Video del Giorno Copertina, Video

Video del Giorno: Spettacolare incidente di David Nalbandian (senza conseguenze)

07/11/2016 14:51 11 commenti
Video del Giorno: Spettacolare incidente di David Nalbandian
Video del Giorno: Spettacolare incidente di David Nalbandian

David Nalbandian ormai pilota di Rally, ha avuto un brutto incidente in gara con Leo Suaya durante il Rally Argentino, ma fortunamente senza conseguenze.

L’auto si è completamente ribaltata. Per fortuna entrambi i piloti stanno bene, come confermato da Nalbandian a un giornalista locale: “Non è successo niente, queste auto sono molto sicure”.


TAG: ,

11 commenti. Lasciane uno!

Haas78 (Guest) 08-11-2016 12:02

@ controcorrente (#1727515)

In effetti, penso che abbia letto male qualche fonte :wink:

11
controcorrente (Guest) 08-11-2016 10:57

Scritto da Nevskij

Scritto da controcorrente
Sì, bel talento. Sul resto, potremmo discutere… Penso infatti che sarà ricordato, più che per i suoi comunque ottimi risultati, per l’incredibile comportamento tenuto nell’estate 2012 al Queen’s quando, nella finale contro Cilic, non trovò di meglio che sfogare la sua rabbia prendendo a calci la “postazione” di cartone all’interno della quale si trovava un giudice di linea, che rimase visibilmente ferito. L’episodio gli costò la squalifica (e ci mancherebbe il contrario!) e ne rovinò, a mio avviso, pesantemente l’immagine. Tant’è vero che – ribadisco – anche a distanza di più di 4 anni me lo ricordo più per questo clamoroso autogol che non per la carriera, nel corso della quale peraltro ottenne un best ranking di 3 al mondo e arrivò almeno in semifinale in tutte e 4 le prove dello Slam.

È evidente che mastichi poco di tennis. Cinque vittorie consecutive contro Federer che aveva gli incubi quando lo affrontava, una finale di Wimbledon conquistata oltre ogni pronostico, un Master,una Davis, soprattutto un braccio da favola. Tutto eseguito alla perfezione, dalle accelerazioni di dritto ai dropshot di rovescio, lui che giocava a due mani! Poi volée, timing, tutto. Avesse avuto anche l’indole, la voglia di soffrire di un Ferrer, sarebbe stato numero 1. Il più grande talento di quegli anni dopo Federer, una delle ragioni per le quali, finito il re, non ci sarà più motivo di guardare uno sport, ormai, robotizzato…

Non penso sia questione di masticarne o meno di tennis, ma di priorità. Per me, nell’opinione che ho di un giocatore, il modo in cui si comporta viene prima di tutto: quindi, ribadisco, di Nalbandian ricorderò prima quel gesto, poi tutto il resto. Infine, una domanda: quale Davis avrebbe secondo te vinto? Perché a me risulta che in quegli anni l’Argentina ne giocò ben 3, di finali, ma non ne vinse nemmeno una…

10
Haas78 (Guest) 08-11-2016 10:09

Gran talento, poteva sicuro ottenere maggiori risultati in una carriera ugualmente di livello

9
Dario (Guest) 07-11-2016 23:57

@ controcorrente (#1727372)

Non è così!
Nalbandian era un mito e francamente mi ricordo più il suo gioco che non quel gesto che fece al Queen’s!
Quando giocava come sapeva giocare, non c’è n’era per nessuno!
Lui, Lleyton Hewitt e Marat Safin resteranno sempre nel mio cuore e non solo nel mio!

8
Nevskij (Guest) 07-11-2016 23:40

Scritto da controcorrente
Sì, bel talento. Sul resto, potremmo discutere… Penso infatti che sarà ricordato, più che per i suoi comunque ottimi risultati, per l’incredibile comportamento tenuto nell’estate 2012 al Queen’s quando, nella finale contro Cilic, non trovò di meglio che sfogare la sua rabbia prendendo a calci la “postazione” di cartone all’interno della quale si trovava un giudice di linea, che rimase visibilmente ferito. L’episodio gli costò la squalifica (e ci mancherebbe il contrario!) e ne rovinò, a mio avviso, pesantemente l’immagine. Tant’è vero che – ribadisco – anche a distanza di più di 4 anni me lo ricordo più per questo clamoroso autogol che non per la carriera, nel corso della quale peraltro ottenne un best ranking di 3 al mondo e arrivò almeno in semifinale in tutte e 4 le prove dello Slam.

È evidente che mastichi poco di tennis. Cinque vittorie consecutive contro Federer che aveva gli incubi quando lo affrontava, una finale di Wimbledon conquistata oltre ogni pronostico, un Master,una Davis, soprattutto un braccio da favola. Tutto eseguito alla perfezione, dalle accelerazioni di dritto ai dropshot di rovescio, lui che giocava a due mani! Poi volée, timing, tutto. Avesse avuto anche l’indole, la voglia di soffrire di un Ferrer, sarebbe stato numero 1. Il più grande talento di quegli anni dopo Federer, una delle ragioni per le quali, finito il re, non ci sarà più motivo di guardare uno sport, ormai, robotizzato…

7
controcorrente (Guest) 07-11-2016 21:19

Scritto da The renegade
controcorrente (Guest) trovo di gran lunga peggiore e grave un giocatore come un Murray o nadal che esultano sullerrore altrui,lo scozzese che si lamenta sempre,dice parolacce,piuttosto che un unico gesto di stizza in 10 anni!

Se permetti mi sembra più grave ferire, anche se involontariamente, un giudice di linea che non esultare sull’errore altrui, ma la scala dei comportamenti da censurare è soggettiva e non entro quindi nel merito. Io, fra l’altro, dicevo un’altra cosa: non che lui sia peggio di altri, semplicemente che è finito sui telegiornali più per quell’episodio che per i suoi risultati e dubito che tu o altri possiate darmi torto.

6
The renegade (Guest) 07-11-2016 19:20

controcorrente (Guest) trovo di gran lunga peggiore e grave un giocatore come un Murray o nadal che esultano sullerrore altrui,lo scozzese che si lamenta sempre,dice parolacce,piuttosto che un unico gesto di stizza in 10 anni!

5
controcorrente (Guest) 07-11-2016 17:04

Sì, bel talento. Sul resto, potremmo discutere… Penso infatti che sarà ricordato, più che per i suoi comunque ottimi risultati, per l’incredibile comportamento tenuto nell’estate 2012 al Queen’s quando, nella finale contro Cilic, non trovò di meglio che sfogare la sua rabbia prendendo a calci la “postazione” di cartone all’interno della quale si trovava un giudice di linea, che rimase visibilmente ferito. L’episodio gli costò la squalifica (e ci mancherebbe il contrario!) e ne rovinò, a mio avviso, pesantemente l’immagine. Tant’è vero che – ribadisco – anche a distanza di più di 4 anni me lo ricordo più per questo clamoroso autogol che non per la carriera, nel corso della quale peraltro ottenne un best ranking di 3 al mondo e arrivò almeno in semifinale in tutte e 4 le prove dello Slam.

4
The renegade (Guest) 07-11-2016 16:01

giocatore fantastico…quando era in palla batteva tutti facilmente,per me il miglior rovescio bimane degli ultimi vent’anni!

3
3.4 (Guest) 07-11-2016 14:58

numero Uno.

2
Sottile 07-11-2016 14:55

Peccato x la macchina ridotta una scatola di sardine :???:

1

Lascia un commento