Successo di Serena Copertina, WTA

WTA Premier Roma: Serena Williams soffre ma supera Madison Keys, è il suo quarto titolo agli Internazionali BNL d’Italia

15/05/2016 15:58 31 commenti
Serena Williams classe 1981, n.1 del mondo - Foto Antonio Fraioli
Serena Williams classe 1981, n.1 del mondo - Foto Antonio Fraioli

Serena è tornata. Sotto un cielo grigio e minaccioso, la n.1 del mondo supera in due set una combattiva Madison Keys, vincendo il suo 70esimo torneo in carriera e quarto titolo degli Internazionali BNL d’Italia. 1h e 24 minuti di buon tennis, un match “anomalo” per due ragazze, dominato dai servizi, da strappi di grande qualità ed intensità, ma anche pochi scambi e qualche errore di troppo. Del resto le due giocatrici hanno portato in campo le loro qualità, giocando a specchio: grande spinta in tutti i colpi, nessuna fase interlocutoria, cercando di imporre immediatamente la propria potenza ed i propri angoli. Difficile con queste premesse vedere un match basano su palleggi e fasi tattiche. La prima che riusciva a prendere l’iniziativa forzando finiva per vincere il punto, o portare l’avversaria all’errore. C’è riuscita maggiormente Serena, più fredda e precisa nel tiebreak del primo set, e soprattutto all’avvio del secondo, quando la partita si è spaccata definitivamente. Madison non ha mollato mai, è rientrata nel finale, ma non è riuscita a riprendere la n.1, capace di far valere in campo la sua presenza ed il suo killer instinct da campionessa. La partita è stata a tratti gradevole, anche se in poche fasi (la parte finale del primo set) entrambe hanno giocato bene nello stesso momento. Serena ha confermato di essere in ripresa sul piano fisico e tecnico, anche se ha stentato molto a “mettersi in moto” all’avvio, quando sulle bordate potenti e precise di Madison i suoi piedi faticavano a scattare e contenere. Una volta entrata in partita il servizio l’ha aiutata molto, ed anche il rovescio è stato meno esplosivo ma preciso in contenimento. Keys ha confermato tutto il suo potenziale, di essere piuttosto pronta a vincere un grandissimo torneo, ma deve migliorare nella intensità, e nella capacità di tenere il picco di prestazione più a lungo. Quando tutto gli è girato bene è stata incontenibile; ma è bastato un game funestato da qualche folata di vento intenso a farle perdere ritmo al servizio e fiducia nella sua spinta. Tuttavia è stata anche brava a non mollare mai, credendoci anche quando Serena ha ritrovato il suo miglior tennis. Oggi Madison ha perso, ma è stato un altro passo in avanti verso il definitivo salto di qualità. Ecco la cronaca della finale.

 

Serena inizia al servizio, ma è Madison che si accende immediatamente con risposte violente e precise. Un paio di “sassate” la fanno volare 0-40, tre palle break. Malissimo la n.1, che affossa un dritto di scambio, molto lenta con i piedi, e perde il servizio. 1-0 Keys. Arriva il primo 15 della Williams, con una risposta aggressiva di rovescio. Madison non si scompone: 3 Ace di fila! Sale 2-0, sembra estremamente focalizzata, tranquilla, sicura dei propri mezzi, la sua racchetta corre velocissima nell’aria. Serena torna al servizio, ma la prima non le porta punti facili. Arrivano i primi errori di Keys, a 15 Williams muove il punteggio, 2-1 e cambia racchetta al cambio di campo, alzandosi dalla sedia con uno sguardo dei suoi, di quelli che fanno prevedere “tempesta” per l’avversaria… Infatti entra immediatamente e spacca lo scambio. Però Madison ingrana il pilota automatico con la prima, ancora tre Ace. 3-1 Keys. Williams prova a reagire, ad attivarsi, ad aggrapparsi alla sua prima; però appena è costretta a colpire in movimento è poco precisa e subisce il forcing micidiale della giovane connazionale. Salva il turno di servizio, salendo 3-2.

Sesto gioco, finalmente si scambia dopo 20 minuti di tennis estremamente rarefatto. Col dritto Madison è molto precisa, non fa fatica ad entrare sulle palle di Serena anticipandole molto bene con i piedi, e la prima continua a mordere. Si alza il vento improvvisamente, tanto che Keys commette un paio di doppi falli (uno di metri…), per la prima volta si arriva ai vantaggi. La prima non entra più, Serena in risposta è due metri in campo e colpisce con tutta la forza e rabbia del momento. Strappa la prima palla break del match, ed il break arriva con un dritto steccato da Madison. 3 pari, la partita in un amen è girata, perché Serena magicamente ritrova la prima di servizio, i suoi piedi sono meno lenti, il suo dritto scarica palle lunghe, precise, ed anche il rovescio inizia ad ingranare. 4-3 Williams.

