Caso Sharapova Copertina, Generica

La squalifica della Sharapova: misura giusta o sbagliata?

10/06/2016 08:30 51 commenti
Maria Sharapova squalificata per due anni
Maria Sharapova squalificata per due anni

L’ITF ha sganciato la bomba e il clamore è stato enorme: Maria Sharapova ha finalmente conosciuto l’entità della sua squalifica, scioccante, da tanti ipotizzata ma per molti alla fine dei fatti irrealizzabile, causa la popolarità a livello planetario su cui l’atleta russa poteva e può contare.

Uno stop lungo 2 anni che potrebbe portare la russa a stare ferma fino a gennaio del 2018: termini e tempi che se non venissero modificati sancirebbero con molta probabilità la fine della carriera della Sharapova. La russa si appellerà, lo si evince chiaramente dalle sue prime parole dopo la notizia ma questa condanna, può oggi essere ritenuta giusta?
Maria Sharapova ha sbagliato, vuoi per negligenza e disattenzione nella migliore delle ipotesi o in malafede se con l’intenzione di fregare tutti, ed è giusto che paghi, situazione che solo la Federazione tennistica russa ha semplicemente ignorato con la discutibile convocazione della sua tennista più importante e da copertina per i prossimi Giochi di Rio, decisamente improbabili per Masha vista la tempesta sportiva che l’ha colpita.

Erano stati addirittura chiesti 4 anni ma il Tribunale dell’Itf, secondo quanto appreso dalle pagine social di Maria, non è riuscito a dimostrare la volontà di violare anche solo una norma antidoping da parte della siberiana, situazione che ha generato uno sconto della pena rispetto a quanto inizialmente chiesto ma molto di più rispetto a quanto ci si aspettasse effettivamente. 3 mesi, 6 mesi i tempi attesi soprattutto per il fatto che la Wada avesse vietato il medicinale, il famigerato Meldonium, “solo” dal 1° gennaio 2016.
La sensazione personale è che ancora una volta nella lotta al doping nel tennis siano stati commessi degli errori: troppo lunga la trafila per arrivare alla condanna, inclemente la punizione, date le molte attenuanti fornite dalla tennista. Troppe volte sono stati colpiti solo pesci piccoli: sicuri che l’operazione Sharapova non sia stata utilizzata come il più grande manifesto antidoping possibile, al grido di “nessuno è intoccabile”? Avrei valutato, avrei ascoltato, avrei compreso per giungere alla conclusione che 2 anni per me sono troppi. E voi, cosa ne pensate?


Alessandro Orecchio


TAG: , ,

51 commenti. Lasciane uno!

carlitos (Guest) 11-06-2016 09:50

Se e’ vera la tesi che prima degli incontri importanti aumentava la dose del medicinale,a mio parere 2 anni sono pure pochi!!!!

51
federica (Guest) 10-06-2016 21:27

@ ale85 (#1619784)

Ale, a mio parere l’amnistia concessa ad alcuni atleti (vedi Lepchenko) non va assolutamente interpretata come un passo indietro della Wada nel ritenere il farmaco dopante. Semplicemente, dal momento che molti atleti risultati positivi hanno dichiarato di aver assunto il farmaco in dicembre (quando non era vietato), la Wada, considerata l’impossibilità di stabilire se l’atleta avesse assunto la sostanza prima o dopo il 1° gennaio, ha ritenuto plausibile che una piccola “quantità” di meldonium (max 1 microgrammo)potesse essere rintracciata nei test anti-doping effettuati fino al 1° marzo 2016. Coloro risultati positivi al meldonium dopo il 1° marzo, a prescindere dal quantitativo rintracciato, verrano squalificati senza alcuna amnistia. L’incertezza scientifica riguardava la “permanenza” in circolo della molecola, non il fatto che fosse dopante o meno.
Inoltre, dubito fortemente che la Wada decida di non presentare ricorso per timore degli studi scientifici che potrebbe presentare la Head…e dubito altrettanto fortemente che le ricerche della Head possano arrivare a “sbugiardare” (diciamo così) gli studi sul meldonium che la Wada ha portato avanti per anni prima di farlo rientrare nella lista delle sostanze proibite. A mio parere, gli studi della Head servono (e serviranno) solo a fare rumore mediatico: un tentativo di “ripulire” l’immagine compromessa della Sharapova. Minore sarà il danno d’immagine alla Sharapova, maggiori saranno i vantaggi della Head.
Sono d’accordo con te sul fatto che, molto probabilmente, i maggiori benefici del meldonium si ottengono in associazione ad altri farmaci. Infatti, la Sharapova non avrà problemi a sostituirlo quando tornerà a giocare. Probabilmente il suo staff le ha già trovato un’altra molecola ugualmente efficace.
Poi, hai ragione, la cosa più brutta di questa vicenda è vedere come gli atleti siano disposti a “vendere l’anima al diavolo” pur di raggiungere i massimi risultati sportivi. E nessuno, nemmeno tra gli affetti, che li fermi. Anzi…

