ATP 500 Dubai ATP, Copertina

ATP Dubai: LIVE i risultati con il dettagliato del Day 2. Matteo Berrettini si ferma all’esordio

26/02/2019 13:16 153 commenti
Matteo Berrettini classe 1996 e n.56 del mondo
Matteo Berrettini classe 1996 e n.56 del mondo

Matteo Berrettini fuori all’esordio nel torneo ATP 500 di Dubai.
Il 22enne romano, numero 56 del ranking mondiale, è stato eliminato dallo statunitense Denis Kudla, numero 68 Atp con il risultato di 26 75 75.

Da segnalare che Matteo nel terzo e decisivo set ha subito il break decisivo sul 5 pari, come capitato anche nel secondo set.

1. Matteo Berrettini ITA vs Denis Kudla USA

ATP Dubai
Matteo Berrettini
6
5
5
Denis Kudla
2
7
7
Vincitore: D. KUDLA



ARE ATP Dubai 500 | Cemento | $2.736.845 – 1° Turno


Centre Court – Ora italiana: 11:00 (ora locale: 2:00 pm)
1. [Q] Ricardas Berankis LTU vs [8] Daniil Medvedev RUS

ATP Dubai
Ricardas Berankis
6
6
Daniil Medvedev [8]
3
3
Vincitore: R. BERANKIS

2. [1] Kei Nishikori JPN vs Benoit Paire FRA (non prima ore: 13:00)

ATP Dubai
Kei Nishikori [1]
6
6
Benoit Paire
4
3
Vincitore: K. NISHIKORI

3. [3] Marin Cilic CRO vs Gael Monfils FRA (non prima ore: 16:00)

ATP Dubai
Marin Cilic [3]
3
6
0
Gael Monfils
6
4
6
Vincitore: G. MONFILS

4. Matthew Ebden AUS vs [5] Stefanos Tsitsipas GRE

ATP Dubai
Matthew Ebden
4
6
3
Stefanos Tsitsipas [5]
6
3
6
Vincitore: S. TSITSIPAS






Court 1 – Ora italiana: 11:00 (ora locale: 2:00 pm)
1. [Q] Egor Gerasimov BLR vs Robin Haase NED

ATP Dubai
Egor Gerasimov
7
7
Robin Haase
6
6
Vincitore: E. GERASIMOV

2. [WC] Mohamed Safwat EGY vs [WC] Marcos Baghdatis CYP

ATP Dubai
Mohamed Safwat
6
3
4
Marcos Baghdatis
4
6
6
Vincitore: M. BAGHDATIS

3. Tomas Berdych CZE vs [LL] Ilya Ivashka BLR

ATP Dubai
Tomas Berdych
6
4
7
Ilya Ivashka
4
6
6
Vincitore: T. BERDYCH

4. [6] Borna Coric CRO vs Mikhail Kukushkin KAZ

ATP Dubai
Borna Coric [6]
7
3
7
Jiri Vesely
5
6
6
Vincitore: B. CORIC






Court 2 – Ora italiana: 11:00 (ora locale: 2:00 pm)
1. [1] Oliver Marach AUT / Mate Pavic CRO vs Ivan Dodig CRO / Damir Dzumhur BIH

ATP Dubai
Oliver Marach / Mate Pavic [1]
6
7
Ivan Dodig / Damir Dzumhur
3
5
Vincitori: MARACH / PAVIC

2. Jean-Julien Rojer NED / Horia Tecau ROU vs [WC] Jurgen Melzer AUT / Nenad Zimonjic SRB

ATP Dubai
Jean-Julien Rojer / Horia Tecau
6
6
Jurgen Melzer / Nenad Zimonjic
3
4
Vincitori: ROJER / TECAU

3. Karen Khachanov RUS / Daniil Medvedev RUS vs [4] Rajeev Ram USA / Joe Salisbury GBR

ATP Dubai
Karen Khachanov / Daniil Medvedev
2
1
Rajeev Ram / Joe Salisbury [4]
6
6
Vincitori: RAM / SALISBURY

4. Dominic Inglot GBR / Franko Skugor CRO vs Ben McLachlan JPN / Jan-Lennard Struff GER

ATP Dubai
Dominic Inglot / Franko Skugor
2
2
Ben McLachlan / Jan-Lennard Struff
6
6
Vincitori: MCLACHLAN / STRUFF






Court 3 – Ora italiana: 11:00 (ora locale: 2:00 pm)
2. Hubert Hurkacz POL vs [Q] Corentin Moutet FRA

ATP Dubai
Hubert Hurkacz
6
7
Corentin Moutet
3
5
Vincitore: H. HURKACZ

3. Robin Haase NED / Matwe Middelkoop NED vs Philipp Kohlschreiber GER / Fernando Verdasco ESP

ATP Dubai
Robin Haase / Matwe Middelkoop
7
3
4
Philipp Kohlschreiber / Fernando Verdasco
5
6
10
Vincitori: KOHLSCHREIBER / VERDASCO

4. [3] Henri Kontinen FIN / John Peers AUS vs [Q] Jeevan Nedunchezhiyan IND / Purav Raja IND

ATP Dubai
Henri Kontinen / John Peers [3]
6
4
8
Jeevan Nedunchezhiyan / Purav Raja
0
6
10
Vincitori: NEDUNCHEZHIYAN / RAJA


TAG: , ,

153 commenti. Lasciane uno!

Bar 27-02-2019 17:13

@ alessandro (#2272899)

Ho scritto statistica, non statistiche, e con statistica intendevo solo richiamare la tua precisazione sulla differenza tra probabilità a priori e frequenza di accadimento storica. Sembra ovvio, ma come dici giustamente, c’è chi scommette o gioca d’azzardo in altro modo, sulla base di quanto già accaduto.

Per il resto, il tuo discorso sull’approccio psicologico alla partita da parte di un professionista è sensato, non ho prove né a favore, né contro, solo impressioni da spettatore non esperto. Queste impressioni mi suggeriscono che alcuni tennisti possano soffrire un particolare avversario al di là dei motivi tecnici.

153
Replica | Quota | 0
Bisogna essere registrati per votare un commento!
alessandro (Guest) 27-02-2019 16:15

Scritto da Bar
@ alessandro (#2272542)
Secondo me, alessandro, i precedenti, invece, esistono. Esistono nella testa di chi entra in campo a dispetto di tutte le cose corrette che hai scritto

Non ho mai creduto alla leggenda metropolitana che vuole tutti i tennisti depressi e ansiosi e in cura dallo psicologo.
Basta giocare un po’ a tennis per capire che al massimo il problema psicologico dura il primo game ( se si conosce l’avversario), o qualche game se non si sono fatti i compiti a casa ( intendo i pro, chiaramente).
tutti gli altri e dico tutti non hanno il tempo di pensare a chi hanno di fronte, ma piuttosto a come fare il punto.
Memorabile un Youzhny che nell’incontro contro Federer si rivolse verso Agassi dicendogli “I tried everything and nothing worked ! What else can i do, ha? Tell me, André !” e Agassi rispondeva con un sorriso.
Per cui il fattore psicologico è una bufala a livello pro. Invece a livelli di itf juniores, non saprei, quello è il campo di @Gaz 😀
.
p.s: i “precedenti” rientrano nelle “statistiche” che tu mi attribuisci aver richiamato come fattore determinante. Probabilmente è un errore che hai compiuto quando hai modificato il tuo commento. Se non lo è, ci tengo a ribadire che le statistiche NON contano (con l’eccezione del medesimo incontro solo per confrontare i sets, e con molti “ma”..Non voglio divagare, però)

152
Replica | Quota | 0
Bisogna essere registrati per votare un commento!
Bar 27-02-2019 14:55

@ alessandro (#2272542)

Secondo me, alessandro, i precedenti, invece, esistono. Esistono nella testa di chi entra in campo a dispetto di tutte le cose corrette che hai scritto su superfici, momenti diversi della carriera e statistica.

