Trionfo di Nadal ATP, Copertina

Roland Garros: Rafael Nadal domina Novak Djokovic e conquista il 13 esimo titolo a Parigi e il 20 esimo dello Slam (con il video della finale)

11/10/2020 20:24 221 commenti
Rafael Nadal classe 1986 e  n.2 del mondo
Rafael Nadal classe 1986 e n.2 del mondo

Rafael Nadal è ancora una volta il Campione di Parigi.
Nell’ultimo atteso atto del Roland Garros, lo spagnolo ha spazzato via senza troppi complimenti Novak Djokovic in tre set, 6-0 6-2 7-5. Con l’incredibile 100a vittoria in 102 partite disputate sulla terra parigina, il mancino di Manacor si è assicurato il torneo per la 13a volta, agganciando Roger Federer a quota 20 Slam nella classifica di tutti i tempi.

Nel suo inedito formato autunnale, la finale dell’ultimo Slam stagionale era iniziata sotto i migliori auspici in termini di spettacolo, con i due capofila del circuito a rispondersi colpo su colpo nei primi giochi. Il break in apertura dell’iberico è però stato preludio alla sua dirompente cavalcata verso il trionfo, con il serbo a salvare il servizio solo in avvio di secondo set. Anche nella seconda frazione non c’è tuttavia stata partita e Nole è apparso poco determinato.

Nel terzo e decisivo parziale, il 33enne di Belgrado è finalmente apparso più propositivo, insidiando il mancino di Manacor che ha perso per la prima volta il servizio nel sesto gioco. Djokovic si è solo illuso di poter tornare in partita, prima di vanificare tutto con un mortale doppio fallo nell’undicesimo gioco, che ha spalancato le porte del successo a Nadal.

GS Roland Garros
Novak Djokovic [1]
0
2
5
Rafael Nadal [2]
6
6
7
Vincitore: Rafael Nadal


TAG: , , ,

221 commenti. Lasciane uno!

zambro75 (Guest) 12-10-2020 18:50

@ tinapica (#2630158)

Non male ….potrebbe andare….

221
Replica | Quota | 0
Bisogna essere registrati per votare un commento!
tinapica 12-10-2020 14:44

@ zambro75 (#2629982)

Già chiesi venia a chi me lo fece notare prima di lei portando a, probabilmente inutile e tardiva, giustificazione il fatto di aver scritto alle 4 del mattino sbagliando a fidarmi della mia memoria.
Ma se la mia colpa è tanto grave valuterò di espiare diversamente…un paio d’ore in ginocchio sui ceci nell’angolino più buio ed umido di casa mia potrebbero soddisfarla?

220
Replica | Quota | 1
Bisogna essere registrati per votare un commento!
+1: il capitano
zambro75 (Guest) 12-10-2020 12:20

@ RAFA GOAT (#2629527)

se aspetta e spera….forse le Finals delle Leggende a 50 anni vince…oppure magari l’Atp fara’ in modo di fargliele vincere

219
Replica | Quota | 0
Bisogna essere registrati per votare un commento!
zambro75 (Guest) 12-10-2020 12:15

@ tinapica (#2629763)

Volevo correggere questo commento. A Nadal mancano Bercy e Miami . Cincinnati vinto nel 2013. Prima di scrivere dovreste essere piu’ informati.

218
Replica | Quota | 0
Bisogna essere registrati per votare un commento!
Annie (Guest) 12-10-2020 11:43

@ Volevo la Wip (#2629551)

