Notizie dal Mondo Copertina, Generica

Rafa Nadal, ci rivediamo nel 2017

24/10/2016 08:00 9 commenti
Rafael Nadal classe 1986, n.6 del mondo
Rafael Nadal classe 1986, n.6 del mondo

La notizia era nell’aria e da molti non è stata recepita come una sorpresa: Rafa Nadal dice addio agli ultimi tornei dell’anno per i continui problemi fisici e dà il suo personale arrivederci al circuito al 2017.

Basilea, il Masters1000 di Parigi-Bercy e le ATP Finals: di certo tornei non di poco importanza e un forfait che arriva dopo quello di lungo corso dello svizzero Roger Federer. In questi appuntamenti Rafa avrebbe sinceramente potuto dire la sua, proprio per la concomitante assenza di Roger e il periodo di appannamento di Novak Djokovic, invece l’accelerata per essere presente a tutti i costi alle Olimpiadi di Rio ha pagato dazio: ha accorciato i tempi del suo rientro proprio in vista della manifestazione a cinque cerchi e adesso il suo corpo, per l’ennesima volta nella travagliata carriera da campione dell’iberico, ha detto stop.
Scelta attesa si diceva ma assolutamente condivisibile quella dello spagnolo di Manacor: non saranno di certo i pochi tornei che salterà in questo 2016 a rappresentare un crocevia importante nella carriera di Nadal, quanto piuttosto il 2017. Proprio l’anno che verrà infatti ci dirà molto sulla vita sportiva di Rafa.
Il circuito ATP, è innegabile, sta vivendo un momento di passaggio, fra la nuova generazione che si sta progressivamente affermando (Kyrgios e Alexander Zverev su tutti) e la “vecchia guardia” che sempre più faticosamente cerca di portare a casa i tornei più importanti, come sempre ha fatto negli ultimi anni: Nadal a mio modo di vedere le cose, se fisicamente integro, può ancora fare la voce grossa, su terra battuta ma anche su cemento outdoor. Il nodo del pettine da sciogliere sta proprio qui e rimanda alla decisione degli ultimi giorni: la priorità del maiorchino deve essere la cura del suo fisico e la prevenzione dei possibili (forse meglio dire probabili…) infortuni. Magari Nadal avrebbe potuto tirare la corda in quest’ultimo scorcio di stagione, ma ne avrebbe realmente tratto beneficio?

Rafa punta forte sul 2017: ha fatto bene a tirare adesso i remi in barca. Ha fatto bene a decidere di fermarsi. Ha fatto bene a essere onesto prima di tutto con se stesso e in un secondo momento con i suoi tifosi. Il maiorchino per ovvie ragioni non è più quello di un tempo: attenzione a non cadere in facili tentazioni chiamate rischio. Più qualità e meno quantità: dev’essere stato proprio questo il mantra ripetuto e che rimanda i giochi all’anno che verrà. L’augurio che possiamo fargli e farci è quello di trovare un Rafa battagliero e in grado di lottare per le vittorie Slam.


Alessandro Orecchio


TAG: ,

9 commenti. Lasciane uno!

Haas78 (Guest) 28-10-2016 09:53

@ Roberto (#1720710)

E tu dovresti imparare l’italiano, e vergognati

9
Roberto (Guest) 25-10-2016 22:22

Tornerà nel 2017 per fare un’altra stagione orribile come quelle fatte negli ultimi 2 anni , un giocatore ormai strafinito da diversi anni , si dovrebbe vergognarsi.

8
alexalex 24-10-2016 13:27

Fondamentale è che salti l’Iptl! Comunque non credo che nei prossimi tornei avrebbe potuto fare un gran che, se recentemente è riuscito a perdere da Pouille (in quel modo poi!), Dimitrov e Troicki…

7
LuchinoVisconti (Guest) 24-10-2016 12:39

Secondo me Nadal ha fatto un grosso errore a non giocare ancora almeno un torneo nel 2016. Così facendo è fuori dalle prime 8 TdS con l’ovvia conseguenza di avere incontri difficili già agli ottavi di finale, con il rischio ad esempio di incontrare Diokovic, Wawrinka e compagnia bella.

6
frafra (Guest) 24-10-2016 11:49

Viale del Tramonto al 362

5
Haas78 (Guest) 24-10-2016 09:38

@ Luca da Sondrio (#1719706)

Che ridere, mamma mia

4
Luca da Sondrio (Guest) 24-10-2016 09:22

Nel 2017, secondo me, Nadal farà il Grande Slam. Vincerà i tornei di Briscola, Scala 40, Tresette, Scopa d’Assi. I quattro tornei si giocheranno all’ospizio di Manacor, all’aperto, su terra rossa.

3
l Occhio di Sauron 24-10-2016 09:02

Scritto da radar
30 anni, ma il fisico mostra un logorio maggiore, come se ne avesse 10 in più.
Continui problemi, dopo una carriera a tutta, basata su corsa, atletismo e resistenza estrema.
Rafa raschia il fondo del barile, dopo aver dato fondo a tutte le sue energie e aver giocato sempre al massimo senza risparmiarsi.
Non siamo al de profundis, ma quasi.
Gli auguro di poter competere ancora per i grandi tornei: le qualità e la tenacia sono indiscutibili, ma senza il tassello fondamentale che ne ha contraddistinto la carriera, diventa estremamente difficile.
Nel 2017 avrà 31 anni e anche i giovani avranno un anno in più: elementi che non fanno propendere per il maiorchino, soprattutto in ottica di vittoria Slam.

Prova a preparare un disperato ultimo assalto al RG..
ma secondo me oramai è andata.
Peccato ma forse è anche giusto così.

2
radar 24-10-2016 08:35

30 anni, ma il fisico mostra un logorio maggiore, come se ne avesse 10 in più.

Continui problemi, dopo una carriera a tutta, basata su corsa, atletismo e resistenza estrema.

Rafa raschia il fondo del barile, dopo aver dato fondo a tutte le sue energie e aver giocato sempre al massimo senza risparmiarsi.

Non siamo al de profundis, ma quasi.

Gli auguro di poter competere ancora per i grandi tornei: le qualità e la tenacia sono indiscutibili, ma senza il tassello fondamentale che ne ha contraddistinto la carriera, diventa estremamente difficile.

Nel 2017 avrà 31 anni e anche i giovani avranno un anno in più: elementi che non fanno propendere per il maiorchino, soprattutto in ottica di vittoria Slam.

1

Lascia un commento