Caso Sharapova Copertina, Generica

Caso Sharapova: Tra la replica del suo avvocato all’ITF alla dichiarazioni di Dimitrov

07/10/2016 14:44 14 commenti
Maria Sharapova è stata squalificata per 15 mesi
Maria Sharapova è stata squalificata per 15 mesi

Grigor Dimitrov ha parlato della sua ex fidanzata Maria Sharapova squalificata per 15 mesi dal CAS per doping.

“Penso che al tennis manchi molto. Lei è una vera guerriera e tornerà a giocare con motivazione e entusiasmo come prima. Ma se fai qualcosa di sbagliato, la squalifica è meritata.”

John Haggerty ha risposto all’ITF.

Ecco i passaggi più importanti della sua lunga lettera: “Sembra che l’ITF non voglia prendersi nessuna responsabilità per la squalifica e le sue procedure. L’ITF dichiara che non voleva una squalifica di 4 anni? E’ falso, ecco la lettera che avete mandato a Sharapova il 2 marzo nell’informare che era stata trovata positiva per il Meldonium: Visto che questa sarebbe la tua prima violazione delle leggi antidoping, ma la sostanza in questione non è un farmaco specificato nel programma, a prima vista verrebbe applicata una sospensione di 4 anni secondo l’articolo 10 del porgeamma antidoping. Per ridurla a due anni, dovresti convincere il tribunale indipendente che la tua violazione non è stata intenzionale.

“Non voglio essere frainteso, il tribunale non si è trovato d’accordo con l’ITF e all’inizio ha ridotto la squalifica a due anni, ma voi dell’ITF avete chiesto di trovare la violazione intenzionale per far si che le fosse indotta una squalifica di 4 anni. Dire il contrario non è corretto. ”

Non può essere credibile nemmeno il fatto che il tribunale dell’ITF sia “indipendente”.
Il presidente del tribunale ITF nel caso di Maria, Charles Flint, compare nella lettera inviata a Maria il 2 marzo, quindi l’ITF aveva scelto il presidente ancor prima di informarla della violazione. E inoltre è stata L’ITF, solo l’ITF a scegliere i tre membri del tribunale “indipendente”.

Sono ugualmente sorprendenti le dichiarazioni dell’ITF sul fatto che non fossero obbligati a dare un avviso specifico riguardo il Meldonium. Alla luce della decisione del CAS, è difficile comprendere come l’ITF possa portare avanti tali affermazioni. Il TAS lo ha detto chiaro e tondo:
“Nessun avviso specifico è stato fornito dalle relative organizzazioni (ITF, WADA o WTA). A riguardo, il pannello nota come le organizzazioni antidoping avrebbero dovuto adottare misure ragionevoli nell’avvisare gli atleti dei cambiamenti significativi della lista delle sostanze vietate. [Maria] non è stata informata in modo chiaro.’

“Alla base, l’ITF era il responsabile delle informazioni al pubblico, l’accusa e il giudice, e non ha fatto bene nemmeno una di queste cose. Spero viviamente che l’ITF non rilasci più altri comunicati stampa ingannevoli non solo riguardo Maria ma anche sulle funzioni del tribunale. “


TAG: , ,

14 commenti. Lasciane uno!

Giorgio il mitico (Guest) 08-10-2016 22:13

Poi c’è l’eterno problema della possibilità di assumere sostanze proibite per cure mediche in corso, sembra che la WADA conceda l’autorizzazione nel 50/60% dei casi, questa è una presa in giro e basta.

Se un’atleta è malato SI CURA e CONTESTUALMENTE CESSA L’ATTIVITA’ AGONISTICA FINCHE’ NON GUARISCE.

Naturalmente si può allenare e fare esibizioni , ma NON gare ufficiali di ogni ordine e grado.

Questa si chiama CERTEZZA DEL DIRITTO e non tutte le altre cialtronate.

Perchè la WADA non pubblica l’elenco degli atleti in CURA CON SOSTANZE PROIBITE ma che CONTEMPORANEAMENTE partecipano a competizioni ????????

14
Giorgio il mitico (Guest) 08-10-2016 22:05

La Sharapova incassa sponsorizzazioni enormi che fanno gola alle altre, ci sono di mezzo motivazioni economiche, è ovvio.

Quest’anno la WADA pubblica ai primi di Ottobre 2016 l’elenco delle sostanze proibite nel 2017, la scorsa stagione la pubblicazione fu fatta a metà Dicembre 2015 per le proibizioni del 2016.

13
Varco74 (Guest) 08-10-2016 09:25

Non si puo` negare che dalla sentenza del TAS di Losanna trasudi una sorta di “fumus persecutionis” di ITF nei confronti di Maria; se lei giustamente (dal suo punto di vista) si lamenta a tutti gli altri toccherebbe di interrogarsi sulle motivazioni di questa evidenza; la tesi del “colpirne una per educarne 100″ (peraltro di vago sapore maoista) mi appare in tal senso financo troppo “buonista”; l’ITF deve augurarsi che, quando tornera` in campo, Maria non ricominci a vincere (ed immagino che fara`tutto quanto in suo potere perche` cio` non avvenga); diversamente, risulta fin troppo facile prevedere che cosa rimarrebbe del “caso Meldonium”

12
ginglegel (Guest) 08-10-2016 04:04

LEPCHENKO, americana,
trovata positiva al Meldonium, a gennaio.

NON SQUALIFICATA,
in quanto violazione non intenzionale.
(ESATTAMENTE come Sharapova).

