Notizie dal Mondo Copertina, Generica

La rinascita di Sabine Lisicki

03/04/2015 13:54 14 commenti
Sabine Lisicki classe 1989, n.21 del mondo
Sabine Lisicki classe 1989, n.21 del mondo

Se i tornei di Indian Wells e Miami ci hanno proposto una Simona Halep versione rullo compressore e una Serena Williams da battere se al meglio fisicamente, la California e la Florida ci hanno anche regalato il ritorno ad alti livelli di una “vecchia” conoscenza del circuito, ultimamente un po’ eclissatasi ma in passato capace di exploit, soprattutto a livello Slam, decisamente importanti: la tedesca Sabine Bum Bum Lisicki.

Classe ’89, la potente tedesca, con dei “numeri” a mio avviso migliori rispetto alle connazionali Petkovic, Kerber e Goerges, finora ha mancato in fatto di costanza in maniera netta, dimostrando di essere capace di giocarsela con tutte ma ugualmente di poter perdere contro giocatrici di rango inferiore: best ranking di numero 12 al mondo nel 2012, la Lisicki viene ricordata nel circuito soprattutto per l’inattesa finale del 2013 a Wimbledon, quando perse l’occasione della vita (sportiva) contro la francese Marion Bartoli. Chi relativizza la tedesca solamente però a quell’impresa sfiorata sbaglia nettamente, poiché a livello Major la Lisicki può vantare un ottavo di finale nel 2012 in Australia, un 3° turno sulla terra rossa di Parigi nel 2013, ancora ottavi di finale a New York nel 2011 più il bottino considerevole sull’erba di Wimbledon di 3 quarti di finali e una semi finale (oltre all’atto conclusivo del 2013 già citato). È pur vero che sul prato verde londinese la tennista dal servizio bomba (record a 210,8 km/h) trova da sempre le migliori sensazioni, recuperando quel feeling con il tennis che l’abbandona per lunghi tratti della stagione: in quest’ottica va ricordata anche la finale in doppio raggiunta e persa nel 2011 in coppia con Sam Stosur.
Vincitrice di 4 tornei in singolare nel circuito (Charleston sulla terra verde nel 2009, Birmingham sull’erba e Dallas sul cemento nel 2011, Hong Kong nel 2014 ancora sul cemento) più 5 finali perse, la tennista teutonica sembra essersi ritrovata sul suolo statunitense dopo un inizio di stagione (e un post Wimbledon 2013) assai deludente. Ricordiamo l’incredibile gioia della Bartoli e parimenti le lacrime della Lisicki ma adesso finalmente, quella delusione che per un anno e mezzo l’ha bloccata in un limbo di risultati insoddisfacenti sembra alle spalle.

Il 2015 per Sabine è iniziato veramente male con un bilancio fino a Indian Wells di solo 1 vittoria a fronte di ben 6 sconfitte: una classifica che sembrava destinata a vederla retrocedere sempre più e poi l’inattesa, per certi versi, risalita. Fermata in semi finale nel ricco torneo della California da un’altrettanto ritrovata Jelena Jankovic con molti rimpianti per una finale davvero fattibile e nei quarti di finale a Miami dopo una durissima lotta contro la numero 1 Serena Williams (vendetta per lei della sconfitta subita a Wimbledon ’13), la Lisicki ha inanellato ben 7 vittorie, con il ritorno fra le prime 20 giocatrici del mondo. Adesso Bum Bum Bine Lisicki dove può arrivare?

Si diceva del suo potenziale, letale a mio avviso se la tennista riesce a mantenere una buona condizione psico fisica, con un’attitudine alla lotta che è sembrata essere variabile considerevole e i cali di attenzione dovuti alla paura che appaiono adesso esorcizzati: la tennista che in questi 2 tornei si è “divertita” a far fuori tutte le tenniste italiane, si candida ora a un ruolo da assoluta protagonista per i prossimi tornei, non tanto per i tornei sul rosso oramai alle porte (la sua superficie – anello debole) quanto per la breve stagione su erba e quella a seguire sul cemento estivo. In 3 Slam su 4 la Lisicki potrà dire tranquillamente la sua, potendo lottare a mio avviso anche per una vittoria.
Bando all’obiettività mi piacerebbe che Sabine chiudesse un cerchio ideale con un’affermazione futura in un Major, magari proprio su erba, perché tante volte lo sport sa infliggere grandi dispiacere ma in un certo senso anche ripagare: dimenticheremmo così le lacrime del 2013 e Sabine diventerebbe quella campionessa tedesca che dalle gesta di Steffi Graf un Paese intero attende con ansia.


Alessandro Orecchio


TAG: , ,

14 commenti. Lasciane uno!

giovanni (Guest) 03-04-2015 23:00

BuonA giocatrice. C’è chi ha del talento migliore.

14
Goergestuttalavita (Guest) 03-04-2015 20:40

Grande Sabine. Sei rinata come la Fenice. Ma proprio dalle ceneri delle nostre ragaze ? te possino…:evil:

13
labicano (Guest) 03-04-2015 19:30

È ancora relativamente giovane…può fare il botto a Londra secondo me

12
Seppio (Guest) 03-04-2015 19:24

Sabine mi piace molto, ma non sono di certo 2 tornei che rendono la Lisicki una stabile mentalmente. Non ci mette niente a riaffossarsi con 5 primi turni di fila una come lei: queste erano le esatte parole dette dopo la finale di Wimbledon 2013, e poi com’è andata lo sappiamo tutti.

11
Ktulu 03-04-2015 19:00

Sapete come si pronuncia il nome? Lisiki o Lisich-ki?

10
Pazzodicamila (Guest) 03-04-2015 18:49

Grande Sabine. Quando e’ in giornata (e di recente le sta capitando) e’ spettacolo puro.

9
cris0370 (Guest) 03-04-2015 18:36

E una delle più simpatiche del circuito

8
Pennetta4ever (Guest) 03-04-2015 16:59

Il vero tennis si chiama Sabine bumbum Lisicki

7
Carlo (Guest) 03-04-2015 16:58

@ kenny (#1304707)

E pensare che c’è gente così meschina che la disprezza solo perchè ha battuto diverse italiane!
Che squallore.

6
Juan Martin (Guest) 03-04-2015 16:36

se come per magia si potesse trapiantare la testa della sharapova nel corpo della lisicki avremmo la vera antagonista di serena. lei è l’unica giocatrice in tutto il circuito che può permettersi di fare partita alla pari sul piano della potenza senza soccombere troppo in tutti gli altri aspetti del gioco. d’altronde non batti venus williams quando venus era ancora venus a 19 anni per caso. davvero un peccato che abbia tutta questa emotività

5
Bounty 03-04-2015 16:29

Io dico la mia: Troppo volubile emotivamente.. Basti pensare alla finale non giocata a Wimbledon con la Bartoli… Ha frignato tutta la partita.. Non la vedo una top player!

4
kenny (Guest) 03-04-2015 15:50

Va detto che è stata segnata spesso da infortuni che le hanno impedito di trovare costanza nella tenuta fisica e quindi di conseguenza anche nei risultati. Spero possa avere del tempo a disposizione per sfruttare il suo potenziale, perchè oltre ad essere potente ha anche una buona mano. Poi è troppo simpatica, impossibile tifargli contro :)

3
alexalex 03-04-2015 15:19

Tennis offensivo allo stato puro e servizio da maschio!!! Ma troppo volubile psicologicamente… peccato…

2
anto13.08.2001 03-04-2015 14:30

Grande donna e grande Tennista, quando in giornata è bella da vedere :razz:

1

Lascia un commento