Statistiche e Tennis ATP, Copertina, Generica

Su quale superficie i Top20 conquistano i punti del ranking ATP? (compresi anche gli italiani)

02/03/2016 08:30 27 commenti
Novak Djokovic classe 1987, n.1 del mondo
Novak Djokovic classe 1987, n.1 del mondo

L’analisi qui presentata divide i punti del ranking ATP (aggiornato al 22 Febbraio) dei Top20 a seconda della superficie sulla quale sono stati conquistati. Essendo il numero di tornei sul duro (senza distinzione fra cemento indoor, outdoor e carpet) molti di più, appare scontato che la maggior parte dei punti siano stati colti su tale superficie

Questa statistica è comunque utile confrontando ad esempio la percentuale di ogni giocatore con la media dei Top20. Fra i primi 3 la percentuale è veramente molto simile, mentre Wawrinka ha una percentuale maggiore sul rosso (si fanno sentire i 2000 punti del Roland Garros). I più affezionati al duro sembrano essere Isner, Raonic e Bautista Agut (gli unici sopra il 70%), mentre Thiem è l’unico tennista che conquista più punti su terra che sul veloce. Le 4-5 settimane l’anno sull’erba sembrano invece aver giovato maggiormente a Gasquet, Anderson e Simon.

E i nostri ragazzi? Sono o no dei terraioli incalliti? La risposta è si, ma non tutti. Infatti se Fognini ha una percentuale quasi uguale fra terra e cemento, Seppi ha una ottima propensione sull’erba con il 39% dei punti (dato influenzato dalla finale ad Halle). Fra gli altri rendimento in percentuale simile a un Top20 per Bolelli, Fabbiano e Vanni mentre tutti gli altri sembrano essere effettivamente terra-dipendenti.

Italiani


Andrea Marletta


TAG:

27 commenti. Lasciane uno!

Nevskij (Guest) 03-03-2016 01:33

@ Shuzo (#1540440)

Ragionamento Arna molto semplice. Giocatore di gran talento ma con colpi molto leggeri. Sul veloce viene letteralmente preso a pallate, sulla terra può giocare alle sue velocità sfruttando variazioni e palle corte

27
taxidriver (Guest) 02-03-2016 22:51

Statistica da guardare bene cioè thiem ha molti punti sulla terra battuta ma nei tornei più importanti sulla terra battuta ha fatto pochi punti, ,seppi ha una buona percentuale in erba ma ad halle a proprio favore ha avuto 2 ritiri contro uno come Nishikori, roger per esempio ha meno percentuale di seppi su erba, , mentre per isner per esempio conferma ciò che sapevamo ovvero che i suoi punti li fa da fine luglio a inizio settembre sul cemento americano, inoltre queste percentuali lascinano il tempo che trovano visto che si giocano molti più torneo su cemento che su terra battuta, in erba simon ha la percentuale più alta per i quarti a wimbledon, e perché sul cemento ha fatto poco nulla

26
Nadaliano 02-03-2016 20:10

E’ interessante proprio perchè fa capire che per scalare le classifiche sere essere forti sul cemento. Ci sono molti più tornei e anche uno come Nadal fa più punti sul cemento che sulla terra.

25
Miiiii (Guest) 02-03-2016 19:58

Statistica interessante, ma un po’ da tarare. Ad esempio Seppi risulta il più erbofilo (parentesi: sì, erbofilo non esiste in italiano, però non è che erbivoro – a meno di usarlo in senso scherzoso – vada meglio, visto che esiste come parola ma ha un significato diverso da quello che si vorrebbe esprimere; per me non si può proprio vedere l’uso che ormai se ne fa disinvoltamente in ambito tennistico), non solo degli italiani, ma proprio di tutti quelli riportati. E qualche dubbio me lo lascia anche Bautista Agut come il meno terraiolo di tutti (sì, anche questo termine è usato impropriamente, lo so).

24
Shuzo (Guest) 02-03-2016 18:39

Francamente mi sorprende che proprio Arnaboldi abbia una percentuale così alta di punti conquistati su terra rossa (in parte anche Lorenzi). Arnaboldi ha un gioco più adatto al veloce che alla terra battuta.
Comunque mi sembra che gli unici veri terraioli incalliti siano Cecchinato e Giannessi (con l’aggiunta di Fognini, sia pure in misura minore rispetto agli anni scorsi). Lorenzi sa giocare benissimo anche sulle altre superfici. Inoltre lo stesso Giannessi sta migliorando il suo rendimento al di fuori della terra. L’unico veramente indietro è Cecchinato. Mi auguro che non ripeta gli errori di Volandri e Starace che hanno concentrato la propria carriera quasi esclusivamente in tornei su terra battuta.