Keys alla battuta, ma gli Ace dell’avvio sono un lontano ricordo, deve lavorare con i colpi da fondo per arginare l’aggressività di Serena, ora pienamente in partita. E’ brava a contenere l’esuberanza dei drive della n.1, rischiando di meno e colpendo centrale. La tattica funziona, 4 pari. Madison pressa con botte assai lunghe, Serena risponde da campionessa, incluso un tocco di rovescio slice magnifico. E’ un tennis molto offensivo, balisticamente notevole, in cui la prima che prende il rischio vince il punto. Serena sale 5-4, ora tutta la pressione è su Madison, ma la regge bene. L’Ace non arriva, ma il dritto è preciso, e rallenta qualche drive alzando la parabola per allontanare la rivale dalla riga di fondo. La tattica funziona, 5 pari. Williams ha preso ritmo al servizio, in sicurezza vola 6-5. Al contrario la prima di Madison è scomparsa, e Serena mette grande pressione ma non basta, è tiebreak. Madison trova una bella risposta lungo linea, strappando il primo punto sulla seconda di Serena. Reazione di Serena, che con umiltà contiene e porta la connazionale all’errore, e poi spinge trovando una riga perfetta. 2-1 per la n.1, e poi 3-1. Grande risposta di Madison, un tracciante in cross ingestibile, per il 2-3. Segue un lob maligno della Williams, che Keys gestisce male di volo, 4-2 e poi 5-3 Williams. Il nono punto è il più bello del match, chiuso da un dritto in corsa spettacolare della giovane americana, che le vale il 4-5. Sull’esaltazione del momento ritrova l’Ace, che mancava da molto, per il 5 pari. Serena però è lì, pronta a dare la zampata della campionessa, quella che non trema mai nei momenti chiave. Trova una risposta splendida che la vale il 6-5 e set point e chiude con una prima potente e precisa. 7-5 Williams, in un primo set molto interessante e complessivamente ben giocato, deciso da una manciata di situazioni.

Secondo set, Keys alla battuta. Il tiebreak perso al fotofinish non sembra averla scossa più di tanto, continua a spingere con intensità, ma sul 30 pari Serena consegna una risposta incredibile in cross, violenta, imprendibile. Palla break all’avvio, che la n.1 trasforma rincorrendo con enorme umiltà una smorzata e toccando con classe ed un pizzico di fortuna. Break Williams, 1-0, che sull’inerzia positiva del momento trova Ace, rovesci precisi, dritti devastanti dal centro. Allunga sul 2-0, mentre la prima di Madison scompare di nuovo. Un parziale 12 punti a 3 per la n.1 è la miglior fotografia del momento. Keys sotto 0-30 intuisce che deve mollare tutto, prendersi il massimo rischio. Con un paio di schiaffoni di dritto notevoli risale 30 pari, si va ai vantaggi. Williams è pronta ad entrare in campo, alza la parabola, sposta Madison che fuori equilibrio sbaglia un paio di esecuzioni, forzando troppo. Altro break per Serena, 3-0. Quando la partita pareva di fatto archiviata, arriva improvviso un black out della n.1 che cede di schianto la battuta a zero, di fatto senza giocare, solo errori. 3-1 Williams. Madison si riaccende, ritrova l’Ace (che mancava da molto), ritrova sicurezza nella spinta col dritto. 8 punti di fila per Madison, si rimette in partita sul 2-3. Il cambio di campo riporta in partita Serena, bravissima a rallentare i tempi di gioco, riprendendo il filo del suo tennis. Buone prime, seconde molto lunghe e piedi sulla riga di fondo, comandando lo scambio. Anche qualche errore, ma a 15 tiene il servizio, salendo 4-2, soprattutto respingendo l’assalto della rivale. Madison inizia male il settimo gioco, con due errori di dritto banali, ancor più in un momento così critico del match. La prima è scomparsa di nuovo, e Serena è molto attenta a non sbagliare in difesa, con palla alta, lenta, molto lunga. 0-40, tre palle break che sono dei mini match point… Trasforma la seconda chance, con un erorre in spinta della Keys. 5-2 Williams, ad un passo dall’ennesimo titolo a Roma. Madison rischia tutto alla risposta, tentando l’ultimo disperato assalto. Vola 0-30 e 15-40, procurandosi due chance per rientrare in partita. L’ennesima risposta ben centrata le vale il break, 3-5, la partita è ancora viva. Entrambe spingono a tutta, soprattutto Serena che sul 30 pari tira l’ennesimo drittone potente. 30-40 e match point Williams. Risponde cross la n.1, forte e preciso, il rovescio della giovane yankee termina lungo, game set match Williams. Una vittoria meritata, ma anche sofferta. E’ il primo titolo per Serena dall’estate scorsa, il primo dopo la sconfitta choc patita a US Open da Roby Vinci, quel match che le ha tagliato il sogno Grande Slam e molto di più. Una vittoria che arriva forse nel momento migliore possibile, con il titolo a Parigi da difendere e con l’estate ormai alle porte. Una vittoria che potrebbe restituire al tour rosa una Serena più sicura, forte e dominante. Tutte le avversarie sono avvertite.

