Notizie dal Mondo Copertina, Generica

Karolina Pliskova: “Quest’anno ho avuto degli alti e bassi, mentre nel 2015 ero stata più regolare, nel 2016, però, ho giocato più partite e tornei importanti”

29/12/2016 08:40 2 commenti
Karolina Pliskova nella foto
Karolina Pliskova nella foto

Karolina Pliskova è stata senza dubbio protagonista di un 2016 di altà qualità ed affila adesso le armi per la prossima stagione, nella quale spera di poter continuare a crescere e beneficiare della “spinta” motivazionale scaturita dalla sconfitta nella sua prima finale Slam -subita agli U.S. Open, contro Angelique Kerber. “Quest’anno ho avuto degli alti e bassi, mentre nel 2015 ero stata più regolare; nel 2016, però, ho giocato più partite e tornei importanti, vincendo oltretutto alcuni dei match più importanti della mia carriera”, ha detto la tennista ceca, come riportato dal portale ufficiale del circuito WTA.

Avendo terminato la stagione nelle prime otto posizioni della classifica, Karolina ha potuto disputare le WTA Finals di Singapore: assicurarsi la partecipazione al prestigioso evento anche nel 2017, ad oggi, sembra già rappresentare una priorità. “So come dovrò giocare per avere la possibilità di giocare a Singapore). Dovrò abituarmi alla tattica e nel 2017 sarò una giocatrice con più esperienza. Spero di tornare”, ha dichiarato la Pliskova, il cui debutto stagionale avverrà al torneo di Brisbane.


Edoardo Gamacchio


TAG: ,

2 commenti

Carl 29-12-2016 12:45

Scritto da radar
Troppo debole di testa.

Difficile che possa recuperare terreno sul frangente psicologico…

E’ giovane e determinata, e niente come le vittorie aiuta a migliorare anche questo aspetto, sono pronto a scommettere su un sensibile miglioramento caratteriale nel corso dell’anno, e non mi stupirei affatto se vincesse uni slam.

2
radar 29-12-2016 10:13

Troppo debole di testa.
Tanta fluidità e facilità di colpire con anticipo, sviluppando potenza e bordate, ma il tutto alla mercé di una volubilità e fragilità psicologica evidente almeno quanto il suo gioco esplosivo.

L’altra sera ho rivisto su SuperTennis la semi di IW vs Vika: primo set dominato dalla ceca con la bielorussa (super on-fire di quel periodo) letteralmente presa a pallate e incapace di reagire.
Fino al 5/3 15/40 e 2 set point Karolina…da lì, al momento di chiudere, è venuta a galla tutta la debolezza della Pliskova nel giocare i punti importanti e decisivi, con Vika, che non molla mai, che a ogni 15 aumentava le sue urla e l’altra finita in un angolo. .

Un match che Karolina avrebbe dovuto portare a casa in 2 set (in quel torneo era assolutamente ingiocabile) e che invece ha perso.

Difficile che possa recuperare terreno sul frangente psicologico e lì sta la differenza tra i campioni e gli ottimi giocatori: lei rimane distante sul piano della personalità da campionesse quali Serena, Masha e Vika, che anche quando sono in difficoltà possono sempre rigirare i match a loro favore, con la grande sicurezza che mettono in campo e di cui dispongono.

1