Notizie dal Mondo Copertina, Generica

Johanna Konta sulla vicenda Nastase: “Spero di non vivere in futuro un’altra esperienza così”

25/04/2017 08:26 37 commenti
Johanna Konta nella foto
Johanna Konta nella foto

Johanna Konta ha commentato quanto accaduto durante la sfida di Fed Cup tra Romania e Gran Bretagna. La giocatrice inglese è stata insultata dal capitano rumeno Ilie Nastase, subito allontanato dalla struttura e privato del proprio ruolo.

Konta ha risposto a Sorana Cirstea, secondo la quale i fatti sono stati ingranditi notevolmente dai media inglesi: “Con tutto il rispetto per Sorana, lei non era dalla mia parte di campo e non è stata insultata verbalmente. Non mi ero mai trovata in una situazione del genere; devo cercare di assimilare e superare questo brutto ricordo. Spero di non vivere in futuro un’altra esperienza così”, ha assicurato al The Guardian.


Lorenzo Carini


TAG:

37 commenti. Lasciane uno!

alfredo (Guest) 26-04-2017 09:27

Certe persone non dovrebbero nemmeno poter presenziare a queste competizioni. Forza Konta .

37
poveri noi (Guest) 25-04-2017 23:01

@ Sofia85 (#1823797)

La tua spiccata sensibilitààà si si contrappone al mio gretto materialismo maschilista! Ciononostante……

36
Marcomp (Guest) 25-04-2017 16:33

@ maxi2 (#1823541)

hai detto la parola chiave: educazione sportiva, questa sconosciuta…ormai non si vede neanche nei tornei importanti, se un capitano di Fed Cup insulta una tennista avversaria con una parolaccia! e pensare che il tennis era uno sport signorile, tipicamente inglese. Questa è la società attuale, se poi qualcuno lo fa notare tutti a dire: Esagerato, mica c’era bisogno di piangere. Invece c’era bisogno di offendere, no? con che coraggio si pretende d’insegnare tennis se non si conoscono neanche le buone maniere per stare in campo…domanda retorica (qualcuno risponderà sicuramente, talmente ha capito il concetto base). 😕

35
Sofia85 (Guest) 25-04-2017 16:21

Scritto da Kriss69forever

Scritto da antonios

Scritto da _Carlo

Scritto da Kriss69forever
Vieni vieni a giocare in Italia in FedCup… la principessa sul pisello.

Ahahah, fantastico, non avrei saputo definirla meglio !!

Io non lo trovo per niente fantastico anche perché è molto chiaro che la fiaba non c’entra nulla ma si ride come i 13enni in un bagno delle medie su una stupida volgarità. Forse non ci si rende conto che dire “putxxxa” ad una donna è una violenza sessuale intrisa della stessa cultura maschilista che porta poi soggetti psicopatici allo stupro. La differenza è solo quantitativa ma la qualità del pensiero è la stessa. La Konta stava lavorando, i tennisti sono persone che lavorano. Entrereste da Ikea per dire “put…a” alla cassiera? Provateci e vi portano al commissariato o qualcuno, magari un magazziniere, pensa di risolvere la cosa in modo più deciso. La realtà è molto triste: gli insulti più diffusi sul web sono contro le donne e sono di tipo sessista. Anche nel tennis Wawrinka per esempio non è stato offeso in quanto persona ma in quanto fidanzato con Donna Vekic, trattata come una “put…na”. La cultura infima di Nastase, che non c’entra nulla con la dignità del popolo rumeno, porta il maschio imbecille a ricorrere a questo insulto ogni qual volta deve offendere una donna. I maschi da offendere sono “figli di put..na” la colpa è sempre delle donne. Che sono tutte “put..ne” tranne la propria moglie e la propria madre. 25 aprile, si cekebra la Resistenza: tante donne, di ogni schieramento, sono morte pure per permettere a chiunque la libertà di dire stronxxte.

Forse nella tua follia globalizzante non ti sei accorto che non stiamo parlando dell’offesa, che è stata ben sanzionata con squalifica ed esonero immediati, ma della reazione esagerata e tendenziosa della Konta. Ma quando si vive di pregiudizi, si vede solo ciò che fa comodo.

