Caos Scommesse Copertina, Generica

Caos Scommesse: Parlano Daniele Bracciali ed i suoi avvocati

09/08/2015 08:16 23 commenti
Daniele Bracciali radiato in primo grado
Daniele Bracciali radiato in primo grado

Apprendiamo le dichiarazioni di Daniele Bracciali e dei suoi avvocati dopo aver ricevuto in primo grado la radiazione nel processo sportivo che si è concluso due giorni fa.

Daniele Bracciali: “Ho appreso con grande sgomento la decisione del tribunale federale della Fit, che reputo assolutamente ingiusta ed ingiustificabile nei confronti miei e di Potito Starace. Sia io che Potito non abbiamo commesso alcun illecito sportivo e, men che meno, reati penali, per cui confido che alla fine la nostra innocenza venga affermata. Ovviamente ho già incaricato i miei legali, gli avvocati Alberto Amadio e Filippo Cocco di Rimini, di procedere quanto prima alla presentazione dell’appello che spero venga fissato rapidamente e celebrato pubblicamente perché non ho nulla da nascondere. Del resto ho sempre chiesto che la stampa fosse ammessa alle udienze, già a partire dal primo grado, proprio perché gli effetti mediatici di questo processo hanno procurato e continuano a procurare danni che nessuna assoluzione potrà mai riparare”.

Avv. Alberto Amadio: “Sono dispiaciuto per i tennisti che davvero non meritavano tale sentenza. Ritengo però che in appello essa dovrà necessariamente essere annullata, fondandosi su elementi solo presuntivi e assolutamente non condivisibili che, se anche considerabili in fase di indagine, non possono in alcun modo trovare spazio in una sentenza di condanna senza il benché minimo riscontro e a fronte di un quadro probatorio di ampia portata a favore degli indagati. Inoltre, tutta la procedura si è caratterizzata da una serie di violazioni processuali che non potranno certo sfuggire ad un più attento esame da parte della Corte d’Appello Federale. Lunedì 10 agosto verrà dunque da noi depositato l’appello con richiesta di immediata sospensione del provvedimento di primo grado”.

Avv. Filippo Cocco: “È un giorno triste per il tennis italiano, non per le presunte responsabilità dei tennisti, ma per la qualità dell’amministrazione della giustizia sportiva che, con questa sentenza, esce perdente specialmente a fronte del richiamo che il nuovo codice indirizza all’art.111 della Costituzione, ovvero al giusto processo. Non si possono condannare atleti che hanno vestito la maglia della nazionale solo sulla base di presunzioni, tutte superate da prove contrarie che neppure vengono prese in considerazione nella sentenza. A titolo esemplificativo è possibile ricordare come il nostro consulente di parte, il generale Umberto Rapetto, non sia stato neppure ammesso a testimoniare e come in sentenza la sua consulenza non sia stata neppure menzionata. Non sono state neppure considerate le testimonianze di tutti i tennisti ascoltati in indagine dalla Procura che hanno escluso categoricamente di essere mai stati avvicinati da Bracciali. Si è preferito credere a Bruni che non a tutti i tennisti della federazione”.


TAG: , ,

23 commenti. Lasciane uno!

lunenburg (Guest) 10-08-2015 12:05

io invece mi focalizzerei sulle dichiarazioni dell’ interessato.
per questo ribadisco che sarebbe interessante leggere DIRETTAMENTE le carte più rilevanti
così il massimo della trasparenza potrebbe esser dato, ad esempio, da una chat, magari su livetennis. DIRETTAMENTE tra gli interessati e chiunque vi voglia partecipare, a domanda e risposta
d’ altronde sembra che sia la volontà stessa dell’ interessato stesso nelle sue dichiarazioni, nessuna mediazione, e i fatti al di là della giustizia. sportiva o ordinaria che sia

la possibilità dell’ interessato di parlare DIRETTAMENTE alle persone, e di rispondere così alle domande delle persone stesse, che così si possono fare un’ idea, non viziata fatalmente da chi riporta le notizie

così forse ci si può fare un’ idea di come vanno le cose nel tennis al di là del commento del risultato sportivo
permettendo agli interessati di raccontare come sono andate e vanno le cose. se vogliono

e a chi legge di capire e sapere. veramente

un idea sviluppabile….?

