Jannik non raggiunge Matteo in semifinale ATP, Copertina

Australian Open: Sinner si inchina in tre set ad uno Tsitsipas sontuoso

26/01/2022 08:49 308 commenti
Jannik Sinner
Jannik Sinner

Chapeau Stefanos Tsitsipas. Il greco domina Jannik Sinner con una prestazione sontuosa, al limite della perfezione per velocità, aggressività ed efficacia. Lo score del match, 6-3 6-4 6-2, è specchio fedele della partita, dominata dal n. 4 del mondo. Tutto gli riesce, comanda il match col servizio e col diritto, imponendo tempi di gioco rapidissimi e non lasciando spazio e tempo all’azzurro per imbastire il suo tennis in progressione. Sinner non è riuscito a scardinare il tennis del rivale, modesta la sua prestazione in risposta, tanto da non essere mai arrivato a palla break in tutto l’incontro, mentre Stefanos ha sfruttato tutte le 4 palle break strappate.

Sinner esce sconfitto, una dura sconfitta sul piano del gioco. Ma, onestamente, oggi i meriti dell’avversario sono nettamente superiori ai suoi demeriti. Dovrà comunque analizzare questa sconfitta Jannik, per capire dove migliorare contro avversari che non gli lasciano il tempo di imbastire il suo tennis.

Infatti il problema principale di oggi per Sinner è stato il tempo. Jannik ama comandare, costruire il punto imponendo i suoi tempi di gioco, una progressione che imbastisce dopo un colpo aggressivo ma non a tutta. Oggi, purtroppo per lui, Stefanos gli ha rubato completamente il tempo di gioco, l’iniziativa, e Jannik è stato costretto a rincorre e contenere per quasi tutta la partita, spesso anche nei propri turni di servizio. Tutto è nato da una giornata incredibile del greco alla battuta. Ace, servizi vari e profondissimi, sui quali la risposta di Sinner è andata in crisi, mai ha preso ritmo, mai è stata efficace. Quando ha provato ad entrare nella palla con forza, gli scappava via; quando ha provato la soluzione bloccata, gli usciva un po’ corta e troppo centrale, facile preda di uno Stefanos mai così proto nel fare un passo avanti, aggredire la palla e dominare il campo. Sinner non ha trovato equilibrio con la risposta, e questo è stato il motivo principale della sua sconfitta, insieme all’incapacità di “tener fermo” il rivale nello scambio.

Nei loro precedenti diretti (e non solo nella vittoria di Roma), Jannik era riuscito per larghi tratti delle partite ad inchiodare il greco sul lato sinistro, costringendolo a lavorare col rovescio, il suo colpo meno incisivo (anche se stilisticamente splendido), col quale tende a commettere qualche errore e soprattutto perdere profondità. Lì Sinner era stato bravo ad incidere, a fare un passo avanti a spingere, a far correre in difesa estrema Stefanos, ricavando molti punti e facendolo faticare. Una tattica perfetta per togliergli quindi lucidità e smalto anche al servizio. Oggi non c’è riuscito, perché si è scambiato poco ed ha comandato quasi sempre Tsitsipas; e quando s’è scambiato, Jannik ha colpito davvero poco col rovescio, tanto da non esser mai riuscito a prendere fiducia e ritmo col colpo. Sembra assurdo, essendo il rovescio suo colpo più stabile, ma la maggior parte degli errori sono arrivati proprio col rovescio. Forse, dopo aver perso il primo set, avrebbe dovuto rischiarlo immediatamente col lungo linea, anche a costo di sbagliarne alcuni, per dare un segnale al rivale, per mostrargli che era pronto a cambiare la diagonale di scambio per spostarlo da quel lato. Non c’è riuscito, non se la sentiva. Tanto che molti degli errori decisivi, anche su palla break o situazioni critiche come i 30 pari, sono arrivati col rovescio, in scambio, colpi per lui di solito “semplici”. Ma oggi, sotto l’enorme pressione e senza tempo, niente è stato facile per Jannik.

