Caos Scommesse Copertina, Generica

Dal Belgio potrebbe arrivare un nuovo Caos Scommesse nel tennis

06/09/2015 19:49 16 commenti
Dal Belgio potrebbe arrivare un nuovo Caos Scommesse nel tennis
Dal Belgio potrebbe arrivare un nuovo Caos Scommesse nel tennis

Dal Belgio arrivano ancora notizie sulle scommesse.

Un procuratore federale belga indaga su diverse partite del circuito challenger, ITF e future disputate tra il 2014 ed il 2015.
Come riportato dal quotidiano belga De Tijd, il pubblico ministero è a conoscenza di centinaia di scommesse sospette e ci sono diverse prove a carico dei tennisti.

Queste partite riguardano anche tennisti italiani, Ucraini, georgiani, israeliani, statunitensi, messicani e boliviani. I nomi non sono stati resi noti.

Il giornale in questione rende anche noto dove sono avvenute la maggior parte delle partite truffa: un match di semifinale nel torneo ITF di Siviglia giocato in marzo, I quarti in un Futures maschile in Tunisia giocato nello stesso mese, un quarto di fine di un Futures israeliano disputato a maggio e diversi doppi in Messico nel torneo di Manzanillo.

Nessun tennista coinvolto però figura tra le prime 300 posizioni del ranking mondiale, e la maggior parte di essi dovebbe avere un ranking inferiore alla 800esima posizione mondiale.


TAG:

16 commenti. Lasciane uno!

Denis (Guest) 10-09-2015 08:56

@ Shuzo (#1442246)

Ragazzi ma forse non capite..

NON CI SONO SOLDI.

16
Shuzo (Guest) 08-09-2015 12:18

In effetti se è così facile corrompere i giocatori che giocano a livello futures e challenger, significa veramente che in questi tornei i montepremi sono troppo bassi. Ho letto che per convincerli a perdere offrono loro un quantitativo di soldi pari all’intero montepremi del torneo. Questo significa che i corruttori possono con le scommesse rifarsi abbondantemente.
A questo punto per fermare questo business, invece di giocare tanto a fare i poliziotti e i detective, non sarebbe più semplice rendere la cosa non più conveniente? Come? aumentando i montepremi dei tornei minori e abbassando quelli dei tornei ATP per compensare!

15
Barnoix 07-09-2015 09:31

a me non sorprende per nulla questo articolo, sono consapevole da anni che ogni giorno ci sono degli incontri truccati….
provate a seguire il live degli incontri di doppio nei challenger e futures, il punteggio compie un percorso quasi sempre guidato e mai casuale. 1 set a testa e vai di match tiebreak, oppure il break reciproco al servizo a inizio incontro, non sono casualità!!!

14
Radames 07-09-2015 07:54

Scritto da ragazza cioè
L’unico modo per risolvere il problema è eliminare questo cancro delle scommesse soprattutto in torneini di nessuno spessore dove imbrogliare è più facile.
Non ci sono pene che tengano, inutile fare altre congetture,
la soluzione è una ma poiché scomoda non verrà mai presa in considerazione e di questi casi ne avremo i giornali pieni ancora per molti molti anni, amen…

Io non scommetto, e considero il gioco d’azzardo uno dei mali della società. Ciononostante, occorre considerare che quando scatta il proibizionismo, allora fioriscono le scommesse clandestine. Esattamente come proibire le droghe fa crescere il mercato nero. È la cultura del denaro facile e non guadagnato col lavoro che deve essere estirpata

13
quandosmetterogervendolatv 07-09-2015 03:47

@ iox (#1440592)

Lo stipendio lo dovrebbero garantire, sponsor, atp, federazioni, gli stessi giocatori con una quota dei premi, così si garantirebbe una possibilità anche ai meno ricchi… è c’è ne sono ti assicuro.

