Caso Sharapova Copertina, Generica

Caso Sharapova: Ecco il documento dell’ITF che parla del Meldonium

21/03/2016 15:08 36 commenti
Maria Sharapova classe 1987, n.11 del mondo
Maria Sharapova classe 1987, n.11 del mondo

Ecco il documento dell’ITF che è stato inviato ai giocatori nello scorso mese di novembre che parla chiaramente delle sostanze vietate nel 2016.

Maria Sharapova ha sempre dichiarato di non aver visto il Meldonium nell’elenco delle sostanze perchè il modulo era troppo confusionario.


TAG:

36 commenti. Lasciane uno!

Shuzo (Guest) 22-03-2016 14:09

La lista non era confusionaria però è anche vero che quella è una lista piena di farmaci. Inoltre non scordiamoci che lei ha in realtà preso un farmaco analogo ma con un nome pur sempre diverso. Non so. La situazione non è affatto chiara!

36
ale85 (Guest) 22-03-2016 10:28

Meldonium sostanza non specificata… In teoria non sarebbe neanche una sostanza dopante, dal 2016 lo diventa e con molta probabilità dopo le olimpiadi la Wada farà un comunicato dicendo che tutti possono sbagliare e toglieranno il Meldonium dalla lista illecita… E io mi farò tante risate!

35
varco74 (Guest) 22-03-2016 09:31

Scritto da varco74

Scritto da Pablo
Ci sono altri 4 atleti russi beccati positivi al meldonium. Sicuramente tutti questi russi non sanno leggere le istruzioni (peraltro chiarissime). Come la “povera” miliardaria Maria Sharapova.
Meno di 2 anni di squalifica sarebbero un insulto alla verità ed allo sport. Può persino essere vero che lei possa pagare per altre e per dare l’esempio, ma forse è anche giusto che qualcuno paghi per dare l’esempio.

Colpire uno per educare cento:anche Mao Tze Tung ragionava cosi

34
varco74 (Guest) 22-03-2016 09:29

Scritto da Pablo
Ci sono altri 4 atleti russi beccati positivi al meldonium. Sicuramente tutti questi russi non sanno leggere le istruzioni (peraltro chiarissime). Come la “povera” miliardaria Maria Sharapova.
Meno di 2 anni di squalifica sarebbero un insulto alla verità ed allo sport. Può persino essere vero che lei possa pagare per altre e per dare l’esempio, ma forse è anche giusto che qualcuno paghi per dare l’esempio.

Colpire uno per educare cento:anche Mao Tze Tung ragionata cosi

33
Pablo (Guest) 22-03-2016 09:23

aggiungo una chiosa x coloro che dicono: la sharapova non era (cosnapevolmente) dopata perché altrimenti non si sarebbe fatta beccare..santa ingenuità!…ma forse una che va avanti da 10 anni pensa che, poiché si chiama Sharapova, nessuno la beccherà mai…altrimenti spiegatemi tutti quei politici che dopo tangentopoli si sono fatti beccare…o la russa recidiva nel doping…la stupidità umana non va sottovalutata :cool:

32
Pablo (Guest) 22-03-2016 09:17

Ci sono altri 4 atleti russi beccati positivi al meldonium. Sicuramente tutti questi russi non sanno leggere le istruzioni (peraltro chiarissime). Come la “povera” miliardaria Maria Sharapova.
Meno di 2 anni di squalifica sarebbero un insulto alla verità ed allo sport. Può persino essere vero che lei possa pagare per altre e per dare l’esempio, ma forse è anche giusto che qualcuno paghi per dare l’esempio.

31
Giorgio il mitico (Guest) 22-03-2016 03:23

Ci sono altri tennisti che negli anni 2006 – 2015 hanno preso il MILDRONATE ?????

Ci sono altri atleti ? Vogliamo i nomi di TUTTI; chiedo troppo ?

Ufficialmente sono tutti in regola !!!!!!!

30
Giorgio il mitico (Guest) 22-03-2016 03:16

I l fatto è UNO : la WADA dopo 10 ANNI “SCOPRE” il Meldonium o Mildronate, PRIMA dov’era la WADA ??????????????????