50
Sander (Guest) 10-06-2016 20:42

Scritto da Basto

Scritto da Bibi
Federer si è espresso duramente contro la Sharapova e personalmente condivido tutto ciò che ha detto, dall’assunzione di responsabilità alla possibilità del ritiro dei premi vinti (anche se su quest ultimo fatto non è stato esplicito se si riferisse proprio a questa situazione).
Trovo pazzesco che chi sostenga l’equazione ha barato = va condannata sia tacciato di moralismo: ma potreste un minuto toglierle gli occhi dalle zinne e leggere quella benedetta sentenza?

Alt. Anche io penso che sia giusti che sia stata condannata, ha commesso un errore e deve pagare. Mi danno fastidio invece quelli che dicono che le dovrebbero ritirare i titoli. Io mi chiedo..perché? Prima del 2016 il farmaco era legale. Ergo, tutto ciò che la Sharapova ha fatto prima non deve interessare. Ecco perché li chiamo finti moralisti: se un qualcosa di legale mi porta un vantaggio, visto che TUTTI lo possono utilizzare perché devo farne a meno? Se una cosa è legale si può fare. Punto e stop! Poi l’etica è un’altra cosa. Poi sono d’accordo anche per il fatto che Maria non è stata molto trasparente per questa faccenda, se no avrebbe dichiarato fin da subito di aver assunto meladonium anche in passato.
Ps: mi spiace ma io gli occhi sulle zinne non glieli metto mica, sono una ragazza.

Scusami….ma dove spieghi la tua cosiddetta definizione di finti moralisti… tu spieghi solo che non ti fai scrupoli, che non ti interessano gli aspetti morali, che non giudichi male una Sharapova che da 10 anni gioca con pozioni,intrugli vari, coprenti, non dichiarando un farmaco come il Meldonium che invece doveva essere dichiarato nonostante fosse ritenuto sostanza non dopante.Poi dici l’etica e’ “un’altra cosa”….certo lo so anch’io che e’ un’altra cosa…in sostanza della tua fantomatica spiegazione sui brutti e cattivi “finti moralisti” neanche l’ombra…. 💡

49
utente registratissimo (Guest) 10-06-2016 19:16

Per me esiste un elemento insormontabile. Nella sentenza ITF si legge alle pagine 15 e 16 che tra il 22.10.2014 ed il 26.1.2016 la Sharapova ha compilato e sottoscritto sette volte il rituale modulo che viene consegnato agli atleti in occasione dei controlli antidoping in cui è scritto chiaramente che lo sportivo deve dichiarare il nome dei medicinali e degli integratori assunti nei precedenti sette giorni. La tennista in questione, di volta in volta, ha dichiarato di avere assunto vitamina C, Omega 3, Biofenac, Voltaren, Veramyst (uno spray nasale) e melatonina. Non ha mai fatto parola del Meldonium, anche se vi sono prove (così come specificato in sentenza) dell’effettiva ingestione del prodotto nell’intervallo di tempo specificato.
Questo elemento non è certo sintomo di buona fede:
1) se il Meldonium non è doping (ed all’epoca non lo era)
2) se effettivamente era assunto per scopi terapeutici
perchè non farne mai menzione?
L’atleta era così precisa da indicare anche la vitamina C per poi scordarsi tutte le volte di inserire il Meldonium?
E’ difficile, di fronte a questa evidenza, poter sostenere la buona fede.

48
Basto (Guest) 10-06-2016 19:13

Scritto da Sander

Scritto da Basto
Anche secondo me sono troppi, un anno sarebbe bastato.
E che non arrivino i soliti finti moralisti a polemizzare, questa è una mia opinione e non è innocentista. C’è gente che dice addirittura che dovrebbero toglierle i titoli e che ha sempre barato.. Ma vivete nel mondo dei balocchi? Credete che qualsiasi altro tennista non assuma medicinali legali per migliorare di un poco le prestazioni?