151
Replica | Quota | 0
Bisogna essere registrati per votare un commento!
Alecon (Guest) 27-02-2019 13:29

Scritto da sasuzzo
Dichiarazioni di Berrettini post sconfitta con Kudla:”…Sono molto migliorato sul cemento, ma se devo essere sincero considero la terra rossa ancora la mia superficie preferita. Sono nato e cresciuto scivolando sulla terra: gli spostamenti, soprattutto, mi riescono molto più facilmente sul rosso. Però non posso non dire che sul veloce il servizio e il dritto già rendono tanto e mi fanno fare tanti punti…”.

In effetti il tennis migliore di Berretto l’abbiamo visto proprio sulla terra. Per caratteristiche tecniche dovrebbe adattarsi meglio al veloce, però evidentemente si sente più a suo agio sulla terra. La due settimane del trionfo a Gstaad e le buone performances a Kits rappresentano la migliore versione del tennista a oggi.
Continuo a essere fiducioso sulla sua carriera perchè è tennista in grado di raccogliere punti anche sul rosso, al contrario di altri battitori che sono piuttosto a disagio sul lento.

150
Replica | Quota | 0
Bisogna essere registrati per votare un commento!
itf expert (Guest) 27-02-2019 10:29

@Stefan Navratil premesso che si sarebbe trattato non “dell’evoluzione tecnico-tattica degli ultimi 20 anni di tennis”, ma della modalità con la quale vanno interpretati i precedenti tra i giocatori, non potrei certo farlo in 2 righe.
Cmq, se avrai letto le mie analisi tecniche sui colpi dei giocatori, ti sarai reso conto che dispongo di un “expertise” modestissimo e che quindi non potrei “illuminare” utenti preparati come te o come altri. Per cui, ora, prendo due piccioni con una fava: non passo molto tempo a scrivere e non annoio nessuno…

149
Replica | Quota | -1
Bisogna essere registrati per votare un commento!
-1: RUMENO
Tennismania (Guest) 27-02-2019 08:16

Scritto da Massimiliano

Scritto da RL

Scritto da Tennismania
Non sono un espertone, ma il dritto nel primo set viaggiava, poi l’inspiegabile break nell’ultimo game del secondo set. Da lì il dritto non è più arrivato oltre la linea del servizio. Partita incomprensibile, l’unica spiegazione che riesco a darmi è un cedimento di gambe/spossatezza a seguito dell’influenza della quale dicevano aver sofferto…

Infatti,fino al decimo gioco del secondo set Berrettini stava giocando bene. Anzi aveva la partita in pugno.

Il primo set kudla non ha messo una palla in campo

Non ho detto che Kudla metteva o non metteva palle in campo. Mi riferivo ai numerosi commenti tecnici su servizio/dritto di Berrettini. Quelli che molti hanno sottolineato circa un’involuzione del suo dritto, non mi pare di averla notata fino alla fine del secondo set. Anzi. Ero piacevolmente stupito su come viaggiava il suo dritto, potente filante e profondo. Se si trattasse di involuzione , ne avremmo cmq visti di dritti di tal fatturunose pur sporadici, anche nell’ultimo set, dove non ne ho contato neppure uno, e dove ripeto la sua palla non arrivava più oltre la linea del servizio ed era fiacca.

148
Replica | Quota | -1
Bisogna essere registrati per votare un commento!
-1: RUMENO
Tennismania (Guest) 27-02-2019 07:48

Scritto da alessandro

Scritto da Bar

Scritto da itf expert
E’ veramente triste parlare prima che le partite siano finite ( e non conoscere i precedenti…).
Cmq il “problema” dei “precedenti” (questione complessa, che dovrei spiegare con post lunghissimi e che quindi non spiegherò) è uno step che il Berretto, se vuole crescere veramente, dovrà superare…

Peccato, dato che sarebbe interessante il discorso sui precedenti.

OT: Ti scrivo io la versione “brevissima”: i precedenti non esistono, non sono mai esistiti, né mai esisteranno.
Cosa vuoi confrontare? Terra con cemento? Cemento veloce con cemento “sabbioso”? Le performances di un giocatore giovane che magari ha cambiato allenatore (o s’è infortunato) con un altro maturo che magari è uno specialista di qualche altra superficie per cui ci sono accoppiamenti “bizzarri” di due giocatori con caratteristiche e capacità opposte su una superficie “difficile” per entrambi? ( esempio Mannarino- Isner a Delray )
I precedenti non servono a nulla se non a dare un suggerimento- Sbagliato- a chi vuol scommettere e non ha tempo di conoscere i giocatori. Non c’è nessuno che conosca la matematica che confonderebbe la probabilità a priori con la probabilità frequentistica. Questo sì che è un “azzardo”. anzi è una forzatura sulla freccia del tempo, che si vorrebbe eliminare o far ruotare in modo da far coincidere i casi verificatisi con i casi che si possono verificare.
Ok, ora basta usare le virgolette, copyright di altri, non mio.
Se @itf expert o altri vogliono aggiungere o criticare qualcosa sono i benvenuti. Io apprezzo sempre gli “arrosti”.
.
.
p.s: mi auguro che questo OT non venga bloccato come gli altri 4 miei commenti odierni “di citazioni”. Ho voluto solo dare una scossa al languore dei commenti di questa settimana, anzi avevo pensato di scrivere un altro OT, ma @Fede-rer l’ha già toccato tangenzialmente, per cui dato che non commento più le partite né scrivo più analisi, ho dovuto cambiare argomento virando su quello di @bar e @itf expert.
Ora la palla passa alla moderazione- che decide- e agli utenti, se hanno qualcosa da dire al riguardo.

Io non capisco questa storia della moderazione. A me pare che i commenti vengano pubblicati in tempo reale.

147
Replica | Quota | 0
Bisogna essere registrati per votare un commento!
Fabio Russo 27-02-2019 06:25

Scritto da Massimiliano

Scritto da sasuzzo
Se con Santopadre c era ormai una certa direzione da prendere per Berrettini (anche perché adesso sarebbe ormai tardi cambiare coach), non capisco che c azzecca l ingresso nel team di Rianna. Non mi pare che ai tempi Starace abbia fatto progressi dopo i primi anni che promettevano qualcosa in più.

Questo team lo sta snaturando .dovrebbe cambiare è ancora in tempo

Concordo in pieno.

146
Replica | Quota | -1
Bisogna essere registrati per votare un commento!
-1: RUMENO
Oscarolibero (Guest) 27-02-2019 00:18

Brutta sconfitta ma poco cambia. Berrettini vincerà slam. 100%

145
Replica | Quota | -2
Bisogna essere registrati per votare un commento!
-1: Giuli, RUMENO
Shuzo (Guest) 26-02-2019 21:59

Scritto da nere

Scritto da Brazz
In passato ho scritto che era il caso di attendere, e lo ribadisco. Vedo ancora una buona prima, un leggero miglioramento sulla seconda, un dritto in molti casi vincente, è un rovescio su cui si deve lavorare tanto. Detta così, è il profilo di un 120/150 del mondo. Ma non è così. Sta giocando con giocatori più forti di quelli del passato. Leggo che Kudla è scarso e alla portata di Matteo , Ma parliamo di un giocatore 50/60 ATP . Forse vedo male il tennis , ma credo che oggi la partita sia stata in equilibrio fino alla fine. Se era pugilato sarebbe stato match pari. Lo staff che lo segue è di primissimo piano, e sanno perfettamente di cosa ha bisogno. Mi dispiace soltanto una cosa , ci esaltiamo e demoralizziamo troppo presto in entrambi i casi.