Ti dò un consiglio come donna: prova a dire a tua moglie la stessa offesa, poi fammi sapere la reazione tendenziosa. Se vista la tua spiccata sensibilità verso l’universo femminile, tu non dovessi avere una donna, prova con una amica, una collega, una sorella o una passante.

34
Carl 25-04-2017 15:37

La Konta nella sua dichiarazione fa riferimento agli insulti ricevuti dal pubblico della sua metà campo.
Non ne conosciamo la natura, e francamente importa poco, sicuramente erano pesanti, con risvolto sessuale o meno, ed evidentemente lei li capiva.
Che fossero tali da giustificare una sospensione o meno dell’incontro, o sanzioni più gravi, non sono i grado di valutarlo, ma grazie all’intervento vergognoso di Nastase ogni dubbio è stato risolto.

33
Dreddim (Guest) 25-04-2017 15:00

Scritto da antonios

Scritto da _Carlo

Scritto da Kriss69forever
Vieni vieni a giocare in Italia in FedCup… la principessa sul pisello.

Ahahah, fantastico, non avrei saputo definirla meglio !!

Io non lo trovo per niente fantastico anche perché è molto chiaro che la fiaba non c’entra nulla ma si ride come i 13enni in un bagno delle medie su una stupida volgarità. Forse non ci si rende conto che dire “putxxxa” ad una donna è una violenza sessuale intrisa della stessa cultura maschilista che porta poi soggetti psicopatici allo stupro. La differenza è solo quantitativa ma la qualità del pensiero è la stessa. La Konta stava lavorando, i tennisti sono persone che lavorano. Entrereste da Ikea per dire “put…a” alla cassiera? Provateci e vi portano al commissariato o qualcuno, magari un magazziniere, pensa di risolvere la cosa in modo più deciso. La realtà è molto triste: gli insulti più diffusi sul web sono contro le donne e sono di tipo sessista. Anche nel tennis Wawrinka per esempio non è stato offeso in quanto persona ma in quanto fidanzato con Donna Vekic, trattata come una “put…na”. La cultura infima di Nastase, che non c’entra nulla con la dignità del popolo rumeno, porta il maschio imbecille a ricorrere a questo insulto ogni qual volta deve offendere una donna. I maschi da offendere sono “figli di put..na” la colpa è sempre delle donne. Che sono tutte “put..ne” tranne la propria moglie e la propria madre. 25 aprile, si cekebra la Resistenza: tante donne, di ogni schieramento, sono morte pure per permettere a chiunque la libertà di dire stronxxte.

Non avrebbero dovuto sacrificare le loro vite così forse certe stronxxte non le avremmo sentite.. Ragionamento perfetto, hai tutta la mia stima.

32
aldo (Guest) 25-04-2017 14:24

Scritto da sander

Scritto da antonios

Io non lo trovo per niente fantastico anche perché è molto chiaro che la fiaba non c’entra nulla ma si ride come i 13enni in un bagno delle medie su una stupida volgarità. Forse non ci si rende conto che dire “putxxxa” ad una donna è una violenza sessuale intrisa della stessa cultura maschilista che porta poi soggetti psicopatici allo stupro. La differenza è solo quantitativa ma la qualità del pensiero è la stessa. La Konta stava lavorando, i tennisti sono persone che lavorano. Entrereste da Ikea per dire “put…a” alla cassiera? Provateci e vi portano al commissariato o qualcuno, magari un magazziniere, pensa di risolvere la cosa in modo più deciso. La realtà è molto triste: gli insulti più diffusi sul web sono contro le donne e sono di tipo sessista. Anche nel tennis Wawrinka per esempio non è stato offeso in quanto persona ma in quanto fidanzato con Donna Vekic, trattata come una “put…na”. La cultura infima di Nastase, che non c’entra nulla con la dignità del popolo rumeno, porta il maschio imbecille a ricorrere a questo insulto ogni qual volta deve offendere una donna. I maschi da offendere sono “figli di put..na” la colpa è sempre delle donne. Che sono tutte “put..ne” tranne la propria moglie e la propria madre. 25 aprile, si cekebra la Resistenza: tante donne, di ogni schieramento, sono morte pure per permettere a chiunque la libertà di dire stronxxte.