Ma perche’ ve la prendete sempre con i da voi definiti finti moralisti?
Mi puoi spiegare perche’ poi finti? Vedi io non ti dico che hai il prosciutto negli occhi e neanche che sei fintamente con il prosciutto negli occhi….tu dici che un anno va bene e per te basta cosi’ pero’ non entri nel merito….dettaglia motiva, argomenta con i dati che hai in possesso cosi’ potrai essere piu’ credibile.
Cosa significa quando dici che viviamo nel mondo dei balocchi? Cosa vuole dire che anche altri probabilmente barano?Sarebbe questa la scusante?
Io stimo le persone che in questo Paese sono serie e vogliono rispettare le regole e non vogliono truffare gli altri, mi cede la terra sotto i piedi quando sento i “cosi’ fan tutti” e che attaccano senza cognizione di causa….

Il finti moralisti l’ho spiegato in un altro commento sempre in questo topic.

47
bao.bab (Guest) 10-06-2016 19:13

Scritto da ale85
Forse, non saprei, non lo dico io, intendiamoci, mi sembra esserci proprio un comunicato della Head, credo gli abbia finanziati… Certo ë che se ora anche gli sponsor possono fare studi su sostanze dopanti e magari fare ricorso…a questo punto la Wada non ha più senso di esistere

La HEAD avrà fatto revisionare i protocolli seguiti dalla WADA al fine di considerare il meldonium dopante per trovare degli appigli formali o sostanziali.

46
ale85 (Guest) 10-06-2016 18:49

Forse, non saprei, non lo dico io, intendiamoci, mi sembra esserci proprio un comunicato della Head, credo gli abbia finanziati… Certo ë che se ora anche gli sponsor possono fare studi su sostanze dopanti e magari fare ricorso…a questo punto la Wada non ha più senso di esistere

45
pinkfloyd 10-06-2016 18:33

@ ale85 (#1619784)

Ma la Head “in persona” ha fatto questi studi specifici?
Ha cambiato attività?

44
ale85 (Guest) 10-06-2016 18:00

Mah non lo so… Alla fine ora anche la Head ha detto che ha fatto fare studi che testimoniano che il meldoniun non modifica le prestazioni sportive… E se ci sono di mezzo gli sponsor… Io credo che se la Wada ha svolto correttamente il proprio lavoro andrà avanti per la propria strada, al contrario accetterà di buon grado. Se poi davvero questi studi proposti dalla Head riusciranno a dimostrare che il farmaco non è come ce lo hanno descritto… A quel punto e dico a quel punto saranno davvero guai per tutti… Io una mia opinione me la sono fatta. Credo che il meldoniun qualche beneficio a livello sportivo lo da, altrimenti non sarebbe usato da tutti questi atleti, oppure in sè non ha niente ma unito ad altre sostanze da dei benefici, cosa che la Wada però non ha detto. Fai attenzione la Sharapova prendeva il farmaco, unito ad altre sostanze e non da solo, questo vorrà pur dire qualcosa. A mio avviso la Wada lo ha reso dopante, senza fare approfonditi studi, lo dimostra l’amnistia avvenuta poco dopo. Non credo che il farmaco in questione copra l’epo… In ogni caso se ci sono di mezzo gli sponsor e se davvero si sono fatti studi che dimostrano che il meldoniun non è dopante, assisteremo ad una figura di merda epica. Io credo alla fine che la Wada nn voglia rischiare, quindi accetterà di buon grado la sentenza… Comunque staremo a vedere. @ federica (#1619734)

43
federica (Guest) 10-06-2016 17:43

@ ale85 (#1619674)

Non lo so se accetteranno la sentenza dell’ITF…soprattutto se fiutano la possibilità che la squalifica venga ridotta a un solo anno dopo il ricorso annunciato dalla Sharapova. Secondo me, a questo punto, dovrebbe presentare ricorso anche la Wada. Per coerenza, quantomeno.

42
ale85 (Guest) 10-06-2016 17:10

Ma alla fine accetteranno anche loro il bel verdetto!!! Intendiamoci per me la Sharapova potrebbe tornare a competere anche domani, la sospensione doveva esserci 10 anni fa, seppur farmaci legali si trattava di 35 farmaci… Cosa che poteva pure rimanerci, ma una ragazzina di 18 anni non ci pensa, la famiglia e l’Itf avrebbe dovuto pensarvi, l’antidoping invece aveva il dovere di salvaguardare la sua salute, questo dovrebbe essere ul loro lavoro, nascono cOn questa motivazione e nn con quella di beccare o no lo sportivo quando ha fatto uso di una sostanza illegale. O meglio anche per quello, ci mancherebbe, ma è solo l’ultimo atto. Ripeto la Sharapova dal 2007 al 2012 i referti e il permesso di prendere 35 farmaci ce lo aveva… Tra cui il meldoniun, qualcuno che le dicesse : Oh Maria ma se non sei in grado di giocare stai a casa… Perché con tutto il rispetto ma se hai bisogno di 35 farmaci, mi spiace, ma non sei in grado di poterlo fare. Queste persone dove stavano? La tennista in questione ci mette la faccia, ma tutti gli altri devono stare zitti perché ci hanno lucrato sopra, famiglia compresa. Io sono schifata per questo, non per l’uso del meldonium in sè… @ federica (#1619645)