COME MAI NON SI E’ ACCORTA DEL MELDONIUM ?????????

29
varco74 (Guest) 22-03-2016 01:29

La WADA bandisce il Meldonium alla vigilia delle Olimpiadi perché contrario “allo spirito dello sport”(!); dato che di dietrologie forcaiole se ne fanno fin troppe io lancerei un altro sondaggio:Chi esce peggio dal caso Meldonium? Sharapova o WADA?

28
gik (Guest) 21-03-2016 23:55

il volantino era già stato prima postato da sharapova sul suo profilo ammettendo comunque l’errore (il volantino del portapizza sotto casa mia è più chiaro comunque)…. non capisco dove sia la notizia.
Concordo con ale85… voleva provare il brivido della squalifica? è praticamente andata volontariamente agli AO per farsi beccare e cestinare una carriera con tanto di milioni di euro in sponsor? bah sinceramente qualche dubbio ce lo si pone, visto che se come dice qualcuno avesse uno staff così preparato negli imbrogli avrebbe scelto un qualsiasi altro principio attivo con risultati simili… se deve rischiare tanto vale… mi sembra un’assurdo… forse è il caso di riportare le pubbliche gogne in garage, magari un po’ di cautela nei giudizi e fiducia nelle persone (non sempre mentono) si potrebbe avere…
ps sicuri che nella confezione russa ci sia la scritta meldonium??? non mi risulta

27
a (Guest) 21-03-2016 23:23

Un’unica possibilità: radiazione. Tutto il resto non renderebbe credibile un movimento (che peraltro credibile non è). Quindi temo che se la cavera’ con poco…

26
Fab (Guest) 21-03-2016 22:30

@ utente registratissimo (#1552868)

Concordo al 100%!!

Ma le tue sono solo parole al vento per l’utente medio di livetennis.it ( e non solo!! ) perchè dovresti sapere che hanno fatto il seguente sondaggio:

Maria Sharapova sospesa per doping ! Secondo voi che punizione merita?

Non sapeva e non deve essere squalificata
Sospesa per 6 Mesi
Sospesa per 1 Anno
Sospesa per 2 Anni
Sospesa per 4 Anni

Vuoi sapere i risultati finora a due settmane dall’accaduto?

Eccoli:

Sospesa per 4 Anni (23%, 261 Votes)
Sospesa per 6 Mesi (22%, 253 Votes)
Sospesa per 1 Anno (21%, 237 Votes)
Sospesa per 2 Anni (20%, 224 Votes)
Non sapeva e non deve essere squalificata (14%, 164 Votes)

Total Voters: 1.139

Cioè praticamente su un caso del genere di doping dove la pena di sspensione massima prevista è di quattro anni, ben il 57% ( quasi il 60% ) ossia la maggioranza, ritiene giusto che la sospensione sia addirittura inferiore a metà della massima pena sospensionale prevista!!

Buonismo all’italiana oppure tifo sportivo per la “simpaticona” russo americana portato all’estremo?

Per me buona la seconda, poi fai tu!! :wink:

Ciao! Fabrice

1PS complimenti per il tuo post, poche parole ma ficcanti e calzanti al punto giusto!!

2PS il sondaggio lo trovi a metà homepage di livetennis.it

25
emilio (Guest) 21-03-2016 20:52

Scritto da varco74
E` chiaro che Maria sta coprendo il suo staff, i veri leader fanno cosi, rimane il fatto che debba rispondere, sul piano oggettivo, delle azioni compiute (o meglio, non compiute in questo caso) da chi lavora per lei …

sta coprendo perche quelli possono dire anche altro…lasciamo stare questa vera leader

24
isyde 21-03-2016 19:19

Scritto da Salvo

Scritto da isyde

Scritto da Radames
in Russia questo principio attivo è conosciuto col nome commerciale di Mildronate, un tennista non è obbligato a sapere il nome dei principi attivi di quello che prende, ma il suo staff sì! Se dovessero proibire l’Ibuprofene, voglio vedere quanti utenti sarebbero in grado di capire che si tratta del Moment per il mal di testa, o del Nurofen. Lo staff medico di Maria avrebbe dovuto intervenire!