Stefanos ha incantato, un altro giocatore rispetto a quello incerto, poco intenso e falloso visto contro Fritz nel turno precedente. Ha giocato un tennis stellare, completo offensivo, basato su colpi di inizio gioco fantastici. Con la prima ha fatto quel che ha voluto, ma anche in risposta è stato molto incisivo, più dei suoi standard degli ultimi mesi. Velocissimo coi piedi, ha giocato quasi esclusivamente col diritto. Un colpo profondo al centro, poi uno in un angolo ben piazzato e quindi discesa a rete a raccogliere di volo i frutti dell’affondo o altro colpo, nell’angolo scoperto in avanzamento. Tutto col diritto, tutto molto rapido, tutto ben eseguito. Uno schema semplice ma molto efficace, che ricordava a tratti schemi di Sampras o Federer, grandi servizi e attacco forte col diritto. Bello stilisticamente, terribilmente efficace. Scacco matto.

Si ipotizzava che Tsitsipas avrebbe cercato di condurre, per non finire “stritolato” dalla morsa di Jannik, ed è stato bravo a tenere questa tattica, sostenuto da una giornata formidabile sul piano tecnico. Tuttavia non si può non sottolineare che Sinner è un po’ mancato negli aspetti del gioco che poteva (e doveva) controllare. Intanto ha ricavato poco dal proprio servizio. Nei game in cui ha subito il break, la prima non l’ha aiutato, e con la seconda si è fatto aggredire. Quando si è scambiato, solo a tratti è riuscito a far perdere campo al rivale, a buttarlo indietro, bloccarlo in un angolo e “finirlo” con il suo pressing in progressione. Questo perché non è mai riuscito, o solo in rare occasioni, a forzare il gioco sul ritmo. Bravo Tsitsipas, bravissimo, ma Jannik poteva fare qualcosa di più, ha commesso qualche errore di troppo, ha giocato dei diritti interlocutori – per lui non usuali – sui quali Stefanos è entrato a tutta. E addio.

Avrà modo di riflettere su questa sconfitta Sinner, deve farlo. Trovare una via d’uscita quando non riesce ad imporre il suo gioco è necessario per un altro passo di crescita. Giocando contro avversari così forti ti aiuta a capire i tuoi limiti e dove intervenire per provare a superarli. Sfuma così il sogno di due italiani in semifinale, ma resta un buonissimo torneo per Sinner.

Marco Mazzoni

 

Ecco la cronaca del match

Si inizia con Tsitsipas al servizio, molto incisivo e veloce il greco, che muove lo score e pressa subito in risposta. Commette un doppio fallo Sinner sul 40-15, si va ai vantaggi, la prima non lo aiuta. Molto bene Stefanos col diritto, sul primo colpo non profondo il greco ha il tempo per girarsi e sparare accelerazioni pungenti. Con un affondo si procura la prima palla break del match Tsitsipas, e la trasforma, ancora spingendo forte col diritto. BREAK Tsitsipas, cede la battuta Jannik da 40-15, totalmente assente la prima di servizio. Lavora bene lo scambio il greco, è molto reattivo, vola 3-0. L’azzurro in quest’avvio non riesce ad incidere col rovescio o inchiodare sul rovescio il rivale. Finalmente Sinner trova la prima di servizio ed il rovescio, colpi fondamentali per far esplodere il suo tennis. A zero vince il suo primo game del match, 1-3. L’azzurro è entrato in partita, gioca qualche colpo ottimo (come il clamoroso passante di rovescio lungo linea sul 3-1 15 pari), non concede nulla al servizio (due game vinti a zero), ma la partita scivola via veloce sui turni di servizio, non riesce ad incidere in risposta per riaprire il parziale. Stefanos è perfetto nello schema servizio esterno e via diritto in avanzamento, è rapidissimo a spostarsi a sinistra e coprire il rovescio. Sul 2-5, Sinner serve con grande scioltezza, senza problemi si porta 3-5. Tsitsipas serve per chiudere il primo set. Commette un doppio fallo, per il 15 pari, poi Jannik affossa una brutta risposta col rovescio su di una seconda non così incisiva. Stefanos ringrazia, spinge col diritto e chiude di volo. 40-15, due Set Point. Molto aggressivo col diritto Sinner sulla prima, ma Tsitsipas chiude la seconda, con una bella prima al centro. 6-3 in 36 minuti. Un set meritato per il greco, bravo a partire fortissimo, operare il break e scappare via, comandando il gioco col diritto. Sinner è entrato in partita, deve trovare la chiave per incidere in risposta.