Verissimo quello che dice Antonios….purtroppo sembra che per tanti sia una “parolaccia, da non farla troppo lunga con questa storia”

quoto totalmente

31
emilio (Guest) 25-04-2017 13:57

io vivo qui,ormai da piu di 30 anni,amo piu questo paese che la Romania,e se non fossi li,alla partita(sono in Romania per lavoro 1 mese)avrei anche creduto alla Konta e anche a quello che lego qui.ma sono stato alla partita,biglietti presi a fatica,perche era un piccolo circolo,a Constanza,dove la Halep a imparato a giocare a tennis,un circolo da 1500 posti,occupati in maggioranza di politici,autorità locali,amici e parenti delle ragazze e anche un gruppo di tifosi inglesi.dire come ha detto Konta che e uscita dal campo perche si sentiva minacciata e offesa dal pubblico…

30
sander (Guest) 25-04-2017 13:22

Scritto da antonios

Scritto da _Carlo

Scritto da Kriss69forever
Vieni vieni a giocare in Italia in FedCup… la principessa sul pisello.

Ahahah, fantastico, non avrei saputo definirla meglio !!

Io non lo trovo per niente fantastico anche perché è molto chiaro che la fiaba non c’entra nulla ma si ride come i 13enni in un bagno delle medie su una stupida volgarità. Forse non ci si rende conto che dire “putxxxa” ad una donna è una violenza sessuale intrisa della stessa cultura maschilista che porta poi soggetti psicopatici allo stupro. La differenza è solo quantitativa ma la qualità del pensiero è la stessa. La Konta stava lavorando, i tennisti sono persone che lavorano. Entrereste da Ikea per dire “put…a” alla cassiera? Provateci e vi portano al commissariato o qualcuno, magari un magazziniere, pensa di risolvere la cosa in modo più deciso. La realtà è molto triste: gli insulti più diffusi sul web sono contro le donne e sono di tipo sessista. Anche nel tennis Wawrinka per esempio non è stato offeso in quanto persona ma in quanto fidanzato con Donna Vekic, trattata come una “put…na”. La cultura infima di Nastase, che non c’entra nulla con la dignità del popolo rumeno, porta il maschio imbecille a ricorrere a questo insulto ogni qual volta deve offendere una donna. I maschi da offendere sono “figli di put..na” la colpa è sempre delle donne. Che sono tutte “put..ne” tranne la propria moglie e la propria madre. 25 aprile, si cekebra la Resistenza: tante donne, di ogni schieramento, sono morte pure per permettere a chiunque la libertà di dire stronxxte.

Verissimo quello che dice Antonios….purtroppo sembra che per tanti sia una “parolaccia, da non farla troppo lunga con questa storia”

29
Luca Martin (Guest) 25-04-2017 13:12

E dire che frequento il tennis da una vita e non mi ero accorto che fosse uno sport con silenzi da Biblioteca Civica Comunale.
Nel corso degli anni ho visto sfasciare racchette, invasioni di campo, scazzottate, sollevazioni popolari perché un giocatore chiedeva una verifica, applausi ritmati per snervare gli avversari, furti sistematici dei giudici di linea, trombe in stile vuvuzela e percussioni (tamburi e altro), insulti ferali e ferini, uso scorretto e antisportivo di MTO, minacce, bestemmie, accoltellamenti.
E qui si cerca di far passare come incivile un pubblico caldo come quello rumeno.
Non esageriamo.

28
emilio (Guest) 25-04-2017 13:11

Scritto da sander

Scritto da emilio
cara Johanna sei una bugiarda.chiedi alla Muguruza,oppure alla Kvitova e Kerber se vogliono giocare ancora in Romania,se hanno fatto foto con u tifosi rumeni dopo le lora partite,partite con 5000-7000 tifosi in tribuna,non come te con 800.