23
Vince 09-08-2015 21:57

quante chiacchiere gli avvocaticchi

22
lunenburg (Guest) 09-08-2015 15:46

sarebbe interessante se il sito potesse acquisire e pubblicare dalla Fit non solo la sentenza, ma anche le cosiddette “carte”, i documenti più rilevanti su cui si basa la sentenza della giustizia sportiva. in tal modo chi allora legge si rende VERAMENTE conto, ed è in grado di farsi una propria opinione, non basata solo sui titoli o sui commenti degli articoli, di quello che è successo. di quali sono i comportamenti in concreto incriminati nelle persone coinvolte. anche perché solo leggendo la sentenza i 2/3 della decisione riguarda problemi procedurali, non quello che è successo. per il resto credo che gli avvocati, come tutti i professionisti, facciano il loro mestiere. così forse il leggere direttamente il testo delle telefonate intercettate, o vedere che, come sembra, le persone parlassero tra di loro attraverso più schede telefoniche, o altre condotte permette a ciascuno di farsi un’ idea più precisa di quello che è successo. e di quello che forse succede quotidianamente. al di la delle dichiarazioni di stampa. con le scommesse. o altro…..

21
magilla (Guest) 09-08-2015 14:49

scusate l’ignoranza….ma sto bruni chi è?

20
Camaleonte (Guest) 09-08-2015 14:42

Ma su Starace che prove ci sono ? Da quello che ho letto non ha mai parlato con nessuno ma è stato fatto il suo nome da altri. Io credo alla sua innocenza!

19
Gianfranco (Guest) 09-08-2015 14:37

Bracciali,alcune volte è meglio tacere….

18
sander (Guest) 09-08-2015 14:19

@ eunosio (#1416255)

Gli avvocati dovrebbero contribuire a ricercare la verità invece andando in pasto al dio denaro a volte difendono l’indifendibile attaccandosi a mezzucci che loro reputano sintomo di capacità e di esperienza e invece sono tristi arrampicamenti sugli specchi che portano a un inesorabile decadimento morale.
Il sistema così com’è è un cancro della società che in taluni casi porta grossi problemi a cittadini innocenti.
Questo discorso è generale e non è specificamente rivolto al caso bracciali Starace dove non ho letto le carte

17
LuchinoVisconti (Guest) 09-08-2015 14:02

Scritto da Fabio

Scritto da renzopu
Stesse cose che dissero la juve e moggi. Forse non hanno capito che per la giustizia sportiva non serve un reato penale.infatti perdere apposta non é reato ma non puoi pretendere di essere innocente dopo aver sentito quelle intercettazioni

…ovvero bisogna avere veramente la faccia come il ….

16
intrepid 09-08-2015 13:41

@ renzopu (#1416248)

accettando ha evitato conseguenze ancora peggiori… fa parte di strategia processuale. poi, ripeto, di moggi penso tutto il male possibile ma tanti altri avevano comportamenti analoghi e nulla è successo.

15
eunosio (Guest) 09-08-2015 12:38

gli avvocati in questo paese hanno licenza di mentire.. devono difenere dicendo la verità non le menzogne

ma una legge che li punisca (loro non i clienti) per ogni menzogna detta?!

Non gli si può mica consentire poi di accusare (e quindi intimidire)
chi deve giudicare i loro assistiti. E’ un sistema mafisoso quello che permette agli avvocati di sparlare dei giudici sulla stampa
Che facciamo, se non giudichi il mio cliente come dico io allora cerco di sputtanarti sulla stampa????????

c’è una sede, quella del giudizio, per sostenre, le proprie tesi (che devono essere per lo meno plausibili). Mica si può andare sulla stampa senza contraddittorio a cercare di sputtanare gli organi del giudizio

14
pio_procida 09-08-2015 12:34

A Volandri è andata di lusso 🙄

13
renzopu (Guest) 09-08-2015 12:26

Scritto da intrepid
@ renzopu (#1416154)
l’analogia mi pare fuori luogo. se vuoi dire che moggi è un personaggio moralmente pessimo mi trovi perfettamente d’accordo ma non mi risulta che le intercettazioni provino partite “aggiustate”. tutta quella situazione emerse a seguito del cambio dei “padroni del vapore” (guido rossi presidente federcalcio non fu cosa meno grave di quanto fatto da moggi) ed è ormai acclarato che tanti dirigenti sportivi di altre squadre (senza far nomi di defunti) tentavano di esercitare pressioni nei confronti degli arbitri analogamente a moggi. ma la cosa più ridicola in assoluto fu la penalizzazione del milan, arrivato secondo, allo scopo palese e sfacciato di assegnare lo scudetto all’inter e viene il dubbio che se l’inter quell’anno si fosse classificata quattordicesima avrebbero penalizzato le prime 13!
ricordando quella stagione calcio-scandalistica, mi chiedo ancora se ci sia più da scandalizzarsi o da ridere.
scusate l’o.t.

