Ranking ATP Live ATP, Copertina

Ranking Atp Live: La situazione aggiornata. Al momento Fabio Fognini al n.12 del mondo

02/11/2018 09:19 36 commenti
Il ranking Live di Livetennis
Il ranking Live di Livetennis
Legend - Ultimo aggiornamento: 21-11-18 01:23

N.B. La presente classifica è aggiornata in tempo reale con i punti conquistati nei tornei dello Slam, ATP, WTA, Challenger e ITF (maschili e femminili). I punti dei tornei ITF Future maschili e quelli femminili con un montepremi inferiore a 50.000$ sono computati dall'ATP e WTA con una settimana di ritardo. La presente classifica rispecchia questa particolarità, aggiungendo così i punti ITF acquisiti nei tornei della scorsa settimana e non nei tornei della settimana in corso, come avviene per tutti gli altri.

Pos LIVE
Posizione attuale, differenza
-
Nome giocatore
Nazione
Punti LIVE
Punti attuali
Punti in entrata
Nome torneo
Punti in uscita
Nome torneo
1
1, 0
Best: 1
Novak Djokovic
SRB, 1987.05.22
9045
9045
-
-
2
2, 0
Best: 1
Rafael Nadal
ESP, 1986.06.03
7480
7480
-
-
3
3, 0
Best: 1
Roger Federer
SUI, 1981.08.08
6420
6420
-
-
4
4, 0
Best: 3
Alexander Zverev
GER, 1997.04.20
6385
6385
-
-
5
5, 0
Best: 3
Juan Martin del Potro
ARG, 1988.09.23
5300
5300
-
-
6
6, 0
Best: 5
Kevin Anderson
RSA, 1986.05.18
4710
4710
-
-
7
7, 0
Best: 3
Marin Cilic
CRO, 1988.09.28
4250
4250
-
-
8
8, 0
Best: 4
Dominic Thiem
AUT, 1993.09.03
4095
4095
-
-
9
9, 0
Best: 4
Kei Nishikori
JPN, 1989.12.29
3590
3590
-
-
10
10, 0
Best: 8
John Isner
USA, 1985.04.26
3155
3155
-
-
11
11, 0
Best: 11
Karen Khachanov
RUS, 1996.05.21
2835
2835
-
-
12
12, 0
Best: 12
Borna Coric
CRO, 1996.11.14
2480
2480
-
-
13
13, 0
Best: 13
Fabio Fognini
ITA, 1987.05.24
2315
2315
-
-
14
14, 0
Best: 14
Kyle Edmund
GBR, 1995.01.08
2150
2150
-
-
15
15, 0
Best: 15
Stefanos Tsitsipas
GRE, 1998.08.12
2095
2095
-
-
16
16, 0
Best: 16
Daniil Medvedev
RUS, 1996.02.11
1977
1977
-
-
17
17, 0
Best: 11
Diego Schwartzman
ARG, 1992.08.16
1880
1880
-
-
18
18, 0
Best: 3
Milos Raonic
CAN, 1990.12.27
1855
1855
-
-
19
19, 0
Best: 3
Grigor Dimitrov
BUL, 1991.05.16
1835
1835
-
-
20
20, 0
Best: 19
Marco Cecchinato
ITA, 1992.09.30
1819
1819
-
-
21
21, 0
Best: 21
Nikoloz Basilashvili
GEO, 1992.02.23
1795
1795
-
-
22
22, 0
Best: 7
David Goffin
BEL, 1990.12.07
1785
1785
-
-
23
23, 0
Best: 10
Pablo Carreno Busta
ESP, 1991.07.12
1705
1705
-
-
24
24, 0
Best: 13
Roberto Bautista Agut
ESP, 1988.04.14
1605
1605
-
-
25
25, 0
Best: 19
Hyeon Chung
KOR, 1996.05.19
1585
1585
-
-
26
26, 0
Best: 7
Richard Gasquet
FRA, 1986.06.18
1535
1535
-
-
27
27, 0
Best: 23
Denis Shapovalov
CAN, 1999.04.15
1440
1440
-
-
28
28, 0
Best: 7
Fernando Verdasco
ESP, 1983.11.15
1410
1410
-
-
29
29, 0
Best: 6
Gael Monfils
FRA, 1986.09.01
1400
1400
-
-
30
30, 0
Best: 6
Gilles Simon
FRA, 1984.12.27
1370
1370
-
-
31
31, 0
Best: 31
Alex De Minaur
AUS, 1999.02.17
1298
1298
-
-
32
32, 0
Best: 10
Lucas Pouille
FRA, 1994.02.23
1245
1245
-
-
33
33, 0
Best: 21
Steve Johnson
USA, 1989.12.24
1190
1190
-
-
34
35, +1
Best: 16
Philipp Kohlschreiber
GER, 1983.10.16
1125
1125
-
-
35
36, +1
Best: 13
Nick Kyrgios
AUS, 1995.04.27
1125
1125
-
-
BEST RANKING
36
37, +1
Best: 37
Marton Fucsovics
HUN, 1992.02.08
1122
1122
-
-
37
38, +1
Best: 18
Andreas Seppi
ITA, 1984.02.21
1106
1106
-
-
38
34, -4
Best: 33
John Millman
AUS, 1989.06.14
1083
1186
+7 (R16)
Yokohama CH [SUBENTRO]
-110 (W)
Hua Hin CH (20-11-2017)
39
39, 0
Best: 38
Frances Tiafoe
USA, 1998.01.20
1080
1080
-
-
40
40, 0
Best: 25
Jeremy Chardy
FRA, 1987.02.12
1050
1050
-
-
41
41, 0
Best: 24
Martin Klizan
SVK, 1989.07.11
1048
1048
-
-
42
42, 0
Best: 22
Adrian Mannarino
FRA, 1988.06.29
1045
1045
-
-
43
43, 0
Best: 39
Nicolas Jarry
CHI, 1995.10.11
1022
1022
-
-
44
44, 0
Best: 28
Joao Sousa
POR, 1989.03.30
1017
1017
-
-
45
45, 0
Best: 45
Malek Jaziri
TUN, 1984.01.20
1014
1014
-
-
46
46, 0
Best: 39
Matthew Ebden
AUS, 1987.11.26
1001
1011
+10 (R16)
Taipei CH [SUBENTRO]
-20 (QF)
Hua Hin CH (20-11-2017)
BEST RANKING
47
48, +1
Best: 48
Dusan Lajovic
SRB, 1990.06.30
985
985
-
-
48
47, -1
Best: 23
Damir Dzumhur
BIH, 1992.05.20
985
985
-
-
49
49, 0
Best: 47
Taylor Fritz
USA, 1997.10.28
974
974
-
-
50
50, 0
Best: 33
Robin Haase
NED, 1987.04.06
965
965
-
-
51
51, 0
Best: 11
Sam Querrey
USA, 1987.10.07
955
955
-
-
52
52, 0
Best: 18
Benoit Paire
FRA, 1989.05.08
935
935
-
-
53
53, 0
Best: 46
Mikhail Kukushkin
KAZ, 1987.12.26
935
935
-
-
54
54, 0
Best: 52
Matteo Berrettini
ITA, 1996.04.12
932
932
-
-
55
55, 0
Best: 50
Pierre-Hugues Herbert
FRA, 1991.03.18
903
903
-
-
56
56, 0
Best: 21
Leonardo Mayer
ARG, 1987.05.15
895
895
-
-
57
57, 0
Best: 44
Jan-Lennard Struff
GER, 1990.04.25
875
875
-
-
58
58, 0
Best: 39
Guido Pella
ARG, 1990.05.17
860
860
-
-
59
59, 0
Best: 39
Peter Gojowczyk
GER, 1989.07.15
855
855
-
-
60
60, 0
Best: 57
Marius Copil
ROU, 1990.10.17
823
823
-
-
61
61, 0
Best: 47
Tennys Sandgren
USA, 1991.07.22
814
814
-
-
62
62, 0
Best: 40
Ryan Harrison
USA, 1992.05.07
810
810
-
-
63
63, 0
Best: 53
Denis Kudla
USA, 1992.08.17
810
810
-
-
64
64, 0
Best: 12
Feliciano Lopez
ESP, 1981.09.20
795
795
-
-
65
65, 0
Best: 17
Albert Ramos-Vinolas
ESP, 1988.01.17
790
790
-
-
66
66, 0
Best: 3
Stan Wawrinka
SUI, 1985.03.28
785
785
-
-
67
67, 0
Best: 43
Aljaz Bedene
SLO, 1989.07.18
780
780
-
-
68
68, 0
Best: 31
Andrey Rublev
RUS, 1997.10.20
760
760
-
-
69
69, 0
Best: 25
Mischa Zverev
GER, 1987.08.22
750
750
-
-
70
70, 0
Best: 25
Vasek Pospisil
CAN, 1990.06.23
716
716
-
-
71
71, 0
Best: 4
Tomas Berdych
CZE, 1985.09.17
715
715
-
-
72
72, 0
Best: 63
Jordan Thompson
AUS, 1994.04.20
715
715
-
-
73
73, 0
Best: 72
Roberto Carballes Baena
ESP, 1993.03.23
714
714
-
-
74
74, 0
Best: 45
Maximilian Marterer
GER, 1995.06.15
706
706
-
-
75
76, +1
Best: 58
Yoshihito Nishioka