Saggezza. Un 96 top 50 quando i quattro sponsorizzati per anni della sua leva – quinzi Napolitano Donati e Baldi – navigano a miglia e miglia di distanza. Giocatore solido e soprattutto con la testa sulle spalle e intelligente. Alti e bassi ci stanno come per tutti avanti tutta berretto

Concordo che a 22 anni e con un arrivo tra i top 100 ancora recente gli alti e bassi possano ancora starci. Però quando ci sono i “bassi” è inevitabile restare delusi, con tutto che gli altri next gens italiani siano molto indietro rispetto a lui. Ovviamente finché Matteo continua a migliorare, è decisamente stupido smettere di credere in lui. D’altra parte credo che anche il suo staff la pensi così.

144
Replica | Quota | -1
Bisogna essere registrati per votare un commento!
-1: RUMENO
alessandro (Guest) 26-02-2019 21:59

Scritto da Bar

Scritto da itf expert
E’ veramente triste parlare prima che le partite siano finite ( e non conoscere i precedenti…).
Cmq il “problema” dei “precedenti” (questione complessa, che dovrei spiegare con post lunghissimi e che quindi non spiegherò) è uno step che il Berretto, se vuole crescere veramente, dovrà superare…

Peccato, dato che sarebbe interessante il discorso sui precedenti.

OT: Ti scrivo io la versione “brevissima”: i precedenti non esistono, non sono mai esistiti, né mai esisteranno.
Cosa vuoi confrontare? Terra con cemento? Cemento veloce con cemento “sabbioso”? Le performances di un giocatore giovane che magari ha cambiato allenatore (o s’è infortunato) con un altro maturo che magari è uno specialista di qualche altra superficie per cui ci sono accoppiamenti “bizzarri” di due giocatori con caratteristiche e capacità opposte su una superficie “difficile” per entrambi? ( esempio Mannarino- Isner a Delray )

I precedenti non servono a nulla se non a dare un suggerimento- Sbagliato- a chi vuol scommettere e non ha tempo di conoscere i giocatori. Non c’è nessuno che conosca la matematica che confonderebbe la probabilità a priori con la probabilità frequentistica. Questo sì che è un “azzardo”. anzi è una forzatura sulla freccia del tempo, che si vorrebbe eliminare o far ruotare in modo da far coincidere i casi verificatisi con i casi che si possono verificare.
Ok, ora basta usare le virgolette, copyright di altri, non mio.

Se @itf expert o altri vogliono aggiungere o criticare qualcosa sono i benvenuti. Io apprezzo sempre gli “arrosti”. 🙂
.
.
p.s: mi auguro che questo OT non venga bloccato come gli altri 4 miei commenti odierni “di citazioni”. Ho voluto solo dare una scossa al languore dei commenti di questa settimana, anzi avevo pensato di scrivere un altro OT, ma @Fede-rer l’ha già toccato tangenzialmente, per cui dato che non commento più le partite né scrivo più analisi, ho dovuto cambiare argomento virando su quello di @bar e @itf expert.
Ora la palla passa alla moderazione- che decide- e agli utenti, se hanno qualcosa da dire al riguardo.

143
Replica | Quota | -2
Bisogna essere registrati per votare un commento!
-1: iezzikornuto, RUMENO
Stefan Navratil (Guest) 26-02-2019 21:29

Scritto da itf expert
@Bar no, sarebbe stato un discorso molto noioso: ci sarebbe da fare una lunghissima tiritera tecnico-tattica sugli head to head di Rafa vs Roger e vs Nole e poi concentrare il discorso soprattutto sugli “strani” head to head Nadal vs Davydenko (“strani” perché qualche incompetente li interpreta superficialmente in maniera errata). Pardon, ma non ho né tempo né voglia…

Bastano due righe su Berrettini, l’articolo è su di lui non sull’evoluzione tecnico-tattica degli ultimi 20 anni di tennis, non è carino farci intendere di potere illuminare tutti noi con il tuo expertise e lasciarci a bocca asciutta con scuse banali 😉

142
Replica | Quota | -2
Bisogna essere registrati per votare un commento!
-1: iezzikornuto, RUMENO
Massimiliano (Guest) 26-02-2019 21:23

Scritto da sasuzzo
Se con Santopadre c era ormai una certa direzione da prendere per Berrettini (anche perché adesso sarebbe ormai tardi cambiare coach), non capisco che c azzecca l ingresso nel team di Rianna. Non mi pare che ai tempi Starace abbia fatto progressi dopo i primi anni che promettevano qualcosa in più.

Questo team lo sta snaturando .dovrebbe cambiare è ancora in tempo

141
Replica | Quota | -1
Bisogna essere registrati per votare un commento!
-1: RUMENO
Massimiliano (Guest) 26-02-2019 21:22

Scritto da sasuzzo
Dichiarazioni di Berrettini post sconfitta con Kudla:”…Sono molto migliorato sul cemento, ma se devo essere sincero considero la terra rossa ancora la mia superficie preferita. Sono nato e cresciuto scivolando sulla terra: gli spostamenti, soprattutto, mi riescono molto più facilmente sul rosso. Però non posso non dire che sul veloce il servizio e il dritto già rendono tanto e mi fanno fare tanti punti…”.

Dichiarazione per niente bella..che fa capire il perché il diritto sia involuto.

140
Replica | Quota | -1
Bisogna essere registrati per votare un commento!
-1: RUMENO
itf expert (Guest) 26-02-2019 20:57

@Bar no, sarebbe stato un discorso molto noioso: ci sarebbe da fare una lunghissima tiritera tecnico-tattica sugli head to head di Rafa vs Roger e vs Nole e poi concentrare il discorso soprattutto sugli “strani” head to head Nadal vs Davydenko (“strani” perché qualche incompetente li interpreta superficialmente in maniera errata). Pardon, ma non ho né tempo né voglia…

139
Replica | Quota | -2
Bisogna essere registrati per votare un commento!
-1: iezzikornuto, RUMENO
fabio (Guest) 26-02-2019 20:35

Brutta sconfitta

138
Replica | Quota | -2
Bisogna essere registrati per votare un commento!
-1: iezzikornuto, RUMENO
sasuzzo 26-02-2019 20:35

Dichiarazioni di Berrettini post sconfitta con Kudla:”…Sono molto migliorato sul cemento, ma se devo essere sincero considero la terra rossa ancora la mia superficie preferita. Sono nato e cresciuto scivolando sulla terra: gli spostamenti, soprattutto, mi riescono molto più facilmente sul rosso. Però non posso non dire che sul veloce il servizio e il dritto già rendono tanto e mi fanno fare tanti punti…”.

137
Replica | Quota | -2
Bisogna essere registrati per votare un commento!
-1: iezzikornuto, RUMENO
nere 26-02-2019 20:32

Scritto da Brazz
In passato ho scritto che era il caso di attendere, e lo ribadisco. Vedo ancora una buona prima, un leggero miglioramento sulla seconda, un dritto in molti casi vincente, è un rovescio su cui si deve lavorare tanto. Detta così, è il profilo di un 120/150 del mondo. Ma non è così. Sta giocando con giocatori più forti di quelli del passato. Leggo che Kudla è scarso e alla portata di Matteo , Ma parliamo di un giocatore 50/60 ATP . Forse vedo male il tennis , ma credo che oggi la partita sia stata in equilibrio fino alla fine. Se era pugilato sarebbe stato match pari. Lo staff che lo segue è di primissimo piano, e sanno perfettamente di cosa ha bisogno. Mi dispiace soltanto una cosa , ci esaltiamo e demoralizziamo troppo presto in entrambi i casi.

Saggezza. Un 96 top 50 quando i quattro sponsorizzati per anni della sua leva – quinzi Napolitano Donati e Baldi – navigano a miglia e miglia di distanza. Giocatore solido e soprattutto con la testa sulle spalle e intelligente. Alti e bassi ci stanno come per tutti avanti tutta berretto

136
Replica | Quota | -2
Bisogna essere registrati per votare un commento!
-1: iezzikornuto, RUMENO
sasuzzo 26-02-2019 20:08

Se con Santopadre c era ormai una certa direzione da prendere per Berrettini (anche perché adesso sarebbe ormai tardi cambiare coach), non capisco che c azzecca l ingresso nel team di Rianna. Non mi pare che ai tempi Starace abbia fatto progressi dopo i primi anni che promettevano qualcosa in più.

