Vinci in semifinale Copertina, WTA

Roberta Vinci approda alle semifinale di San Pietroburgo dopo una battaglia di oltre due ore e mezza

12/02/2016 13:01 73 commenti
Roberta Vinci, classe 1983, Nr. 16 Wta
Roberta Vinci, classe 1983, Nr. 16 Wta

Sofferta vittoria per Roberta Vinci nei quarti di finale del torneo WTA Premier di San Pietroburgo ($753.000, hard indoor).

L’azzurra ha superato l’ostica ungherese Timea Babos, 22 anni, Nr. 51 Wta, con il punteggio di 7-6(3) 4-6 7-6(4) in due ore e 35 minuti di gioco.

Al prossimo turno sfiderà Ana Ivanovic.

Incontro scorbutico e vinto grazie all’esperienza e alla maggiore classe quello odierno; Roberta non ha brillato per continuità di gioco o tennis spettacolare ma ha trovato i colpi giusti al momento giusto, avendo il merito di essere rimasta attaccata all’incontro quando il match sembrava essere destinato alla Babos. Da riconoscere anche i meriti dell’avversaria: Timea è una classe 1993 in costante crescita, dai colpi potenti (servizio e diritto) e che raramente sbaglia scelte tattiche durante le sue partite. Un nome di cui sicuramente sentiremo parlare, ora speriamo in un completo recupero fisico della nostra portacolori in vista della semifinale di domani,

Primo set: solito inizio diesel per Robertina.
La tennista italiana, infatti, sembra patire il potente servizio avversario e fatica ad entrare nello scambio; per sua fortuna, l’ungherese è meno qualitativa rispetto a lei e molto fallosa, non approfittando quindi di questo momento in chiaroscuro della Vinci.
I primi brividi ci sono tra il terzo e il quarto gioco; dapprima la Babos annulla due palle break grazie a due splendidi servizi al centro, successivamente Roberta risale da 0-40 con due magnifiche volee e un gratuito da circolino rosso (risposta in corridoio su seconda di servizio) di Timea.
L’aggressività dell’ungherese e un periodo di appannamento della pugliese, portano al primo strappo del match, con l’ungherese che sale 4-2 dopo una brutta palla corta di Roberta terminata in rete.
In svantaggio l’azzurra si riassesta e dà il meglio di sè; inizia a giocare in maniera più ragionata, facendo prevalere la sua maggiore qualità e iniziando a trovare le contromisure alle bordate avversarie.
L’ungherese, seppure in difficoltà, si salva nel settimo gioco da una pericolosa palla del controbreak grazie a un bell’attacco da fondo; nulla può invece nel turno di servizio successivo, il nono, game in cui Robertina rimette in equilibrio il parziale brekkando l’avversaria grazie a un gratuito di Timea (attacco in rete).
Il trend è favorevole alla Vinci che rischia di passare anche nell’undicesimo gioco, gioco in cui la Babos si salva da due pericolose palle break consecutive per il rotto della cuffia.
Si giunge così al tiebreak, giocato in maniera concreta da Roberta che non lascia spazio di replica all’avversaria. L’ennesimo gratuito dell’ungherese (un rovescio out) pongono fine al parziale dopo un’ora e 3 minuti di tennis. 7-3 Vinci.

Secondo set: il parziale si decide interamente tra il terzo e il quarto gioco.
Dapprima Robertina gioca un game disastroso, si trova sotto 0-40, annulla una palla break ma cede il servizio dopo un gratuito di rovescio.
Nel gioco successivo, l’ungherese annulla bene due palle dell’immediato controbreak grazie a una prima vincente e alla premiata ditta servizio potente + diritto a chiudere.
Non vi saranno più chance di rientro per la pugliese; l’avversaria infatti è una macchina da guerra al servizio, difficilmente giocabile se entra la prima e sempre più convinta con il passare dei minuti.
Un rovescio tirato malamente in rete dalla Vinci pone fine al parziale dopo 40 minuti di tennis. 6-4 Babos.

Terzo set: si inizia sulla falsariga del parziale appena terminato.
L’ungherese ha limitato gli errori mentre Robertina sembra aver perso fiducia e convinzione nei propri mezzi.
Ne scaturisce subito un break a favore della Babos, abile a brekkare già nel primo gioco dopo una bella difesa a rete.
Timea potrebbe allungare anche nel terzo game, game in cui dispone di una palla break che sa molto di match point; fortunatamente l’azzurra riesce ad annullarla dopo un duro scambio da fondo concluso da un gratuito ungherese. 2-1 e Robertina che resta in scia.
Il copione sembra essere quello del parziale precedente, con la Vinci in svantaggio che non riesce ad impensierire l’avversaria sul suo servizio, servizio sempre preciso e potente.
L’opportunità capita sul filo di lana, nel decimo gioco, dove Roberta sale 15-40. Qui fa e disfa la Babos; prima annulla la palla break con il consueto ace, poi incappa in un sciagurato doppio fallo che rimette la partita in equilibrio.
Non vi sono più sussulti, anche questo set viene così deciso dal tiebreak.
Il tiebreak è caratterizzato dalla ricerca costante dello scambio sulla diagonale di rovescio e dalla bravura della Vinci in risposta. La differenza finisce per farla proprio questo elemento: due splendide risposte a delle prime di servizio ungheresi e altrettante risposte precise e potenti negli ultimi due punti dell’incontro pongono fine alla contesa. 7-4 Vinci in 52 minuti di tennis.

La partita punto per punto

WTA St. Petersburg
Timea Babos
6
6
6
Roberta Vinci [2]
7
4
7
Vincitore: R. VINCI

T. Babos HUN – R. Vinci ITA
02:33:02
12 Aces 6
4 Double Faults 4
60% 1st Serve % 55%
50/71 (70%) 1st Serve Points Won 45/62 (73%)
25/48 (52%) 2nd Serve Points Won 28/50 (56%)
9/11 (82%) Break Points Saved 7/10 (70%)
17 Service Games Played 17
17/62 (27%) 1st Return Points Won 21/71 (30%)
22/50 (44%) 2nd Return Points Won 23/48 (48%)
3/10 (30%) Break Points Won 2/11 (18%)
17 Return Games Played 17
75/119 (63%) Total Service Points Won 73/112 (65%)
39/112 (35%) Total Return Points Won 44/119 (37%)
114/231 (49%) Total Points Won 117/231 (51%)

51 Ranking 16
22 Age 32
Sopron, Hungary Birthplace Taranto, Italy
Sopron, Hungary Residence Taranto, Italy
5′ 10″ (1.79 m) Height 5′ 4″ (1.63 m)
150 lbs. (68 kg) Weight 132 lbs. (60 kg)
Right-Handed Plays Right-Handed
Pro (2011) Turned Pro Pro (1999)
4/2 Year to Date Win/Loss 4/3
0 Year to Date Titles 0
1 Career Titles 9
$1,863,394 Career Prize Money $10,236,387


Davide Sala


TAG: , , ,

73 commenti. Lasciane uno!

Mattia 97 12-02-2016 22:53

Grande Roberta, speriamo che questa maratona non influisca domani !

