L'azzurro gioca la prima semifinale in un Masters 1000 ATP, Copertina

Masters 1000 Miami: Sinner è in finale!!! Rimonta un set a Bautista Agut e vince con classe e grinta da campione (Liveblog)

02/04/2021 23:06 522 commenti
Jannik Sinner, 19 anni
Jannik Sinner, 19 anni

GAME SET MATCH SINNER!!!!!! Incredibile vittoria di Jannik, supera in rimonta Roberto Bautista Agut (5-7 6-4 6-4) e conquista la prima finale Masters 1000 in carriera, dove affronterà Hubert Hurkacz.

Una vittoria pazzesca per l’azzurro perché arrivata in un match in cui era partito male, ed è maturata con la sua incredibile forza mentale e fisica che gli consente di giocare DA CAMPIONE nei momenti decisivi. Una forza calma, che travolge i rivali nei momenti decisivi.

L’ultimo gioco del match è stato un’apoteosi, un crescendo wagneriano, l’assolo del primo violino, un lampo in cui ha piegato il match al suo volere. Roba che solo un tennista completo e fortissimo può solo immaginare. Tensione? No. Nel game decisivo, 5-4 al terzo e in risposta, Jannik Sinner non trema, non indugia, ma alza al massimo il livello. Conquista 4 punti di fila, di forza, di potenza; di diritto e di rovescio (due vincenti cross da sinistra strabilianti), incidendo dalla risposta, sbattendo fuori campo il rivale con un’accelerazione incredibile e via, piedi in campo a chiudere col vincente. Questa la fotografia esatta di un campione sul piano tecnico e mentale, lucidissimo nonostante la poca esperienza e le oltre 2 ore di “mazzate” prodotte per restare in scia, rimontare e superare un tennista ottimo e sempre positivo come Bautista Agut.

Con l’adrenalina a mille, tutto potrebbe ora apparire facile, ma la vittoria di Jannik è stata invece difficilissima. Bautista è un giocatore vero, uno che sguazza come pochi su questi campi rapidi ma non rapidissimi; uno che non ti regala niente e che devi battere tu, con forza e coraggio; uno che è difficilissimo da sfondare e che con i suoi colpi piatti si appoggia benissimo sulla tua forza, restituendoti con gli interessi il tuo forcing. Uno difficile da battere, sia fisicamente che mentalmente. Devi esser pronto alla pugna, a tanto sacrificio, devi verticalizzare al momento giusto, piedi in campo e via a rete a chiudere, pronto a tirare 1, 2, 3 o anche 4 accelerazioni, prendendoti tanti rischi. È quel che è riuscito a fare l’azzurro, in un match in cui ha fatto anche molta fatica, perché in certe fasi Bautista gli è stato superiore per esperienza e si è visto. Ma Jannik è stato bravissimo a cancellare immediatamente quelle fasi e insistere, come se niente fosse, convinto che il suo gioco e il suo piano tattico fossero quelli per il successo. Così è stato.

Il match era iniziato malissimo per Jannik: evidentemente contratto, ha perso subito il servizio ed è stato costretto a rincorrere più volte nel match. Tanti errori all’avvio (soprattutto col diritto), il servizio l’ha sostenuto solo a tratti, alla risposta non sempre riusciva ad essere incisivo. Contro un avversario come Bautista, quel “famoso” metro di campo fa tutta la differenza del mondo, perché vuol dire prendere più o meno rischi, aver più o meno campo da difendere e per l’affondo. E molto di questo parte proprio dalla qualità e continuità dei colpi di inizio gioco. Sinner lì è stato altalenante, ma splendido nelle fasi decisive del match. Soprattutto nel terzo set, nonostante la fatica di una partita in cui ha spinto come un forsennato, e nonostante fosse sotto 1-3, ha continuato a crederci, a spingere. C’è stato un punto, proprio sotto 1-3 al terzo, a mio avviso decisivo. Uno scambio lungo, in cui Roberto era in controllo. Poteva essere il punto che stroncava mentalmente Jannik, ma… lui ha contenuto in difesa, ha arrancato, ha rimesso come poteva un paio di difese, e quindi con una coordinazione misteriosa ha piantato i piedi a terra e lasciato partire un rovescio cross bellissimo, che l’ha messo in condizione di ribaltare lo scambio e vincere il punto. Lì ha guardato il suo angolo. Quegli occhi erano infuocati. Lì ha sentito che ce la poteva fare, che il gap era colmabile, che poteva ancora vincere. E l’ha fatto, punto dopo punto, palla dopo palla, rimontando prima e scappando verso il successo poi.

