Australian Open 2017 ATP, Copertina, Generica

Da Melbourne: Parlano Roger Federer e Andy Murray. Dichiara Roger “Ho giocato un tennis propositivo e aggressivo facilitato anche dal fatto che ora conosco le condizioni del campo e dei rimbalzi”

22/01/2017 16:06 8 commenti
Roger Federer classe 1981, ex n.1 del mondo
Roger Federer classe 1981, ex n.1 del mondo

Queste le dichiarazioni di Roger Federer e Andy Murray. Il primo ha conquistato i quarti a Melbourne, il secondo invece è uscito sconfitto negli ottavi di finale.

Roger Federer SUI: “Non mi aspettavo giocasse così bene all’inizio, poi ho riordinato le idee e ho cominciato a giocare meglio. Pensavo che ci sarebbero state delle buone opportunità di andare al quinto set perché sentivo che entrambi avremmo giocato bene per due set ciascuno. La domanda era quanto tempo avrei retto fisicamente. Sono rimasto contento, non ho avuto problemi dal punto di vista fisico e ne sono felice.
Sto giocando sempre meglio. Se avessi dato a Kei tante opportunità, le avrebbe sfruttate. Ho servito alla grande, è stata questa la chiave. Nel quinto set mi sono sentito benissimo, anche alla fine del quarto mi dicevo ‘va bene andiamo al quinto, non c’è problema’. Ho giocato un tennis propositivo e aggressivo facilitato anche dal fatto che ora conosco le condizioni del campo e dei rimbalzi. Quindi devo concentrarmi solo sulla tattica e sull’avversario.
Le sconfitte di Andy e Novak sono state una grande sorpresa, non avrei mai pensato che Mischa Zverev e Denis Istomin gli avrebbero battuti. È positivo per il tennis avere tanti ragazzi che credano di più ora in se stessi contro i top players. Zverev probabilmente non si è mai sentito così bene in campo, sarà una partita complicata da affrontare.”

Andy Murray GBR: “E’ stata una partita durissima perchè lui ha giocato alcune volèe usando grandi riflessi specialmente quando la partita è entrata nel clou. Non c’è stato niente da fare, ha servito bene quando ne aveva bisogno, soprattutto quando era sotto nel punteggio. Ha meritato di vincere perché ha giocato alla grande nei momenti importanti. Negli ultimi due set ero quasi sempre sotto, ma nei primi due ho avuto le mie chance. Ero un break avanti in entrambi. Non sono stato capace di sfruttare le mie opportunità. Sono deluso, volevo proseguire il torneo ma succede.
Ho avuto sconfitte dure nella mia carriera in passato e mi sono ripreso. Questa è dura ma sono sicuro che tornerò.
È presto per parlarne della Davis, non lo so. Parlerò prima con la mia famiglia, non li ho visti molto ultimamente. La Davis Cup sarebbe il prossimo appuntamento, ma non so se andare a casa o stare qui.


TAG: , , ,

8 commenti

Phoedrus (Guest) 23-01-2017 11:44

Scritto da Gianluca
Secondo me il torneo lo vince Roger in finale con Nadal

Propendo piu’ per Rafa che vince su Roger, se Roger arriva in finale.

8
Mik (Guest) 22-01-2017 23:57

Scritto da Omar Edberg
Non sottovalutate Raonic. È il suo momento. Quanto meno per un approdo in finale.

Raonic va fuori contro rafa in semi

7
Omar Edberg (Guest) 22-01-2017 21:54

Non sottovalutate Raonic. È il suo momento. Quanto meno per un approdo in finale.

6
Luca Martin (Guest) 22-01-2017 18:02

Un ritorno di Federer coi fiocchi.
Il suo livello è pazzesco. E’ sempre stra-competitivo. Anche contro uno come Nishikori.
Per primo ho parlato di un possibile Nadal vs Federer in Finale. Sarebbe incredibile. Due presunti dinosauri che si scrollano di dosso dalla pellaccia la polvere accumulata negli ultimi anni.
Non so come andrà. Però sarebbe veramente fuori pronostico.

5
Gianluca (Guest) 22-01-2017 17:26

Secondo me il torneo lo vince Roger in finale con Nadal

4
Gianluca (Guest) 22-01-2017 17:19
3
Giuseppespartano (Guest) 22-01-2017 17:14

17 slam! Mamma mia 🙂 un giocatore solo, ha vinto tutti questi tornei ( partite 3 su 5).
Eh che giocatore!!
Non mi meraviglio mai abbastanza di questa impresa!

2
Antonio (Guest) 22-01-2017 16:36

A mio avviso Murray ha mollato con la testa perché rilassato dalla precoce eliminazione di Nole e dal conseguente fatto che sarebbe stato numero uno lo stesso…perché sprecare ulteriori energie?
Questa non è la mentalità di un campione. Lui non lo è né lo sarà mai

1