73
gbuttit 12-02-2016 22:38

Scritto da pallabreak

Scritto da pinkfloyd

Scritto da pallabreak
A volte banalizzando e/o sintetizzando si è più chiari, quindi provo questa strada. Un match come quello odierno, a mio avviso, non l’ha vinto la Vinci ma l’ha perso la Babos. Per le statistiche, i tabelloni e i ranking non cambia nulla, per i valori tennistici delle giocatrici secondo me moltissimo!

Ma non è il primo e non sarà nemmeno l’ultimo, non capisco qual è il problema.
Il femminile è pieno di match così, vinti o persi sul filo di lana, punteggi ribaltati e ri-ribaltati, match quasi vinti e poi persi o viceversa. C’è un campionario quasi giornaliero.
Non capisco dove sta la particolarità né la stranezza.
Cosa cambia nei “valori tennistici”?
Che la Vinci è stata fortunata e la Babos è una “choker”?
Spiega.

A parte che non vedo perché “devo” spiegare qualcosa (anche perché non ho la pretesa d’esserne capace), intendo semplicemente dire che non è merito della tennista A (in questo caso la Vinci) se la tennista B (in questo caso la Babos) si blocca e “butta via” un match quasi vinto e il tutto non aggiunge spettacolarità al tennis. Ma forse l’errore è mio che continuo a voler esprimere la mia voce anche quando è fuori dal coro e non mi arrendo al fatto che, su certi argomenti, magari non è gradita proprio perché in netta minoranza. Sarà un caso, ma tutte queste obiezioni arrivano dopo che mi permetto di “contestualizzare” la vittoria di un’italiana, anziché elogiarla e basta, come vedo fare dalla maggioranza. Di questo passo, riuscirete probabilmente a stufarmi di dire la mia e convincermi (magari per la vostra gioia) a cancellarmi da questo sito. Anzi, mi sa che lo faccio oggi stesso. Buon tennis comunque a tutti: divertitevi anche per me.

Se la giocatrice B butta la partita é anche merito della giocatrice A che non si é arresa, ha lottato fino alla fine ed é stata più fredda nei punti decisivi e quando si é trovata a sua volta nella situazione di chiudere la partita non l’ha buttata a sua volta… e tutte queste sono cose che contano come e più di saper fare un bel dritto o un gran servizio.
E comunque tutto ciò non so se sia spettacolare ma é sicuramente emozionante, non per niente attualmente il tennis femminile mi diverte più di quello maschile.
Per il resto il tuo errore non é quello di dire cose fuori dal coro, ben vengano opinioni diverse, ma di non accettare il contraddittorio, non é la prima volta che appena qualcuno non é d’accordo con te cominci con questo vittimismo… se scrivi su un forum, su un blog, su qualunque sito “pubblico” devi accettare anche che qualcuno non sia d’accordo con te ed esprima il suo dissenso, ovviamente in maniera educata e senza offendere come ritengo sia stato fatto almeno in questo caso.

72
Vince 12-02-2016 20:41

Scritto da fabious
@ Vince (#1526030)
Suarez e Safarova hanno in scadenza una vagonata di punti e la Pennetta non restera x sempre in classifica tieni anke conto ke la Vinci non difende nulla fino a Madrid diciamo allora al 98%

Conosco bene la situazione, grazie al riepilogo che postò Diegus tempo fa…si trova indubbiamente in una buona posizione, però senza risultati basta un attimo a scivolare indietro, soprattutto se le altre invece i risultati dovessero farli.

Facciamo finta che sia già dodicesima e che rimonti su Suarez e Safarova, per i loro scarti…c’è sempre l’Azarenka che entro breve la potrebbe passare.

Una vittoria domani sarebbe “quasi” decisiva, sia per i punti che assegna, ma soprattutto perchè escluderebbe dalla corsa la Ivanovic, che se invece vincesse il torneo arriverebbe ad un centinaio di punti da Roberta e quindi diventerebbe un’altra concorrente pericolosa.

71
fabio (Guest) 12-02-2016 20:27

Bravissima Roberta……

70
pinkfloyd 12-02-2016 20:22

Scritto da pallabreak

Scritto da pinkfloyd

Scritto da pallabreak
A volte banalizzando e/o sintetizzando si è più chiari, quindi provo questa strada. Un match come quello odierno, a mio avviso, non l’ha vinto la Vinci ma l’ha perso la Babos. Per le statistiche, i tabelloni e i ranking non cambia nulla, per i valori tennistici delle giocatrici secondo me moltissimo!

Ma non è il primo e non sarà nemmeno l’ultimo, non capisco qual è il problema.
Il femminile è pieno di match così, vinti o persi sul filo di lana, punteggi ribaltati e ri-ribaltati, match quasi vinti e poi persi o viceversa. C’è un campionario quasi giornaliero.
Non capisco dove sta la particolarità né la stranezza.
Cosa cambia nei “valori tennistici”?
Che la Vinci è stata fortunata e la Babos è una “choker”?
Spiega.

A parte che non vedo perché “devo” spiegare qualcosa (anche perché non ho la pretesa d’esserne capace), intendo semplicemente dire che non è merito della tennista A (in questo caso la Vinci) se la tennista B (in questo caso la Babos) si blocca e “butta via” un match quasi vinto e il tutto non aggiunge spettacolarità al tennis. Ma forse l’errore è mio che continuo a voler esprimere la mia voce anche quando è fuori dal coro e non mi arrendo al fatto che, su certi argomenti, magari non è gradita proprio perché in netta minoranza. Sarà un caso, ma tutte queste obiezioni arrivano dopo che mi permetto di “contestualizzare” la vittoria di un’italiana, anziché elogiarla e basta, come vedo fare dalla maggioranza. Di questo passo, riuscirete probabilmente a stufarmi di dire la mia e convincermi (magari per la vostra gioia) a cancellarmi da questo sito. Anzi, mi sa che lo faccio oggi stesso. Buon tennis comunque a tutti: divertitevi anche per me.

No ma quel mio “spiega” non era un ordine 🙂 era solo un invitarti a spiegare perché non avevo capito 🙂
Il fatto che una perde perché l’altra si sgonfia sul più bello non è solo peculiarità di questa partita ma capita e può capitare nel tennis, nel femminile molto spesso.
Poi la partita può essere “spettacolare” a prescindere da chi vince (anche grazie all’avversaria choker).
Spettacolare può essere la partita comunque (e questa è stata lunga e combattuta e godibile).

Per il resto non lo, non capivo solo quello che volevi dire.
Adesso l’ho capito 🙂

69
Koko (Guest) 12-02-2016 19:28

@ pallabreak (#1526194)

Come fai a cancellarti se il messaggio è da non registrato? 😮 Personalmente più mi sono contro e più voglio non sparire da qui! 😉

68
sarita 12-02-2016 19:21

Scritto da Koko

Scritto da jade
@ Koko (#1526038)
Mi dice con che rovescio giocava la Graf e come mai sempre con quel rovescio arrivare in finale agli US Open. Stai parlando della n° 13 al mondo non di 300. Stai vaneggiando

Si andiamo con Graf a 30 anni fa con l’old school (a parte che era un rovescio in back abbastanza diverso e peculiare)! Poi sono io che vaneggia: nel tennis odierno l’atteggiamento Vinciano è insensato (dato che il coperto lo avrebbe anche) per gli altissimi livelli. Basta per navigare con esperienza marpiona intorno alle 12 WTA fino a che dura la cuccagna.