Mi fa piacere che queste giocatrici nelle partite precedenti si siano trovate bene ma non mi sembra che Kerber, Kvitova e Muguruza fossero a giocare sabato scorso insieme alla Konta…
Il problema e’ sabato scorso….leggo dei commenti contro la Konta….non capisco perche’ dici che e’ bugiarda…..ma Nastase le ha detto che e’ una put…a o no?….se e’ cosi’….(come ha confermato anche lui) un bel tacer non fu mai scritto…..
cosa le abbia detto il pubblico non lo so a me basta quello che le ha detto Nastase……ma io mi chiedo…se aveste una sorella che gioca a tennis e un vecchietto pseuso allenatore della squadra avversaria le desse della put…a sareste tutti tranquilli e pacati e direste alla sorellona di non farla troppo lunga con sta storia?

Nastase e un pazzo che vive ancora 40 anni fa.non so neanche perche e stato messo come capitano dalla Romania,pensiamo che la politica.la maggioranza dei rumeni non lo sopportano,andava cacciato e basta.ma da li fino a dire che sei stata insultata dal pubblico ci vuole molto.avevo detto delle altre giocatrici solo per far capire di come i rumeni rispettano gli avversari,ovviamente quelli corretti.

27
Kriss69forever 25-04-2017 13:10

Scritto da antonios

Scritto da _Carlo

Scritto da Kriss69forever
Vieni vieni a giocare in Italia in FedCup… la principessa sul pisello.

Ahahah, fantastico, non avrei saputo definirla meglio !!

Io non lo trovo per niente fantastico anche perché è molto chiaro che la fiaba non c’entra nulla ma si ride come i 13enni in un bagno delle medie su una stupida volgarità. Forse non ci si rende conto che dire “putxxxa” ad una donna è una violenza sessuale intrisa della stessa cultura maschilista che porta poi soggetti psicopatici allo stupro. La differenza è solo quantitativa ma la qualità del pensiero è la stessa. La Konta stava lavorando, i tennisti sono persone che lavorano. Entrereste da Ikea per dire “put…a” alla cassiera? Provateci e vi portano al commissariato o qualcuno, magari un magazziniere, pensa di risolvere la cosa in modo più deciso. La realtà è molto triste: gli insulti più diffusi sul web sono contro le donne e sono di tipo sessista. Anche nel tennis Wawrinka per esempio non è stato offeso in quanto persona ma in quanto fidanzato con Donna Vekic, trattata come una “put…na”. La cultura infima di Nastase, che non c’entra nulla con la dignità del popolo rumeno, porta il maschio imbecille a ricorrere a questo insulto ogni qual volta deve offendere una donna. I maschi da offendere sono “figli di put..na” la colpa è sempre delle donne. Che sono tutte “put..ne” tranne la propria moglie e la propria madre. 25 aprile, si cekebra la Resistenza: tante donne, di ogni schieramento, sono morte pure per permettere a chiunque la libertà di dire stronxxte.

Forse nella tua follia globalizzante non ti sei accorto che non stiamo parlando dell’offesa, che è stata ben sanzionata con squalifica ed esonero immediati, ma della reazione esagerata e tendenziosa della Konta. Ma quando si vive di pregiudizi, si vede solo ciò che fa comodo.

26
emilio (Guest) 25-04-2017 12:57

Scritto da maxi2

Scritto da emilio

Scritto da maxi2
Si è trovata in un ambiente “ostile”, con tutto il pubblico che la fischiava e insultava, e con il capitano avversario che ha fatto e detto cose irripetibili.
Avrebbe potuto reagire meglio? Certo.
Avrebbe potuto infischiarsene e trarre ancor più carica agonistica da tutto ciò? Sicuro.
La Cirstea è stata insultata come e peggio di lei in molte situazioni e ha reagito meglio? Benissimo, brava.
Ma il tennis non è una gara a chi reagisce meglio alle provocazioni, è uno sport in cui le condizioni esterne non dovrebbero avere nessuna influenza, anzi non dovrebbero nemmeno esistere.
Trovo assurdo che Cirstea si vanti di avere reagito meglio in varie occasioni, invece di essere solidale con lei e condannare certi comportamenti del pubblico, visto che sa quanto possono far male.
E’ sbagliato venire insultati, non è una colpa reagire in modo emotivo.
Poi certamente l’arbitro ha gestito male la situazione (obbiettivamente però insolita e non semplice), non avrebbe dovuto concedere una sospensione così lunga, ma avrebbe piuttosto dovuto avvertire il pubblico ed eventualmente sanzionare la squadra rumena con dei penalty point fino ad ottenere un po’ di tranquillità.

io dico che doveva squalificare la Romania…tanto era questo l,obiettivo.

