Il torneo Future di Lodi Copertina, Future

Italia F12 – Lodi. Garanganga dallo Zimbabwe: e Lodi s’innamora

03/06/2015 19:14 4 commenti
Takanyi Garanganga, 24 anni dallo Zimbabwe, è diventato l'idolo del pubblico di Lodi: giovedì giocherà nei quarti
Takanyi Garanganga, 24 anni dallo Zimbabwe, è diventato l'idolo del pubblico di Lodi: giovedì giocherà nei quarti

Takanyi Garanganga non passa inosservato. Vuoi per un tennis molto potente e un look fuori dal comune, vuoi per la bandiera dello Zimbabwe stampata sul passaporto e la grande simpatia. Gli sono bastate poche ore per diventare l’idolo del pubblico della Canottieri Adda Lodi.

Si sono innamorati di lui, e lui si è innamorato dell’Italia. “Ci ero già stato nel 2008 – ha detto – e mi incuriosiva l’idea di tornarci. È stata la scelta giusta: la gente è cordiale, rilassata, in futuro non mi dispiacerebbe vivere da queste parti”. Nel frattempo, ha ripagato l’affetto del pubblico conquistando i quarti di finale del Futures di Lodi dopo una facile vittoria contro Filippo Mora, battuto per 6-3 6-0. Un turno diverso rispetto al primo di lunedì, quando Garanganga ha impiegato quasi quattro ore per aver ragione del greco Jakupovic e pure dei crampi. “Sono un amante delle battaglie, quel match mi è servito a prendere confidenza con la terra rossa. Oggi è andata meglio, spero di continuare così. Ogni settimana punto al titolo”. Non potrebbe essere altrimenti per un 24enne che sogna di diventare lo sportivo più famoso nella storia del suo Continente, dentro e fuori dal campo. Intanto, è il miglior tennista dell’Africa nera nel ranking Atp, ma oltre ad ambire all’ingresso fra i top 100 gioca per una causa più nobile. “Mi piacerebbe diventare un modello nel mio Paese, per dare una mano al tennis e allo sport in generale”. È per questo che a 14 anni ha lasciato il piccolo distretto di Mbare, e una delle aspettative di vita più basse del globo, per trasferirsi ad Atlanta (Stati Uniti), dove ha iniziato la sua scalata al tennis che conta. “Ma in Africa torno spesso, la gente mi conosce. Con degli amici stiamo raccogliendo fondi per aiutare i bambini ad avvicinarsi al tennis. Abbiamo fatto tanto, ma c’è ancora molta strada da percorrere”.

In attesa del match serale fra Adelchi Virgili e lo svizzero Yann Marti, che determinerà il prossimo avversario di Garanganga, la giornata ha promosso ai quarti di finale tre azzurri. Alessandro Giannessi e Daniele Giorgini hanno rispettato i pronostici contro l’argentino Martinez e contro Gianluca Di Nicola, mentre Riccardo Ghedin li ha sovvertiti contro lo slovacco Ivo Klec, numero quattro del seeding. Perso il primo set, il laziale ha rimontato uno svantaggio di 4-2 nel secondo parziale (salvando un match-point sul 5-4) e di 3-1 nel terzo, guadagnando il derby con Giannessi. Avanti anche la prima testa di serie Julien Cagnina, che ha rimontato un set a Lorenzo Sonego, e i francesi Gregoire Barrere e Johan Sebastien Tatlot. Il primo non è nemmeno sceso in campo grazie al ritiro di Lorenzo Frigerio, il secondo ha battuto in due set Riccardo Sinicropi. Domani si parte alle 13, con i quarti di finale del singolare e la seconda semifinale del doppio. Ingresso libero e gratuito. Ulteriori informazioni e risultati in diretta sul sito del torneo, www.futurecanottieriadda.it.


TAG: ,

4 commenti

sons of garanganga 04-06-2015 10:12

Takanyi è il n°1

4
Losvizzero 04-06-2015 01:44

:lol:

3
ric 98 (Guest) 03-06-2015 23:22

un match tra lui e adelchi sarebbe stato a dir poco affascinante, purtroppo il nostro si è ritirato

2
gido 03-06-2015 21:18

come direbbe Gaber: bravo Goganga!
Pare un bravo ragazzo: lo ricordo l’anno scorso che aveva promosso un crowd-funding per pagarsi la stagione negli USA..non so come sia poi finita..

1

Lascia un commento