Non lo sente come colpo.

67
IndoorClay 12-02-2016 19:21

Scritto da lupen

Scritto da lesser
@ darios80 (#1525994)
me l’ero messa in pace pure io ,grande roberta a non mollare è sfruttare l’unica occasione di brekkare la babos sul 54. sul tiebrek sanguinoso il doppio fallo poteva essere la fine, fortuna che ha risposto alla prima della babos con due dritti che sono stati fondamentali.l’avevo visto fuori l’ultimo sulla seconda della babos per fortuna ha toccato.un po’ di fortuna non guasta.comunque merita roberta gioca bene dall’ultimi mesi dell’anno scorso ed è tutt’ora n13 al mondo non parliamo di una giocatrice non non si sente mai nominare è stata n1 al modo di doppio per 2 3 anni e n11 al mondo

E se Mis Pennetta ci fa il favore di togliere il disturbo, la Vinci sarebbe gia’ n.12 (gia’ che non esiste piu’ come giocatrice)….o dobbiamo raccogliere le firme per farla sloggiare con decreto legge !!!

E allora la Bencic sarebbe già top ten

66
lesser 12-02-2016 19:20

fuori la subulkova vince la kasatkina

65
pallabreak (Guest) 12-02-2016 19:18

Scritto da pinkfloyd

Scritto da pallabreak
A volte banalizzando e/o sintetizzando si è più chiari, quindi provo questa strada. Un match come quello odierno, a mio avviso, non l’ha vinto la Vinci ma l’ha perso la Babos. Per le statistiche, i tabelloni e i ranking non cambia nulla, per i valori tennistici delle giocatrici secondo me moltissimo!

Ma non è il primo e non sarà nemmeno l’ultimo, non capisco qual è il problema.
Il femminile è pieno di match così, vinti o persi sul filo di lana, punteggi ribaltati e ri-ribaltati, match quasi vinti e poi persi o viceversa. C’è un campionario quasi giornaliero.
Non capisco dove sta la particolarità né la stranezza.
Cosa cambia nei “valori tennistici”?
Che la Vinci è stata fortunata e la Babos è una “choker”?
Spiega.

A parte che non vedo perché “devo” spiegare qualcosa (anche perché non ho la pretesa d’esserne capace), intendo semplicemente dire che non è merito della tennista A (in questo caso la Vinci) se la tennista B (in questo caso la Babos) si blocca e “butta via” un match quasi vinto e il tutto non aggiunge spettacolarità al tennis. Ma forse l’errore è mio che continuo a voler esprimere la mia voce anche quando è fuori dal coro e non mi arrendo al fatto che, su certi argomenti, magari non è gradita proprio perché in netta minoranza. Sarà un caso, ma tutte queste obiezioni arrivano dopo che mi permetto di “contestualizzare” la vittoria di un’italiana, anziché elogiarla e basta, come vedo fare dalla maggioranza. Di questo passo, riuscirete probabilmente a stufarmi di dire la mia e convincermi (magari per la vostra gioia) a cancellarmi da questo sito. Anzi, mi sa che lo faccio oggi stesso. Buon tennis comunque a tutti: divertitevi anche per me.

64
Koko (Guest) 12-02-2016 18:49

Scritto da jade
@ Koko (#1526038)
Mi dice con che rovescio giocava la Graf e come mai sempre con quel rovescio arrivare in finale agli US Open. Stai parlando della n° 13 al mondo non di 300. Stai vaneggiando

Si andiamo con Graf a 30 anni fa con l’old school (a parte che era un rovescio in back abbastanza diverso e peculiare)! Poi sono io che vaneggia: nel tennis odierno l’atteggiamento Vinciano è insensato (dato che il coperto lo avrebbe anche) per gli altissimi livelli. Basta per navigare con esperienza marpiona intorno alle 12 WTA fino a che dura la cuccagna.

63
Stefan Navratil (Guest) 12-02-2016 18:40

@ Koko (#1526038)

Ho sempre pensato anch’io che ogni tanto dovrebbe tirarlo questo benedetto rovescio coperto per non dare tempo alle avversarie di riguadagnare campo una volta portate verso il corridoio. Col back le fa si correre e piegare ma dà loro il tempo di riprendere lo scambio e lei è spesso costretta di nuovo a remare da fondo. Anche Martina Navratilova negli ultimi anni di cariera tirava più spesso il rovescio a tutto braccio durante lo scambio per rubare tempo alle avversarie invece che aspettare sempre l’occasione per attaccare (la velocità di palla era salita di molto e ad una certa età occorreva accorciare i tempi). Ma a 10 mesi dal ritiro godiamoci la Vinci così com’è che è un gran bel vedere per chi ama il gesto tecnico piuttosto che la forza bruta!

62
Gaz (Guest) 12-02-2016 18:38

Dire che il livello del tennis femminile e’ calato e’ una fesseria.
Oggi dominatrici e numeri 1 del passato quali Navratilova,evert,graf,seles,henin,ecc….avrebbero vinto molto di meno in un tennis piu’ veloce e di potenza in cui l’aspetto fisico e molto piu’ determinante.E’ assurdo pensare il contrario,forse chi dice questo si riferisce che e’ diminuito il valore della tecnica in cui la bravura e’ un aspetto dal quale si puo’ prescindere e non essere decisivo come in passato e da questo punto di visto sono d’accordo.
La Bravura delle tenniste di una volta ha certamente lasciato spazio alla potenza e ad un tennis diverso, meno qualitativo ma con alti ritmi che richiedono una preparazione sempre soddisfacente sia fisica che mentale.
Lo penso sempre tutte le volte che vedo queste ex tenniste a bordo campo a vedersi i match giocati da queste top player,immaginarmi il pensiero nella loro testa che e’ stata una fortuna non essere appartenute a questa generazione.
Oggi una Graf dominatrice con quel rovescio farebbe fatica a tenere giocatrici come Williams,sharapova,azarenka,Muguruza e molte altre giocatrici.
Il livello si e’ alzato anche in tutte le categorie,basta vedere tutte le giocatrici italiane che hanno fatto parte della top 100 dagli anni 90 al 2000 per esempio,giocatrici che equivalgono ad una Matteucci ad una Caregaro ecc…giocatrici che possiamo vedere oggi quale fatica fanno per raggiungere uno spazio degno di nota.

61
pinkfloyd 12-02-2016 18:34

Scritto da mittler831
@ pinkfloyd (#1526145)
Sono d’accordo sul livello medio; ma – intuisco che sei istruito dai tuoi gusti musicali – devi convenire però che la 87 di oggi è più forte di quella di 20 30 anni fa, perchè questa grande iattura di nome globalizzazione ha coinvolto anche il nostro sport preferito.
Di quanto sarà aumentato il numero dei praticanti?Non lo so , ma faccio Muzio scevola e credo di uno sproposito.
Le sparapalle hanno appiattito e reso più noioso il tennis secondo me, e non solo le donne; tra gli uomini reputo mille volte superiore Zverev a Kyrgios ad esempio.
Escono – e non potrebbe essere altrimenti vista la contingenza del mondo ora – tutti uguali, con lo stampino, manca loro il timbro Made in China.