Scusate, ma questo ritornello ormai ripetuto a memoria mi sembra un luogo comune usato come slogan anti Djokovic..che Nole non sia amato perché si è inserito nella rivalità Roger/Rafa non è credibile, visto che non stava scritto negli annali del tennis che nessuno più forte di loro avrebbe potuto spuntare all’orizzonte, come e’ invece evoluzione naturale di tutti gli sport. Certo, per i loro tanti appassionati è stata una doccia fredda e quindi per loro Nole “ha rotto le uova nel paniere” e non può stare certo simpatico, rinfacciando al serbo tutti i difetti più terribili che esaltano la sua grandezza avendo continuato a batterli, tanto da essere davanti a Roger nei testa a testa e credo anche con Rafa, o forse pari dopo ieri. Ma quello che sta succedendo nella nostra fase tennistica non può diventare né fisso negli anni né valido per tutti, e sottolineare e estendere al mondo i propri sentimenti, meglio sentimentalismi, voler sempre sfuggire ai concreti dati attuali è sempre opinabile, credibile per chi ci crede e ci si aggrappa, e lascia il tempo che trova. Certo, la 13esima di Rafa passerà alla storia, Nole a Wimbledon 2019, i 20 slam (per ora) di Rafa e Roger, il numero assurdo di 1000 di Nole su tutte le superfici dove è solo e senza rivali..quindi ce n’è abbondantemente per tutti e tre, per esaltarci e senza dover sempre invece preferire di screditare gli altri o imporre un ordine di meriti che davanti a questi numeri e’ quasi ridicolo e sicuramente antisportivo. Poi se Nole batte un campione come Roger è perché sicuramente qualcosa in più si è inventato o ha dimostrato, visto che Roger non era lì a cedere davanti al primo noioso banale sprovveduto, quindi cade anche il discorso che il tennis di Nole non ha aggiunto niente, chiedetelo a Roger e Rafa, che se ne intendono più di noi..poi al Rolando ieri Nole non ha trovato scappatoie, e si è inchinato all’esperienza del “cultore” di questa terra, di chi ha rinunciato a NewYork per dedicarsi esclusivamente al suo record puntando tutto su questo..Nole per ora si lancia su tutto, non ha ancora un orto privato da coltivare, ha un tennis a 360 gradi che vuole sperimentare mettendosi alla prova dappertutto, pur con le inevitabili (accettate e consapevoli) sconfitte.

217
Replica | Quota | 0
Bisogna essere registrati per votare un commento!
tinapica 12-10-2020 10:26

@ ph (#2629390)

Post Scriptum alla mia replica di questa notte quando, per l’ora tarda ed il fatto che conosco praticamente a memoria la razzia attuata dal Cannibale quando divorava il mondo a pedali, confesso di non aver letto con attenzione l’elenco riportato, a cui faccio 3 appunti.
Innanzitutto mancano 2 Giri di Lombardia; invece, al loro posto compaiono la corsa olandese della birra (all’epoca -ma per me ancor oggi- non era certamente considerata ed ambita quanto le vere Grandi Classiche, che sono le Monumento con l’aggiunta della sola Freccia Vallone…al limite anche della Paris Tours che, se ben ricordo, è la sola preda sfuggita alle fauci del Cannibale) e la Gent-Wevelgem che sono di prestigio inferiore, seppur tra di loro diverso (la corsa belga ha una Storia che quella olandese può solo sognarsi ma qui subentrarono questioni di geopolitica ciclistica per cui l’Olanda non poteva restare esclusa dalle prove della fu Coppa del Mondo, mentre il Belgio ne aveva già due).
Inoltre non è corretto scrivere “10 Giro+Tour”perché di accoppiate nello stesso anno Merckx ne portò a compimento “solo” 3 (poveretto…) quindi casomai andrebbe scritto “3 Giro+Tour, + 2 Giri, + 2 Tours”. Infine, se non erro tre mondiali li hanno vinti anche Binda, Freire e, soprattutto, Sagan (consecutivamente!).
Quel che rende Merckx superiore, a chiunque altro, non è il numero di vittorie per singola corsa (dove lui primeggia in solitaria solo a Sanremo e a Liegi) ma il fatto che lui abbia (più volte) dominate alla sua maniera tutte le corse (tranne appunto la Paris-Tours, ma in compenso anche il mondiale dilettanti, il Grand Prix des Nations -altro che un mondiale a cronometro di 31,7 chilometri…- , il primato dell’ora…) di cui basterebbe essere vincitore una sola sporadica volta in carriera per potersi a buon diritto affermare nella Storia del ciclismo.

