Masters 1000 Copertina, Generica

Velocità campi Masters 1000

16/10/2016 08:00 13 commenti
Velocità campi Masters 1000
Velocità campi Masters 1000

Interessante grafica che indica l’indice di velocità dei campi dei tornei Master 1000.
Ecco la formula utilizzata per chi si intende di fisica:
Indice di velocità=100(1-μ)+150(0.81-e)
Dove “μ” è il coefficiente di frizione e “e” è il coefficiente di restituzione.

Non sono quindi presi in considerazione elementi importanti come altitudine, condizioni atmosferiche, palline ecc, ma comunque dà un’idea sulle superfici utilizzate.

Come possiamo vedere a parte Shanghai tutti i campi sono classificati da “lento” a “medio”, il che conferma il trend di rallentamento delle superfici imposto dall’ATP da ormai diversi anni a questa parte.
Cosa ne pensate?


Un Grazie alla pagina Facebook “La Stella brilla sotto le luci del Centrale”


TAG:

13 commenti. Lasciane uno!

arde (Guest) 16-10-2016 20:24

Domanda: Premesso che i masters 1000 siano così sbaglio a pensare che comunque alcuni 250 indoor in Europa siano nettamente più veloci di Shanghai?

13
Ktulu 16-10-2016 12:10

Al di là della scarsa forma di Djokovic questo conferma che appena il campo è decentemente rapido i risultati sono molto più in bilico. La stessa partita (con Bautista) se si fosse giocata a indian wells sarebbe stata vinta da nole…

12
bad_player (Guest) 16-10-2016 09:54

Vedere un indoor di poco più veloce dei tornei sul rosso è veramente impressionante!
Sarebbe molto bello poter avere lo stesso dato dei 1000 ma di 10-15 anni fa per poter fare dei parogoni.

11
citizen (Guest) 16-10-2016 09:46

@ gido (#1714730)

forse non hai ben interpretato “1-µ”, altrimenti non ti esprimeresti in questo modo! :grin:

comunque interessantissima questa grafica, al di là di quello che manca (soprattutto il confronto con gli anni precedenti)

10
Car68 16-10-2016 09:27

Molto interessante, credo che sia un indicatore che dà la velocità del campo in astratto, è evidente che va integrata con le condizioni generali in cui si gioca, come l’altura (Madrid) oppure l’indoor (Parigi) che influenzano la velocità della palla.
Senza entrare poi nella differenza tra le varie palline.
Ci dà però il segno evidente della tendenza ATP ad uniformare le superfici.

9
Agatone (Guest) 16-10-2016 09:25

Io se fossi il direttore di un master mille lo farei veloce, più veloce di Shanghai. Semifinali a Shanghai con bautista, simon, murai, diokovic. Non certo amanti di campi rapidi…..

8
pablox 16-10-2016 09:09

QUindi ROma è più veloce di Madrid ? :eek:
Penso che non considerare palline e altitudine (condizioni meteo sono impossibili da valutare) sia un bug, però interessante. NOn vi è il confronto con gli anni passati però…

7
bulleri (Guest) 16-10-2016 09:04

Quanti guardando questo grafico avrebbero pronosticato una finale di bautista agut proprio in questo 1000? Comunque risalta tantissimo la differenza tra Shanghai e Parigi bercy! Due mille che avvengano nello stesso periodo della stagione con superfici completamente diverse

6
giuly97top10 16-10-2016 08:57

interessantissima questa grafica, mi piacerebbe sapere anche il valore di wimbledon o comunque dei campi “medi” in erba.
C’è un grande livellamento ad ogni modo, è vero.

5
cataflic (Guest) 16-10-2016 08:50

Penso che non sia un caso che uno come Zverev M. sia andato avanti.

4
gido 16-10-2016 08:44

la formula è talmente elementare che mi limiterei solo ad integrarne l’efficacia con quanto segue:
tarapia tapioco come se fosse antani con la supercazzola prematurata, con lo scappellamento a destra

3
lallo (Guest) 16-10-2016 08:40

Se i coefficenti sono calcolati con cura (e certo andrebbero incrociati con coefficienti delle diverse palle usate) l’analisi è molto interessante. Sorprende però il valore di Cinci (nettamente il campo più veloce) che non credo sia influenzato da palle velocissime rispetto a Shanghai o Toronto. Morale: resta un grosso punto di domanda su calcolo coefficienti

2
Emanuele 16-10-2016 08:18

Penso che i alcuni campi dovrebbero essere più veloci (1-2) per variare un po’ di più il gioco, ma tant’é

1

Lascia un commento