Ecco, bravo, quello è uno dei motivi: la “globalizzazione”, il fatto che il tennis si sia ampliato numericamente come sport e anche il fatto che si guadagnano bei soldini e sempre di più.

Il livello tecnico io lo guardo di pari passo con questa “evoluzione”, col fatto che siamo nel 2016 e non si può sempre giocare in un modo, ora come nel 1970, è impossibile.
E 30-40 anni fa era fantastico ma oggi io lo guardo lo stesso, con le mie preferenze ecc, però lo reputo ancora uno sport spettacolare a affascinante, relativamente a questa epoca 😉

60
Alex81 12-02-2016 18:16

Molto molto molto bene… benerrimo!

59
mittler831 12-02-2016 18:12

@ pinkfloyd (#1526145)

Sono d’accordo sul livello medio; ma – intuisco che sei istruito dai tuoi gusti musicali 😛 – devi convenire però che la 87 di oggi è più forte di quella di 20 30 anni fa, perchè questa grande iattura di nome globalizzazione ha coinvolto anche il nostro sport preferito.
Di quanto sarà aumentato il numero dei praticanti?Non lo so , ma faccio Muzio scevola e credo di uno sproposito.
Le sparapalle hanno appiattito e reso più noioso il tennis secondo me, e non solo le donne; tra gli uomini reputo mille volte superiore Zverev a Kyrgios ad esempio.
Escono – e non potrebbe essere altrimenti vista la contingenza del mondo ora – tutti uguali, con lo stampino, manca loro il timbro Made in China.

58
pinkfloyd 12-02-2016 18:10

Scritto da pallabreak
A volte banalizzando e/o sintetizzando si è più chiari, quindi provo questa strada. Un match come quello odierno, a mio avviso, non l’ha vinto la Vinci ma l’ha perso la Babos. Per le statistiche, i tabelloni e i ranking non cambia nulla, per i valori tennistici delle giocatrici secondo me moltissimo!

Ma non è il primo e non sarà nemmeno l’ultimo, non capisco qual è il problema.

Il femminile è pieno di match così, vinti o persi sul filo di lana, punteggi ribaltati e ri-ribaltati, match quasi vinti e poi persi o viceversa. C’è un campionario quasi giornaliero.
Non capisco dove sta la particolarità né la stranezza.

Cosa cambia nei “valori tennistici”?
Che la Vinci è stata fortunata e la Babos è una “choker”?
Spiega.

57
mittler831 12-02-2016 18:06

@ gbuttit (#1526141)

Una persona intelligente riesce a dominarsi; sotto un fuoco di sbarramento di una settimana, come sul match-point di un Premier; è una questione di palle: o ce l’hai o non ce l’hai.

56
pallabreak (Guest) 12-02-2016 17:59

A volte banalizzando e/o sintetizzando si è più chiari, quindi provo questa strada. Un match come quello odierno, a mio avviso, non l’ha vinto la Vinci ma l’ha perso la Babos. Per le statistiche, i tabelloni e i ranking non cambia nulla, per i valori tennistici delle giocatrici secondo me moltissimo!

55
lesser 12-02-2016 17:56

guardate la kasatkina che ha 19 anni è sta giocando alla pari con sibulkova,ste giovani crescono e le nostre nemmeno l’ombra delle giovani

54
pinkfloyd 12-02-2016 17:53

Scritto da mittler831
@ pinkfloyd (#1526052)
Ma non scherziamo su…Livellato si, ma verso il basso; dagli anni ’90 ad ora, questo è il momento di maggior carenza di giocatrici – sennò Serena con una Henin o Hingis i due Roland ultimi con il binocolo li vedeva – ; e la cosa più grave è che le nuove leve sono delle sparapalle tremendamente monotone e davvero poco intelligenti.
La dimostrazione vivente è la nostra Camila, la quale fa gli stessi errori di 5 anni fa negli itf americani, 23 DF a match; 50 UE; ma di che stiamo a parlare su, ad avercene di Graf,Seles,Arantxa Sanchez, Conchita Martinez, Novotna, Hingis, Henin, Clijsters, Myskina, Pierce, Davenport, M.J.Fernandez, ma anche di Mauresmo, tauziat, di Farina Schiavone di 10 anni fa!
O anche 5 anni fa:
Oltre le Williams c’erano una Azarenka sana;una Sharapova non con la pancia piena di caramelle e gomme; una Na Li che era un robot; ora chi abbiamo?
La Kerber????
Che stimo tantissimo, ma 10 anni fa massimo top-20 poteva ambire.

Il livello medio si è alzato, il fatto che ci siano meno “campionesse” di una volta può essere anche vero, ma chi sta a metà top 100 e anche meno, è molto più competitiva rispetto a prima.
E parlo anche rispetto al secolo scorso (lo so, non tutti l’hanno vissuto) quando poche campionesse si spartivano tutto, Navratilova, Evert, poi Graf ecc e le retrovie erano molto più scarse.
E dalla top 20 in poi – poi – c’erano molte che erano poco più che comparse.

E a prescindere dalla qualità, quello è un altro discorso.
Che significa che oggi ci sono le “sparapalle” come le chiami tu?
Questo è il tipo di gioco moderno, ma non significa siano scarse, semplicemente giocano così (generalizzando banalmente, tra l’altro).

La qualità non la puoi quantificare, è un discorso troppo complicato e comprenderebbe 40-50 anni di tennis. Dalle origini persino.
Prima si giocava in un modo e quello era, ora è uguale.
Fra 10 anni rimpiangeranno quelle di oggi come delle campionesse e diranno che il livello era molto più alto.

Ma è un fatto fisiologico quello di considerare il passato come migliore (talvolta solo un fatto prettamente snobistico) ma il passato è passato e devi considerare solo la situazione del momento, perché poi vedrai che si dirà: il 2010 è peggio del 2000 che era peggio del 1990 che era peggio del 1980 che era peggio del 1970 e via dicendo fino a 2 secoli fa…

53
gbuttit 12-02-2016 17:47

Scritto da mittler831

Scritto da pallabreak
Brava la Vinci perché chi vince ha sempre ragione. Detto e premesso questo, quando io sostengo che il tennis femminile si è clamorosamente involuto verso il basso mi riferisco proprio a tanti match come quello di oggi: il circuito è attualmente pieno di Babos che picchiano la palla forte ma difettano di oculatezza tattica e al momento decisivo si sciolgono come neve al sole e ad esempio, servendo per il match, perdono il servizio commettendo doppio fallo… Le altre, in questo caso la Vinci, fanno benissimo ad approfittarne, ma non ditemi che questo è un buon spot per la qualità del gioco e la solidità delle tenniste!

Condivido in toto:
la Babos, la Mladenovic, la Giorgi, fino ad arrivare alla Dodin sono tipologie di giocatrici che stanno uccidendo questo sport:
Solo forza e niente talento;ma soprattutto niente cervello!!!

