Diario da Montreal ATP, Copertina

Diario da Montreal (Day 4)

12/08/2015 09:41 5 commenti
Diario da Montreal (Day 4)
Diario da Montreal (Day 4)

Quando mi sono svegliato, ho pensato: guarda te se oggi non riesco a vedere manco un incontro. C’era veramente il diluvio, ma per fortuna dopo un’oretta ha smesso, ed anche oggi mi sono goduto una giornata di bel tennis. Un Grazie ad AndryReax

Sono arrivato con Dolgopolov e Dimitrov che erano alla fine del primo set, ho visto sul maxischermo il set point del bulgaro, e poi sono andato al campo5 dove c’era Goffin che stava per chiudere contro Johnson. Ho visto gli ultimi 3 games, sul primo match point del belga c’è stata una svista abbastanza incredibile di arbitro e giudice di linea, che han dato per buona una palla fuori di 3 centimetri netti, con Goffin che, nonostante stesse 6-2 5-2, è andato su tutte le furie, ma aveva sicuramente ragione. Per fortuna, 4 punti più tardi, è riuscito a chiudere lo stesso il match, polemizzando però di nuovo con l’arbitro. Domani altro bombardiere, anche un po’ più forte, come Sam Querrey, ma credo che David possa spuntarla.

Poi mi sono seduto sul National Bank Court e mi son messo a guardare un po’ di Dolgopolov-Dimitrov, senza dubbio bel match, ma un po’ sotto le mie aspettative. Grigor era abbastanza sottotono, e fino a quando la luce di Dolgopolov è rimasta accesa, non poteva far altro che subire, ma poi, come accade purtroppo spesso al talentuoso ucraino, si è fulminata la lampadina e dal 5-3 ha regalato 4 games di fila, e anche il match a Grigor, che però deve salire di livello se vuole battere Sock domani e regalarsi gli ottavi con Nole. Dopo la fine del match sono andato a vedere le fasi finali di Sock-Mannarino, tra i due giocatori l’aria era parecchio tesa, causa qualche esultanza di troppo su errori non forzati dell’avversario. Sul 5-5 il francese ha avuto l’occasione di breakkare ed andare a servire per il match, ma è arrivato puntuale l’ace esterno di Jack. Sono arrivati al TB dove c’è stata una partenza sprint del mancino, salito fino a 4-1 con doppio break, ma poi il sesto punto è stato molto combattuto e a portarlo a casa è stato Sock, che da quel momento si è liberato, e non ha sbagliato più nulla. Sul 5-4 per l’americano, con al servizio Mannarino, c’è stata una forte contestazione di Adrien, a mio avviso giusta, poichè Sock ha urlato il CMON su un passante vincente praticamente prima che la palla toccasse per terra, e con Mannarino che poteva arrivarci. Alla fine a spuntarla è stato l’americano, che a fine partita ha anche parlato un paio di minuti col pubblico, iniziando con un amichevole “what’s up guys”, e firmando autografi e facendo foto a volontà.

Nel frattempo Kyrgios sul centrale aveva chiuso un match molto tosto contro Verdasco, di cui purtroppo ho visto troppo poco per parlare, e stavano scendendo di nuovo in campo Coric-Tsonga, dopo la sospensione del giorno precedente. Partita abbastanza brutta, troppi errori da una parte e dall’altra, specialmente Jo era molto deconcentrato, però si capiva che quando c’era bisogno di fare punto, lui lo faceva. Il croato, comunque, sta iniziando a salire a rete molto di più, oggi non gli è andata benissimo poichè il francese ha sbagliato pochissimi passanti (ne ha fatto uno in corsa di rovescio ad una mano incrociato da paura), però questa aggiunta al suo gioco è apprezzabile, adesso deve migliorare la manualità. Comunque Jo ha chiuso 6-4 6-4 senza troppi problemi, anche se è stato pure sotto di un break nel 2°, ma, complessivamente, la vittoria non è mai stata a rischio. Di Chardy-Mahut sul NB Court ho visto molto poco, solo le fasi finali del match, con Nicolas che sprecava un break di vantaggio facendosi recuperare nel 7° gioco, arrabbiandosi con se stesso e uscendo mentalmente dall’incontro. Poi mi sono affacciato un attimo sul campo5 con Isner che perdeva il tie break del 2° in modo clamoroso, dopo essere stato 6-4 e servizio al TB, con Becker che indovinava un passante di rovescio molto bello e poi sul set point in suo favore, sul 7-6 , rispondeva tra i piedi del gigante americano che non poteva fare niente.