JPN, 1995.09.27
701
701
-
-
76
77, +1
Best: 63
Bradley Klahn
USA, 1990.08.20
699
699
-
-
77
78, +1
Best: 64
Taro Daniel
JPN, 1993.01.27
691
691
-
-
78
79, +1
Best: 76
Mackenzie McDonald
USA, 1995.04.16
688
688
-
-
79
80, +1
Best: 78
Guido Andreozzi
ARG, 1991.08.05
680
680
-
-
80
81, +1
Best: 33
Federico Delbonis
ARG, 1990.10.05
678
678
-
-
81
75, -6
Best: 75
Jaume Munar
ESP, 1997.05.05
661
703
+6 (Q2)
Montpellier Q [SUBENTRO]
-48 (F)
Rio de Janeiro CH (20-11-2017)
82
83, +1
Best: 32
Pablo Andujar
ESP, 1986.01.23
656
656
-
-
83
84, +1
Best: 17
Bernard Tomic
AUS, 1992.10.21
655
655
-
-
BEST RANKING
84
85, +1
Best: 85
Christian Garin
CHI, 1996.05.30
648
648
-
-
85
86, +1
Best: 80
Jozef Kovalik
SVK, 1992.11.04
637
637
-
-
86
87, +1
Best: 79
Hubert Hurkacz
POL, 1997.02.11
636
636
-
-
87
82, -5
Best: 74
Mirza Basic
BIH, 1991.07.12
635
658
+6 (R16)
Quimper CH [SUBENTRO]
-29 (SF)
Andria CH (20-11-2017)
88
88, 0
Best: 19
Pablo Cuevas
URU, 1986.01.01
630
630
-
-
89
89, 0
Best: 35
Jiri Vesely
CZE, 1993.07.10
629
629
-
-
90
90, 0
Best: 66
Cameron Norrie
GBR, 1995.08.23
627
627
-
-
91
91, 0
Best: 86
Ilya Ivashka
BLR, 1994.02.24
622
622
-
-
92
92, 0
Best: 33
Denis Istomin
UZB, 1986.09.07
622
622
-
-
93
93, 0
Best: 83
Laslo Djere
SRB, 1995.06.02
621
621
-
-
94
94, 0
Best: 26
Filip Krajinovic
SRB, 1992.02.27
620
620
-
-
95
95, 0
Best: 10
Ernests Gulbis
LAT, 1988.08.30
611
611
-
-
96
96, 0
Best: 19
Marcel Granollers
ESP, 1986.04.12
598
598
-
-
97
97, 0
Best: 65
Evgeny Donskoy
RUS, 1990.05.09
594
594
-
-
98
98, 0
Best: 98
Reilly Opelka
USA, 1997.08.28
590
590
-
-
99
99, 0
Best: 14
Ivo Karlovic
CRO, 1979.02.28
589
589
-
-
100
100, 0
Best: 92
Ugo Humbert
FRA, 1998.06.26
579
579
+0 (First Round)
Andria
-
101
101, 0
Best: 70
Thomas Fabbiano
ITA, 1989.05.26
573
573
-
-
102
102, 0
Best: 81
Radu Albot
MDA, 1989.11.11
569
568
+6 (Second Round)
Pune
-5 (R32)
Winston-Salem (20-08-2018)
103
103, 0
Best: 96
Michael Mmoh
USA, 1998.01.10
563
563
-
-
104
104, 0
Best: 102
Pedro Sousa
POR, 1988.05.27
548
548
-
-
105
105, 0
Best: 23
Guillermo Garcia-Lopez
ESP, 1983.06.04
543
543
-
-
106
106, 0
Best: 8
Jack Sock
USA, 1992.09.24
540
540
-
-
107
107, 0
Best: 86
Lorenzo Sonego
ITA, 1995.05.11
530
530
+6 (Second Round)
Andria
-6 (R16)
Andria CH (20-11-2017)
108
108, 0
Best: 108
Felix Auger-Aliassime
CAN, 2000.08.08
525
525
-
-
109
109, 0
Best: 33
Paolo Lorenzi
ITA, 1981.12.15
523
523
+0 (First Round)
Andria
-
110
111, +1
Best: 48
Jared Donaldson
USA, 1996.10.09
520
520
-
-
111
112, +1
Best: 110
Lloyd Harris
RSA, 1997.02.24
520
520
-
-
112
113, +1
Best: 108
Casper Ruud
NOR, 1998.12.22
518
518
-
-
113
114, +1
Best: 91
Jason Kubler
AUS, 1993.05.19
515
515
-
-
114
115, +1
Best: 44
Lukas Lacko
SVK, 1987.11.03
514
514
-
-
115
110, -5
Best: 110
Prajnesh Gunneswaran
IND, 1989.11.12
511
523
+6 (Second Round)
Pune
-18 (QF)
Bangalore CH (20-11-2017)
116
116, 0
Best: 50
Ricardas Berankis
LTU, 1990.06.21
507
507
-
-
117
117, 0
Best: 100
Hugo Dellien
BOL, 1993.06.16
504
504
-
-
118
118, 0
Best: 84
Ruben Bemelmans
BEL, 1988.01.14
496
496
-
-
119
121, +2
Best: 118
Juan Ignacio Londero
ARG, 1993.08.15
490
490
-
-
120
122, +2
Best: 110
Peter Polansky
CAN, 1988.06.15
482
482
-
-
121
123, +2
Best: 118
Marco Trungelliti
ARG, 1990.01.31
482
482
-
-
122
119, -3
Best: 74
Thiago Monteiro
BRA, 1994.05.31
473
496
+6 (Q2)
Budapest Q [SUBENTRO]
-29 (SF)
Rio de Janeiro CH (20-11-2017)
123
124, +1
Best: 114
Jason Jung
TPE, 1989.06.15
470
470
-
-
124
125, +1
Best: 8
Marcos Baghdatis
CYP, 1985.06.17
460
460
-
-
125
126, +1
Best: 3
David Ferrer
ESP, 1982.04.02
460
460
-
-
126
127, +1
Best: 112
Yannick Maden
GER, 1989.10.28
460
460
-
-
127
129, +2
Best: 111
Adrian Menendez-Maceiras
ESP, 1985.10.28
440
440
+0 (First Round)
Andria (Eliminato)
-
128
131, +3
Best: 85
Matthias Bachinger
GER, 1987.04.02
439
439
-
-
129
132, +3
Best: 105
Elias Ymer
SWE, 1996.04.10
436
438
+6 (Second Round)
Pune
-8 (R16)
Bangalore CH (20-11-2017)
130
133, +3
Best: 125
Noah Rubin
USA, 1996.02.21
434
434
-
-
BEST RANKING
131
134, +3
Best: 133
Miomir Kecmanovic
SRB, 1999.08.31
433
433
-
-
132
130, -2
Best: 111
Ramkumar Ramanathan
IND, 1994.11.08
432
440
+0 (First Round)
Pune (Eliminato)
-8 (R16)
Bangalore CH (20-11-2017)
133
135, +2
Best: 108
Stefano Travaglia
ITA, 1991.12.28
426
426
-
-
134
137, +3
Best: 102
Quentin Halys
FRA, 1996.10.26
421
415
+6 (Second Round)
Andria
-0 (R32)
Ismaning CH (15-10-2018)
135
136, +1
Best: 99
Bjorn Fratangelo
USA, 1993.07.19
421
421
-
-
136
128, -8
Best: 83
Yuki Bhambri
IND, 1992.07.04
420
455
-
-35 (SF)
Bangalore CH (20-11-2017)
137
138, +1
Best: 21
Gilles Muller
LUX, 1983.05.09
413
413
-
-
138
140, +2
Best: 31
Sergiy Stakhovsky
UKR, 1986.01.06
413
407
+6 (Second Round)
Andria
-0 (-)
Antwerp Q (15-10-2018)
139
120, -19
Best: 37
Carlos Berlocq
ARG, 1983.02.03
410
490
-
-80 (W)
Rio de Janeiro CH (20-11-2017)
140
139, -1
Best: 25
Julien Benneteau
FRA, 1981.12.20
407
407
-
-
141
141, 0
Best: 138
Gregoire Barrere
FRA, 1994.02.16
407
407
-
-
142
142, 0
Best: 26
Lukas Rosol
CZE, 1985.07.24
407
407
-
-
143
144, +1
Best: 130
Dennis Novak
AUT, 1993.08.28
401
401
-
-
144
145, +1
Best: 137
Marc Polmans
AUS, 1997.05.02
398
399
+0 (First Round), +7 (R16)
Pune (Eliminato), Playford CH [SUBENTRO]
-8 (R16)
Bangalore CH (20-11-2017)
145
146, +1
Best: 143
Antoine Hoang
FRA, 1995.11.04
390
390
-
-
146
147, +1
Best: 36
Simone Bolelli
ITA, 1985.10.08
382
382
-
-
BEST RANKING
147
148, +1
Best: 148
Gianluigi Quinzi
ITA, 1996.02.01
380
380
-
-
148
149, +1
Best: 148
Alexei Popyrin
AUS, 1999.08.05
375
375
-
-
149
150, +1
Best: 71
Jurgen Zopp
EST, 1988.03.29
371
371
-
-
150
155, +5
Best: 105
Corentin Moutet
FRA, 1999.04.19
370
364
+6 (Second Round)
Andria
-0 (R32)
Mouilleron le Captif CH (05-11-2018)

