Il torneo di Bergamo Copertina, Future

Adelchi Virgili sogna il primo titolo

09/06/2016 23:23 18 commenti
Nella foto Adelchi Virgili - Foto di Antonio Milesi):
Nella foto Adelchi Virgili - Foto di Antonio Milesi):

Il talentuoso toscano vince una bella partita contro Oliveira, poi viene fermato dalla pioggia mentre conduceva contro la baby-speranza Orlando Luz. Sempre dolorante alla schiena, spera di intascare il primo titolo Future in carriera. Ancora pioggia al Città dei Mille: per ora, solo il brasiliano Sorgi in semifinale.

Ogni volta che vede giocare Adelchi Virgili, l’appassionato di tennis si pone mille domande. Com’è possibile che un tennista del genere non sia mai entrato tra i top-500 ATP? Com’è possibile che non abbia mai vinto un titolo da professionista, almeno in singolare? Le ragioni sono molte, non tutte legate a colpe o volontà di Adelchi (su tutte un dolore alla schiena che lo attanaglia da anni), ma non tolgono l’estremo fascino del personaggio. “Bobo” è dotato di un talento sopraffino ed è una persona intelligente, con una delicatezza di pensiero superiore a quella di molti colleghi. Il pubblico del Tennis Club Città dei Mille lo sta adottando nella sua avventura al Trofeo Banca Popolare di Bergamo – Memorial Mauro Capponi (10.000$, terra), ancora falcidiato dalla pioggia. Degli otto match di singolare previsti nella giornata di giovedì, il maltempo ne ha fatti concludere quattro, tra cui il match di Adelchi contro il portoghese Goncalo Oliveira. I due sono rimasti in campo per oltre due ore e mezza, ma l’ha spuntata l’azzurro con il punteggio di 7-6 3-6 6-3. Nel frattempo, sul campo centrale, si consumava una sorpresa: la prima testa di serie, l’australiano Gavin van Peperzeel, veniva eliminata dal giovane brasiliano Orlando Luz, il cui stato di forma è impressionante. Giunto a Bergamo direttamente da Parigi, dove ha raggiunto la finale di doppio al Roland Garros junior, Luz si sta facendo valere anche in singolare è si è imposto con un doppio 6-4. In virtù delle buone condizioni del carioca, assume un certo valore il primo set portato a casa da Virgili nel loro match di quarti, prima che la pioggia facesse capolino. I due torneranno in campo nella mattinata di venerdì, insieme agli altri due quarti che devono ancora iniziare (il derby azzurro Pellegrino-Bellotti e quello australiano O’Connell-Banes). Dopodiché, non prima delle 13, inizieranno le semifinali.

Lo stop per pioggia potrebbe anche essere positivo per Virgili, che avrebbe potuto pagare le fatiche della mattinata. Invece potrà scendere in campo con qualche ora di riposo in più e partirà da una situazione di vantaggio. Per adesso, il torneo del Città dei Mille vanta un solo semifinalista: si tratta del brasiliano Joao Pedro Sorgi, bravo a superare l’azzurro Jacopo Stefanini con il punteggio di 6-3 7-6. Tanti rimpianti per l’azzurro, che nel secondo set è arrivato ad un passo dall’allungare la sfida. Tra i primi quattro, dunque, ci va il brasiliano di Sertaozinho, numero 558 ATP, al primo impegno stagionale in Europa dopo tanti tornei tra nord e sud America. Quest’anno ha giocato una finale in Argentina e si è anche qualificato per il torneo challenger di San Paolo. In semifinale se la vedrà con il vincente del derby tutto australiano tra Banes e O’Connell. Nella giornata di venerdì, tra l’altro, sono previste le semifinali e la finale del doppio: ancora in gara il doppio tutto azzurro Crepaldi-Rondoni e quello composto dallo specialista Matteo Volante in coppia con il tedesco Jakob Sude. Sarà una grande giornata di tennis, nella speranza che il cielo dia un po’ di tregua…


TAG:

18 commenti. Lasciane uno!

Mattia mazzarri (Guest) 10-06-2016 16:07

Poteva diventare un top 10 pero é stato falcidiato dagli infortuni dai 14 anni in poi

18
Mattia mazzarri (Guest) 10-06-2016 16:05

All’età di 12 anni era già 2.8 a livello nazionale

17
e-team (Guest) 10-06-2016 14:37

Virgili di titoli ne avrebbe vinti a bizzeffe se non fosse stato sfortunato fisicamente….Categoria assoluta di tennis, colpi da grande giocatore senza ombra di dubbio….Virgili mi ricorda Palpacelli Roberto, ora 45 enne dal talento incredibile….Gente così è un piacere vederli giocare e chi se ne frega se “non sono tennisti”

16
marnap 10-06-2016 12:55

Pensavo che l’età minima per partecipare a un torneo pro fosse 14 anni,come poi è effettvamente avvenuto…

15
Bozz (Guest) 10-06-2016 11:54

Scritto da marnap
Ma è vero che Adelchi ha esordito in un Challenger nel 2002,e cioè a 12 anni?Sarebbe un record credo…

Challenger di Mantova, 2002, adelchi sorteggiato al 1 turno di quali contro tale Nicolas todero..ma alla fine si ritirò prima di scendere in campo, il suo esordio a livello pro avvenne nel 2004