 

Marco Mazzoni

@marcomazz




La partita punto per punto

WTA Rome
Serena Williams [1]
7
6
Madison Keys
6
3
Vincitore: S. WILLIAMS

S. Williams USA – M. Keys USA
01:24:02
4 Aces 7
2 Double Faults 3
57% 1st Serve % 60%
21/32 (66%) 1st Serve Points Won 25/44 (57%)
11/24 (46%) 2nd Serve Points Won 12/29 (41%)
0/3 (0%) Break Points Saved 1/6 (17%)
10 Service Games Played 11
19/44 (43%) 1st Return Points Won 11/32 (34%)
17/29 (59%) 2nd Return Points Won 13/24 (54%)
5/6 (83%) Break Points Won 3/3 (100%)
11 Return Games Played 10
32/56 (57%) Total Service Points Won 37/73 (51%)
36/73 (49%) Total Return Points Won 24/56 (43%)
68/129 (53%) Total Points Won 61/129 (47%)

1 Ranking 24
34 Age 21
Saginaw, MI, USA Birthplace Rock Island, IL, USA
Palm Beach Gardens, FL, USA Residence Boca Raton, FL, USA
5′ 9″ (1.75 m) Height 5′ 10″ (1.78 m)
155 lbs. (70 kg) Weight 145 lbs. (66 kg)
Right-Handed Plays Right-Handed
Pro (September 1995) Turned Pro Pro (February 17, 2009)
13/3 Year to Date Win/Loss 9/5
0 Year to Date Titles 0
69 Career Titles 1
$75,929,696 Career Prize Money $3,308,158


TAG: , , , ,

31 commenti. Lasciane uno!

robsa (Guest) 16-05-2016 08:56

@ Alfonso (#1600703)
sono assolutamente d’accordo. Spero se ne vada presto, visto i soldi che ha messo da parte e lasci campo libero alle belle e brave ragazze che ridarebbero lustro al tennis femminile. Inoltre penso sempre che dovrebbe giocare con gli uomini!!!!!

31
robsa (Guest) 16-05-2016 08:54

Scritto da Alfonso
Serena non la tiferò mai nemmeno io. Grande, sostanzialmente per la potenza e il carattere, per il resto è quella che sta condizionando e inibendo il tennis femminile da molti anni. Praticamente le altre colleghe nei grandi tornei puntano agli altro posti come se la vincitrice è scontato che sia lei… se questo non è una degenerazione…..