TAG:

36 commenti. Lasciane uno!

Serra (Guest) 02-11-2018 22:29

Scritto da Becuzzi_style
Best ranking raggiunto grazie a una grande (direi formidabile!!) continuità nei 250, ma nei tornei maggiori, eccetto Roma, ha fatto maluccio..lo stesso ottavo con Cilc rimane un rimpianto.
Best ranking battendo solo 3 top 25 (Thiem a Roma, Edmund al RG e Delpo a Los Cabos)…paradossale!
Nei tornei maggiori ha perso da Chardy a IW, Struff a Montecarlo, Mayer a Madrid,Vesely a Wimbledon, Millman agli UsOpen…oltre alle sconfitte con Berdych, Shapovalov, kyrgios e lo stesso Cilic sul rosso del RG…
Mentre nei 500 ha perso da Verdasco e Fucsovics…
Il miglior torneo dell’anno è stato sicuramente Roma (tabellone peggiore nella settimana migliore…)dove ha battuto il numero 2 al mondo su terra e perso onorevolmente dal numero 1.
Insomma, oggettivamente forse la sua classifica è un po’ drogata…un po’ da ragioniere…ma alla fine ha avuto ragione lui.
Tema di discussione sarebbe capire se tale classifica la può ottenere solo tramite i 250…o se l’eccesso di 250 sono la causa del brutto rendimento nei tornei principali….e magari senza, avrebbe avuto più chances di fare 1/2 exploit nei grandi palcoscenici.
Personalmente non lo so…ma almeno per quest’anno ho la sensazione che ha raggiunto il massimo…servirebbe un ulteriore step per essere un candidato più papabile alla top 10.
Cmq voto alla stagione 7,5…perchè vincere tutte quelle partite nei 250 può sembrare banale, ma non lo è…

D’accordo dalla A alla Z .
Credo proprio che l’anno prossimo ridurrà il numero di ATP 250 per puntare ai 1000 e Slam . D’altronde inizierà l’anno da top 15 invece che da top30

36
Replica | Quota | 0
Bisogna essere registrati per votare un commento!
Serra (Guest) 02-11-2018 22:25

Scritto da Aramis

Scritto da Serra

Scritto da Aramis

Scritto da Serra

Scritto da Aramis
La differenza tra il numero 12, 11 oppure 10 sta in una manciata di punti quindi in sostanza cambia poco, per non dire nulla. In realtà del best ranking ai tennisti non gliene importa un fico secco. Sembra un argomento che appassiona più che altro i tifosi. I giocatori puntano a vincere le partite e possibilmente i tornei. È solo questo che conferisce loro una certa credibilità. Una buona posizione in classifica non è altro che un premio per aver lavorato bene. Il solo problema nel caso specifico è che la stragrande maggioranza dei punti sono stati ottenuti negli Atp 250 che rivestono un ruolo minore rispetto al “tennis che conta”. Si spera che la bella prova fornita da Cecchinato a Parigi sia uno stimolo per tutti quanti gli azzurri a combinare qualcosa di rilevante nei tornei veramente importanti. Ovviamente non sarà facile perché uscire dalla “comfort zone” dei tornei minori richiede innanzitutto un radicale cambiamento di mentalità. Mi si potrà obiettare che occorrono doti specifiche e innate che non si acquisiscono di punto in bianco e che Cecchinato in questo senso ha quel “quid” che i suoi connazionali non possiedono. Sarà anche vero ma sarebbe bello che i nostri atleti trovassero il coraggio di rischiare il tutto per tutto per uscire definitivamente dal provincialismo che ha caratterizzato il tennis italiano negli ultimi 40 anni.

Sembra che tu voglia imporre il tuo pensiero a tutti , dato che lo hai riscritto quasi uguale almeno una 30ina di volte…
E già numerose volte ti è stato fatto notare come il valore di un giocatore vada parametrato con riferimento all’intera carriera , per cui non puoi dire che non conti nulla quanto fatto prima di Parigi perché altrimenti la sensazione che si ha è quella che tu voglia fotografare solo parzialmente la realtà tennistica di Cecchinato , ossia il suo picco di tennis.
Aggiungo che dai tuoi commenti sembra che tu sia sicuro che Ceck si ripeta nell’impresa al RG e mi auguro tu abbia ragione perché tifo tutti gli italiani ( a differenza tua..) , ma al tempo stesso bisogna tener conto di come confermarsi a certi livelli è davvero difficile.

Non sono affatto sicuro che Cecchinato ripeta quanto fatto quest’anno. Condivido la tua considerazione su quanto non sia scontato confermarsi a certi livelli. Entrano in gioco tutta una serie di variabili, molte delle quali imprevedibili. Al contempo però, non mi piace sentire la filastrocca che Cecchinato abbia realizzato un exploit irripetibile ( molti parlano impunemente di colpo di fortuna ) perché se ci è riuscito una volta significa che è nelle sue corde. Commetterebbe un errore madornale se si lasciasse convincere da certi commenti negativi sul suo conto, che il suo valore sia quello a cui ci aveva abituato prima di Parigi, ovvero che il Roland Garros 2018 debba essere considerato una bella parentesi nella carriera del “solito italiano” che non ha la stoffa per dire la propria nei tornei importanti. Lui fra gli italiani è quello che ha più diritto a credere di poter puntare in alto perchè nella sostanza è il solo che abbia dimostrato certe attitudini che solitamente non mancano ai giocatori di spicco. I tifosi dovrebbero lodare il giocatore per quanto ottenuto e incoraggiarlo a fare ancora meglio anziché augurargli inspiegabilmente di inciampare il prima possibile per poter dire “io l’avevo detto”.

Guarda non ho proprio idea sinceramente del livello che potrà raggiungere Cecchinato . Insomma fino a marzo era fuori dai 100, poi ottimi risultati in primavera sul rosso ( Montecarlo e vittoria a Bucarest , pur da lucky loser) e straordinario exploit a Parigi , semi su erba e vittoria Umago ( i tuoi odiati ATP 250 ) , poi una serie di sconfitte su cemento outdoor e indoor. Insomma una stagione “sui generis.
Delle ultime prestazioni non mi sorprendo , Marco non si è mai espresso bene sul veloce e a tratti sembra un po’ un pesce fuor d’acqua , non c’è al momento un top 50 che abbia una discrepanza tale di risultati tra tornei su terra e su superfici rapide .
Gli ci vorrà tempo per metabolizzare questo livello , in questo senso preferirei che l’anno prossimo giocasse molti più ATP 250 su cemento proprio per evitare di rimanere “monosuperficie” , anche al costo di scendere in classifica.
A mio parere, questo significa essere ambiziosi

Sinceramente nutro qualche dubbio sul fatto che Cecchinato possa progredire moltissimo sul cemento e ancor più che possa farlo in tempi brevi. Dato il suo background e vista la non più tenera età, gli suggerirei ,per lo meno nell’immediato, di rischiare il tutto per tutto per “far saltare il banco” nella stagione sul rosso in primavera dando il meglio di sé sulla superficie che meglio gli si addice. Un altro risultato di prestigio tra Montecarlo e Parigi lo renderebbe immune dall’accusa di essere un po’ monosuperficie. Non mi pare di ricordare che Alberto Mancini facesse sfaceli sul veloce tuttavia il suo 1989 sul rosso resta per lui un anno memorabile e lo stesso Bruguera “snobbava” abituali Wimbledon. Non aspettiamoci che Cecchinato lo vinca.
A proposito, quanto ancora ci toccherà aspettare per vedere un italiano vincere Wimbledon ?
Oppure sarà un’italiana la prima a riuscirci ?