Guarda che il commento che hai condiviso sostiene esattamente l’opposto di quello che dici… lui vorrebbe semplicemente che una come la Babos non provasse emozioni e quindi non si facesse condizionare e quindi non perdesse con altre come la Vinci che invece ragionano e magari giocano bene i punti decisivi…

52
pallabreak (Guest) 12-02-2016 17:29

Scritto da Vince

Scritto da pallabreak

Scritto da io

Scritto da pallabreak
Brava la Vinci perché chi vince ha sempre ragione. Detto e premesso questo, quando io sostengo che il tennis femminile si è clamorosamente involuto verso il basso mi riferisco proprio a tanti match come quello di oggi: il circuito è attualmente pieno di Babos che picchiano la palla forte ma difettano di oculatezza tattica e al momento decisivo si sciolgono come neve al sole e ad esempio, servendo per il match, perdono il servizio commettendo doppio fallo… Le altre, in questo caso la Vinci, fanno benissimo ad approfittarne, ma non ditemi che questo è un buon spot per la qualità del gioco e la solidità delle tenniste!

Opinione la tua che non condivido. La Babos oggi ha avuto il braccino nei momenti decisivi per mancanza di esperienza: è giovane è non ha ancora all’attivo una costante frequentazione degli alti livelli.
Ricavare da questo fattore una nientemeno generalizzabile involuzione del tennis femminile mi sembra abbastanza gratuito.
Se poi il discorso è che ci sono tanti picchiatori e sempre meno fiorettisti, beh, allora il discorso vale anche per il maschile direi. Ma soprattutto è un altro discorso.

Forse basta capirci sul termine involuzione. Per me uno sport dove non vince chi è in quel momento più forte ma chi è più esperto e solo perché l’avversario si blocca psicologicamente, vive una fase di involuzione. Perché l’emozione che blocca una giocatrice sulle soglia della vittoria non innalza il livello del gioco, caso mai lo abbassa.

Domanda: da quanto tempo lo segui il tennis?

Dalla metà degli Anni Settanta. E di incontri vinti quando sembravano già persi (e viceversa) ne ricordo tantissimi. Nel 1976, ad esempio, forse non tutti sanno che i 2 trionfi di Panatta arrivarono entrambi dopo match point annullati al 1° turno: a Roma addirittura 11 (se non ricordo male) contro Warwick e a Parigi uno contro Hutka. Quindi so benissimo che queste cose sono sempre accadute e non solo tra le donne, ma resto dell’idea che quando ciò avviene per la comparsa del “braccino” sia un limite anziché un pregio del tennis, che peraltro per me resta uno degli sport più belli.

51
andreandre 12-02-2016 17:27

Scritto da fabious
@ Vince (#1526030)
Suarez e Safarova hanno in scadenza una vagonata di punti e la Pennetta non restera x sempre in classifica tieni anke conto ke la Vinci non difende nulla fino a Madrid diciamo allora al 98%

No non dirlo, porta sfiga. Ha ragione Vince, bisogna ancora sudarsela. Finchè non sei matematicamente al n.10 nulla è definitivo.

50
santopadre(dei forum) (Guest) 12-02-2016 16:55

Forza Roberta! 😀

49
fabious (Guest) 12-02-2016 16:08

@ Vince (#1526030)

Suarez e Safarova hanno in scadenza una vagonata di punti e la Pennetta non restera x sempre in classifica tieni anke conto ke la Vinci non difende nulla fino a Madrid diciamo allora al 98%

48
silvano musso (Guest) 12-02-2016 16:06

Ivanovic più bella, ma Roberta più simpatica: alè, la Top Ten è vicina!!

47
_Carlo (Guest) 12-02-2016 15:58

Scritto da Federer.Forever


Considerando che lei si ritira a fine anno, Lorenzi ha 35 anni…abbiamo un grande passato davanti

:mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:

46
_Carlo (Guest) 12-02-2016 15:56

Scritto da fabious
Grandissima Roby!!!!!!! Grande vittoria contro un’avversaria mooolto tosta, una delle + belle partite ke ho visto negli ultimi anni ormai la top ten è una formalita’

…col cavolo che è una formalità !! 😐

45
_Carlo (Guest) 12-02-2016 15:55

Scritto da pallabreak
Brava la Vinci perché chi vince ha sempre ragione. Detto e premesso questo, quando io sostengo che il tennis femminile si è clamorosamente involuto verso il basso mi riferisco proprio a tanti match come quello di oggi: il circuito è attualmente pieno di Babos che picchiano la palla forte ma difettano di oculatezza tattica e al momento decisivo si sciolgono come neve al sole e ad esempio, servendo per il match, perdono il servizio commettendo doppio fallo… Le altre, in questo caso la Vinci, fanno benissimo ad approfittarne, ma non ditemi che questo è un buon spot per la qualità del gioco e la solidità delle tenniste!

non puoi assolutamente dedure un discorso generale sull’intero circuito WTA da una singola partita, tantomeno dal modo di giocare a tennis di una ragazza molto giovane con poca esperienza…

44
stef (Guest) 12-02-2016 15:32

@ Vince (#1525991)

non credo sia un problema per una atleta professionista recuperare la fatica di un match che seppur di 2 ore e mezza non si e’ giocato sotto il sole a 40 gradi dove ci si disidrata.
2 ore e mezzo indoor con temperatura ottimale in 24 ore sono recuperabili al 100% per una atleta “allenata”.

tra l altro se si va a togliere il tempo delle pause e siguarda il gioco effettivo si tratta di uno sforzo fisico di poco piu di un’oretta.

43
giovanni65 (Guest) 12-02-2016 15:30

GRANDE ROBERTA , ORA MATCH BELLISSIMMO TRA DUE GIOCATRICI MOLTO FORTI E MOLTO BELLE . VAI ROBERTA

42
Vince 12-02-2016 15:29

Scritto da pallabreak

Scritto da io

Scritto da pallabreak
Brava la Vinci perché chi vince ha sempre ragione. Detto e premesso questo, quando io sostengo che il tennis femminile si è clamorosamente involuto verso il basso mi riferisco proprio a tanti match come quello di oggi: il circuito è attualmente pieno di Babos che picchiano la palla forte ma difettano di oculatezza tattica e al momento decisivo si sciolgono come neve al sole e ad esempio, servendo per il match, perdono il servizio commettendo doppio fallo… Le altre, in questo caso la Vinci, fanno benissimo ad approfittarne, ma non ditemi che questo è un buon spot per la qualità del gioco e la solidità delle tenniste!

Opinione la tua che non condivido. La Babos oggi ha avuto il braccino nei momenti decisivi per mancanza di esperienza: è giovane è non ha ancora all’attivo una costante frequentazione degli alti livelli.
Ricavare da questo fattore una nientemeno generalizzabile involuzione del tennis femminile mi sembra abbastanza gratuito.
Se poi il discorso è che ci sono tanti picchiatori e sempre meno fiorettisti, beh, allora il discorso vale anche per il maschile direi. Ma soprattutto è un altro discorso.

