Campionato Serie A1 Copertina, Generica

Dalla Serie A1: Il Park pareggia a Schio per 3 a 3

23/10/2016 18:38 Nessun commento
Alessandro Giannessi classe 1990
Alessandro Giannessi classe 1990

Come ampiamente previsto alla vigilia del secondo impegno del Campionato Nazionale di A1, che ha visto il Park Tennis Club Genova impegnato nel vicentino contro il Tennis Club Schio Arket, i gialloblù di Capitan Sanna hanno sofferto il cambio di superficie e si sono dovuti accontentare del 3-3 finale.

Abituati alla terra rossa, Naso e compagni hanno faticato ad adattarsi al fondo gommoso, su cui sono stati disputati gli incontri di oggi. E non è un caso che Sanna abbia chiamato in causa per l’occasione una delle stelle del Park, il danese Frederick Nielsen, tra i 100 giocatori più forti al mondo in doppio (vinse Wimbledon nel 2012), a suo agio sui campi veloci. Fred ha provato subito a mettere le cose in chiaro nel primo singolare di giornata, regolando 4/6 6/0 6/0 il malcapitato Pettiná.

Schio però, a metà mattinata, ha clamorosamente ribaltato parziale e pronostico. Naso infatti è inciampato sullo sloveno Matjaz Jurman (4/6 6/3 6/4), mentre il punto del momentaneo sorpasso del circolo veneto lo ha messo a segno Lorenzo Giustino, che ha sconfitto al terzo set lo spezzino e parkiota doc Alessandro Giannessi (6/7 6/4 6/4). A riportare il parziale in parità ci ha pensato Gianluca Mager, che aveva promesso di riscattare l’inatteso passo falso dell’esordio: il sanremese si è trovato di fronte il genovese ed ex tesserato del TC Genova, Andrea Basso, con cui ha inscenato una sorta di derby ad alto contenuto tecnico. A spuntarla, al terzo set (7/6 6/7 6/3), Mager che ha dunque conquistato il punto del 2-2.

Nel pomeriggio si sono infine disputati i doppi. Il primo è stato agevolmente vinto dalla coppia parkiota Nielsen-Mager (6/1 6/2). Pareggia definitivamente Schio grazie al tandem Giustino-Basso, che regola il duo Giannessi-Naso 3/6 7/6 10/4.

Il Capitano Sanna al termine delle gare: “Temevano la superficie veloce e purtroppo ha fatto la differenza. Non abbiamo trovato il giusto feeling con i campi, per cui ci dobbiamo accontentare del pari finale. Il singolare di Naso è stato decisivo, gli è girato tutto storto e purtroppo non ha sfruttato le tante palle break del secondo set. Ho ottenuto ottime risposte da Mager, giocatore recuperato sotto il profilo mentale rispetto a domenica prossima e da Nielsen, garanzia. Le loro prestazioni mi fanno ben sperare in vista della sfida di domenica prossima con il Parioli di Roma”.

Filippo Ceppellini, Presidente del Park, al seguito della squadra, al termine dei match: “Senza dubbio la superficie ha influito sul risultato. Sarà difficile per qualsiasi squadra venire a vincere qui, sono stati bravi i nostri avversari a sfruttare il fattore casa. Recrimino poco ai miei, non siamo stati fortunati nei momenti clou. Ora aspettiamo Roma al Park domenica, match clou. Stiamo studiando diverse soluzioni per riempire il circolo di appassionati, sarà una festa per il tennis nostrano e invitiamo i genovesi a parteciparvi.”

A seguito della vittoria in Sicilia del Parioli su Palermo (4-2), i laziali volano in testa al girone con 6 punti seguiti dal Park, a 4 punti. Terzo Schio con 1 punto, fanalino di coda Palermo, bloccato a 0.


TAG:

Lascia un commento