216
Replica | Quota | 0
Bisogna essere registrati per votare un commento!
Francesco (Guest) 12-10-2020 09:56

Scritto da Losvizzero
@ Haas78 (#2629464)
@ Francesco (#2629494)
Raccontare cosa? La verità? Io la so siete voi che fate sempre fatica ad accettarla. Forse per complesso di inferiorità rispetto al Re non lo so. Addirittura c’è che pensa che esista qualche tifoso di Federer che è invidioso di Djokovic penso che non ne esista uno al mondo sano di mente
Probabilmente Francesco deve avere 11 anni come quel commentatore seriale tifoso di Djokovic perchè non ha manco capito cosa ho scritto. Nessuno ha detto che Nadal vince per la fortuna. Nadal è tanto forte quanto fortunato. Nella classifica dei tennisti più fortunati sicuramente è in cima. Tra righe prese, reti e punti, tabelloni facili, sfortune degli altri ( incredibile quando Djokovic toccò la rete, aveva già vinto lo slam ), addirittura più di una volta gli eventi atmosferici giocarono a suo favore interrompendo le partite. Avere culo non è una cosa disdicevole, dopato lo è.. Ne avessi io 1/10000000 della sua fortuna

Sì vai a rosicare in silenzio bravo…se la metti sul piano della fortuna allora potrei risponderti quanto ha avuto il primo infortunio serio roger?? A 33 anni quando aveva già vinto di tutto e di più!!! Se non è fortuna quella…oppure quando è esploso nole roger quanti Slam aveva ??? 16 se non ricordo male mentre nadal 9, quindi lo spagnolo ha dovuto vincere la metà e passa dei suoi Slam con il vero nole in circolazione, roger solo 4…la fortuna ha baciato anche roger ma sei troppo rosicone e antisportivo per ammetterlo.
Ps:tu ne hai 10 di anni???

215
Replica | Quota | 0
Bisogna essere registrati per votare un commento!
tinapica 12-10-2020 09:15

Riguardo a Parigi 2 – al coperto, anche se lo ritengo un torneo di un certo prestigio, non penso abbia dignità di appartenenza a quella manciata di tornei che, pur minori, per Storia e prestigio di albo d’oro, possono nobilitare una carriera. Certamente lo metto su un gradino più alto di Madrid e Shanghai.
Però, evidentemente, non potevo scrivere che nel personale mappamondo nadaliano mancasse proprio la bandierina su Parigi!
Anche Federer ha la -a mio parere- grave lacuna del Queen’s ma non posso certo affermare che non abbia espugnata Londra!

214
Replica | Quota | 0
Bisogna essere registrati per votare un commento!
tinapica 12-10-2020 09:02

Ringraziandovi di aver corretto, vi chiedo venia. Ma anche comprensione: erano le 4 del mattino e sbagliai a fidarmi della mia memoria. Basta sostituire Miami a Cincinnati e confermo quel che scrissi.

213
Replica | Quota | 0
Bisogna essere registrati per votare un commento!
rino (Guest) 12-10-2020 08:10

lasciamo da parte il tifo ieri nadal ha dato una lezione di tennis

212
Replica | Quota | 0
Bisogna essere registrati per votare un commento!
gio’ (Guest) 12-10-2020 07:43

Scritto da tinapica
@ Francesco (#2629500)
Tifando Federer penso che non siano i numeri ma i nomi a contare di più. Discorrendo di nomi di località, a Federer purtroppo mancano Monte-Carlo e Roma mentre a Nadal manca solo Cincinnati.
Parlando di nomi propri di famiglia e di relativi possedimenti, a Nadal riuscì di sconfiggere Federer a “casa sua” mentre a Federer mai è riuscito di restituirgli il favore.
Per questo mi sento di affermare che Nadal è più forte di Federer, non per i numeri.
Però le emozioni e le gioie estatiche che mi dà Federer quando gioca come sa giocare neanche lontanamente il miglior Nadal può suscitarle.

Mmhhh… Ripassati un po’ i palmares…
Nadal Cincinnati l’ha vinto una volta. Non ha mai vinto Miami e Bercy.
Poi anche a Shanghai risulta vincitore, ma si giocava ancora a Madrid (in autunno, su cemento indoor)…

211
Replica | Quota | 1
Bisogna essere registrati per votare un commento!
+1: il capitano
Christian1980 12-10-2020 07:41

Scritto da tinapica
@ Francesco (#2629500)
Tifando Federer penso che non siano i numeri ma i nomi a contare di più. Discorrendo di nomi di località, a Federer purtroppo mancano Monte-Carlo e Roma mentre a Nadal manca solo Cincinnati.
Parlando di nomi propri di famiglia e di relativi possedimenti, a Nadal riuscì di sconfiggere Federer a “casa sua” mentre a Federer mai è riuscito di restituirgli il favore.
Per questo mi sento di affermare che Nadal è più forte di Federer, non per i numeri.
Però le emozioni e le gioie estatiche che mi dà Federer quando gioca come sa giocare neanche lontanamente il miglior Nadal può suscitarle.