12
ragazza cioè (Guest) 07-09-2015 00:43

L’unico modo per risolvere il problema è eliminare questo cancro delle scommesse soprattutto in torneini di nessuno spessore dove imbrogliare è più facile.
Non ci sono pene che tengano, inutile fare altre congetture,
la soluzione è una ma poiché scomoda non verrà mai presa in considerazione e di questi casi ne avremo i giornali pieni ancora per molti molti anni, amen…

11
iox (Guest) 06-09-2015 21:56

Chi è arrivato a giocare nel circuito professionistico difficilmente è una persona in “bolletta” il tennis non è più per disagiati. Un anno di accademia costa molto. Quindi chiedere di garantire uno stipendio minimo a chi fa tennis è dare uno schiaffo morale ai milioni di lavoratori che non hanno neanche potuto fare una sat perchè i genitori non se lo potevano permettere. Quindi punire severamente chi trucca le partite anche per rispetto per quegli “fessi” che scommettono ingenuamente.

10
quandosmetterogervendolatv 06-09-2015 21:32

Basterebbe semplicemente vietare le scommesse sui risultati parziali. Vietarle comunque per i giocatori con ranking inferiore ai primi 100 così sarebbero più agevoli i controlli anche sui campi. Quanto ai guadagni… dovrebbe esserci uno stipendio fisso garantito ai primi 3 / 400 del ranking…. sino a una certa età. … poi uno o si finanzia (lecitamente ) oppure si mette a fare l’ allenatore o il maestro o c’è be mette dei suoi per continuare…. nessuno dei grandi è diventato tale a 28 anni…

9
Ken_Rosewall 06-09-2015 21:17

@ Radames (#1440511)

grazie!

8
Giorgio il mitico (Guest) 06-09-2015 21:11

….qualcuno di coloro NON top 100 vende le partite…..

7
Giorgio il mitico (Guest) 06-09-2015 21:09

Il calciatore n.800 al mondo guadagna 2 milioni di euro NETTI all’anno,
l’equivalente tennista è uno che ha speso un mare di quattrini è ci perde annualmente un bel po’ di soldi, non si deve scommettere sulle proprie partite però la “fame” per me, è una robusta attenuante, tutti gli anni leggiamo di incrementi milionari dei montepremi degli slam, perchè anzichè fare questi discorsi moralisti di maniera non diamo questi INCREMENTI a tutti i tornei challenger, futures del pianeta ?

I top 100 si mangiano tutto, qualcuno vende le partiite, ma quanti smettono, anche se potenzialmente fortissimi, di giocare perchè sul piano finanziario non riescono a reggere ?

Privilegiare solo i top 100 è una specie di creazione di barriere all’entrata nei confronti dei giocatori più o meno a ridosso dei top 100, è ovvio, se molti si ritirano e molti si suicidano con le scommesse crolla il numero di chi potrebbe diventare a sua volta top 100, (gli unici che guadagnano bene).

6
marco 2 (Guest) 06-09-2015 21:06

Fuori argomento ma solo per la redazione.
Del torneo di Como vi siete dimenticati dopo che ha perso Arnaboldi?
Ieri c’è stata una grandinata mostruosa che ha bloccato le semifinali ed oggi è finito il torneo e non date alcuna notizia. Come mai?

5
AndryREAX 06-09-2015 20:34

@ Radames (#1440511)

Ottima ricerca.

4
Radames 06-09-2015 20:15

Nell’ITF di Siviglia in marzo, delle nazioni nominate c’era solo Marina Zanevska, che era favorita e ha vinto. Nei quarti in Tunisia in marzo (si giocava lì tutte le settimane) dei nostri ci sono stati Crepaldi (due volte), Giacalone, Fabbiano (3 volte), Oradini, Napolitano, Giustino (2 volte), ma nessuno contro avversari delle nazionalità nominate. Nessun italiano nei quarti di future israeliani a Maggio. A Manzanillo si sono disputati quattro tornei quest’anno, in nessuno di questi c’erano italiani impegnati nel torneo di doppio.

3
Andrea not Petkovic 06-09-2015 20:05

Mamma mia che vergogna, tennisti scarsi (permettetemi il termine) che pur di vincere e far qualche soldino cadono così in basso. Imparassero prima a giocare decentemente per stare a certi livelli.

2
AndryREAX 06-09-2015 19:54

Mancano i kazaki :mrgreen:

1