Fed Cup 2017 Copertina, Davis/FedCup

Caroline Garcia dice No alla Fed Cup 2017: qualcuno può condannarla?

02/12/2016 08:20 8 commenti
Caroline Garcia nella foto
Caroline Garcia nella foto

La giocatrice francese Caroline Garcia ha comunicato che non prenderà parte alla massima competizione a squadre del tennis femminile nel 2017: la tennista nativa di Saint-Germain-en-Laye classe ’93 ha infatti rinunciato a vestire i colori nazionali nella prossima edizione della Fed Cup, per motivi puramente…egoistici.

La Garcia vuole infatti puntare forte sulla sua carriera e dopo un 2016 di successo soprattutto in doppio con l’amica Mladenovic adesso vuole provare a diventare grande anche in singolare.
La predestinata che secondo Andy Murray sarebbe diventata in poco tempo la numero 1 del ranking WTA, troppe volte tacciata di fragilità e debolezza, a causa di nervi poco saldi che nei momenti importanti l’hanno fatta andare incontro a sconfitte cocenti e a pochi successi.

Sul finire della stagione ancora in corso però la Garcia ha dato segni di ripresa, salendo in classifica arrivando fino al suo best ranking di numero 23 al mondo per giocare infine anche il Master B di Zhuhai: Caroline vuole ripartire proprio da queste sensazioni positive mettendo al primo posto, per sua stessa ammissione, le sue ambizioni nei tornei WTA e negli Slam nella stagione che verrà.
Fosse successo in Italia probabilmente la Federazione non avrebbe ben digerito la decisione di una delle sue migliori giocatrici: nel caso della Garcia finora invece, non ci sono stati veri e propri terremoti al suono della Marsigliese. Caroline sa che ha ottimi mezzi e può arrivare in alto, per questo decide di puntare forte prima di tutto su se stessa: qualcuno può forse darle torto?
Ben venga il patriottismo e la voglia di servire i propri colori: arriva però un momento della propria carriera in cui gli obiettivi possono cambiare e bisogna fare delle scelte. In questo caso la Garcia ha scelto se stessa, prima di chiunque altro, prima di qualsiasi altra cosa: e allora forza Caroline, tennista coraggiosa che non ha paura di scontentare nessuno con le proprie scelte, che sa che i treni nella vita non sempre passano e che quando lo fanno, beh, vanno presi al volo. Il 2017 potrebbe essere davvero il suo anno.


Alessandro Orecchio


TAG: ,

8 commenti

altur (Guest) 03-12-2016 02:42

ti leggo sempre Alessandro ma su Garcia non sono d’accordo; come non sarei d’accordo se Fognini snobbasse la Coppa Davis; la fed non è seguitissima ma è pur sempre una competizione per i colori nazionali e non è quasi mai in concomitanza a tornei maggiori; sempre di tennis si tratta e anche la squadra aiuta a costruirsi il carattere; e Caroline proprio di questo ha bisogno

8
Antonella (Guest) 02-12-2016 18:34

Ho tanta simpatia per la tennista Caroline e le auguro di cuore che si porti avanti mettendo da parte le fragilita’ , che ognuno di noi puo’ avere. D’accordo con Murray .

7
Fede (Guest) 02-12-2016 15:14

E’ una tennista che mi piace molto ma che mi fa anche spesso arrabbiare per i black out continui che ha. L’ho vista in un’occasione praticamente da bordo campo e dava troppi segni di fragilità, toglieva il servizio e lo restituiva senza dare nessun segnale, vincenti spettacolari seguiti da errori assurdi, per certi versi mi sembra simile a Camila. Credo che i mezzi li avrebbe per andare su, ma non credo che sia in grado di reggere mentalmente la pressione, mi dispiace per lei ma credo che il suo massimo se non l’ha raggiunto non possa migliorare molto proprio per questo.
Per la Federation è una scelta e basta. Onestamente sono competizioni che a me non interessano minimamente e credo che nessun giocatore dovrebbe essere “obbligato” a partecipare perchè avere un forte demotivato credo sia peggio di avere uno meno forte ma che ci crede di brutto.
Sta al capitano capire questo

6
IvanLendl (Guest) 02-12-2016 12:44

la fed cap è una competizione che non si fila nessuno.

5
Carl 02-12-2016 10:48

Con la rinuncia della Mauresmo inevitabile un ridimensionamento delle ambizioni in Fed Cup della Francia (con i conseguenti riscontri economici), quindi nessuna sorpresa che Garcia si svincoli, peraltro dopo essere quasi riuscita a vincerla da sola, affossata nelle sue ambizioni non tanto dalla compagna di doppio quanto dalla ex numero 1 francese Cornet, che con la Fed Cup non ha mai avuto feeling, per essere gentili (3 vittorie su 16 incontri!).

E se dopo diverse settimane dall’annuncio della Mauresmo non è ancora stato ufficializzato il successore qualcosa vorrà pur dire.

4
gianfranco (Guest) 02-12-2016 10:17

La Garcia,che giochi o non giochi la Fed Cup,non migliorerà perché non è assolutamente “extra”.

3
Shuzo (Guest) 02-12-2016 10:14

La decisione è sicuramente legittima. Dopotutto, concentrandosi esclusivamente sulla sua carriera e salendo di livello, quando deciderà di rigiocare la Fed Cup, la squadra francese potrà disporre di una Garcia più forte di quanto non sia adesso.
In fondo anche Federer e Wawrinka hanno deciso di non giocare in Coppa Davis. Questo sta dando la possibilità agli altri di potersi mettere in mostra e alla Federazione Elvetica di cominciare a programmare il momento in cui i due astri avranno smesso.
La realtà è che ognuno può essere utile ma nessuno è imprescindibile.

2
Reax (Guest) 02-12-2016 10:05

Fa benissimo!!!

1