Il torneo di Padova Copertina, WTA

ITF Femminile Padova, Ormaechea e Jani volano in finale

13/06/2015 20:31 Nessun commento
Nella foto Jil Belen Teichmann, classe 1997, n.515 WTA
Nella foto Jil Belen Teichmann, classe 1997, n.515 WTA

E’ finita come da pronostico la prima semifinale dell’ITF Femminile Padova vinta dalla tennista argentina Paula Ormaechea che in tre set ha battuto la brasiliana Gabriela Ce 3-6 6-3 6-3. E’ stato un derby latino dai due volti, con la prima parte del match nettamente appannaggio della Ce ed una seconda parte letteralmente dominata dall’argentina, che ha più che meritatamente strappato il pass per la finale. Il primo set ha dunque mostrato una Ormaechea sotto tono con la Ce fortunata e brava ad approfittarne. Anche il secondo set è iniziato sulla falsa riga del primo, con la Ce capace di portarsi a casa i primi due game. A quel punto sembrava che il suo torneo potesse protrarsi sino all’atto conclusivo, un torneo che l’ha vista come una delle grandi protagoniste: nei turni precedenti l’atleta brasiliana era infatti riuscita a riscattare una stagione sin qui opaca rispedendo a casa sia la testa di serie numero 2 che la testa di serie numero 5. Il 2-0 col quale la Ce ha iniziato il secondo set lasciava in definitiva pensare ad una vittoria ‘scontata’ e invece l’Ormaechea è riuscita a rientrare clamorosamente in gara. Da lì in poi l’argentina è riuscita a vincere ben 6 game lasciandone solo uno all’avversaria. Stesso identico andamento per la terza e ultima frazione: la Ce appariva ormai fuori partita con il parziale finale (3-6) a non risultare specchio fedele di quanto visto in campo. L’impressione è che l’Ormaechea abbia dosato le forze per poi spingere nel momento decisivo: meritato il suo approdo in finale.

La sudamericana dovrà vedersela contro l’ungherese classe 91 Reka-Luca Jani che nella seconda semifinale ha eliminato Jil Teichmann imponendosi col punteggio di 6-3 6-3. Dopo aver battuto le teste di serie numero 3 e numero 6, la Jani chiude dunque il cerchio centrando la quarta finale di un 2015 sin qui esaltante: nelle altre tre finali l’atleta ungherese è riuscita ad imporsi solo una volta nell’ITF Femminile di Chiasso, l’auspicio dunque è quello di poter ottenere il secondo successo stagionale. La Jani si è dimostrata molto solida e concreta nell’opporsi agli attacchi della pur volitiva Teichmann, giovanissima classe 97 di grande prospettiva. L’atleta nata a Barcellona e naturalizzata svizzera, che ha avuto accesso al torneo grazie alla wild card, ha impressionato per il livello di tennis espresso, un percorso di crescita il suo che prosegue sin dallo scorso anno, quando la quasi 18enne è riuscita a salire sino al terzo posto al mondo a livello juniores. Ottimo il suo torneo, la finale sarebbe stata la ciliegina sulla torta ma la sconfitta non mina minimamente l’ottimo percorso svolto. Appuntamento a domani dunque, sarà una finale da non perdere.


Massimo Calamuneri


TAG: , , ,

Lascia un commento