135
Replica | Quota | -2
Bisogna essere registrati per votare un commento!
-1: iezzikornuto, RUMENO
Mats 26-02-2019 19:32

Che stupendo gioco al vole che ha Ebden.

134
Replica | Quota | -2
Bisogna essere registrati per votare un commento!
-1: iezzikornuto, RUMENO
Victor (Guest) 26-02-2019 19:28

Scritto da Fede-rer

Scritto da Tony_65

Scritto da vincentgo
matteo non al top e kudla bestia nera..insisto sul fatto che a fine anno possa essere top 20 o lì vicino

A questo punto molto dipenderà dal suo rendimento su terra che, complessivamente è migliore di quello sul veloce, infatti l’unico torneo se non sbaglio l’ha vinto su quella superficie (ATP)

Allora, hai sollevato un discorso che per me è molto importante… Ovvero il discorso Berrettini-superfici di gioco. E’ vero, sinora ha ottenuto più risultati su terra. E penso sia anche normale dato che i tennisti italiani crescono perloppiù su terra qualsiasi siano le loro caratteristiche tecniche.
Ho però letto alcuni commentatori qua sul sito che asseriscono che Berrettini sia un giocatore più da terra perchè sulla terra ha più tempo per spostarsi sul dritto, per completare le sue aperture etc etc etc… Ecco, consentimi di dire che per me questa è una fesseria colossale.
Berrettini potrà anche togliersi qualche soddisfazione su terra, non lo nego, è bravo, versatile, solido… Ma la sua superficie ideale è tutt’altro che la terra battuta! Per me Berretto resta un giocatore da cemento outdoor ben adattabile anche all’indoor con un po’ di lavoro.
Proprio per questo mi preoccupa vedere un dritto sempre più lavorato ed un servizio anch’esso più lavorato e meno… botta piatta.
In soldoni il mio terrore è che vogliano “Staracizzarlo” per citare un giocatore italiano con caratteristiche morfologiche vagamente simili. Berrettini deve diventare il prototipo di giocatore da cemento. Servizio-dritto e chiusura a rete come schema di base. Rovescio bimane “di manovra” e back per variare il ritmo. Le sue caratteristiche sono queste e non va snaturato.

133
Replica | Quota | -2
Bisogna essere registrati per votare un commento!
-1: iezzikornuto, RUMENO
Stefan Navratil (Guest) 26-02-2019 19:04

Scritto da Fede-rer

Scritto da Tony_65

Scritto da vincentgo
matteo non al top e kudla bestia nera..insisto sul fatto che a fine anno possa essere top 20 o lì vicino

A questo punto molto dipenderà dal suo rendimento su terra che, complessivamente è migliore di quello sul veloce, infatti l’unico torneo se non sbaglio l’ha vinto su quella superficie (ATP)

Allora, hai sollevato un discorso che per me è molto importante… Ovvero il discorso Berrettini-superfici di gioco. E’ vero, sinora ha ottenuto più risultati su terra. E penso sia anche normale dato che i tennisti italiani crescono perloppiù su terra qualsiasi siano le loro caratteristiche tecniche.
Ho però letto alcuni commentatori qua sul sito che asseriscono che Berrettini sia un giocatore più da terra perchè sulla terra ha più tempo per spostarsi sul dritto, per completare le sue aperture etc etc etc… Ecco, consentimi di dire che per me questa è una fesseria colossale.
Berrettini potrà anche togliersi qualche soddisfazione su terra, non lo nego, è bravo, versatile, solido… Ma la sua superficie ideale è tutt’altro che la terra battuta! Per me Berretto resta un giocatore da cemento outdoor ben adattabile anche all’indoor con un po’ di lavoro.
Proprio per questo mi preoccupa vedere un dritto sempre più lavorato ed un servizio anch’esso più lavorato e meno… botta piatta.
In soldoni il mio terrore è che vogliano “Staracizzarlo” per citare un giocatore italiano con caratteristiche morfologiche vagamente simili. Berrettini deve diventare il prototipo di giocatore da cemento. Servizio-dritto e chiusura a rete come schema di base. Rovescio bimane “di manovra” e back per variare il ritmo. Le sue caratteristiche sono queste e non va snaturato.

Totalmente d’accordo, anch’io ho questa paura, ma un omone di 1 metro e 95 non mobilissimo non può essere impostato per ottenere il suo massimo sulla terra,o al massimo un rendimento costante su tutte le superfici: così si perde molto di quelle che sono le sue caratteristiche/qualità e si mortificano quelli che potrebbero essere i suoi picchi su superfici a lui più congeniali. l’esempio di Starace è proprio calzante e a me viene in mente anche Roddick(e non voglio assolutamente paragonarlo a Berrettini) a cui, dopo che vinse gli US open, per renderlo un giocatore più versatile e non solo da cemento arrotarono tremendamente il dritto rendendolo un arma spuntata, Roddick restò nei piani alti del tennis ma non riottenne mai il livello di ingiocabilità (sul veloce) dei suoi 21 anni.

132
Replica | Quota | -2
Bisogna essere registrati per votare un commento!
-1: iezzikornuto, RUMENO
Brazz (Guest) 26-02-2019 18:50

In passato ho scritto che era il caso di attendere, e lo ribadisco. Vedo ancora una buona prima, un leggero miglioramento sulla seconda, un dritto in molti casi vincente, è un rovescio su cui si deve lavorare tanto. Detta così, è il profilo di un 120/150 del mondo. Ma non è così. Sta giocando con giocatori più forti di quelli del passato. Leggo che Kudla è scarso e alla portata di Matteo , Ma parliamo di un giocatore 50/60 ATP . Forse vedo male il tennis , ma credo che oggi la partita sia stata in equilibrio fino alla fine. Se era pugilato sarebbe stato match pari. Lo staff che lo segue è di primissimo piano, e sanno perfettamente di cosa ha bisogno. Mi dispiace soltanto una cosa , ci esaltiamo e demoralizziamo troppo presto in entrambi i casi.

131
Replica | Quota | -2
Bisogna essere registrati per votare un commento!
-1: iezzikornuto, RUMENO
Roberto (Guest) 26-02-2019 18:45

Ecatombe di teste di serie: speriamo in una finale Roger-Lamonf

130
Replica | Quota | -2
Bisogna essere registrati per votare un commento!
-1: iezzikornuto, RUMENO
Shuzo (Guest) 26-02-2019 18:07

Stavolta la sconfitta e’ deludente davvero. Ovviamente un singolo risultato non significa nulla, resta il fatto che ha perso contro un giocatore meno forte.

129
Replica | Quota | -2
Bisogna essere registrati per votare un commento!
-1: iezzikornuto, RUMENO
robibini (Guest) 26-02-2019 17:58

Peccato e’ arrivato a 2 punti dal match. Non gli darei cosi’ contro ha combattuto ma ha perso. Vediamo la prossima.

128
Replica | Quota | -2
Bisogna essere registrati per votare un commento!
-1: iezzikornuto, RUMENO
Fabrizio (Guest) 26-02-2019 17:44

Scritto da becu rules

Scritto da Fabio Russo
Che gran brutto Berrettini, subito fuori al primo turno! D’aaltronde ormai tutti sanno che non ha rovescio e lì tutti vanno a fare punti e quanti ne fanno! Lo diciamo da due anni che il ragazzo non ha rovescio e evidentemente Santopadre non sa che pesci pigliare. Credo che se non cambierà qualcosa nel suo staff per rimediare a questa grande lacuna questo è il massimo a cui potrà aspirare.