23
Ktulu 02-03-2016 18:27

Scritto da MD
Sarebbe interessante conoscere la media punti/torneo divisa per superfici.
Se uno fa 100 punti giocando 100 tornei sul cemento (1 punto/torneo), e fa 90 punti in un unico torneo sull’erba (90 punti/torneo) non può essere uno specialista del cemento.

Esatto.

22
MD (Guest) 02-03-2016 15:12

Sarebbe interessante conoscere la media punti/torneo divisa per superfici.
Se uno fa 100 punti giocando 100 tornei sul cemento (1 punto/torneo), e fa 90 punti in un unico torneo sull’erba (90 punti/torneo) non può essere uno specialista del cemento.

21
Ken_Rosewall 02-03-2016 14:52

Scritto da pallettaro
Dobbiamo anche tenere conto del fatto che la prevalenza dei punti, soprattutto nei top ten, è data dal fatto che la maggior parte dei tornei si svolge su hard.
Ma è una statistica molto interessante.

concordo, andrebbe comparato con la predominanza dell’hard court in stagione.
Complimenti per l’articolo comunque

20
Salvo (Guest) 02-03-2016 14:30

Interessante.

19
Tweeners 02-03-2016 14:22

@ dario (#1540269)

Non sono d’accordo. Certe superfici indoor sono più lente di tornei outdoor come Dubai o Cincinnati!
Il Fogna è 50 e 50 ma da quest’anno spero migliori notevolmente la percentuale di punti sul veloce.

18
nino88 (Guest) 02-03-2016 14:16

Ceccchinato, Fabbiano e Giannessi hanno fatto 0 punti su erba.
Donati, Cecchinato e Giannessi meno di 100 punti a testa sul cemento.
Beh … non c’è molto da stare allegri!

17
Phoedrus (Guest) 02-03-2016 14:13

Aggiungo anche io: ottimo articolo, che merita piu’ commenti di articoli di gossip (per questo scrivo qui).

16
Phoedrus (Guest) 02-03-2016 14:11

Se giochi molto in Italia fai necessariamente molti punti sul rosso.

Interessanti quei due francesi erbivori. Ma,come notato da altri, ad eccezione dei big, basta un exploit in un torneo per falsare.

15
gattone (Guest) 02-03-2016 13:42

branco di terrarioli pallettari provinciali 😆

14
SilvioL (Guest) 02-03-2016 13:19

Scritto da Magazine
Ah dimenticavo articolo davvero davvero interessante. complimenti all’autore.

Vero, verissimo!

13
dario (Guest) 02-03-2016 12:56

Interessante ma resta cmq un grave errore mischiare indoor con cemento. Parliamo di due pianeti diversi.

12
alexalex 02-03-2016 12:48

@ Magazine (#1540233)

Anche secondo me thiem dovrebbe fare molto bene in almeno uno dei 1000 fra indian wells e miami! Ma mi aspetto, e auguro, un vero exploit nei 1000 su terra!

11
andre948 02-03-2016 12:31

Interessantissimo quest’articolo

10
Magazine 02-03-2016 11:35

Ah dimenticavo articolo davvero davvero interessante. complimenti all’autore.

9
Magazine 02-03-2016 11:34

Le % di Thiem cambieranno durante la stagione i suoi due grandi exploit li ha avuti durante la stagione del rosso post Wimbledon e ora in questa piccola parentesi sudamericana. Ma ritengo che l’austriaco potrà molto bene anche sul veloce andando a seguire il resto dei primi al mondo.

8
pallettaro (Guest) 02-03-2016 11:28

Dobbiamo anche tenere conto del fatto che la prevalenza dei punti, soprattutto nei top ten, è data dal fatto che la maggior parte dei tornei si svolge su hard.
Ma è una statistica molto interessante.

7
virescit85 02-03-2016 10:44

Scritto da Dennis
Fantastico il 96.7% di Ceck sulla terra

Ok che ha giocato molti challenger ma considerando meramente i punti su terra Cecchinato potrebbe essere un TOP20 😛

6
Ktulu 02-03-2016 10:39

Finalmente un articolo interessante, bravo Andrea.

5
carlo (Guest) 02-03-2016 10:37

forse poteva essere interessante aggiungere il calcolo cumulativo degli ultimi 3 anni in modo da evitare distorsioni dovute a un singolo torneo andato molto bene (soprattutto per gli italiani) e anche la percentuale rispetto a quelli potenzialmente a disposizione

buono spunto in ogni caso

4
Roberto (Guest) 02-03-2016 09:22

Insomma, gli italiani più in linea col trend generale sono Fabbiano e Vanni

3
Dennis (Guest) 02-03-2016 08:50

Fantastico il 96.7% di Ceck sulla terra 😀

2
Cips (Guest) 02-03-2016 08:43

Non leggevo un’articolo cosi interessante da settimane!!

1