alterante si nota persino dall’ordinazione del famoso caffè pratica di correttezza molto dubbia perchè la caffeina altera abbastanza l’attivazione del sistema nervoso!

7
Mats (Guest) 04-02-2015 15:56

Sono contento che gli italiani siano tra i più controllati, nessuno potrà dubitare sui loro risultati.

Soprattutto è un bene per Sara che in passato è stata bersagliata dalla stampa straniera per i suoi contatti con il Dottor Garcia del Moral.

6
pinkfloyd 04-02-2015 15:53

@ nervo scoperto (#1256654)

E lo so, anche questo è vero :smile:
Magari verrà fuori la verità, prima o poi, come con Armstrong e tanti altri del ciclismo, dell’atletica, nuoto ecc, speriamo di si, nessuno sport dev’essere immune alla verità, tantomeno il tennis che è anche molto seguito, a livello globale.

5
nervo scoperto (Guest) 04-02-2015 15:33

@ pinkfloyd (#1256606)

Beh, anche nel tennis qualcuno sparisce ogni tanto per periodi abbastanza lunghi…

4
pinkfloyd 04-02-2015 14:02

@ Tommaso84 (#1256573)

Armstrong gareggiava solo al Tour de France, poi spariva per un anno intero e chissà cosa combinava (cioè, lo sappiamo cosa combinava, si “preparava” per il Tour…).

Nel tennis il circuito va avanti ogni settimana, in pratica, di continuo, e i controlli pare vengano fatti un po’ a tutti.
Dobbiamo attenerci a quanto ci dicono e ci mostrano, le illazioni sono sempre possibili, certo, però dobbiamo credere a ciò che ci dicono, non possiamo fare altrimenti.

3
Tommaso84 (Guest) 04-02-2015 13:21

Anche Armstrong credo che sia stato controllato durante i 7 Tour de France vinti….

2
pinkfloyd 04-02-2015 11:02

Quelli maggiormente testati (7+ controlli “in+out of competition”) sono, tra gli altri: Errani, Vinci, Knapp, Seppi, Berdych, Bouchard, Cornet, Djokovic, Federer, Halep, Ivanovic, Kerber, Kvitova, Makarova, Murray, Petkovic, Radwanska, Raonic, Wawrinka.

Altri un po’ meno, soprattutto “in competion”.
Per me dovrebbero controllare tutti allo stesso modo, in modo preciso e scientifico, con lo stesso identico numero di test (anche perché 7+ non si sa quant’è di preciso, uno rispetto all’altro).

Comunque, in generale, i controlli ci sono (logicamente) e questo renderli pubblici mi sembra anche una buona cosa.

1

Lascia un commento