Forse basta capirci sul termine involuzione. Per me uno sport dove non vince chi è in quel momento più forte ma chi è più esperto e solo perché l’avversario si blocca psicologicamente, vive una fase di involuzione. Perché l’emozione che blocca una giocatrice sulle soglia della vittoria non innalza il livello del gioco, caso mai lo abbassa.

Domanda: da quanto tempo lo segui il tennis?

41
mittler831 12-02-2016 15:28

@ pinkfloyd (#1526052)

Ma non scherziamo su…Livellato si, ma verso il basso; dagli anni ’90 ad ora, questo è il momento di maggior carenza di giocatrici – sennò Serena con una Henin o Hingis i due Roland ultimi con il binocolo li vedeva – ; e la cosa più grave è che le nuove leve sono delle sparapalle tremendamente monotone e davvero poco intelligenti.
La dimostrazione vivente è la nostra Camila, la quale fa gli stessi errori di 5 anni fa negli itf americani, 23 DF a match; 50 UE; ma di che stiamo a parlare su, ad avercene di Graf,Seles,Arantxa Sanchez, Conchita Martinez, Novotna, Hingis, Henin, Clijsters, Myskina, Pierce, Davenport, M.J.Fernandez, ma anche di Mauresmo, tauziat, di Farina Schiavone di 10 anni fa!
O anche 5 anni fa:
Oltre le Williams c’erano una Azarenka sana;una Sharapova non con la pancia piena di caramelle e gomme; una Na Li che era un robot; ora chi abbiamo?
La Kerber???? 😀
Che stimo tantissimo, ma 10 anni fa massimo top-20 poteva ambire.

40
frittella (Guest) 12-02-2016 15:16

Scritto da pallabreak

Scritto da io

Scritto da pallabreak
Brava la Vinci perché chi vince ha sempre ragione. Detto e premesso questo, quando io sostengo che il tennis femminile si è clamorosamente involuto verso il basso mi riferisco proprio a tanti match come quello di oggi: il circuito è attualmente pieno di Babos che picchiano la palla forte ma difettano di oculatezza tattica e al momento decisivo si sciolgono come neve al sole e ad esempio, servendo per il match, perdono il servizio commettendo doppio fallo… Le altre, in questo caso la Vinci, fanno benissimo ad approfittarne, ma non ditemi che questo è un buon spot per la qualità del gioco e la solidità delle tenniste!

Opinione la tua che non condivido. La Babos oggi ha avuto il braccino nei momenti decisivi per mancanza di esperienza: è giovane è non ha ancora all’attivo una costante frequentazione degli alti livelli.
Ricavare da questo fattore una nientemeno generalizzabile involuzione del tennis femminile mi sembra abbastanza gratuito.
Se poi il discorso è che ci sono tanti picchiatori e sempre meno fiorettisti, beh, allora il discorso vale anche per il maschile direi. Ma soprattutto è un altro discorso.

Forse basta capirci sul termine involuzione. Per me uno sport dove non vince chi è in quel momento più forte ma chi è più esperto e solo perché l’avversario si blocca psicologicamente, vive una fase di involuzione. Perché l’emozione che blocca una giocatrice sulle soglia della vittoria non innalza il livello del gioco, caso mai lo abbassa.

l’esperienza è quel plus che ti viene giocando e sopperisce spesso a una forma magari non al 100%. fa parte del bagaglio di un giocatore, non vedo quale sia il problema. il talento è una componente fondamentale, ma senza esperienza, testa e lavoro non sei mai un top.

39
mittler831 12-02-2016 15:15

Scritto da pallabreak
Brava la Vinci perché chi vince ha sempre ragione. Detto e premesso questo, quando io sostengo che il tennis femminile si è clamorosamente involuto verso il basso mi riferisco proprio a tanti match come quello di oggi: il circuito è attualmente pieno di Babos che picchiano la palla forte ma difettano di oculatezza tattica e al momento decisivo si sciolgono come neve al sole e ad esempio, servendo per il match, perdono il servizio commettendo doppio fallo… Le altre, in questo caso la Vinci, fanno benissimo ad approfittarne, ma non ditemi che questo è un buon spot per la qualità del gioco e la solidità delle tenniste!

Condivido in toto:
la Babos, la Mladenovic, la Giorgi, fino ad arrivare alla Dodin sono tipologie di giocatrici che stanno uccidendo questo sport:
Solo forza e niente talento;ma soprattutto niente cervello!!!

38
Luca96 12-02-2016 14:58

Vittoria sofferta ma l’importante è che stata vittoria! Adesso con la Ivanovic parte alla pari e quindi crederci é d’obbligo,forza Roberta 🙂

37
Lilly 12-02-2016 14:54

Grandissima Roby! Complimenti! 😀

36
gbuttit 12-02-2016 14:51

Scritto da pallabreak

Scritto da io

Scritto da pallabreak
Brava la Vinci perché chi vince ha sempre ragione. Detto e premesso questo, quando io sostengo che il tennis femminile si è clamorosamente involuto verso il basso mi riferisco proprio a tanti match come quello di oggi: il circuito è attualmente pieno di Babos che picchiano la palla forte ma difettano di oculatezza tattica e al momento decisivo si sciolgono come neve al sole e ad esempio, servendo per il match, perdono il servizio commettendo doppio fallo… Le altre, in questo caso la Vinci, fanno benissimo ad approfittarne, ma non ditemi che questo è un buon spot per la qualità del gioco e la solidità delle tenniste!

Opinione la tua che non condivido. La Babos oggi ha avuto il braccino nei momenti decisivi per mancanza di esperienza: è giovane è non ha ancora all’attivo una costante frequentazione degli alti livelli.
Ricavare da questo fattore una nientemeno generalizzabile involuzione del tennis femminile mi sembra abbastanza gratuito.
Se poi il discorso è che ci sono tanti picchiatori e sempre meno fiorettisti, beh, allora il discorso vale anche per il maschile direi. Ma soprattutto è un altro discorso.

Forse basta capirci sul termine involuzione. Per me uno sport dove non vince chi è in quel momento più forte ma chi è più esperto e solo perché l’avversario si blocca psicologicamente, vive una fase di involuzione. Perché l’emozione che blocca una giocatrice sulle soglia della vittoria non innalza il livello del gioco, caso mai lo abbassa.

Essere più forti non significa solo avere i colpi migliori o più potenti, ma anche un fisiico più resistente, saper leggere meglio la partita, essere più calmo e concenrato nei punti decisivi,ecc…
In sostanza quello che vorresti é una robottizzazione… se é così ben venga “l’involuzione”

35
pinkfloyd 12-02-2016 14:50

Scritto da pallabreak

Scritto da io

Scritto da pallabreak
Brava la Vinci perché chi vince ha sempre ragione. Detto e premesso questo, quando io sostengo che il tennis femminile si è clamorosamente involuto verso il basso mi riferisco proprio a tanti match come quello di oggi: il circuito è attualmente pieno di Babos che picchiano la palla forte ma difettano di oculatezza tattica e al momento decisivo si sciolgono come neve al sole e ad esempio, servendo per il match, perdono il servizio commettendo doppio fallo… Le altre, in questo caso la Vinci, fanno benissimo ad approfittarne, ma non ditemi che questo è un buon spot per la qualità del gioco e la solidità delle tenniste!