Il rovescio è migliorato e parecchio al punto che in 2 anni e rotti da numero 700 atp è diventato numero 50 (lo so, una bazzecola alla portata di tutti…). Ne sono tutti consapevoli, il problema è che c’è un limite ai miglioramenti, sennò se bastasse saperlo sarebbero tutti top 10, e per quanto uno ci possa lavorare sarà sempr il lato su cui soffre – in particolare nelle giornate di scarsa vena in cui incide meno sull’altro lato

A parte il rovescio che non mi sembra così migliorato (certo prima era ridicolo quando alzava pure la gambetta all’indietro per colpire la palla), il problema è che sembra sgonfio al servizio, il dritto non fa più le famose buche per terra e gli spostamenti sono quelli di un pachiderma. In aqueste condizioni va poco lontano, purtroppo. Qualcosa dovrà cambiare per forza altrimenti questa sarà la sua realtà.

127
Replica | Quota | -2
Bisogna essere registrati per votare un commento!
-1: iezzikornuto, RUMENO
Fede-rer 26-02-2019 17:37

Scritto da Tony_65

Scritto da Fede-rer

Scritto da Tony_65

Scritto da Fede-rer

Scritto da Tony_65

Scritto da vincentgo
matteo non al top e kudla bestia nera..insisto sul fatto che a fine anno possa essere top 20 o lì vicino

A questo punto molto dipenderà dal suo rendimento su terra che, complessivamente è migliore di quello sul veloce, infatti l’unico torneo se non sbaglio l’ha vinto su quella superficie (ATP)

Allora, hai sollevato un discorso che per me è molto importante… Ovvero il discorso Berrettini-superfici di gioco. E’ vero, sinora ha ottenuto più risultati su terra. E penso sia anche normale dato che i tennisti italiani crescono perloppiù su terra qualsiasi siano le loro caratteristiche tecniche.
Ho però letto alcuni commentatori qua sul sito che asseriscono che Berrettini sia un giocatore più da terra perchè sulla terra ha più tempo per spostarsi sul dritto, per completare le sue aperture etc etc etc… Ecco, consentimi di dire che per me questa è una fesseria colossale.
Berrettini potrà anche togliersi qualche soddisfazione su terra, non lo nego, è bravo, versatile, solido… Ma la sua superficie ideale è tutt’altro che la terra battuta! Per me Berretto resta un giocatore da cemento outdoor ben adattabile anche all’indoor con un po’ di lavoro.
Proprio per questo mi preoccupa vedere un dritto sempre più lavorato ed un servizio anch’esso più lavorato e meno… botta piatta.
In soldoni il mio terrore è che vogliano “Staracizzarlo” per citare un giocatore italiano con caratteristiche morfologiche vagamente simili. Berrettini deve diventare il prototipo di giocatore da cemento. Servizio-dritto e chiusura a rete come schema di base. Rovescio bimane “di manovra” e back per variare il ritmo. Le sue caratteristiche sono queste e non va snaturato.

Condivido il tuo pensiero sulle sue caratteristiche tecniche, ma vorrei aggiungere due cose: primo il suo rovescio è comunque migliorato per quanto sia ancora vulnerabile e penso che i suoi colpi siano leggermente cambiati anche in funzione di questo colpo, ma su questo solo il suo tecnico potrebbe dirci il perché… secondo, non si può trascurare la sua volontà e piacevolezza (lo ha detto più volte) di giocare sulla terra. Il tempo ci dirà. Ma resto comunque convinto che chi ha i colpi ce li ha su tutte le superfici

Io sinceramente non riesco a ravvisare alcun tipo di miglioramento sul rovescio.. Zero assoluto.. Colpo sempre poco profondo, con il quale non trova nessun tipo di angolo, mai vincente, velocità di braccio bassissima.. Il miglioramento consiste nel fatto di aver riconosciuto il grande deficit nel rovescio e la conseguente costruzione di un solido back che gli consente di difendersi molto meglio dal lato sx, soprattutto sul veloce..

Ecco appunto,l’hai detto il miglioramento del rovescio è quello ma non solo, è migliorato anche il colpo in spinta solo che non ha continuità e secondo me è la sicurezza che gli manca, l’insicurezza lo porta a giocare il colpo smorzato, servono centinaia di ore di allenamento per migliorare quel colpo e anche di più

Sìsì ma infatti io sono assolutamente ottimista per Berrettini! Se riesce ad essere competitivo con i top al momento attuale con simili lacune non può che migliorare, se seguito bene! Mi ripeto, con un giocatore di questo tipo il punto essenziale e sapere in quale direzione andare! Ha caratteristiche ben precise, bisogna esaltarne i pregi e nasconderne i difetti! Roddick ha costruito una splendida carriera con un rovescio interlocutorio. Raonic ha fatto grandi cose… In più Matteo ha una mano splendida per la sua stazza ed il tipo di gioco, è raro vedere un giocatore con le sue caratteristiche giocare smorzate letali! E lui ci riesce! Io in genere spero sempre che i giocatori più “radicali” vengano resi più “universali”… Ebbene, per Berrettini, per una volta, sp0ero l’opposto: spero che lo si porti ad essere un giocatore d’attacco a tutto tondo, con schemi sempre più fruttiferi sul cemento. Per me quella è la sua dimensione.Poi, come ha detto giustamente qualcuno, nessuno gli vieta di cogliere ottimi risultati sulla terra in altura, per esempio! O magari anche sull’erba…

126
Replica | Quota | -1
Bisogna essere registrati per votare un commento!
+1: gisva
-1: iezzikornuto, RUMENO
pallettaro (Guest) 26-02-2019 17:25

@ Fede-rer (#2272395)

Condivido, il rovescio è un colpo nato male o forse nato troppo tardi, su cui è fondamentale creare delle varianti come il colpo in back, ma su cui è anche basilare iniziare a trovare delle certezze.
Inoltre, a mio parere questo rovescio lo limita ancora più su terra che su veloce.
Su veloce ha imparato ad appoggiarsi e bene o male se non trova profondità almeno vede direzione ed anticipo. Su terra, da quella parte bisogna spingere il colpo con tutti i sentimenti e se non l’hai nelle corde sono problemi.
Inutile dire che non è ipotizzabile nemmeno una carriera alla Younes El Aynaoui che grida vendetta, ma che almeno dovrebbe mettere in guardia chi sostiene che si possa fare una carriera girandosi sempre sul diritto. Marocchino che, con un rovescio appena normale, sarebbe entrato facile nei primi 5 al mondo.

125
Replica | Quota | -2
Bisogna essere registrati per votare un commento!
-1: iezzikornuto, RUMENO
Tony_65 (Guest) 26-02-2019 17:10

Scritto da Fede-rer

Scritto da Tony_65

Scritto da Fede-rer

Scritto da Tony_65

Scritto da vincentgo
matteo non al top e kudla bestia nera..insisto sul fatto che a fine anno possa essere top 20 o lì vicino

A questo punto molto dipenderà dal suo rendimento su terra che, complessivamente è migliore di quello sul veloce, infatti l’unico torneo se non sbaglio l’ha vinto su quella superficie (ATP)

Allora, hai sollevato un discorso che per me è molto importante… Ovvero il discorso Berrettini-superfici di gioco. E’ vero, sinora ha ottenuto più risultati su terra. E penso sia anche normale dato che i tennisti italiani crescono perloppiù su terra qualsiasi siano le loro caratteristiche tecniche.
Ho però letto alcuni commentatori qua sul sito che asseriscono che Berrettini sia un giocatore più da terra perchè sulla terra ha più tempo per spostarsi sul dritto, per completare le sue aperture etc etc etc… Ecco, consentimi di dire che per me questa è una fesseria colossale.
Berrettini potrà anche togliersi qualche soddisfazione su terra, non lo nego, è bravo, versatile, solido… Ma la sua superficie ideale è tutt’altro che la terra battuta! Per me Berretto resta un giocatore da cemento outdoor ben adattabile anche all’indoor con un po’ di lavoro.
Proprio per questo mi preoccupa vedere un dritto sempre più lavorato ed un servizio anch’esso più lavorato e meno… botta piatta.
In soldoni il mio terrore è che vogliano “Staracizzarlo” per citare un giocatore italiano con caratteristiche morfologiche vagamente simili. Berrettini deve diventare il prototipo di giocatore da cemento. Servizio-dritto e chiusura a rete come schema di base. Rovescio bimane “di manovra” e back per variare il ritmo. Le sue caratteristiche sono queste e non va snaturato.