Ripensandoci hai ragione.
Il mio è più un augurio/ auspicio per il futuro ( anche 2/3 anni ) perché è un peccato vedere un buon giocatore come il Ceck prendere “scoppole” sul veloce da molti giocatori . Se però sulla terra gioca come quest’anno , va benissimo così 🙂

Riguardo la questione Wimbledon , sarò pure provinciale ma sono soddisfatto che ci siano 2 italiani in top 20 . Certo però che sognare non costa nulla

35
Replica | Quota | 0
Bisogna essere registrati per votare un commento!
Becuzzi_style (Guest) 02-11-2018 19:28

Best ranking raggiunto grazie a una grande (direi formidabile!!) continuità nei 250, ma nei tornei maggiori, eccetto Roma, ha fatto maluccio..lo stesso ottavo con Cilc rimane un rimpianto.
Best ranking battendo solo 3 top 25 (Thiem a Roma, Edmund al RG e Delpo a Los Cabos)…paradossale!
Nei tornei maggiori ha perso da Chardy a IW, Struff a Montecarlo, Mayer a Madrid,Vesely a Wimbledon, Millman agli UsOpen…oltre alle sconfitte con Berdych, Shapovalov, kyrgios e lo stesso Cilic sul rosso del RG…
Mentre nei 500 ha perso da Verdasco e Fucsovics…

Il miglior torneo dell’anno è stato sicuramente Roma (tabellone peggiore nella settimana migliore…)dove ha battuto il numero 2 al mondo su terra e perso onorevolmente dal numero 1.

Insomma, oggettivamente forse la sua classifica è un po’ drogata…un po’ da ragioniere…ma alla fine ha avuto ragione lui.

Tema di discussione sarebbe capire se tale classifica la può ottenere solo tramite i 250…o se l’eccesso di 250 sono la causa del brutto rendimento nei tornei principali….e magari senza, avrebbe avuto più chances di fare 1/2 exploit nei grandi palcoscenici.

Personalmente non lo so…ma almeno per quest’anno ho la sensazione che ha raggiunto il massimo…servirebbe un ulteriore step per essere un candidato più papabile alla top 10.

Cmq voto alla stagione 7,5…perchè vincere tutte quelle partite nei 250 può sembrare banale, ma non lo è…

34
Replica | Quota | 0
Bisogna essere registrati per votare un commento!
alvenu (Guest) 02-11-2018 18:46

@ mauro59 (#2225005)

Ma che ti frega del BR? Preoccupati perchè non trova quell’equilibrio che gli permetterebbe di usare il talento che possiede con un minimo di continuità. Il BR deriva dai risultati, non viceversa.

33
Replica | Quota | 0
Bisogna essere registrati per votare un commento!
Aramis (Guest) 02-11-2018 17:24

Scritto da Serra

Scritto da Aramis

Scritto da Serra

Scritto da Aramis
La differenza tra il numero 12, 11 oppure 10 sta in una manciata di punti quindi in sostanza cambia poco, per non dire nulla. In realtà del best ranking ai tennisti non gliene importa un fico secco. Sembra un argomento che appassiona più che altro i tifosi. I giocatori puntano a vincere le partite e possibilmente i tornei. È solo questo che conferisce loro una certa credibilità. Una buona posizione in classifica non è altro che un premio per aver lavorato bene. Il solo problema nel caso specifico è che la stragrande maggioranza dei punti sono stati ottenuti negli Atp 250 che rivestono un ruolo minore rispetto al “tennis che conta”. Si spera che la bella prova fornita da Cecchinato a Parigi sia uno stimolo per tutti quanti gli azzurri a combinare qualcosa di rilevante nei tornei veramente importanti. Ovviamente non sarà facile perché uscire dalla “comfort zone” dei tornei minori richiede innanzitutto un radicale cambiamento di mentalità. Mi si potrà obiettare che occorrono doti specifiche e innate che non si acquisiscono di punto in bianco e che Cecchinato in questo senso ha quel “quid” che i suoi connazionali non possiedono. Sarà anche vero ma sarebbe bello che i nostri atleti trovassero il coraggio di rischiare il tutto per tutto per uscire definitivamente dal provincialismo che ha caratterizzato il tennis italiano negli ultimi 40 anni.

Sembra che tu voglia imporre il tuo pensiero a tutti , dato che lo hai riscritto quasi uguale almeno una 30ina di volte…
E già numerose volte ti è stato fatto notare come il valore di un giocatore vada parametrato con riferimento all’intera carriera , per cui non puoi dire che non conti nulla quanto fatto prima di Parigi perché altrimenti la sensazione che si ha è quella che tu voglia fotografare solo parzialmente la realtà tennistica di Cecchinato , ossia il suo picco di tennis.
Aggiungo che dai tuoi commenti sembra che tu sia sicuro che Ceck si ripeta nell’impresa al RG e mi auguro tu abbia ragione perché tifo tutti gli italiani ( a differenza tua..) , ma al tempo stesso bisogna tener conto di come confermarsi a certi livelli è davvero difficile.

Non sono affatto sicuro che Cecchinato ripeta quanto fatto quest’anno. Condivido la tua considerazione su quanto non sia scontato confermarsi a certi livelli. Entrano in gioco tutta una serie di variabili, molte delle quali imprevedibili. Al contempo però, non mi piace sentire la filastrocca che Cecchinato abbia realizzato un exploit irripetibile ( molti parlano impunemente di colpo di fortuna ) perché se ci è riuscito una volta significa che è nelle sue corde. Commetterebbe un errore madornale se si lasciasse convincere da certi commenti negativi sul suo conto, che il suo valore sia quello a cui ci aveva abituato prima di Parigi, ovvero che il Roland Garros 2018 debba essere considerato una bella parentesi nella carriera del “solito italiano” che non ha la stoffa per dire la propria nei tornei importanti. Lui fra gli italiani è quello che ha più diritto a credere di poter puntare in alto perchè nella sostanza è il solo che abbia dimostrato certe attitudini che solitamente non mancano ai giocatori di spicco. I tifosi dovrebbero lodare il giocatore per quanto ottenuto e incoraggiarlo a fare ancora meglio anziché augurargli inspiegabilmente di inciampare il prima possibile per poter dire “io l’avevo detto”.

Guarda non ho proprio idea sinceramente del livello che potrà raggiungere Cecchinato . Insomma fino a marzo era fuori dai 100, poi ottimi risultati in primavera sul rosso ( Montecarlo e vittoria a Bucarest , pur da lucky loser) e straordinario exploit a Parigi , semi su erba e vittoria Umago ( i tuoi odiati ATP 250 ) , poi una serie di sconfitte su cemento outdoor e indoor. Insomma una stagione “sui generis.
Delle ultime prestazioni non mi sorprendo , Marco non si è mai espresso bene sul veloce e a tratti sembra un po’ un pesce fuor d’acqua , non c’è al momento un top 50 che abbia una discrepanza tale di risultati tra tornei su terra e su superfici rapide .
Gli ci vorrà tempo per metabolizzare questo livello , in questo senso preferirei che l’anno prossimo giocasse molti più ATP 250 su cemento proprio per evitare di rimanere “monosuperficie” , anche al costo di scendere in classifica.
A mio parere, questo significa essere ambiziosi

Sinceramente nutro qualche dubbio sul fatto che Cecchinato possa progredire moltissimo sul cemento e ancor più che possa farlo in tempi brevi. Dato il suo background e vista la non più tenera età, gli suggerirei ,per lo meno nell’immediato, di rischiare il tutto per tutto per “far saltare il banco” nella stagione sul rosso in primavera dando il meglio di sé sulla superficie che meglio gli si addice. Un altro risultato di prestigio tra Montecarlo e Parigi lo renderebbe immune dall’accusa di essere un po’ monosuperficie. Non mi pare di ricordare che Alberto Mancini facesse sfaceli sul veloce tuttavia il suo 1989 sul rosso resta per lui un anno memorabile e lo stesso Bruguera “snobbava” abituali Wimbledon. Non aspettiamoci che Cecchinato lo vinca.
A proposito, quanto ancora ci toccherà aspettare per vedere un italiano vincere Wimbledon ?
Oppure sarà un’italiana la prima a riuscirci ?

32
Replica | Quota | 0
Bisogna essere registrati per votare un commento!
Aramis (Guest) 02-11-2018 17:00

Scritto da Serra

Scritto da Aramis

Scritto da Serra

Scritto da Aramis

Scritto da SUPERPEPPE

Scritto da Serra
Best ranking per Fognini solo nell’ipotesi in cui Khachanov non faccia finale , giusto?