Che stupidaggine!
Bastava comportarsi in modo più educato e non sarebbe successo niente.
Ma certo, è più facile pensare che sia tutto un complotto dei “poteri forti” per danneggiare la povera Romania…
Purtroppo i tifosi rumeni si distinguono spesso per essere particolarmente fastidiosi anche durante i tornei…da quando Halep è in top ten, bastano 10 tifosi rumeni sugli spalti per fare più baccano di tutto il resto del pubblico…
Un po’ è nel carattere delle persone, ma dipende anche molto dall’”educazione sportiva” della nazione nei confronti di un certo tipo di sport.
Il tennis non è calcio, e andrebbe tifato in modo diverso.
Questo comunque non riguarda solo i rumeni, ma anche tante altre nazioni. L’argentina per esempio, o il pubblico di NewYork…ma anche noi italiani non siamo messi molto meglio: certe volte a Roma o anche recentemente in FedCup a Forlì non abbiamo certo fatto delle belle figure.
Poi che gli Inglesi storicamente non siano dei santi non lo scopriamo certo oggi, ma non è una buona ragione per insultare una ragazza che non stava facendo proprio niente di male se non vincere la sua partita sul campo.
Ripeto: il tennis NON è una gara a chi reagisce meglio alle provocazioni, sono le provocazioni e gli insulti che non ci dovrebbero essere, e se io fossi un arbitro sarei severissimo (nei limiti del regolamento) su questo punto.

io non difendo Nastase,ho gia detto,ma il pubblico non ha insultato la Konta.fischiata,si,non durante il gioco,perche andava dopo ogni palla al arbitro a lamentarsi,ce un capitano per questo,tu devi giocare.anche la Watson a dichiarato che non ha sentito quello che diceva il pubblico.

25
Mats 25-04-2017 12:52

Ma qualcuno sa nello specifico cosa ha fatto infuriare Nastase?

24
maxi2 (Guest) 25-04-2017 12:36

Scritto da emilio

Scritto da maxi2
Si è trovata in un ambiente “ostile”, con tutto il pubblico che la fischiava e insultava, e con il capitano avversario che ha fatto e detto cose irripetibili.
Avrebbe potuto reagire meglio? Certo.
Avrebbe potuto infischiarsene e trarre ancor più carica agonistica da tutto ciò? Sicuro.
La Cirstea è stata insultata come e peggio di lei in molte situazioni e ha reagito meglio? Benissimo, brava.
Ma il tennis non è una gara a chi reagisce meglio alle provocazioni, è uno sport in cui le condizioni esterne non dovrebbero avere nessuna influenza, anzi non dovrebbero nemmeno esistere.
Trovo assurdo che Cirstea si vanti di avere reagito meglio in varie occasioni, invece di essere solidale con lei e condannare certi comportamenti del pubblico, visto che sa quanto possono far male.
E’ sbagliato venire insultati, non è una colpa reagire in modo emotivo.
Poi certamente l’arbitro ha gestito male la situazione (obbiettivamente però insolita e non semplice), non avrebbe dovuto concedere una sospensione così lunga, ma avrebbe piuttosto dovuto avvertire il pubblico ed eventualmente sanzionare la squadra rumena con dei penalty point fino ad ottenere un po’ di tranquillità.

io dico che doveva squalificare la Romania…tanto era questo l,obiettivo.