Forse Miami dove ha perso 4 finali.
Cincinnati fu espugnata nel 2013 🙂

210
Replica | Quota | 0
Bisogna essere registrati per votare un commento!
tinapica 12-10-2020 04:15

@ il capitano (#2629614)

Come sarebbe su UNO giocato? Non mi risulta proprio che Thiem abbia disputato un solo Torneo Maggiore…Topo Gigio, per via delle orecchie, è lui, vero?

209
Replica | Quota | 0
Bisogna essere registrati per votare un commento!
tinapica 12-10-2020 04:10

@ Raul Ramirez (#2629564)

Tutti quei nomi la giocarono con entusiasmo solo per i soldoni che ha sempre messo in palio. Così come i grandi nomi contemporanei.
Uso il femminile perché uno spettacolo tennistico dove ad una sconfitta non segua immediata eliminazione non è un torneo ma solo un’esibizione.
La vera Fama in questo gioco la si conquista coi 4 Tornei Maggiori e con un numero di tornei minori racchiuso in un paio di manciate.
Una volta poi c’era anche la Coppa Davis ma quella ormai è solo sui libri di Storia.

208
Replica | Quota | 0
Bisogna essere registrati per votare un commento!
tinapica 12-10-2020 03:58

@ Francesco (#2629500)

Tifando Federer penso che non siano i numeri ma i nomi a contare di più. Discorrendo di nomi di località, a Federer purtroppo mancano Monte-Carlo e Roma mentre a Nadal manca solo Cincinnati.
Parlando di nomi propri di famiglia e di relativi possedimenti, a Nadal riuscì di sconfiggere Federer a “casa sua” mentre a Federer mai è riuscito di restituirgli il favore.
Per questo mi sento di affermare che Nadal è più forte di Federer, non per i numeri.
Però le emozioni e le gioie estatiche che mi dà Federer quando gioca come sa giocare neanche lontanamente il miglior Nadal può suscitarle.

207
Replica | Quota | 1
Bisogna essere registrati per votare un commento!
+1: il capitano
tinapica 12-10-2020 03:44

@ SlamdogMillionaire (#2629447)

Certi 1.000 (cioè escludendo Madrid e Shanghai) a mio parere contano molto più delle settimane in cima ad una classifica, tanto più che quella di quest’anno è pesantemente falsata dall’anomalia di aver mantenuti i punti dell’anno prima anche per i tornei che si sono potuti disputare.

206
Replica | Quota | 1
Bisogna essere registrati per votare un commento!
+1: il capitano
tinapica 12-10-2020 03:39

@ Losvizzero (#2629436)

Anche se alla vigilia condividevo il parere per cui il tabellone di Djokovic fosse molto più facile di quello di Nadal, poi, alla luce delle eliminazioni “premature” e degli avversari effettivamente incontrati, credo che i loro cammini verso la finale siano stati eugualmente difficoltosi (cioè meno di quello di Thiem che forse ha pagato anche questo scotto, oltre al maggior impegno profuso a Flushing Meadows).
Proprio per questo la scoppola inflitta dal Maiorchino al Serbo mi impressiona vieppiù.

205
Replica | Quota | 0
Bisogna essere registrati per votare un commento!
tinapica 12-10-2020 03:30

Scritto da Rumbo

Scritto da ph

Scritto da Papillon
Da federeriano dico che il record di Nadal a Parigi è probabilmente il più inarrivabile tra tutti i records sportivi e tra 8 mesi sarà ancora il grande favorito

ma no dai, ne metto qualcuno
il palmares di MERCKX lo hai mai visto? veramente guardalo, vai su wikipedia e metti eddy merckx
PHELPS 23 ori alle olimpiadi? si nuoto, si questo, si l’altro, ha più del doppio sul secondo https://it.wikipedia.org/wiki/Sportivi_con_il_maggior_numero_di_medaglie_olimpiche
Teddy Riner 9 anni senza perdere sul tatami.
Pele!
chi decide? tu? nadal ha vinto 13 volte qui, phelps 21 la e merckx, ripero, vallo a vedere il palmares