Dimenticavo, ho visto anche qualche game di Youzhny, per la serie “chi non muore si rivede”, il russo è una delle sorprese maggiori di questo torneo, sembra aver ritrovato di colpo la condizione migliore, il rovescio fantastico e la voglia di vincere, e oggi c’è riuscito senza neanche troppi problemi, giocando un match, per quanto ho visto, perfetto. Sullo stesso campo poi sono scesi Anderson e Rosol, e il giocatore ceco era particolarmente ispirato, tantissimi servizi vincenti, ottime soluzioni di rovescio, e il sudafricano ha dovuto arrendersi dopo 2 TB nonostante avesse scagliato oltre 20 aces. Poi sono andato a vedere il 2° set di Pospisil, ottima prova del canadese con tutto il pubblico che lo supportava, ha fatto vedere delle voleè veramente eccellenti e come al solito ha servito alla grande, sul 2-5 ha sprecato 3MP sul servizio Lu ma poi ha chiuso, con qualche difficoltà, sul suo turno di servizio. Poi sono scesi in campo, sul National Bank, Gulbis e Thiem per la sessione serale, i due sono tanto amici fuori dal campo ma dentro se le son date di santa ragione, come spesso accade nei loro scontri diretti. Il lettone sta veramente ritrovando la forma che l’altr’anno lo ha portato in top10, e che sembrava aver smarrito, ma in questi giorni sta giocando veramente molto bene. Oggi, ciò che mi ha più impressionato, è la solidità mentale, insieme al dritto, le due cose in cui in genere vacilla di più. Ottima partenza, 2-0 per lui, ma poi Thiem è salito in cattedra facendo vincenti di rovescio da ogni posizione del campo, e servendo alla grande, aggiudicandosi il primo set. Del secondo set ho visto solo il tie break, poichè ero a vedere il doppio australia-francia di cui parlerò tra poco, con Thiem che è partito forte, è andato 4-2, ma poi Ernests ha infilato 4 punti di fila andando 6-4 e avendo un rovescio abbastanza facile con cui chiudere il set, ma, sbagliato quello, sul punto successivo al servizio ha sparato fuori un dritto di mezzo metro. A quel punto sembrava aver mollato, Thiem ha avuto un match point sul suo servizio ma Gulbis l’ha annullato dopo uno scambio pauroso, chiuso con un colpo finito a 10cm dalla riga veramente da applausi, e anche dopo ha dovuto annullare un altro match point mica male, prima di avere l’ennesimo set point a suo favore e di concretizzarlo, grazie ad un errore di rovescio di Thiem.

L’austriaco poi nel 3° set è partito forte, ha vinto il primo game e si è trovato 0-30 sul servizio di Gulbis, ma da quel momento Dominic ha un po’ mollato dopo aver perso il game e soprattutto Gulbis ha giocato un tennis impressionante, continue accelerazioni con entrambi i colpi, servizi a oltre 210, e pochissimi errori. Parliamo adesso del doppio Hewitt/Kyrgios vs Monfils/Tsonga, veramente veramente divertente, ho visto da metà del primo set fino alla fine e ci sono stati tantissimi scambi molto appassionanti, volè da una parte, pallonetti e passanti dall’altra, con molto rispetto tra i 4 giocatori in campo, che avevano anche il tempo di ridere e scherzare, e farsi i complimenti dopo alcuni colpi allucinanti. Il campo9 era veramente strapieno e son stati due set molto belli, con brivido finale, poichè i francesi erano 7-5 5-4 40-15 con Tsonga al servizio, che però ha commesso un doppio fallo e c’è stata una risposta vincente di Kyrgios, quindi la partita si decideva sul punto decisivo, con Tsonga che non sbagliava una voleè alta e portava a casa una partita combattuta e divertente. Intanto Nole sul centrale aveva chiuso, non senza difficoltà, contro Bellucci, e stavano per scendere in campo Karlovic e Raonic, mentre il programma su tutti gli altri campi era concluso. Ho visto da fuori il primo set, sul tabellone, poichè in contemporanea stava giocando la Bouchard a Toronto e mi interessava tanto anche quel match, quindi lì avevo la possibilità di vederli entrambi. Stranamente, si fa per dire, si è arrivati al tie break e il canadese è completamente uscito dal campo, conquistando un solo punto, su doppio fallo di Karlovic. Il pubblico ha provato a sostenerlo nel 2° set ma si vede che è lontano anni luce dalla forma migliore, sul 2-3 ha dovuto annullare 3BP consecutive, 2 delle quali salvate grazie al servizio (ma anche quello oggi non è stato efficace come al solito), e poi sul 4-5 Ivo ha avuto complessivamente 3 MP, e su uno Raonic si è salvato solo grazie ad un passante incrociato di rovescio, non proprio la specialità della casa. Un altro TB, e Raonic che di nuovo ha giocato in maniera pessima, beccandosi un altro 7-1 e deludendo le aspettative di uno stadio abbastanza pieno. Insomma, il gigante croato ha ucciso le speranze canadesi, ormai riposte solo in Pospisil, che domani dovrà giocare contro un altro gigante, quello americano.

Poi è iniziata Murray-Robredo ma ero troppo stanco e son tornato a casa, per ricaricare le pile in vista di domani, altra giornata che si preannuncia molto intensa con tanti match interessanti, sempre meteo permettendo. A domani.


TAG: ,

5 commenti

AndryREAX 12-08-2015 16:07

@ groucho (#1418184)

Bella domanda. Premetto che per me vincerà Nole, ma se dovessj dire 3 nomi, direi: Goffin, Monfils, Gulbis. Peró son tutti e 3 assai difficili per caratteristiche tecniche, specie il belga che non ha nessun colpo con cui mandare in tilt il robot serbo.

5
groucho (Guest) 12-08-2015 13:10

Bravo, anche oggi un gran bel resoconto. Tra i tennisti che hai seguito ieri, chi ti ha fatto la migliore impressione? Insomma, chi ti sembra possa essere la sorpresa alla Tsonga 2014?

4
sergio (Guest) 12-08-2015 11:49

Bravo amico!

3
gianfranco (Guest) 12-08-2015 10:29

Dopo aver letto questo bell’articolo Manitù ha così pronosticato..
Sul centrale vinceranno:Nishikori,Nadal,Robredo,Popsil e Kirgios, che del dio Manitù è un lontano parente.

Al Banque National vinceranno:Simon,Monfils,Berdych,Tsonga e Cuevas & Marreno.

Al court 9:Dimitrov,Tomic,Rapanna & Merega,Nadal & Verdasco e Fognini & Robredo.

Al court 5:Chardy,Goffin,Gulbis(The best),Cilic & Lindstedt e Goffin & Thiem.

2
tennisitalia (Guest) 12-08-2015 10:26

Come al solito un ottimo post

1

Lascia un commento