Il torneo di Brescia Copertina, WTA

ITF Brescia: Caregaro e Ferrando nei quarti. La numero 3 Haas fuori con polemica

08/06/2017 18:28 9 commenti
Martina Caregaro, 25enne aostana, è nei quarti di finale - Foto Game
Martina Caregaro, 25enne aostana, è nei quarti di finale - Foto Game

Non partivano favorite, ma Cristiana Ferrando e Martina Caregaro hanno sovvertito il pronostico e hanno raggiunto i quarti di finale degli Internazionali femminili di Brescia, in corso sui campi del Forza e Costanza (60 mila dollari di montepremi).

La terra del Castello ha visto un pomeriggio caldo sotto ogni punto di vista, sia per via della giornata estiva, sia per via di una polemica che ha accesso il finale del confronto tra Haas e Ferrando. L’austriaca, testa di serie numero 3, stava subendo il gioco della ligure cercando di difendersi al meglio, ma era comunque sotto per 6-5 e 15-30, quando un colpo di calore l’ha costretta a fermarsi a un passo dallo svenimento. L’intervento del medico e qualche minuto di pausa le hanno consentito di tornare in campo, apparentemente senza alcun problema. Tanto da infilare sei punti di fila, e dunque arrivare al tie-break con un vantaggio di 3-0. In quel momento l’azzurra è stata brava a non perdere la calma, rimontando e mettendo la testa avanti per la prima volta sul 6-5. Lì, il fattaccio che ha probabilmente deciso il match: una chiamata dell’arbitro su una palla dubbia veniva duramente contestata dalla Haas, finita addirittura nel campo dell’avversaria per verificare di persona il segno. Dopo altri dieci minuti di contestazione e dopo un toilet break, la decisione del ritiro definitivo. Non si è ben capito se per il malore o per la rabbia malcelata dopo l’episodio che ha chiuso il parziale, anche se il referto ufficiale parla di affaticamento e disidratazione. A prescindere dal fatto particolare, è giusto sottolinearlo, si era vista una Ferrando decisamente in palla e in grado di comandare il gioco in maniera piuttosto costante di fronte a una coetanea (entrambe hanno 21 anni) che la precede di oltre duecento posti in classifica (161 contro 382).

L’altra azzurra promossa tra le prime otto è Martina Caregaro, che per la seconda volta consecutiva ha vinto in rimonta, stavolta di fronte alla svizzera Conny Perrin, numero 8 del seeding e 206 Wta. Una giocatrice, l’elvetica, che incanta col suo rovescio a una mano e che ha un bagaglio tecnico ricco di variazioni, ma che alla lunga ha subito i colpi pesanti della 25enne aostana. A Martina è sempre stato riconosciuto un potenziale importante, ma il best ranking al numero 254 (peraltro di un paio d’anni fa) non le rende giustizia. Chissà che da Brescia possa trovare punti e fiducia per risalire dall’attuale posizione (416), molto lontana dalle sue ambizioni e dalle sue possibilità. Il prossimo incontro vedrà l’italiana impegnata in una sfida complicata contro la venezuelana Andrea Gamiz, autrice dell’exploit all’esordio nella serata di mercoledì, quando ha fatto fuori con due tie-break la numero 1 del seeding Kateryna Kozlova. Oggi la sudamericana si è ripetuta con un più agevole 6-2 6-2 di fronte all’israeliana Glushko, e si propone ora come una seria candidata alla finale nella parte alta, per concedere il bis a Brescia dopo l’ultimo atto raccolto nel 2015. Il Sudamerica va forte anche grazie alla cilena Seguel (due game concessi alla Shinikova) e all’argentina Pella, vincitrice di una lotta durissima contro la Gonzalez. Domani i quarti di finale a partire dalle 13.

Dopo le vittorie pomeridiane di Cristiana Ferrando e Martina Caregaro, anche Stefania Rubini ha conquistato un posto nei quarti di finale degli Internazionali femminili di Brescia (60 mila dollari di montepremi). La 24enne emiliana in gara con una wild card ha regolato per 6-4 7-6 la russa Viktoria Kamenskaya.

2° turno main draw: Hercog (Slo) b. Eikeri (Nor) 6-3 6-3, Pella (Arg) b. Gonzalez (Par) 7-5 7-6, Poznikhirenko (Ukr) b. Hozumi (Jap) 4-6 7-5 6-4, Gamiz (Ven) b. Glushko (Isr) 6-2 6-2, Caregaro b. Perrin (Svi) 3-6 6-3 6-1, Seguel (Chi) b. Shinikova (Bul) 6-0 6-2, Ferrando b. Haas (Aut) 7-6 ritiro, Rubini b. Kamenskaya (Rus) 6-4 7-6.


TAG: , , ,

9 commenti. Lasciane uno!