Che stupidaggine!
Bastava comportarsi in modo più educato e non sarebbe successo niente.
Ma certo, è più facile pensare che sia tutto un complotto dei “poteri forti” per danneggiare la povera Romania…
Purtroppo i tifosi rumeni si distinguono spesso per essere particolarmente fastidiosi anche durante i tornei…da quando Halep è in top ten, bastano 10 tifosi rumeni sugli spalti per fare più baccano di tutto il resto del pubblico…
Un po’ è nel carattere delle persone, ma dipende anche molto dall'”educazione sportiva” della nazione nei confronti di un certo tipo di sport.
Il tennis non è calcio, e andrebbe tifato in modo diverso.
Questo comunque non riguarda solo i rumeni, ma anche tante altre nazioni. L’argentina per esempio, o il pubblico di NewYork…ma anche noi italiani non siamo messi molto meglio: certe volte a Roma o anche recentemente in FedCup a Forlì non abbiamo certo fatto delle belle figure.

Poi che gli Inglesi storicamente non siano dei santi non lo scopriamo certo oggi, ma non è una buona ragione per insultare una ragazza che non stava facendo proprio niente di male se non vincere la sua partita sul campo.
Ripeto: il tennis NON è una gara a chi reagisce meglio alle provocazioni, sono le provocazioni e gli insulti che non ci dovrebbero essere, e se io fossi un arbitro sarei severissimo (nei limiti del regolamento) su questo punto.

23
ilpallettaro (Guest) 25-04-2017 12:34

quando c’è una vittima e un aggressore, quelli furbi pensano di dimostrare quanto sono furbi dando addosso alla vittima.

22
antonios 25-04-2017 12:24

Scritto da _Carlo

Scritto da Kriss69forever
Vieni vieni a giocare in Italia in FedCup… la principessa sul pisello.

Ahahah, fantastico, non avrei saputo definirla meglio !!

Io non lo trovo per niente fantastico anche perché è molto chiaro che la fiaba non c’entra nulla ma si ride come i 13enni in un bagno delle medie su una stupida volgarità. Forse non ci si rende conto che dire “putxxxa” ad una donna è una violenza sessuale intrisa della stessa cultura maschilista che porta poi soggetti psicopatici allo stupro. La differenza è solo quantitativa ma la qualità del pensiero è la stessa. La Konta stava lavorando, i tennisti sono persone che lavorano. Entrereste da Ikea per dire “put…a” alla cassiera? Provateci e vi portano al commissariato o qualcuno, magari un magazziniere, pensa di risolvere la cosa in modo più deciso. La realtà è molto triste: gli insulti più diffusi sul web sono contro le donne e sono di tipo sessista. Anche nel tennis Wawrinka per esempio non è stato offeso in quanto persona ma in quanto fidanzato con Donna Vekic, trattata come una “put…na”. La cultura infima di Nastase, che non c’entra nulla con la dignità del popolo rumeno, porta il maschio imbecille a ricorrere a questo insulto ogni qual volta deve offendere una donna. I maschi da offendere sono “figli di put..na” la colpa è sempre delle donne. Che sono tutte “put..ne” tranne la propria moglie e la propria madre. 25 aprile, si cekebra la Resistenza: tante donne, di ogni schieramento, sono morte pure per permettere a chiunque la libertà di dire stronxxte.

21
emilio (Guest) 25-04-2017 11:56

Scritto da maxi2
Si è trovata in un ambiente “ostile”, con tutto il pubblico che la fischiava e insultava, e con il capitano avversario che ha fatto e detto cose irripetibili.
Avrebbe potuto reagire meglio? Certo.
Avrebbe potuto infischiarsene e trarre ancor più carica agonistica da tutto ciò? Sicuro.
La Cirstea è stata insultata come e peggio di lei in molte situazioni e ha reagito meglio? Benissimo, brava.
Ma il tennis non è una gara a chi reagisce meglio alle provocazioni, è uno sport in cui le condizioni esterne non dovrebbero avere nessuna influenza, anzi non dovrebbero nemmeno esistere.
Trovo assurdo che Cirstea si vanti di avere reagito meglio in varie occasioni, invece di essere solidale con lei e condannare certi comportamenti del pubblico, visto che sa quanto possono far male.
E’ sbagliato venire insultati, non è una colpa reagire in modo emotivo.
Poi certamente l’arbitro ha gestito male la situazione (obbiettivamente però insolita e non semplice), non avrebbe dovuto concedere una sospensione così lunga, ma avrebbe piuttosto dovuto avvertire il pubblico ed eventualmente sanzionare la squadra rumena con dei penalty point fino ad ottenere un po’ di tranquillità.

io dico che doveva squalificare la Romania…tanto era questo l,obiettivo.

