Il ritiro di Robin Copertina, Generica

Ciao Robin, che sia l’inizio di una nuova avventura

24/12/2015 11:30 14 commenti
Robin Sonderling classe 1984 best ranking n.4 del mondo
Robin Sonderling classe 1984 best ranking n.4 del mondo

Per gli amanti del tennis, per tutti gli appassionati del gioco spettacolare, sarà un Natale con un velo di tristezza: sebbene non giocasse nel circuito da diversi anni per una forma aggressiva di mononucleosi sottovalutata e che per questo ha lasciato strascichi inattesi e incredibili, Robin Söderling annunciando il suo ritiro dal tennis giocato ci ha reso tutti un po’ più tristi.
Con una lettera commovente lo svedese ha alzato bandiera bianca, ha detto basta e ha accettato la dura verità, salutando per sempre quei campi da cui mancava da tanto, troppo tempo e in cui ci mancava tremendamente vederlo.

Sarà ricordato per le sue tante imprese, per i successi nel circuito, per la sua scalata fra i migliori del ranking ATP, per aver bloccato la corsa di Rafa Nadal nel suo feudo preferito: gli manca un successo Slam che forse sarebbe arrivato e che avrebbe meritato, se una malattia infima non lo avesse fermato in un punto di non ritorno.

Si godrà la sua famiglia, la sua società (produce palline da tennis e attrezzature sportive) che dai campi non lo allontanerà più di tanto, cercando di dimenticare la fine della sua avventura e concentrandosi più sull’inizio o sul cammino giorno dopo giorno che aveva saputo affrontare: è opinione piuttosto diffusa che i Fab4 sarebbero diventati Fab6 se Del Potro e proprio Söderling non avessero subito infortuni tanto gravi da bloccarne la crescita.
Sebbene il tempo passasse e Robin rilasciasse dichiarazioni sibilline su un fantomatico rientro nel circuito, la sensazione giorno dopo giorno è che tutto si facesse tremendamente difficile: le favole non sempre hanno l’happy ending ma in fondo in questo finale che non voleva proprio arrivare, ci abbiamo sperato un po’ tutti.

Con i suoi occhi spiritati da guerriero, con la sua faccia che a stento tratteneva un sorriso, Söderling sarà per sempre quello scanzonato svedesone che ha preso in giro Nadal a Wimbledon, rompendo ancora di più quegli schemi rigidi del tennis tutto impostato che in campo e off court faceva proprio fatica a rispettare. Un personaggio come lui mancherà tremendamente, è mancato tremendamente, perché da uno così non sai mai cosa puoi aspettarti, genio e sregolatezza che può regalare un colpo spettacolare ma anche quell’atteggiamento decisamente fuori dalle regole e che in fondo desideriamo tanto vedere.
L’augurio è che possa davvero godersi questo nuovo inizio, supportato da chi lo ama tanto, idolo dei fan e al sicuro in una caverna familiare che gli farà scordare questo triste epilogo.


Alessandro Orecchio

14 commenti. Lasciane uno!

I love tennis (Guest) 25-12-2015 23:54

Grande professionista, ricordo la sua esplosione definitiva avvenuta al Roland Garros, ma vorrei ricordare anche che in quello stesso anno qualche mese prima il buon Robin era al massimo un ottimo top 100 e non di piu’.Il fatto che abbia espresso un tennis spaventoso e nel giro di poco tempo fa riflettere almeno.Comunque sia,buone cose per il futuro.

14
Dario (Guest) 25-12-2015 17:59

Era un mito … un vero personaggio!

13
Andre77 (Guest) 25-12-2015 13:23

Scritto da TheDude
@ Andre77 (#1499080)
Sì ma intanto le finali slam le aveva raggiunte entrambe al RG, mentre negli altri aveva fatto massimo quarti, quindi niente di eccezionale. Poi in tutte e due le occasioni perse molto nettamente, e in generale non era quasi mai riuscito a battere i fab4 in buone condizioni, anche al RG 2011 perse di nuovo nettamente con Nadal. Del resto anche giocatori del calibro di Berdych e Ferrer hanno raggiunto finali slam e occupato posizioni alte in classifica, ma hanno sempre avuto lo stesso problema, ovvero l’incapacità di battere i fab4, soprattutto negli slam, e non sono mai davvero andati neanche vicino a vincerne uno.
Tra l’altro quando raggiunse l’ultima finale, al RG 2010, Djokovic e Murray non erano ancora esplosi, e negli anni dopo il livello complessivo dei fab4 sarebbe stato ancora più alto. In particolare l’unico slam in cui aveva già dimostrato di poter arrivare in finale, negli anni 2012-2014 se lo sono giocato solo e soltanto Djokovic e Nadal. Sarebbe stata durissima per Soderling vincerlo, considerando anche che almeno due volte su tre avrebbe dovuto batterli entrambi.

Credo che abbiamo ragione entrambi, detto questo io penso che avrebbe avuto delle buone possibilità di vincere uno slam, mentre secondo te no, opinioni 😉

12
Lupu (Guest) 25-12-2015 12:55

mamma mia sembra un necrologio! vado ad accedere un cero per il povero Robin.

11
TheDude 25-12-2015 12:37

@ Fabiutko (#1499088)

Ahahahah pazzesco, se lo poteva permettere. Ma era numero 30 atp quando lo ha fatto, ma campione de che?? :mrgreen:
E l’epica sonata è stata possibile solo per l’infortunio che poi costrinse Nadal a saltare Wimbledon. Come mai non vedo nessuno che ringrazia Tsonga o Stakhovsky per le “epiche sonate” contro Federer a Wimbledon?