Condivido il tuo pensiero sulle sue caratteristiche tecniche, ma vorrei aggiungere due cose: primo il suo rovescio è comunque migliorato per quanto sia ancora vulnerabile e penso che i suoi colpi siano leggermente cambiati anche in funzione di questo colpo, ma su questo solo il suo tecnico potrebbe dirci il perché… secondo, non si può trascurare la sua volontà e piacevolezza (lo ha detto più volte) di giocare sulla terra. Il tempo ci dirà. Ma resto comunque convinto che chi ha i colpi ce li ha su tutte le superfici

Io sinceramente non riesco a ravvisare alcun tipo di miglioramento sul rovescio.. Zero assoluto.. Colpo sempre poco profondo, con il quale non trova nessun tipo di angolo, mai vincente, velocità di braccio bassissima.. Il miglioramento consiste nel fatto di aver riconosciuto il grande deficit nel rovescio e la conseguente costruzione di un solido back che gli consente di difendersi molto meglio dal lato sx, soprattutto sul veloce..

Ecco appunto,l’hai detto il miglioramento del rovescio è quello ma non solo, è migliorato anche il colpo in spinta solo che non ha continuità e secondo me è la sicurezza che gli manca, l’insicurezza lo porta a giocare il colpo smorzato, servono centinaia di ore di allenamento per migliorare quel colpo e anche di più

124
Replica | Quota | -2
Bisogna essere registrati per votare un commento!
-1: iezzikornuto, RUMENO
il vero tennis (Guest) 26-02-2019 16:56

perso 2 volte il servizio sul 5-5 è in credito con la sorte e con kudla

123
Replica | Quota | -2
Bisogna essere registrati per votare un commento!
-1: iezzikornuto, RUMENO
Bar 26-02-2019 16:56

Scritto da itf expert
E’ veramente triste parlare prima che le partite siano finite ( e non conoscere i precedenti…).
Cmq il “problema” dei “precedenti” (questione complessa, che dovrei spiegare con post lunghissimi e che quindi non spiegherò) è uno step che il Berretto, se vuole crescere veramente, dovrà superare…

Peccato, dato che sarebbe interessante il discorso sui precedenti.

122
Replica | Quota | -2
Bisogna essere registrati per votare un commento!
-1: iezzikornuto, RUMENO
sasuzzo 26-02-2019 16:55

Scritto da keope77

Scritto da Fede-rer

Scritto da Tony_65

Scritto da vincentgo
matteo non al top e kudla bestia nera..insisto sul fatto che a fine anno possa essere top 20 o lì vicino

A questo punto molto dipenderà dal suo rendimento su terra che, complessivamente è migliore di quello sul veloce, infatti l’unico torneo se non sbaglio l’ha vinto su quella superficie (ATP)

Allora, hai sollevato un discorso che per me è molto importante… Ovvero il discorso Berrettini-superfici di gioco. E’ vero, sinora ha ottenuto più risultati su terra. E penso sia anche normale dato che i tennisti italiani crescono perloppiù su terra qualsiasi siano le loro caratteristiche tecniche.
Ho però letto alcuni commentatori qua sul sito che asseriscono che Berrettini sia un giocatore più da terra perchè sulla terra ha più tempo per spostarsi sul dritto, per completare le sue aperture etc etc etc… Ecco, consentimi di dire che per me questa è una fesseria colossale.
Berrettini potrà anche togliersi qualche soddisfazione su terra, non lo nego, è bravo, versatile, solido… Ma la sua superficie ideale è tutt’altro che la terra battuta! Per me Berretto resta un giocatore da cemento outdoor ben adattabile anche all’indoor con un po’ di lavoro.
Proprio per questo mi preoccupa vedere un dritto sempre più lavorato ed un servizio anch’esso più lavorato e meno… botta piatta.
In soldoni il mio terrore è che vogliano “Staracizzarlo” per citare un giocatore italiano con caratteristiche morfologiche vagamente simili. Berrettini deve diventare il prototipo di giocatore da cemento. Servizio-dritto e chiusura a rete come schema di base. Rovescio bimane “di manovra” e back per variare il ritmo. Le sue caratteristiche sono queste e non va snaturato.

Sono d’accordo. L’unico motivo secondo me per il quale sulla terra ha avuto risultati migliori sulla terra (fino ad oggi, ma dubito che a fine carriera sia così) è che ha più tempo per recuperare la posizione in campo e di girare sul dritto per sparare il vincente.
In questo momento a mio modo di vedere i risultati migliori li avrebbe ancora sulla terra in altura (infatti ha vinto a Gstaad), dove però si giocano (pochi) tornei di livello basso.
Ma è evidente che per caratteristiche fisiche e tecniche sia un giocatore da superfici veloci.

Ma se poi vince un torneo su terra in altura? Contano i risultati. Ha bisogno dei suoi tempi per l’esecuzione dei colpi. D’ incontro, su cemento, con rimbalzi bassi e ritmo veloce va facilmente in crisi anche perché è legnosissimo con la parte inferiore del corpo. Su terra (e in particolare in altura) siamo invece nella situazione diametralmente opposta: a suo vantaggio. Ma, in questi mesi, non capisco il vantaggio di avere in mezzo anche Rianna. Può essere che stiano mettendo Berrettini in una situazione di confusione tecnica? Da qui l involuzione del suo “ex” dritto.

121
Replica | Quota | -2
Bisogna essere registrati per votare un commento!
-1: iezzikornuto, RUMENO
gisva 26-02-2019 16:44

@ keope77 (#2272336)

La questione penso sia che se è al top su terra (forse meglio in altura) raggiunge livelli più alti. Sul duro invece porta a casa tanti match di primo o secondo turno anche se non è al top. Deve conoscersi e gestirsi.

Sicuramente in questa settimana il torneo di SaoPaulo aveva caratteristiche ottime per lui. Ma non aveva senso farsi tutta la trasferta sudamericana. Doveva andare per un solo torneo?

Non sono scelte facili.

120
Replica | Quota | -2
Bisogna essere registrati per votare un commento!
-1: iezzikornuto, RUMENO
Fede-rer (Guest) 26-02-2019 16:02

Scritto da Tony_65

Scritto da Fede-rer

Scritto da Tony_65

Scritto da vincentgo
matteo non al top e kudla bestia nera..insisto sul fatto che a fine anno possa essere top 20 o lì vicino

A questo punto molto dipenderà dal suo rendimento su terra che, complessivamente è migliore di quello sul veloce, infatti l’unico torneo se non sbaglio l’ha vinto su quella superficie (ATP)

Allora, hai sollevato un discorso che per me è molto importante… Ovvero il discorso Berrettini-superfici di gioco. E’ vero, sinora ha ottenuto più risultati su terra. E penso sia anche normale dato che i tennisti italiani crescono perloppiù su terra qualsiasi siano le loro caratteristiche tecniche.
Ho però letto alcuni commentatori qua sul sito che asseriscono che Berrettini sia un giocatore più da terra perchè sulla terra ha più tempo per spostarsi sul dritto, per completare le sue aperture etc etc etc… Ecco, consentimi di dire che per me questa è una fesseria colossale.
Berrettini potrà anche togliersi qualche soddisfazione su terra, non lo nego, è bravo, versatile, solido… Ma la sua superficie ideale è tutt’altro che la terra battuta! Per me Berretto resta un giocatore da cemento outdoor ben adattabile anche all’indoor con un po’ di lavoro.
Proprio per questo mi preoccupa vedere un dritto sempre più lavorato ed un servizio anch’esso più lavorato e meno… botta piatta.
In soldoni il mio terrore è che vogliano “Staracizzarlo” per citare un giocatore italiano con caratteristiche morfologiche vagamente simili. Berrettini deve diventare il prototipo di giocatore da cemento. Servizio-dritto e chiusura a rete come schema di base. Rovescio bimane “di manovra” e back per variare il ritmo. Le sue caratteristiche sono queste e non va snaturato.