Come l’ha vinta Jannik? Con coraggio. Con lucidità, perseguendo il suo piano tattico nonostante gli errori (oggi tanti, ben 53 alla fine, con 37 vincenti), ma soprattutto giocando bene nei momenti decisivi. Alcune accelerazioni cross di rovescio hanno spaccato scambi importanti; e sta diventando sempre più consistente uno schema tattico, forse il preferito dell’azzurro: scambio centrale di ritmo, diritto cross improvviso dal centro molto angolato, che sposta improvvisamente il rivale, diritto lungo linea di Sinner in avanzamento sulla palla più corta dell’avversario per il vincente o la comoda chiusura a rete. Con questo schema oggi ha vinto punti importanti perché sul contro piede da destra Bautista fa fatica a tirar su la palla in allungo con il suo movimento. Lucidissimo Jannik a sfruttare questa soluzione in vari momenti chiave del match.

Ci sarebbe ancora moltissimo da dire su questa partita, ma meglio fermarsi qua, e gustarsi il dolcissimo sapore della vittoria. Una vittoria sofferta, in una partita giocata non sempre benissimo. Questo rende ancor più la dimensione della classe di Sinner. Vince nonostante tanti errori. Vince nonostante la fatica. Vince nonostante sia andato sotto. Vince perché è fortissimo sul piano tecnico, tattico, mentale. Una vittoria che non solo gli vale la prima finale in Masters 1000, ma che è un altro carico di mattoncini dorati per costruire quel campione che può regalarci sogni che nemmeno osavamo immaginare… Grazie delle emozioni Jannik!

 

La cronaca della vittoria di Sinner nel — Liveblog —

 

21:39 – GAME SET MATCH  S – I – N – N – E -R !!!!

 

21:38 – altra BORDATA micidiale col diritto, 0-40 3 MATCH POINT!!!!

 

21:38  – Jannik inizia con una risposta precisa e poi un’accelerazione fulminante. 0-15! Seconda di servizio . . . .  altro rovescio CLAMOROSO cross, vincente, bellissimo, imprendibile, eccezionale. 0-30!!!

 

21:36  – Sinner di coraggio ne ha da vendere. Trova una bella prima e soprattutto un paio di accelerazioni davvero notevoli, nonostante la pressione del momento. Il diritto viaggia, inchioda nell’angolo il rivale, non lascia spazio al rivale. Con classe e attributi, Jannik ha giocato benissimo gli ultimi due turni di servizio, si conferma che la TESTA dell’azzurro è da Campione, nonostante la poca esperienza. 5-4 Sinner.

 

21:33  – 2h e 22 minuti. 4 pari. Siamo alla stretta finale. Qua serve testa, fisico, coraggio.

 

21:28  – La partita diventa durissima anche sul piano fisico. Sinner spinge tanto, ma dopo tanto pressing sbaglia. 15-30. Lo aiuta una bella prima, solida e precisa; quindi avanza con coraggio e sfida il passante del rivale per due volte. Il servizio e il coraggio lo aiutano a restare avanti, 4-3.

 

21:24  – Un diritto di scambio cross non è impattato “pieno” da Jannik, pareva fuori e invece pizzica la riga. 0-40, tre palle per il contro break!!!! Un’altra risposta molto angolata di Sinner provoca l’errore di Bautista. A zero perde il servizio, come Sinner in precedenza. 3 pari. Di nuovo equilibrio… che lotta! 85 punti Sinner, 84 Bautista, equilibrio quasi perfetto.

 

21:22  – Sesto game, Jannik prova a rimontare lasciando partire il braccio a tutta. Bellissimo il vincente di rovescio cross, imprendibile. Segue un’altra pallata al centro, così violenta che Roberto non si organizza coi piedi e affossa. 0-30, chance per Jannik!!!

 

21:19 – Sinner chiude gli occhi, è lucido e consapevole che l’allungo di Roberto potrebbe essere decisivo, è fondamentale vincere il quinto game per restare in scia. Con le unghia tiene il game di servizio, resta in scia 2-3.