Siete ridicoli che più ridicoli non si può, ma i vostri commenti sono esilaranti, non smettete mai di scriverne 🙄

10
Fabiutko (Guest) 25-12-2015 03:14

Ciao campione e grazie per la epica sonata al Rolando,ma anche stupenda imitazione di Nadal,un campione come te poteva permettersela,non potrebbe di certo un moccioso cafone qualsiasi che sui campi non ha ancora battuto la racchetta contro i tacchi…
Chissà se valevi quello lo Slam che la sfortuna ti ha impedito anche solo di provare a vincere,a me piace pensare che potevi farcela…buona vita!

9
TheDude 24-12-2015 22:59

@ Andre77 (#1499080)

Sì ma intanto le finali slam le aveva raggiunte entrambe al RG, mentre negli altri aveva fatto massimo quarti, quindi niente di eccezionale. Poi in tutte e due le occasioni perse molto nettamente, e in generale non era quasi mai riuscito a battere i fab4 in buone condizioni, anche al RG 2011 perse di nuovo nettamente con Nadal. Del resto anche giocatori del calibro di Berdych e Ferrer hanno raggiunto finali slam e occupato posizioni alte in classifica, ma hanno sempre avuto lo stesso problema, ovvero l’incapacità di battere i fab4, soprattutto negli slam, e non sono mai davvero andati neanche vicino a vincerne uno.

Tra l’altro quando raggiunse l’ultima finale, al RG 2010, Djokovic e Murray non erano ancora esplosi, e negli anni dopo il livello complessivo dei fab4 sarebbe stato ancora più alto. In particolare l’unico slam in cui aveva già dimostrato di poter arrivare in finale, negli anni 2012-2014 se lo sono giocato solo e soltanto Djokovic e Nadal. Sarebbe stata durissima per Soderling vincerlo, considerando anche che almeno due volte su tre avrebbe dovuto batterli entrambi.

8
Andre77 (Guest) 24-12-2015 21:22

Scritto da TheDude
L’imitazione di Nadal
Avrei proprio voluto vedere se l’avesse fatta Kyrgios una cosa del genere, o Fognini Avrei proprio voluto vedere cosa ne avrebbe pensato chi elogia questo gesto di Soderling (sicuramente fanatici di Federer al 90% almeno)
Comunque era forte, sì, ma difficilmente avrebbe vinto uno slam, secondo me. Quando lo avrebbe vinto? Nel 2012 i fab4 erano tutti a un livello altissimo, nel 2013 anche, a parte Federer, ma gli altri ancora di più. Al limite nel 2014, ma forse il suo grande momento sarebbe stato già finito.
Anche Del Potro poteva competere con i fab4 ma credo che molto difficilmente avrebbe vinto un altro slam.
Di certo non si sarebbe parlato di fab6, comunque sarebbe stato più interessante se avessero potuto continuare a giocare. E speriamo che almeno Delpo ci riesca.

Con il senno di poi è difficile ragionare, certo è che tra 2012-2013 probabilmente avrebbe trovato il suo picco di tennis, e se nel 2011 era 5° con due finali slam alle spalle….

7
TheDude 24-12-2015 15:47

L’imitazione di Nadal 🙄
Avrei proprio voluto vedere se l’avesse fatta Kyrgios una cosa del genere, o Fognini :mrgreen: Avrei proprio voluto vedere cosa ne avrebbe pensato chi elogia questo gesto di Soderling (sicuramente fanatici di Federer al 90% almeno) 🙄

Comunque era forte, sì, ma difficilmente avrebbe vinto uno slam, secondo me. Quando lo avrebbe vinto? Nel 2012 i fab4 erano tutti a un livello altissimo, nel 2013 anche, a parte Federer, ma gli altri ancora di più. Al limite nel 2014, ma forse il suo grande momento sarebbe stato già finito.
Anche Del Potro poteva competere con i fab4 ma credo che molto difficilmente avrebbe vinto un altro slam.
Di certo non si sarebbe parlato di fab6, comunque sarebbe stato più interessante se avessero potuto continuare a giocare. E speriamo che almeno Delpo ci riesca.

6
io (Guest) 24-12-2015 13:39

Malattia ‘infima’?!!!! Forse volevate scrivere ‘infida’!!! (E’ quasi il contrario il significato)

5
CannoniereKarlovic (Guest) 24-12-2015 12:32

Le sue imitazioni di Nadal sono leggenda!!!
Grazie infinite vate per aver dato vita al Premio Soderling!!

4
stardust (Guest) 24-12-2015 12:26

quoto tutto.

sono triste.

un personaggio che avrebbe fatto comodo in questo tennis monocorde.

io son sicuro che un titolo slam lo avrebbe vinto…gli ultimi 2 match a bastad dove annientò brutalmente berdych e ferrer sono da antologia…livello spaventoso.

ciao campione, mi mancherà il tuo servizio spettacolare, il tuo dritto micidiale…. buona vita.

3
Andre77 (Guest) 24-12-2015 12:03

Bell’articolo, credo che sia quello che tutti noi abbiamo pensato di Soderling, è stato davvero un peccato, avrebbe sicuramente vinto almeno uno Slam, pensare che la sua ultima partita fu su terra rossa dove battè Ferrer 6-1 6-2, stava arrivando all’apice della sua carriera.. in bocca al lupo Robin! non ti dimenticheremo mai..

2
peppe78 24-12-2015 11:51

che sfortuna. Gli auguro il meglio da ora in poi.

1