Scritto da Radames
in Russia questo principio attivo è conosciuto col nome commerciale di Mildronate, un tennista non è obbligato a sapere il nome dei principi attivi di quello che prende, ma il suo staff sì! Se dovessero proibire l’Ibuprofene, voglio vedere quanti utenti sarebbero in grado di capire che si tratta del Moment per il mal di testa, o del Nurofen. Lo staff medico di Maria avrebbe dovuto intervenire!

beh… sulla confezione c’è scritto si ( milldronate )… ma appena sotto è indicato il principio attivo ( meldonium).

In realtà il principio attivo è scritto solo sulla confezione in inglese. Sulla confezione in russo e in lettone il principio attivo non è scritto.

il principio attivo è scritto sulle confezioni, di tutti i farmaci nella faccia della terra ( per legge)

23
Thomas (Guest) 21-03-2016 18:36
22
Ken_Rosewall 21-03-2016 18:18

@ Il Ghiro (#1552885)

sempre il migliore! :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:

21
ale85 (Guest) 21-03-2016 18:18

Se la Sharapova avesse agito con un minimo di furbizia puoi stare certa che ora non stavamo qui a parlarne… Il silent ban, hai fatto bene a parlarne, ma fino a prova contraria non riguarda certo la Sharapova… Per questa voce si prega di rivolgersi ad altri tennisti. Poi che a te Masha stia sulle scatole è un altro paio di maniche… Ma ha più senso dire: mi stava sulle balle già da prima, ora l’hanno trovata col doping e sono contenta per questo, piuttosto che fare i finti intenditori sulla moralità di una persona, oppure condannare a prescindere, senza conoscere tutta la questione.

Scritto da isyde

Scritto da ale85
C’È anche una quarta ipotesi: imbe… di un’atleta che dopo 14 anni di onorata carriera, consapevole di prendere una sostanza dopante, va a disputare gli AO, così…giusto per il gusto di farsi trovare dopata…

Scritto da isyde

Scritto da Radames
in Russia questo principio attivo è conosciuto col nome commerciale di Mildronate, un tennista non è obbligato a sapere il nome dei principi attivi di quello che prende, ma il suo staff sì! Se dovessero proibire l’Ibuprofene, voglio vedere quanti utenti sarebbero in grado di capire che si tratta del Moment per il mal di testa, o del Nurofen. Lo staff medico di Maria avrebbe dovuto intervenire!

Scritto da Radames
in Russia questo principio attivo è conosciuto col nome commerciale di Mildronate, un tennista non è obbligato a sapere il nome dei principi attivi di quello che prende, ma il suo staff sì! Se dovessero proibire l’Ibuprofene, voglio vedere quanti utenti sarebbero in grado di capire che si tratta del Moment per il mal di testa, o del Nurofen. Lo staff medico di Maria avrebbe dovuto intervenire!

beh… sulla confezione c’è scritto si ( milldronate )… ma appena sotto è indicato il principio attivo ( meldonium).
a meno che, il medicinale non gli arrivasse ” sotto mentite spoglie” in flaconcini anonimi.
ci troviamo difronte a due possibilità
la PRIMA: l’atleta si limitava a a farsi iniettare o somministrare il farmaco da un dottore ( consapevole di ciò che gli somministrava)
la SECONDA: l’atleta possedeva le fiale con tanto di confezione cartacea con ” scritto in caratteri cubitali” MILDRONATE meldonium.
ci sarebbe anche una terza possibilità… che entrambi, atleta e dottore, sapessero esattamente cosa stessero utilizzando.

è la fine che fanno tutti i dopati che, prima o poi vengono pizzicati.
si chiama, “sbagliare i calcoli”
tenendo sempre in considerazione quel brutto e squallido vizietto del mondo del tennis
chiamato ” silent ban”

20
Salvo (Guest) 21-03-2016 17:55

Scritto da utente registratissimo
E direi anche che Supertennis potrebbe cancellare, compreso il riferimento nello spot, la puntata della serie “I miti del Foro” dedicata alla Sharapova, ovvero un atleta che sicuramente subirà una squalifica, breve o lunga, per doping. In un ipotetico programma “I miti del Tour de France” ci potremmo inserire una monografia su lance Armstrong? In uno speciale “I miti dell’atletica” vi sarebbe posto per Marion Jones?