 

21:16  – 11 punti di fila per Bautista, in controllo dello scambio in questa fase del match. Jannik ha perso campo, non riesce ad invertire l’inerzia con l’iberico salito in cattedra, bravissimo a verticalizzare e chiudere. Il dodicesimo punto vale il 3-1 Bautista, in amen ora in netto vantaggio nel set.

 

21: 14 – Terzo game, Bautista tira un paio di accelerazioni violente, improvvise. Adesso non vuole lasciare l’iniziativa a Jannik. 0-30. Martella a tutta Roberto, Sinner è in difficoltà a contenere, crolla 0-40, tre palle break per l’iberico… Tenta un rovescio in salto, ma la palla fila lunga. BREAK Bautista, avanti 2-1 e servizio. Il match ora è tutto in salita….

 

21:08 – Inizia bene il terzo set al servizio Jannik, iniziare in testa la corsa nel set decisivo può essere importante.

 

21:00 – Qualche numero: 17 errori per entrambi nel set, ma 11 winner Jannik, solo 3 Bautista. 56 minuti, e la fiammata dell’azzurro nel finale del set gli vale un meritato terzo set.

 

20:59  – Decimo game, Bautista commette un grave errore, classico non forzato. Segue un’accelerazione violenta di Jannik, che avanza e chiude di prepotenza. 0-30! Risposta SPLENDIDA cross di diritto, Bautista è “ribaltato”, chiude con un altro diritto Sinner. 0-40 T-R-E  S-E-T  P-O-I-N-T !!! Prima vincente di Bautista, cancella il primo. Eccolo! Bautista si fa ingolosire da una risposta corta di Sinner, tenta una smorzata che… NON passa la rete! SET SINNER, 6-4. Bravissimo l’azzurro a salvarsi in un game complicatissimo e spiccare il volo. Parziale di 8 punti a 1. Clamorosa impennata.

 

20:55  – Con pazienza l’allievo di Riccardo Piatti riprende la palla del servizio, spostata dal vento, chiede molto (giustamente) alla prima. Con 4 punti di fila, Jannik rimonta un complicato 0-30. Si porta avanti 5-4, di nuovo la pressione è sullo spagnolo.

 

20:52  – Sinner serve sul 4 pari, e inizia malissimo con un doppio fallo. Un discreto vento non lo aiuta, nessuno dei due, ma ancor più l’azzurro che spinge e si prende più rischi. Un bel contro piede porta l’iberico 0-30. Fase critica per l’azzurro.

 

20:49 – Sinner spinge, spinge e spinge ancora, apre l’angolo ma Bautista rimette tutto, e molto bene. Alla fine è Jannik a sbagliare con una bordata cross di poco fuori. Era una grande chance, avrebbe mandato l’azzurro a servire sul 5-3… Bautista si salva, è 4 pari. L’urlo di Roberto…

 

20:48 – Il nastro impenna la palla di Bautista, Jannik è velocissimo avanza e chiude. PALLA BREAK per Sinner!!!!

 

20:48  – Che scambio! Sul 30-0 Roberto rimette di tutto, Jannik si salva con un’acrobazia sotto rete. E quindi tocca male in avanzamento l’iberico 30 pari. Il game si complica…

 

20:43  – L’azzurro cancella la prima palla break con un cross di rovescio che pizzica un millimetro di riga, che rischio. Botta lungo linea e volée in allungo di rovescio (bella esecuzione!) per cancellare la seconda; cerca l’Ace al centro ma gli esce di poco… si scambia sulla terza. Bravissimo a chiudere l’angolo con un diritto cross con parabola più alta e quindi bordata nell’angolo scoperto. Salva le tre chance Jannik, grande lotta nel settimo game. Bautista trova un drive lunghissimo, guadagna campo e viene avanti a chiudere. È la quarta palla break nel game per Roberto. Granitico Jannik: servizio al centro e via accelerazione cross di rovescio in avanzamento, imprendibile. Benissimo in questa fase l’azzurro, più vicino con i piedi alla riga di fondo comanda e finalmente “sfonda” lo spagnolo. Chiude il game con un rovescio vincente. 4-3, con 4 palle break salvate, tre consecutive.