Scusa ma come fai a paragonare i record di uno sport come il tennis con altri sport?
Vincere un singolo torneo dello Slam è secondo me più difficile che vincere un oro in una gara di nuoto.
Anche quelli sono comunque record eccezionali. Come l’imbattibilità ad esempio di Edwin Moses per non so quante gare consecutive o i 10 titoli in 11 anni dei Boston Celtics degli annni 60… Infatti abbiamo scritto che 13 Roland Garos rientrano in questa categoria, di record eccezionali che forse nessuno riuscirà a battere in futuro.
I record di Mercxk mi sembra rientrino in questa categoria, ne ciclismo di oggi difficile pensare a un corridore capace di fare l’accoppiata tour/giro nwll ostesso anno e poi anche le classiche.
Mentre già il record di Phelps, per quanto straordinario, mi sembra comuque battibile, in futuro probabilmente da un altro nuotatore che partecipi a più gare contemporaneamente – senza dimenticare che l’americano ha vinto diversi ori anche grazie alle staffette della squadra americana, che in molti casi avrebbe comunque vinto l’oro anche senza il pur straordinario Phelps

Ma vincerne 5…6…7…8! nella stessa edizione delle Olimpiadi, vincendone comunque per 4 Olimpiadi di seguito, è un’impresa anche più estrema di fare il Grande Filotto dei 4 Tornei Maggiori nello stesso anno solare, quindi certamente ben superiore alla vittoria di uno solo di questi Tornei; almeno a mio parere.
P.S.: molto, da me, apprezzata la citazione del grandissimo Edwin Moses, di cui troppe volte viene dimenticata la dimensione leggendaria.

204
Replica | Quota | 0
Bisogna essere registrati per votare un commento!
tinapica 12-10-2020 03:18

Scritto da ph
tennisti il palmares di Merckx non lo conoscete,
allora lo metto io,
pensate a maradona a bartali e Ali bei nomi da poster ecc ecc:
https://it.wikipedia.org/wiki/Eddy_Merckx
445 vittorie da pro.
5tour
5giri
1vuelta
7 sanremo
2 fiandre
3 roubaix
5 liegi bastogne
3 freccia
3 gand
2 amstel
1 giri di svizzera+1 romandia
111 giorni in maglia gialla!!!!!!!!!!!! e 34 tappe viente al tour
77 in rosa e 25 tappe al giro
assolutamente impossibile
attualmente
vincere 10giro+tour
e 7 sanremo e 3 mondiali su strada
non ci riuscirà mai più nessuno!
e sono record ottenuti tra il 1966-1975
non nel 1800

Quello era un altro ciclismo…quello era IL ciclismo, senza radioline a preordinare i comportamenti in corsa, senza le assurde medie orarie che adesso frustrano ogni tentativo di fuga solitaria (gli ultimi a riuscirci Contador, Froome…ma con distacchi che all’epoca di Merckx si verificavano ordinariamente e ad opera di nomi di secondo piano), su percorsi che sembravano di guerra per la lunghezza e le difficoltà proposte (di fronte a cui, se si sommavano quelle meteorologiche, pioggia, vento o neve che fosse, non si batteva ciglio e si continuava a gareggiare fino al traguardo, dello sfinimento).
Tutto questo dalla fine degli anni ’80 non c’è più e perciò, ancor prima che per l’improbabilità che nasca un altro Merckx, i primati del Cannibale resteranno inarrivabili.
Questo però non deve sminuire le leggende di Federer che sta ai vertici da più 3 lustri, o di Nadal che lo segue di un’incollatura, ed anche di Djokovic che in un arco temporale minore ha saputo quasi eguagliare (e per certi versi superare) quegli altri due mostri, giocandoci contro.
In fondo Merckx faceva un po’ “corsa a sé”, dato che grandissimi Campioni come Gimondi, Ocagna (non riesco a scrivere la tilde…), Fuentes…possono essere tutt’al più paragonati a Murray. Quel che più mancò a Merckx, a voler ben vedere, fu proprio un rivale alla sua altezza. Certo: non era colpa sua se nessuno era alla sua altezza…

203
Replica | Quota | 0
Bisogna essere registrati per votare un commento!
tinapica 12-10-2020 03:14

CHIEDO SCUSA PER QUESTO COMMENTO RIPETUTO: VOLEVO RISPONDERE A PH E NON SO COME MAI MI HA RIPROPOSTO IL COMMENTO PRECEDENTE

Scritto da Aramis

Scritto da Beh
@ Aramis (#2629336)
Se le leggende viaggiano in coppia forse potresti avere ragione, ma in generale no secondo me.