20
Kriss69forever 25-04-2017 11:45

Scritto da maxi2
Ma il tennis non è una gara a chi reagisce meglio alle provocazioni, …

Il tennis (pro) è uno sport di testa e nervi, in cui le condizioni esterne sono altrettanto importanti che le interne.

19
_Carlo (Guest) 25-04-2017 11:22

Scritto da Kriss69forever
Vieni vieni a giocare in Italia in FedCup… la principessa sul pisello.

Ahahah, fantastico, non avrei saputo definirla meglio !! :mrgreen:

18
maxi2 (Guest) 25-04-2017 11:20

Si è trovata in un ambiente “ostile”, con tutto il pubblico che la fischiava e insultava, e con il capitano avversario che ha fatto e detto cose irripetibili.
Avrebbe potuto reagire meglio? Certo.
Avrebbe potuto infischiarsene e trarre ancor più carica agonistica da tutto ciò? Sicuro.
La Cirstea è stata insultata come e peggio di lei in molte situazioni e ha reagito meglio? Benissimo, brava.

Ma il tennis non è una gara a chi reagisce meglio alle provocazioni, è uno sport in cui le condizioni esterne non dovrebbero avere nessuna influenza, anzi non dovrebbero nemmeno esistere.
Trovo assurdo che Cirstea si vanti di avere reagito meglio in varie occasioni, invece di essere solidale con lei e condannare certi comportamenti del pubblico, visto che sa quanto possono far male.
E’ sbagliato venire insultati, non è una colpa reagire in modo emotivo.

Poi certamente l’arbitro ha gestito male la situazione (obbiettivamente però insolita e non semplice), non avrebbe dovuto concedere una sospensione così lunga, ma avrebbe piuttosto dovuto avvertire il pubblico ed eventualmente sanzionare la squadra rumena con dei penalty point fino ad ottenere un po’ di tranquillità.

17
Carl 25-04-2017 11:10

Se la Konta fosse inglese al 100%, gli insulti del pubblico non li avrebbe capiti ed avrebbe giocato tranquillamente, come succede in tantissime altre occasioni.

Per sua sfortuna è di origine ungherese, parla l’ungherese e ragionevolmente un po’ di romeno lo capisce.

Sicuramente ha capito la “pañolada” del giorno successivo.

16
Effetto Roger 25-04-2017 11:00

Bravo Radar!
Cafoni e buzzurri lontani dal tennis!

15
Matteo (Guest) 25-04-2017 10:55

se dovessi ascoltare tutte le cose che mi dicono quando arbitro una partita di tennis a st’ora sarei cotto…Nastase è un idiota ma gli idioti ci saranno sempre in questo mondo mia cara Konta…deve imparare a farsele scivolare certe cose perchè capiterà altre volte, poi adesso che il pubblico sa che è debole su quel punto non ti dico…e comunque non si esce mai dal campo…si sta lì sul pezzo e stop

14
pablox 25-04-2017 10:55

IO ho sentito le dichiarazioni della Cirstea (se cercate su YT le trovate e sono in inglese) e lei ha detto una cosa sensata: ha detto ” anche a me è capitato di essere insultata e non i sono messa a piangere: io non ho sentito quello che ha detto Nastase e mi spiace er Johanna,ma non ho capito perché se ne è andata. Nastase è stato espulso sul 2.1. poi abbiamo ripreso a giocare e lei se ne è andata in lacrime ho chiesto all’arbitro se si giocava e lei ha risposto non so. più tardi Johanna mi ha chiesto scusa”
Anche un arbitro (donna) intervistato da Supertennis ha detto ciò che tutti sappiamo, che spesso le giocatrici piangono o hanno momenti di scoramento,ma non puoi interrompere un match per questo. Devi chiedere il MTO, ma questo viene concesso per infortuni fisici.
IL comportamento di Nastase è esecrabile, però mi pare evidente che l’arbitro abbia concesso troppo alla rappresentativa inglese,e che la Konta ci abbia marciato su. Peraltro va detto che il confronto la ROmania l’ha vinto per 3-2 (il doppio finale si è svolto a risultato acquisito) tra l’altro la Konta ha giocato il match il giorno successivo mentre la Cirstea è stata sostituita.
Questi i fatti, poi ognuno la pensi come vuole 😎