Solo se Sharapova avesse vinto gli AO 2016, allora avresti potuto aver ragione.
Ma tutto ciò che ha ottenuto in carriera Sharapova fino al 2016, lo ha ottenuto onestamente, fino a prova contraria.

19
Salvo (Guest) 21-03-2016 17:53

Scritto da isyde

Scritto da Radames
in Russia questo principio attivo è conosciuto col nome commerciale di Mildronate, un tennista non è obbligato a sapere il nome dei principi attivi di quello che prende, ma il suo staff sì! Se dovessero proibire l’Ibuprofene, voglio vedere quanti utenti sarebbero in grado di capire che si tratta del Moment per il mal di testa, o del Nurofen. Lo staff medico di Maria avrebbe dovuto intervenire!

Scritto da Radames
in Russia questo principio attivo è conosciuto col nome commerciale di Mildronate, un tennista non è obbligato a sapere il nome dei principi attivi di quello che prende, ma il suo staff sì! Se dovessero proibire l’Ibuprofene, voglio vedere quanti utenti sarebbero in grado di capire che si tratta del Moment per il mal di testa, o del Nurofen. Lo staff medico di Maria avrebbe dovuto intervenire!

beh… sulla confezione c’è scritto si ( milldronate )… ma appena sotto è indicato il principio attivo ( meldonium).

In realtà il principio attivo è scritto solo sulla confezione in inglese. Sulla confezione in russo e in lettone il principio attivo non è scritto.

18
isyde 21-03-2016 17:19

Scritto da ale85
C’È anche una quarta ipotesi: imbe… di un’atleta che dopo 14 anni di onorata carriera, consapevole di prendere una sostanza dopante, va a disputare gli AO, così…giusto per il gusto di farsi trovare dopata…

Scritto da isyde

Scritto da Radames
in Russia questo principio attivo è conosciuto col nome commerciale di Mildronate, un tennista non è obbligato a sapere il nome dei principi attivi di quello che prende, ma il suo staff sì! Se dovessero proibire l’Ibuprofene, voglio vedere quanti utenti sarebbero in grado di capire che si tratta del Moment per il mal di testa, o del Nurofen. Lo staff medico di Maria avrebbe dovuto intervenire!

Scritto da Radames
in Russia questo principio attivo è conosciuto col nome commerciale di Mildronate, un tennista non è obbligato a sapere il nome dei principi attivi di quello che prende, ma il suo staff sì! Se dovessero proibire l’Ibuprofene, voglio vedere quanti utenti sarebbero in grado di capire che si tratta del Moment per il mal di testa, o del Nurofen. Lo staff medico di Maria avrebbe dovuto intervenire!

beh… sulla confezione c’è scritto si ( milldronate )… ma appena sotto è indicato il principio attivo ( meldonium).
a meno che, il medicinale non gli arrivasse ” sotto mentite spoglie” in flaconcini anonimi.
ci troviamo difronte a due possibilità
la PRIMA: l’atleta si limitava a a farsi iniettare o somministrare il farmaco da un dottore ( consapevole di ciò che gli somministrava)
la SECONDA: l’atleta possedeva le fiale con tanto di confezione cartacea con ” scritto in caratteri cubitali” MILDRONATE meldonium.
ci sarebbe anche una terza possibilità… che entrambi, atleta e dottore, sapessero esattamente cosa stessero utilizzando.

