Francesca Schiavone: la leonessa ruggisce ancora

23/02/2016 08:15 16 commenti
Francesca Schiavone classe 1980, n.94 del mondo
Francesca Schiavone classe 1980, n.94 del mondo

Non comincerò quest’articolo con toni trionfalistici utilizzati da altre testate e in altri luoghi per esaltare la vittoria brasiliana di Francesca Schiavone: il buon senso e il realismo non può farci lanciare in frasi del tipo “La Schiavone è tornata” o “Torna la regina del Roland Garros”, ma è doveroso rendere il giusto merito a una campionessa italiana del nostro tennis in gonnella recente e che ha contribuito a scrivere una ennesima pagina bellissima di questo sport nell’ultima settimana, con l’aiuto prezioso e significativo di due colleghe del valore sportivo unico come Roberta Vinci e Sara Errani.

Dopo le vittorie di Vinci ed Errani infatti, la quasi 36enne Francesca Schiavone già regina di un indimenticabile Roland Garros ha portato a casa il settimo titolo in singolare della sua gloriosa carriera, in quel di Rio: parterre di partecipanti di ben altro spessore rispetto ai teatri vittoriosi e italiani di San Pietroburgo e Dubai, prestigio del torneo relativo ma un incredibile soddisfazione personale e che ha riempito il cuore di tutti, proprio tutti. Un torneo che l’ha vista battere la statunitense Shelby Rogers in finale, spesso faticare ma che ha fatto anche intravedere la classe cristallina che l’ha portata in cima al mondo, che l’ha fatta diventare una regina del tennis femminile, una sportiva dedita alla sua amata professione che da un paio d’anni vive un ingiusto “processo mediatico”, generato da tutti quegli appassionati che non capiscono il suo non ritirarsi, preferendo vivere un tipo di tennis e di scenari non proprio da fuoriclasse, passando anche per qualificazioni o tornei non appartenenti al circuito maggiore. La risposta e la spinta propulsiva per continuare però, è sempre stata la stessa: la passione.

La passione per uno sport che prima di tutto è per lei uno stile di vita, la passione per un tennis che da sempre detta i ritmi delle varie giornate tutte uguali e da cui evidentemente la Schiavone non riesce così facilmente a separarsi. Non è una donna stolta, non è un’atleta sprovveduta che non conosce i propri limiti e il proprio attuale potenziale: la fine della sua carriera è vicina, lo sa lei, lo sanno gli appassionati veri e lo sanno pure tutti quegli stupidi tifosi stile hooligans che piuttosto che proferire un “grazie Francesca” si sono lasciati andare spesso a epiteti vergognosi. Si può parlare con razionalità e buon senso, il rischio per il tifoso medio italiano è invece dimenticare e attaccare senza motivi. O perlomeno, senza motivi validi.

Rio è stato un bellissimo palco da calcare, ti ha ridato la top100 Francesca e, anche se viene da ridere a pensare che questo possa rappresentare un traguardo, ha messo ancora una volta in luce il tuo amore per la racchetta: e allora gioca, gioca finché ne avrai voglia, raccoglierai critiche quando perderai e il plauso più sentito quando vincerai come in terra brasiliana. Ma sii sempre tu a decidere il da farsi.


Alessandro Orecchio


TAG: , ,

16 commenti. Lasciane uno!

Shuzo (Guest) 23-02-2016 23:24

Di questo non condivido proprio tutto al 100% ma la cosa più l’ha detta sicuramente alla fine: “…sii tu sempre a decidere il da farsi”.
Mi spiego: sono convinto che Francesca non debba prolungare ancora per molti anni la carriera e che farebbe bene a considerare il 2016 come il suo ultimo anno di attività. In ogni caso la decisione deve essere solo ed esclusivamente sua, anche se io sono libero di condividere o meno le sue decisioni (ovviamente solo come tifoso)!
Comunque “Grazie Francesca!!!!!!”