41
Mauro64 (Guest) 10-06-2016 16:55

Misura giusta, e meritava anche di più, le prime celebrità sia nel maschile che nel femminile e ora che la facciano finita di fare le vittime del sistema, anche loro devono pagare in maniera equa e giusta i loro illeciti sportivi, e i vari enti, Wada ecc. ecc. anche loro devono agire di conseguenza, non solo dando condanne e sentenze ai giocatori di seconda e terza fascia, troppo facile cosi, bisogna anche intervenire su coloro che fanno business, perché devono dare esempio di lealtà sportiva.

40
federica (Guest) 10-06-2016 16:53

@ ale85 (#1619630)

Veramente, la Wada sta valutando la possibilità di presentare ricorso al Cas….the Wada spokesman Ben Nichols said:“We can appeal the decision given by the organisation, in this case the ITF, or we can cross-appeal if an athlete makes an appeal and we don’t agree with that line of thinking.”
He added: “That’s where we are, and we don’t have an affirmative on which way we’ll go. We look at these cases as a matter of course and then we take a position.”
Staremo a vedere…

39
ale85 (Guest) 10-06-2016 16:37

Io ad esempio a questo punto le avrei dato direttamente quattro anni. Come già detto, questo processo è stato solo una farsa… Tutte le parti si sono messe d’accordo, la non intenzionalità le è stata lasciata a posta per poter fare ricorso e farla tornare prima. La Wada, dal canto suo, non indagherà più all’interno del tennis, poiché l’Itf ha proposto quattro anni, quindi per loro ha svolto bene il suo lavoro. Inutile non pensare al fatto che la Sharapova sia stata un po’ il capro espiatorio, di tutta questa vicenda. Io ritengo, però, che il caso Lepcenko sia stato trattato con molta sufficienza. Quando è venuta a galla la positività della Sharapova, dovevano rendere note tutte le altre positività al farmaco… Ricordo che la positività, poi confermata della Lepchenko è venuta alla luce da giornali russi e poi confermata dall’Itf, quando ormai c’era già stata un’amnistia. Così non va, intendiamoci, non sto giustificando Sharapova, sto solo dicendo che è stata l’unica a pagare, giustamente, sí, ma l’Itf non ne esce bene. Credo, in ogni caso che questa vicenda non cambierà più di tanto le cose all’interno del tennis, renderà i tennisti solo più furbi e forse anche meno scemi da pensare di poter fare una conferenza e non pagarne le conseguenze. Perché è quello e solo quello che ha pagato la Sharapova. Se davvero interessava a qualcuno la salute e la carriera di questa ragazza, potevano farlo prima, quando gli hanno accordato il permesso, solo perché sotto prescrizione medica, di poter prendere cocktail di 35 farmaci, per 5 anni. Sistema corrotto. La Sharapova ha le sue responsabilità ma federazione, antidoping e famiglia sono colpevoli quanto lei, se non di più! @ Sander (#1619437)

38
federica (Guest) 10-06-2016 16:28

L’articolo dice che la partecipazione della Sharapova alle prossime Olimpiadi è “decisamente improbabile”. A mio parere, l’unica certezza è che la Sharapova non parteciperà ai Giochi di Rio. La russa presenterà subito ricorso, vero. Il suo avvocato Haggerty, però, ha detto che l’udienza si terrà probabilmente “tra un mese e mezzo”. Fine luglio, quindi. Ecco, a fine luglio non ci sarebbe comunque più tempo per inserirla in lista. Per cui, credo che le possibilità della Sharapova di partecipare ai Giochi di Rio siano definitivamente sfumate.

37
ale85 (Guest) 10-06-2016 16:17

Quoto in toto… Come ho già detto da questa vicenda ne escono tutti molto molto male!!!@ _Carlo (#1619569)

36
_Carlo (Guest) 10-06-2016 15:43

Il problema non sono gli effetti del Meldonium in sé, ma il fatto che tale farmaco potrebbe essere stato usato per nascondere altre ben più pesanti, vietate e pericolose sostanze dopanti !!
Comunque l’intera vicenda è stata gestita malissimo dalla federazione…

35
Predolin (Guest) 10-06-2016 15:40

Troppo pochi.
Doveva essere squalificata a vita.