è la fine che fanno tutti i dopati che, prima o poi vengono pizzicati.
si chiama, “sbagliare i calcoli”
tenendo sempre in considerazione quel brutto e squallido vizietto del mondo del tennis
chiamato ” silent ban”

17
ale85 (Guest) 21-03-2016 16:56

Ti sfugge un piccolo particolare, Maria quando ha utilizzato la sostanza dopante non ha vinto alcun torneo. Inutile metterla sul fatto etico, la sostanza fino a dicembre 2015 era più che legale. Mi risulta che Amstrong e la Jones si fossero dopati a bomba per tutta la loro carriera agonistica. Quindi il paragone non regge nonostante tu faccia il possibile per dimostrare il contrario…

Scritto da utente registratissimo
E direi anche che Supertennis potrebbe cancellare, compreso il riferimento nello spot, la puntata della serie “I miti del Foro” dedicata alla Sharapova, ovvero un atleta che sicuramente subirà una squalifica, breve o lunga, per doping. In un ipotetico programma “I miti del Tour de France” ci potremmo inserire una monografia su lance Armstrong? In uno speciale “I miti dell’atletica” vi sarebbe posto per Marion Jones?

16
Il Ghiro (Guest) 21-03-2016 16:40

Scritto da utente registratissimo
Sul caso Sharapova insiste una vera e propria ipertrofia di notizie.
Utilizziamo un bel rasoio fabbricato dalla premiata fabbrica Guglielmo d’Ockam:
1) L’assunzione di un farmaco senza alcuna ragione terapeutica per assenza di patologia rappresenta una condotta non etica.
2) L’assunzione di un farmaco, inserito nella lista dei medicinali dopanti, senza previa dichiarazione e giustificazione terapeutica rappresenta condotta illecita.
3) Pare certo che la Sharapova, esistente o meno la patologia per la quale si sarebbe reso necessario il Meldonium, non abbia mai dichiarato l’assunzione del farmaco.
4) Questo iter si sarebbe protratto per dieci anni.
5) Una persona che assume lo stesso farmaco per dieci anni non conosce il nome del principio attivo.
Fate voi…

Vedi, il tuo ragionamento sarebbe anche giusto, se non fosse che tutto parte da una premessa sbagliatissima.
I fatti:
hanno preso al pipi’ di Maria e l’hanno analizzata, trovando il farmaco M.

Ora, io non arrivo a chiedermi se quella di Maria fosse una pioggia dorata, come si interrogava il sommo Clerici su La Repubblica, però un’osservazione la devo fare.
In una società civile ed evoluta la pipi’ della Sharapova sarebbe dovuta essere conservata in pissidi di vetro in un museo o, al peggio, in un caveau.

Non doveva in nessun modo essere data in pasto a topi da laboratorio come il prodotto di un Canas o di un Puerta qualunque.
Da questo gesto sconsiderato partono le tue premesse.

Purtroppo la vicenda dell’antidoping della Divina mi mette sempre un po’ di tristezza.

15
utente registratissimo (Guest) 21-03-2016 16:32

E direi anche che Supertennis potrebbe cancellare, compreso il riferimento nello spot, la puntata della serie “I miti del Foro” dedicata alla Sharapova, ovvero un atleta che sicuramente subirà una squalifica, breve o lunga, per doping. In un ipotetico programma “I miti del Tour de France” ci potremmo inserire una monografia su lance Armstrong? In uno speciale “I miti dell’atletica” vi sarebbe posto per Marion Jones?

14
ale85 (Guest) 21-03-2016 16:31

C’È anche una quarta ipotesi: imbe… di un’atleta che dopo 14 anni di onorata carriera, consapevole di prendere una sostanza dopante, va a disputare gli AO, così…giusto per il gusto di farsi trovare dopata…

Scritto da isyde

Scritto da Radames
in Russia questo principio attivo è conosciuto col nome commerciale di Mildronate, un tennista non è obbligato a sapere il nome dei principi attivi di quello che prende, ma il suo staff sì! Se dovessero proibire l’Ibuprofene, voglio vedere quanti utenti sarebbero in grado di capire che si tratta del Moment per il mal di testa, o del Nurofen. Lo staff medico di Maria avrebbe dovuto intervenire!