16
BROWNforever (Guest) 23-02-2016 13:43

Giustissimo Alessandro

15
Giuseppespartano (Guest) 23-02-2016 13:30

Scritto da Yes2.0
Bellissima dedica alla più forte italiana di sempre, l’unica in grado di giocare due finali dei tornei che contano veramente.

14
Giuseppespartano (Guest) 23-02-2016 13:29

Scritto da pinkfloyd

Scritto da giuseppespartano
Scusate per alcuni errori che ho fatto nel messaggio scritto da un cellulare diciamo rudimentale ☺ Inoltre volevo aggiungere senza offesa per la pennetta, che schiavone Francesca è la tennista italiana numero uno di sempre,non solo perché lo dicono i risultati ed i tornei vinti ☺

Beh oddio, proprio come tornei vinti non direi.
Flavia vincendo Us Open e Indian Wells penso abbia fatto imprese superiori.
Per il resto possiamo discutere all’infinito (ma è proprio necessario?) senza mai venirne a capo, tra l’altro.
Sono 2 atlete che hanno fatto la storia del tennis italiano, non basta questo?
Poi per uno sarà la migliore, per un altro sarà Flavia ed entrambi avranno ragione probabilmente.
Certo è sempre bello “litigare” su queste cose, significa che c’è stato un periodo memorabile e che ha lasciato il segno, nel tennis italiano.
Teniamoci stretti la storia del tennis italiano, atlete che hanno vinto Slam e fatto una carriera di alto livello complessiva, battagliando e battendo anche molte top e non era certo dovuto tutto ciò, a pensarci bene.
Considerando che il tennis non è sport nazionale in Italia, è ancora uno sport minore, in un certo senso, ma loro (insieme ad altre) lo hanno reso uno sport più conosciuto e con una grande, immensa dignità.

Beh i tornei più prestigiosi sono gli slam e non posso o essere superati da qualsiasi altro torneo. Su questo penso che siamo d’accordo tutti. Schiavone ha vinto uno slam e fatto un’altra finale quindi un 1 e 2 posto. La pennetta ha fatto 1 vittoria. Al di là degli altri tornei vinti dalle due atlete. Poi inoltre miglior ranking schiavone 4,della pennetta 6. Quindi…. ma comunque è ovvio che sono contento per entrambe,che sono le uniche due donne italiane ad aver vinto uno slam e quindi di diritto le migliori due di sempre ☺

13
re&fa (Guest) 23-02-2016 13:07

Scusate la seguente digressione al limite del fuori tema: registro il fatto che molto spesso, riguardo la carriera di Francesca, chi parla o scrive pone generalmente l’accento su quell’acuto rappresentato dal titolo Slam al Roland Garros 2010, non dando, a mio avviso, sufficiente enfasi alla grande competitività, durante tutta quell’epoca, della Schiavone sulla terra rossa outdoors, competitività che la portò, per esempio :lol: , in finale all’RG dell’anno successivo!

12
Ken_Rosewall 23-02-2016 12:38

non mi interessano le graduatorie, si parla di campionesse (italiane per giunta! :wink: ) e ne sono felice. Posso solo dire che solo Francesca Schiavone è in grado di trasmettere quelle emozioni che mi raggiungono via cavo e mi portano alla commozione. :smile:

11
forzaschiavo (Guest) 23-02-2016 11:39

@ pinkfloyd (#1535270)

perfetto commento, ognuna di loro ha vinto molto, Sara si sta facendo sotto e secondo me può arrivare di nuovo in finale in slam e chissà vincerlo, Roberta deve solo “piu” vincerlo :razz: … la loro grandezza è una preferenza direi personale, ma la loro bellezza è la straordinarietà di questo quartetto.