30
pablox 16-05-2016 08:05

Commento più elaborato: Nell’articolo si dice che “sono bastate delle folate di vento per rendere meno sicura la Keys”. Vero ma anche falso. In realtà non è che la Keys sia uscita dalla partita lì. NOn è mai uscita, in realtà. Ha sempre lottato punto a punto.Se a Parigi si reincontrassero e no ci fossero folate di vento come andrebbe a finire? Teniamo presente che era la prima finale importante per la Keys, che aveva dovuto battere fior di giocatrici, dalla Kvitova alla Mugu passando per la Bazcinsky. LA williams dal canto suo non poteva trovare tabellone più facile. Se un’italiana arrivasse in SF in un grande evento e si trovasse la Begu di fronte non la considerereste fortunata? figuriamoci la Williams. Serena non vinceva dal torneo di Toronto 17 agosto 2015, quindi ben 9 mesi fa, direi che la sua vittoria era di default,anche per i vari infortuni etc delle concorrenti più accreditate: quindi come non era morta prima non la considero risorta adesso per aver vinto un torneo importante, ma di certo non fra i più importanti. Per il Roland Garros io penso che la Azarenka, la la Keys, la Halep (che vi assicuro non è in crisi) e la stessa Keys possono dire la loro, oltre a Serena ovviamente. La Kerber no, per il semplice motivo che non è giocatrice da terra open. Stoccarda è un discorso a parte, si gioca al chiuso ed in Germania. Siamo in un momento di grande ricambio nel tennis femminile, ci sono ancora 3 prove dello Slam, con la bellezza di 6000 punti per chi dovesse vincerle. E Serena difende 4000 punti al RG e Wimbledon.. Vedretre che dopo Wimbledon la classifica sarà rivoluzionata, e ancor più dopo USO 2016 ed i grandi tornei americani…

29
pablox 16-05-2016 06:54

Brava Madison sei una campionessa, al RG sarai fra le favorite!

28
Donatela (Guest) 15-05-2016 22:12

BRAVO SERENA!!!!

27
Gaz (Guest) 15-05-2016 21:22

@ Alby73 (#1600748)

Ovvio tutti i dati vengono considerati e valutati al di la’ di numeri statici di facciata,quota lasciata liberamente altissima,chi la giocherebbe?, tanto le percentuali che vinca lo slam sono vicine allo zero,le casse delle agenzie sono al sicuro.

26
Luca96 15-05-2016 21:05

Serena si è finalmente sbloccata in questo 2016 con un torneo giocato al massimo e con una grande determinazione:la favorita del RG è lei perchè l’Azarenka ha qualche problema fisico…vedremo tra una settimana che succederà 😉

25
Alby73 (Guest) 15-05-2016 20:58

Scritto da Gaz

Scritto da Luca Supporter Del Tennis Italiano
Vincerà anche al Roland Garros anche perchè la Azarenka non sta benissimo e la Kerber non è attualmente nelle condizioni di impensierirla visto la prestazione di Roma con la Bouchard!

Dopo Roma e’ precipitata la quota della Azarenka per i Bookmakers.
Williams 3,25
Azarenka e Halep 7,00
Muguruza 11,00
Kerber 15,00
Kvitova 28,00
Basincszky e Navarro 33,00
Keys,Radwanska e safarova 40,00
Stephens e Kuznetsova 50,00
Ivanovic e Bouchard 66,00
Bencic,Svitolina,Pliskova e Cibulkova a 80,00
Errani, Konta e Makarova 100,00 e Vinci a 125,00
La numero 7 al mondo nemmeno considerata tra le prime 22

Perchè i bookmakers sanno che la numero 7 del mondo non sta passando un buon momento.

24
Luciano.N94 15-05-2016 20:57

Scritto da Gaz
Oggi comunque non un gran match,la Keys aveva iniziato bene poi si e’ disunita anche per il peso della posta in palio,la Williams discreta,molti errori,ha amministrato,certamente ha dato il meglio di sé contro la Kuznetsova visto che l’aveva battuta di recente.
Non oso pensare cosa possa capitare alla Vinci,colei che le ha tolto il grande slam quando la rincontrera’,se la rincontrera’.

E’ già tanto che quando si sono viste in un ristorante a Melbourne,non le abbia prese 😆 .

23
Alby73 (Guest) 15-05-2016 20:56

Scritto da Ale
Non sono un fan della Williams ma sono contento per lei!
Chissa’ come sarebbe stata una finale con la Muguruza…

La Williams avrebbe vinto ancora più nettamente.

22
Gaz (Guest) 15-05-2016 20:51

Scritto da Luca Supporter Del Tennis Italiano
Vincerà anche al Roland Garros anche perchè la Azarenka non sta benissimo e la Kerber non è attualmente nelle condizioni di impensierirla visto la prestazione di Roma con la Bouchard!

Dopo Roma e’ precipitata la quota della Azarenka per i Bookmakers.
Williams 3,25
Azarenka e Halep 7,00
Muguruza 11,00
Kerber 15,00
Kvitova 28,00
Basincszky e Navarro 33,00
Keys,Radwanska e safarova 40,00
Stephens e Kuznetsova 50,00
Ivanovic e Bouchard 66,00
Bencic,Svitolina,Pliskova e Cibulkova a 80,00
Errani, Konta e Makarova 100,00 e Vinci a 125,00

La numero 7 al mondo nemmeno considerata tra le prime 22

21
Luca Supporter Del Tennis Italiano (Guest) 15-05-2016 20:27

Vincerà anche al Roland Garros anche perchè la Azarenka non sta benissimo e la Kerber non è attualmente nelle condizioni di impensierirla visto la prestazione di Roma con la Bouchard!