Eh sì !
Sembra proprio che alle “leggende” piaccia viaggiare su una decappottabile con due soli posti a disposizione.
Maradona e Pelé
Larry Bird e Magic Johnson
Muhammad Ali e Joe Frazier
Coppi e Bartali
Senna e Prost
Fischer e Spasskij
E l’elenco potrebbe continuare…

L’elenco è un po’ strano…piuttosto disomogeneo e discronico…
si va da Larry Bird e Magic Johnson che stabilirono sicuramente la rivalità tra i più forti degli anni ’80 (anche se Doctor J avrebbe qualcosa da obbiettare a riguardo), ma che furono poi superati di gran lunga da Michael Jordan nel decennio successivo (e discorso simile si può fare per Coppi e Bartali, surclassati da Eddy Merckx un ventennio dopo), a Maradona e Pelè che probabilmente sono i più forti giocatori ad aver calcato un campo da calcio ma che non avendo condiviso la stessa epoca agonistica non possono essere messi sul piano di una rivalità dualistica.
Insomma, si deve scegliere un criterio di classificazione e mantenerlo: o si elencano le più grandi rivalità sportive della storia (in tal caso è quasi scontato che si facciano coppie di nomi) o si cerca di stabilire chi abbia dominata la propria disciplina più di ogni protagonista in ogni epoca, ed allora nomi singoli, a coppie, a terzetti ed anche in gruppi più numerosi possono benissimo essere citati.
Per quanto riguarda il giuoco della racchetta, allo stato attuale delle vittorie ottenute, del loro numero, della loro perentorietà e dei nomi avversari sconfitti, non inserire Djokovic tra le leggende a me pare (nell’ipotesi più innocentista) un colossale abbaglio.
Ciò scritto da me che tifo Federer e ieri “tifavo” (in questo caso è una parola un po’ troppo impegnativa…) per Nadal.

202
Replica | Quota | 0
Bisogna essere registrati per votare un commento!
tinapica 12-10-2020 02:51

Scritto da Aramis

Scritto da Beh
@ Aramis (#2629336)
Se le leggende viaggiano in coppia forse potresti avere ragione, ma in generale no secondo me.

Eh sì !
Sembra proprio che alle “leggende” piaccia viaggiare su una decappottabile con due soli posti a disposizione.
Maradona e Pelé
Larry Bird e Magic Johnson
Muhammad Ali e Joe Frazier
Coppi e Bartali
Senna e Prost
Fischer e Spasskij
E l’elenco potrebbe continuare…

L’elenco è un po’ strano…piuttosto disomogeneo e discronico…
si va da Larry Bird e Magic Johnson che stabilirono sicuramente la rivalità tra i più forti degli anni ’80 (anche se Doctor J avrebbe qualcosa da obbiettare a riguardo), ma che furono poi superati di gran lunga da Michael Jordan nel decennio successivo (e discorso simile si può fare per Coppi e Bartali, surclassati da Eddy Merckx un ventennio dopo), a Maradona e Pelè che probabilmente sono i più forti giocatori ad aver calcato un campo da calcio ma che non avendo condiviso la stessa epoca agonistica non possono essere messi sul piano di una rivalità dualistica.
Insomma, si deve scegliere un criterio di classificazione e mantenerlo: o si elencano le più grandi rivalità sportive della storia (in tal caso è quasi scontato che si facciano coppie di nomi) o si cerca di stabilire chi abbia dominata la propria disciplina più di ogni protagonista in ogni epoca, ed allora nomi singoli, a coppie, a terzetti ed anche in gruppi più numerosi possono benissimo essere citati.
Per quanto riguarda il giuoco della racchetta, allo stato attuale delle vittorie ottenute, del loro numero, della loro perentorietà e dei nomi avversari sconfitti, non inserire Djokovic tra le leggende a me pare (nell’ipotesi più innocentista) un colossale abbaglio.
Ciò scritto da me che tifo Federer e ieri “tifavo” (in questo caso è una parola un po’ troppo impegnativa…) per Nadal.

201
Replica | Quota | 0
Bisogna essere registrati per votare un commento!