Si

Coloro che si augurano una sconfitta di Khachanov ovvero che non disdegnano di “tirare a campare sulle disgrazie altrui” troveranno divertente questo video.
https://youtu.be/cuOmjay1Uvs

Il b.r. lo meriterebbe per l’ottima e “continua” stagione giocata , anche se priva di un grosso acuto ( ad eccezione dei quarti a Roma )

Per come la vedo io il b.r. non deve e non può essere visto come un obiettivo fine a se stesso e raggiungibile con l’espediente di ottenere risultati esclusivamente nei tornei minori. Non approvo questa mentalità. Ecco il “provincialismo” di cui ho parlato. Su questo sito è stata recentemente pubblicata una classifica che prendeva in considerazione solo i tornei dello Slam e i Masters 1000 e in quella classifica, a mio parere, un giocatore di alta fascia che meriti il b.r. dovrebbe figurare almeno tra i primi 20, ma lui purtroppo non c’era ( a livello Slam neppure tra i primi 30 ). Puoi trarre da solo le dovute conclusioni.

Però farei una premessa . Fognini partiva da numero 27 e concluderà da 13 ATP ( 12 se qualcuno fermerà Khachanov ), per cui andrebbe posto l’accento più sulla stagione molto positiva del ligure .
Si poteva fare meglio? Sì, soprattutto negli Slam ( quel match con Cilic mi ha lasciato l’amaro in bocca , per non parlare Delle sconfitte con Vesely e soprattutto con Millman a NY…). Proprio per questo l’anno prossimo l’obiettivo credo sia quello di arrivare più pronti e preparati a questi appuntamenti , riducendo i 250 da giocare e facendo una preparazione mirata .
Insomma una programmazione da top 15 ( classifica attuale ) , rispetto ad una programmazione da top 30 ( posizione dalla quale partiva )

Sono relativamente d’accordo con la prima parte del tuo discorso e pienamente con l’ultima.

31
Replica | Quota | 0
Bisogna essere registrati per votare un commento!
Serra (Guest) 02-11-2018 15:57

Scritto da Aramis

Scritto da Serra

Scritto da Aramis

Scritto da SUPERPEPPE

Scritto da Serra
Best ranking per Fognini solo nell’ipotesi in cui Khachanov non faccia finale , giusto?

Si

Coloro che si augurano una sconfitta di Khachanov ovvero che non disdegnano di “tirare a campare sulle disgrazie altrui” troveranno divertente questo video.
https://youtu.be/cuOmjay1Uvs

Il b.r. lo meriterebbe per l’ottima e “continua” stagione giocata , anche se priva di un grosso acuto ( ad eccezione dei quarti a Roma )

Per come la vedo io il b.r. non deve e non può essere visto come un obiettivo fine a se stesso e raggiungibile con l’espediente di ottenere risultati esclusivamente nei tornei minori. Non approvo questa mentalità. Ecco il “provincialismo” di cui ho parlato. Su questo sito è stata recentemente pubblicata una classifica che prendeva in considerazione solo i tornei dello Slam e i Masters 1000 e in quella classifica, a mio parere, un giocatore di alta fascia che meriti il b.r. dovrebbe figurare almeno tra i primi 20, ma lui purtroppo non c’era ( a livello Slam neppure tra i primi 30 ). Puoi trarre da solo le dovute conclusioni.

Però farei una premessa . Fognini partiva da numero 27 e concluderà da 13 ATP ( 12 se qualcuno fermerà Khachanov ), per cui andrebbe posto l’accento più sulla stagione molto positiva del ligure .

Si poteva fare meglio? Sì, soprattutto negli Slam ( quel match con Cilic mi ha lasciato l’amaro in bocca , per non parlare Delle sconfitte con Vesely e soprattutto con Millman a NY…). Proprio per questo l’anno prossimo l’obiettivo credo sia quello di arrivare più pronti e preparati a questi appuntamenti , riducendo i 250 da giocare e facendo una preparazione mirata .
Insomma una programmazione da top 15 ( classifica attuale ) , rispetto ad una programmazione da top 30 ( posizione dalla quale partiva 😉 )

30
Replica | Quota | 1
Bisogna essere registrati per votare un commento!
+1: umninn
Serra (Guest) 02-11-2018 15:47

Scritto da Aramis

Scritto da Serra

Scritto da Aramis
La differenza tra il numero 12, 11 oppure 10 sta in una manciata di punti quindi in sostanza cambia poco, per non dire nulla. In realtà del best ranking ai tennisti non gliene importa un fico secco. Sembra un argomento che appassiona più che altro i tifosi. I giocatori puntano a vincere le partite e possibilmente i tornei. È solo questo che conferisce loro una certa credibilità. Una buona posizione in classifica non è altro che un premio per aver lavorato bene. Il solo problema nel caso specifico è che la stragrande maggioranza dei punti sono stati ottenuti negli Atp 250 che rivestono un ruolo minore rispetto al “tennis che conta”. Si spera che la bella prova fornita da Cecchinato a Parigi sia uno stimolo per tutti quanti gli azzurri a combinare qualcosa di rilevante nei tornei veramente importanti. Ovviamente non sarà facile perché uscire dalla “comfort zone” dei tornei minori richiede innanzitutto un radicale cambiamento di mentalità. Mi si potrà obiettare che occorrono doti specifiche e innate che non si acquisiscono di punto in bianco e che Cecchinato in questo senso ha quel “quid” che i suoi connazionali non possiedono. Sarà anche vero ma sarebbe bello che i nostri atleti trovassero il coraggio di rischiare il tutto per tutto per uscire definitivamente dal provincialismo che ha caratterizzato il tennis italiano negli ultimi 40 anni.

Sembra che tu voglia imporre il tuo pensiero a tutti , dato che lo hai riscritto quasi uguale almeno una 30ina di volte…
E già numerose volte ti è stato fatto notare come il valore di un giocatore vada parametrato con riferimento all’intera carriera , per cui non puoi dire che non conti nulla quanto fatto prima di Parigi perché altrimenti la sensazione che si ha è quella che tu voglia fotografare solo parzialmente la realtà tennistica di Cecchinato , ossia il suo picco di tennis.
Aggiungo che dai tuoi commenti sembra che tu sia sicuro che Ceck si ripeta nell’impresa al RG e mi auguro tu abbia ragione perché tifo tutti gli italiani ( a differenza tua..) , ma al tempo stesso bisogna tener conto di come confermarsi a certi livelli è davvero difficile.

Non sono affatto sicuro che Cecchinato ripeta quanto fatto quest’anno. Condivido la tua considerazione su quanto non sia scontato confermarsi a certi livelli. Entrano in gioco tutta una serie di variabili, molte delle quali imprevedibili. Al contempo però, non mi piace sentire la filastrocca che Cecchinato abbia realizzato un exploit irripetibile ( molti parlano impunemente di colpo di fortuna ) perché se ci è riuscito una volta significa che è nelle sue corde. Commetterebbe un errore madornale se si lasciasse convincere da certi commenti negativi sul suo conto, che il suo valore sia quello a cui ci aveva abituato prima di Parigi, ovvero che il Roland Garros 2018 debba essere considerato una bella parentesi nella carriera del “solito italiano” che non ha la stoffa per dire la propria nei tornei importanti. Lui fra gli italiani è quello che ha più diritto a credere di poter puntare in alto perchè nella sostanza è il solo che abbia dimostrato certe attitudini che solitamente non mancano ai giocatori di spicco. I tifosi dovrebbero lodare il giocatore per quanto ottenuto e incoraggiarlo a fare ancora meglio anziché augurargli inspiegabilmente di inciampare il prima possibile per poter dire “io l’avevo detto”.

Guarda non ho proprio idea sinceramente del livello che potrà raggiungere Cecchinato . Insomma fino a marzo era fuori dai 100, poi ottimi risultati in primavera sul rosso ( Montecarlo e vittoria a Bucarest , pur da lucky loser) e straordinario exploit a Parigi , semi su erba e vittoria Umago ( i tuoi odiati ATP 250 🙂 ) , poi una serie di sconfitte su cemento outdoor e indoor. Insomma una stagione “sui generis.
Delle ultime prestazioni non mi sorprendo , Marco non si è mai espresso bene sul veloce e a tratti sembra un po’ un pesce fuor d’acqua , non c’è al momento un top 50 che abbia una discrepanza tale di risultati tra tornei su terra e su superfici rapide .
Gli ci vorrà tempo per metabolizzare questo livello , in questo senso preferirei che l’anno prossimo giocasse molti più ATP 250 su cemento proprio per evitare di rimanere “monosuperficie” , anche al costo di scendere in classifica.