Condivido il tuo pensiero sulle sue caratteristiche tecniche, ma vorrei aggiungere due cose: primo il suo rovescio è comunque migliorato per quanto sia ancora vulnerabile e penso che i suoi colpi siano leggermente cambiati anche in funzione di questo colpo, ma su questo solo il suo tecnico potrebbe dirci il perché… secondo, non si può trascurare la sua volontà e piacevolezza (lo ha detto più volte) di giocare sulla terra. Il tempo ci dirà. Ma resto comunque convinto che chi ha i colpi ce li ha su tutte le superfici

Io sinceramente non riesco a ravvisare alcun tipo di miglioramento sul rovescio.. Zero assoluto.. Colpo sempre poco profondo, con il quale non trova nessun tipo di angolo, mai vincente, velocità di braccio bassissima.. Il miglioramento consiste nel fatto di aver riconosciuto il grande deficit nel rovescio e la conseguente costruzione di un solido back che gli consente di difendersi molto meglio dal lato sx, soprattutto sul veloce..

119
Replica | Quota | -2
Bisogna essere registrati per votare un commento!
-1: iezzikornuto, RUMENO
alessandro (Guest) 26-02-2019 16:02

@ Fede-rer (#2272331)

Scritto da itf expert
questione complessa, che dovrei spiegare con post lunghissimi e che quindi non spiegherò)

😀

118
Replica | Quota | -1
Bisogna essere registrati per votare un commento!
-1: RUMENO
sander (Guest) 26-02-2019 15:50

Ho visto un Berrettini ottimo nel primo poi al netto di eventuali problemi fisici mi sembra si sia un attimo rilassato permettendo al suo avversario di prendere fiducia.
A questi livelli bisogna mantenersi umile al 110% perchè appena molli un attimo e fai 1/10 di un cattivo pensiero Fogninesco sei fritto.
Di conseguenza è calato il rendimento del rovescio e la sensazione che dava era un barcamenarsi pericoloso verso lidi non positivi…infatti Kudla ha accolto l’invito e portato a casa l’incontro.

117
Replica | Quota | -2
Bisogna essere registrati per votare un commento!
-1: iezzikornuto, RUMENO
MarcoP 26-02-2019 15:18

Fino al 5-5 del primo set sembrava un controllo, addirittura arrivato a 20 punti dal match… poi un brutto game al servizio e la partita e’ diventata equilibrata. Terzo set perso per poco.

116
Replica | Quota | -2
Bisogna essere registrati per votare un commento!
-1: iezzikornuto, RUMENO
mauro59 (Guest) 26-02-2019 15:16

Kudla e Berrettini si equivalgono, in questo tipo di partite, oltre alle questioni tecnico tattiche, contano le situazioni psicologiche e la capacità di saperle gestire in particolari giornate. Può essere che una partita dall’andamento simile in un’altra parte dell’anno Matteo riesca a portarla dalla sua parte. Insomma è questione di dettagli, non esiste una superiorità schiacciante da parte di uno sull’altro.

115
Replica | Quota | -1
Bisogna essere registrati per votare un commento!
-1: RUMENO
Tony_65 (Guest) 26-02-2019 15:14

Scritto da Fede-rer

Scritto da Tony_65

Scritto da vincentgo
matteo non al top e kudla bestia nera..insisto sul fatto che a fine anno possa essere top 20 o lì vicino

A questo punto molto dipenderà dal suo rendimento su terra che, complessivamente è migliore di quello sul veloce, infatti l’unico torneo se non sbaglio l’ha vinto su quella superficie (ATP)

Allora, hai sollevato un discorso che per me è molto importante… Ovvero il discorso Berrettini-superfici di gioco. E’ vero, sinora ha ottenuto più risultati su terra. E penso sia anche normale dato che i tennisti italiani crescono perloppiù su terra qualsiasi siano le loro caratteristiche tecniche.
Ho però letto alcuni commentatori qua sul sito che asseriscono che Berrettini sia un giocatore più da terra perchè sulla terra ha più tempo per spostarsi sul dritto, per completare le sue aperture etc etc etc… Ecco, consentimi di dire che per me questa è una fesseria colossale.
Berrettini potrà anche togliersi qualche soddisfazione su terra, non lo nego, è bravo, versatile, solido… Ma la sua superficie ideale è tutt’altro che la terra battuta! Per me Berretto resta un giocatore da cemento outdoor ben adattabile anche all’indoor con un po’ di lavoro.
Proprio per questo mi preoccupa vedere un dritto sempre più lavorato ed un servizio anch’esso più lavorato e meno… botta piatta.
In soldoni il mio terrore è che vogliano “Staracizzarlo” per citare un giocatore italiano con caratteristiche morfologiche vagamente simili. Berrettini deve diventare il prototipo di giocatore da cemento. Servizio-dritto e chiusura a rete come schema di base. Rovescio bimane “di manovra” e back per variare il ritmo. Le sue caratteristiche sono queste e non va snaturato.

Condivido il tuo pensiero sulle sue caratteristiche tecniche, ma vorrei aggiungere due cose: primo il suo rovescio è comunque migliorato per quanto sia ancora vulnerabile e penso che i suoi colpi siano leggermente cambiati anche in funzione di questo colpo, ma su questo solo il suo tecnico potrebbe dirci il perché… secondo, non si può trascurare la sua volontà e piacevolezza (lo ha detto più volte) di giocare sulla terra. Il tempo ci dirà. Ma resto comunque convinto che chi ha i colpi ce li ha su tutte le superfici

114
Replica | Quota | -1
Bisogna essere registrati per votare un commento!
+1: Ken_Rosewall
-1: iezzikornuto, RUMENO
BetAce 26-02-2019 15:09

Non mi esprimo dando giudici tecnico-tattici non avendo visto il match ma in generale mi sento di dire e di vedere che,al primo passo falso,c’è troppo pessimismo:diamo tempo a questi ragazzi di lavorare e i risultati non tarderanno ad arrivare!

113
Replica | Quota | -1
Bisogna essere registrati per votare un commento!
+1: Ken_Rosewall
-1: iezzikornuto, RUMENO
Aruspice (Guest) 26-02-2019 15:00

Prescindendo dalle analisi tecniche di superfici, colpi, ecc… è storicamente provato che i giocatori italiani maturano (nel senso del gioco, non di testa, altrimenti fognini, in passato cane’ e altri non avrebbero raggiunto i buoni risultati) dai 25 anni in su.
Cech 4 anni fa non era a livello di Berretto, forse neanche Fogna alla sua età (non ricordo).
Sono inevitabili gli alti e bassi, i risultati entusiasmanti seguiti dalle delusioni

112
Replica | Quota | -1
Bisogna essere registrati per votare un commento!
+1: Ken_Rosewall
-1: iezzikornuto, RUMENO
keope77 (Guest) 26-02-2019 14:54

Scritto da Fede-rer

Scritto da Tony_65

Scritto da vincentgo
matteo non al top e kudla bestia nera..insisto sul fatto che a fine anno possa essere top 20 o lì vicino

A questo punto molto dipenderà dal suo rendimento su terra che, complessivamente è migliore di quello sul veloce, infatti l’unico torneo se non sbaglio l’ha vinto su quella superficie (ATP)

Allora, hai sollevato un discorso che per me è molto importante… Ovvero il discorso Berrettini-superfici di gioco. E’ vero, sinora ha ottenuto più risultati su terra. E penso sia anche normale dato che i tennisti italiani crescono perloppiù su terra qualsiasi siano le loro caratteristiche tecniche.
Ho però letto alcuni commentatori qua sul sito che asseriscono che Berrettini sia un giocatore più da terra perchè sulla terra ha più tempo per spostarsi sul dritto, per completare le sue aperture etc etc etc… Ecco, consentimi di dire che per me questa è una fesseria colossale.
Berrettini potrà anche togliersi qualche soddisfazione su terra, non lo nego, è bravo, versatile, solido… Ma la sua superficie ideale è tutt’altro che la terra battuta! Per me Berretto resta un giocatore da cemento outdoor ben adattabile anche all’indoor con un po’ di lavoro.
Proprio per questo mi preoccupa vedere un dritto sempre più lavorato ed un servizio anch’esso più lavorato e meno… botta piatta.
In soldoni il mio terrore è che vogliano “Staracizzarlo” per citare un giocatore italiano con caratteristiche morfologiche vagamente simili. Berrettini deve diventare il prototipo di giocatore da cemento. Servizio-dritto e chiusura a rete come schema di base. Rovescio bimane “di manovra” e back per variare il ritmo. Le sue caratteristiche sono queste e non va snaturato.