34
FAUSTO (Guest) 10-06-2016 15:15

mi ripeto.
i farmaci e il farmaco incriminato sono per malattie veramente gravi.
viceversa può essere assunto per altre finalità.
in entrambi i casi, due anni di riposo mi sembrano quanto meno utili.

33
emilio (Guest) 10-06-2016 14:32

se la squalifica per meldonium e da 2 a 4 anni,se non esistono prove che ha letto la mail arrivata dalla Wada,anche se come ho visto il suo allenatore aveva anche un lista tascabile,il minimo di 2 anni e giusto.cosi sono le regole.

32
groucho1971 (Guest) 10-06-2016 14:07

@ bao.bab (#1619191)

ma in effetti… sta forza di gravità avrebbe rotto un po… a parte la battuta sono d’accordo con te.

31
non_sono_un_pallettaro 10-06-2016 13:33

E il sondaggio?? 👿

30
Sander (Guest) 10-06-2016 13:27

Scritto da Basto
Anche secondo me sono troppi, un anno sarebbe bastato.
E che non arrivino i soliti finti moralisti a polemizzare, questa è una mia opinione e non è innocentista. C’è gente che dice addirittura che dovrebbero toglierle i titoli e che ha sempre barato.. Ma vivete nel mondo dei balocchi? Credete che qualsiasi altro tennista non assuma medicinali legali per migliorare di un poco le prestazioni?

Ma perche’ ve la prendete sempre con i da voi definiti finti moralisti?
Mi puoi spiegare perche’ poi finti? Vedi io non ti dico che hai il prosciutto negli occhi e neanche che sei fintamente con il prosciutto negli occhi….tu dici che un anno va bene e per te basta cosi’ pero’ non entri nel merito….dettaglia motiva, argomenta con i dati che hai in possesso cosi’ potrai essere piu’ credibile.
Cosa significa quando dici che viviamo nel mondo dei balocchi? Cosa vuole dire che anche altri probabilmente barano?Sarebbe questa la scusante?
Io stimo le persone che in questo Paese sono serie e vogliono rispettare le regole e non vogliono truffare gli altri, mi cede la terra sotto i piedi quando sento i “cosi’ fan tutti” e che attaccano senza cognizione di causa…. 💡

29
Lupen (Guest) 10-06-2016 13:26

Mi sa che sta storia e’ la “bufala” del secolo, il maeldonium altera le prestazioni quanto un caffe’ preso prima di scendere in campo, stanno facendo un casino della malora per pompare i midia, scommetto che finira’ (giustamente) in una bolla di sapone !!!!

28
simona (Guest) 10-06-2016 12:58

di fronte al fatto che potrebbe essere che il meldonium abbia in realtà mascherato assunzioni ben più illegali sarebbe meglio non smuovere le acque… non sappiamo cosa ci sia dietro davvero. 2 anni sono probabilmente il giusto per quello che si sa. Le è andata bene. Visto che è Sharapova… anche altri sono in difetto. Ma ora è toccato a lei.

27
arcy (Guest) 10-06-2016 12:44

2 sono pure pochi concordo per i 4 anni. Ebast

26
Phoedrus (Guest) 10-06-2016 11:50

Immagino altre centinaia di commenti su questo articolo.

Ma saranno la fotocopia di quelli dei giorni / settimane / mesi scorsi.

25
alexalex 10-06-2016 11:49

Scritto da Basto

Scritto da Bibi
Federer si è espresso duramente contro la Sharapova e personalmente condivido tutto ciò che ha detto, dall’assunzione di responsabilità alla possibilità del ritiro dei premi vinti (anche se su quest ultimo fatto non è stato esplicito se si riferisse proprio a questa situazione).
Trovo pazzesco che chi sostenga l’equazione ha barato = va condannata sia tacciato di moralismo: ma potreste un minuto toglierle gli occhi dalle zinne e leggere quella benedetta sentenza?

Alt. Anche io penso che sia giusti che sia stata condannata, ha commesso un errore e deve pagare. Mi danno fastidio invece quelli che dicono che le dovrebbero ritirare i titoli. Io mi chiedo..perché? Prima del 2016 il farmaco era legale. Ergo, tutto ciò che la Sharapova ha fatto prima non deve interessare. Ecco perché li chiamo finti moralisti: se un qualcosa di legale mi porta un vantaggio, visto che TUTTI lo possono utilizzare perché devo farne a meno? Se una cosa è legale si può fare. Punto e stop! Poi l’etica è un’altra cosa. Poi sono d’accordo anche per il fatto che Maria non è stata molto trasparente per questa faccenda, se no avrebbe dichiarato fin da subito di aver assunto meladonium anche in passato.
Ps: mi spiace ma io gli occhi sulle zinne non glieli metto mica, sono una ragazza.