20
anto13.08.2001 15-05-2016 20:24

@ fabio (#1600619)

di sempre direi…

19
anto13.08.2001 15-05-2016 20:23

@ Gaz (#1600538)

infatti ahahahahah

18
Alfonso (Guest) 15-05-2016 19:42

Serena non la tiferò mai nemmeno io. Grande, sostanzialmente per la potenza e il carattere, per il resto è quella che sta condizionando e inibendo il tennis femminile da molti anni. Praticamente le altre colleghe nei grandi tornei puntano agli altro posti come se la vincitrice è scontato che sia lei… se questo non è una degenerazione…..

17
brizz 15-05-2016 18:51

grandioso andy 🙂

16
giuseppespartano (Guest) 15-05-2016 18:45

wow che brava! auguri. ancora la numero uno attuale. 😆

15
fabio (Guest) 15-05-2016 18:15

Può non piacere,ma è la più grande degli ultimi 20 anni.Parlano i successi per lei

14
I love tennis (Guest) 15-05-2016 18:05

@ I love tennis (#1600615)

*Fate

13
I love tennis (Guest) 15-05-2016 18:05

@ Leo (#1600570)

@ Tiziano p (#1600581)
Si si farà finta di non sapere perche’ viene criticata, che sia costante e la migliore non lo mette in dubbio nessuno.

12
Federica (Guest) 15-05-2016 17:16

Ragazzi come si chiamano quelli del team di oggi di Serena?

11
Tiziano p (Guest) 15-05-2016 17:10

La migliore è tornata…o meglio non è mai scappata..era solo in letargo….adesso che si è sbloccata mentalmente voglio proprio vedere….anche perché da dietro a parte azarenka c è poco niente per ora….per quanto la si critichi rimane la migliore fuori e dentro il campo…applaude spesso le sue colleghe…risulterà antipatica quando si arrabbia e lamenta…Ma anche quando giocano Vinci Errani….Non mi sembrano tranquillissime soprattutto quando si legge il labbiale di Roberta…

10
Leo (Guest) 15-05-2016 16:54

Serena non so perchè viene sempre criticata ma rimane la più forte e costante tennista di tutti i tempi. Brava Roma per la quarta volta !!!

9
Gaz (Guest) 15-05-2016 16:42

Oggi comunque non un gran match,la Keys aveva iniziato bene poi si e’ disunita anche per il peso della posta in palio,la Williams discreta,molti errori,ha amministrato,certamente ha dato il meglio di sé contro la Kuznetsova visto che l’aveva battuta di recente.
Non oso pensare cosa possa capitare alla Vinci,colei che le ha tolto il grande slam quando la rincontrera’,se la rincontrera’.

8
I love tennis (Guest) 15-05-2016 16:35

@ Mrs Nobody (#1600544)

Fuori dal campo sicuramente ma dentro non sempre lo e’. In ogni caso onore a lei, grande vincitrice e una delle piu’ forti dell’era Open, e io non la tifero’ mai.

7
Mrs Nobody 15-05-2016 16:05

Non pensavo che un giorno l’avrei mai detto, ma Serena è davvero simpatica! Bello anche il saluto finale.

6
Luigi (Guest) 15-05-2016 16:05

Perché non ha premiato Serena la Vinci ?

5
Ale (Guest) 15-05-2016 15:59

Non sono un fan della Williams ma sono contento per lei!

Chissa’ come sarebbe stata una finale con la Muguruza…

4
Dac (Guest) 15-05-2016 15:57

Poco da dire e’ancora la piu’ forte.Certo il livello e’quello che e’.grazie anche agli infortuni.pero che professionista.

3
Gaz (Guest) 15-05-2016 15:54

Scritto da radar
Avviso alle naviganti in vista di Parigi: se mai ce ne fosse stato bisogno…

Sentendo di come si cominciava gia’a parlare di Serena in questi ultimi mesi bisogna allora pensare che Roma ha avuto una vincitrice outsider. 😆

2
radar 15-05-2016 15:45

Avviso alle naviganti in vista di Parigi: se mai ce ne fosse stato bisogno…

1