Secondo set, Sinner to serve. Lavora bene con la prima palla (un Ace), trova angoli stretti col diritto e col rovescio. 1-0. Anche Tsitsipas vince il suo primo gioco senza problemi, molto incisivo col servizio. Purtroppo per l’azzurro nel terzo game l’equilibrio si rompe. Sbaglia un rovescio lungo linea non impossibile, da sinistra Jannik non gira come nelle giornate migliori; quindi fa sorprendere da un’accelerazione di Stefanos, bravo a passare da difesa ad attacco. 15-30. Finalmente impone il suo pressing Sinner, 30 pari, ma poi il greco infila un rovescio lungo linea vincente splendido, uno strappo improvviso che lo porta a palla break, la prima del set. Non entra la prima a Sinner… Stefanos risponde profondo, siamo sulla diagonale di rovescio, ed è Jannik il primo a sbagliare, una palla non ben centrata che muore in mezzo al corridoio. BREAK Tsitsipas, avanti 2-1 e servizio. Male Sinner da lato sinistro, stranamente non è né efficace né preciso, non ne ha giocati molti nel match, sembra non riuscire a prendere ritmo sul suo colpo più sicuro. Dopo il cambio di campo il gioco si ferma, sta piovendo sul campo nonostante ci sia anche il sole. La pioggia era prevista per la giornata odierna, ma in serata. Si chiude il tetto. Finalmente si riprende dopo una ventina abbondante di minuti, con un nuovo riscaldamento dei tennisti e palle nuove. Serve Stefanos, l’interruzione non sembra aver interrotto il suo eccellente “flow” grazie al quale aveva dominato il match prima della pausa. È Jannik a vincere il primo punto, bell’angolo, ma servizio + diritto di “TsiTsi” tornano immediatamente a lavorare alla perfezione. Non incide in risposta Sinner, prova ad entrare nella palla ma gli scappa via; se blocca la risposta, gli esce un po’ corta ed è svelto l’avversario a fare un passo avanti, aggredire e dominare il campo. Il set scorre rapido sui turni di servizio, in risposta si vince massimo un punto fino al 5-3. Jannik serve per restare nel set. Vola 40-0, colpi aggressivi e molto efficaci per Jannik, quindi Tsitsipas trova una risposta di diritto micidiale e quindi un altro diritto cross velocissimo. Poche volte il greco è stato così pronto all’affondo, fasi interlocutorie di gioco azzerate. Con un’altra accelerazione potente chiude il game Jannik, resta in scia 4-5, ora il greco è chiamato a chiudere il parziale. È una macchina al servizio oggi, la prima al centro è quasi imprendibile, quella esterna flirta con la riga da inizio match. 30-0. Con orgoglio Jannik strappa il punto in scambio, 30-15, ma sbaglia una risposta non impossibile, ancora su di una seconda di servizio (qualche errore di troppo in questa situazione). Due Set Point Tsitsipas. Cancella il primo con un cambio di ritmo Jannik dopo un back molto intelligente. Stecca col diritto Sinner, dopo aver trovato una risposta profondissima. 6-4 Tsitsipas, altro set molto ben condotto dal greco: super offensivo, velocissimo sia coi piedi che come tempi di gioco. Jannik è salito rispetto al primo set, ma non riesce ad incidere in risposta.

Terzo set, Sinner scatta alla battuta. Non cambia il canovaccio del match, ma nemmeno l’inerzia, tanto che nel terzo game l’azzurro è di nuovo alle corde. Il diritto di Tsitsipas fila come un lampo, tempo d’impatto spettacolare, sia dalla sua “piazzola” sulla sinistra che anche in corsa, come quello meraviglioso che lo porta 0-30. Incontenibile. Col servizio Jannik cerca di arginare lo tsunami del greco, ma sul 15-30 Stefanos trova un passante lungo linea di rovescio in corsa da applausi. Troppo bravo, perché Sinner aveva fatto tutto bene dal punto di vista tattico. Guarda il suo team quasi incredulo… tanto era bello e difficile il colpo. Due palle break per Tsitsipas. Si scambia, il primo a sbagliare è Jannik, un diritto in scambio banale. BREAK Tsitsipas, travolgente, in controllo del match. Sotto di due set ed un break, Sinner non crolla, trova una giocata da campione e porta il game ai vantaggi. Si butta avanti il greco, tutto gli riesce, anche di volo (dove non sempre è perfetto). Consolida il vantaggio sul 3-1, e continua a martellare col diritto in risposta. Tutto gli riesce, anche delle risposte agganciate con la punta della racchetta che restano magicamente in campo, esattamente nell’angolo. 0-30, Jannik è di nuovo spalle al muro. Un’altra risposta fantastica provoca l’errore di Jannik all’uscita dal servizio. 15-40, due palle del doppio break. Sparacchia largo l’azzurro, ormai di pura frustrazione. 4-1 “pesante” per Tsitsipas, che ormai vede lo striscione del traguardo sul rettilineo. Si un amen siamo 5-1. Serve per chiudere il greco sul 5-2. Si procura un match point sul 40-30. Chiude subito, largo un rovescio di Jannik, oggi sotto tono col suo colpo più sicuro. Game Set Match Tsitsipas. Alza le braccia al cielo, si è meritato un’altra semifinale in Australia con un match meraviglioso, praticamente perfetto. Applausi. Ora aspetta il vincente di Medvedev – Auger Aliassime. Che prestazione Stefanos, tennis magnifico.