Anche io sono d’accordo con la squalifica, anche se ritengo che due anni, per la prima volta, siano eccessivi. Ma sono decisamente contrario a togliere titoli e premi per una semplice ragione: Sharapova ha assunto per anni un farmaco per diabetici come fosse un qualunque integratore, per il semplice fatto che non roentrava (ancora) fra le sostanze proibite. Tutto ciò è deplorevole, ma chi ci dice che tutti i suoi avversari, e i vari colleghi che ora fanno i puritani nei suoi confronti, non abusino, o abbiano abusato, di altri farmaci utili ad aumentare le prestazioni ma non (ancora) classificati come doping????

24
Basto (Guest) 10-06-2016 11:20

Scritto da Bibi
Federer si è espresso duramente contro la Sharapova e personalmente condivido tutto ciò che ha detto, dall’assunzione di responsabilità alla possibilità del ritiro dei premi vinti (anche se su quest ultimo fatto non è stato esplicito se si riferisse proprio a questa situazione).
Trovo pazzesco che chi sostenga l’equazione ha barato = va condannata sia tacciato di moralismo: ma potreste un minuto toglierle gli occhi dalle zinne e leggere quella benedetta sentenza?

Alt. Anche io penso che sia giusti che sia stata condannata, ha commesso un errore e deve pagare. Mi danno fastidio invece quelli che dicono che le dovrebbero ritirare i titoli. Io mi chiedo..perché? Prima del 2016 il farmaco era legale. Ergo, tutto ciò che la Sharapova ha fatto prima non deve interessare. Ecco perché li chiamo finti moralisti: se un qualcosa di legale mi porta un vantaggio, visto che TUTTI lo possono utilizzare perché devo farne a meno? Se una cosa è legale si può fare. Punto e stop! Poi l’etica è un’altra cosa. Poi sono d’accordo anche per il fatto che Maria non è stata molto trasparente per questa faccenda, se no avrebbe dichiarato fin da subito di aver assunto meladonium anche in passato.

Ps: mi spiace ma io gli occhi sulle zinne non glieli metto mica, sono una ragazza.

23
Giuseppespartano (Guest) 10-06-2016 11:17

Sentenza giusta. Ha sbagliato,deve pagare. Chiunque sia. Che sia Sharapova o un’altra o un altro,la sanzione deve essere identica senza se e senza ma.

22
Giuli (Guest) 10-06-2016 10:59

@ Andry (#1619221)

Non credo,anzi la bugia smascherata l’avrebbe portata ai 4 anni!

21
Scrotal (Guest) 10-06-2016 10:53

io concordo con Federer, quindi sono giusti

20
quoth (Guest) 10-06-2016 10:53

ne meritava 4 di anni… e basta.

19
pinkfloyd 10-06-2016 10:50

Non decidiamo noi, alla fine noi possiamo solo dare i numeri e dire: 1 anno, 2 anni, 6 mesi, 10 mesi, sarebbero solo numeri.
C’è una commissione, un tribunale di membri ITF che ha valutato e deciso e penso che tecnicamente siano più competenti di noi.
Per noi comuni mortali vale anche la valutazione in base a simpatia/antipatia e c’è comunque una componente anche soggettiva nei nostri pareri.

Io personalmente avrei augurato alla Sharapova di non invischiarsi nemmeno in questa situazione, vorrei tornare indietro nel tempo insieme a lei e consigliarle di ignorarlo questo farmaco, almeno di fermarsi in tempo nell’assumerlo, di non commettere quella leggerezza.
Perché poi dopo diventa un casino smontare il tutto, diventa un casino ritrovarsi sola contro un tribunale che poi è stato costretto a scavare a fondo e rivelarci particolari così minuziosi su di lei e la sua “carriera”.
Lo dico da persona sensibile, se vogliamo, che non augura il male a nessuno, da persona appassionata di tennis, che non odia né ama la giocatrice in questione, che è e mi è sempre stata indifferente, come tennista e come personaggio.
Ma che si attiene alla cronaca, anche quando questa è sconvolgente e torbida.

La durata della squalifica non dipende da me, se fosse ridotta non avrei problemi. Certo ridurre non significa cancellare, il fatto resta e resterà.
Ma se avrà scontato giustamente la pena potrà ricominciare, come capitato a tanti di tanti sport.
C’è sempre una seconda possibiltà per chiunque, questo è sacrosanto.