Scritto da Radames
in Russia questo principio attivo è conosciuto col nome commerciale di Mildronate, un tennista non è obbligato a sapere il nome dei principi attivi di quello che prende, ma il suo staff sì! Se dovessero proibire l’Ibuprofene, voglio vedere quanti utenti sarebbero in grado di capire che si tratta del Moment per il mal di testa, o del Nurofen. Lo staff medico di Maria avrebbe dovuto intervenire!

beh… sulla confezione c’è scritto si ( milldronate )… ma appena sotto è indicato il principio attivo ( meldonium).
a meno che, il medicinale non gli arrivasse ” sotto mentite spoglie” in flaconcini anonimi.
ci troviamo difronte a due possibilità
la PRIMA: l’atleta si limitava a a farsi iniettare o somministrare il farmaco da un dottore ( consapevole di ciò che gli somministrava)
la SECONDA: l’atleta possedeva le fiale con tanto di confezione cartacea con ” scritto in caratteri cubitali” MILDRONATE meldonium.
ci sarebbe anche una terza possibilità… che entrambi, atleta e dottore, sapessero esattamente cosa stessero utilizzando.

13
ale85 (Guest) 21-03-2016 16:28

Per la terza ipotesi, il pare certo mi sembra azzardato, dal momento che la prescrizione medica prevede che tu lo inserisca tra i farmaci… Anzi io ho ben udito che queste documentazioni ci sono ma è ovvio che essendoci un processo in atto nessuno può dare notizie certe, per ora.

Scritto da utente registratissimo
Sul caso Sharapova insiste una vera e propria ipertrofia di notizie.
Utilizziamo un bel rasoio fabbricato dalla premiata fabbrica Guglielmo d’Ockam:
1) L’assunzione di un farmaco senza alcuna ragione terapeutica per assenza di patologia rappresenta una condotta non etica.
2) L’assunzione di un farmaco, inserito nella lista dei medicinali dopanti, senza previa dichiarazione e giustificazione terapeutica rappresenta condotta illecita.
3) Pare certo che la Sharapova, esistente o meno la patologia per la quale si sarebbe reso necessario il Meldonium, non abbia mai dichiarato l’assunzione del farmaco.
4) Questo iter si sarebbe protratto per dieci anni.
5) Una persona che assume lo stesso farmaco per dieci anni non conosce il nome del principio attivo.
Fate voi…

12
Alby73 (Guest) 21-03-2016 16:18

Insomma, ma quanto gli hanno dato di stop???

11
isyde 21-03-2016 16:17

Scritto da Radames
in Russia questo principio attivo è conosciuto col nome commerciale di Mildronate, un tennista non è obbligato a sapere il nome dei principi attivi di quello che prende, ma il suo staff sì! Se dovessero proibire l’Ibuprofene, voglio vedere quanti utenti sarebbero in grado di capire che si tratta del Moment per il mal di testa, o del Nurofen. Lo staff medico di Maria avrebbe dovuto intervenire!

Scritto da Radames
in Russia questo principio attivo è conosciuto col nome commerciale di Mildronate, un tennista non è obbligato a sapere il nome dei principi attivi di quello che prende, ma il suo staff sì! Se dovessero proibire l’Ibuprofene, voglio vedere quanti utenti sarebbero in grado di capire che si tratta del Moment per il mal di testa, o del Nurofen. Lo staff medico di Maria avrebbe dovuto intervenire!

beh… sulla confezione c’è scritto si ( milldronate )… ma appena sotto è indicato il principio attivo ( meldonium).
a meno che, il medicinale non gli arrivasse ” sotto mentite spoglie” in flaconcini anonimi.
ci troviamo difronte a due possibilità
la PRIMA: l’atleta si limitava a a farsi iniettare o somministrare il farmaco da un dottore ( consapevole di ciò che gli somministrava)
la SECONDA: l’atleta possedeva le fiale con tanto di confezione cartacea con ” scritto in caratteri cubitali” MILDRONATE meldonium.
ci sarebbe anche una terza possibilità… che entrambi, atleta e dottore, sapessero esattamente cosa stessero utilizzando.