 

20:37  – Perde la pazienza Jannik, esagera con la rotazione nell’accelerazione di rovescio lungo linea uscendo dalla direttrice cross. La palla esce larga, è 0-40 e tre palle break per Bautista…

 

20:35 – Frustante per Sinner spingere tanto, ma ricavare così poco in questa fase del match. Si avanza sui turni di servizio, senza break. La sensazione è che Jannik possa “montare sopra” al rivale, ma Bautista non cede, non indietreggia, rimanda tutto appoggiandosi benissimo. Invece è l’azzurro a sbagliare due palle nel settimo game. 0-30… suona l’allarme, è un momento critico del match

 

20:33  – Fiondata micidiale di diritto cross per Jannik! In piena corsa, esce alla grande da un duro scambio con una soluzione meravigliosa. 30 pari. Peccato… Sinner inchioda il rivale sulla diagonale del rovescio, spinge tantissimo ma Bautista non sbaglia. Forza invece di poco fuori un diritto, si va ai vantaggi.

 

20:29  – Sinner martella, non si tira indietro e continua a spingere e rischiare. Vince un game rapido, e si porta 3-2. Il problema è incidere in risposta per tentare l’allungo.

 

20:25  – Quarto game, Bautista commette un paio d’errori non forzati, una rarità nel suo match, finora impeccabile. Si va ai vantaggi, ma Sinner non è riusce ad approfittare di questo minuscolo momento di appannamento del rivale. 2 pari.

 

20:15  – Sinner ci prova in risposta, accelera a tutta col rovescio e viene avanti appena intravede una chance… ma Bautista è un “muro”, rimette tutto, si appoggia bene e non regala niente. 1 pari. Non facile questa fase del match per l’azzurro, perché a sua volta l’iberico si appoggia molto bene sulla velocità di Jannik.

 

20:11  – Secondo set, Sinner inizia alla battuta. E inizia male, con un errore in spinta. Vince tre punti di fila Jannik ma non riesce a chiudere il game, Roberto si mette a spingere con una palla appena più alta e ben angolata, che mette l’azzurro fuori dalla sua posizione preferita. Si va ai vantaggi. Bravo Sinner, trova splendidi appoggi e boom, un rovescio lungo linea lascia fermo il rivale. 1-0 Sinner.

 

20:02  – Roberto serve per il set, e nel primo punto imbrocca un lob difensivo tanto bello quando fortunato… Quindi comanda e fa fare il “tergicristallo” a Jannik. 30-0. Grande esperienza nella fase delicata. Sinner centra male la risposta di rovescio, 40-0 e tre Set Point Bautista. Ok il secondo: Ace al T. 7-5 Bautista in 51 minuti. Un set tiratissimo, deciso con quel break nella stretta finale, tutto d’esperienza. 26 errori nel set per l’azzurro, troppi rispetto ai 17 dell’iberico. I soli 3 punti in più vinti da Roberto confermano il grande equilibrio del primo set. Altro numero importante: Bautista ha vinto 3 punti su 4 con la prima, Jannik il 61%.

 

19: 57 – Roberto sul 30 pari trova un’accelerazione improvvisa dal centro sul rovescio di Jannik, che stazionava piuttosto vicino alla riga di fondo. La risposta dell’azzurro è troppo difensiva, lo spagnolo avanza e chiude di potenza. Palla break pericolosissima… Lungo scambio, il primo a sbagliare è l’azzurro, col rovescio. BREAK Bautista, avanti 6-5 e servizio.

 

19:53  – L’esperienza di Bautista lo fa giocare molto sereno, spinge in sicurezza e Sinner – cercando l’affondo – esagera in un paio d’occasioni. 5 pari. Che battaglia adesso

 

19:49  – Sinner continua a capitalizzare lo schema scambio centrale -> diritto cross dal centro molto angolato che sposta improvvisamente Bautista -> diritto lungo linea di Sinner in avanzamento sulla palla più corta dello spagnolo. Schema che Roberto ancora non riesce a controbattere con efficacia. 5-4 Sinner, ora tutta la pressione sarà sull’iberico alla battuta…

 

19:44  – Bautista intuisce che non può lasciare l’iniziativa a Jannik, ora ben centrato e molto aggressivo, quindi spinge a tutta già dal primo colpo dopo il servizio, verticalizzando in lungo linea per allontanare Sinner dalla riga di fondo. Che profondità di scambio! 30 pari…

 