A mio parere, questo significa essere ambiziosi

29
Replica | Quota | 0
Bisogna essere registrati per votare un commento!
Aramis (Guest) 02-11-2018 15:06

Scritto da Mats
Secondo me la vera notizia é che Djokovic é tornato al #1 e che alla fine del 2018, dopo anni di attesa dei vari gen newgen e nextgen, i primi tre posti sono ancora una volta occupati da 3 dei 4 Fab4

E se Murray e Wawrinka non fossero infortunati…

28
Replica | Quota | 0
Bisogna essere registrati per votare un commento!
mauro59 (Guest) 02-11-2018 14:54

Scritto da Roberto
Per come sta giocando Khachanov il br di Fabio nn è semplice

Kachanov è l’ultima delle mie preoccupazioni, piuttosto la mia preoccupazione è Medvedev che nell’ultimo anno è diventato giocatore di tennis vero e non solo randellatore next gen.

27
Replica | Quota | 0
Bisogna essere registrati per votare un commento!
mauro59 (Guest) 02-11-2018 14:51

Secondo me è un autentico coronamento di un lavoro di fisico e di testa che dall’episodio increscioso che lo aveva costretto ad una discesa che avrebbe potuto rivelarsi senza via di uscita, anche per la grande gogna mediatica che ha provocato, ha saputo trarre energie per arrivare dove la sua carriera non l’aveva mai portato. E’ un onore avere tennisti italiani a questi livelli. Grazie Fabio!

26
Replica | Quota | 0
Bisogna essere registrati per votare un commento!
Roberto (Guest) 02-11-2018 14:36

Per come sta giocando Khachanov il br di Fabio nn è semplice

25
Replica | Quota | 0
Bisogna essere registrati per votare un commento!
Mats 02-11-2018 14:26

Secondo me la vera notizia é che Djokovic é tornato al #1 e che alla fine del 2018, dopo anni di attesa dei vari gen newgen e nextgen, i primi tre posti sono ancora una volta occupati da 3 dei 4 Fab4

24
Replica | Quota | 0
Bisogna essere registrati per votare un commento!
Aramis (Guest) 02-11-2018 14:05

Scritto da Serra

Scritto da Aramis
La differenza tra il numero 12, 11 oppure 10 sta in una manciata di punti quindi in sostanza cambia poco, per non dire nulla. In realtà del best ranking ai tennisti non gliene importa un fico secco. Sembra un argomento che appassiona più che altro i tifosi. I giocatori puntano a vincere le partite e possibilmente i tornei. È solo questo che conferisce loro una certa credibilità. Una buona posizione in classifica non è altro che un premio per aver lavorato bene. Il solo problema nel caso specifico è che la stragrande maggioranza dei punti sono stati ottenuti negli Atp 250 che rivestono un ruolo minore rispetto al “tennis che conta”. Si spera che la bella prova fornita da Cecchinato a Parigi sia uno stimolo per tutti quanti gli azzurri a combinare qualcosa di rilevante nei tornei veramente importanti. Ovviamente non sarà facile perché uscire dalla “comfort zone” dei tornei minori richiede innanzitutto un radicale cambiamento di mentalità. Mi si potrà obiettare che occorrono doti specifiche e innate che non si acquisiscono di punto in bianco e che Cecchinato in questo senso ha quel “quid” che i suoi connazionali non possiedono. Sarà anche vero ma sarebbe bello che i nostri atleti trovassero il coraggio di rischiare il tutto per tutto per uscire definitivamente dal provincialismo che ha caratterizzato il tennis italiano negli ultimi 40 anni.

Sembra che tu voglia imporre il tuo pensiero a tutti , dato che lo hai riscritto quasi uguale almeno una 30ina di volte…
E già numerose volte ti è stato fatto notare come il valore di un giocatore vada parametrato con riferimento all’intera carriera , per cui non puoi dire che non conti nulla quanto fatto prima di Parigi perché altrimenti la sensazione che si ha è quella che tu voglia fotografare solo parzialmente la realtà tennistica di Cecchinato , ossia il suo picco di tennis.
Aggiungo che dai tuoi commenti sembra che tu sia sicuro che Ceck si ripeta nell’impresa al RG e mi auguro tu abbia ragione perché tifo tutti gli italiani ( a differenza tua..) , ma al tempo stesso bisogna tener conto di come confermarsi a certi livelli è davvero difficile.

Non sono affatto sicuro che Cecchinato ripeta quanto fatto quest’anno. Condivido la tua considerazione su quanto non sia scontato confermarsi a certi livelli. Entrano in gioco tutta una serie di variabili, molte delle quali imprevedibili. Al contempo però, non mi piace sentire la filastrocca che Cecchinato abbia realizzato un exploit irripetibile ( molti parlano impunemente di colpo di fortuna ) perché se ci è riuscito una volta significa che è nelle sue corde. Commetterebbe un errore madornale se si lasciasse convincere da certi commenti negativi sul suo conto, che il suo valore sia quello a cui ci aveva abituato prima di Parigi, ovvero che il Roland Garros 2018 debba essere considerato una bella parentesi nella carriera del “solito italiano” che non ha la stoffa per dire la propria nei tornei importanti. Lui fra gli italiani è quello che ha più diritto a credere di poter puntare in alto perchè nella sostanza è il solo che abbia dimostrato certe attitudini che solitamente non mancano ai giocatori di spicco. I tifosi dovrebbero lodare il giocatore per quanto ottenuto e incoraggiarlo a fare ancora meglio anziché augurargli inspiegabilmente di inciampare il prima possibile per poter dire “io l’avevo detto”.

23
Replica | Quota | 0
Bisogna essere registrati per votare un commento!
Albcors84 (Guest) 02-11-2018 13:49

Scritto da Serra

Scritto da Aramis
La differenza tra il numero 12, 11 oppure 10 sta in una manciata di punti quindi in sostanza cambia poco, per non dire nulla. In realtà del best ranking ai tennisti non gliene importa un fico secco. Sembra un argomento che appassiona più che altro i tifosi. I giocatori puntano a vincere le partite e possibilmente i tornei. È solo questo che conferisce loro una certa credibilità. Una buona posizione in classifica non è altro che un premio per aver lavorato bene. Il solo problema nel caso specifico è che la stragrande maggioranza dei punti sono stati ottenuti negli Atp 250 che rivestono un ruolo minore rispetto al “tennis che conta”. Si spera che la bella prova fornita da Cecchinato a Parigi sia uno stimolo per tutti quanti gli azzurri a combinare qualcosa di rilevante nei tornei veramente importanti. Ovviamente non sarà facile perché uscire dalla “comfort zone” dei tornei minori richiede innanzitutto un radicale cambiamento di mentalità. Mi si potrà obiettare che occorrono doti specifiche e innate che non si acquisiscono di punto in bianco e che Cecchinato in questo senso ha quel “quid” che i suoi connazionali non possiedono. Sarà anche vero ma sarebbe bello che i nostri atleti trovassero il coraggio di rischiare il tutto per tutto per uscire definitivamente dal provincialismo che ha caratterizzato il tennis italiano negli ultimi 40 anni.

Sembra che tu voglia imporre il tuo pensiero a tutti , dato che lo hai riscritto quasi uguale almeno una 30ina di volte…
E già numerose volte ti è stato fatto notare come il valore di un giocatore vada parametrato con riferimento all’intera carriera , per cui non puoi dire che non conti nulla quanto fatto prima di Parigi perché altrimenti la sensazione che si ha è quella che tu voglia fotografare solo parzialmente la realtà tennistica di Cecchinato , ossia il suo picco di tennis.
Aggiungo che dai tuoi commenti sembra che tu sia sicuro che Ceck si ripeta nell’impresa al RG e mi auguro tu abbia ragione perché tifo tutti gli italiani ( a differenza tua..) , ma al tempo stesso bisogna tener conto di come confermarsi a certi livelli è davvero difficile.

22
Replica | Quota | 0
Bisogna essere registrati per votare un commento!
Aramis (Guest) 02-11-2018 13:28

Scritto da Serra

Scritto da Aramis

Scritto da SUPERPEPPE

Scritto da Serra
Best ranking per Fognini solo nell’ipotesi in cui Khachanov non faccia finale , giusto?

Si

Coloro che si augurano una sconfitta di Khachanov ovvero che non disdegnano di “tirare a campare sulle disgrazie altrui” troveranno divertente questo video.
https://youtu.be/cuOmjay1Uvs

Il b.r. lo meriterebbe per l’ottima e “continua” stagione giocata , anche se priva di un grosso acuto ( ad eccezione dei quarti a Roma )

Per come la vedo io il b.r. non deve e non può essere visto come un obiettivo fine a se stesso e raggiungibile con l’espediente di ottenere risultati esclusivamente nei tornei minori. Non approvo questa mentalità. Ecco il “provincialismo” di cui ho parlato. Su questo sito è stata recentemente pubblicata una classifica che prendeva in considerazione solo i tornei dello Slam e i Masters 1000 e in quella classifica, a mio parere, un giocatore di alta fascia che meriti il b.r. dovrebbe figurare almeno tra i primi 20, ma lui purtroppo non c’era ( a livello Slam neppure tra i primi 30 ). Puoi trarre da solo le dovute conclusioni.