Opinione la tua che non condivido. La Babos oggi ha avuto il braccino nei momenti decisivi per mancanza di esperienza: è giovane è non ha ancora all’attivo una costante frequentazione degli alti livelli.
Ricavare da questo fattore una nientemeno generalizzabile involuzione del tennis femminile mi sembra abbastanza gratuito.
Se poi il discorso è che ci sono tanti picchiatori e sempre meno fiorettisti, beh, allora il discorso vale anche per il maschile direi. Ma soprattutto è un altro discorso.

Forse basta capirci sul termine involuzione. Per me uno sport dove non vince chi è in quel momento più forte ma chi è più esperto e solo perché l’avversario si blocca psicologicamente, vive una fase di involuzione. Perché l’emozione che blocca una giocatrice sulle soglia della vittoria non innalza il livello del gioco, caso mai lo abbassa.

Perché 10 anni fa o 20 o 30 cosa c’era di diverso?
Pensi che allora non ci fossero giocatrici che si bloccassero, che avessero il braccino, che non chiudessero le partite?
E’ sempre stato così, anzi il tennis è proprio lo sport dove la componente mentale è fondamentale ma non solo oggi, per definizione proprio.
Mi ricordo la Novotna, per esempio, con un talento enorme ma che si bloccava e che raccoglieva molto meno rispetto al suo talento.
E stiamo parlando del secolo scorso.

Il tennis è per definizione uno sport “mentale”.
La partita di oggi ha, anzi, evidenziato che il livello è alto e che anche la Babos n°50 può far partita con una più quotata.
Prima non c’erano queste “lotte”, non so quanti anni tu abbia ma prima c’erano solo poche giocatrici sopra le altre e tutto il resto erano sparring partner pressoché insignificanti.
Oggi è molto più livellato e quindi più difficile, lo dicono le giocatrici stesse che entrano in campo, non noi commentatori saltuari di tennis davanti ad uno schermo.

34
jade (Guest) 12-02-2016 14:27

@ Koko (#1526038)

Mi dice con che rovescio giocava la Graf e come mai sempre con quel rovescio arrivare in finale agli US Open. Stai parlando della n° 13 al mondo non di 300. Stai vaneggiando

33
pallabreak (Guest) 12-02-2016 14:22

Scritto da io

Scritto da pallabreak
Brava la Vinci perché chi vince ha sempre ragione. Detto e premesso questo, quando io sostengo che il tennis femminile si è clamorosamente involuto verso il basso mi riferisco proprio a tanti match come quello di oggi: il circuito è attualmente pieno di Babos che picchiano la palla forte ma difettano di oculatezza tattica e al momento decisivo si sciolgono come neve al sole e ad esempio, servendo per il match, perdono il servizio commettendo doppio fallo… Le altre, in questo caso la Vinci, fanno benissimo ad approfittarne, ma non ditemi che questo è un buon spot per la qualità del gioco e la solidità delle tenniste!

Opinione la tua che non condivido. La Babos oggi ha avuto il braccino nei momenti decisivi per mancanza di esperienza: è giovane è non ha ancora all’attivo una costante frequentazione degli alti livelli.
Ricavare da questo fattore una nientemeno generalizzabile involuzione del tennis femminile mi sembra abbastanza gratuito.
Se poi il discorso è che ci sono tanti picchiatori e sempre meno fiorettisti, beh, allora il discorso vale anche per il maschile direi. Ma soprattutto è un altro discorso.

Forse basta capirci sul termine involuzione. Per me uno sport dove non vince chi è in quel momento più forte ma chi è più esperto e solo perché l’avversario si blocca psicologicamente, vive una fase di involuzione. Perché l’emozione che blocca una giocatrice sulle soglia della vittoria non innalza il livello del gioco, caso mai lo abbassa.

32
Koko (Guest) 12-02-2016 14:22

La Vinci gioca troppo poco il rovescio coperto che pure avrebbe! Confidando solo sul bekketto rende le sue giocate a volte troppo prevedibili “Cipollizzando” troppo le sue soluzioni di attesa errore altrui. Alla lunga questo ti porta a vincere con certe tenniste che sbroccano ma ben difficilmente solo con una soluzione in back porterà a casa grandi tornei o slam. Peccato perchè sparare qualche rovescio rapido in più nel momento opportuno la farebbe salire ulterirormente di livello senza lottare in maniera così estenuante e sfibrante per poi ritrovarsi spesso svuotata nelle finali.

31
Federer.Forever 12-02-2016 14:15

L’ho lasciata sul 5-4 e servizio Babos…e la ritrovo vincente al tie-break! Grande Roberta! Quest’anno i vecchietti terribili (lei e Lorenzi) stanno tenendo su il tennis italiano. Considerando che lei si ritira a fine anno, Lorenzi ha 35 anni…abbiamo un grande passato davanti 😥

30
Vince 12-02-2016 14:15

Scritto da fabious
Grandissima Roby!!!!!!! Grande vittoria contro un’avversaria mooolto tosta, una delle + belle partite ke ho visto negli ultimi anni ormai la top ten è una formalita’

Non è affatto una formalità, bisognerà sudarsela ancora, facendo altri risultati

Le possibilità ci sono, ma da qui a dire che è una formalità ce ne passa.
La prossima settimana Azarenka si rimette in pista e la stessa Ivanovic vincendo questo torneo si rifarebbe sotto.

29
Federer (Guest) 12-02-2016 14:09

Bravissima Roberta che assieme a Flavia rappresentano il meglio in assoluto del tennis azzurro ..

28
I love tennis (Guest) 12-02-2016 14:08

Considerato che l’ungherese l’ha bombardata con quel velocissimo e precisissimo servizio,e che picchiava anche con i fondamentali,la Vinci è stata brava a restare in partita e a vincerla.Attenzione però che la Ivanovic non sarà così generosa,buon torneo in ogni caso.

27
io (Guest) 12-02-2016 14:05

Scritto da pallabreak
Brava la Vinci perché chi vince ha sempre ragione. Detto e premesso questo, quando io sostengo che il tennis femminile si è clamorosamente involuto verso il basso mi riferisco proprio a tanti match come quello di oggi: il circuito è attualmente pieno di Babos che picchiano la palla forte ma difettano di oculatezza tattica e al momento decisivo si sciolgono come neve al sole e ad esempio, servendo per il match, perdono il servizio commettendo doppio fallo… Le altre, in questo caso la Vinci, fanno benissimo ad approfittarne, ma non ditemi che questo è un buon spot per la qualità del gioco e la solidità delle tenniste!

Opinione la tua che non condivido. La Babos oggi ha avuto il braccino nei momenti decisivi per mancanza di esperienza: è giovane è non ha ancora all’attivo una costante frequentazione degli alti livelli.
Ricavare da questo fattore una nientemeno generalizzabile involuzione del tennis femminile mi sembra abbastanza gratuito.
Se poi il discorso è che ci sono tanti picchiatori e sempre meno fiorettisti, beh, allora il discorso vale anche per il maschile direi. Ma soprattutto è un altro discorso.