19:41  – La partita è “ufficialmente iniziata”. Entrambi ora scaricano pallate a tutta, aprendo moltissimo gli angoli. Roberto mette alla corde Jannik sul 30 pari, si conquista una delicata palla break. Perfetto Jannik: servizio esterno e via diritto inside out in contro piede che “mette per terra” il rivale. Si prende un rischio nel punto seguente Sinner, ma la palla gli esce di un niente. Seconda chance di break per Bautista. E niente prima di servizio… Comanda l’iberico, ma di nuovo con un rovescio cross estremo dell’azzurro ribalta l’inerzia dello scambio. Si salva di nuovo l’azzurro, esulta platealmente, cosa per lui rara, altro piccolo segno di come senta il momento. Roberto non si scompone, continua a martellare con una qualità e intensità notevole. Si procura la terza chance per l’allungo. Scambio con palla profondissima, Bautista sbaglia per primo. Ace Sinner! Primo del match, in un momento “caldo”. Quindi spinge e corre avanti a chiudere di volo. 4-3 Sinner, per la prima volta avanti nel match.

 

19:34  – Sesto game, il pressing di Jannik inizia a dare i primi frutti: risposte lunghe, progressione in spinta che stronca la resistenza dell’iberico. 0-30. Il terzo punto è di una consistenza, lunghezza (26 colpi!) e violenza inaudite. Lo vince Sinner, con un cross di diritto pazzesco che spacca le gambe a Bautista e quindi spallata lungo linea vincente. 0-40! Bautista accusa il momento, sbaglia un diritto ed è BREAK Sinner! 3 pari.

 

19:28  – Il set avanza seguendo i turni di servizio. Molto attento a non sbagliare niente Roberto, gioca solido accelerando nemmeno a tutta e non prendendosi grandi rischi. Jannik sembra più sciolto, ora è rapido ad entrare subito in campo e scaricare colpi molto violenti, ma commette ancora diversi errori. Sono ben 9 col diritto in soli 5 games per l’azzurro, troppi. 3-2 Bautista.

 

19:21 – Jannik gioca un solido turno di servizio, a zero muove lo score nel set. Inizio della partita un po’ “fiacco”, parecchi errori e nessuno scambio avvincente. 2-1 Bautista.

 

19:19 – Jannik è molto aggressivo in risposta, spinge con i piedi piuttosto vicini alla riga di fondo e mette pressione allo spagnolo, che sbaglia. Conquista due palle del contro break. Lunga la risposta sulla prima; comanda lo scambio sulla seconda, ma un diritto muore in rete. Sinner sembra ancora non del tutto sciolto, sia nell’approccio alla palla che nel liberare il braccio. Bautista sfrutta quattro errori di fila dell’azzurro, consolida il vantaggio portandosi 2-0.

 

19:13 – Jannik Sinner alza al cielo la prima palla della semifinale, si parte! L’azzurro comanda lo scambio col rovescio, ma spedisce larga un’accelerazione col diritto cross. Nel secondo punto il diritto cross, veloce e angolato, gli frutta il primo punto del match. Due errori in scambio costano all’azzurro le prime immediate palle break sul 15-40. Un brutto diritto dal centro (stranamente mal posizionato con i piedi), gli costa il break. Bautista avanti 1-0, senza aver praticamente fatto niente.

 

19:08 – Il match sta per iniziare sotto il bel sole della Florida, ma con un tasso di umidità sotto al 40%, quindi condizioni migliori rispetto all’afa dei giorni scorsi. Buona partita a tutti!

 

 

Marco Mazzoni

[7] Roberto Bautista Agut ESP vs [21] Jannik Sinner ITA

ATP ATP Miami
Bautista Agut R.
7
4
4
Sinner J.
5
6
6
Vincitore: Sinner J.

2 Aces 5
0 Double Faults 2
67% (60/89) 1st Serve 65% (65/100)
63% (38/60) 1st Serve Points Won 65% (42/65)
52% (15/29) 2nd Serve Points Won 57% (20/35)
50% (4/8) Break Points Saved 70% (7/10)
16 Service Games Played 16
35% (23/65) 1st Serve Return Points Won 37% (22/60)
43% (15/35) 2nd Serve Return Points Won 48% (14/29)
30% (3/10) Break Points Converted 50% (4/8)
16 Return Games Played 16
60% (53/89) Service Points Won 62% (62/100)
38% (38/100) Return Points Won 40% (36/89)
48% (91/189) Total Points Won 52% (98/189)


TAG: , , , ,

522 commenti. Lasciane uno!