21
Replica | Quota | 0
Bisogna essere registrati per votare un commento!
Gianfranco (Guest) 02-11-2018 13:22

@ Aramis (#2224753)

Santa Margherita di Pula non è rientra nel circuito challenger ma futures…F-U-T-U-R-E-S !!! Secondo il tuo metro di giudizio è inferiore persino a quei tornei che contano soltanto per la cerchia degli amici…

20
Replica | Quota | 0
Bisogna essere registrati per votare un commento!
Aramis (Guest) 02-11-2018 13:07

Scritto da Tiger Woods
@ Aramis (#2224753)
Sullo Chatrier ha giocato solo la semifinale.
Ai quarti con Nole era sul Langlein, prima ancora sui campi secondari.

E infatti ha giocato la semifinale con la personalità che ti aspetti da un giocatore di fascia alta non sfigurando affatto.

19
Replica | Quota | 0
Bisogna essere registrati per votare un commento!
Aramis (Guest) 02-11-2018 13:05

Scritto da Serra

Scritto da Aramis
La differenza tra il numero 12, 11 oppure 10 sta in una manciata di punti quindi in sostanza cambia poco, per non dire nulla. In realtà del best ranking ai tennisti non gliene importa un fico secco. Sembra un argomento che appassiona più che altro i tifosi. I giocatori puntano a vincere le partite e possibilmente i tornei. È solo questo che conferisce loro una certa credibilità. Una buona posizione in classifica non è altro che un premio per aver lavorato bene. Il solo problema nel caso specifico è che la stragrande maggioranza dei punti sono stati ottenuti negli Atp 250 che rivestono un ruolo minore rispetto al “tennis che conta”. Si spera che la bella prova fornita da Cecchinato a Parigi sia uno stimolo per tutti quanti gli azzurri a combinare qualcosa di rilevante nei tornei veramente importanti. Ovviamente non sarà facile perché uscire dalla “comfort zone” dei tornei minori richiede innanzitutto un radicale cambiamento di mentalità. Mi si potrà obiettare che occorrono doti specifiche e innate che non si acquisiscono di punto in bianco e che Cecchinato in questo senso ha quel “quid” che i suoi connazionali non possiedono. Sarà anche vero ma sarebbe bello che i nostri atleti trovassero il coraggio di rischiare il tutto per tutto per uscire definitivamente dal provincialismo che ha caratterizzato il tennis italiano negli ultimi 40 anni.

Sembra che tu voglia imporre il tuo pensiero a tutti , dato che lo hai riscritto quasi uguale almeno una 30ina di volte…
E già numerose volte ti è stato fatto notare come il valore di un giocatore vada parametrato con riferimento all’intera carriera , per cui non puoi dire che non conti nulla quanto fatto prima di Parigi perché altrimenti la sensazione che si ha è quella che tu voglia fotografare solo parzialmente la realtà tennistica di Cecchinato , ossia il suo picco di tennis.
Aggiungo che dai tuoi commenti sembra che tu sia sicuro che Ceck si ripeta nell’impresa al RG e mi auguro tu abbia ragione perché tifo tutti gli italiani ( a differenza tua..) , ma al tempo stesso bisogna tener conto di come confermarsi a certi livelli è davvero difficile.

Mi dispiace contraddirti ma io tifo i tennisti italiani esattamente come te. Tutti, nessuno escluso. Semmai, ho riscontrato che in molti inspiegabilmente su questo forum si augurano che Cecchinato non si ripeta a certi livelli. Non sostengo sia il tuo caso.
Per quanto riguarda la valutazione del potenziale di un giocatore, secondo me va preso come parametro il picco di rendimento che un atleta nel complesso è in grado di raggiungere. Ad esempio, prima di vincere gli Australian Open, Wawrinka aveva una carriera inferiore a quella di Ferrer, decisamente più costante rispetto a lui; poi però lo svizzero ha tirato fuori quel “quid” che ha fatto la differenza. Fatte le debite proporzioni ovviamente, finora mi sembra che Cecchinato abbia dato prova di avere un qualcosa in più degli altri connazionali quando la posta in palio si alza. È una mia opinione che esprimo perché è mio diritto farlo ma lungi da me il volerla imporre agli altri come sostieni tu.

18
Replica | Quota | 0
Bisogna essere registrati per votare un commento!
SUPERPEPPE (Guest) 02-11-2018 12:58

Scritto da Sottile
Santi e benedetti 250

Ne parlate come se fossero la peste i 250. Ma veramente fate??

17
Replica | Quota | 0
Bisogna essere registrati per votare un commento!
Serra (Guest) 02-11-2018 12:53

Scritto da Aramis

Scritto da SUPERPEPPE

Scritto da Serra
Best ranking per Fognini solo nell’ipotesi in cui Khachanov non faccia finale , giusto?

Si

Coloro che si augurano una sconfitta di Khachanov ovvero che non disdegnano di “tirare a campare sulle disgrazie altrui” troveranno divertente questo video.
https://youtu.be/cuOmjay1Uvs

Il b.r. lo meriterebbe per l’ottima e “continua” stagione giocata , anche se priva di un grosso acuto ( ad eccezione dei quarti a Roma )

16
Replica | Quota | 0
Bisogna essere registrati per votare un commento!
Tiger Woods (Guest) 02-11-2018 12:51

@ Aramis (#2224753)

Sullo Chatrier ha giocato solo la semifinale.
Ai quarti con Nole era sul Langlein, prima ancora sui campi secondari.

15
Replica | Quota | 0
Bisogna essere registrati per votare un commento!
Serra (Guest) 02-11-2018 12:51

Scritto da Aramis
La differenza tra il numero 12, 11 oppure 10 sta in una manciata di punti quindi in sostanza cambia poco, per non dire nulla. In realtà del best ranking ai tennisti non gliene importa un fico secco. Sembra un argomento che appassiona più che altro i tifosi. I giocatori puntano a vincere le partite e possibilmente i tornei. È solo questo che conferisce loro una certa credibilità. Una buona posizione in classifica non è altro che un premio per aver lavorato bene. Il solo problema nel caso specifico è che la stragrande maggioranza dei punti sono stati ottenuti negli Atp 250 che rivestono un ruolo minore rispetto al “tennis che conta”. Si spera che la bella prova fornita da Cecchinato a Parigi sia uno stimolo per tutti quanti gli azzurri a combinare qualcosa di rilevante nei tornei veramente importanti. Ovviamente non sarà facile perché uscire dalla “comfort zone” dei tornei minori richiede innanzitutto un radicale cambiamento di mentalità. Mi si potrà obiettare che occorrono doti specifiche e innate che non si acquisiscono di punto in bianco e che Cecchinato in questo senso ha quel “quid” che i suoi connazionali non possiedono. Sarà anche vero ma sarebbe bello che i nostri atleti trovassero il coraggio di rischiare il tutto per tutto per uscire definitivamente dal provincialismo che ha caratterizzato il tennis italiano negli ultimi 40 anni.

Poi mi spiegherai il presunto “provincialismo” di Fognini , che a 18 anni giocava già le qualificazioni nei 1000 anche sul cemento americano e che a 23 anni ha raggiunto i quarti al RG con una lesione muscolare

P.s. tifo Cecchinato da quando giocava le quali Challenger in Italia…fa sempre piacere vedere che il carro del vincitore sia sempre più grande

14
Replica | Quota | 0
Bisogna essere registrati per votare un commento!
Serra (Guest) 02-11-2018 12:48

Scritto da Aramis
La differenza tra il numero 12, 11 oppure 10 sta in una manciata di punti quindi in sostanza cambia poco, per non dire nulla. In realtà del best ranking ai tennisti non gliene importa un fico secco. Sembra un argomento che appassiona più che altro i tifosi. I giocatori puntano a vincere le partite e possibilmente i tornei. È solo questo che conferisce loro una certa credibilità. Una buona posizione in classifica non è altro che un premio per aver lavorato bene. Il solo problema nel caso specifico è che la stragrande maggioranza dei punti sono stati ottenuti negli Atp 250 che rivestono un ruolo minore rispetto al “tennis che conta”. Si spera che la bella prova fornita da Cecchinato a Parigi sia uno stimolo per tutti quanti gli azzurri a combinare qualcosa di rilevante nei tornei veramente importanti. Ovviamente non sarà facile perché uscire dalla “comfort zone” dei tornei minori richiede innanzitutto un radicale cambiamento di mentalità. Mi si potrà obiettare che occorrono doti specifiche e innate che non si acquisiscono di punto in bianco e che Cecchinato in questo senso ha quel “quid” che i suoi connazionali non possiedono. Sarà anche vero ma sarebbe bello che i nostri atleti trovassero il coraggio di rischiare il tutto per tutto per uscire definitivamente dal provincialismo che ha caratterizzato il tennis italiano negli ultimi 40 anni.