Shuzo (Guest) 09-06-2017 12:43

Sembra che la Caregaro abbia ricominciato a fare sul serio. In effetti l’anno scorso alle prequali del Foro Italico l’avevo vista molto male. Era nervosa e sofferente, necessitava urgentemente di recuperare serenità e se non l’avesse fatto, sarebbe precipitata in classifica. Se poi questo è ciò che è successo, evidentemente non riuscì a recuperarla.
Fa comunque piacere che abbia deciso di non arrendersi e di riprovarci, di ripartire da capo ancora una volta. Questo atteggiamento le sarà molto utile nella vita, indipendentemente dal fatto se riuscirà o meno ad arrivare tra le top 100. Certo, come tanti altri giovani azzurri (maschi e femmine) ha perso un po’ di anni, ma non è troppo tardi. Ha solo 25 anni. Per farcela è necessario che trovi uno staff in grado di prepararla adeguatamente. Purtroppo il fatto ogni promessa azzurra crolli dopo i primi risultati di un certo rilievo e soprattutto crolli a ridosso delle top 100, significa che in Italia sono ancora troppo pochi i coach in grado di preparare bene i ragazzi. Il consiglio che mi sento di dare a Martina è che se ancora non ha trovato in Italia qualcuno di seguirla adeguatamente, vada all’estero, magari in Spagna, come hanno fatto la Errani e la Pennetta.

9
miofibrilla (Guest) 09-06-2017 01:53

Scritto da becu rules

Scritto da Pollicino

Scritto da Sottile
Affaticamento e disidratazione…..L’energia di protestare per oltre 10 minuti però la sorellina del più famoso Tommy l’ha avuta

Sorella? Questa É austriaca, Tommy É tedesco!

per capire il senso dell’umorismo (?!?) di Sottile bisogna sottoporsi a dosi quotidiane di letture di commenti su livetennis….spazia su 2 grandi filoni :
a) pronostici – rigorosamente in base alla classifica – che però ultimamente creano grande stress ai giocatori. Chi normalmente è pronosticato vincente spesso perde in maniera clamorosa e viceversa. Il suo effetto sfiga ha ormai superato di gran lunga la maledizione della foto
b) Le battute, se così si possono chiamare, suoi nomi dei giocatori, che risultano uno dei punti più bassi di umorismo dell’intero sistema solare

…povero Sottile, a me diverte. :mrgreen:

8
fox (Guest) 08-06-2017 22:06

Cris prova del 9 superata… Domani prova del 9bis… X puntare alle qualy US open match tassativamente da vincere… Daje’…

7
fox (Guest) 08-06-2017 22:03

@ vaidanihantu (#1866649)

Escludo che a livello regolamentare un tennista possa scavalcare la rete x andare a controllare un segno nella metà campo avversaria!

6
becu rules (Guest) 08-06-2017 21:33

Scritto da Pollicino

Scritto da Sottile
Affaticamento e disidratazione…..L’energia di protestare per oltre 10 minuti però la sorellina del più famoso Tommy l’ha avuta

Sorella? Questa É austriaca, Tommy É tedesco!

per capire il senso dell’umorismo (?!?) di Sottile bisogna sottoporsi a dosi quotidiane di letture di commenti su livetennis….spazia su 2 grandi filoni :
a) pronostici – rigorosamente in base alla classifica – che però ultimamente creano grande stress ai giocatori. Chi normalmente è pronosticato vincente spesso perde in maniera clamorosa e viceversa. Il suo effetto sfiga ha ormai superato di gran lunga la maledizione della foto
b) Le battute, se così si possono chiamare, suoi nomi dei giocatori, che risultano uno dei punti più bassi di umorismo dell’intero sistema solare

5
Pollicino (Guest) 08-06-2017 20:50

Scritto da Sottile
Affaticamento e disidratazione…..L’energia di protestare per oltre 10 minuti però la sorellina del più famoso Tommy l’ha avuta

Sorella? Questa É austriaca, Tommy É tedesco!

4
Carl 08-06-2017 20:44

C’è un video del “fattaccio” della Haas?

3
Sottile 08-06-2017 20:07

Affaticamento e disidratazione…..L’energia di protestare per oltre 10 minuti però la sorellina del più famoso Tommy l’ha avuta 👿

2
vaidanihantu 08-06-2017 18:45

“finita addirittuael campo dell’avversaria per verificare di persona il segno”. Dunque? Non sta certo li il problema, è libera di andare a vedere tutti i segni che vuole, tanto la decisione spetta al giudice. Decisamente meno corretto tutto il resto, dal rientro dopo il malore come se niente fosse al ritiro dopo quella lunga pausa. Bene per Ferrando, ha un bel gioco e spero vada avanti il più possibile.

1