Da Brescia Challenger, Copertina

I Muscoli di Capitan Berrettini

16/11/2016 21:02 8 commenti
Matteo Berrettini classe 1996, n.723 ATP - Foto Felice Calabrò
Matteo Berrettini classe 1996, n.723 ATP - Foto Felice Calabrò

Bel successo del giovane romano, che a Brescia supera (contro pronostico) l’amico Lorenzo Sonego. Reduce da uno stop di 6 mesi, sta tornando rapidamente a pieno regime e impressiona per il notevole sviluppo atletico. “Ho vissuto nel modo giusto il periodo lontano dai campi e ho lavorato molto sulla parte superiore del corpo”. L’Italia ride a metà: Vanni e Caruso volano nei quarti, ma c’è un esordio amaro per Mager e Arnaboldi.

La classifica ATP dice che è un risultato a sorpresa. Osservando Matteo Berrettini e Lorenzo Sonego agli Internazionali Città di Brescia (42.500€, Play-It), tuttavia, si è subito capito che per il torinese (n.286 ATP) sarebbe stata dura superare il romano (n.723). Il baby-derby azzurro (41 anni in due) ha dato indicazioni interessanti in chiave futura. Si è imposto Berrettini col punteggio di 6-4 7-6 ed è una vittoria meritata. Forte di una struttura fisica notevole, il romano aveva spesso in mano il gioco, specie con il dritto a uscire, mentre Sonego ha adottato una tattica attendista, poco efficace su un campo rapido. Ma era anche una necessità: la sua palla “pesa” ancora poco, mentre Berrettini si è decisamente irrobustito nei sei mesi di stop per il fastidioso problema al ginocchio. Quando prendeva l’iniziativa, 8 volte su 10 faceva il punto. E pensare che Sonego ha avuto diverse occasioni in risposta, come quando si è trovato 15-40 nel secondo game. Più in generale, ha avuto quattro palle break senza trasformarne, mentre Berrettini ha sfruttato l’unica chance avuta nel primo set. Nel tie-break aveva preso un mini-break di vantaggio grazie a un’ingenuità del torinese, che ha appoggiato docilmente una palla a pochi centimetri dalla rete, consegnandosi al passantino di Berrettini. Il romano si faceva riprendere (dritto largo di pochi centimetri), ma giocava benissimo il matchpoint, guadagnando campo e chiudendo con una bella volèe. “Su campi così veloci bisogna sapersi adattare – racconta Berrettini, che poi sarebbe andato a pranzo con lo stesso Sonego (i due sono amici e avevano giocato il doppio insieme a Ortisei) – forse Lorenzo preferisce i campi più lenti, con un rimbalzo più alto. Io avevo già giocato sul Play-It, sapevo che bisogna sfruttare al volo le occasioni. Appena lui accorciava provavo a entrare in campo, mentre lui lo ha fatto un po’ meno. Alla lunga, la tattica ha pagato”. Berrettini è un volto nuovo del nostro tennis, ma era scomparso dai radar a causa di un lungo stop per infortunio al ginocchio. Si era bloccato a febbraio ed è tornato in settembre: i buoni risultati nei tornei Futures gli hanno fatto meritare la wild card a Brescia. Ma ciò che colpisce, rispetto al Berrettini di qualche anno fa, è una struttura fisica decisamente più robusta. Contro Sonego, ben più magro di lui, ha fatto la differenza. “Ho lavorato molto sulla parte superiore del corpo e in effetti ho messo su molta massa muscolare, ma siamo stati molto attenti. Non dovevo appesantirmi troppo perché non sono velocissimo di piedi, quindi con troppo peso avrei corso il rischio di essere ancora più lento. Più in generale si tratta di un obiettivo a lungo termine: partite come queste servono per crescere. Io sto lavorando duro, giorno dopo giorno, so già che esprimerò il mio miglior tennis tra qualche anno”.