26
lesser 12-02-2016 13:55

@ darios80 (#1525994)

me l’ero messa in pace pure io ,grande roberta a non mollare è sfruttare l’unica occasione di brekkare la babos sul 54. sul tiebrek sanguinoso il doppio fallo poteva essere la fine, fortuna che ha risposto alla prima della babos con due dritti che sono stati fondamentali.l’avevo visto fuori l’ultimo sulla seconda della babos per fortuna ha toccato.un po’ di fortuna non guasta.comunque merita roberta gioca bene dall’ultimi mesi dell’anno scorso ed è tutt’ora n13 al mondo non parliamo di una giocatrice non non si sente mai nominare è stata n1 al modo di doppio per 2 3 anni e n11 al mondo

25
pallabreak (Guest) 12-02-2016 13:54

Brava la Vinci perché chi vince ha sempre ragione. Detto e premesso questo, quando io sostengo che il tennis femminile si è clamorosamente involuto verso il basso mi riferisco proprio a tanti match come quello di oggi: il circuito è attualmente pieno di Babos che picchiano la palla forte ma difettano di oculatezza tattica e al momento decisivo si sciolgono come neve al sole e ad esempio, servendo per il match, perdono il servizio commettendo doppio fallo… Le altre, in questo caso la Vinci, fanno benissimo ad approfittarne, ma non ditemi che questo è un buon spot per la qualità del gioco e la solidità delle tenniste!

24
lesser 12-02-2016 13:48

@ Vince (#1525991)

però l’ivanovic non è brava a tirare su il beck della vinci non è una doppista come la babos.se a roberta funzionasse il servizio sarebbe ottimo

23
lesser 12-02-2016 13:46

@ sarita (#1525995)

cavolo isner seve così………pazzesco fortuna che s’è inceppata sul 54 però è meglio che cambi racchetta la babos per riuscire e rispondere al beck della vinci l’ha distrutta la racchetta ,quante volta l’ha toccato il suolo ahahahag.comunque ottima vinci ma non il massimo qualche errore pesante che gl’ha complicato la partita. ma il servizio deve funzionare sulle palle brek ….la babos non avrebbe mai annulato tutte quelle concesse senza fare eyes o mettere la prima.

22
Fabblack 12-02-2016 13:39

@ Piero da Treviso (#1525982)

La sorte c’entra poco.

21
andreandre 12-02-2016 13:37

La semifinale la vedo molto dura per Roby, soprattutto perchè oggi ha speso moltissimo sul piano fisico mentre la Ivanovic concluderà alla svelta il suo quarto di finale

20
Fabblack 12-02-2016 13:37

@ Il Biscottone spagnolo (#1525972)

Perché Ivanovic e Kozlova sono la stessa cosa!?

19
sarita 12-02-2016 13:30

Scritto da Il Biscottone spagnolo
Era importante vincere, altrimenti sarebbero stati punti fondamentali persi per l’avvicinamento alla Top10. Il prossimo turno è fattibile, qualunque sia l’avversaria

non credo proprio.

18
andreandre 12-02-2016 13:29

Scritto da Vince
Superati i 3000 punti, la soglia dell’eccellenza.

stavo per scriverlo io 😉 . 3000 punti è la condizione necessaria, ma non sufficiente, per entrare in top10

17
sarita 12-02-2016 13:29

straordinaria vittoria.

oggi Babos ingiocabile nei suoi turni di servizio,lavandini assurdi, ma per fortuna la tensione l’ha tradita nel turno decisivo.

ma davvero brava roby a non mollare.

peccato che domani troverà una Ivanovic fresca come una rosa.

per me sarà stesa.

cmq sono punti importanti raccolti.

16
darios80 (Guest) 12-02-2016 13:28

ah sul 2-0 babos del terzo set non pensavo recuperasse .. complimenti a Robertina

15
fabious (Guest) 12-02-2016 13:26

Grandissima Roby!!!!!!! Grande vittoria contro un’avversaria mooolto tosta, una delle + belle partite ke ho visto negli ultimi anni ormai la top ten è una formalita’

14
Vince 12-02-2016 13:25

Scritto da Il Biscottone spagnolo
Era importante vincere, altrimenti sarebbero stati punti fondamentali persi per l’avvicinamento alla Top10. Il prossimo turno è fattibile, qualunque sia l’avversaria

Non sono così ottimista perchè oggi ha speso molto e non ci sono giorni di recupero…poi la Ivanovic che ho visto con la Gasparyan mi è sembrata in ripresa ed oggi ha un match che potrebbe chiudere alla svelta.

13
Gaz (Guest) 12-02-2016 13:25

Credo questo torneo sia la chance per la ivanovic per interrompere un lungo digiuno,in caso di sconfitta della vinci non bisognerebbe parlare di occasione persa, sia per il valore dell’avversaria sia per i testimoniato anche dai precedenti anzi a dire il vero le occasioni perse le hanno avute le sue avversarie,quindi ha gia’ ottenuto benefici importanti da questo torneo

12
Vince 12-02-2016 13:23

Superati i 3000 punti, la soglia dell’eccellenza.

11
Luciano.N94 12-02-2016 13:17

Meravigliosa!

10
Piero da Treviso (Guest) 12-02-2016 13:14

E’ finita bene, ma che sofferenza. Come nel precedente incontro con la
Wickmayer bisogna dire che la sorte le è stata favorevole. Brava, comunque, a tener duro fino alla fine. Auguri per le prossime gare.

9
Tweeners 12-02-2016 13:10

Un match lottato e vinto con grande carattere!
Un tennis a sprazzi ma intanto in semifinale c’è e si può andare avanti… 😎

8
brizz 12-02-2016 13:09

al terzo pensavo che timea avesse la meglio ma la classe e l’esperienza di robertina hanno fatto la differenza 🙂

7
andreandre 12-02-2016 13:09

Notare che entrambe hanno un saldo +1 vincenti/errori forzati…grandissima vittoria, grandissima. Ora mi faccio una doccia che ho sudato un bel po’

6
diegus 12-02-2016 13:07

Punti importantissimi.
Fantastico vederla pregare sul falco del 5-4 del tie-break finale. 😛
Forza Rob!

5
Il Biscottone spagnolo (Guest) 12-02-2016 13:06

Era importante vincere, altrimenti sarebbero stati punti fondamentali persi per l’avvicinamento alla Top10. Il prossimo turno è fattibile, qualunque sia l’avversaria

4
Yes2.0 12-02-2016 13:06

Oggi Roberta ha fatto sentire il peso dei suoi 33 anni. Quando si dice l’esperienza. Partita non entusiasmante ma concreta. Bravissima a rimanere attaccata.

3
Elio 12-02-2016 13:05

Ora dovrà vedersela vs Ivanovic probabilmente. Non ci gioca dal 2013. Gli H2H sono di 6/3 a favore della Ivanovic.Speriamo bene lo stesso ! 😉

2
Elio 12-02-2016 13:04

Grandissima Roberta che non si è mai persa d’animo ! Complimetoni ! 😀

1