Il torneo Future di Bergamo Copertina, Future

Trofeo UBI Banca – Memorial Mauro Capponi: Turchetti e Fonio spingono l’Italia al Città dei Mille

11/06/2017 08:40 1 commento
Nicolò Turchetti - Foto Antonio Milesi
Nicolò Turchetti - Foto Antonio Milesi

In una giornata non troppo positiva per gli azzurri, le migliori notizie arrivano da Nicolò Turchetti e Giovanni Fonio, bravi a superare i loro avversari stranieri. Approda al secondo turno anche Federico Maccari. Attesa per la compilazione del main draw.

Non è andata troppo bene, per i colori italiani, la prima giornata del Trofeo UBI Banca – Memorial Mauro Capponi (15.000$, terra battuta). Una lunga giornata, scattata alle 9 del mattino e destinata a chiudersi a notte fonda, con ben 16 azzurri impegnati. E’ iniziata male, con l’eliminazione dell’atteso Federico Arnaboldi, KO per mano del tedesco Mats Rosenkranz. Dopo un buon primo set, il canturino si è un po’ disunito e non ha saputo restare in scia nel terzo. Avrà altre occasioni per mettersi in luce. In attesa degli ultimi match di giornata, il bilancio Italia-Resto del Mondo non è dei migliori, con appena due vittorie a fronte di sette sconfitte. La buona notizia è che i due successi sono arrivati da due ragazzi giovani e con prospettive interessanti: Nicolò Turchetti e Giovanni Fonio. Il primo è classe 1996 ed è tra i giocatori più attesi delle qualificazioni. Ormai a ridosso dei top-1000 ATP, spera che sia proprio Bergamo a dargli i punti necessari per portare a tre cifre la sua classifica mondiale. Quest’anno ha colto un buon quarto di finale ad Hammamet ed è in costante ascesa. A parte un set di distrazione, ha tenuto a bada lo svizzero Remy Bertola. Da parte sua, Giovanni Fonio è alla sua prima vera stagione nel circuito dopo aver svolto prevalentemente attività junior nel 2016. Quest’anno sta giocando tanti tornei Futures: appena sette giorni fa ha sfiorato la qualificazione a Padova, segno che ormai è pronto per questi livelli. Nel suo match d’esordio ha tenuto a bada un avversario ostico come l’argentino Facundo Jofre, specialista della terra battuta e accreditato della 15esima testa di serie. L’avventura di Giovanni proseguirà al secondo turno contro lo svizzero Mirko Martinez (n.7 del draw) o l’azzurro Gianlica Acquaroli, impegnati nell’ultimo match di giornata, scattato ben oltre l’ora di cena. Per il resto, avanzano le prime due teste di serie (il rumeno Antonescu e il tedesco Prechtel) e si registrano le eliminazioni di diversi giocatori azzurri, per quanto Giovanni Rizzuti abbia dato battaglia contro l’australiano Matthew Dellavedova. Da segnalare, in casa Italia, il buon successo di Federico Maccari nel derby contro Paolo Dagnino, domato soltanto al terzo set. Per l’ex allievo di Renzo Furlan, adesso, ci sarà l’impegno più difficile possibile contro Antonescu. Ma a questi livelli, si sa, può esserci grande equilibrio. C’è attesa per la compilazione del main draw, con la presenza di tanti giocatori compresi tra i top-500 ATP.


TAG:

1 commento

obione (Guest) 11-06-2017 22:17

E Lulli? E Mora?

QUalificati pure loro…..

1