Australian Open 2015 - Italiani ATP, Copertina

Andreas Seppi: “Mai avevo iniziato così bene la stagione, sto alla grande fisicamente”

26/01/2015 09:30 14 commenti
Andreas Seppi classe 1984, al momento al n.41 del mondo
Andreas Seppi classe 1984, al momento al n.41 del mondo

Queste le dichiarazioni del giorno dopo di Andreas Seppi uscito di scena ieri agli ottavi di finale dell’Australian Open dopo aver mancato un match point contro Nick Kyrgios.

Ho dormito, poco ma ho dormito. E’ stata un’esperienza indimenticabile, quattro bellissime partite che mi fanno essere ottimista. Sto giocando il mio miglior tennis. Certo una sconfitta così brucia tanto, ma devo prendere gli aspetti positivi. Sarò ancora arrabbiato a deluso per qualche giorno. Ieri dopo il match volevo solo stare un po’ da solo… Ma l’obiettivo deve essere quello di mantenere nei prossimi tornei il livello alto di tennis che ho fatto vedere qui a Melbourne. Mai avevo iniziato così bene la stagione, sto alla grande fisicamente”.

“Ho svolto una preparazione perfetta come nel 2013, quando raggiunsi il mio best ranking salendo fino alla 18esima posizione mondiale. In più rispetto a qualche anno fa sono più maturo e esperto, so gestire meglio la pressione e valutare i momenti delicati di un match”.

“Fa piacere che abbiano parlato molto di tennis in questi giorni. Io qui ho cercato di restare concentrato, ma sono felice di contribuire a far conoscere il tennis”.


TAG: , , ,

14 commenti. Lasciane uno!

tmtd 26-01-2015 13:52

Scritto da stef
@ robbie22 (#1250188)
non so quanto Fognini possa essere un OTTIMO doppista col servizio che si ritrova e con i cali mentali cui e’ soggetto.
Fognini ..anche il suo famoso dritto….indoor con un rimbalzo basso e velocissimo non riesce a giocare il suo solito dritto che ha bisogno di piu tempo. In doppio servono giocatori con grande servizio e copertura della rete ( e ovviamente che sappiano rispondere bene). Il doppio e’ un altro sport rispetto al singolo dove emergono altri valori.
Per me sarebbe molto piu forte un doppio Bolelli Vanni. Non perderemmo mai il servizio e a rete Vanni copre mezza reta con la sua apertura alare e anche per gli smash.
Lo so che Vanni e’ un rischio e non ha esperienza ma non perderebbe tutti i servizi che perde Fognini in doppio. Ragazzi…non fa proprio male col suo servizietto e dopo il servizio cosa fa? sta a fondo a scambiare. I doppi si vincono a rete. Metti Bolelli Vanni a Rete e non passa piu niente.

ma sti fenomeni da dove vengono? VANNI BOLELLI? IO FAREI VAGNOZZI SANTOPADRE CON FURLAN IN PANCA. Aò ripijateve.

14
francesco (Guest) 26-01-2015 13:43

@ robbie22 (#1250188)

Boh… vederemo con kukushkin e Golubev…

13
ragazza cioè (Guest) 26-01-2015 13:35

resta l’amaro in bocca per non aver confermato l’ottima vittoria con R.F., purtroppo il vero campione riesce a confermarsi, Seppi diciamo che ci è quasi riuscito.

12
Fabri (Guest) 26-01-2015 13:18

Beh si…paragonare Kyrgios ad Andreas è improprio. L’australiano è un talento purissimo, nonchè già molto maturo mentalmente. Un potenziale campione (se non lo è già). Andreas è un ottimo giocatore che con il duro lavoro e la volontà è arrivato a prendersi varie soddisfazioni, ma mai a competere a livelli top. Basterebbe verificare gli head-to-head di Andreas con i primi 5 del mondo. Ovviamente ciò non toglie nulla all’ammirazione che ho per lui. E’ un esempio per tutta l’Italia tennistica, anche per il modo corretto di stare in campo, poco “italiano” se guardiamo illustri del passato e del presente.

11
Goergestuttalavita. (Guest) 26-01-2015 12:42

E’ un dato inconfutabile che un tennista che ci abbia “fatto godere”. per 10 anni di fila nel dopo Pietrangeli non l’abbiamo mai avuto. Il più continuo è stato sicuramente Barazzutti che ha avuto 5 anni buoni.
Tutti gli altri da Caratti a Cancellotti a Camporese a Furlan a Pozzi a Canè a Claudio Panatta a Gaudenzi a Sanguinetti etc.. hanno avuto al massimo due stagioni al vertice. Se penso a un Ferrer che 10 anni fa se la giocava con quest’ultimo e oggi è ancora nei top ten debbo concludere che l’Italia non riesce a partorire il campione a tutto tondo.
Per intenderci il Tomba nello sci, quello che quando scendeva non ce n’era per nessuno. E questo per tutti gli anni in cui ha praticato il suo sport, non per una stagione.