PUPILLO DI VINCENZO SANTOPADRE
Riprendendo un vecchio adagio di Juan Carlos Ferrero (“Il tennis è 50% testa, 45% fisico e 5% tecnica”), lo sviluppo atletico di Berrettini è una notizia importante: era stato lui stesso, qualche tempo fa, ad ammettere di avere qualche problema nel recupero tra un match e l’altro. “Le cose sono migliorate – continua – anche perché giocare tante partite aiuta in questo senso. Sui campi veloci è un po’ diverso: i match sono più corti, ma la spinta e l’intensità degli impatti è maggiore. Sulla terra battuta si usano altri muscoli, mentre qui bisogna stare attenti ad altri aspetti. Sono migliorato, ma anche consapevole che c’è ancora tanto da lavorare”. Berrettini è il prodotto più fulgido del tennis romano. Il suo talento è stato forgiato, con pazienza, nel prestigioso Circolo Canottieri Aniene. In un club così grande, dove gli occhi sono soprattutto su altri sport, Vincenzo Santopadre ha fatto un gran lavoro. Chi ha visto Berrettini 4-5 anni fa e lo ritrova oggi, beh, troverà una differenza enorme.“Lavoro sempre con Vincenzo e continuerò con lui, ma continuiamo ad appoggiarci al Centro di Tirrenia, come peraltro faccio da tempo. La supervisione di Umberto Rianna mi ha aiutato molto e andremo avanti in questo senso. A Tirrenia la struttura è ottima e comoda, anche perché ci sono tanti ragazzi con cui allenarsi”. Berrettini ha appena compiuto 20 anni e dovrà maturare, ma ha un atteggiamento promettente. Un modo di fare che potrebbe dargli una mano a esplodere prima dei “canonici” 27-28 anni. Intanto la passione per i libri di Charles Bukowski, poi il modo in cui ha preso il lungo stop. “Sotto certi aspetti è stato positivo. Ho saputo venire a capo di un infortunio complicato perché non si capiva bene di cosa si trattasse. Non mi sono sottoposto a interventi chirurgici, ma soltanto infiltrazioni. Il problema non mi impediva di giocare, ma mi hanno detto che se avessi continuato avrei potuto causare una rottura tra qualche anno. Allora mi sono fermato e ne ho approfittato per lavorare su altre parti del corpo, senza dimenticare l’aspetto mentale. Vincenzo, per esempio, mi ha portato sul campo a lavorare con bambini e ragazzi più giovani. Affrontare nuove situazioni mi è servito molto e questa esperienza si è tramutata in positiva anche se, ovviamente, spero che non mi capiti più in futuro”.

VANNI E CARUSO CENTRANO I QUARTI
E’ stata una gran bella giornata per altri due azzurri: Luca Vanni e Salvatore Caruso. Davanti al buon pubblico del Campo Centrale, il toscano ha vinto un match al cardiopalmo contro Blaz Kavcic, che a dispetto della classifica (n.224) vale molto di più. Lo sloveno è tornato nel tour solo qualche mese fa dopo un lungo stop dovuto all’ennesimo intervento chirurgico al piede destro (il terzo in tre anni). A Brescia, ha provato a incastrare Vanni in una ragnatela di palleggi. Ha funzionato nel secondo set e in avvio di terzo, ma l’aretino è stato bravo a recuperare il break immediato nel set decisivo, poi ha prolungato il match fino al tie-break dove la sua maggiore potenza gli ha regalato l’accesso ai quarti. Avanza anche Salvatore Caruso: sul Campo 1, davanti a una trentina di appassionati che hanno assiepato la mini-tribuna, “Salvo” ha giocato un gran match contro l’indiano Ramkumar Ramanathan. Sempre aggressivo, propositivo, si è imposto col punteggio di 6-4 7-5 confermando la tendenza super-positiva di questo periodo. Subito sotto di un break (0-2), lo ha ripreso, lo ha superato ed è stato bravo a chiudere nonostante due palle break concesse nel decimo game (cancellate con altrettanti servizi vincenti: ottimo segnale). Nel secondo ha avuto subito una chance in avvio, l’ha sprecata sparando un dritto in rete dopo uno scambio prolungato, poi il match è proseguito sull’onda dell’equilibrio fino al 5-5. Lì Caruso ha avuto il coraggio di spingere e, stavolta, il dritto sulla palla break gli ha dato il punto. Davvero un buon successo: c’è quasi da essere dispiaciuti per il fatto che la stagione sia ormai terminata, adesso che ha trovato un equilibrio psico-fisico ottimale.