Sembra che tu voglia imporre il tuo pensiero a tutti , dato che lo hai riscritto quasi uguale almeno una 30ina di volte…
E già numerose volte ti è stato fatto notare come il valore di un giocatore vada parametrato con riferimento all’intera carriera , per cui non puoi dire che non conti nulla quanto fatto prima di Parigi perché altrimenti la sensazione che si ha è quella che tu voglia fotografare solo parzialmente la realtà tennistica di Cecchinato , ossia il suo picco di tennis.

Aggiungo che dai tuoi commenti sembra che tu sia sicuro che Ceck si ripeta nell’impresa al RG e mi auguro tu abbia ragione perché tifo tutti gli italiani ( a differenza tua..) , ma al tempo stesso bisogna tener conto di come confermarsi a certi livelli è davvero difficile.

13
Replica | Quota | 0
Bisogna essere registrati per votare un commento!
Aramis (Guest) 02-11-2018 12:40

Scritto da SUPERPEPPE

Scritto da Serra
Best ranking per Fognini solo nell’ipotesi in cui Khachanov non faccia finale , giusto?

Si

Coloro che si augurano una sconfitta di Khachanov ovvero che non disdegnano di “tirare a campare sulle disgrazie altrui” troveranno divertente questo video.
https://youtu.be/cuOmjay1Uvs

12
Replica | Quota | 0
Bisogna essere registrati per votare un commento!
Tomax (Guest) 02-11-2018 12:30

@ atom (#2224754)

Grande annata per il tennis italiana.fognini miglior stagione e con tanti rammarichi….vedi la mancata finale di Pechino per pochi minuti,pochi punti sulla terra ecc…. cecchinato niente da dire e prossimo anno fare per me sia best ranking grazie alla terra che al cemento dove migliorerà.seppi annata fantastica berrettini speriamo esploda ancora di più soprattutto se migliora rovescio e spostamenti.per gli altri vediamo chi entrerà nei 100 spero si tolga la soddisfazione Travaglia e tra i giovani quinzi e baldi

11
Replica | Quota | 0
Bisogna essere registrati per votare un commento!
Aramis (Guest) 02-11-2018 12:02

Scritto da Albcors84
@ Aramis (#2224714)
Che pesantezza! L abbiamo capita la tua idea

Mi fa piacere che tu abbia capito la mia idea. Vorrei poter dire altrettanto !

10
Replica | Quota | 0
Bisogna essere registrati per votare un commento!
Tifoso degli italiani (Guest) 02-11-2018 11:58

Scritto da Gianfranco
@ Aramis (#2224714)
Infatti il “Cosmopolita” Cecchinato (26 vittorie ATP in carriera) fino allo scorso anno non andava neppure negli USA a giocare Miami ed Indian Wells…preferiva i futures di S.Margherita di Pula !

A proposito di pesantezza.. 🙄

9
Replica | Quota | 0
Bisogna essere registrati per votare un commento!
atom (Guest) 02-11-2018 11:56

Abbiamo 4 tennisti nei primi 54. Fognini ha fatto il massimo perchè ha un servizio che non è all’altezza della top ten, speriamo di vederlo vincere sulla terra battuta. Cecchinato ha concluso un anno fantastico anche se fuori dalla terra, senza miglioramenti, è un tennista da 50 posizione. Sorprende in positivo la 35 posizione di Andreas che nonostante l’anca e l’età e’ veramente un ragazzo prima che un tennista eccezionale. Riguardo a Berrettini credo che lo vedremo presto tra i primi 20 ed è veramente la punta di diamante del futuro. Insomma quest’anno il tennis italiano non è andato male anche se nel femminile risalta solo il 26 posto di Camila e dietro il buio.

8
Replica | Quota | 0
Bisogna essere registrati per votare un commento!
Aramis (Guest) 02-11-2018 11:56

Scritto da Gianfranco
@ Aramis (#2224714)
Infatti il “Cosmopolita” Cecchinato (26 vittorie ATP in carriera) fino allo scorso anno non andava neppure negli USA a giocare Miami ed Indian Wells…preferiva i futures di S.Margherita di Pula !

Quello che faceva Cecchinato prima del Roland Garros non ha importanza. Quello che conta è ciò che ha fatto a Parigi. Sul Philippe Chatrier c’era lui non qualcun altro e su quel campo ha dato prova di avere dentro di sé una personalità che nel tennis italiano non si vedeva da 40 anni. Il discorso che fai tu equivale a dire che prima del 2014 Wawrinka non aveva mai neppure raggiunto una finale Slam ( cosa ne invece era riuscita a Berdych e Tsonga ). Poi però Stan è stato capace di vincerne addirittura tre, roba che i suddetti colleghi potrebbero sognarsi. La ragione è che lo svizzero aveva il colpo in canna però lo aveva e ha potuto spararlo. Cecchinato non ha mica vinto la lotteria di capodanno comprando un biglietto dal tabaccaio sotto casa. Ha giocato a tennis e per come ha saputo farlo meriterebbe rispetto e non di essere irriso accostandolo al challenger di Santa Margherita di Pula.

7
Replica | Quota | 0
Bisogna essere registrati per votare un commento!
+1: andreandre
-1: Gualtiero
Sottile 02-11-2018 11:30

Santi e benedetti 250

6
Replica | Quota | 0
Bisogna essere registrati per votare un commento!
+1: pazzodicamila
-1: Lory278
Gianfranco (Guest) 02-11-2018 11:25

@ Aramis (#2224714)

Infatti il “Cosmopolita” Cecchinato (26 vittorie ATP in carriera) fino allo scorso anno non andava neppure negli USA a giocare Miami ed Indian Wells…preferiva i futures di S.Margherita di Pula !

5
Replica | Quota | 1
Bisogna essere registrati per votare un commento!
+1: Maury, sebaSeppi
-1: andreandre
Albcors84 (Guest) 02-11-2018 11:23

@ Aramis (#2224714)

Che pesantezza! L abbiamo capita la tua idea

4
Replica | Quota | 1
Bisogna essere registrati per votare un commento!
+1: Gualtiero
Aramis (Guest) 02-11-2018 11:07

La differenza tra il numero 12, 11 oppure 10 sta in una manciata di punti quindi in sostanza cambia poco, per non dire nulla. In realtà del best ranking ai tennisti non gliene importa un fico secco. Sembra un argomento che appassiona più che altro i tifosi. I giocatori puntano a vincere le partite e possibilmente i tornei. È solo questo che conferisce loro una certa credibilità. Una buona posizione in classifica non è altro che un premio per aver lavorato bene. Il solo problema nel caso specifico è che la stragrande maggioranza dei punti sono stati ottenuti negli Atp 250 che rivestono un ruolo minore rispetto al “tennis che conta”. Si spera che la bella prova fornita da Cecchinato a Parigi sia uno stimolo per tutti quanti gli azzurri a combinare qualcosa di rilevante nei tornei veramente importanti. Ovviamente non sarà facile perché uscire dalla “comfort zone” dei tornei minori richiede innanzitutto un radicale cambiamento di mentalità. Mi si potrà obiettare che occorrono doti specifiche e innate che non si acquisiscono di punto in bianco e che Cecchinato in questo senso ha quel “quid” che i suoi connazionali non possiedono. Sarà anche vero ma sarebbe bello che i nostri atleti trovassero il coraggio di rischiare il tutto per tutto per uscire definitivamente dal provincialismo che ha caratterizzato il tennis italiano negli ultimi 40 anni.

3
Replica | Quota | -2
Bisogna essere registrati per votare un commento!
+1: pazzodicamila
-1: Lory278, Gualtiero, sebaSeppi
SUPERPEPPE (Guest) 02-11-2018 10:55

Scritto da Serra
Best ranking per Fognini solo nell’ipotesi in cui Khachanov non faccia finale , giusto?

Si

2
Replica | Quota | 0
Bisogna essere registrati per votare un commento!
Serra (Guest) 02-11-2018 10:37

Best ranking per Fognini solo nell’ipotesi in cui Khachanov non faccia finale , giusto?

1
Replica | Quota | 0
Bisogna essere registrati per votare un commento!