Peter (Guest) 04-04-2021 01:06

Jannik alla fine batte Hurcacz e sarà solo uno dei primi dei tanti trofei

522
Replica | Quota | 0
Bisogna essere registrati per votare un commento!
pablito 03-04-2021 21:42

Scritto da Papillon

Scritto da Filetto
E dopo berrettini anche l’italiano jannyk porta la residenza a Montecarlo! Viva l’Italia, complimenti all’attaccamento alla madre patria!

È in giro per il mondo 11 mesi all’anno, dimmi tu perché dovrebbe pagare le tasse in Italia, è un lavoratore all’estero perciò è legittima la sua scelta.

Perchè… è cittadino italiano ?

Se lavora all’estero, globetrotter, è prassi spostare la residenza in un paradiso fiscale ?

Materia da commercialisti (o… fiscalisti).

521
Replica | Quota | 0
Bisogna essere registrati per votare un commento!
pablito 03-04-2021 18:23

Scritto da Filetto
E dopo berrettini anche l’italiano jannyk porta la residenza a Montecarlo! Viva l’Italia, complimenti all’attaccamento alla madre patria!

Ti è sfuggito Musetti ?

520
Replica | Quota | 0
Bisogna essere registrati per votare un commento!
Gimba (Guest) 03-04-2021 17:10

Scritto da Mefistofele

Scritto da Alby
Io non riesco a capire cosa possiamo aspettarci da Sinner nei tornei su erba. Qualcuno più tecnico e esperto mi saprebbe dire con il tipo di gioco che ha Jannick se potrebbe ottenere risultati anche su erba o no?

Non sono il tecnico/esperto che ti aspettavi, però posso dirti questo: da un lato il gioco di Sinner si adatta perfettamente a qualsiasi superficie essendo l’espressione di massima efficacia nel tennis moderno, dall’altro c’è però da dire che un servizio poco tagliato e giocato per lo più di potenza e centralmente, unito ad un’evidente difficoltà nel colpire proficuamente le palle basse e tagliate, potrebbe creare più di qualche problema al gioco di Sinner.

Secondo me ora di wimbledon il servizio esterno slice lo impara, sul tirare su le palle basse è più un casino.

519
Replica | Quota | 0
Bisogna essere registrati per votare un commento!
Mefistofele (Guest) 03-04-2021 16:21

Scritto da Alby
Io non riesco a capire cosa possiamo aspettarci da Sinner nei tornei su erba. Qualcuno più tecnico e esperto mi saprebbe dire con il tipo di gioco che ha Jannick se potrebbe ottenere risultati anche su erba o no?

Non sono il tecnico/esperto che ti aspettavi, però posso dirti questo: da un lato il gioco di Sinner si adatta perfettamente a qualsiasi superficie essendo l’espressione di massima efficacia nel tennis moderno, dall’altro c’è però da dire che un servizio poco tagliato e giocato per lo più di potenza e centralmente, unito ad un’evidente difficoltà nel colpire proficuamente le palle basse e tagliate, potrebbe creare più di qualche problema al gioco di Sinner.

518
Replica | Quota | 0
Bisogna essere registrati per votare un commento!
Brisbane (Guest) 03-04-2021 15:36

@ Filetto (#2740869)

Forse lo faresti anche tu, con lo stato sanguisuga che ci ritroviamo. Ma cos’è la patria? La patria dovrebbe difendere i suoi cittadini onesti, dar loro i servizi che uno Stato deve dare e chiedere un giusto contributo. In questo caso io sarei patriottico, altrimenti se potessi farei quello che hanno fatto Berrettini e Sinner

517
Replica | Quota | 2
Bisogna essere registrati per votare un commento!
+1: il capitano, SuperSinner
Annie (Guest) 03-04-2021 15:14

Commentando la babbodipendenza di Tsitsi mi è stato chiesto se io a 18 anni ero già “autonoma”..io no (per mancanza di soldi) ma Jannik lo era già e anche prima…e la differenza di grinta e carattere tra i due mi sembra evidente..sfidare le incertezze fortifica sempre! Una considerazione anche su Hurckatz, aspetto da ragazzone buono con collettone bianco, poco risalto come “personaggio”, fisico apparentemente pesante, ma poi esprime quasi a sorpresa un tennis davvero valido, anche in difesa, veloce a coprire il campo e potente da fondo..lo ricordo vincitore di un torneo dopo aver battuto Korda, qui ha quasi dominato Rublev. Risultato: domani sera finale “svecchiata” con due talenti che entusiasmano per come sono cresciuti velocemente e che qui hanno dribblato ostacoli non “storici” ma impegnativi essendo comunque top ten..ora si guarderanno in faccia, da buoni amici e compagni di doppio, sicuramente con tanto rispetto e stima reciproca, ma la posta in palio e’ molto alta anche se i due emanano sentore di bravi ragazzi…mezzogiorno di fuoco? Inevitabilmente