13
Mgari (Guest) 25-04-2017 10:47

nn credo che tu abbia mai giocato a tennis

12
Elpioco 25-04-2017 10:46

@ radar (#1823325)

E’ infatti per questo Nastase e’ stato cacciato e privato del ruolo ma far passare un insulto come se fosse uno shock e addirittura ancora si deve riprendere mi pare che la Konta ci stia marciando e non poco su questo fatto

11
sander (Guest) 25-04-2017 10:44

Scritto da emilio
cara Johanna sei una bugiarda.chiedi alla Muguruza,oppure alla Kvitova e Kerber se vogliono giocare ancora in Romania,se hanno fatto foto con u tifosi rumeni dopo le lora partite,partite con 5000-7000 tifosi in tribuna,non come te con 800.

Mi fa piacere che queste giocatrici nelle partite precedenti si siano trovate bene ma non mi sembra che Kerber, Kvitova e Muguruza fossero a giocare sabato scorso insieme alla Konta…

Il problema e’ sabato scorso….leggo dei commenti contro la Konta….non capisco perche’ dici che e’ bugiarda…..ma Nastase le ha detto che e’ una put…a o no?….se e’ cosi’….(come ha confermato anche lui) un bel tacer non fu mai scritto…..
cosa le abbia detto il pubblico non lo so a me basta quello che le ha detto Nastase……ma io mi chiedo…se aveste una sorella che gioca a tennis e un vecchietto pseuso allenatore della squadra avversaria le desse della put…a sareste tutti tranquilli e pacati e direste alla sorellona di non farla troppo lunga con sta storia?

10
radar 25-04-2017 10:28

Johanna è stata insultata.
Non eravamo in un match di Wrestling (con tutto il rispetto per il Wrestling) ma in una partita di tennis: i buzzurri possono e devono stare alla larga.
Senza farla troppo lunga, l’educazione e il rispetto sono alla base dello sport: chi la butta non solo in cagnara, ma addirittura in offese non è degno di allenare o insegnare alcunché.

9
Luca Martin (Guest) 25-04-2017 10:19

Quando non si ha completamente ragione, si esagera con le spiegazioni. Konta qui si dice che sei un po’ bugiarda…

8
Koko (Guest) 25-04-2017 10:16

In generale questi Inglesi tendono a voler esportare i propri standards da Signorini/e e di te delle 5 in tutto il mondo. Poi se fanno loro cose perfide per i loro interessi è tutto ok. Troppo colonialisti dentro!

7
Elpioco 25-04-2017 10:09

Addirittura assimilare e superare questo brutto ricordo pensasse a giocare che per un insulto sta montando un caso internazionale

6
Kriss69forever 25-04-2017 09:48

Vieni vieni a giocare in Italia in FedCup… la principessa sul pisello.

5
akgul num.1 25-04-2017 09:48

US Open 2016 contro Pironkova partita sospesa inspiegabilmente per mezz’ora quando la bulgara gliele stava suonando… stessa cosa contro la Cirstea… vai a casa Johanna!

4
cisco (Guest) 25-04-2017 09:27

Ma quanto la fai lunga

3
emilio (Guest) 25-04-2017 09:15

cara Johanna sei una bugiarda.chiedi alla Muguruza,oppure alla Kvitova e Kerber se vogliono giocare ancora in Romania,se hanno fatto foto con u tifosi rumeni dopo le lora partite,partite con 5000-7000 tifosi in tribuna,non come te con 800.

2
giucar 25-04-2017 08:52

Che esagerazione sta Konta, questa situazione la sta spremendo come un’arancia da spremuta.

1