10
stef 26-01-2015 12:19

@ robbie22 (#1250188)

non so quanto Fognini possa essere un OTTIMO doppista col servizio che si ritrova e con i cali mentali cui e’ soggetto.

Fognini ..anche il suo famoso dritto….indoor con un rimbalzo basso e velocissimo non riesce a giocare il suo solito dritto che ha bisogno di piu tempo. In doppio servono giocatori con grande servizio e copertura della rete ( e ovviamente che sappiano rispondere bene). Il doppio e’ un altro sport rispetto al singolo dove emergono altri valori.
Per me sarebbe molto piu forte un doppio Bolelli Vanni. Non perderemmo mai il servizio e a rete Vanni copre mezza reta con la sua apertura alare e anche per gli smash.
Lo so che Vanni e’ un rischio e non ha esperienza ma non perderebbe tutti i servizi che perde Fognini in doppio. Ragazzi…non fa proprio male col suo servizietto e dopo il servizio cosa fa? sta a fondo a scambiare. I doppi si vincono a rete. Metti Bolelli Vanni a Rete e non passa piu niente.

9
robbie22 (Guest) 26-01-2015 11:53

Se Fognini ricomincia a vincere anche solo qualche partita tra un paio di mesi potremmo avere 3 azzurri nei primi 30 !!

8
robbie22 (Guest) 26-01-2015 11:52

In questo momento abbiamo una gran squadra in davis in particolare sulle superfici veloci : Bolelli e Seppi in singolo e Bolelli/Fognini in doppio sono un osso duro x tutti !!

7
tennisgo (Guest) 26-01-2015 10:48

@ Goergestuttalavita. (#1250123)

Quoto…però dai meglio tardi che mai (Fognini è un caso a parte…non credo che maturerà mai).
Detto questo Seppi però sta dimostrando in questo periodo di avere veramente compiuto un passo importante in avanti in termini di maggiore consapevolezza dei propri mezzi. Non l’ho mai visto tirare tanti vincenti, tante ace, reggere ottimamente e vincere scambi violenti di diritto e rovescio e adottare ottime scelte tattiche lungo l’intero arco dell’incontro (o quasi). Veramente bravo…mi ha fatto poi estremamente piacere vederlo finalmente esternare le sue emozioni durante il match, esprimere e sfogare sensazioni durante i campi di campo. Troppo calmo e compassato in passato…dando peraltro all’avversario (a mio avviso) un vantaggio psicologico ovvero: tennista poco feroce, poco temibile, poco sicuro di sè, buono, onesto….il contrario di Kyrgios: sfrontato, aggressivo, deciso, “bulletto” ma estremamente efficace

6
Hoila Seppi (Guest) 26-01-2015 10:40

Scritto da Goergestuttalavita.
Peccato che Kyrgios sia maturo ed esperto già a 19 anni.
In italia maturano tutti a fine carriera: Lorenzi, Seppi, Fognini (che si avvia ai 27 e ancora non è maturato). Persino il buon Panatta diede il meglio a 26 anni e per una sola stagione come le cicale.

Paragonare i nomi da te elencati con il fenomeno e´un assurdita´assurda.
L´australiano e´un talento nato (anche Andreas lo e´) di quelli che ne nascono pochi ogni anno al mondo. Nasce con i vantaggi del caso (forza fisica, coordinazione, tecnica).
La maturita´non centra un fico secco. Lorenzi poi cosa centra.
Come paragonare un Messi giovane con un anche ottimo Vidal.

5
luca (Guest) 26-01-2015 10:36

vai Andreasssss…ho sempre sostenuto te e Simone, siete voi i rappresentanti per l’Italia del tennis!!

4
Talaaa 26-01-2015 10:18

@ Goergestuttalavita. (#1250123)

Oh ragazzo mio, Kyrgios ha evidenti potenzialità da numero uno e certo non ha dovuto costruirsi pazientemente e per anni il gioco che ha. Poi se uno a 19 anni ha già la testa così è un dono di natura.
Seppi invece per arrivare ad avere questa sicurezza e consapevolezza (= maturità) bel proprio gioco ha dovuto lavorare duro per due lustri interi.
Il confronto con Kyrgios è assurdo perché prende un potenziale numero uno e lo paragona sì, ad un ottimo giocatore, il meglio che l’Italia abbia prodotto da Panatta in qua, ma che certo non ha mai avuto potenzialità da primi della classe.

Detto ciò, gli italiani si, maturano tardino, però il paragone con Kyrgios c’entra proprio nulla.

3
Goergestuttalavita. (Guest) 26-01-2015 10:01

Peccato che Kyrgios sia maturo ed esperto già a 19 anni.
In italia maturano tutti a fine carriera: Lorenzi, Seppi, Fognini (che si avvia ai 27 e ancora non è maturato). Persino il buon Panatta diede il meglio a 26 anni e per una sola stagione come le cicale. :sad:

2
gianfranco (Guest) 26-01-2015 09:52

Sei stato grande Andreas.
Devi solo convincerti che sei fortissimo e poi le suonerai anche a quelli che pensi “insuonabili”.
Ciao e ancora grazie.

1

Lascia un commento