Io parlavo per le intecettazioni
Poi quando il suo presidente di societá accetta di scendere in serie B, non un nemico della juve, e sapeva come andavano le cose, ha ritenuto moggi responsabile.

12
umbes18 (Guest) 09-08-2015 12:22

@ intrepid (#1416217)

Commento giustissimo . tutto quello che hai detto è stato dimostrato in tribunale . ricordiamoci poi che da farsopoli è iniziato il decadimento del calcio italiano. Sui vari siti sportivi vedo addirittura gente invoca un farsopoli 2 perchè la juve vince da 4 anni incontrastata :mrgreen:

11
individuo malefico (Guest) 09-08-2015 12:16

Una mia riflessione….ipotizziamo che Bracciali e Starace siano davvero colpevoli….uso il condizionale…ma i soldi dove sono finiti…la guardia di finanza in 24 ore sarebbe in grado sicuramente di scovare i soldi….a meno che non siano stati sotterrati in giardino,……perché qua ci sarebbero anche i presupposti di una eventuale evasione fiscale…..mi auguro che bracciali e Starace possanio dimostrare la loro innocenza…altrimenti sarebbe una cosa veramente tristissima…..

10
Roger Rose (Guest) 09-08-2015 12:12

Innocente! Lui intendeva accordarsi…ma la racchetta… C’è stato un fraintendimento

9
intrepid 09-08-2015 11:29

@ renzopu (#1416154)

l’analogia mi pare fuori luogo. se vuoi dire che moggi è un personaggio moralmente pessimo mi trovi perfettamente d’accordo ma non mi risulta che le intercettazioni provino partite “aggiustate”. tutta quella situazione emerse a seguito del cambio dei “padroni del vapore” (guido rossi presidente federcalcio non fu cosa meno grave di quanto fatto da moggi) ed è ormai acclarato che tanti dirigenti sportivi di altre squadre (senza far nomi di defunti) tentavano di esercitare pressioni nei confronti degli arbitri analogamente a moggi. ma la cosa più ridicola in assoluto fu la penalizzazione del milan, arrivato secondo, allo scopo palese e sfacciato di assegnare lo scudetto all’inter e viene il dubbio che se l’inter quell’anno si fosse classificata quattordicesima avrebbero penalizzato le prime 13!
ricordando quella stagione calcio-scandalistica, mi chiedo ancora se ci sia più da scandalizzarsi o da ridere.
scusate l’o.t.

8
Goergestuttalavita (Guest) 09-08-2015 11:29

La vedo dura ribaltare una sentenza che si appoggia a ore e ore
di intercettazioni telefoniche chiarissime. Basta poi andare a verificare se le partite concordate al telefono si sono chiuse come programmato dai ..rioli.

7
mirko.dllm (Guest) 09-08-2015 10:02

Io penso che oltre chi altera partite e tutti gli incontri sui quali è possibile scommettere,nel mondo delle scommesse per me spesso sono marci anche coloro che scommettono abitualmente,per non dire in modo ossessivo,arrivando così a rovinarsi,e quel che è peggio,trascinando nella rovina anche le loro famiglie,e chi vuole loro bene,spesso ignari del tutto del vizio della persona malata per il gioco.Fosse per me le abolirei proprio le scommmesse,perchè pur di monetizzare al massimo,trovo assurdo che si sia arrivati a scommettere perfino su eventi minori.Io non penso che chi invece scommette saltuariamente sia inferocito allo stesso modo verso chi altera i risultati degli incontri,anche perché dentro di se,lo sa già che c’è questo rischio concreto.

6
stankosky 09-08-2015 09:55

vergogna!!!!!

5
Fede (Guest) 09-08-2015 09:53

Finiscila bracciali…sei stato sempre una persona antipatica ora sparisci!! Manco la serie b ad Arezzo ti devono far giocare!!

4
Fabio (Guest) 09-08-2015 09:35

Scritto da renzopu
Stesse cose che dissero la juve e moggi. Forse non hanno capito che per la giustizia sportiva non serve un reato penale.infatti perdere apposta non é reato ma non puoi pretendere di essere innocente dopo aver sentito quelle intercettazioni

…ovvero bisogna avere veramente la faccia come il ….

3
renzopu (Guest) 09-08-2015 08:44

Stesse cose che dissero la juve e moggi. Forse non hanno capito che per la giustizia sportiva non serve un reato penale.infatti perdere apposta non é reato ma non puoi pretendere di essere innocente dopo aver sentito quelle intercettazioni

2
grandepaci (Guest) 09-08-2015 08:33

ma si vergognino le telefonate erano chiarissime avvocati sono la rovina dellla societa´ 😉

1