Lepchenko: USA
Sharapova: RUSSIA

è SOLO POLITICA,
non c’è niente meglio che infangare
uno dei simboli più famosi e positivi
di una nazione con cui si è in guerra
(anche se non dichiarata).

chi non vuole accorgersene,
continui pure a credere a Babbo Natale.

11
Carl 07-10-2016 19:56

Scritto da Varco74

Scritto da Mario
La conclusione sintetica è che Maria Sharapova è stata squalificata in via definitiva a 1 anno e 3 mesi per doping. Tutto il resto ormai è opinione pubblica.

Rettifico: “ in no way she should be considered a doper” (sentenza TAS, Losanna 04/10/2016)

La sentenza è chiara, anzi cristallina, e mi fa paicere che il presidente della corte nominata dal CAS fosse un illustre italiano.

Ciò premesso le è stata riconosciuta la totale buona fede, e di non aver mai messo in atto comportamenti tesi a nascondere il suo uso (e qui forse pesa in positivo la sua decisione di indire la famosa conferenza stampa).
E’ stata però condannata per non aver messi in opera e verificato un adeguato sistema per il monitoraggio delle sostanze proibite assunte, mancanza per la quale la sospensione può variare tra uno e due anni.
Se avesse evidenziato all’atto dei prelievi il suo uso del meldonium la pena sarebbe stata la minima, un anno, non averlo fatto ha comportato i tre mesi in più.

Maria esce con la patente di “distratta” ma “non dopata”, come dalla frase riportata da Varco74, e da ora in poi tutti dovranno stare ben attenti a non fare dichiarazioni o mettere in atto comportamenti contrari, pena citazioni legali automatiche e vinte in partenza.

10
PingPong 07-10-2016 17:15

Questo è quello che ci si avanza a condonare i colpevoli.

9
Varco74 (Guest) 07-10-2016 16:20

Scritto da Mario
La conclusione sintetica è che Maria Sharapova è stata squalificata in via definitiva a 1 anno e 3 mesi per doping. Tutto il resto ormai è opinione pubblica.

Rettifico: “ in no way she should be considered a doper” (sentenza TAS, Losanna 04/10/2016)

8
l Occhio di Sauron 07-10-2016 16:18

Scritto da Ale85
Credo che la Sharapova ha deciso di parlare solo ora perché aspettava la fine dell’intero processo e su questo ha fatto bene. Aggiungerei che tramite il suo avvocato e anche lei stessa, tramite Facebook ha fatto capire e questo anche prima che non fosse d’accordo con l’Itf… quindi dire parla solo ora lo trovo errato. Ora però che tutti si sono tolti le varie soddisfazioni, consiglierei vivamente a Maria di porre un punto a questa storia se vuole continuare a giocare, altrimenti rischia di fare la fine del nostro noto marciatore non appena torna alle competizioni…che a modificare due analisi ci vuole davvero poco.

Credo come tu abbia fatto ben intendere come funziona il mondo in generale e fa tristezza che sia così nello sport. Putroppo dove ci sono soldi ed interessi importanti giusto e sbagliato sono concetti estremamente relativi.

7
Mario (Guest) 07-10-2016 15:55

La conclusione sintetica è che Maria Sharapova è stata squalificata in via definitiva a 1 anno e 3 mesi per doping. Tutto il resto ormai è opinione pubblica.

6
Varco74 (Guest) 07-10-2016 15:45

Scritto da Ale85
Credo che la Sharapova ha deciso di parlare solo ora perché aspettava la fine dell’intero processo e su questo ha fatto bene. Aggiungerei che tramite il suo avvocato e anche lei stessa, tramite Facebook ha fatto capire e questo anche prima che non fosse d’accordo con l’Itf… quindi dire parla solo ora lo trovo errato. Ora però che tutti si sono tolti le varie soddisfazioni, consiglierei vivamente a Maria di porre un punto a questa storia se vuole continuare a giocare, altrimenti rischia di fare la fine del nostro noto marciatore non appena torna alle competizioni…che a modificare due analisi ci vuole davvero poco.

Credo che tu abbia colto un punto davvero importante!

5
gbuttit 07-10-2016 15:25

Scritto da magilla
quanto dura ancora sta storia?…un po’ di silenzio non farebbe bene a tutti?…ed inoltre…..se qualcosa dell’itf non ha convinto perché’ non ne avete parlato prima?

immagino che ne avranno parlato al processo, prima non potevano parlarne pubblicamente.

4
Ale85 (Guest) 07-10-2016 15:19

Credo che la Sharapova ha deciso di parlare solo ora perché aspettava la fine dell’intero processo e su questo ha fatto bene. Aggiungerei che tramite il suo avvocato e anche lei stessa, tramite Facebook ha fatto capire e questo anche prima che non fosse d’accordo con l’Itf… quindi dire parla solo ora lo trovo errato. Ora però che tutti si sono tolti le varie soddisfazioni, consiglierei vivamente a Maria di porre un punto a questa storia se vuole continuare a giocare, altrimenti rischia di fare la fine del nostro noto marciatore non appena torna alle competizioni…che a modificare due analisi ci vuole davvero poco.

3
Gabriele da Firenze 07-10-2016 15:04

Ma bastaaaaaaa

2
magilla (Guest) 07-10-2016 14:54

quanto dura ancora sta storia?…un po’ di silenzio non farebbe bene a tutti?…ed inoltre…..se qualcosa dell’itf non ha convinto perché’ non ne avete parlato prima?

1

Lascia un commento