MAGER, IL VIAGGIO NOTTURNO NON PAGA
L’Italia ha incassato due delusioni nei match di primo turno. Va fuori Andrea Arnaboldi, che ha giocato una discreta partita contro Laurynas Grigelis ma è venuto a mancare nel tie-break del terzo set, perso 7-2. Accompagnato a Brescia dal mental trainer Roberto Cadonati, il canturino ha vissuto una stagione complicata, con qualche acuto (su tutti, i quarti all’ATP di Bastad) a coprire alcune sconfitte di troppo. Il suo tennis è sempre più proteso verso la rete e potrebbe dargli qualche soddisfazione, magari sui campi rapidi. Chissà che il 2017, l’anno in cui ne compirà 30, non possa dargli le gioie che sono mancate nel 2016. Peccato per Gianluca Mager: il ligure si trovava già a Tirrenia ad allenarsi, presso il Centro FIT, quando è sopraggiunto il forfait di Stefano Napolitano. Avvisato della possibilità di entrare in tabellone come lucky loser, è partito al volo nel tardo pomeriggio di martedì, sobbarcandosi un impegnativo viaggio in treno e arrivando a Brescia soltanto alle 23.30. Alle 9.30 del mattino era già al San Filippo per registrare la sua presenza, ma la fatica si è fatta sentire e ha perso in due tie-break contro il ceco Marek Jaloviec.


TAG: , ,

8 commenti

Marco (Guest) 17-11-2016 14:50

“Chi ha visto Berrettini 4-5 anni fa e lo ritrova oggi, beh, troverà una differenza enorme”.
Immagino.. circa 5-6 anni fa l’ho incontrato due volte a breve distanza (per la cronaca una vinta e una persa) e aveva un fisico non certo robusto.

8
giuliano da viareggio (Guest) 17-11-2016 12:00

Scritto da Tifoso degli italiani
“Il prodotto più fulgido del tennis romano”, direi, quantomeno, insieme a Moroni…

Io non mi limiterei al tennis romano…….

7
Tifoso degli italiani (Guest) 17-11-2016 10:13

Scritto da Hector

Scritto da bYE

Scritto da giuly97top10
5% tecnica mi pare pochino..

Anche a me ma se lo dice JCF..

Ferrero fapresto a parlare, lui che ha potuto fare carriera grazie ai proventi derivanti dalla Nutella.

:oops:

6
Hector (Guest) 17-11-2016 07:46

Scritto da bYE

Scritto da giuly97top10
5% tecnica mi pare pochino..

Anche a me ma se lo dice JCF..

Ferrero fapresto a parlare, lui che ha potuto fare carriera grazie ai proventi derivanti dalla Nutella.

5
Tifoso degli italiani (Guest) 16-11-2016 23:33

“Il prodotto più fulgido del tennis romano”, direi, quantomeno, insieme a Moroni…

4
bYE (Guest) 16-11-2016 22:26

Scritto da giuly97top10
5% tecnica mi pare pochino..

Anche a me ma se lo dice JCF..

3
nere 16-11-2016 21:18

che bell’articolo, soprattutto nella parte su berrettini e sull’analisi della sua partita di oggi, il nostro giovane forse in assoluto più proiettato verso il gioco veramente da veloce, ma anche nel sottolineare le sfumature su altre situazioni, come quella su mager, su cui in tanti si divertono a fare commenti superficiali e trancianti

2
giuly97top10 16-11-2016 21:12

5% tecnica mi pare pochino..

1

Lascia un commento