 

 

GS Australian Open
J. Sinner [11]
3
4
2
S. Tsitsipas [4]
6
6
6
Vincitore: S. Tsitsipas

4 Aces 4
1 Double faults 2
64 % 42/66 1st serve in 68 % 53/78
71 % 30/42 Win 1st serve 79 % 42/53
54 % 13/24 Win 2nd serve 60 % 15/25
0 % 0/0 Break points won 100 % 4/4
67 % 4/6 Net points won 59 % 10/17
24 % 19/78 Receiving points won 33 % 22/66
18 Winners 30
0 Return winners 2
22 Unforced errors 28
5 Return unforced errors 0
64 Total points won 80
209 kmh Fastest serve 216 kmh
186 kmh 1st Serve Average 199 kmh
146 kmh 2nd serve average 159 kmh


TAG: , , ,

308 commenti. Lasciane uno!

Paolo S (Guest) 27-01-2022 16:23

@ TOROROSSO (#3053588)

Campioni lo sono già!!!

308
Replica | Quota | 0
Bisogna essere registrati per votare un commento!
businness_rovinasport 27-01-2022 16:05

Scritto da Gian
Sul cemento devi avere un servizio che ti venga in aiuto per cercare di mantenere i tuoi turni anche quando subisci il gioco del tuo avversario. In certi momenti, quando gli altri giocano meglio di te, puoi solo allungare la partita sperando che giri.
Oggi e’ stato tutto troppo veloce, il Greco e’ partito a tavoletta e non ha mai rallentato.

faccio presente che il 20.nne Sinner ha GIA’ il record italiano di tornei atp vinti sul cemento. ha tutte le caratteristiche tecniche fisiche (il fisico non si misura dalla massa per i tanti che fanno confusione) agonistiche ma soprattutto mentali che lo faranno un campione sicuro specialmente sul cemento.
da precisare che prima di questa sconfitta arrivava da una striscia di 9 vittorie sempre su cemento ed ha la più elevato rapporto W/L tra tutti i tennisti italiani attuali e del passato (attendo smentite da quelli che deve imparare deve cambiare deve crescere o peggio non sarà mai…)

307
Replica | Quota | 0
Bisogna essere registrati per votare un commento!
Caronte 27-01-2022 11:37

@ Muddy Waters (#3052905)

La barca è già pronta a traghettare sull’Acheronte!!!
A presto!!!

306
Replica | Quota | 0
Bisogna essere registrati per votare un commento!
Franco (Guest) 27-01-2022 08:33

Bisogna premettere che Tsitsipas ha fatto una partita eccellente e Sinner non è riuscito a trovare le contromisure.
Detto questo penso che il gap che Jannik deve colmare coi primissimi sia l’aspetto fisico, si vede bene che gli altri top sono già strutturati fisicamente, mentre lui, data anche l’età, è ancora “esile” se così lo si può definire, con gli altri giocatori domina lo scambio per la sua superiorità nel gioco, con i più forti spesso lo subisce.
Io credo che tra qualche tempo, unito al fatto che migliorerà di certo alcuni aspetti del gioco(servizio e gioco di volo), vincerà anche queste partite.