10
utente registratissimo (Guest) 21-03-2016 16:14

Sul caso Sharapova insiste una vera e propria ipertrofia di notizie.
Utilizziamo un bel rasoio fabbricato dalla premiata fabbrica Guglielmo d’Ockam:
1) L’assunzione di un farmaco senza alcuna ragione terapeutica per assenza di patologia rappresenta una condotta non etica.
2) L’assunzione di un farmaco, inserito nella lista dei medicinali dopanti, senza previa dichiarazione e giustificazione terapeutica rappresenta condotta illecita.
3) Pare certo che la Sharapova, esistente o meno la patologia per la quale si sarebbe reso necessario il Meldonium, non abbia mai dichiarato l’assunzione del farmaco.
4) Questo iter si sarebbe protratto per dieci anni.
5) Una persona che assume lo stesso farmaco per dieci anni non conosce il nome del principio attivo.
Fate voi…

9
ale85 (Guest) 21-03-2016 16:07

Ragazzi non vivete con Maria e quindi non sapete se qualche testa è già stata tagliata…di certo non poteva dirlo in conferenza stampa, scusatemi. Seconda cosa, non so, in questo momento, quanto sia conveniente per lei licenziare qualcuno del suo staff!!!

Scritto da pallecorte
Questa difesa ad oltranza è patetica e veramente sconfortante. Mi fa dubitare delle capacità cognitive di che le porta avanti. La Sharapova ha un suo staff, tra cui i medici che la seguono. Sono loro che dovevano avvertirla. Se non cade qualche testa non è credibile…

8
pallecorte (Guest) 21-03-2016 16:00

Questa difesa ad oltranza è patetica e veramente sconfortante. Mi fa dubitare delle capacità cognitive di che le porta avanti. La Sharapova ha un suo staff, tra cui i medici che la seguono. Sono loro che dovevano avvertirla. Se non cade qualche testa non è credibile…

7
Salvo (Guest) 21-03-2016 15:57

Scritto da Radames
in Russia questo principio attivo è conosciuto col nome commerciale di Mildronate, un tennista non è obbligato a sapere il nome dei principi attivi di quello che prende, ma il suo staff sì! Se dovessero proibire l’Ibuprofene, voglio vedere quanti utenti sarebbero in grado di capire che si tratta del Moment per il mal di testa, o del Nurofen. Lo staff medico di Maria avrebbe dovuto intervenire!

6
varco74 (Guest) 21-03-2016 15:50

E` chiaro che Maria sta coprendo il suo staff, i veri leader fanno cosi, rimane il fatto che debba rispondere, sul piano oggettivo, delle azioni compiute (o meglio, non compiute in questo caso) da chi lavora per lei …

5
ale85 (Guest) 21-03-2016 15:39

Lo credo anche io…

Scritto da Radames
in Russia questo principio attivo è conosciuto col nome commerciale di Mildronate, un tennista non è obbligato a sapere il nome dei principi attivi di quello che prende, ma il suo staff sì! Se dovessero proibire l’Ibuprofene, voglio vedere quanti utenti sarebbero in grado di capire che si tratta del Moment per il mal di testa, o del Nurofen. Lo staff medico di Maria avrebbe dovuto intervenire!

4
Radames 21-03-2016 15:32

in Russia questo principio attivo è conosciuto col nome commerciale di Mildronate, un tennista non è obbligato a sapere il nome dei principi attivi di quello che prende, ma il suo staff sì! Se dovessero proibire l’Ibuprofene, voglio vedere quanti utenti sarebbero in grado di capire che si tratta del Moment per il mal di testa, o del Nurofen. Lo staff medico di Maria avrebbe dovuto intervenire!

3
LiveTennis.it Staff 21-03-2016 15:18

@ ale85 (#1552827)

Sono diverse mail che sono state inviate. Maria ha detto anche su Face che le era arrivato anche un modulo cartaceo (dovrebbe essere questo) che era confusionario e non immediato (cosa vera).

Un caro saluto.

2
ale85 (Guest) 21-03-2016 15:14

Un attimo le cose non sono proprio così… La Sharapova ha detto di non aver letto l’email e di prendere questa sostanza sotto il nome di Mildronante… Che ha sbagliato ok, però non mettiamole in bocca anche cose che magari ha spiegato in maniera diversa, altrimenti da questa storia non se ne esce più…

1

Lascia un commento