14
terranovas 10-06-2016 11:35

Bell’articolo su Bobo !
Mi è piaciuto tanto perché ha sottolineato anche le doti umane di questo ragazzo che ci regala emozioni vere ogni volta che scende in campo.
Non rispondo neppure a chi si permette di criticarlo:
semplicemente non capisce nulla di tennis e occorre qualche anima gerntile che lo introduca ai rudimenti di questo sport affinché lo possa apprezzare…

13
marnap 10-06-2016 10:47

Ma è vero che Adelchi ha esordito in un Challenger nel 2002,e cioè a 12 anni?Sarebbe un record credo…

12
alberto (Guest) 10-06-2016 09:43

@ ragazzodiferro (#1619133)

Un’occasione persa per stare in silenzio…

11
alberto (Guest) 10-06-2016 09:43

@ ragazzodiferro (#1619133)

Un’occasione persa per stare in silenzio…

10
alberto (Guest) 10-06-2016 09:42

@ ragazzodiferro (#1619133)

Un’occasione persa per stare in silenzio…

9
Frank Falupa (Guest) 10-06-2016 09:38

Scritto da Solo Titano
Che gufata..
Comunque per chi già rompe per le troppe righe spese, è il comunicato del circolo..l’hanno fatto l’altro giorno su Olivera, Di Nicola, Luz..insomma non è che passiamo da Federer a Becuzzi eh..se parliamo del camper del portoghese, due righe su Adelchi non sono un sacrilegio

Chissà se questa volta l’utente Elio avrà capito perché, a volte, si può pronunciare il nome di… Becuzzi ‘invano’. O anche lui appartiene alla categoria dei ragazzidiferro – ossia, dei duri di comprendonio – che non capiscono il significato simbolico di ciò che è fuori dall’ordinario? Ai posteri o l’ardua sentenza.

8
al (Guest) 10-06-2016 09:12

Scritto da ragazzodiferro
non capisco perchè tante righe spese per un non più giovane che non ha mai vinto un titolo: si ha talento…e allora? Fortuna, Naso, Bega, Vilardo, Bortolotti mi pare hanno fatto più di lui ma di articoli a loro dedicati non ne vedo mai.

Ragazzodiferro, lo pensavo anche io.

Poi l’ho visto giocare contro Albert Ramos (non mi ricordo neanche dove…forse in Piemonte o a Genova).

Perderci sul filo di lana al terzo, con un tennis superiore, un tocco sotto rete da erbivoro e una velocità di palla doppia (e Ramos non tira piano).

E ho pensanto “ma che ci fa questo nei future?” per poi scoprire che era n.840….

Si forse è sbagliato scriverne tanto…ma consentimi se ogni tanto vedo giocare un tennis da ATP ….è un gran bel guardare….poi di sicuro non lo farà sempre sennò sarebbe nei top 50.

7
galimba (Guest) 10-06-2016 08:41

Scritto da ragazzodiferro
non capisco perchè tante righe spese per un non più giovane che non ha mai vinto un titolo: si ha talento…e allora? Fortuna, Naso, Bega, Vilardo, Bortolotti mi pare hanno fatto più di lui ma di articoli a loro dedicati non ne vedo mai.

Io non capisco perchè non lo capisci!

6
Solo Titano (Guest) 10-06-2016 07:22

Che gufata..

Comunque per chi già rompe per le troppe righe spese, è il comunicato del circolo..l’hanno fatto l’altro giorno su Olivera, Di Nicola, Luz..insomma non è che passiamo da Federer a Becuzzi eh..se parliamo del camper del portoghese, due righe su Adelchi non sono un sacrilegio

5
Nevskij (Guest) 10-06-2016 00:45

Tutto perfetto, ma vorrei dire all’anonimo articolista che i “carioca” sono gli abitanti di Rio de Janeiro. Il termine in modo del tutto inappropriato viene esteso ai brasiliani. Per spiegarmi in maniera elementare, è come se io dicessi “milanesi” per intendere tutti gli italiani…

4
rickybull 10-06-2016 00:27

@ ragazzodiferro (#1619133)

Semplicemente perché ha spunti da top 100 ma senza la necessaria continuità ed integrità fisica, se ami il tennis non puoi restare indifferente al talento di Virgili anche se non vincerà mai in future o entrerà nei primi 300. Però chi ha visto oggi gli ultimi 2 game con Luz ha visto colpi che non vedi nemmeno nei challenger. Continua pure a non capire, a molti di noi va bene anche così.

3
Ross (Guest) 10-06-2016 00:15

Scritto da ragazzodiferro
non capisco perchè tante righe spese per un non più giovane che non ha mai vinto un titolo: si ha talento…e allora? Fortuna, Naso, Bega, Vilardo, Bortolotti mi pare hanno fatto più di lui ma di articoli a loro dedicati non ne vedo mai.

Si ma tutti quelli che hai nominato non hanno né la metà del suo talento né 1/10 della sua sfortuna

2
ragazzodiferro 09-06-2016 23:46

non capisco perchè tante righe spese per un non più giovane che non ha mai vinto un titolo: si ha talento…e allora? Fortuna, Naso, Bega, Vilardo, Bortolotti mi pare hanno fatto più di lui ma di articoli a loro dedicati non ne vedo mai.

1

Lascia un commento