Resonto da Manerbio Challenger, Copertina

Resoconto da Manerbio: Lorenzo Giustino, il calvario è alle spalle

23/08/2015 18:57 2 commenti
Lorenzo Giustino classe 1991, n.329 del mondo - Foto Felice Calabrò
Lorenzo Giustino classe 1991, n.329 del mondo - Foto Felice Calabrò

Reduce da una lunga serie di infortuni, il campano che vive a Barcellona vuole prendersi la possibilità di giocare in Australia. “Vi racconto il mio calvario: succede quando ti trascuri. L’ho pagata cara, ma ora ho imparato”. Intanto si qualifica alla grande a Manerbio.

Se ci fosse un ranking ATP dei tennisti più simpatici e spontanei, Lorenzo Giustino sarebbe certamente tra i top-10. Il 24enne nato a Napoli e cresciuto a Barcellona sorride anche nei momenti più difficili, e negli ultimi 12 mesi ne ha vissuti tanti. Ormai a ridosso dei top-200 ATP, era ad un passo dal salto di qualità più entusiasmante quando è stato travolto dagli infortuni. Dopo aver cambiato racchetta ha iniziato a sentire dolore al braccio ed è piombato in una spirale negativa che lo ha fatto retrocedere fino alla 500esima posizione. Tutto da rifare. “I maestri che ho avuto prima di andare all’accademia di Sergi Bruguera mi dicevano che che avrei dovuto passare sopra la sofferenza, giocando anche con il dolore. Ho scoperto sulla mia pelle che si tratta di un pensiero sbagliato: devi saper soffrire, ci mancherebbe, ma se senti dolore non puoi mai sottovalutarlo. Risultato? Frattura alle vertebre e una quasi artrite al gomito. Non avevo quasi più cartilagine, non riuscivo a sollevare neanche una bottiglia d’acqua”. Giustino, che ha festeggiato una bella qualificazione al Challenger di Manerbio – Trofeo Dimmidisì (42.500€, terra), ha ritrovato se stesso quando ha iniziato a farsi seguire (per la parte atletica e medica) dal CAR (Centro di Alto Rendimento) di Barcellona.

“Mi hanno detto che col dolore non avrei dovuto giocare. Mi hanno trovato un edema osseo, lesioni croniche ai tendini…di tutto. Ho commesso l’errore di continuare a giocare. Molti ricorderanno la scena in cui fui bloccato dai crampi. Accadde per un semplice motivo: prendevo il Voltaren da 45 giorni. Preso così a lungo distrugge il corpo e tra gli effetti collaterali ci sono anche i crampi”. Nel 2015, piano piano, le cose sono migliorate. Ha cambiato racchetta, utilizza l’antivibrazioni e il nuovo modello è in kevlar, dunque più morbido. “Ma all’inizio ho fatto una gran fatica: commettevo 20-25 doppi falli a partita e mi hanno trovato anche un edema all’anca. Queste cose succedono quando ti trascuri: io l’ho pagata cara e adesso spendo tantissimo per la prevenzione: oltre al preparatore atletico abbiamo fisioterapista, nutrizionista, psicologo…capita di avere un dolore da poco, ma deve restare tale. Io invece continuavo a giocare…”.