Sono d’accordo. L’unico motivo secondo me per il quale sulla terra ha avuto risultati migliori sulla terra (fino ad oggi, ma dubito che a fine carriera sia così) è che ha più tempo per recuperare la posizione in campo e di girare sul dritto per sparare il vincente.
In questo momento a mio modo di vedere i risultati migliori li avrebbe ancora sulla terra in altura (infatti ha vinto a Gstaad), dove però si giocano (pochi) tornei di livello basso.
Ma è evidente che per caratteristiche fisiche e tecniche sia un giocatore da superfici veloci.

111
Replica | Quota | -1
Bisogna essere registrati per votare un commento!
+1: Fede-rer
-1: iezzikornuto, RUMENO
keope77 (Guest) 26-02-2019 14:50

Scritto da Mithra
Vi invito a guardare le statistiche del match di Berrettini, non ho mai visto dei numeri così schiaccianti a favore di uno e poi invece ha vinto l’altro.
Più prime in campo, più punti vinti con la prima e la seconda, più punti vinti in risposta e ben 12 punti in più vinti nel computo complessivo del match rispetto a Kudla.
Pazzesco!

Vero, perché nelle statistiche entra il primo set in cui indubbiamente c’è stata una superiorità netta.
Le statistiche del secondo e del terzo set invece riflettono l’anddamento molto equilibrato. Set nei quali purtroppo Matteo non è mai nemmeno arrivato a palla break.

110
Replica | Quota | -1
Bisogna essere registrati per votare un commento!
+1: MarcoP
-1: iezzikornuto, RUMENO
Fede-rer 26-02-2019 14:47

Scritto da Tony_65

Scritto da vincentgo
matteo non al top e kudla bestia nera..insisto sul fatto che a fine anno possa essere top 20 o lì vicino

A questo punto molto dipenderà dal suo rendimento su terra che, complessivamente è migliore di quello sul veloce, infatti l’unico torneo se non sbaglio l’ha vinto su quella superficie (ATP)

Allora, hai sollevato un discorso che per me è molto importante… Ovvero il discorso Berrettini-superfici di gioco. E’ vero, sinora ha ottenuto più risultati su terra. E penso sia anche normale dato che i tennisti italiani crescono perloppiù su terra qualsiasi siano le loro caratteristiche tecniche.
Ho però letto alcuni commentatori qua sul sito che asseriscono che Berrettini sia un giocatore più da terra perchè sulla terra ha più tempo per spostarsi sul dritto, per completare le sue aperture etc etc etc… Ecco, consentimi di dire che per me questa è una fesseria colossale.
Berrettini potrà anche togliersi qualche soddisfazione su terra, non lo nego, è bravo, versatile, solido… Ma la sua superficie ideale è tutt’altro che la terra battuta! Per me Berretto resta un giocatore da cemento outdoor ben adattabile anche all’indoor con un po’ di lavoro.
Proprio per questo mi preoccupa vedere un dritto sempre più lavorato ed un servizio anch’esso più lavorato e meno… botta piatta.
In soldoni il mio terrore è che vogliano “Staracizzarlo” per citare un giocatore italiano con caratteristiche morfologiche vagamente simili. Berrettini deve diventare il prototipo di giocatore da cemento. Servizio-dritto e chiusura a rete come schema di base. Rovescio bimane “di manovra” e back per variare il ritmo. Le sue caratteristiche sono queste e non va snaturato.

109
Replica | Quota | -2
Bisogna essere registrati per votare un commento!
-1: iezzikornuto, RUMENO
Sottile 26-02-2019 14:46

Teniamoci Santopadre, mi raccomando….

108
Replica | Quota | -2
Bisogna essere registrati per votare un commento!
-1: iezzikornuto, RUMENO
Davide66 26-02-2019 14:41

Non mi aspettavo questa sconfitta del Berretto.
Che è successo?

107
Replica | Quota | -2
Bisogna essere registrati per votare un commento!
-1: iezzikornuto, RUMENO
Nicola (Guest) 26-02-2019 14:23

Deve dimagrire. Matteo Berrettini deve perdere almeno 3-4 kg.
Solo così può fare un ulteriore step.
Altrimenti non migliorerà mai e anzi può solo peggiorare.

106
Replica | Quota | -2
Bisogna essere registrati per votare un commento!
-1: iezzikornuto, RUMENO
PoolAster (Guest) 26-02-2019 14:23

Kudla resta la sua bestia nera…. 😕

105
Replica | Quota | 1
Bisogna essere registrati per votare un commento!
+1: Ken_Rosewall, MarcoP
-1: RUMENO
Luca96 26-02-2019 14:22

Kudla è un giocatore che soffre e con oggi infatti ci ha perso 3 volte su 4…peccato perché dopo avrebbe trovato Berankis che ha sconfitto sorprendentemente Medvedev. Sotto con i prossimi tornei ora 😉

104
Replica | Quota | -2
Bisogna essere registrati per votare un commento!
-1: iezzikornuto, RUMENO
marino (Guest) 26-02-2019 14:13

ha perso anche MEDVEDEV.. cosa dovrebbe dire lui allora ?’ qui il livello e’ alto… basta poco e ciao ciao…

103
Replica | Quota | -2
Bisogna essere registrati per votare un commento!
+1: Ken_Rosewall
-1: sasuzzo, iezzikornuto, RUMENO
Alecon (Guest) 26-02-2019 14:13

Scritto da Tennismania
Non sono un espertone, ma il dritto nel primo set viaggiava, poi l’inspiegabile break nell’ultimo game del secondo set. Da lì il dritto non è più arrivato oltre la linea del servizio. Partita incomprensibile, l’unica spiegazione che riesco a darmi è un cedimento di gambe/spossatezza a seguito dell’influenza della quale dicevano aver sofferto…

Condivido. Una partita in pugno con l’avversario che faticava parecchio nei suoi turni di servizio e che non vedeva palla in quelli di Berretto. Poi l’inaspettato passaggio a vuoto alla fine del secondo e il calo evidente negli scambi con un numero eccessivo di gratuiti con i colpi a rimbalzo nel terzo. Partita che avrebbe dovuto chiudere in due e invece è andato a perderla. Alla fine sembrava incredulo anche Kudla. in effetti i 12 punti in più vinti testimoniano di un match piuttosto singolare.

102
Replica | Quota | -1
Bisogna essere registrati per votare un commento!
+1: MarcoP
-1: iezzikornuto, RUMENO
marvar (Guest) 26-02-2019 14:10

Io davvero non concepisco sconfitte del genere ….Contro un avversario modesto come Kudla…che delusione berrettini…Una delusione dietro l altra per il tennista italiano

101
Replica | Quota | -2
Bisogna essere registrati per votare un commento!
-1: Elio, iezzikornuto