Masters 1000 Montecarlo Altro, ATP, Copertina, Generica

La giornata perfetta dei terraioli

20/04/2017 20:04 19 commenti
Albert Ramos nella foto
Albert Ramos nella foto

E’ la giornata di gloria per due tennisti forse troppo sottovalutati, ma in grado di poter raggiungere ancora grandi traguardi nella loro già navigata carriera tennistica. Sto parlando di due splendidi “terraioli” quali lo spagnolo Albert Ramos-Vinolas e l’uruguaiano Pablo Cuevas.

Oggi, a Montecarlo, nel primo master 1000 su terra della stagione è stata la loro giornata di gloria. Il primo ha estromesso il numero 1 al mondo Andy Murray, sempre più in crisi di risultati in questo inizio anno, fatta eccezione per la parentesi del torneo vinto a Dubai. Albert, grazie al suo gioco dove sfrutta tutto il suo essere mancino, fatto di ricerca di angoli stretti, solidità e  gran rapidità di piedi, ha saputo avere la meglio dello scozzese. Il tennista di Dunblane è ancora alla ricerca della forma migliore e di scrollarsi di dosso le enormi pressioni che ti porta essere numero uno al mondo.

Ramos ha sconfitto Murray, grazie al palleggio da fondo, arma in cui lo scozzese dovrebbe avere facilmente la meglio. Ma qui l’essere terraiolo di Ramos lo ha aiutato. L’iverico ha saputo variare le traiettorie della palla, mixando colpi in top spin ad accelerazioni improvvise, che hanno avuto incredibilmente la meglio su un Murray spento e battuto sul suo “campo” prediletto, ovvero la solidità da fondo campo e la resistenza fisica. Basti pensare che il risultato finale recita 2-6 6-2 7-5 per lo spagnolo dopo oltre due ore e mezza di gioco.

Discorso diverso per il sudamericano Pablo Cuevas, tornato alla ribalta ormai da oltre due anni, dopo il brutto infortunio che lo aveva quasi tagliato fuori dai giochi dal tennis che conta.
Pablo, ha vinto la sfida del rovescio a una mano migliore con lo svizzero Wawrinka, uno dei candidati alla vittoria finale. Il trentunenne numero 27 ATP, non ha avuto paura a sfidarlo né sulla diagonale di rovescio, né sull’aspetto del “tocco” sotto rete, dove ha dimostrato una netta superiorità. Oggi, con questa splendida vittoria conferma ancora una volta, se ancora ce ne fosse bisogno, quanto sia uno splendido “terraiolo” il tennista di Concordia (Argentina), ma uruguagio di passaporto. Lui e Albert Ramos, entrambi protagonisti pochi mesi fa nella finale dell’ATP 250 di San Paolo vinta da Cuevas, sono degli splendidi interpreti della terra rossa. La razza dei “terraioli”, causa i sempre più tornei su cemento, è in via d’estinzione nei tornei di alto livello, ma grazie a loro ancora oggi è possibile assistere ad un gioco “da terra”, che spesso viene additato, a mio avviso erroneamente, come un gioco troppo passivo e non bello esteticamente per i palati fini.

Che uno dei due possa rivelarsi la sorpresa di questo master mille monegasco?


Luigi Calvo


TAG: , , ,

19 commenti. Lasciane uno!

tennisaddicted (Guest) 21-04-2017 14:44

Scritto da Potondavi
Ho avuto il piacere di vedere Cuevas un paio di volte,veramente un bel giocatore.

E anche un signore

19
tennisaddicted (Guest) 21-04-2017 14:43

Scritto da ph
domani schawarzi contro nadal fa 5 o 6 game, dai 7 al massimo

Ma anche meno

18
Andreas Seppi 21-04-2017 10:59

Scritto da Nevskij

Scritto da iju99
Non avete citato Schwarztman che oggi ha fatto una signora partita, non certo contro un fenomeno, ma pur sempre contro un buon giocatore. Mi impressionò per la prima volta 4 anni fa quando al challenger di Genova lo vidi dal vivo sfidare Paolino lorenzi e rifilargli un 6-1 in 20 minuti scarsi (poi perse in 3 set)

Lo stavo per scrivere, quindi mi limito a sottoscrivere quanto hai detto. Schwartzman, tra l’altro, lo scalpo importante lo ha fatto al turno precedente con Bautista Agut e mi ha impressionato. E tra l’altro, per caratteristiche, è il più terraoiolo di tutti. veramente incredibile che in un anticolo che parla di rivincita di terraioli, non venga citato

Per me fa riferimento alla sola giornata di ieri. Dove lo sorprese sono solo loro due

17
Andreas Seppi 21-04-2017 10:38

Scritto da gisva
Un tempo i terraioli erano un’altra cosa. Quelli citati qui hanno tutti discreti risultati anche su hard e qualcuno persino indoor.