516
Replica | Quota | 1
Bisogna essere registrati per votare un commento!
+1: SuperSinner
Papillon (Guest) 03-04-2021 14:17

Scritto da Filetto
E dopo berrettini anche l’italiano jannyk porta la residenza a Montecarlo! Viva l’Italia, complimenti all’attaccamento alla madre patria!

È in giro per il mondo 11 mesi all’anno, dimmi tu perché dovrebbe pagare le tasse in Italia, è un lavoratore all’estero perciò è legittima la sua scelta.

515
Replica | Quota | 1
Bisogna essere registrati per votare un commento!
+1: SuperSinner
Alby (Guest) 03-04-2021 13:38

Io non riesco a capire cosa possiamo aspettarci da Sinner nei tornei su erba. Qualcuno più tecnico e esperto mi saprebbe dire con il tipo di gioco che ha Jannick se potrebbe ottenere risultati anche su erba o no?

514
Replica | Quota | 0
Bisogna essere registrati per votare un commento!
Dani_33 03-04-2021 12:52

@ Palmeria (#2740315)

Troppo vero!

513
Replica | Quota | 0
Bisogna essere registrati per votare un commento!
Carlos Primero (Guest) 03-04-2021 11:39

Scritto da Steffifan
https://mobile.twitter.com/i/web/status/1378077233718337538
Ecco l’intervista post-match, ormai disinvolto come un veterano, e troppo simpatico!
Frase cult: “Sì, giocherò la finale…ma non vuol dire nulla…la strada è ancora molto, molto lunga”.
Ma l’obbiettivo di questo ragazzo di preciso quale sarebbe, conquistare il Mondo??

Grazie Steffi. Continua a tenerci aggiornati, quando hai qualcosa di bello/interessante da condividere

512
Replica | Quota | 2
Bisogna essere registrati per votare un commento!
+1: gene61, Steffifan
Carlos Primero (Guest) 03-04-2021 11:15

Scritto da ROD LAVER, IL GOAT.

Scritto da Carlos Primero

Scritto da ROD LAVER, IL GOAT.
ROD LAVER, IL GOAT. (Guest) 02-04-2021 17:38
Sinner batterà in semifinale a Miami Bautista Agut 5-7 6-4 6-4
Avevo previsto tutto.

Rod sei simpatico e bello da leggere. Ma stai bluffando alla grande: alle 17, 38 non c’è nessun tuo post “visionario “ nè in questo articolo nè nell’altro riguardante Miami

Di sicuro me l’ha cancellato la redazione… è un complotto contro di me. 12 anni fa’ pronosticai la vittoria di Sinner a Sofia.
PS – Non vi scappa nulla, mannaggia….

Quella di Sofia infatti me la ricordo. Rod continua così 😀

511
Replica | Quota | 0
Bisogna essere registrati per votare un commento!
Il polso di Pozzi (Guest) 03-04-2021 10:48

@ Andy.Fi (#2740748)

Prendi anche la Svizzera, dici che se Federer fosse stato Ticinese non sarebbe stato questo Federer?

510
Replica | Quota | 0
Bisogna essere registrati per votare un commento!
Voglio uno slam 03-04-2021 10:40

Scritto da Lucky
L’ultimo game da mettere al Louvre. Testa paragonabile solo a Rafa e Novak. Ora auguriamoci che il movimento italiano ne tragga stimolo. Berrettini ad esempio ha grandi margini di miglioramento tecnico. Basterebbe piegare un po’ di più le gambe sul rovescio . La testa ora deve trarre stimolo e non pensare che la stella luminosa ora è Yannic. Musetti ha margini di crescita pazzeschi. Che bello sarebbe vederli tutti e tre lassù in alto..

Non dimenticherei la classe di Fognini, braccio straordinario ma di testa troppo volubile. È più in là con gli anni, ma deve fare di tutto per mantenere gli standard di un passato ancora recente. É lui ad aver vinto l’ultimo mille per l’Italia, spero ancora per poco.