18
I love tennis (Guest) 10-06-2016 10:35

La cosa che mi fa davvero rabbia è che fino a qualche giorno fa qua c’era gente che sperava nella squalifica di Djokovic per il lancio della racchetta invocando il sacro e incontestabile regolamento,e adesso che una giocatrice lo ha violato e si parla di un paio di anni di squalifica,guarda caso tace e non interviene in merito.E qui si parla di doping per altro.A dimostrazione che chi proclama il rispetto del regolamento da parte di tutti,non utilizza lo stesso metro di giudizio con chi lo infrange.

17
bao.bab (Guest) 10-06-2016 10:33

@ ale85 (#1619204)

Guarda sull’ITF to do’ talmente ragione che trovo imbarazzanti articoli tipo questi in cui si continua ad guardare il dito (la squalifica della Sharapova) piuttosto che la luna (le politiche antidoping della ITF).
Sono in disaccordo sul fatto che si possa considerare la Sharapova un capro espiatorio… insomma, per dirla con Mao, qui nessuno sta bastonando il cane che affoga… lei ha fatto tutto da sola!

16
Bibi (Guest) 10-06-2016 10:31

Federer si è espresso duramente contro la Sharapova e personalmente condivido tutto ciò che ha detto, dall’assunzione di responsabilità alla possibilità del ritiro dei premi vinti (anche se su quest ultimo fatto non è stato esplicito se si riferisse proprio a questa situazione).

Trovo pazzesco che chi sostenga l’equazione ha barato = va condannata sia tacciato di moralismo: ma potreste un minuto toglierle gli occhi dalle zinne e leggere quella benedetta sentenza?

15
Varco74 (Guest) 10-06-2016 10:10

L’entita` della squalifica ( e della richiesta doppia dell’ITF) rende evidente che il mondo del tennis ha ormai deciso di espellere Maria Sharapova in quanto personaggio collocato, per ragioni di cittadinanza, dalla parte sbagliata della barricata nella guerra politico-sportiva che si sta` combattendo; a questo punto risulta ormai del tutto chiaro che Maria non mettera` piu` piede su un campo da tennis se non nel giardino di casa sua (a Wimbledon stanno perfino pensando di espellerla dal club dei vincitori del torneo).
Detto questo rimane solo da riflettere sulla straordinaria dimensione della popolarita` di questo personaggio che ha colpito la fantasia di milioni di persone ai quattro angoli del mondo; tutto cio` che riguarda Maria o che le gira intorno tende ad assumere proporzioni “monstre”, anche le disgrazie: non si e` infatti mai vista prima una giubilazione mediatica planetaria di un campione sportivo neanche lontanamente paragonabile a quella a cui e` stata sottoposta questa dea bionda che, con la pubblicazione degli atti del processo sportivo, e` stata vivisezionata fin nei particolari piu` intimi della propria vita privata.
Puo` darsi che con l’uscita di scena della Sharapova il tennis sia piu` pulito, sicuramente sara` molto meno interessante.

14
Andry (Guest) 10-06-2016 10:01

Partendo dal presupposto che questo medicinale era legale fino al 31 dicembre ma che comunque veniva preso dagli atleti solo ed esclusivamente per migliorare le prestazioni sportive (se crediamo veramente che lo prendevano per curare patologie allora la discussione non parte neppure), se la Sharapova in conferenza stampa dice di averlo preso dopo il primo gennaio 2016, i 2 anni sono la squalifica minima e secondo me congrua al reato.Purtroppo per lei ha affrontato la questione in maniera dilettantistica, le sarebbe bastato attendere un attimo, capire come andavano le cose, e dire di aver preso il medicinale fino a dicembre.

13
pablox 10-06-2016 10:01

LA Sharapova non ha mai dichiarato all’ITF e neppure al suo staff che assumeva un “medicinale” sospetto di essere Doping da svariati anni. Lo ha rivelato solo al suo manager, che era incaricato di avvertirla se le cose fossero cambiate. Lo ha assunto in proporzioni maggiori proprio in occasione degli appuntamenti importanti. E’ stata beccata con le mani nel sacco. Se poi la Wada parla di “non volontarietà” è solo perché le vogliono lasciare un ultimo aggancio per salvarsi, ma se la squalifica proposta era di 4 anni significa che nessuno competente può giudicare “involontario” o “casuale” quanto successo. La Sharapova ha fatto la furba, mentendo a tutti, per anni. Non c’è nulla di involontario o casuale in ciò. Poi è probabile che le venga fatto un ulteriore sconto e che i fans o i media festanti lo applaudiranno.
Però i fatti sono molto chiari, e lo dico con dispiacere. La Sharapova è una imbrogliona. Magari non è la sola, ma ciò non cambia le cose.