Va be, gioco forza devono assolutamente saper giocare su cemento di questi tempi. Un tempo si potevano permettere di giocare quasi solo su terra, ormai il tennis è cambiato

16
Nevskij (Guest) 21-04-2017 10:16

Scritto da iju99
Non avete citato Schwarztman che oggi ha fatto una signora partita, non certo contro un fenomeno, ma pur sempre contro un buon giocatore. Mi impressionò per la prima volta 4 anni fa quando al challenger di Genova lo vidi dal vivo sfidare Paolino lorenzi e rifilargli un 6-1 in 20 minuti scarsi (poi perse in 3 set)

Lo stavo per scrivere, quindi mi limito a sottoscrivere quanto hai detto. Schwartzman, tra l’altro, lo scalpo importante lo ha fatto al turno precedente con Bautista Agut e mi ha impressionato. E tra l’altro, per caratteristiche, è il più terraoiolo di tutti. veramente incredibile che in un anticolo che parla di rivincita di terraioli, non venga citato

15
Ienci 21-04-2017 09:57

Cuevas on fire , che giocatore signori , e ‘ lui l’anti rafa qui

14
tello (Guest) 21-04-2017 07:48

Scritto da jambovillage
la miglior risposta x i fautori del tennis su cemento tutto l’anno.!
la terra battuta con l’era diventano sinonimo di incertezza e spettacolo !
meditate gente… meditate

Sono d’accordo, e invece purtroppo da tempo diversi tornei originariamente in terra battuta sono passati al sintetico

13
Vamositalia (Guest) 21-04-2017 07:21

Scritto da Balthus
Cuevas, dopo Nadal, è probabilmente il migliore specialista della terra rossa al momento in circolazione.

Dimentichi Isner 🙂

12
Balthus 21-04-2017 01:30

Cuevas, dopo Nadal, è probabilmente il migliore specialista della terra rossa al momento in circolazione.

11
Potondavi (Guest) 21-04-2017 00:49

Ho avuto il piacere di vedere Cuevas un paio di volte,veramente un bel giocatore.

10
gisva 20-04-2017 23:56

Un tempo i terraioli erano un’altra cosa. Quelli citati qui hanno tutti discreti risultati anche su hard e qualcuno persino indoor.

9
ph (Guest) 20-04-2017 23:08

domani schawarzi contro nadal fa 5 o 6 game, dai 7 al massimo 😉

8
Numa Leone (Guest) 20-04-2017 23:04

Per me il surplus per Ramos è stato proprio l’essere mancino, non tanto il lavoro fa fondo come indicato nel commento

7
tinapica (Guest) 20-04-2017 22:00

Grazie a chi mi ha risposto per aiutarmi nella ricerca di un sito per vedere gli incontri monegaschi :mrgreen:

Feci in tempo a vedere l’ultimo scampolo dello Zverevicidio attuato da Nadal e poi dovetti andare a lavorare. Spero di vedere il classico Djokovic-Nadal questo sabato: pur non tifando per alcun tra i due di solito i loro incontri non deludono, almeno per intensità. Aspetterei a dare Djokovic per morto: di solito lui finisce i tornei in gran crescendo, se non perde ai primi turni.

6
iju99 (Guest) 20-04-2017 21:48

Non avete citato Schwarztman che oggi ha fatto una signora partita, non certo contro un fenomeno, ma pur sempre contro un buon giocatore. Mi impressionò per la prima volta 4 anni fa quando al challenger di Genova lo vidi dal vivo sfidare Paolino lorenzi e rifilargli un 6-1 in 20 minuti scarsi (poi perse in 3 set)

5
jambovillage (Guest) 20-04-2017 21:30

la miglior risposta x i fautori del tennis su cemento tutto l’anno.!

la terra battuta con l’era diventano sinonimo di incertezza e spettacolo !

meditate gente… meditate

4
Roberto (Guest) 20-04-2017 21:12

@ tennisaddicted (#1819222)

Esattamente..La mia giornata perfetta avrebbe compreso la sconfitta di Djokovic e di Nadal..

3
tennisaddicted (Guest) 20-04-2017 20:42

E per un pelo non ci si metteva anche Carreno Busta…

2
Checco87 (Guest) 20-04-2017 20:34

Peccato non aver messo anche Schwartzman,altro terrsiolo doc che domani si regala Nadal sul Centrale

1