509
Replica | Quota | 0
Bisogna essere registrati per votare un commento!
Voglio uno slam 03-04-2021 10:33

Scritto da ROD LAVER, IL GOAT.
Visto che fate i fenomeni sulle mie capacità di predire vittorie, adesso vi stupirò.
Nel 2087 la finale di Roma verrà vinta da William Rowley, americano, 6-4 3-6 6-4 contro Pablo Etcheverria, Cileno.
Vediamo se fate gli spiritosi ora.

Ti diró di piú. Tonto Etchevarria che sará in vantaggio 4 a 1 e servizio nel terzo set e si fará rimontare. Ma la freddezza di Rowley sará proverbiale…

508
Replica | Quota | 0
Bisogna essere registrati per votare un commento!
Filetto (Guest) 03-04-2021 10:31

E dopo berrettini anche l’italiano jannyk porta la residenza a Montecarlo! Viva l’Italia, complimenti all’attaccamento alla madre patria!

507
Replica | Quota | 0
Bisogna essere registrati per votare un commento!
Voglio uno slam 03-04-2021 10:29

Scritto da ROD LAVER, IL GOAT.

Scritto da GERULA.IT.IS
@ ROD LAVER, IL GOAT. (#2740565)
Mz quanti anni hai 11 ?

Magari… a 11 anni passavo le palline a Rod… che tempi..

😐 😐

506
Replica | Quota | 0
Bisogna essere registrati per votare un commento!
Dr Ivo (Guest) 03-04-2021 10:11

Scritto da Serena
@ fisherman (#2740623)
Non è italiano, non di testa. … e quella testa lì che tutti riconosciamo viene dalla sua cultura. .

Scusa Serena, seguendo il tuo ragionamento (cioè che la testa di JS non è una dote personale, ma il frutto della cultura del luogo dov’è nato) dimmi dove sarebbero tutti ‘sti grandi campioni tirolesi (del nord o del sud) che la cultura del luogo avrebbe prodotto?
A parte lui e Seppi, non ne conosco altri. Non dirmi che è una piccola regione, lo è anche la Croazia che di campioni ne ha dati molti in vari sport.
È inutile negare l’evidenza. Questo ragazzo non discende da una famiglia di tennisti locali altoatesini, semplicemente ha incontrato un coach italiano che è uno dei più grandi in circolazione.

505
Replica | Quota | 0
Bisogna essere registrati per votare un commento!
sonia609 03-04-2021 09:32

Scritto da Palmeria
Piangoooo!!!
Ce lo meritiamo, noi che siamo stati ammaliati da quel challenger di Bergamo, noi che lo Abbiamo seguito online per l’Europa quando si vestiva da benzinaio

504
Replica | Quota | 0
Bisogna essere registrati per votare un commento!
ROD LAVER, IL GOAT. (Guest) 03-04-2021 09:26

Scritto da GERULA.IT.IS
@ ROD LAVER, IL GOAT. (#2740565)
Mz quanti anni hai 11 ?

Magari… a 11 anni passavo le palline a Rod… che tempi..

503
Replica | Quota | 0
Bisogna essere registrati per votare un commento!
Giogio (Guest) 03-04-2021 09:05

Chapeau a tutti e due! E al polacco ma temo che con Sinner per lui sia durissima…cmq la classifica per loro due si fa interessante…e i vari zverev tsitsi thiem devono svegliarsi altrimenti non c è trippa per gatti…

502
Replica | Quota | 0
Bisogna essere registrati per votare un commento!
Antosantos (Guest) 03-04-2021 08:46

Scritto da Serena
@ fisherman (#2740623)
Non è italiano, non di testa. Si sente molto bene quando parla, l’italiano è la sua seconda lingua e quella testa lì che tutti riconosciamo viene dalla sua cultura. Però io lo tifo come italiano, come tutti voi.

Sento molto questo discorso che non condivido
Jannik a 14 anni è andato via di casa, da Piatti, solo per allenarsi
Hai idea di cosa vuol dire a 14 anni scegliere un cammino così?
Lasciare casa,amici,tradizioni e mettersi seriamente in gioco
Non hai un piano b
O sfondi nel tennis o sei fritto
Per me la forza l’ha presa da questo
Inutile dire austriaco, italiano o altro. Cresciuto come un senza patria, non ha un luogo suo.
Bravo Jannik, mi fa molto piacere vederti cosi

501
Replica | Quota | 2
Bisogna essere registrati per votare un commento!
+1: gene61, Steffifan