Lorenzo ha centrato il tabellone a Manerbio vincendo due buone partite nel doppio turno domenicale, sotto un cielo grigio ma quasi mai piovoso. Prima il norvegese Viktor Durasovic, poi lo spagnolo Enrique Lopez Peres. “La prima partita è stata durissima. Durasovic è giovane e ostico, si allena a Barcellona e se avessi perso mi avrebbero preso in giro…tra l’altro ci avevo perso qualche giorno fa ad Este. Sono partito male, giocavo solo in difesa, poi ho cambiato atteggiamento in risposta, mettendo i piedi ben dentro la riga. Si è trovato costretto a giocare in difesa e questo lo ha distrutto mentalmente. Dal 5-2 per lui ho fatto tre break di fila e il match è girato. Contro ‘Quique’ sono stato bravo a non distrarmi perché avrebbe potuto riprendermi da un momento all’altro. Lo conosco bene, siamo amici d’infanzia, da bambini eravamo due ‘teppistelli’ che distruggevano i circoli. Lui aveva problemi al polso ed era condizionato, ma io ho giocato con la giusta intensità, ho fatto anche serve and volley e ho letto bene le sue palle corte”. Oggi Giustino è numero 329 ATP, un ranking che gli sta stretto: “Quest’anno ho dovuto giocare tantissime qualificazioni di challenger, ho vinto tante partite ma non ho raccolto i punti che forse avrei meritato. Obiettivo stagionale? Mi piacerebbe raccogliere i punti sufficienti per andare in Australia…ce ne vogliono un centinaio”. Giustino non è mai andato oltre il numero 217 ATP, ma ha una storia divertente da raccontare. “L’anno scorso avevo raccolto i punti necessari per entrare tra i primi 200. Sarei dovuto arrivare intorno al numero 183….ma quella settimana non uscì la classifica ATP perché piovve a Miami, costringendo a giocare la finale di lunedì. Il problema è che la settimana dopo mi scadevano dei punti, così non ho avuto la soddisfazione di entrare tra i top-200, anche se solo per una settimana! Proprio per questo, mi piacerebbe chiudere l’anno con questo benedetto “1” come prima cifra”. Giustino adotta un tennis intenso, aggressivo, ricorda vagamente quello di Juan Carlos Ferrero. “Può darsi, anche se lui tirava la palla corta molto meglio di me!”. A proposito di top-players, lavorando nell’accademia di Sergi Bruguera ha avuto modo di conoscere e allenarsi con Richard Gasquet: “Sta migliorando tantissimo e si vede solo quest’anno perché nel 2014 ha avuto gravi problemi alla schiena. E’ un bravissimo ragazzo, forse un po’ timido…il suo rovescio è fantastico ma gioca bene anche con il dritto. Molti gli dicono che è scarso con quel colpo e lui finisce per crederci. Sergi ha dovuto lavorare molto sull’atteggiamento positivo. Allenarsi con lui è stratosferico, sembra che renda tutto più lento e armonioso. E’ tutto molto ordinato, quello che Sergi prova a fare con me”.

Giustino è l’unico italiano ad aver superato le forche caudine delle qualificazioni. Gli altri due azzurri in gara domenica, Davide Pontoglio e Matteo Trevisan, si sono fermati rispettivamente al secondo e al terzo turno. Il bresciano, eroe nella giornata di sabato, ha perso con onore contro il portoghese Frederico Ferreira Silva (n.292 ATP), molto potente soprattutto con il dritto.

Sfruttando qualche errore altrui, Pontoglio si è aggiudicato il primo set e ha fatto sognare il pubblico. Con l’andare dei minuti, tuttavia, Ferreira Silva ha registrato il suo tennis e ha fatto valere una pesantezza di palla decisamente maggiore. E’ finita 3-6 6-2 6-2 ma per Pontoglio resta un’ottima esperienza: ha capito di potersela giocare a un livello che fino a pochi giorni fa gli era sconosciuto. Il portoghese ha poi eliminato Trevisan al turno decisivo: il toscano si è ritirato quando era in svantaggio 6-4 3-2 per un dolore al quadricipite. Ha preferito fermarsi per non rischiare: peccato, perché nei due match vinti aveva mostrato una buona condizione. Lunedì scatta il main draw. Oltre ai primi doppi, si giocheranno cinque incontri di singolare: subito in campo tre italiani: Federico Gaio, Salvatore Caruso e Riccardo Bellotti. In chiusura di programma, non prima delle 17.30, esordirà la prima testa di serie, lo spagnolo Daniel Munoz De La Nava, che nel 2015 sta vivendo una seconda giovinezza: ha vinto due challenger (Napoli e Mosca) più altri buoni risultati che lo hanno issato al numero 104 ATP, sua miglior classifica di sempre. Chissà che il Trofeo Dimmidisì non possa dargli il lasciapassare definitivo per gli agognati top-100.


TAG: , , , ,

2 commenti

gido 23-08-2015 20:29

Un in bocca al lupo a Lorenzo perche’ riesca a realizzare i suoi intendimenti gia’ nel corso dell’anno!

2
Elio 23-08-2015 19:01

Dai Lorenzo ! 1T non proibitivo contro Crepaldi. 😉

1