12
Anni80 10-06-2016 09:57

2 sono giusti ; il problema è che il tennis inizia a funzionare come il calcio i due diverranno 1!!!

11
Bounty 10-06-2016 09:52

Secondo me sono ingiusti. O si usa il pugno di ferro con tutti, o non lo si usa… Vedi casi doping nel circuito ATP.
Io sto con Maria.

10
Basto (Guest) 10-06-2016 09:43

Anche secondo me sono troppi, un anno sarebbe bastato.
E che non arrivino i soliti finti moralisti a polemizzare, questa è una mia opinione e non è innocentista. C’è gente che dice addirittura che dovrebbero toglierle i titoli e che ha sempre barato.. Ma vivete nel mondo dei balocchi? Credete che qualsiasi altro tennista non assuma medicinali legali per migliorare di un poco le prestazioni? 😐

9
ale85 (Guest) 10-06-2016 09:40

Troppi per l’uso del meldonium in sè. Troppo pochi se si pensa ai 35 farmaci, usati da lei tra il 2007 e 2013, ma l’Itf lo sapeva e invece di reagire, le ha accordato il permesso in base ad una prescrizione medica, per poi sputtanarla ora. Se si considera il meldoniun e l’uso nessuno non intenzionale la squalifica è troppa!

8
Blaze92 10-06-2016 09:35

Troppi? Stiamo scherzando? Una campionessa del suo calibro dovrebbe essere il vessillo dello sport pulito.
Io l’avrei squalificata a vita.

7
Fab (Guest) 10-06-2016 09:31

Questo è il documento ufficiale:

http://www.itftennis.com/media/231178/231178.pdf

Ergo, Carta Canta!!

In particolare di questo documento:

1) Punto N 52:

Ms. Sharapova and Mr. Eisenbud
were very familiar with the facility to ask the WTA for
advice as to whether a substance which she proposed to take was prohibited in or out of
competition. Documents in evidence showed that the player and Mr. Eisenbud requested
and received information
as to whether a substance was prohibited on a number of
occasions between 2011 and 2015

. In some cases the WTA was sent a photograph of the
label of the product in question. One typical example is an email sent by
Ms
Sharapova,
copied to Max Eisenbud, on
10 June 2015 to Kathleen Stroia of the WTA…….

2) Punto N 60

At the end of his evidence Mr. Eisenbud
stated that
he had no training to understand the
composition of the Prohibited List. On his evidence he professed not to have the basic
understanding, which is required of every athlete subject to the WADA Code, of how the
Prohibited List works. With only the brand na
mes of
3
products
and no knowledge of their
ingredients he could not sensibly have begun to check those substances against the list. His
evidence did not explain why with that lack of understanding
and expertise
he was
prepared to accept the
important
resp
onsibility of checking whether Mildronate was
prohibited, why he did not delegate this task to his assistant who could easily have made the
necessary enquiries, or why it was necessary to take a file to the Caribbean to read by the
pool when one email coul
d have provided the answer. The absence of any documents or
records evidencing Mr. Eisenbud’s system speaks for itself. Critically he does not
explain
why the 3 substances inherited from Dr. Skalny’s regime were treated so differently from all
the other
medications and supplements
which were vetted by the player’s medical team
, not
by him,
and recorded in emails and medical records.

Insomma, Carta Canta, poi raccontare le storie ( in questo caso balle!! ) ad uso e consumo dei fans.. e in attesa del verdetto finale è solo fumazzo di pessima qualità!!

Piuttosto, c’è da chiedersi come mai nessun sito italiano specializzato sul tennis ha tradotto integralmente il documento ufficiale di cui sopra??

Ma che strane coincidenze….!!

Saluti.

Fabrice

6
magilla (Guest) 10-06-2016 09:19

Scritto da Andi
Secondo me sono giusti

Scritto da Andi
Secondo me sono giusti

concordo!

5
bao.bab (Guest) 10-06-2016 09:16

E’ un po’ come lamentarsi che su questo mondo si sia vincolati ad una forza di gravita’ oltremodo coercitiva… Le regole ci sono e sono state violate.

4
Andi (Guest) 10-06-2016 09:00

Secondo me sono giusti

3
groucho1971 (Guest) 10-06-2016 08:40

intendevo che se da 4 sono già scesi a 2… non vedo come potrebbero scendere ulteriormente.

2
groucho1971 (Guest) 10-06-2016 08:39

chiesti 4 anni, quindi ritiro dal tennis. in russia hanno già ipotizzato che questi 2 anni potrebbero servire a Masha per mettere su famiglia….

1