10
pinkfloyd 23-02-2016 11:00

Scritto da giuseppespartano
Scusate per alcuni errori che ho fatto nel messaggio scritto da un cellulare diciamo rudimentale ☺ Inoltre volevo aggiungere senza offesa per la pennetta, che schiavone Francesca è la tennista italiana numero uno di sempre,non solo perché lo dicono i risultati ed i tornei vinti ☺

Beh oddio, proprio come tornei vinti non direi.
Flavia vincendo Us Open e Indian Wells penso abbia fatto imprese superiori.
Per il resto possiamo discutere all’infinito (ma è proprio necessario?) senza mai venirne a capo, tra l’altro.
Sono 2 atlete che hanno fatto la storia del tennis italiano, non basta questo?

Poi per uno sarà la migliore, per un altro sarà Flavia ed entrambi avranno ragione probabilmente.

Certo è sempre bello “litigare” su queste cose, significa che c’è stato un periodo memorabile e che ha lasciato il segno, nel tennis italiano.

Teniamoci stretti la storia del tennis italiano, atlete che hanno vinto Slam e fatto una carriera di alto livello complessiva, battagliando e battendo anche molte top e non era certo dovuto tutto ciò, a pensarci bene.
Considerando che il tennis non è sport nazionale in Italia, è ancora uno sport minore, in un certo senso, ma loro (insieme ad altre) lo hanno reso uno sport più conosciuto e con una grande, immensa dignità.

9
akureyi (Guest) 23-02-2016 10:32

BELLISSIMO QUEST’ARTICOLO

8
giuseppespartano (Guest) 23-02-2016 10:24

Scusate per alcuni errori che ho fatto nel messaggio scritto da un cellulare diciamo rudimentale ☺ Inoltre volevo aggiungere senza offesa per la pennetta, che schiavone Francesca è la tennista italiana numero uno di sempre,non solo perché lo dicono i risultati ed i tornei vinti ☺

7
giuseppespartano (Guest) 23-02-2016 10:19

Scritto da forzaschiavo
concordo sul buon senso, ma vedere la felicità di questa campionessa da un senso anche a chi nella vita fatica ad arrivare a un traguardo, lei è un esempio di passione e abnegazione, quello che dovremmo avere più o meno tutti nella vita di sempre. Grazie Francesca, spero un giorno tu possa andare nei circoli a raccontare la tua esperienza e il tuo amore per questo sport.

Bravo. Quello che fa schiavone adesso è l’essenza non solo del tennis ma della passione che una persona può mettere in ciò che fa. Io non mi sono mai permesso e mai mi permettero di criticarla in futuro se lei continuerà. Ognuno di noi è diverso. A lei piace ciò che sta facendo. Un altro al posto suo potrebbe non continuare,condivisibile. Però appunto in quella situazione si trova lei,è la sua vita, è lei si trova a suo agio tra le partite che fa,le sconfitte le vittorie le qualificazioni o altro. Ma poi l’autenticità, la genuinità nei festeggiamenti della vittoria in questo torneo. Il dichiarare che è uno dei giorni più belli della sua vita la vittoria in Brasile. Io mi commuovo,davanti ad una persona del genere.che umiltà che sensibilità. Fortunati un giorno i tuoi eventuali allievi che avranno l’onore di lavorare con te. Un abbraccio cara.

6
Yes2.0 23-02-2016 09:57

Bellissima dedica alla più forte italiana di sempre, l’unica in grado di giocare due finali dei tornei che contano veramente.

5
silvano musso (Guest) 23-02-2016 09:45

2016,Vinci-Errani-Schiavone: che VES!!!

4
ASHTONEATON 23-02-2016 08:43

Condivido!!!
Senza dubbio una delle più grandi Tenniste Italiane di sempre!!!
Grazie Leonessa!!!!

3
forzaschiavo (Guest) 23-02-2016 08:33

concordo sul buon senso, ma vedere la felicità di questa campionessa da un senso anche a chi nella vita fatica ad arrivare a un traguardo, lei è un esempio di passione e abnegazione, quello che dovremmo avere più o meno tutti nella vita di sempre. Grazie Francesca, spero un giorno tu possa andare nei circoli a raccontare la tua esperienza e il tuo amore per questo sport.

2
Fabio (Guest) 23-02-2016 08:31

Forza mitica leonessa!

1

Lascia un commento