305
Replica | Quota | 0
Bisogna essere registrati per votare un commento!
pablox 27-01-2022 08:00

Scritto da Old Sandro
Saro’ vecchio anzi lo sono,ma continuo a non capacitarmi di quanto sia facile per qualche forumista far calare dall’alto non semplici opinioni bensi’ sentenze.Sulla base di quale dimostrabile supercompetenza o quale enorme carriera tennistica si possa dare del mediocre a un giocatore fra i primi cento al mondo o addirittura fra i trenta come Sonego per me e’ ridicolo.Avete idea di quante probabilita’ abbia uno che inizia a giocare a tennis di arrivare dove sono loro.Non avete verificato come sia gia’ difficile vincere il titolo nel proprio circolo di tennis?Sono stato un tennista azzardo a dire discreto ma non ci sono mai riuscito perche’ ce n’era sempre almeno uno piu’ bravo di me.Fra questi ci fu Giordano Maioli che in seguito fu campione italiano.Ricordo Merlo, Gardini,Tacchini,Palmieri,Di Matteo giocatori di cui andavamo fieri anche se erano lontanissimi dall’eccellenza.Ora avverto un certo malcelato disprezzo per uno come Sinner gia’ nei dieci a venti anni.Nemmeno nei miei sogni piu’ sfrenati avrei potuto concepire una cosa simile.Va beh! Ognuno
dia via libera alle proprie frustrazioni.

Post da incorniciare 😎

304
Replica | Quota | 1
Bisogna essere registrati per votare un commento!
+1: Giampi
Lo Scriba 26-01-2022 23:18

Scritto da MAURO

Scritto da jimbo
mettetevi in testa che al di fuori di rafa c’e’ il nulla domenica 30 gennaio si fa’ la vera storia del tennis rod laver consegnera’ al piu’ grande sportivo della storia (con phelps) la 21 coppa slam come UOMO e come CAMPIONE TUTTO CIO CHE SI DICE IN QUESTI SOCIAL E’ PURO BLA BLA

Ma sei tanto fiducioso vedo. Sul fatto che sia il più grande sportivo della storia non ci piove. Ma vincere il torneo mi sembra piuttosto complicato. Speriamo che tu abbia ragione. Anche se dovesse non vincere sarebbe comunque il più grande UOMO sportivo della storia.

Ma perché essere riduttivi?
Diciamo il più grande UOMO della storia di tutto l’universo, anzi, di tutti i multiversi.

303
Replica | Quota | 3
Bisogna essere registrati per votare un commento!
+1: il capitano, Monsss, businness_rovinasport
supermagnus 26-01-2022 22:57

Scritto da Fausto Cat

Scritto da Losvizzero
Guardacaso oggi è stato sontuoso… Tsitsipas ha fatto una gran partita quello che dovrebbe fare giustamente ogni giocatore per vincere e lha fatta grazie anche all avversario che gliel’ha lasciata fare.
Una delusione cocente questa

Concordo.
In effetti da Sinner mi sarei aspettato quello che FAA ha fatto oggi contro Medvedev.

BRAVO, ed aggiungo io ,ho quello che ha fatto shapo con natale,HANNO VENDUTO CARA LA PELLE e sono stati competitivi,anche TARO e’ stato piu competitivo di js e questa debacle netta è frutto di errori ,bisogna capire quali anche se io ho la mia idea

302
Replica | Quota | -1
Bisogna essere registrati per votare un commento!
-1: businness_rovinasport
Old Sandro (Guest) 26-01-2022 21:48

Saro’ vecchio anzi lo sono,ma continuo a non capacitarmi di quanto sia facile per qualche forumista far calare dall’alto non semplici opinioni bensi’ sentenze.Sulla base di quale dimostrabile supercompetenza o quale enorme carriera tennistica si possa dare del mediocre a un giocatore fra i primi cento al mondo o addirittura fra i trenta come Sonego per me e’ ridicolo.Avete idea di quante probabilita’ abbia uno che inizia a giocare a tennis di arrivare dove sono loro.Non avete verificato come sia gia’ difficile vincere il titolo nel proprio circolo di tennis?Sono stato un tennista azzardo a dire discreto ma non ci sono mai riuscito perche’ ce n’era sempre almeno uno piu’ bravo di me.Fra questi ci fu Giordano Maioli che in seguito fu campione italiano.Ricordo Merlo, Gardini,Tacchini,Palmieri,Di Matteo giocatori di cui andavamo fieri anche se erano lontanissimi dall’eccellenza.Ora avverto un certo malcelato disprezzo per uno come Sinner gia’ nei dieci a venti anni.Nemmeno nei miei sogni piu’ sfrenati avrei potuto concepire una cosa simile.Va beh! Ognuno
dia via libera alle proprie frustrazioni.

301
Replica | Quota | 4
Bisogna essere registrati per votare un commento!
+1: pablox, La Veronica, businness_rovinasport, Giampi